I genitori fanno causa alla città di Washington D.C. per aver vaccinato i minori senza il loro consenso

I genitori fanno causa alla città di Washington D.C. per aver vaccinato i minori senza il loro consenso


Di Evita Duffy - thefederalist.com


Una recente legge del Distretto di Columbia, il D.C. Minor Consent for Vaccinations Amendment Act del 2020, permette ai ragazzi dagli 11 anni in su di ottenere qualsiasi vaccino raccomandato dall'Advisory Committee on Immunization Practices (ACIP), compresi i colpi COVID, senza il consenso dei genitori o la conoscenza. Ora, i genitori stanno combattendo. 


La legge è passata al Consiglio di Washington con un voto di 10 a 3 lo scorso novembre, ed è stata firmata dal sindaco Muriel Bowser in dicembre. È entrata in vigore il 19 marzo 2021. Lunedì, la Children's Health Defense (CHD) e la Parental Rights Foundation hanno intentato una causa presso la Corte Distrettuale degli Stati Uniti per D.C., cercando un ordine del tribunale per dichiarare la legge incostituzionale. 


I querelanti sono quattro genitori che hanno figli minorenni che frequentano la scuola pubblica di Washington e vogliono un'ingiunzione preliminare per proibire a Bowser, al Dipartimento della Salute di Washington e al sistema scolastico pubblico di Washington di applicare la legge.


"La legge di Washington è un'intrusione senza senso nei diritti e nella libertà di genitori e bambini", ha detto il presidente e consigliere generale del CHD Mary Holland. Come la Corte Suprema ha dichiarato, "L'interesse di libertà in questione in questo caso - l'interesse dei genitori nella cura, custodia e controllo dei loro figli - è forse il più antico degli interessi di libertà fondamentali riconosciuti da questa Corte". 


Secondo il CHD, "La legge di Washington contiene diverse disposizioni progettate per ingannare i genitori e nascondere che il bambino è stato vaccinato contro il giudizio dei genitori, l'autorità o le convinzioni religiose". Se un minore ha un'esenzione religiosa dai vaccini o ha rinunciato al vaccino HPV sulla base di documenti depositati dai genitori, l'atto impone che il fornitore di assistenza sanitaria dovrebbe lasciare quelle parti della cartella di immunizzazione dello studente "in bianco".


L'atto richiede al personale sanitario di fornire accurate registrazioni di immunizzazione al Dipartimento della Salute e alla scuola dello studente, ma non ai genitori. Ha anche delle sottosezioni che danno al personale sanitario l'autorità di "cercare il rimborso, senza il consenso dei genitori, direttamente dall'assicuratore", aggiungendo che "gli assicuratori non devono inviare una spiegazione dei benefici per i servizi forniti".


In sostanza, la legge permette a un undicenne di scavalcare la direttiva scritta dei suoi genitori che non vogliono che il loro bambino sia vaccinato, e poi la scuola del bambino falsificherà e tratterrà le registrazioni dei vaccini dai genitori. Inoltre, gli operatori sanitari che vaccinano i bambini contro la volontà dei genitori saranno pagati dalla compagnia di assicurazione sanitaria dei genitori, ma i genitori non riceveranno alcuna documentazione di questo.


Nel 1986, il Congresso ha promulgato il National Childhood Vaccine Injury Act ("Vaccine Act") in risposta a un numero crescente di cause legali per lesioni da vaccino. Il Vaccine Act e la successiva decisione della Corte Suprema Bruesewitz v. Wyeth protegge i produttori di vaccini da ogni responsabilità perché le lesioni da vaccino sono "inevitabili". Le persone ferite dai vaccini sono tenute a chiedere un risarcimento al National Vaccine Injury Compensation Program del governo, che ha pagato oltre 4,5 miliardi di dollari di risarcimento alle famiglie delle persone ferite o uccise dai vaccini.


Al fine di ridurre al minimo le lesioni e risparmiare denaro, il Vaccine Act richiede che i genitori siano forniti di dichiarazioni informative sui vaccini, registri dei vaccini e indicazioni per la segnalazione di eventi avversi ai vaccini al sistema federale Vaccine Adverse Event Reporting System. 


Le dichiarazioni sui danni da vaccino danno ai genitori le informazioni necessarie per soddisfare i requisiti del consenso informato, e includono come riconoscere gli effetti negativi dei vaccini, come reazioni allergiche, anafilassi, convulsioni e paralisi, e spiegano che alcuni bambini non dovrebbero essere vaccinati. 


La Children's Health Defense spiega che le conseguenze della legge di Washington, che viola il Vaccine Act, sono "disastrose":

La legge di Washington ha implicazioni terribili per la salute dei bambini. Se i genitori non sanno che il loro bambino è stato vaccinato a scuola, potrebbero non riconoscere le reazioni avverse al vaccino. Le reazioni avverse gravi richiedono un trattamento medico immediato e sono controindicazioni a ulteriori vaccinazioni. Inoltre, se il medico di famiglia non sa che il bambino è stato vaccinato a scuola, potrebbero essere somministrati ulteriori vaccini troppo vicini nel tempo a quelli dati a scuola. I produttori di vaccini, l'American Academy of Pediatrics e le autorità governative per la salute pubblica pubblicano avvertimenti rigorosi sui tempi dei vaccini. I bambini sono tipicamente inconsapevoli della loro storia medica familiare e di qualsiasi controindicazione inerente ai vaccini.


"La legge di Washington è sconsiderata, incostituzionale e mette inutilmente in pericolo la vita dei bambini togliendo la protezione dei genitori e la protezione del National Childhood Vaccine Injury Act del 1986", ha dichiarato Holland.


Evita Duffy è una stagista di The Federalist, co-fondatrice del Chicago Thinker, e all'ultimo anno dell'Università di Chicago. Seguila su Twitter a @evitaduffy_1

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia