Preparazioni alla guerra globale

 

Preparazioni alla guerra globale

La guerra tra Russia e Ucraina sembra imminente.  Israele e Iran sono impegnati in alterchi marittimi tit for tat.  E la Cina sta aumentando le incursioni provocatorie negli spazi aerei e nelle acque di Taiwan, Giappone e Filippine.


Ognuno di questi conflitti regionali è abbastanza incendiario da accendere la terza guerra mondiale (o, più precisamente, ognuno di essi è in grado di trasformare la fredda guerra ibrida di cyberhack, furti di tecnologia, manipolazione dei mercati finanziari, e forse anche attacchi biologici che è in corso da molti anni in un totale e inesorabile spargimento di sangue globale), eppure i mercati commerciali e i media ignorano ampiamente ciò che si sta svolgendo.


È come se la crisi dei missili di Cuba, la guerra di Kargil del 1999 tra India e Pakistan dotati di armi nucleari, e l'invasione sovietica e nazista della Polonia stessero accadendo contemporaneamente, e il mondo avesse deciso che era troppo occupato a imporre l'obbligo della maschera facciale ai fedeli e a seguire le turbolenze di Khloe Kardashian per preoccuparsi.


The Guns of August di Barbara Tuchman dipinge un quadro vivido delle élite europee così mentalmente imprigionate dai costumi e dall'etichetta culturale del XIX secolo da non riuscire a cogliere la realtà della scacchiera geopolitica davanti a loro o la probabilità della monumentale carneficina della prima guerra mondiale.  Qualcosa che ricorda in modo inquietante quegli errori di calcolo sta accadendo oggi.


Nei trent'anni dalla caduta dell'Unione Sovietica, gli Stati Uniti hanno sprecato molto del loro tempo come unica superpotenza mondiale.  Invece di chiudere la missione della NATO in un mondo post-sovietico, l'Occidente ha reindirizzato e rivitalizzato l'alleanza dopo l'11 settembre in un impegno militare globale contro "l'estremismo", con gli Stati Uniti che fortificavano il loro ruolo di poliziotto del mondo.  E invece di usare la fine della Guerra Fredda per bilanciare i bilanci e sistemare l'instabile situazione finanziaria dell'America, gli Stati Uniti si sono caricati aggressivamente di nuovi e insostenibili livelli di debito.  In effetti, gli Stati Uniti hanno rifiutato la possibilità di una pace multipolare, hanno assunto il ruolo di egemone globale e non hanno mai risparmiato per un giorno di pioggia.


Invece di integrare ampiamente una traballante Russia post-comunista nelle istituzioni europee e transatlantiche, gli Stati Uniti hanno vacillato tra il trattare la Russia come un alleato nella "guerra al terrorismo" e come un avversario della guerra fredda che deve essere contenuto guidando l'espansione dei paesi membri della NATO fino ai confini della Russia.  Un momento Hillary Clinton sta promuovendo un "reset della Russia", e il momento successivo Barack Obama e Victoria Nuland stanno orchestrando un colpo di stato ucraino per scambiare un governo favorevole alla Russia con un sostituto ferocemente anti-russo.


Al fine di evitare che la Russia diventi una spina nel fianco dei tipi del Nuovo Ordine Mondiale che utilizzano il FMI, il WTO e la Banca Mondiale come motori per mantenere la governance globale a guida americana, la NATO controllata dagli Stati Uniti e i tecnocrati dell'UE intenti a costruire un superstato europeo hanno tenuto la Russia relegata ai margini.  E negli ultimi anni, i democratici negli Stati Uniti, i britannici "Remain" contrari alla Brexit, e gli integrazionisti europei che si sono offesi per i paesi dell'Europa centrale come la Polonia e l'Ungheria che difendono la propria sovranità, hanno cercato di attribuire i referendum persi a illusorie campagne di "disinformazione russa".  L'effetto di questo ostracismo intenzionale è stato quello di spingere la Russia più vicina alla Cina comunista e in un brinkmanship conflittuale con gli interessi USA-UE.


Allo stesso modo, ignorando ampiamente i decenni di violazioni dei diritti umani della Cina e normalizzando le relazioni commerciali all'inizio del millennio nel tentativo di domare un paese comunista grande ma povero attraverso la globalizzazione e l'assimilazione culturale, gli Stati Uniti hanno invece elevato la Cina a potenza economica sempre più capace di piegare l'Occidente alla sua volontà.  Dopo aver svuotato le capacità manifatturiere e industriali dell'America e aver orchestrato il più grande trasferimento intercontinentale di ricchezza nella storia dalla classe media americana del secondo dopoguerra alla classe media emergente della Cina, gli Stati Uniti si trovano ora in una posizione geopolitica difensiva con una combinazione di debito nazionale, infrastrutture fatiscenti e dipendenza dalle materie prime e importazioni cinesi che mettono in pericolo l'ordine internazionale basato sulle regole dell'America.


In quello che dovrebbe essere visto come un colpo all'arco del sistema finanziario statunitense, la recente (e quasi certamente intenzionale) autodistruzione della società familiare controllata dai cinesi Archegos, che ha destabilizzato i mercati del credito occidentali e minacciato la solvibilità di numerose banche d'investimento occidentali, è stato un promemoria dalla Cina agli Stati Uniti che i giorni di controllo unilaterale dell'economia globale sono finiti.


Sia la Cina che la Russia stanno riducendo la leva finanziaria dai dollari americani, aumentando le loro riserve d'oro e preparandosi per un futuro in cui il dollaro non sarà più la valuta di riserva del mondo.  Senza questo asso nella manica, gli Stati Uniti perdono non solo la capacità di continuare a stampare e spendere denaro senza subire le normali conseguenze della svalutazione monetaria e del collasso, ma anche la capacità di infliggere sanzioni finanziarie come un modo per "randellare" altre nazioni in obbedienza.


Un'alleanza sino-russa che utilizza il petrolio, il carbone e il gas naturale della Russia sull'Europa e le sue enormi capacità militari; il dominio manifatturiero della Cina e la Belt and Road Initiative che si estende attraverso e collega Asia, Europa, Africa e Sud America; e la ricchezza di risorse naturali di entrambe le nazioni le mette in una posizione strategica per forgiare una stabile valuta digitale supportata dall'oro che interconnetterà istantaneamente la maggior parte della popolazione mondiale.


È in questo volatile rimescolamento del potere globale che un Joe Biden, spesso disorientato e confuso, cerca di affrontare le mosse militari a scacchi di Russia e Cina, mentre in qualche modo trasforma l'Iran da un belligerante regionale destabilizzante (quasi certamente già in possesso di armi nucleari) in una sorta di partner americano ed europeo capace di giocare bene con Israele, Arabia Saudita e il resto del Medio Oriente.


Il segretario di Stato americano Antony Blinken e il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg hanno delineato una strategia militare nella NATO 2030 che chiede esplicitamente all'alleanza di combattere "le minacce e le azioni ostili russe", di "espandere e rafforzare le partnership con l'Ucraina e la Georgia" e di difendersi dalle "sfide di sicurezza" cinesi.  Ol' Joe ha riferito di aver dato assicurazioni personali al presidente Zelensky che gli Stati Uniti stanno con l'Ucraina, e si è impegnato pubblicamente a difendere la libertà di Taiwan.  Ma le "linee rosse" provenienti dall'America non sono le stesse dopo la presidenza di Barack Obama.


Navi da guerra statunitensi sono entrate nel Mar Nero e stanno navigando attraverso lo stretto di Taiwan.  Nel frattempo, anche se l'amministrazione Biden ha capitolato di fronte all'Iran facendo cadere unilateralmente le sanzioni, l'Iran ha promesso di "rispondere" contro gli Stati Uniti e Israele per il recente attacco di mine nel Mar Rosso contro una nave che si presume sia usata come base segreta del Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche.


La Russia è stata molto chiara.  Non permetterà a Kiev di riacquisire la Crimea o i protostati secessionisti allineati alla Russia di Luhansk e Donetsk.  Ha risposto alla firma da parte del presidente ucraino Zelensky del decreto n. 117/2021 che ordina all'esercito ucraino di riconquistare e riunificare queste aree inondando il confine tra Ucraina e Russia con armi, truppe, carri armati e paracadutisti d'élite.  La Russia è pronta alla guerra.


La Cina è stata molto chiara.  Considera Taiwan una provincia rinnegata e le isole Senkaku nel Mar Cinese orientale e le isole Spratly nel Mar Cinese meridionale come possedimenti territoriali.  Ha promesso di usare la forza militare per salvaguardare queste rivendicazioni e ha costruito isole artificiali nelle acque territoriali contese e inviato flotte di "navi da pesca" per circondare le catene di isole contese.  La Cina è pronta alla guerra.  E anche Taiwan è pronta.


Israele è stato molto chiaro.  Non permetterà che un Iran dotato di energia nucleare diventi una spada di Damocle che minaccia l'esistenza stessa di Israele.  Israele è pronto alla guerra.


Come risponderà Joe Biden a queste tre polveriere?  La domanda più importante è questa: La sua mente è così intrappolata nella geopolitica del secolo scorso che ora sta sopravvalutando le forze americane, calcolando male la determinazione delle altre nazioni, e inciampando a capofitto nella conflagrazione globale?


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia