Statua arcobaleno a Budapest demolita in 24 ore

 

Statua arcobaleno a Budapest demolita in 24 ore

Una statua color arcobaleno in onore di Black Lives Matter che è stata eretta nella capitale ungherese di Budapest è stata vandalizzata e poi demolita entro 24 ore.


Il monumento era una ricreazione della Statua della Libertà con le parole 'Black Lives Matter' iscritte sulla tavoletta.


La statua doveva rimanere al suo posto per due settimane fino al 14 aprile, ma è stata immediatamente presa di mira dopo la sua inaugurazione nel nono distretto di Budapest.


Gli attivisti pro-famiglia hanno descritto il monumento come un "simbolo anti-europeo, anti-bianco, anti-eterosessuale e anti-cristiano", ed entro 24 ore è stato attaccato tre volte, cosparso di vernice e infine abbattuto.


La polizia ha poi arrestato membri dell'organizzazione Legion Hungaria per il loro ruolo nel deturpare il monumento.


Secondo il creatore del monumento, Péter Szalay, il suo messaggio era neutrale.


"Non è una cosa che parla contro una delle due parti. Non c'è nessuna affermazione in esso che Black Lives Matter o questo è pro-omosessuale. E non c'è nessun messaggio che il BLM è cattivo", ha detto al Daily News Hungary.

Statua arcobaleno a Budapest demolita in 24 ore


Non ci sono piani per sostituire la statua.


"Black Lives Matter e i suoi alleati Antifa sono famosi per aver deturpato e abbattuto statue di grandi uomini che rappresentano la civiltà che sono impegnati a distruggere, tra cui George Washington, Thomas Jefferson, Abraham Lincoln, Cristoforo Colombo e molti altri", scrive Dave Blount. "In Ungheria, BLM ha raccolto quanto ha seminato".

Un monumento LGBT che si trovava nella capitale polacca di Varsavia ha anche subito un destino simile dopo essere stato eretto nel 2012, essendo stato continuamente vandalizzato prima di essere rimosso definitivamente nel 2015.

Il primo ministro populista ungherese Viktor Orbán ha coltivato il sostegno nel paese, di fede cristiana, per i suoi sforzi di difendere la santità della famiglia di fronte al progressismo dilagante in altri paesi europei.

Lo scorso dicembre, l'Ungheria ha approvato un emendamento costituzionale che afferma il diritto dei bambini di identificarsi con il loro genere di nascita e definisce il matrimonio come tra un uomo e una donna.

Affermando che il declino della popolazione nativa europea rappresenta una "malattia", Orbán ha anche supervisionato un programma per offrire significativi incentivi finanziari ai cittadini nativi del paese per avere figli, distribuendo prestiti di 30.600 euro alle coppie sposate che hanno tre o più figli, che sono completamente perdonati dopo la nascita del terzo figlio.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia