Meccanismo di Antikythera: antico computer astronomico?

Il meccanismo di Antikythera.
Il meccanismo di Antikythera.
Per oltre 2000 anni un naufragio si è staccato dalla costa dell'isola greca di Antikythera, i suoi tesori nascosti sono stati lentamente corrosi dal Mediterraneo. Fu solo nel 1900 che i tuffatori di spugne si imbatterono nel bottino e vi trovarono un congegno perplesso di notevole ingegneria - sebbene i sommozzatori non avessero idea di quanto fosse veramente notevole all'epoca. Il dispositivo è stato ospitato in un museo per cinquant'anni prima che gli storici iniziassero a prenderlo in seria considerazione.

Noto come il meccanismo di Antikythera e chiamato "computer con meccanismo a orologeria", questo piccolo strumento di bronzo è unico perché precede qualsiasi macchina di complessità comparabile di oltre un millennio.

Il meccanismo fu costruito intorno al 200 aC e, con oltre trenta ingranaggi nascosti dietro i quadranti, è facilmente il manufatto tecnologico più avanzato del periodo pre-cristiano. Considerato il primo computer analogico conosciuto, il meccanismo può effettuare calcoli precisi basati su principi astronomici e matematici sviluppati dagli antichi greci. Sebbene l'identità del suo costruttore e ciò che stava facendo a bordo di una nave restasse un mistero, gli scienziati hanno lavorato per un secolo per ricostruire la storia del meccanismo.
Radiografia del meccanismo di Antikythera che rivela gli ingranaggi interni.
Radiografia del meccanismo di Antikythera che rivela gli ingranaggi interni.

Sorprendentemente, molti ritengono improbabile che il meccanismo di Antikythera fosse uno strumento di navigazione. Il duro ambiente in mare avrebbe rappresentato un pericolo per i delicati ingranaggi dello strumento e funzionalità come le previsioni di eclissi non sono necessarie per la navigazione. Le piccole dimensioni del meccanismo, tuttavia, suggeriscono che è stato progettato pensando alla portabilità. Secondo alcuni ricercatori, una storia più plausibile è che il meccanismo è stato usato per insegnare l'astronomia a coloro che hanno poca conoscenza della materia.

Per usare lo strumento, devi semplicemente inserire una data usando una manovella e, quando gli ingranaggi smettono di ruotare, una grande quantità di informazioni appare a portata di mano: le posizioni del Sole, della Luna, dei pianeti e delle stelle, la fase lunare, la le date delle imminenti eclissi solari, la velocità della Luna attraverso il cielo e persino le date dei giochi olimpici. Forse la cosa più impressionante è che il quadrante del calendario del meccanismo potrebbe compensare il quarto di secondo in più nell'anno astronomico, riportando indietro la scala un giorno ogni quattro anni. Il calendario giuliano, che fu il primo nella regione a includere gli anni bisestili, non fu introdotto fino a decenni dopo la costruzione dello strumento.

I frammenti rimanenti del meccanismo di Antikythera.
I frammenti rimanenti del meccanismo di Antikythera.
Mentre il meccanismo di Antikythera è l'unico artefatto conosciuto nel suo genere, la sua ingegneria precisa e il fatto che strumenti simili siano stati descritti nella scrittura contemporanea danno un forte sostegno alla nozione che non era unico. Si pensa che il famoso inventore Archimede di Siracusa abbia costruito dispositivi paragonabili. Alcuni credono che lo strumento provenisse dalla scuola dell'astronomo Ipparco. Chiunque fosse il costruttore, erano probabilmente greco, come dimostrano le istruzioni scritte che sono attaccate al volto dello strumento.

Oggi, il meccanismo di Antikythera è ospitato nella collezione Bronze del Museo Archeologico Nazionale di Atene. Una replica del meccanismo è anche in mostra presso l'American Computer Museum di Bozeman, nel Montana. Quando Jacques-Yves Cousteau fece la sua ultima visita al naufragio nel 1978, non trovò altri pezzi. Tuttavia, il dispositivo continua a rivelare i suoi segreti ai ricercatori del Progetto di ricerca sul meccanismo di Antikythera, uno sforzo internazionale sostenuto da varie università e aziende tecnologiche.


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia