Le nazioni più povere del mondo nella trappola del debito COVID-19

Le nazioni più povere del mondo nella trappola del debito COVID-19


WASHINGTON-Il mondo ha evitato una crisi sistemica del debito in mezzo alla pandemia. Tuttavia, i paesi in via di sviluppo più poveri continuano ad affrontare significativi problemi di debito, sollevando preoccupazioni globali per la moltiplicazione delle trappole del debito da parte di creditori come la Cina.


Affrontare il rischio crescente di una crisi sistemica del debito nei paesi in via di sviluppo è uno dei temi chiave della riunione virtuale di primavera di questa settimana del Fondo Monetario Internazionale (FMI) e della Banca Mondiale.


Gli economisti credono che affrontare le vulnerabilità del debito nelle nazioni povere sia fondamentale per prevenire recuperi divergenti in tutto il mondo. Quindi, i funzionari del FMI e della Banca Mondiale chiedono di estendere la riduzione del debito per i paesi più vulnerabili, per aiutarli ad affrontare le sfide causate dalla pandemia.


"I paesi più poveri non hanno una via d'uscita da questi oneri debitori molto pesanti", ha detto il presidente della Banca Mondiale David Malpass durante una conferenza stampa il 7 aprile.


Ha detto che questi paesi affrontano la disuguaglianza in termini di accesso ai mercati del credito e hanno crescenti deficit fiscali che stanno diventando problematici.


Inoltre, Malpass ha fatto riferimento alle controverse pratiche di prestito della Cina senza nominarla e ha detto che i contratti di debito opachi e un rapporto sbilanciato tra creditori e debitori complicano gli sforzi di riduzione del debito.


Parlando ad un seminario intitolato "Averting a COVID-19 Debt Trap", il direttore generale del FMI Kristalina Georgieva ha detto che molti paesi sono entrati nella pandemia con elevati livelli di debito. Durante la pandemia, il crollo delle attività economiche ha poi fatto sì che il debito pubblico raggiungesse il 100% dell'economia globale.


Secondo la Georgieva, "il 56% dei paesi a basso reddito sono ad alto rischio di difficoltà di debito o già in difficoltà di debito".


Molti di questi paesi altamente indebitati "cadono in una trappola del debito", ha detto perché "non possono generare abbastanza crescita per abbassare i livelli di debito e questi livelli di debito li trattengono".


E se i tassi d'interesse aumentano a livello globale, la situazione per questi paesi in termini di debito "sarà incredibilmente difficile", ha aggiunto.


Dall'inizio della pandemia, sia la Banca Mondiale che il FMI hanno sollecitato le 20 economie più ricche del mondo (G20), compresa la Cina, a fornire una sospensione temporanea dei pagamenti del servizio del debito ai paesi più poveri del mondo per evitare una crisi del debito.


Ci sono state richieste per i creditori del settore privato di partecipare anche a questi sforzi di riduzione del debito.


I ministri delle finanze delle nazioni del G20 hanno concordato il 7 aprile di aumentare le riserve del FMI di 650 miliardi di dollari e di estendere ulteriormente il congelamento del servizio del debito dei paesi in via di sviluppo in modo che questi paesi possano reindirizzare i fondi verso vaccini e stimoli. La sospensione del servizio del debito durerà fino alla fine del 2021.


La Cina è il più grande creditore del mondo, rappresentando quasi il 65% del debito bilaterale ufficiale. Le pratiche di prestito della Cina, tuttavia, complicano gli sforzi di soccorso nei paesi che sono in difficoltà finanziaria.

Le nazioni più povere del mondo nella trappola del debito COVID-19


Il programma di prestiti segreti di Pechino

Un nuovo studio condotto da AidData, un laboratorio di ricerca statunitense presso il College of William & Mary, ha dimostrato che i contratti di prestito della Cina con i paesi emergenti "hanno insolite disposizioni di segretezza, requisiti di garanzia e restrizioni di rinegoziazione del debito".


I ricercatori hanno analizzato i termini legali di 100 contratti di prestito cinesi a 24 paesi in via di sviluppo, molti dei quali hanno partecipato alla Belt and Road Initiative (BRI).


AidData ha condotto una revisione approfondita su un periodo di 36 mesi e ha scoperto che i contratti di prestito della Cina contenevano insolite clausole di riservatezza che impedivano alle nazioni mutuatarie di rivelare i termini o a volte anche l'esistenza dei prestiti.


I ricercatori hanno anche scoperto che i contratti contenevano disposizioni che ponevano le banche statali cinesi come creditori senior i cui prestiti dovrebbero essere rimborsati su base prioritaria. Accordi informali di garanzia mettono i creditori cinesi in cima alla linea di rimborso.


Inoltre, ai creditori cinesi è stata data la libertà di cancellare i prestiti o accelerare il rimborso se non sono d'accordo con le politiche di un mutuatario.


Secondo Malpass, queste pratiche insolite di prestito rendono molto difficile la ristrutturazione del debito nei paesi emergenti.


Negli ultimi anni, la Cina ha attirato molti paesi in una trappola del debito attraverso la BRI, che è uno dei programmi di sviluppo più ambiziosi e controversi del mondo. Dal suo lancio nel 2013, il BRI ha versato miliardi di dollari in progetti di infrastrutture in tutta l'Africa, l'America Latina, l'Europa orientale e l'Asia.


Washington ha ripetutamente criticato Pechino per sfruttare la pandemia per espandere ulteriormente la sua influenza geopolitica attraverso pratiche di prestito predatorie. La maggior parte dei progetti della BRI sono finanziati attraverso prestatori cinesi controllati dallo stato con una mancanza di trasparenza, lasciando le nazioni mutuatarie angosciate da enormi oneri di debito. Pechino è anche sotto tiro per l'attuazione di una "diplomazia della trappola del debito" per prendere il controllo degli asset strategici nei paesi emergenti.


La Cina era uno dei firmatari dell'iniziativa di sospensione del servizio del debito concordata dalle nazioni del G-20 l'anno scorso. L'iniziativa prevedeva un congelamento dei rimborsi del debito per le nazioni più povere su richiesta. Tuttavia, la Cina è stata meno cooperativa di quanto gli altri membri del G-20 si aspettassero.


I funzionari dell'amministrazione Trump hanno criticato Pechino per aver trascinato i piedi ponendo condizioni sul perdono e la ristrutturazione del debito.


Gli economisti credono che la vulnerabilità del debito nei paesi poveri sarà un freno alla ripresa globale.


Secondo le ultime proiezioni del FMI, la crescita globale sarà del 6% nel 2021, e del 4,4% l'anno prossimo. La crescita è più forte rispetto al rapporto sulle prospettive economiche di gennaio, grazie al sostegno fiscale aggiuntivo in alcuni paesi sviluppati e all'introduzione di vaccini che sostengono la ripresa economica.


Il FMI, tuttavia, ha avvertito che le economie emergenti sarebbero in ritardo rispetto alle nazioni sviluppate, il che potrebbe perpetuare il crescente divario tra le società dei paesi ricchi e poveri. L'accesso ineguale ai vaccini sarebbe anche un freno alla ripresa delle nazioni povere, il che sottolinea l'urgenza di fornire una riduzione del debito a questi paesi, secondo il FMI.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia