DALL'ESODO ALLA MERAVIGLIA: L'ISRAELIFICAZIONE DI HOLLYWOOD

 


L'introduzione di un agente del Mossad israeliano come l'ultimo personaggio del film Marvel supera il limite, anche per gli scarsi standard morali di Hollywood. Tuttavia, il supereroe israeliano, Sabra, va inteso all'interno della progressione razionale dell'israelificazione di Hollywood, un fenomeno sorprendentemente nuovo.

Sabra è un personaggio relativamente vecchio, risalente a un fumetto Marvel, l' Incredibile Hulk , nel 1980. Il 10 settembre, tuttavia, è stato annunciato che il personaggio israeliano sarebbe stato incluso in un film Marvel in uscita, Captain America: New World Order '.

Prevedibilmente, molti attivisti filo-palestinesi negli Stati Uniti e in tutto il mondo si arrabbiavano. Una cosa è introdurre un normale personaggio israeliano, con il semplice scopo di normalizzare Israele, uno stato di apartheid impenitente, agli occhi del giovane pubblico impressionabile della Marvel; ma è molto più sinistro normalizzare un'agenzia di intelligence statale, il Mossad, nota per i suoi numerosi sanguinosi omicidi, sabotaggi e torture.

Aggiungendo Sabra al suo cast di supereroi, i Marvel Studios hanno mostrato il loro completo disprezzo per la massiccia campagna di milioni di fan in tutto il mondo che, nel 2017, hanno protestato contro l'inclusione di un ex soldato israeliano, Gal Gadot, come Wonder Woman della Marvel . Gadot è un accanito sostenitore del governo e dell'esercito israeliano.


In risposta alla notizia, molti hanno giustamente evidenziato il pregiudizio intrinseco di Hollywood, a partire dal film degli anni '60, Exodus , di Otto Preminger, con Paul Newman come attore principale, che ha fornito una giustificazione pseudo-storica per la colonizzazione della Palestina da parte dei sionisti. Da allora, Israele è stato elevato, celebrato e incluso in un contesto sempre positivo da Hollywood, mentre musulmani, arabi e palestinesi continuano a essere diffamati .

Sebbene Israele fosse rappresentato in una luce positiva dai registi di Hollywood, gli stessi israeliani erano piuttosto marginali nel processo di creazione dei contenuti. Fino a poco tempo, la costruzione di Israele era per lo più costruita per conto di Israele, non da Israele stesso. "Le cose hanno cominciato a cambiare nel 1997", ha scritto Brian Schaefer in 'Moment Magazine'. Fu allora che la Divisione Entertainment della Federazione di Los Angeles e l'Agenzia Ebraica lanciarono il progetto, la 'Master Class', che, “per quasi 15 anni... ha portato in Israele innumerevoli attori, registi, produttori, agenti, manager e top studio e dirigenti di rete , presentando molti di loro nel Paese per la prima volta e insegnando agli israeliani come presentare i loro progetti”.

L'indottrinamento di attori e registi americani attraverso queste visite e l'introduzione di molti attori e registi israeliani a Hollywood ha dato i suoi frutti, portando a un importante cambiamento di narrativa su Israele. Invece di comunicare semplicemente Israele al pubblico americano e internazionale usando riferimenti a vittimizzazione storica, associazioni positive o persino umorismo, gli israeliani hanno iniziato a portare avanti la loro causa direttamente attraverso Hollywood. E, a differenza della casualità dei messaggi passati – buon Israele, cattivi arabi – i nuovi messaggi sono molto più sofisticati, adattati a idee specifiche e progettati con piena consapevolezza della politica di ogni epoca.

Il film di Steven Spielberg Monaco (2005), è stato distribuito nel contesto culturale dell'invasione americana dell'Iraq come parte della cosiddetta " guerra al terrore " di Washington, in cui i diritti umani sono stati violati su scala globale. Monaco era un resoconto "storico" selettivo delle scelte apparentemente difficili che Israele, in particolare il Mossad, ha dovuto fare per combattere la propria "guerra al terrore". Quella fu l'epoca in cui Tel Aviv sottolineò instancabilmente la sua affinità con Washington, ora che entrambi i paesi sono presumibilmente vittime di "estremisti islamici".

A differenza di Monaco , la popolare serie TV Homeland non era solo un altro argomento filo-israeliano americano che giustifica le guerre e la violenza israeliane. La serie stessa, uno degli spettacoli più razzisti e islamofobici in televisione, è stata interamente modellata sullo spettacolo israeliano HaTufim - "Prisoners of War " o " Abductees ". Lo scrittore e regista dello spettacolo israeliano, Gideon Raff, è stato incluso nella versione americana dello spettacolo, in qualità di produttore esecutivo.

Il cambiamento nella proprietà della narrativa può sembrare superficiale, poiché la propaganda filo-israeliana di Holywood viene sostituita dalla propaganda organica israeliana. Tuttavia, questo non è il caso.


L'agenda filo-israeliana del passato – la romanticizzazione che seguì alla creazione di Israele nel 1948 – non durò a lungo. La sconfitta israeliana degli eserciti arabi nel 1967 – grazie al massiccio sostegno militare statunitense a Tel Aviv – ha sostituito l'immagine del nascente e vulnerabile Israele con quella del coraggioso esercito israeliano, capace di sconfiggere più eserciti contemporaneamente. Fu allora che i soldati israeliani visitarono i college e le scuole statunitensi parlando del loro eroismo sul campo di battaglia. L' invasione israeliana del Libano ei successivi massacri , come quello di Sabra e Shatila, hanno imposto un ripensamento.

Per tutti gli anni '80 e '90, Israele è esistito in gran parte a Hollywood come sollievo comico, da spettacoli come Friends , Frasier e, più recentemente, The Big Bang Theory . I riferimenti a Israele erano spesso seguiti da una risata, un modo intelligente ed efficace per collegare Israele con associazioni positive e felici.

La "guerra al terrore", iniziata nel 2001, insieme alla creazione del progetto "Master Class", ha permesso a Israele di tornare nell'universo di Hollywood, non come riferimento occasionale, ma come punto fermo, con gli spettacoli israeliani o con gli Stati Uniti -Produzioni israeliane, che definiscono un genere completamente nuovo: fare scelte difficili per combattere il terrorismo e infine salvare il mondo.

Lo sfruttamento delle donne israeliane sulle copertine delle riviste, ad esempio Maxim , era un affare losco completamente diverso, che si rivolgeva a un pubblico diverso. Le ragazze dell'esercito israeliano seminude sono riuscite, nella mente di molti, a giustificare la guerra attraverso immagini sessuali. Questo genere è diventato particolarmente popolare in seguito alle sanguinose guerre israeliane a Gaza, che hanno ucciso migliaia di persone.

La crescente influenza di Israele sui film Marvel è una combinazione di tutti questi elementi: la sessualizzazione della donna presumibilmente forte e autorizzata, la normalizzazione di coloro che commettono crimini israeliani - Gadot, il soldato, Sabra, l'agente del Mossad - e il diretto iniezione delle priorità israeliane come parte della realtà americana quotidiana.

Eppure, c'è un rivestimento d'argento. Per decenni, Israele si è nascosto dietro nozioni storiche false e romanzate, presentando le sue argomentazioni agli Stati Uniti e ad altro pubblico occidentale, spesso indirettamente. Le guerre a Gaza, la crescita esponenziale del movimento di boicottaggio palestinese e la proliferazione dei social media hanno, tuttavia, costretto Israele a nascondersi.

La nuova Hollywood Israel è ora un guerriero, spesso costretto a fare scelte morali difficili, ma è, come la sua controparte americana, in definitiva una forza per il bene. Se Israele riuscirà a mantenere questa immagine dipenderà da diversi fattori, inclusa la capacità delle comunità filo-palestinesi di contrastare tale falsità e hasbara.

Il dottor Ramzy Baroud è giornalista, autore e redattore di The Palestine Chronicle. È autore di sei libri. Il suo ultimo libro, curato insieme a Ilan Pappé, è " La nostra visione per la liberazione : i leader palestinesi e gli intellettuali coinvolti parlano". I suoi altri libri includono "My Father was a Freedom Fighter" e "The Last Earth". Baroud è ricercatore senior non residente presso il Center for Islam and Global Affairs (CIGA). Il suo sito web è www.ramzybaroud.net

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Link e materiale non pertinente sarà eliminato.

Nuova Vecchia