Le mura del Benin: Quattro volte più lunghe della Grande Muraglia cinese!

 

Le mura del Benin: Quattro volte più lunghe della Grande Muraglia cinese!

Il Regno di Benin fu un importante regno africano che fiorì tra il XIII e il XIX secolo d.C. Benin era situato nella parte sud-occidentale dell'odierna Nigeria, con Benin City come capitale. Benin City è forse più conosciuta per un gruppo di manufatti noti collettivamente come i Bronzi di Benin. Questi oggetti furono saccheggiati dalle forze britanniche durante la loro spedizione contro il Benin nel 1897. Mentre un gran numero di questi manufatti finì nel British Museum, altri furono dispersi tra i musei dell'Occidente. Una realizzazione meno conosciuta del Regno di Benin sono le cosiddette Mura di Benin, che circondavano Benin City. Le Mura di Benin furono danneggiate dagli inglesi durante la loro spedizione e si deteriorarono ulteriormente nei decenni successivi. Parti delle mura sono ancora visibili oggi, anche se sono ancora sotto la minaccia della distruzione.

Un primo piano di uno dei tanti Bronzi di Benin che parlano del leggendario Regno di Benin e delle sue famose Mura di Benin.

Dall'Impero del Benin alle Mura del Benin

Il Regno di Benin è conosciuto anche come Impero di Benin o Regno di Edo. Secondo una tradizione orale, il popolo Edo, il gruppo etnico originario del Regno di Benin, era una volta governato da una linea di re semi-mitici conosciuti come Ogisos (che significa "Re del cielo"). Ci furono circa 36 Ogisos che governarono il popolo Edo. Durante il regno dell'ultimo Ogiso, suo figlio ed erede, Ekaladerhan, fu bandito, come punizione per un reato commesso da una delle regine. La regina aveva cambiato il messaggio dell'oracolo all'Ogiso.


Dopo la sua cacciata, il principe si recò nella terra degli Yoruba, un altro gruppo etnico nella parte occidentale dell'odierna Nigeria. L'oracolo degli Yoruba profetizzò che un re sarebbe uscito dalla foresta. Pertanto, quando Ekaladerhan arrivò alla città Yoruba di Ife, fu accolto e nominato re. Ekaladerhan cambiò il suo nome in Imadoduwa, che significa "Non ho smarrito la mia regalità".


Dopo qualche tempo, il padre di Imadoduwa morì, e il trono di Benin rimase vacante. Una delegazione di capi Edo venne a Ife per chiedere a Imadoduwa di tornare nelle loro terre e prendere il posto di suo padre come Ogiso. Mentre era stato un principe, Imadoduwa era ben amato dal popolo Edo.


Imadoduwa, tuttavia, non avrebbe abbandonato i suoi nuovi sudditi. Al contrario, disse alla delegazione di Edo che aveva sette figli e che era disposto a mandare uno di loro a regnare come re. Il principe scelto per tornare con la delegazione fu Oranmiyan, che passò gli anni successivi a vivere tra gli Edo. Quando la moglie di Oranmiyan diede alla luce un figlio, Eweka, Oranmiyan tornò a Ife. Eweka divenne il primo oba (approssimativamente equivalente al re) di Benin.


Secondo un'altra versione della tradizione orale, il popolo di Edo era diventato insoddisfatto del dominio degli Ogisos durante il XIII secolo. Pertanto, invitarono Oranmiyan da Ife a regnare su di loro. In questa versione della storia, Oranmiyan non è legato agli Ogisos di Benin. Questa versione della storia vede anche il figlio di Oranmiyan, Eweka, diventare il primo oba del Benin.


Benin City viene ricostruita e iniziano le Mura di Benin

Alla fine del XIII secolo, il potere reale era saldamente stabilito nel Regno di Benin. Questo contribuì all'ascesa del regno come potenza regionale nel XV secolo. Oba Ewuare, che regnò tra il 1440 e il 1480, fu probabilmente il sovrano più famoso del Regno di Benin. Si dice che Ewuare fosse un potente guerriero e mago. Durante il suo regno fu stabilita la successione ereditaria al trono.


Inoltre, Ewuare condusse numerose campagne militari che servirono ad allargare il suo regno. Alla sua massima estensione, il Regno del Benin si estendeva da Onitsha (nell'attuale Nigeria) a est, attraverso la regione forestale della Nigeria sud-occidentale, e nell'odierno Ghana a ovest.


A Ewuare si attribuisce anche la ricostruzione di Benin City, conosciuta anche come Edo. Secondo la tradizione, Benin City fu fondata nel 1180, ed era conosciuta originariamente come Ibinu. Benin City è situata in una pianura su un ramo del fiume Benin e servì come capitale del Regno di Benin. Si crede che le Mura di Benin siano state costruite durante il regno di Ewuare.


Queste mura consistono di due parti, un fossato e un bastione. Un fossato fu scavato per formare il fossato interno, e la terra scavata fu usata per formare il bastione esterno. Le mura di Benin hanno senza dubbio contribuito alla difesa della città. Inoltre, le mura possono essere viste simbolicamente come una rappresentazione del potere del regno.  


Secondo l'edizione del 1974 del Guinness dei primati, le mura di Benin erano "le più grandi opere di terra del mondo realizzate prima dell'era meccanica". Altrove, si afferma che erano "quattro volte più lunghe della Grande Muraglia Cinese e consumavano cento volte più materiale della Grande Piramide di Cheope". Inoltre, si afferma che le mura "si estendevano per circa 16.000 km [9.942 miglia] in tutto, in un mosaico di più di 500 confini di insediamento interconnessi", e che coprivano un'area di 6.500 chilometri quadrati (2.510 miglia quadrate). Si pensa che questo grande progetto sia stato realizzato completamente dal popolo Edo, e che abbia richiesto un totale stimato di 150 milioni di ore per essere completato.

Prima delle mura di terra e di pietra di Benin, la città antica era ancora murata con legno e spazzole.

Il commercio inizia con il Portogallo e iniziano le storie del Benin

Anche se le Mura del Benin sono certamente delle realizzazioni monumentali, si può dire molto di più anche sulla natura urbana di Benin City. Intorno al 1485, poco dopo la fine del regno di Ewuare, il Regno del Benin ebbe il suo primo contatto con l'Europa. Furono i portoghesi, che navigavano lungo le coste dell'Africa, a incontrare per la prima volta il Regno di Benin. Di conseguenza, si sviluppò il commercio tra i portoghesi e il popolo Edo. In cambio di beni tropicali e schiavi, i portoghesi fornirono ai loro omologhi africani prodotti europei e armi.


È anche da questi esploratori e mercanti portoghesi che le descrizioni di Benin City furono riportate in Europa. Per esempio, i portoghesi furono sorpresi di trovare un grande regno nel mezzo della giungla africana e chiamarono la capitale del regno la Grande Città di Benin. Inoltre, i portoghesi consideravano Benin City come una delle città meglio pianificate e più belle del mondo.


Per mettere questo in prospettiva, a quel tempo, i portoghesi, e altri europei, per estensione, consideravano pochi insediamenti in Africa come città. Una descrizione più dettagliata della città è fornita da un capitano portoghese di nome Lourenco Pinto nel 1691, ed è la seguente:


"Il Grande Benin, dove risiede il re, è più grande di Lisbona; tutte le strade corrono dritte e a perdita d'occhio. Le case sono grandi, specialmente quella del re, che è riccamente decorata e ha belle colonne. La città è ricca e industriosa. È così ben governata che i furti sono sconosciuti e la gente vive in tale sicurezza che non hanno porte alle loro case".


Un altro resoconto del XVII secolo, questa volta di un visitatore olandese di nome Olfert Dapper, descrive così le case di Benin City:


"Le case sono costruite lungo le strade in buon ordine, l'una vicina all'altra,... Adornate con timpani e gradini... sono di solito larghe con lunghe gallerie all'interno, specialmente nel caso delle case dei nobili, e divise in molte stanze che sono separate da muri di argilla rossa, molto ben eretti".


Dapper continua notando che i ricchi abitanti della città mantenevano questi muri "tanto lucidi e lisci con il lavaggio e lo sfregamento quanto qualsiasi muro in Olanda può essere fatto con il gesso, e sono come specchi. I piani superiori sono fatti dello stesso tipo di argilla. Inoltre, ogni casa è dotata di un pozzo per la fornitura di acqua fresca".


Oltre a questi resoconti dei primi viaggiatori europei, la pianificazione e la progettazione di Benin City è stata anche oggetto di indagine da parte degli studiosi moderni. È stato sostenuto da Ron Eglash, un etnomatematico, che Benin City fu pianificata secondo un disegno frattale. Ciò significa che la pianificazione della città comportava "attente regole di simmetria, proporzionalità e ripetizione". Eglash ha sottolineato che "la città e i suoi villaggi circostanti sono stati appositamente disposti per formare frattali perfetti, con forme simili ripetute nelle stanze di ogni casa, e la casa stessa, e i gruppi di case nel villaggio in modelli matematicamente prevedibili".


Al centro di Benin City c'era la corte del re oba, da cui si irradiavano le strade principali della città. C'erano 30 di queste strade, ognuna larga circa 37 metri (120 piedi). Le strade correvano ad angolo retto l'una con l'altra ed erano dotate di un sistema di drenaggio sotterraneo che serviva a canalizzare l'acqua piovana lontano dalla città. Molte strade laterali si estendevano da queste 30 strade principali.


Benin City era divisa in 11 divisioni. Poiché la città era stata pianificata secondo un disegno frattale, ognuna di queste divisioni era una piccola replica della corte dell'oba al centro di Benin City. Queste divisioni erano composte da diversi complessi contenenti case, laboratori ed edifici pubblici. Infatti, durante il suo periodo di massimo splendore, Benin City era un centro urbano altamente sofisticato.

Una delle prime fotografie del muro di terra del Benin nell'attuale Nigeria.

La tratta degli schiavi ha reso il Benin molto ricco!

Il Regno del Benin continuò a prosperare nei secoli successivi al suo primo contatto con gli europei. In particolare, il commercio di schiavi con l'Europa durante i secoli XVI e XVII portò immense ricchezze al regno. Durante il XIX secolo, tuttavia, il Regno del Benin cominciò a declinare. Le fortune del regno ripresero nel secolo successivo. Oltre agli schiavi, l'olio di palma e i tessuti divennero i principali prodotti commerciali del regno.


Durante gli anni 1880 e 1890, gli inglesi cercarono di trasformare il Regno del Benin in un protettorato. Tuttavia non ebbero successo, poiché il regno riuscì a resistere a questi tentativi, mantenendo così la sua indipendenza.

Nel gennaio 1897, una forza britannica subì un'imboscata mentre era sulla strada per Benin City, causando la morte di otto britannici. Di conseguenza, gli inglesi inviarono una spedizione punitiva nel mese successivo. La spedizione fu guidata da Sir Harry Rawson e coinvolse 1.200 soldati britannici, diverse centinaia di truppe africane reclutate localmente e migliaia di portatori africani dalla base militare britannica in Sierra Leone.

Un attacco su tre fronti fu lanciato da Rawson a Benin City. Su ogni fronte, la gente della città ha offerto una feroce resistenza. Ma gli inglesi persistettero e Benin City cadde il 18 febbraio 1897. Avendo catturato Benin City, gli inglesi iniziarono a saccheggiare e a dare fuoco alla città. Questo portò alla distruzione di gran parte della città. Particolarmente deplorevole è la distruzione del bellissimo legno intagliato della città. Un gruppo di manufatti conosciuti come i Bronzi di Benin, tuttavia, furono sequestrati dagli inglesi, e quindi fu risparmiato da questa distruzione.

Nonostante il nome, non tutti i Bronzi del Benin sono fatti di bronzo. Alcuni di essi, per esempio, sono fatti di ottone, mentre altri non sono affatto in metallo. I Bronzi del Benin sono migliaia (si stima che siano più di 3000), anche se il totale esatto è sconosciuto. Questo gruppo di manufatti comprende placche, statuette e sculture degli obas. Dopo la spedizione punitiva di Rawson, 900 dei Bronzi del Benin hanno trovato la loro strada nel British Museum. Altri furono venduti a diversi musei europei, presumibilmente per coprire le spese della spedizione.
Un'esposizione di bronzi del Benin al British Museum.

Dalle Mura del Benin ai Bronzi del Benin

I Bronzi del Benin sono diventati un argomento caldo negli ultimi tempi, a causa delle crescenti richieste di rimpatrio. Il British Museum, che ospita la più grande collezione di Bronzi del Benin, tuttavia, sta ancora resistendo a queste richieste di rimpatrio. Tuttavia, alcuni dei manufatti sono stati restituiti.

Tutti i Bronzi del Benin restituiti saranno ospitati nell'Edo Museum of West African Art della Nigeria. Questo museo proposto sarà progettato da David Adjaye, un famoso architetto britannico-ghanese, e la sua costruzione è stimata in cinque anni.

Mentre i Bronzi di Benin hanno attirato molta attenzione, altri aspetti di Benin City non hanno avuto così tanta copertura. Questo si nota, per esempio, nelle Mura di Benin City. Anche se le mura sono state danneggiate dagli inglesi, non sono state completamente distrutte.

Anche se le influenze della modernizzazione hanno fatto scomparire porzioni delle mura nel tempo, alcuni tratti significativi sono rimasti. Le Mura del Benin sono protette dalla legge dal 1961. Tuttavia, un piano di gestione e una campagna di sensibilizzazione pubblica sono stati messi in atto solo nel 2002, dopo che le mura sono state incluse nel World Monuments Watch. Secondo il World Monuments Fund, "un lavoro di conservazione d'emergenza è ancora disperatamente necessario".

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia