Scienziati scoprono che il vino e il formaggio aiutano a ridurre il rischio di demenza

Scienziati scoprono che il vino e il formaggio aiutano a ridurre il rischio di demenza


Una scusa troppo buona per non approfittarne.


Anche se, contrariamente al famoso aforisma, non siamo sicuramente ciò che mangiamo, la nutrizione spesso influenza molti aspetti diversi della vita e della salute. Secondo uno studio di scienziati americani, il Granite Factors of Alzheimer's Disease Modulate How Diet is Associated with Long-Term Cognitive Trajectories: A UK Biobank Study, mangiare certi cibi può ridurre il rischio di demenza senile. Per fare questo, hanno analizzato i dati di 1.787 volontari tra i 46 e i 77 anni.


Tutti loro hanno fatto il test di intelligenza agile (TI) tra il 2006 e il 2010. Valuta la memoria e la capacità di imparare nuove informazioni. I test sono stati poi ripetuti nel 2012-2013 e nel 2015-2016, fornendo dati su un periodo di 10 anni. Inoltre, tutti i partecipanti hanno riportato informazioni dettagliate sulla loro dieta. Sono stati considerati quarantanove tipi di cibo e bevande, tra cui frutta, verdura, carne, prodotti caseari e bevande alcoliche come vino, birra e sidro.


Confrontando i dati nutrizionali e i risultati del TPI, gli autori hanno notato che le persone che mangiavano formaggio ogni giorno hanno ottenuto risultati significativamente migliori nei test nel tempo - il formaggio ha dimostrato di essere più sano in questo senso rispetto a qualsiasi altro cibo.


I ricercatori hanno notato che questo effetto non si applica alle persone che hanno una storia familiare di Alzheimer, quindi un pezzo di formaggio al giorno sarebbe benefico solo per le persone senza una predisposizione genetica alla malattia.


Anche se non c'è ancora una spiegazione esatta per questo fenomeno, si pensa che possa essere dovuto ad alti livelli di calcio, vitamina B12 e alcuni tipi di lattopeptidi, che possono avere effetti benefici sulle capacità cognitive nelle persone anziane. Inoltre, i batteri di alcuni tipi di formaggio possono alterare il microbioma intestinale, che è noto per interagire con il cervello e influenzare sia l'umore che la cognizione.


Gli autori dello studio hanno anche concluso che bere una piccola quantità di vino rosso al giorno aiuta a ridurre il rischio di declino cognitivo. E, a differenza del formaggio, il vino era più efficace per le persone con una storia di Alzheimer che per quelle senza storia familiare della malattia.


Mentre i ricercatori suggeriscono che questo può essere dovuto ai composti antinfiammatori presenti nel vino rosso, citano anche un altro studioUno studio di follow-up di 2 anni sul consumo di alcol e il rischio di demenza che ha collegato il consumo giornaliero di birra ad un rischio più alto di demenza, suggerendo che diversi tipi di alcol hanno effetti diversi sulle capacità cognitive.


Un'ulteriore analisi dei dati ha mostrato che mangiare agnello una volta alla settimana suggeriva un minor rischio di deterioramento cognitivo più avanti nella vita, anche se altri tipi di carne rossa non mostravano un effetto simile. Anche l'eccesso di sale nella dieta è risultato essere un fattore serio nello sviluppo della demenza, ma solo nelle persone con una storia familiare di Alzheimer.


L'autore dello studio Brandon Clinedinst ha notato che "A seconda dei fattori genetici, alcune persone sembrano essere più protette dalla malattia di Alzheimer, mentre altre sembrano essere più a rischio. Tuttavia, credo che delle buone scelte alimentari possano prevenire la malattia e il declino cognitivo in generale".

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia