Antichi scienziati dei monti Altai usavano reazioni chimiche per creare pigmenti

Incredibili opere d'arte sono state trovate sui muri di una tomba di pietra in Siberia
Incredibili opere d'arte sono state trovate sui muri di una tomba di pietra in Siberia
Gli scienziati hanno sbloccato intriganti segreti di 5.000 anni di illustratori preistorici dietro le meravigliose opere d'arte di Karakol. Questi magnifici dipinti trovati nei Monti Altai mostrano figure antiche con corna tondeggianti e piume in testa.

Alcuni sono stati chiamati corpi celesti e ci sono rappresentazioni abili di animali e uccelli.

I reperti provengono da un'antica sepoltura in precedenza non toccata nel villaggio di Karakol nella Repubblica dell'Altaj.

Sono stati scoperti nel 1985 ma ora stanno dando nuovi e inaspettati segreti.

Le vivide decorazioni sono state trovate sulle lastre di pietra utilizzate come pareti delle sepolture.

Gli scienziati sono rimasti sbalorditi dal fatto che i disegni sono stati realizzati in tre colori, bianco, rosso e nero, il primo caso di pitture rupestri policrome mai trovato in Siberia.

Questi magnifici dipinti sono stati trovati nei Monti Altai.

Questi magnifici dipinti sono stati trovati nei Monti Altai.
Questi magnifici dipinti sono stati trovati nei Monti Altai.

Decorazioni della tomba nel tempo

Anche i resti di persone sepolte all'interno delle tombe di pietra sono stati dipinti con gli stessi colori, con macchie di ocra rossa che si trovano sotto le orbite e tracce di un minerale nero e argentato chiamato Specularite prominente nella zona delle sopracciglia.

Ma poi arrivano gli aspetti davvero affascinanti di questi dipinti antichi.

Le immagini colorate su queste pietre sono state realizzate in tempi diversi e utilizzando una tecnica elaborata basata sulla scienza.

Le prime erano immagini incise di alci, capre di montagna e gente in corsa con le corna tonde sulla testa.

Poi lastre di roccia con i petroglifi furono staccate dalla montagna, prese nella tomba e rovesciate per decorare le sue viscere.

Successivamente e leggermente sopra i petroglifi furono fatti disegni di undici figure umane.

Per completarli, gli artisti preistorici hanno dovuto fare molto di più che semplicemente mescolare le tecniche di incisione e disegno con pitture minerali.

Forse queste figure rappresentano una narrazione di un rituale funebre, in attesa di un ricercatore che può leggerlo e comprenderlo.
Forse queste figure rappresentano una narrazione di un rituale funebre, in attesa di un ricercatore che può leggerlo e comprenderlo.
Forse queste figure rappresentano una narrazione di un rituale funebre, in attesa di un ricercatore che può leggerlo e comprenderlo.

Pittori di 5.000 anni hanno fatto reazioni chimiche

Ora è chiaro che circa 5.000 anni fa i pittori delle tombe sapevano come portare una reazione chimica di base al fine di creare non solo un colore rosso ma il tono preciso che desideravano.

Un gruppo di scienziati dell'Istituto Kurchatov di Mosca, il principale centro di ricerca e sviluppo della Russia per l'energia nucleare, collaborando con il Paleo-Art Center dell'Istituto di Archeologia, ha dimostrato che le parti rosse dei disegni delle tombe erano fatte di ocra modificata termicamente.

Le sezioni bianche delle opere sono state realizzate con raschiatura che ha rivelato cristalli di roccia riflettenti la luce.

Per il colore nero, gli artisti preistorici di Karakol usavano la fuliggine.



Scoprire il significato

Il significato del disegno della tomba non è ancora stato decifrato e il rito funebre degli antichi abitanti di Altai rimane sconosciuto.

Le undici figure umane formano un'unica composizione, rifinita con una linea rossa continua disegnata sopra le immagini.

Forse queste figure rappresentano una narrazione di un rituale funebre, in attesa di un ricercatore che può leggerlo e comprenderlo.

Ma le tecniche scientifiche alla base dell'opera d'arte, e in particolare il complesso processo utilizzato per rendere i pigmenti di rosso visti nei dipinti e sui teschi nella tomba, sono ora chiari.

Ora è chiaro che circa 5.000 anni fa i pittori delle tombe sapevano come portare una reazione chimica di base al fine di creare non solo un colore rosso ma il tono preciso che desideravano.
Ora è chiaro che circa 5.000 anni fa i pittori delle tombe sapevano come portare una reazione chimica di base al fine di creare non solo un colore rosso ma il tono preciso che desideravano.

Scienziati antichi

Roman Senin, capo del dipartimento di ricerca sul sincrotrone dell'Istituto Kurchatov, ha dichiarato: "Abbiamo determinato la composizione graduale dei pigmenti, cioè la struttura del reticolo cristallino dei singoli grani del colorante.

"Alcune strutture non sono tipiche dei campioni naturali, ma sono il prodotto del trattamento termico.

'In poche parole, l'artista primitivo riscaldato il minerale ad una certa temperatura al fine di ottenere il colore di cui aveva bisogno.'

I risultati completi del nuovo studio saranno presentati al 43 ° Simposio internazionale sull'archeometria nel maggio 2020 a Lisbona.

Alexander Pakhunov, uno degli autori dello studio, dell'Istituto di Archeologia dell'Accademia Russa delle Scienze, ha dichiarato: "I risultati dell'analisi della composizione delle vernici utilizzate nel rito funebre di Karakol testimoniano la capacità dell'antico abitanti di Altai per distinguere i pigmenti per colore e proprietà. '

Gli scienziati credono che i diversi toni portassero significati separati, ancora da capire.

Le opere d'arte karakol risalgono all'età del Bronzo antica e media.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia