Filippine - Il campione di boxe e senatore Manny Pacquiao esorta la Cina a fermare l'invasione

Filippine - Il campione di boxe e senatore Manny Pacquiao esorta la Cina a fermare l'invasione delle


Il senatore filippino Manny Pacquiao giovedì ha esortato la Cina a fermare la sua "occupazione strisciante" del Juan Felipe Reef delle Filippine nel Mar Cinese Meridionale e a richiamare una flotta di pescherecci cinesi ormeggiati vicino alla struttura dall'inizio di marzo.


"I suoi pescherecci della milizia [della Cina] che hanno invaso le aree circostanti la [barriera di Juan Felipe]. ... Come amico e vicino, mi appello alla leadership cinese per fermare questa occupazione strisciante e usare la vostra autorità per disperdere questi pescatori cinesi", ha detto il senatore in una dichiarazione rilasciata l'8 aprile.


Pacquiao ha detto di aver appoggiato l'appello formale del segretario alla difesa filippino Delfin Lorenzana a Pechino il 21 marzo per disperdere le sue navi dalla barriera di Juan Felipe.


"Chiediamo ai cinesi di fermare questa incursione e richiamare immediatamente queste barche che violano i nostri diritti marittimi e sconfinano nel nostro territorio sovrano", ha detto Lorenzana in una dichiarazione.


L'esercito filippino ritiene che la flotta di 220 pescherecci ancorata a Juan Felipe Reef, almeno dal 7 marzo, sia gestita da membri della milizia marittima cinese. Juan Felipe Reef si trova all'interno dei confini della Zona Economica Esclusiva (ZEE) delle Filippine, che garantisce a Manila l'unico diritto di pesca e di raccolta delle risorse naturali nella regione. Pechino rivendica illegalmente Juan Felipe Reef, come fa per quasi il 90% del contestato Mar Cinese Meridionale.


Il senatore Pacquiao ha detto l'8 aprile che la Cina e le Filippine "devono stare insieme" per trovare una risoluzione pacifica alla disputa del Mar Cinese Meridionale, che è una questione "che riguarda tutta l'Asia".


"Questa questione sulle rivendicazioni territoriali ... riguarda praticamente tutte le nazioni del nostro continente. La Cina può e si eleverà come forza unificatrice dell'Asia se comincerà a rispettare le leggi internazionali esistenti, compresa la UNCLOS", ha detto Pacquiao, riferendosi alla Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare.


Le rivendicazioni della Cina su quasi tutto il Mar Cinese Meridionale sono state dichiarate illegali da un tribunale arbitrale indipendente istituito sotto l'UNCLOS nel 2016. Pechino ha respinto la sentenza nel caso, intentato dalle Filippine, e da allora ha continuato a portare avanti la sua occupazione belligerante del territorio di altre nazioni nel corso d'acqua conteso.


"Invece di espandersi e occupare territori contesi, la Cina dovrebbe continuare a costruire la sua buona volontà e l'amicizia verso le nazioni vicine, in modo che tutta la nostra regione possa guardarla come una delle rispettabili potenze globali del mondo", ha detto giovedì il senatore Pacquiao.


Se la Cina ritirasse le sue navi da Juan Felipe Reef, l'azione "mostrerebbe un gesto di comprensione reciproca e vera amicizia", ha aggiunto il senatore.


Manila ha ripetutamente sollecitato Pechino a richiamare i suoi pescherecci da Juan Felipe Reef da quando la Guardia Costiera filippina ha individuato la flotta "ormeggiata in formazione" vicino alla struttura il 7 marzo. La Cina ha rifiutato di spostare le navi, costringendo l'esercito filippino a ordinare "pattuglie di sovranità marittima" regionali vicino a Juan Felipe Reef nelle ultime settimane. Le misure di sicurezza difensive includono sorvoli quotidiani da parte di jet da combattimento filippini.



Le recenti pattuglie aeree hanno individuato nuove strutture cinesi costruite "illegalmente" sulle Pagkakaisa Banks and Reefs delle Filippine, situate a breve distanza a sud-ovest di Juan Felipe Reef, il 1° aprile.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia