Si crede di aver trovato la tomba di Gilgamesh


Gli archeologi in Iraq credono di aver trovato la tomba perduta del re Gilgamesh - il soggetto del più antico "libro" della storia.


L'epopea di Gilgamesh - scritta da uno studioso mediorientale 2.500 anni prima della nascita di Cristo - commemorava la vita del sovrano della città di Uruk, da cui l'Iraq prende il nome.


Ora, una spedizione guidata da un tedesco ha scoperto quella che si pensa essere l'intera città di Uruk - incluso, dove scorreva l'Eufrate, l'ultimo luogo di riposo del suo famoso re.


"Non voglio dire con certezza che fosse la tomba del re Gilgamesh, ma sembra molto simile a quella descritta nell'epopea", ha detto Jorg Fassbinder, del dipartimento bavarese dei monumenti storici di Monaco, al programma Science in Action del BBC World Service.


Magnetico

Nel libro - in realtà un insieme di tavolette di argilla iscritte - Gilgamesh è stato descritto come sepolto sotto l'Eufrate, in una tomba apparentemente costruita quando le acque del fiume antico si sono separate dopo la sua morte.


"Abbiamo trovato appena fuori dalla città un'area nel mezzo dell'antico fiume Eufrate, i resti di una tale costruzione che potrebbe essere interpretata come una sepoltura", ha detto il signor Fassbinder.


Ha detto che la sorprendente scoperta dell'antica città sotto il deserto iracheno è stata resa possibile dalla tecnologia moderna.


"Grazie alle differenze di magnetizzazione nel suolo, si può guardare nel terreno", ha aggiunto Fassbinder.


"La differenza tra i mattoni di fango e i sedimenti del fiume Eufrate dà una struttura molto dettagliata".


Questo crea un magnetogramma, che viene poi mappato digitalmente, dando effettivamente una pianta di Uruk.


Venezia nel deserto

"La cosa più sorprendente è che abbiamo trovato strutture già descritte da Gilgamesh", ha dichiarato il signor Fassbinder.


"Abbiamo coperto più di 100 ettari. Abbiamo trovato strutture di giardini e di campi come descritto nell'epica, e abbiamo trovato case babilonesi".


Ma ha detto che la scoperta più sorprendente è stata un sistema incredibilmente sofisticato di canali.


"Molto chiaramente, possiamo vedere nei canali alcune strutture che mostrano che le inondazioni hanno distrutto alcune case, il che significa che era un sistema altamente sviluppato.


"[Era] come Venezia nel deserto".


Fonte: news.bbc.co.uk


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia