Il volto di Harakbut: Monumento fatto dall'uomo o fenomeno naturale?

 


Uno dei luoghi più enigmatici della Terra, il Sud America ha affascinato i ricercatori per secoli. Il suo cuore è la vasta foresta amazzonica, una distesa antica e quasi infinita di natura densa che pullula di regioni inesplorate e di tesori nascosti. L'Amazzonia è la patria di numerose tribù native, alcune delle quali rimangono isolate fino ad oggi, vivendo indisturbate il loro antico stile di vita paleo.

A causa delle dimensioni dell'Amazzonia, molte delle sue regioni più remote non sono mai state esplorate, e strutture fuori posto e resti antichi sono ancora nascosti nei suoi angoli più lontani. Uno di questi luoghi bizzarri è il cosiddetto Volto di Harakbut, un volto umano grande e finemente dettagliato, apparentemente scolpito da una sporgenza di roccia. Situato nel profondo della sperduta Amazzonia peruviana, è venerato dalla tribù di nativi Harakbut. Ma è un fenomeno naturale o un monumento fatto dall'uomo? Sarà in grado di sopravvivere alla mano invadente della civiltà?

Svelare i segreti dell'antico Volto Harakbut

Il Volto Harakbut, conosciuto dagli indigeni Harakbut come il Rostro, che significa faccia, si trova nella Riserva Comunale Amarakaeri del Perù. Questa vasta area è situata nella regione amazzonica meridionale del Perù, e comprende una regione di 402.335,62 ettari (994.192 ac.). Situata nella regione Madre des Dios, la riserva occupa gran parte della patria ancestrale della tribù Harakbut.

La Riserva Comunale Amarakaeri è stata creata nel 2002, dopo ripetute richieste da parte delle tribù locali che includono i popoli indigeni Harakbut, Yine e Matsiguenka. Come tale, è un'area di notevole importanza storica, e anche una regione naturale che sta subendo una crescente minaccia a causa della dilagante invasione dell'industria. La riserva comunale è sotto la pressione costante del bracconaggio, della pesca illegale, del disboscamento dilagante, dell'estrazione dell'oro, del saccheggio dei manufatti e dei progetti di infrastrutture non pianificati.

I tentativi costanti di preservare la loro casa ancestrale e i loro modi di vita tradizionali sono intrapresi dalla tribù Harakbut. Conosciuti anche come Harakmbut, Harakmbet e Arakmbut, questi popoli indigeni del Perù sono divisi in due gruppi tribali distinti: gli Amarakaeri e gli Huachipaeri. Contattata per la prima volta negli anni '40, questa tribù è una delle più antiche della regione Madre Des Dios. Oggi, la Riserva Comunale Amarakaeri è il loro ultimo rifugio e sono rimasti solo 5.000 di loro.

Tuttavia, accompagnati da dodici ranger del Servizio Nazionale delle Aree Naturali Protette del Perù, presentano una forza di protezione vigile e devota contro i molti pericoli che minacciano la loro casa ancestrale. Lottano attivamente per pattugliare e proteggere un'area di circa 400.000 ettari (circa 990.000 ac.) che è un'impresa significativa per un numero così limitato di persone.


Guerrieri come protettori delle antiche foreste

Si stima che questa tribù nativa abbia vissuto nei bacini dei fiumi Colorado e Madre des Dios per diverse migliaia di anni, e numerosi e complessi miti e leggende sono sopravvissuti fino ad oggi. Una menziona gli Harakbut come il "Popolo Guerriero", destinato a proteggere le antiche foreste di Amarakaeri.

Oggi, la riserva comunale di Amarakaeri ospita dieci comunità indigene ed è salutata come l'ambiente più incontaminato della foresta amazzonica del Perù. Tuttavia, a causa delle dimensioni di queste regioni, le attività illegali continuano ad essere una minaccia costante. Anche se la tribù Harakbut ha ricevuto i titoli di terra dallo stato nel 1977, la nazione ha ancora permesso più di diciotto concessioni minerarie sul loro territorio.

Queste operazioni minerarie e il disboscamento illegale stanno lasciando la foresta pluviale gravemente ferita, con migliaia di ettari di alberi preziosi persi per sempre. Questi devoti uomini delle tribù stanno lottando per porre fine alla diffusione di queste attività industriali, che potrebbero col tempo minacciare i loro antichi luoghi sacri, i cosiddetti amana. Gli amana punteggiano la riserva a testimonianza del secolare abitare degli Harakbut. Certamente uno degli amana più famosi è El Rostro - il Volto degli Harakbut.

El Rostro e il suo significato sacro per la tribù Harakbut

Si presume che ci siano diverse di queste grandi teste sparse nel vasto territorio degli Harakbut, ma El Rostro rimane l'icona. Situato in una zona remota della foresta pluviale, è difficile da raggiungere, richiedendo un trekking impegnativo. Ma la vista di questa incredibile struttura è una ricompensa in sé. Appollaiato sopra un fiume amazzonico che scorre rapido e selvaggio, emergendo dal fitto fogliame, c'è un volto umano stranamente realistico, le sue linee taglienti sporgono dalla parete rocciosa.

Questo luogo sacro è fatto di roccia sedimentaria, invecchiata e coperta da un sottile strato di muschio verde brillante. Uno sguardo - sia di profilo che frontale - è sufficiente per farti capire che si tratta, senza errore, di un volto umano che scruta la giungla. Un naso affilato e aquilino con linee stranamente dritte e precise, combinato con la fronte sporgente e una mascella inferiore prominente e mordace, ritraggono una figura maschile seria e potente, simile a un grande dio, un capo tribù o un antenato venerato.

È un megalite fatto dall'uomo o un fenomeno naturale?

Tra gli Harakbut, questo luogo è assolutamente sacro. Convinti che rappresenti il loro antenato più lontano, si dice che queste pareti rocciose siano state create da Toto, un potente spirito primordiale. Tuttavia, se questa faccia sia o meno un oggetto creato dall'uomo rimane discutibile. Importanti ricerche che sono state condotte sul posto possono implicare che si tratta in realtà di una struttura litologica, un chiaro risultato di processi geomorfologici. Questo ci rimanda ancora una volta ai diffusi fenomeni di pareidolia, attraverso i quali l'occhio umano spesso individua simboli e forme familiari di oggetti e cose naturali.

Se questa è in effetti una creazione completamente naturale, è inequivocabilmente realistica e la natura ha davvero superato se stessa. Ma alcuni convinti credenti possono ancora aderire all'affermazione che il volto dell'Harakbut sia stato fatto dall'uomo antico. Se vogliamo mettere in dubbio questa affermazione, dobbiamo porci una semplice domanda: Perché qui? Il volto è situato in una parte molto remota della foresta amazzonica, difficile da raggiungere e apparentemente non si affaccia su nulla di importante.

La maggior parte delle strutture megalitiche fatte dall'uomo sono spesso collocate in luoghi con un significato, sia in correlazione con le stelle, oggetti celesti, o come parte di vasti complessi funerari. Sembra che il volto dell'Harakbut non rientri in questo schema. Potrebbe essere che gli antichi abitanti di questa regione della foresta amazzonica abbiano semplicemente scoperto questa formazione rocciosa naturale stranamente simbolica e l'abbiano venerata da allora?


Recente pellegrinaggio per riscoprire la remota parete di Harakbut

In effetti, il Volto di Harakbut è così remoto che molti di questi uomini delle tribù non l'hanno mai visto. La sua esistenza è stata per un periodo semi-leggendaria, passata di generazione in generazione. Era menzionato come il luogo sacro rituale della tribù, un residuo dei loro più antichi predecessori e parte della loro mitologia. E se prendiamo in considerazione il fatto che gli Harakbut non hanno una storia scritta, e che è una parte principale della loro tradizione orale, si può chiaramente capire che il Volto Harakbut ha un grande significato per loro.

Questa importanza, rafforzata dalla crescente minaccia delle operazioni industriali nelle sue vicinanze, ha spinto diversi membri e capi delle tribù Harakbut a intraprendere una sorta di "pellegrinaggio" nelle profondità della foresta pluviale alla ricerca della parete rocciosa. Questa non è stata la prima spedizione di questo tipo, ma certamente la prima negli ultimi anni. I leader degli Harakbut, Korisepa Jaime e Tayori Luis, insieme ad altri, sono stati accompagnati dal regista britannico Paul Redman, che ha documentato l'intera esperienza, e da un funzionario della United States Rainforest Foundation, Tom Bewick. La spedizione è stata definita come la "riscoperta" dell'antico Volto di Harakbut e, come disse Luis Tayori, "una riunione con i [nostri] antenati".

Quando si vede il Volto di Harakbut per la prima volta, è difficile considerarlo come una formazione naturale. La somiglianza con un volto reale è così inquietante e realistica, che si suppone automaticamente che sia stata fatta da una mano umana. Tom Bewick, che ha accompagnato la recente spedizione, crede fermamente che El Rostro sia stato scolpito dall'uomo. Egli dice:


"Non ci sono altre rocce di forma lontanamente simile in quella valle del fiume... È perfettamente appollaiato e domina una valle, e presiede una cascata e un bacino che assomiglia a un anfiteatro. . . Ci sono segni su tutta la superficie che indicano che è stata scavata con strumenti rudimentali. . . Ci sono in realtà due Rostro - un Rostro dentro un Rostro - guarda sotto il naso... I massi lungo il fiume sono disposti in modo da incanalare il flusso lontano dal colpire direttamente la faccia del [Rostro], e in un modo che renderebbe impossibile che la formazione della faccia sia stata causata dall'impatto anche della più pesante delle tempeste... Gli Harakbut non hanno una storia scritta, ma sostengono che il Rostro è stato nella loro storia orale per generazioni e generazioni".



La natura può davvero scolpire qualcosa di così preciso?

Questa potente affermazione proviene da un uomo che ha potuto vedere di persona questo monumento unico, e l'effetto che ha lasciato su di lui è chiaro dalla sua citazione. Numerose fotografie da diverse angolazioni possono ancora dare un'idea importante della natura del Volto di Harakbut. Le linee appena sotto il naso sono estremamente precise, come se fossero state scolpite con grande precisione, così come quelle sotto la sporgenza della fronte. Appena sotto c'è uno zigomo prominente, su entrambi i lati, e se è naturale, allora indica un'estrema coincidenza.

Fotografie di spedizioni precedenti, del 2009 per esempio, ci mostrano il Volto di Harakbut quando era coperto da un sottile strato di muschio, che gli ha dato un aspetto ancora più umano, ammorbidendo gli spigoli vivi della roccia e creando un volto umano incredibilmente reale di proporzioni immense. C'è anche una possibilità molto distinta che la formazione rocciosa originale avesse semplicemente una base sufficiente per le antiche popolazioni indigene per lavorarci sopra, raffinando la forma in un monumentale volto umano.

Coloro che hanno intrapreso quella spedizione del 2009 sostengono che ci sono altri due volti simili nella regione, e numerosi resti archeologici, approfondendo ulteriormente il mistero e l'enigma della foresta amazzonica.

I guardiani dell'Amazzonia in guerra con l'industria petrolifera

Purtroppo, molte di queste spedizioni precedenti sono state intraprese per motivi completamente diversi, senza alcun interesse per El Rostro. Nel 2009, la regione è stata oggetto di una spedizione di esplorazione da parte di uomini della Hunt Oil Company. Apparentemente, i funzionari della compagnia erano consapevoli dell'importanza di tale scoperta, e cercarono attivamente di nascondere e minimizzare il ritrovamento.

Diego Cortijo, un funzionario della Società Geografica Spagnola che lavorava attivamente con i capi Harakbut nella regione, andò lui stesso a scoprire il volto dopo averne sentito parlare così tanto dagli uomini della tribù. I suoi ritrovamenti ci danno importanti indizi sulla posizione. Cortijo sostiene che il volto potrebbe avere radici incaiche, dato che presenta il noto profilo presidenziale inca e si rivolge a est verso Inti, il Dio Sole degli Inca. Inoltre, sostiene che nelle vicinanze sono state fatte scoperte di antichi utensili, il che aumenta la possibilità di un coinvolgimento umano. 

Purtroppo, il Volto Harakbut affronta un destino incerto. Le grandi corporazioni - principalmente la Hunt Oil - non si preoccupano dell'antico passato, della natura e nemmeno dei popoli indigeni. Ciò che interessa loro è il denaro. E questa zona della foresta pluviale amazzonica poggia su un sacco di soldi in varie forme. La Hunt Oil Company è una delle più grandi compagnie private degli Stati Uniti. Avendo da tempo messo gli occhi su questa particolare regione, soprattutto per la sua ricchezza di risorse naturali come gas e petrolio, la Hunt Oil ha condotto numerose indagini geologiche, misurazioni geomagnetiche, scansioni e così via nella zona.

Nel 2006 la compagnia petrolifera ha firmato un contratto con il governo peruviano che le ha permesso di operare nella regione, a cui sono seguite ben presto le prime piattaforme di perforazione. Si afferma che la concessione della Hunt Oil nella regione, conosciuta come "Lotto 76", si sovrappone a quasi l'80% della Riserva Comunale Amarakaeri, che lo stesso Perù ha proclamato come area naturale protetta di grande diversità biologica. Le attività della Hunt Oil stanno mettendo in grande pericolo quest'area e tutti i popoli indigeni che la abitano. Anche il Volto di Harakbut è minacciato. Numerosi attivisti, tribù e movimenti stanno lottando per fermare le attività della Hunt Oil, ma apparentemente con scarso successo. Questo è il destino del nostro mondo.

Queste immagini mostrano come l'estrazione illegale dell'oro causa la deforestazione nella zona cuscinetto della riserva comunale di Amarakaeri.
Queste immagini mostrano come l'estrazione illegale dell'oro causa la deforestazione nella zona cuscinetto della riserva comunale di Amarakaeri.

La possente Amazzonia: Ultimo rifugio della natura eterna

Combattere le maree sempre in avvicinamento del mondo moderno sembra essere un compito impossibile. Le grandi compagnie industriali, di cui la Hunt Oil è un esempio evidente, sono proprio come enormi mostri, fatti di nafta o petrolio, il cui veleno trasudante inghiotte gli ultimi bastioni di natura incontaminata sulla Terra. La foresta amazzonica rilascia ogni giorno circa 20 miliardi di tonnellate di umidità nell'atmosfera. Detiene anche un record di biodiversità. Da 40 a 100 specie di alberi si possono trovare su 1 ettaro di terreno nella foresta pluviale. È anche la patria di circa 80.000 specie di piante, di cui più della metà gioca un ruolo critico nel regolare il clima globale e sostenere i cicli idrici locali. Ora è il momento per noi di chiederci: Dobbiamo stare a guardare mentre viene distrutta dalle compagnie petrolifere assetate di denaro? 

Puoi dirci come la pensi lasciando un commento qui sotto e ricorda di condivide questo articolo con persone a cui ancora piace leggere ed informarsi.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia