8 testimoni della sparatoria di Las Vegas morti in un mese dopo l'attacco

 

8 testimoni della sparatoria di Las Vegas morti in un mese dopo l'attacco
Di Baxter Dmitry

È passato un mese dalla sparatoria di Las Vegas e ancora non abbiamo risposte su quello che è successo al Mandalay Bay quella notte, o perché otto testimoni oculari sopravvissuti, più un avvocato di alto profilo, sono finiti morti.


La narrazione ufficiale puzza così tanto che i media tradizionali sono stati costretti dai loro spettatori a mettere in discussione l'evento. Un'alleanza di media tradizionali sta facendo causa alle autorità del Nevada per aver coperto la verità su ciò che è accaduto durante la sparatoria di Las Vegas, chiedendo ai funzionari di consegnare i documenti delle forze dell'ordine relativi al massacro che ha lasciato 58 persone morte.


Ma i media tradizionali stanno giocando a rimpiattino. I media alternativi e i giornalisti investigativi indipendenti sono stati responsabili di perseguire la verità su ciò che è accaduto a Las Vegas il primo ottobre, e di far luce sul grande insabbiamento che sta avvenendo sotto i nostri occhi.


Ben otto sopravvissuti, testimoni oculari e un avvocato che rappresenta i protagonisti della sparatoria di Las Vegas sono morti in circostanze sospette. Altri sono scomparsi. Quali sono le probabilità che otto persone, la maggior parte delle quali molto giovani, muoiano in un così breve lasso di tempo? Le probabilità sarebbero astronomiche.


Il fatto è che tutte queste otto persone, ognuna di loro, avevano una cosa in comune, a parte l'essere lì durante la sparatoria, o avere informazioni interne. Avevano tutti informazioni sull'attacco che contraddicono la narrativa ufficiale.


Diamo un'occhiata ad ognuna di queste vittime una per una ed esaminiamo le loro versioni contrastanti di ciò che è successo a Las Vegas il 1° ottobre.


Dennis e Lorraine Carver


I testimoni oculari più recenti a morire sono stati Dennis e Lorraine Carver, una coppia sposata della California. La loro auto ha improvvisamente deviato dalla strada fuori dalla loro casa e si è schiantata contro un cancello, esplodendo in una palla di fuoco all'impatto, uccidendoli entrambi all'istante. Un portavoce dell'autorità locale dei vigili del fuoco ha detto che ci è voluta più di un'ora per spegnere l'incendio.

Dopo essere usciti intatti dalla sparatoria di Las Vegas, hanno poi spiegato come sono stati fortunati ad essere vivi. La signora Carver ha descritto come suo marito l'ha protetta dai "tiratori" facendogli da scudo all'interno di un frigorifero di birra fino a quando non è stato sicuro scappare.

Dopo essere riuscita a scappare, Lorraine ha postato aggiornamenti su Facebook per far sapere ad amici e familiari che stavano bene, dicendo: "Penso che i tiratori se ne siano andati". Oltre a dire che c'erano "tiratori" durante l'attacco, i Carver non erano forse così vocali come altri testimoni, e si potrebbe forse scrivere la loro morte come una bizzarra coincidenza se non fosse per la perdita del telefono del signor Carver.

I sospetti sulla vera natura della loro morte sono stati sollevati quando, una settimana dopo l'incidente fatale, la figlia maggiore della coppia, Brooke Carver, ha ricevuto per posta un oggetto con i ricordi del padre 52enne.

Durante la confusione della sparatoria, aveva perso il suo telefono che era pieno di foto e video della notte dell'attacco. Il suo telefono era finito in qualche modo in possesso dell'FBI, ma un agente di Las Vegas ha promesso di rispedirgli il telefono.

"Quando l'abbiamo acceso, tutte le sue foto e messaggi erano ancora lì", ha detto Brooke.

La domanda è perché l'FBI ha impiegato tre settimane per restituire il telefono?

Come è stato ampiamente riportato, i telefoni e i computer portatili dei testimoni oculari sono stati confiscati e cancellati dall'FBI, quindi perché il telefono del signor Carver è stato restituito apparentemente intatto?

Brooke Carver dice che "tutte le sue foto e messaggi erano ancora lì", ma come potrebbe sapere se qualcosa è stato cancellato?  Non avrebbe potuto vedere cosa c'era sul telefono di suo padre prima che l'FBI lo avesse.

I Carver potrebbero aver catturato qualcosa che non avrebbero dovuto? Forse inconsapevolmente?

Danny Contreras


Nella stessa settimana in cui sono morti i Carver, Danny Contreras, un testimone oculare sopravvissuto alla sparatoria di Las Vegas che ha pubblicamente affermato che c'erano più tiratori coinvolti nell'attacco, è stato trovato morto in una casa vuota di Las Vegas con ferite multiple da arma da fuoco.

Il suo corpo è stato trovato in una casa vuota nella valle nord-orientale dopo che un vicino ha sentito un uomo gemere all'interno dell'edificio e ha chiamato il 911. La polizia dice che Contreras era morto quando sono arrivati al blocco 5800 di East Carey Avenue, vicino a North Nellis Boulevard.

La donna che ha chiamato i servizi di emergenza sulla scena dice di non aver sentito alcun colpo di pistola, ma il medico legale ha confermato che Danny Contreras, 35 anni, è morto per "ferite multiple da arma da fuoco" e ha dichiarato la sua morte un omicidio.

Il signor Contreras ha twittato il giorno dopo gli attacchi dicendo che era "fortunato ad essere vivo" dopo essere stato "inseguito da due uomini armati".

Il suo post sui social media dal suo account Twitter, che da allora è stato sospeso da Twitter, che è stato condiviso più volte diceva: "Mi sento fortunato ad essere vivo. non posso credere di essere uscito vivo da un concerto! 2 uomini mi inseguono con le pistole. non tutti sono così fortunati".


Chad Nishimura


Chad Nishimura, un parcheggiatore del Mandalay Bay, ha parcheggiato l'auto del sospetto killer di Las Vegas e ha rilasciato un'intervista dicendo che Stephen Paddock era un "ragazzo normale" che "non aveva molte borse".

Nishimura ha rilasciato una dichiarazione all'affiliata ABC, KITV4 News, ma l'articolo è stato tranquillamente ritirato dal sito web della rete dopo che ha iniziato ad attirare l'attenzione.

Dopo che il suo account è stato pubblicato, Nishimura è scomparso e tutti i suoi account di social media sono stati cancellati. I suoi amici e colleghi dicono che è "totalmente irraggiungibile".

Il resoconto di Chad Nishimura sembra provare che Paddock non ha portato borse di mitragliatrici pesanti e altre armi mortali fino alla sua stanza. Uno dei più grandi buchi nella storia ufficiale è come Paddock avrebbe potuto contrabbandare tutte quelle armi fino alla sua stanza, evitando di essere scoperto.

Il rapporto di Nishimura su Paddock "ragazzo normale" che arriva all'hotel senza molti bagagli sfata totalmente questa teoria.

Mentre circolano voci non verificate sulla sua morte, l'onestà di Chad Nishimura gli è costata la vita?

Kymberley Suchomel


Kymberley Suchomel ha dichiarato pubblicamente di essere stata testimone di più uomini armati, ed era determinata a dimostrare che la narrativa mainstream è sbagliata. Ha persino annunciato l'intenzione di creare un gruppo di sopravvissuti per far luce sulla verità su ciò che è successo a Las Vegas, e smascherare le bugie.

Secondo Kimberley, la sparatoria di Las Vegas è stata effettuata da più uomini armati che inseguivano le persone tra la folla e sparavano loro. Il suo post su Facebook è diventato rapidamente virale perché ha confermato ciò che molti avevano già sospettato: La narrazione "ufficiale" dei media mainstream che Stephen Paddock era un "lupo solitario" era falsa.

Meno di una settimana dopo aver dato questo resoconto, Kymberley è stata trovata morta nella sua casa di Apple Valley, in California.

Orville Almon


Orville Almon, l'avvocato che rappresentava il festival musicale Route 91 e Jason Aldean, il cantante sul palco quando è iniziata la sparatoria di Las Vegas, è stato trovato morto a casa dopo aver subito un "attacco durante il sonno" - la stessa causa di morte di Kymberley Suchomel.

Almon, un importante avvocato di Nashville, la sua pratica includeva la rinegoziazione di accordi esistenti e nuove questioni tecnologiche, ed era rinomato per la negoziazione con le forze dell'ordine. Tuttavia i suoi recenti post sui social media hanno suggerito che l'esperto avvocato stava sentendo la tensione del suo ultimo caso di alto profilo.

Descrivendo le riunioni con MGM, la polizia di Las Vegas e l'FBI come "incredibilmente strane e complesse" ad uno dei suoi amici in thread privati su Facebook, l'avvocato era al corrente di informazioni interne che l'FBI, annunciando di non tenere più conferenze stampa e che l'indagine è chiusa, ha scelto di nascondere al pubblico.

John Beilman


John Beilman, che era ricercato dagli agenti federali dopo la scoperta di un dispositivo di comunicazione nella stanza d'albergo del tiratore ufficialmente identificato Stephen Paddock, ha ucciso sia se stesso che la figlia disabile in un apparente omicidio-suicidio.

Gli investigatori hanno perquisito la casa di Beilman a Fairport il giorno prima che sparasse alla figlia gravemente disabile e a se stesso, secondo fonti vicine all'indagine.

Gli agenti hanno eseguito un mandato di perquisizione e hanno fatto irruzione nella casa di Williamsburg Drive di Beilman il giorno prima che lui portasse sua figlia, Nicole, nel cortile e le sparasse e poi si sparasse in testa con un fucile da caccia calibro 12.

Queste persone sono state messe a tacere per coprire la verità?


Se questa serie di morti e sparizioni inquietanti siano puramente casuali o se ci sia qualcosa di profondamente sinistro in atto deve ancora essere determinato, ma la risposta delle forze dell'ordine e dei media tradizionali - in particolare il loro rifiuto di affrontare le domande che il pubblico informato vuole risposte - sta portando molti ad arrivare alla stessa conclusione.

Quando si aggiungono i misteriosi andirivieni della guardia di sicurezza "eroe" Jesus Campos, e le incongruenze che circondano la vita e la morte del sospetto tiratore Stephen Paddock, le coincidenze sembrano sempre meno probabili per essere innocenti.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia