Viaggi nel tempo: Dalla mitologia antica alla scienza moderna


I viaggi nel tempo e le macchine del tempo sono stati un argomento di fantascienza e di innumerevoli film per molti decenni. In effetti, sembra che la possibilità di viaggiare nel tempo, sia nel futuro che nel passato, abbia attratto l'immaginazione dell'umanità per secoli. Mentre molti possono pensare che sia assurdo credere che si possa viaggiare indietro o avanti nel tempo, alcuni dei più brillanti scienziati del mondo hanno indagato se un giorno potrebbe diventare realtà.

Illustrazione dal Menologio di Basilio II dei Sette Dormienti, una leggenda medievale su un gruppo di giovani che si nascosero in una grotta per sfuggire alle persecuzioni e riemersero più di 300 anni dopo.


La ricerca sui viaggi nel tempo

Albert Einstein, per esempio, concluse nei suoi ultimi anni che il passato, il presente e il futuro esistono tutti simultaneamente, e molti conoscono il suo ben noto concetto di relatività. Cioè, che il tempo è relativo e non assoluto come sosteneva Newton. Con la tecnologia appropriata, come un'astronave molto veloce, una persona è in grado di sperimentare diversi giorni mentre un'altra persona sperimenta simultaneamente solo poche ore o minuti. Eppure la saggezza delle convinzioni di Einstein ha avuto pochissimo impatto sulla cosmologia o sulla scienza in generale.


La maggior parte dei fisici è stata lenta ad abbandonare i presupposti ordinari che facciamo sul tempo. Tuttavia, se il viaggio nel tempo fosse davvero possibile, si può difficilmente contemplare cosa questo possa significare per l'umanità. Chiunque avesse il potere di muoversi nel tempo, avrebbe il potere di modificare la storia. Anche se questo può sembrare attraente, sarebbe impossibile conoscere le conseguenze di qualsiasi alterazione degli eventi passati, e come questo influenzerebbe il futuro.

Urashima Taro torna dal Palazzo del Re Drago, solo per scoprire che sono passati 300 anni.


I viaggi nel tempo nella mitologia antica

Se guardiamo i testi antichi, possiamo trovare una serie di riferimenti ai viaggi nel tempo. Nella mitologia indù, c'è la storia del re Raivata Kakudmi che viaggia per incontrare il creatore Brahma. Anche se questo viaggio non durò molto, quando Kakudmi tornò sulla Terra, erano passati 108 yuga sulla Terra, e si pensa che ogni yuga rappresenti circa 4 milioni di anni. La spiegazione che Brahma diede a Kakudmi è che il tempo scorre in modo diverso nei diversi piani di esistenza.


Allo stesso modo, abbiamo riferimenti nel Corano sulla grotta di Al-Kahf. La storia si riferisce a un gruppo di giovani cristiani che nel 250 d.C. cercarono di sfuggire alle persecuzioni e si ritirarono, sotto la guida di Dio, in una grotta dove Dio li mise a dormire. Si svegliarono 309 anni dopo. Questa storia coincide con la storia cristiana dei sette dormienti, con alcune differenze.


Un'altra storia proviene dalla leggenda giapponese di Urashima Taro, un individuo che si dice abbia visitato il palazzo sottomarino del Dio Drago Ryujin. Vi rimase per tre giorni, ma quando tornò in superficie, erano passati 300 anni. Nel testo buddista, il Canone Pali, è scritto che nel cielo dei trenta Devas (il luogo degli Dei), il tempo passa ad un ritmo diverso dove cento anni terrestri contano come un solo giorno per loro. Ci sono molti altri riferimenti ai viaggi nel tempo nella mitologia antica.


Ricerca scientifica sui viaggi nel tempo

Probabilmente la storia più nota di viaggi nel tempo accidentali è l'esperimento di Filadelfia che si presume abbia avuto luogo nel 1943 con lo scopo di occultare una nave e renderla invisibile ai radar nemici. Tuttavia, si disse che l'esperimento andò terribilmente male - la nave non solo scomparve completamente da Filadelfia ma fu teletrasportata a Norfolk e tornò indietro nel tempo per 10 secondi.


Quando la nave apparve di nuovo, alcuni membri dell'equipaggio erano fisicamente fusi alle paratie, altri svilupparono disturbi mentali, alcuni scomparvero completamente, e alcuni riferirono di aver viaggiato nel futuro e indietro. Presumibilmente, Nikola Tesla, che all'epoca era il direttore dell'ingegneria e della ricerca alla Radio Company of America, fu coinvolto nell'esperimento facendo tutti i calcoli e i disegni necessari e fornendo anche i generatori.


Nel 1960, abbiamo un altro interessante rapporto di caso dello scienziato Pellegrino Ernetti, che sosteneva di aver sviluppato il Cronovisore, una macchina che avrebbe permesso a qualcuno di vedere nel passato. La sua teoria era che tutto ciò che accade lascia un segno energetico che non può mai essere distrutto (qualcosa come i mistici Akashic Records). Ernetti avrebbe sviluppato questa macchina che potrebbe rilevare, ingrandire e convertire questa energia in un'immagine - qualcosa come una TV che mostra ciò che è accaduto nel passato.


Esperimenti controversi relativi ai viaggi nel tempo

Nel 1980, ci sono rapporti di un altro esperimento controverso di viaggio nel tempo, il progetto Montauk, che ancora una volta presumibilmente sperimentato con viaggi nel tempo tra le altre cose. Se gli esperimenti di Filadelfia e Montauk abbiano effettivamente avuto luogo è ancora oggetto di dibattito. Tuttavia, è di buon senso supporre che i militari sarebbero sicuramente interessati alla possibilità di viaggi nel tempo e si impegnerebbero in una vasta ricerca sull'argomento.


Nel 2004, Marlin Pohlman, uno scienziato, ingegnere e membro del Mensa con una laurea, un MBA e un dottorato di ricerca, ha richiesto un brevetto per un metodo di distorsione della gravità e spostamento temporale. Nel 2013 Wasfi Alshdaifat ha depositato un altro brevetto per una macchina per la compressione dello spazio e la dilatazione del tempo che potrebbe essere utilizzata per i viaggi nel tempo.


Secondo PHYS.ORG, il fisico professor Ronald Lawrence Mallett dell'Università del Connecticut stava lavorando nel 2006 sul concetto di viaggio nel tempo, basato sulla teoria della relatività di Einstein. All'epoca, Mallett era assolutamente convinto che viaggiare nel tempo fosse possibile. Ha predetto che i viaggi nel tempo umani saranno possibili nel nostro secolo. Il fisico delle particelle Brian Cox, citato in un articolo del 2013 pubblicato su HuffPost, ha convenuto che il viaggio nel tempo è possibile, ma solo in una direzione.


Abbiamo anche la misteriosa storia di Ali Razeqi, amministratore delegato del Centro iraniano per le invenzioni strategiche, che secondo il Daily Mail avrebbe affermato di aver sviluppato un dispositivo in grado di vedere da 3 a 5 anni nel futuro. La sua storia iniziale è scomparsa da internet poche ore dopo la sua pubblicazione.


In teoria, il viaggio nel tempo è possibile, anche se è difficile da comprendere. La ricerca citata sopra ci ha portato più vicino a rendere i viaggi nel tempo una realtà? Se sì, possiamo solo sperare che la tecnologia non finisca nelle mani sbagliate.


Originariamente pubblicato su Ancient Origins.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia