Per i malati di SLA arriva una neuro protesi per interagire con lo smartphone. ecco la prima interfaccia cervello-computer

 

Per i malati di SLA arriva una neuro protesi per interagire con lo smartphone. ecco la prima interfaccia cervello-computer

Philip O'Keefe, un 62enne malato di sclerosi laterale amiotrofica (SLA) in Australia è diventato recentemente la prima persona a postare un messaggio sui social media usando solo i suoi pensieri. Il 23 dicembre, ha postato un primo breve messaggio, "Hello World", su Twitter.


La tecnologia che ha permesso a O'Keefe di inviare il suo messaggio è stata sviluppata da Synchron, un'azienda che si occupa di interfacce cerebrali, il dispositivo si chiama Stentrode Brain Computer Interface (SBCI), un tipo di impianto cerebrale endovascolare. È stato impiantato nel cervello di O'Keefe senza aprire il suo cranio - invece, è stato inserito attraverso la sua vena giugulare. Il minuscolo (8 mm) impianto cerebrale è stato progettato per consentire alle persone che hanno perso la capacità di parlare di comunicare usando solo i loro pensieri. L'SBCI è senza fili e funziona leggendo le onde cerebrali e traducendole in parole - la neuroprotesi motoria è stata inserita nel cervello di O'Keefe usando tecniche che sono state usate per diversi anni per trattare persone con ictus. I test clinici sull'uomo sono in corso in Australia da oltre un anno - attualmente, il dispositivo è stato impiantato solo in un'altra persona, ma altri sono previsti.


O'Keefe, come altri malati di SLA, ha sperimentato una paralisi progressiva, che lo ha lasciato incapace di parlare all'inizio di quest'anno. L'SBCI è stato impiantato in aprile e ha iniziato a usarlo per comunicare poco dopo - ora è in grado di comporre messaggi pensando a parole o azioni (come i clic del mouse), che vengono tradotti in attività sullo schermo di un computer. Il suo messaggio storico sui social media è stato pubblicato su Twitter utilizzando l'account del CEO di Synchron Thomas Oxley. Il suo messaggio iniziale è stato seguito da un testo più lungo che dettagliava come era arrivato ad abbracciare la nuova tecnologia. Ha anche notato che spera che il suo coinvolgimento nel programma SBCI aiuterà ad aprire la strada a nuovi tipi di tecnologia che permetteranno a coloro che hanno perso la capacità di parlare o muoversi di riacquistare la loro indipendenza.


I funzionari di Synchron hanno notato in passato che hanno intenzione di espandere l'SBCI per includere lo sviluppo di dispositivi che possono essere utilizzati per diagnosticare e forse anche trattare condizioni come il Parkinson, l'ipertensione, l'epilessia e persino la depressione.


fonte


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia