SARS-CoV-2 non si trasmette tramite le superfici

 

SARS-CoV-2 non si trasmette tramite le superfici

Originariamente scritto da Derek Thompson per theatlantic.com

La settimana scorsa, il CDC ha riconosciuto quello che molti di noi hanno detto per quasi nove mesi sulla pulizia delle superfici per prevenire la trasmissione per contatto del coronavirus: È puro teatro dell'igiene.


"Sulla base dei dati epidemiologici disponibili e degli studi sui fattori di trasmissione ambientale", il CDC ha concluso, "la trasmissione superficiale non è la via principale attraverso la quale si diffonde la SARS-CoV-2, e il rischio è considerato basso". In altre parole: Potete mettere via la candeggina, cancellare il vostro abbonamento ricorrente ad Amazon per le salviette disinfettanti, e smettere di punire ogni centimetro quadrato del pavimento della classe, del tavolo del ristorante e del sedile del treno con esplosioni antimicrobiche high-tech. Il COVID-19 si trasmette per via aerea: si diffonde attraverso minuscole goccioline aerosolizzate che permangono nell'aria in spazi non ventilati. Toccare le cose non comporta molti rischi, e più persone dovrebbero dirlo, molto forte.


È dall'estate che scrivo della nostra mal riposta ossessione per l'igiene delle superfici. Come molti, ho passato i primi mesi della pandemia inzuppando le mie mele e carote nel sapone. Questo prima di leggere un saggio persuasivo sulla rivista medica The Lancet di Emanuel Goldman, un professore di microbiologia alla Rutgers New Jersey Medical School: "Rischio esagerato di trasmissione del COVID-19 da parte dei fomiti". (Nel gergo medico, i fomiti sono oggetti e superfici che possono trasmettere un patogeno infettivo). Questa opinione era contraria alla saggezza convenzionale della più ampia comunità scientifica, e Goldman mi ha detto che diverse riviste hanno rifiutato il suo saggio. Ma non era solo nella sua ricerca. Scrittori come la mia collega Zeynep Tufekci e ricercatori come Jose-Luis Jimenez, uno scienziato dell'aerosol presso l'Università del Colorado Boulder, erano anche schietti nella loro insistenza che avevamo bisogno di concentrarci sulla ventilazione piuttosto che sulle superfici, sulle finestre piuttosto che sul Windex. Sono stati respinti, non solo dagli sbruffoni su Twitter e in TV, ma da altri scienziati che si sono aggrappati ostinatamente a una visione obsoleta della diffusione virale.


Durante il fine settimana, ho raggiunto Goldman per chiedergli come si è sentito ad essere rivendicato dalla più famosa organizzazione di salute pubblica del mondo. "A livello personale, mi sento benissimo", ha detto. "Ma mi chiedo perché ci abbiano messo così tanto tempo. C'è così tanta inerzia nell'establishment scientifico".


In questi giorni, Goldman sta estendendo la sua crociata contro la paura fomentata dal COVID-19 ad altre malattie. La vecchia storia è che se entri in contatto con una superficie toccata da una persona malata, e poi ti tocchi gli occhi o le labbra, ti infetterai. Mentre Goldman riconosce che molte malattie, specialmente quelle batteriche, si diffondono facilmente dalle superfici, ora sospetta che la maggior parte dei virus respiratori si diffonda principalmente attraverso l'aria, come fa la SARS-CoV-2.


"Per la maggior parte dei virus respiratori, le prove della trasmissione tramite fomiti sembrano piuttosto deboli", ha detto Goldman. "Con l'eccezione del RSV [virus respiratorio sinciziale], ci sono pochi altri virus respiratori dove la trasmissione tramite fomiti è stata definitivamente dimostrata". Per esempio, il rhinovirus, uno dei virus più comuni nel mondo e la causa predominante del comune raffreddore, è probabilmente in gran parte diffuso tramite aerosol. Lo stesso può essere vero per l'influenza. Molti esperimenti che suggeriscono la trasmissione di superficie dei virus respiratori, si basano sullo studio di grandi quantità di virus in condizioni irrealisticamente ideali (freddo, secco e buio) per la loro sopravvivenza. Sulla base della nostra esperienza con la SARS-CoV-2, questi studi potrebbero non essere affidabili.


A differenza del coronavirus, il teatro dell'igiene è molto vivo sulle superfici in tutta l'America. Le autorità di transito stanno ancora mettendo fuori linea i vagoni della metropolitana per pulire le pareti. I parchi di baseball stanno vietando i contanti per proteggere i fan dai germi di fiat. Le scuole in tutto il paese richiedono ancora pulizie profonde che a volte chiudono le classi per ore o giorni. I manifesti COVID-19 del Los Angeles Unified School District invitano ancora le persone a "pulire frequentemente le superfici ad alto contatto", senza menzionare la ventilazione, i filtri dell'aria o tenere le finestre aperte. Target sta ancora facendo pubblicità su Hulu vantandosi di come chiama i lavoratori alle 6 del mattino per pulire e strofinare per diverse ore, per il comfort dei suoi clienti germofobici.


Ahimè, nemmeno il mio datore di lavoro è immune dal flagello del teatro dell'igiene. In un aggiornamento sulle nostre politiche di back-to-office ieri, The Atlantic ha istituito un protocollo di "scrivania pulita" a partire da quest'estate che richiederà "l'ordine quotidiano e l'igiene degli spazi di lavoro". Chiunque lavori nel giornalismo, o abbia mai visto un film sul giornalismo, sa che i giornalisti prendono la pulizia quotidiana come i leoni prendono il vegetarianesimo. Oltre ad essere inutili, le regole di pulizia del posto di lavoro comportano anche il rischio di imporre un rapporto imbarazzante tra padroni e impiegati. In questo settore, "pulisci questo paragrafo" è già abbastanza duro per l'autostima di una persona; "... e pulisci la tua scrivania sporca mentre lo fai" non è il tipo di battuta sul posto di lavoro che facilita la transizione psicologica in ufficio.


Ogni volta che ho scritto sul teatro dell'igiene, alcune persone hanno risposto con la stessa obiezione: "Ehi, che problema c'è a lavarsi le mani?". Questa è facile: Assolutamente niente. "Pandemia o non pandemia, ci si dovrebbe lavare le mani, soprattutto dopo aver preparato del cibo, essere andati in bagno" o aver toccato qualcosa di sporco, ha detto Goldman.


Ma il teatro dell'igiene porta con sé un immenso costo di opportunità. Troppe istituzioni spendono fondi scarsi o sacrificano risorse scarse per fare la battaglia microbica contro i fomiti che non rappresentano una minaccia reale. Questo è particolarmente vero per le autorità di trasporto urbano e i distretti scolastici che hanno speso centinaia di milioni di dollari nella tecnologia del sapone piuttosto che nel loro compito centrale di trasportare e insegnare alle persone.


Il teatro dell'igiene confonde anche il messaggio di salute pubblica. Se dite alla gente: "Questa malattia è sulle superfici, sui vostri vestiti, sulle vostre mani, sulla vostra faccia, e anche nell'aria", reagiranno in modo sparso e spaventato. Ma se dite alla gente la verità - questo virus non va molto bene sulle superfici, quindi dovreste concentrarvi sulla ventilazione - possono proteggersi da ciò che conta.


A livello di idee, la gelosa protezione del teatro dell'igiene è un esempio di una più grande crisi americana. "Quando il CDC non aggiorna il suo linguaggio fomite per mesi mentre gli scienziati stanno urlando sulla diffusione aerosolizzata, sembra proprio un caso di principio di precauzione che prende il sopravvento", ha detto Goldman. Nel suo libro del 2011, The Beginning of Infinity, il fisico David Deutsch ha definito il principio di precauzione come una forma di pessimismo che "cerca di scongiurare il disastro evitando tutto ciò che non si sa essere sicuro". L'opposto del principio di precauzione è qualcosa come l'ottimismo epistemico: Non sappiamo abbastanza, e dovremmo sempre cercare di imparare di più.


Questo punto potrebbe sembrare arioso e teorico, ma fa contatto diretto con i peggiori fallimenti pandemici dell'America. Troppe istituzioni americane durante tutta la pandemia hanno mostrato poco interesse nell'atto di imparare facendo. Hanno inciso nella pietra le saggezze convenzionali del marzo 2020 e si sono aggrappati ai loro comandamenti di pietra di fronte a qualsiasi prova che li avrebbe smentiti. I lettori liberali potrebbero facilmente indicare i governatori repubblicani che hanno rifiutato le maschere e le restrizioni interne anche quando i loro stati hanno affrontato le epidemie. Ma la critica si applica anche alle aree profondamente blu. Los Angeles, per esempio, ha chiuso i suoi parchi giochi e proibito agli amici di fare passeggiate sulla spiaggia, molto tempo dopo che i ricercatori sapevano che il coronavirus non si diffondeva realmente all'aperto. Nella pandemia e oltre, questa potrebbe essere la crisi fondamentale delle istituzioni americane: Sono specializzate nell'esibizione della competenza burocratica piuttosto che nell'atto di essere effettivamente competenti.


L'annuncio del CDC dovrebbe essere un sipario per le pulizie profonde teatrali. Ma finché le aziende, le autorità di transito, i rivenditori e le riviste non abbracceranno il valore della scoperta scientifica e la gioia di imparare cose nuove, lo spettacolo, e il sapone, continueranno.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia