Ascesa e caduta della massoneria inglese

Ascesa e caduta della massoneria inglese

GEOPOLITICA, SPIONAGGIO ED EROICITÀ DELL'IMPERO

Da fraternalsecrets


Un introduzione

Dalle taverne piene di fumo dei più famigerati quartieri a luci rosse del centro di Londra nel 1716 al glamour e all'eccitazione di una cena di gala nel luglio 1886 in cui i giornalisti si spintonavano per intravedere "l'assemblea scintillante" che assisteva al Principe di Galles, è un bel salto. Questa è la storia da stallo a ricchezza rivendicata da tempo dai massoni inglesi [EF] per il loro Ordine.

Il loro "mito della creazione" è stato che i membri di quattro logge fraterne, principalmente uomini di lavoro, si incontravano davanti a pane, formaggio e birra per valutare le opzioni per la loro società di beneficenza in difficoltà. Con Londra inondata di club e società, la competizione per i membri era feroce, ma né il rumore dei boccali sui ruvidi tavoli di legno, né i fischi, canti e spintoni dei clienti tutt'intorno li dissuadevano dal loro scopo. Questi uomini erano speciali, unici, o almeno così è stato affermato.

Forse ci sono stati accesi scambi sulla "Costituzione", forse ci sono stati sconfitti scontrosi e vincitori sorridenti - non abbiamo documenti, né resoconti di prima mano. Abbiamo solo affermazioni scritte anni dopo che questo raduno di scalpellini, falegnami e compagni di bevute che la pensano allo stesso modo ha accettato di iniziare a incontrarsi trimestralmente e di organizzare una festa di fine anno in cui avrebbero eletto il loro primo "Gran Maestro" in assoluto.

Cosa stavano pensando? O più precisamente, cosa stavano bevendo ???

Ancora più notevole è l'affermazione secondo cui la loro idea è stata rapidamente accolta da scienziati e nobiltà come veicolo di tolleranza religiosa e nuove filosofie "illuminate". Ciò avrebbe portato alla trasformazione dell'originale, in un fenomeno globale che corrispondeva alla spinta dell'Impero britannico in vigore e spietatezza. Le ragioni addotte per l'afflusso di trasformatori, non artigiani nel gruppo originario - che lo vedevano come un veicolo adatto per i loro incontri privati ​​​​in cui potevano indulgere in oscuri cerimoniali e scambi leggeri e socievoli - non sono mai stati convincenti. L'ulteriore argomento che questi massoni "speculativi" erano, per un uomo, ricercatori di saggezza perduta el'incarnazione dei valori specifici di "The Age of Enlightenment" è stata particolarmente preoccupante, e non solo a causa della natura contraddittoria di queste due idee. Solo con difficoltà la ricerca dell'“antico” può essere allineata con la dinamica livellatrice, pro-ragione e orientata al cambiamento dell'“Illuminismo”. Tuttavia, i fratelli continuano a sostenere che questo è ciò che fa la "Massoneria". In effetti, sembra che ci sia stata una recente rinascita di fratelli che lo facevano. Ad esempio: Batley nel 2000 - " Come società illuminata, [i Massoni] hanno guidato l'era dell'Illuminismo" [i] ; Curl nel 1991: ' Non vi è alcun dubbio che la Massoneria abbia svolto un ruolo centrale nell'Illuminismo', [ii] e l'insistenza adulatoria di Weisberger del 2001 nelle "Transazioni" annuali del QC sul fatto che un certo reverendo John Desagulier incarnasse sia la posizione morale di EF sia tutto ciò che di positivo si potrebbe dire che l'Illuminismo rappresenti. [iii]

Nel corso di tre secoli, l'immagine proiettata della "Massoneria" ha indubbiamente plasmato le ipotesi di tutti i suoi osservatori e la dinamica di tale interazione merita molta più indagine di quanto non abbia ancora ricevuto. I primi tentativi da parte di estranei di arrivare all'apparente mistero di EF affermando di "conoscere" i suoi rituali segreti apparvero negli anni '20 del Settecento. Queste rivelazioni sono state presumibilmente raccolte da lettori occasionali eccitati dalla prospettiva di unirsi all'ultima mania. Prendendo il materiale non verificato per valore nominale, le speranze apparentemente hanno memorizzato "il lavoro" che gli è stato detto che avrebbero dovuto recitare all'interno della stanza della loggia. Il brusio di allora, a quanto pare, era positivo, ma non era affatto vicino a quello che sarebbe diventato, soprattutto tra i suoi sostenitori. Nel 1859, ad esempio, WA Laurie, uno scozzese, fece una serie di affermazioni: '(Massoneria) è esistita dalla più remota antichità…(Esso) si è estesa ad ogni angolo del globo, e ha abbracciato uomini di ogni ceto, di ogni religione e di ogni forma di governo…(Era) formata allo scopo di perfezionamento scientifico e (per) l'esercizio della reciproca benevolenza;...(Ha patrocinato) ed eseguito quelle magnifiche strutture che...hanno contribuito all'utilità e all'ornamento delle Nazioni.(ecc)...' [iv] Ognuno di questi è un'affermazione notevole, collettivamente sono sorprendenti. 'Grand Lodge' [UGLE] non li contraddice, per quanto ne so. Altrettanto sbalorditivo è il modo in cui affermazioni di questo tipo sono persistite anche quando il loro autore sembrava essere consapevole della necessità di prove a sostegno. Già nel 1859, Laurie respinse espressamente tutte le opere precedenti alla sua, insistendo sul fatto che il suo contributo avrebbe "spogliato la storia della Massoneria da quel gergo e dal mistero in cui è stata finora avvolta, sostituendola con un resoconto storico e quindi affidabile..." Le sue affermazioni furono presto licenziati. J Murray Lyon nel 1873, appena quattordici anni dopo, lo citò e poi scrisse: 'C'era il tempo in cui affermazioni di questo tipo sarebbero state accettate senza sfida... ma oggigiorno si crede abbastanza generalmente che con tali applicazioni della tinta rosa della finzione siano nascoste le vere caratteristiche dell'antica confraternita.' [v]

Nel 1884, solo un altro decennio dopo, scontenti di tutto ciò che era accaduto prima, i fratelli inglesi fondarono la loro prima loggia di ricerca Quatuor Coronati [inteso riferirsi a "Quattro martiri coronati", di seguito QC, e discusso a lungo di seguito]. Ma le sbalorditive affermazioni su EF, e sulla "Massoneria" in generale, continuarono nel nuovo secolo. Cambiarono, e in modi importanti, ma rimasero sbalorditivi – nel 1909: ' ... (Definito)... come un'unione di tutte le unioni, un'associazione di uomini, legati insieme nelle loro lotte per raggiungere tutto ciò che è nobile, che desiderano solo ciò che è vero e bello, che ama e pratica la virtù per se stessa, – questa è la Massoneria, la più comprensiva di tutte le confederazioni umane». [vi] Nel 1948, il Gran Maestro McDowell del NSW affermò: '(Guidati) dai nostri principi massonici, con fede continua in (Dio), uniti nello spirito di fratellanza, possiamo affrontare il futuro con ogni fiducia, credendo fermamente che la verità e la giustizia prevarranno sempre, e che la Massoneria è verità e giustizia in tutte le cose.' [vii]

La prima inclinazione tra gli addetti ai lavori fu quella di liquidare come insostenibile tutto ciò che portava il nome del pioniere rifiutato, o come nel caso Laurie, tutto ciò che era accaduto prima. Ciò suggerisce un'ansia su come la 'Massoneria' fosse percepita nelle mani dello studioso precedente e una speranza che ad ogni nuova affermazione, 'la verità' fosse finalmente chiara. La persistenza del ciclo tra gli addetti ai lavori suggerisce che permane l'ansia e che il " resoconto storico e quindi attendibile"non è stato ancora raggiunto. La varietà di significati per il termine 'illuminazione/ment', che non sarà discusso qui, ha aiutato gli 'addetti ai lavori' a fare un caso, ma non ha aiutato la chiarezza. È sufficiente qui dire che l'idea di un passaggio dall'oscurità alla luce è stata variamente interpretata, poiché la natura della "luce" dipende sempre dalla natura dell'"oscurità" posta. I giudizi su chi è stato o è 'illuminato', quindi, sono risieduti nell'occhio dell'osservatore. A causa della natura degli ultimi tre o quattro secoli del pianeta, questi termini sono intrecciati in altri due insiemi di termini: uno che guarda avanti - "civiltà", "industrializzazione", "modernità", tra gli altri, l'altro che guarda indietro: "antico" , 'fede', 'tradizione', tra gli altri. La loro natura scivolosa non dovrebbe ostacolare l'esame di loro, ma piuttosto dovrebbe indicare una via da seguire, almeno per gli studenti della loro storia. 'L'Illuminismo [in maiuscolo]', ad esempio, è stato un termine contestato e un resoconto di quella contesa si sovrappone alla storia della 'Massoneria' e ciascuno è quindi uno strumento utile per esaminare l'altro.

Devo presumere che EF, l'organizzazione, non sia stata diversa da altri interessi acquisiti per quanto riguarda la percezione di sé, dal momento che non riesco a pensare a nessuna ragione per cui sarebbe diverso. Devo presumere che la sua immagine sia stata importante per lei, che abbia valutato e modificato la sua immagine nel tempo e che la sua credibilità – l'allineamento dell'aspirazione alla realtà – possa e debba essere messa in discussione come quella di qualsiasi altra organizzazione. Sembrerebbe ragionevole aspettarsi che una storia completa di EF, scritta dall'interno o meno, includa le azioni intraprese per alterare il modo in cui è stata percepita e le valutazioni dei suoi motivi per farlo. Gli storici professionisti non erano così ignoranti nel 1859 che le affermazioni dei fratelli avrebbero potuto sopravvivere a un serio esame anche allora, ma poiché le conoscenze pertinenti si svilupparono successivamente, si è verificata una cosa curiosa: la maggior parte degli studiosi non massonici ha preferito lasciare che le affermazioni fossero, piuttosto che intraprendere l'esame necessario. Gli addetti ai lavori affermavano di essere i custodi di una "verità" che forse i ricercatori non iniziati volevano fosse vera. Gli addetti ai lavori dovevano quindi essere placati con lodi e luoghi comuni, non confrontati e possibilmente ribaltati. Naturalmente, alcuni di questi osservatori apparentemente obiettivi si sono rivelati fratelli iniziati.

EF non ha contribuito a quell'illuminazione che è l'acquisizione e la distribuzione imparziale della conoscenza allo scopo di migliorare il benessere umano. L'UGLE si è persino astenuta dall'assistere i suoi "difensori in prima linea" contro detrattori ben dotati e non ha fatto alcuno sforzo per interpretare per i suoi membri i numerosi sconvolgimenti economici e sociali che sono stati banco di prova per gli ideali che EF sosteneva di sostenere. Eppure questa organizzazione che proietta un'immagine di neutralità politica, benevolenza universale e verità assoluta ha scelto di schierarsi in alcune importanti lotte per la ricchezza e il potere all'interno del sistema politico inglese/britannico. È da notare che i tredici decenni di studio condotti da QC sono avvenuti nonostante i decisori della Grand Lodge [UGLE] abbiano mantenuto il silenzio su ciò che veniva detto in suo nome. Infatti,

Nel corso dei tre secoli di esistenza di EF, parti del mondo esterno hanno continuato a cercare modi per impegnarsi e quindi per comprendere meglio il "passato". Il principale storico australiano del 20° secolo, Manning Clark, era solito dire che ogni generazione riscrive il passato secondo le proprie ambizioni. EH Carr ha condiviso questo punto di vista. Ma per molti in questo settore c'è molto di più dell'ambizione generazionale. È improbabile che la comprensione di una persona di qualcosa che ha appena visto sia universalmente accettata da altri osservatori: questa è la natura delle cose. Ma con STORIA, 'il record' dei grandi eventi, eventi che hanno colpito milioni di persone, c'è una competizione più accesa, c'è sangue nell'aria. La storia di come la 'storia' – studiare e rappresentare il passato – è stata intesa è un altro strumento utile e necessario. La paura e il disgusto dello Stato Islamico nei confronti delle rovine e dei monumenti antichi è solo un segno dell'importanza che tutti noi investiamo nella lotta per il controllo del 'passato'. Compriamo un giornale piuttosto che un altro a causa della sua interpretazione di eventi passati, alias "le notizie". Osserviamo un commentatore non un altro perché è visceralmente importante per noi vedere e sentire le nostre opinioni convalidate. Siamo indignati quando un edificio, una reputazione o una "cosa" memorabile viene danneggiata. I più stoici di noi possono essere provocati in una protesta pubblica solo dalla profanazione verbale di un simbolo, come una bandiera, o un ricordo, come il tentativo di qualcuno di sostenere una visione alternativa dello sbarco di Gallipoli, della Battaglia d'Inghilterra o dell'Ultima Resistenza di Custer. Ci sono, ovviamente, potere, influenza e molti soldi in gioco.

Come parte della Guerra Fredda dopo il 1945, gli studiosi occidentali hanno insistito sul fatto che, in contrasto con la falsificazione e la manipolazione dei documenti da parte degli storici nazisti e sovietici, praticavano l'accuratezza storica, l'obiettività e la veridicità. Che cos'è la storia di EH Carr ? del 1961 e The Practice of History di Elton, 1967, sosteneva un esame rigoroso delle fonti primarie, in effetti, riaffermava la necessità di una "storia scientifica" perché non esisteva ancora da nessuna parte. La mancanza di unanimità su ciò che era coinvolto nello scrivere una storia accurata è continuata tra i non massoni, se non all'interno di EF. Quella di Carr era una visione sociologica della storia come il prodotto di individui, ognuno necessariamente diverso, mentre la risposta di Elton era che i documenti erano tutto, le motivazioni di storici particolari niente. Durante la guerra del Vietnam, Noam Chomsky ha sottolineato il ruolo cruciale svolto dagli intellettuali partigiani nella creazione e nel mantenimento della "verità occidentale". Denominati "i nuovi mandarini",[viii] Collegando questi eventi recenti con un precedente conflitto che coinvolgeva gli interessi petroliferi statunitensi, la guerra civile spagnola degli anni '30, Chomsky ha mostrato la combinazione di forze che guidano il presunto "linguaggio scientifico e privo di valori" nelle scuole, nelle università, nei parlamenti e nei gruppi di riflessione: ' Mi sono concentrato su un tema: l'interpretazione della rivoluzione sociale in Spagna... (e) su (a) un'opera che è un eccellente esempio di cultura liberale... per dimostrare che un profondo pregiudizio contro la rivoluzione sociale e un impegno per i valori e l'ordine sociale della democrazia borghese liberale ha portato l'autore a travisare eventi cruciali... a trascurare le principali correnti storiche... e ad un sorprendente fallimento dell'obiettività.' [ix] A quel tempo, le sue intuizioni erano molto controverse. Oggi sono molto più vicini all'essere comunemente tenuti, almeno da professionisti impegnati a consentire alle prove di guidare. Nuove mode, tuttavia, hanno continuato a minare i loro sforzi, fino al punto negli anni '80 e '90, in cui si contemplava la "dissoluzione della storia" come materia adatta per uno studio serio: " Al posto della fiducia ottimistica nel progresso della la disciplina... gli storici alla fine del ventesimo secolo sono perseguitati da un senso di tristezza.' [x] Nessuna di queste correnti è emersa nella letteratura privilegiata di EF.

Il compito che mi sono prefissato sarebbe già abbastanza complesso se ci fossero solo due gruppi di storici massonici da riconsiderare, insider e outsider. Attratto dall'aria di mistero e divisione, un terzo gruppo, principalmente teorici della cospirazione, ha evocato un mix che mi ricorda il Mago di Oz, o l'infuso delle streghe di Macbeth: un mix di fatti noti e speculazioni eclatanti, il tutto oscurato da nuvole di fumo verbale e specchi. A volte mi chiedo se sono impegnato a svelare lo spettacolo di legedermain più longevo ed efficace di tutta la storia dei music-hall. Eppure, maghi, imbroglioni, truffatori e donne sono stati presenti, in particolare nei resoconti del 18° e 19° secolo che hanno sostenuto i legami tra i Templari originali, gli Illuminati e altre confraternite bavaresi, e un numero qualsiasi di cospirazioni globali. Per più di un motivo,

Autori entusiasti in tutti e tre i gruppi, colpevoli dei peggiori tipi di asserzioni prive di prove, hanno contribuito a oscurare quali dati utili ci siano. Alcuni, allineando la "Massoneria" solo con la politica della sedizione, hanno reso facile per gli "addetti ai lavori" rivendicare un'altura morale dove non può esistere - nel presunto punto in cui la non politica equivale al sostegno dello status quo. L'estensione di questo, l'idea che i fratelli agiscano sempre ed esattamente in linea con la formula formulata dalla Gran Loggia, corrisponde in stupidità all'idea che i massoni si siano sempre interessati solo a minare i governi.

Sono particolarmente preoccupato perché la letteratura passata contiene così tante ipotesi non esaminate che anche i ricercatori più recenti, non iniziati e apartitici stanno costruendo nuovi castelli di carte, fragili come quelli eretti in precedenza. Questo è un pericolo indipendentemente dal fatto che gli studiosi siano in sintonia con la "Massoneria" o meno, la varietà di conclusioni riflette la natura insoddisfacente della borsa di studio precedente.

Un certo numero di accademici inglesi formati in sociologia hanno esplorato gli elenchi di membri dell'EF di città e regioni per i cluster occupazionali e hanno tratto conclusioni sull'identità sociale e sulle reti di benevolenza. Raramente, se non mai, lo hanno fatto alla luce di dinamiche politiche locali, dettagliate, con il risultato che le conclusioni sono state banali: ' L'ordine ha fornito contatto, socialità e scambio di informazioni e supporto... in un modo che riconosceva il sociale gerarchia.' [xi] A questo livello di generalizzazione, sembra che la "Massoneria" sia un'aberrazione scientifica, un'entità singola che non è mai influenzata dalle sue circostanze, ma non è del tutto inerte. Tra i pochi, politicamente consapevoli, che approfondiscono il materiale, è apparsa una divisione cruciale quanto al significato. C'è un licenziamento totale - Jonathon Israel ha affermato nel 2006: " Se il nostro obiettivo è entrare nel vivo dell'Illuminismo come fenomeno storico mondiale di importanza decisiva, probabilmente il meno detto sulla Massoneria, meglio è". [xii] E ci sono affermazioni di importanza schiacciante – per esempio, quella di Harland-Jacob, che l'Impero Britannico fosse un'impresa massonica, (vedi sotto).

Margaret Jacob, pioniera studiosa statunitense che ha subito l'ostilità da parte di alcuni EF per aver messo in dubbio il " primato inglese negli affari massonici mondiali", ha accettato alla lettera ciò che i "massoni" francesi hanno detto su se stessi e sull'Ordine, nella misura in cui ha costruito un teoria della "società civile" sulla base delle loro affermazioni pubblicate. [xiii] L'interpretazione di Kenneth Loiselle del 2014 dell'amicizia maschile nella Francia del 18° secolo è altrettanto dubbia. In un'epoca di gesti floridi ed espansivi, la motivazione è sicuramente la prima domanda di fronte alle dichiarazioni di un uomo a un altro, come ad esempio: '…(spero) vederti e abbracciarti, giurarti che ti amo, che ti adoro, giurarti una fermezza eterna…quello che provo per te è ciò che un amante appassionato prova per la sua amante in sua assenza .' [xiv] Juan Cole ha citato dello stesso periodo un sentimento simile di un soldato francese su un compagno appena deceduto, che include: ' …Barbari assassini gli hanno strappato la vita. Valoroso, nel fiore della sua giovinezza, buono, sensibile alla gloria e all'amicizia, circondato da stima, coperto di allori, cadde nelle armi di beduini crudeli.' [xv] La differenza è che Cole ha notato che l'elogio funebre è fraudolento: l'"amico" si è suicidato.

L'ingenuità (ignoranza?) di Loiselle è qui doppiamente rilevante poiché ha collegato la sua teoria dell'amicizia maschile direttamente alla cultura in cui si formò EF: " I philosophes erano particolarmente attratti dalle libertà di religione, opinione e associazione dell'Inghilterra Hannover, e dalla Massoneria, naturalmente, incarnava quest'ultimo ...' (Loiselle, 2014, p.22) Ha fatto qui riferimento a Voltaire e Montesquieu e giustamente poiché la loro 'anglo-mania' era ben nota, ma la conclusione di collegamento, ' e la Massoneria, ovviamente , incarnava quest'ultimo...' è interamente suo, Voltaire, ad esempio, non entra in una loggia fino a poco prima della sua morte. Loiselle ha nella sua introduzione: " Fu la preoccupazione massonica per l'amicizia che di fatto distingueva l'ordine da altri modi di associazione".(Loiselle, p.29) Nella sua conclusione ha l'affermazione contraddittoria: ' (Esso) è improbabile che la Massoneria fosse unica nel panorama associativo della Francia del diciottesimo secolo. Altre associazioni di volontariato... somigliavano alla Massoneria e senza dubbio fornivano anche spazio per sviluppare solide amicizie che attingessero a temi morali simili e valori condivisi.' (Loiselle, p.251) Nel 2015, una studiosa olandese, Dorothe Sommer, ha esportato ipotesi non esaminate fino in Medio Oriente. All'inizio del XIX secolo, ha affermato, i disordini sociali e l'incertezza politica "hanno lasciato la popolazione siriana desiderosa di un nuovo modo per creare un senso di identità e solidarietà comune". La sua conclusione principale è: 'Per molti uomini la massoneria, nella forma di una rete capillare di varie logge sul territorio, era percepita come un mezzo per facilitare questo legame. Quindi, la frase "L'unione fa la forza", descrive perfettamente gli sforzi dei massoni siriani.' [xvi]

Una lettura delle memorie di JJ Rousseau, solo per fare un esempio, avrebbe disilluso questi studiosi delle ipotesi che hanno fatto. Questo famoso impiegato e filosofo del 18° secolo fece commenti espansivi sul suo amore per i suoi parenti e intimi senza mai entrare in una loggia. Ha anche scritto di come la sua crescita verso la maturità sia stata segnata dall'apprendimento della realtà della " dolce e santa illusione dell'amicizia". ( JJ Rousseau, 'Confessioni', Modern Library edn, NY, nd, p.403)

L'appartenenza massonica non rende automaticamente una persona l'incarnazione dei principi e dei valori dichiarati dall'organizzazione. I coinvolgimenti personali sono raramente statici o unidimensionali e le motivazioni variano da un "fratello" all'altro. I modelli di appartenenza - età, geografia, occupazione, famiglia - possono essere ricondotti a circostanze specifiche del tempo. Posizioni di leadership nella Massoneria e contemporaneamente in una varietà di altri campi - tribunali, mercati, parlamenti, militari - indicano l'esistenza di relazioni in tempo reale che, a loro volta, denotano normalmente politica e influenza politica. La "coincidenza" della prima ondata e declino di EF avvenuta durante gli anni dell'ascesa e della caduta di Robert Walpole (1717-1741) è troppo evidente per essere qualcosa di diverso dalla politica, anche prima che sia disponibile un contesto dettagliato. Propongo qui di chiedervi come sia avvenuto che i magistrati, gli scagnozzi e quelli che un tempo si chiamavano "uomini di posto", predominassero nella prima ondata di iniziati, ma poi, per molto tempo, e soprattutto al di fuori della Inghilterra, come mai il personale militare era sovrarappresentato? È la politica, non il livello di illuminazione nelle loro politiche che sono state utilizzate per separare EF dalle altre "Massonerie", in particolare quella francese, come verrà discusso qui.

La "Massoneria" non è e non è mai stata una singola entità, nemmeno in senso teorico o concettuale, ei resoconti in tempo reale delle sue varie versioni sono tutt'altro che risolti. I dibattiti sulla definizione della parola tremolano spasmodicamente e se "esso" iniziò nel 1716-23. [xvii]Nel dibattito generale, c'è stato un miscuglio tra EF l'organizzazione, che non esisteva prima del 1717, e un'altra entità, vaga ea mio avviso erroneamente denominata, scritta come "massoneria", ma che dovrebbe essere la nozione più ampia di " fraternalismo.' Accetto che per la maggior parte dei fratelli EF, oggi, c'è solo una "Massoneria". Per pochi altri c'è la 'Massoneria regolare', a cui appartengono, e 'irregolare', a cui è vietato aderire. Hanno scarso interesse per la "Massoneria irregolare" e ne hanno ancora meno comprensione. Poiché la "loro Massoneria" proibisce la discussione di religione e politica all'interno della loggia, suppongono che i massoni "irregolari" probabilmente discutono di queste questioni. Alcuni saprebbero che la "Massoneria francese" è stata un particolare spauracchio di EF e potrebbero sapere che i fratelli francesi sono stati attivamente coinvolti nella politica a volte in passato. La distanza tra Massonerie 'regolari' e 'irregolari' appare vasta ma poiché non possono discuterne le ragioni, sono effettivamente esonerate dall'indagare ulteriormente. È dubbio che apprezzino che l'esistenza di "Massonerie" in competizione implica che qualcuno, da qualche parte, abbia fatto una scelta con la quale qualcun altro non era d'accordo.

La scelta originale fatta da EF non è stata semplice, anche se potrebbe essere stata fatta di fretta. Il contesto complessivo iniziò prima del 1716, e ben prima che "gli Antient" si contendessero "i Moderni", su cui si sono concentrati molti autori. Ironia della sorte, la scelta operata da EF non è stata quella ovvia, che un osservatore imparziale avrebbe potuto pensare le sarebbe stata di grande interesse. Questa era la cosiddetta forma giacobita di "Massoneria" che collegava il segreto artigianale e significati simbolici pittorici/architettonici con una serie di filosofie speculative. A parte questo, affermare che EF è semplice, perfetto e immutabile, significa spogliarlo del suo scopo di motivare la curiosità, la sperimentazione e l'apprendimento. La mia curiosità è iniziata quando ho percepito l'approccio sprezzante di EF all'apprendimento in generale e al suo "recente" passato in particolare:perché un'organizzazione che afferma di essere interessata all'illuminazione dovrebbe avere una visione così poco illuminata, e come è nata ? Ho adottato la definizione di Kant, vale a dire che 'illuminazione' = ' l'emergere dell'uomo dalla sua immaturità auto-incorsa.' Nelle mani di EF, il termine è stato ridotto al tipo più meschino e ristretto di "autosviluppo", a qualsiasi attività che potrebbe essere etichettata come "auto-attivata". Kant era molto più onesto, la sua definizione continuava: "L' immaturità è l'incapacità di usare la propria comprensione senza la guida di un altro". In essa è contenuta non solo una definizione di potenziale discente, ma anche la definizione di qualsiasi organizzazione a cui appartiene l'allievo e in cui si presuppone l'“apprendimento”. Proseguì: 'Questa immaturità è auto-incorsa se la sua causa non è la mancanza di comprensione, ma la mancanza di determinazione e di coraggio per usarla senza la guida di un altro .' Per rientrare nell'ambito del suo mandato, l'organizzazione EF dovrebbe rispettare le cose da fare e da non fare nella sua pratica. Sarebbe necessario non limitare in alcun modo lo studente e fare tutto il possibile per portare lo studente da uno stato di indecisione a uno di solida indipendenza con tutto ciò che ciò implica. Kant non era un ozioso romantico. Era ben consapevole delle pressioni negative, politiche, religiose ed economiche su qualcuno che cerca di capire: " Il motto dell'illuminazione è quindi Sapere aude [Osa essere saggio!] Abbi il coraggio di usare la tua stessa comprensione!" [xviii]

È dubbio se una qualsiasi delle molte varietà di Massoneria del globo possa essere considerata, o sia stata, illuminata nel senso kantiano. Jonathon Israel riteneva che: '... Sebbene a volte impiegasse una retorica dell'uguaglianza, la Massoneria francese e tedesca del diciottesimo secolo in realtà non cercava quasi mai di cancellare le distinzioni tra l'aristocrazia e la gente comune, o tra l'alta borghesia e l'uomo comune, piuttosto tali modi di la socialità cercava principalmente di preservare ed enfatizzare la gerarchia nel contesto delle proprie regole e attività...' [xix]

Quindi, una verità più alta, mera schiuma e bollicine, gioco di prestigio o umanesimo rivoluzionario con un altro nome – la domanda con 'Massoneria' è sempre stata cosa è reale e cosa non lo è? Non è necessario che i Massoni della Gran Loggia inglese siano visti come burattinai dietro le quinte impegnati nell'ingegneria sociale per cercare questioni politiche da porre. Personalmente, non sospetto schemi di tipo "Nuovo Ordine Mondiale" a lungo termine, piuttosto una sorta di festa mobile, con EF creato e ricreato in fuga per soddisfare le esigenze di circostanze mutevoli.

Possiamo essere certi di una cosa: nel corso di tre secoli, ci sono stati tentativi deliberati di ingannare, escogitare e nascondere la "Massoneria", insieme a tentativi di spiegazione genuini, anche se fuorvianti. Alcuni 'trame' sono venuti da persone timorose del potere della realtà, altri sono venuti da coloro che hanno beneficiato del suo funzionamento. In momenti diversi, entrambi si sono aggiunti alla nebbia di voci, bugie e allusioni su un fenomeno molto strano.

Le ipotesi

Ipotizzo che EF sia stata una risposta deliberata alla contesa politica del periodo 1716-1723 e che sia avvenuta attraverso la comunità Hughenot di Londra alla ricerca di un quid pro quo con l'amministrazione. I principi sposati da EF, che logicamente avrebbero dovuto impedirgli di formare un allineamento con entrambi i gruppi, formavano una storia di copertura dietro la quale si è evoluto un modus operandi in base al quale EF, i leader Hughenot e "il governo" hanno lavorato insieme. Ipotesi che l'allineamento di EF con la politica Whig/Hannoveriana negli anni '20 e '30 del Settecento lo mise su un percorso che non poteva essere modificato in seguito, un percorso che significava non solo un continuo sostegno pubblico ai trionfi del governo, ma anche sostegno e coinvolgimento nelle sue attività militari e segrete , anche. L'argomento da avanzare qui è che la strategia, se è così, non ha più alcun senso. Fino alla fine del XIX secolo, lo stretto coinvolgimento di EF con lo stato inglese/britannico conferiva alla sua discrezionalità un valore strategico. Da quel momento, quando EF ha perso la sua importanza pratica per l'amministrazione, nulla di ciò che UGLE avrebbe potuto dire avrebbe potuto danneggiare o indebolire coloro che un tempo facevano affidamento sul suo silenzio.

Questo saggio non può che essere speculativo. Noterà personaggi influenti lungo la strada, ma non si basa su "massoni famosi" o su statistiche. Si basa su due fatti: l'allineamento di EF a regimi governativi specifici, al suo inizio e al suo secondo momento più significativo, l'Unione del 1812-13. Presumo che nessun decisore di GL sia stato in grado di rimanere a debita distanza dal "loro governo". Gli studiosi interni hanno insistito sul fatto che i massoni per definizione sono sudditi leali di qualunque "governo" sia al potere. Hanno ipotizzato che il divieto dell'Ordine di discutere di religione e/o politica fosse diretto a politiche di opposizione e quindi introdotto per prevenire divisioni interne. Presumo che il divieto fosse il contrario, che fosse diretto a impedire la discussione degli sforzi di EF a sostegno del governo. Ma, in ogni caso, dov'è la linea da tracciare? Dipende dalla situazione, dal grado della crisi, forse? E chi deve decidere quali azioni vanno bene e quali no? Le prove mostrano che gli EF partecipano alle celebrazioni dei trionfi dello Stato e assistono il "governo" in numerosi modi pubblici, ad esempio ponendo pietre di fondazione. Il divieto viene annullato quando si organizzano queste collaborazioni? Esprimere pubblicamente lealtà al regime al potere, e non solo partecipare a un evento organizzato, è un'attività politica. Come potrebbero i sudditi fedeli, dichiarata la loro fedeltà, non partecipare anche ad attività di sostegno dietro le quinte o per strada – facendo donazioni, assistendo a campagne, facendo parte delle forze armate? Dove cade la linea per quanto riguarda le attività neutrali? e chi deve decidere? fino a che punto si spingerebbero i lealisti in nome della "lealtà"? Quanto lontano dovrebbero andare?

Non ci sono documenti fondanti autorevoli per EF prima del 1723 e pochi dopo. L'affermazione critica più citata dai curatori dello status-quo per giustificare il non parlare delle dinamiche sociali che hanno dato vita a EF è tratta dalle Costituzioni del 1723 del reverendo Anderson . Scrisse che l'ingiunzione religiosa presumibilmente giurata da muratori operativi, cioè lapidei: 'l'ingiunzione diretta di fedeltà a Dio e alla Santa Chiesa' , fu sostituita dai decisori con le parole: ' Ora si ritiene più opportuno solo obbligare (fratelli) a quella Religione in cui tutti gli uomini concordano, lasciando a se stessi le loro opinioni particolari». [xx]Questa frase è stata usata per sostenere che la tolleranza era centrale per EF e che era la ragione alla base del successivo divieto di tutte le discussioni religiose in loggia. È stato inoltre supposto che la formulazione usata nell'unione del 1813 di due filoni concorrenti di EF, gli "Antients" e i "Moderns", fosse nella stessa vena, vale a dire: " Che la religione o il modo di adorare di un uomo sia quello che possa, non è escluso dall'ordine, purché creda nel glorioso architetto del cielo e della terra e pratichi i sacri doveri della moralità». [xxi] La formulazione del 1813 avrebbe rafforzato le intenzioni delle parole del 1723 di introdurre una pratica di loggia totalmente scristianizzata [xxii]

In isolamento, le affermazioni sono logicamente dubbie. Quando viene dato loro un contesto, emergono interpretazioni più probabili. Prima di entrare nel dettaglio, mi servo del lavoro di alcuni studiosi recenti per definire quel contesto.

L'AUMENTO

PARTE PRIMA: Lo scopo della massoneria inglese

La svolta degli studiosi

Quando sostenevano l'esistenza di una "massoneria" precedente al 1717, "addetti ai lavori" di EF intendevano o scalpellini medievali o una sorta di proto-EF che non è il noto "fraternalismo" dorato. Rimane inspiegabile come la loro versione differisca dalla forma più nota, ma questo è uno dei problemi minori affrontati dagli storici di EF tre secoli dopo. Gli "operativi" muratori presumibilmente non avevano alcuna relazione spirituale con il loro lavoro e di conseguenza le loro opinioni personali sono state respinte come irrilevanti. Lo status della nobiltà, i non operativi che sono diventati "massoni", in particolare i Gran Maestri [GM] sono stati, d'altra parte, minato spietatamente per supportare la storia ufficiale.

In quella taverna a Londra del 1716, l'eccitazione suscitata da quegli uomini e dal loro pensiero sorprendentemente innovativo deve essere stata immensa. Sussurri, grida, allarmi nella stanza, spie del governo in bilico – cosa diciamo al capo ??? – le tipografie a basso costo che si affrettano ad essere le prime in strada con le notizie – 

ARTIGIANI PENSIERO RIVOLUZIONARIO — GRANDI MAESTRI E BOOZE-UP ANNUALI – TUTTE LE NOVITÀ

Ma aspetta – nessun rapporto è apparso, nessun annuncio è stato fatto, nessun resoconto anonimo, 'insider' – nessuna informazione di alcun tipo è apparsa nei 300 anni trascorsi per provare che quell'incontro sia avvenuto. Quei fratelli fraterni devono aver corrotto, intimidito e combattuto con le unghie e con i denti per assicurarsi che nessuna riga di quella riunione del club apparisse in nessun foglio o opuscolo e che nessun informatore sia riuscito a informare il proprio capo di questa ultima minaccia a rapporti di lavoro armoniosi. Parliamo di SOCIETÀ SEGRETA!!!!

Non era necessario alcuno sforzo di manipolazione della stampa quando i ranghi dei dignitari in grembiule e ingioiellati sfilarono un secolo e mezzo dopo per consolidare l'immagine pubblica dell '"Ordine dei massoni antichi, liberi e accettati" nelle menti degli spettatori attoniti.

Nessun insabbiamento, nemmeno un altro secolo e mezzo dopo, nel 2015. Il tifo e gli applausi sono stati ora sostituiti da nervature pitone-piccole, spinte e ammiccanti mentre gli hack dei media ridono consapevolmente sulle foto esilaranti di un ' false forze di polizia massoniche' e gli arresti di una collezione screziata di truffatori e aspiranti in California.

L'ascesa dal nulla all'apice del potere e dell'influenza merita certamente pubblicità. Rifiutare quindi lo status di sostegno per una truffa pubblicitaria potrebbe essere solo la triste ma prevedibile storia di qualsiasi organizzazione cresciuta con l'Impero e declinata quando quell'impresa è andata invertendo. Come altri esempi vengono in mente la British East India Company e la British & Foreign Bible Society. Ma l'ascesa di EF non è stata semplice e la sua caduta non è priva di significato.

Sebbene inizialmente sorpresi e confusi da ciò che le prove concrete stavano mostrando loro, tre autori recenti in particolare, Jessica Harland-Jacobs, Ric Berman e Marsha Keith Schuchard, sono stati impegnati nell'aggiornamento dello sforzo rivoluzionario di David Stevenson per superare la mente massonica di lunga data. imposta. È evidente che anche per intaccare la narrativa radicata, è stata necessaria una serie di testi. Stevenson scrisse nel suo primo titolo nel 1988: " A volte può sembrare che io sia indebitamente interessato a spiegare e provare punti in modo dettagliato che alcuni lettori sarebbero felici di essere risparmiati". In attenuazione, ha spiegato: " (In) un campo minato pericoloso come la storia massonica si è spesso rivelata, è necessario pianificare ogni passo con la massima cura". [xxiii] Rimane la necessità di dettagli per contrastare anni di speculazioni, quindi fai attenzione se ti annoi facilmente o stai cercando una risposta facile.

Stevenson si preoccupò principalmente di documentare le logge scozzesi che precedettero la prima Gran Loggia inglese, evento del 1717, come dice, indusse molti "addetti ai lavori" in seguito a presumere che quello fosse il momento in cui iniziò tutta la "Massoneria". Ha scritto come osservatore esterno, ma è stato attento a non disturbare la "solita" narrativa di EF con sede a Londra una volta stabilito che iniziava solo dopo la versione settentrionale. Nel 2007, Harland-Jacobs, anche lei estranea, era ugualmente rispettosa della narrativa post-1716 mentre puntava la sua tesi revisionista in una direzione diversa: che nel crescere dal nulla all'ubiquità, EF era strettamente parallelo all'Impero Britannico, che l'Impero Britannico era , infatti, un'impresa massonica. La sua argomentazione culmina, in un certo senso, con Lord Carnarvon, un EF di alto rango del 19° secolo e Segretario di Stato per le colonie,"La Massoneria... ha riflesso... e consolidato l'Impero Britannico". [xxiv] Ha studiato il suo straordinario schema di quello che equivaleva a un Parlamento mondiale e ha concluso che vedeva i suoi doveri massonici e imperiali come interdipendenti: " La Massoneria inglese potrebbe essere vista come un regno, e la sua politica, come quella di un regno , aveva tre grandi relazioni, straniera, coloniale e domestica.' L'obiettivo grandioso avrebbe potuto portare rappresentanti di tutte le parti della "nostra federazione " a riunirsi per deliberare sulla politica e, sebbene fosse un logico contrappunto massonico a ciò che l'Impero era diventato nell'ultimo quarto del secolo, era, realisticamente , non più di un pio desiderio.

Da parte sua, il rinnovamento di Berman del "solito" approccio da insider è iniziato con l'argomento che la nuova organizzazione, EF, " diventò un veicolo per l'espressione e la trasmissione delle opinioni politiche e religiose (dei creatori") e per i concetti scientifici dell'Illuminismo che sostenevano, e quindi naturalmente attiravano un'adesione ambiziosa.' [xxv] Come reinvenzione, il suo EF è quindi sia nuovo che vecchio. Questo è importante per lui, anche se non nello stesso modo in cui lo era per i suoi predecessori iniziati. Negando il contesto di EF, i primi fratelli speravano di trasmettere l'idea che la "Massoneria" fosse senza tempo. Berman [xxvi]ha individuato la genesi 1716-23 di EF all'interno della rete londinese di magistrati, nobiltà, parlamentari e membri di società dotte. Il suo punto di vista, come quello di Harland-Jacobs, è incentrato sull'EF ma ha una politica più reale locale. Ha osato trattare i creatori di EF come esseri umani e riconoscere che alcuni hanno il fango sulle mani.

Le argomentazioni di Stevenson e Schuchard insistono sul fatto che qualsiasi riferimento alla "libera/muratura" prima del 1717-23 non può più essere considerato semplicemente come un "prototipo" di EF. Sebbene i loro ragionamenti siano complementari, le loro conclusioni sono molto diverse. Schuchard [xxvii] ha notevolmente ampliato le possibilità impegnandosi con una "scuola" di studiosi non utilizzata dagli altri tre. Vede EF sin dal suo inizio come il lavoro di Whig, i mediatori del potere hannoveriano che fanno una campagna con tutti i mezzi possibili per circondare e distruggere una precedente forma di "Massoneria" ebraico-scozzese-giacobita. La sua "realtà" massonica si lega a quella di Stevenson, ma consiglia di riconsiderare le "favole favolose". Ad esempio, lei crede che: 'la convinzione convenzionale che il giacobitismo fosse prevalentemente una causa cattolica portò all'omissione e persino alla soppressione (da parte degli storici) del sostegno della Svezia protestante alle affermazioni di Stuart e al contributo alla massoneria di Ecossais [aka scozzese]. ( Schuchard, 2012, p.4.) Il suo lavoro inizia con i re Stuart ancora sul trono d'Inghilterra e colloca EF all'interno della lotta per mantenere e poi reinstallare quella Casa.

Prese separatamente, queste sono scoperte entusiasmanti. Insieme, indicano un futuro intrigante. Ciascuno ha ampliato enormemente il potenziale panorama da esplorare per gli studiosi massonici, ma nel loro ambito combinato, è chiaro che la maggior parte del mondo geopolitico in cui è stata acclamata la diffusione della "Massoneria" deve ancora essere adeguatamente esaminato e ri- interpretato. L'uso da parte di Harland-Jacobs del cerimoniale pubblico ei suoi riferimenti alle preoccupazioni sull'identità sono sorprendenti, ma non più del rovesciamento da parte di Stevenson delle ipotesi di EF o della ricostruzione di famiglie e comunità di Schuchard e Berman per sostenere le loro argomentazioni. Dando un senso migliore alle "prove" di EF precedentemente inadatte, questi autori hanno indicato una gamma ancora più ampia di fonti, Schuchard, ad esempio, è penetrata in numerose aree di lingua non inglese dove è difficile ricordare che qualche "addetto ai lavori" inglese l'abbia preceduta. Sembra già chiaro, la crescita e la trasmissione di EF non sono mai state casuali, né i risultati solo di attrazione superficiale per i socievoli o gli ambiziosi. Alleanze familiari, campagne militari, corruzione, spionaggio e controspionaggio sono stati tutti protagonisti nello spettacolare arco di EF a livelli vertiginosi di potere e influenza, e nel suo declino.

Qualunque cosa sia avvenuta prima, l'organizzazione EF è stata creata nel 18° secolo, non nel 17° e non nel 19° secolo. È stata la creazione di uomini che vivono vite particolari e hanno a disposizione scelte di vita coerenti con il loro tempo e il loro luogo. A quel tempo, la società in cui è stata creata EF era in transizione, come tutte le società, ma da un passato specifico a un futuro specifico. Londra nel 1717 non era una società feudale e non era industrializzata, ma aveva elementi di entrambi, elementi riconoscibili come postumi di una sbornia di un'epoca precedente ed elementi che indicavano quello che potrebbe essere il futuro.

 Berman 

All'interno "l'interazione tra Massoneria, politica, filosofia e il punto di flessione culturale ed economica che fu l'Illuminismo scientifico", [xxviii] Berman afferma che EF era una creazione deliberata del reverendo Desaguliers, un piccolo numero di altri fratelli della Horn Tavern di Londra loggia e i loro sostenitori: ' In breve, insieme a un gruppo centrale di colleghi che la pensano allo stesso modo all'interno della Gran Loggia e della sua cerchia, Desaguliers ha creato una struttura che combinava la tolleranza religiosa latitudinale con il sostegno all'establishment parlamentare, alla socialità e all'intrattenimento, e la ricerca per e l'esborso di conoscenza. Queste erano idee e concetti che possono essere giustamente considerati al centro dell'Illuminismo inglese.' (RB, 2013, p.58)

Nella "solita" storia, Berman ha introdotto dimensioni geopolitiche, in particolare l'interesse ugonotto per l'istituzione dell'Ordine: " Lo stesso, se non maggiore senso di insicurezza e spinta all'autoconservazione era presente nella comunità ugonotta di Londra... La maggior parte (dei rifugiati dalla Francia) si era stabilita a Londra e non era un caso che fossero rappresentati in modo sproporzionato all'interno della Massoneria di Londra e che la sua leadership... fosse un baluardo contro il nudo assolutismo di Francia, Spagna e gran parte dell'Europa continentale.' (RB, 2013, p.3) Questa "comunità" rimane una massa indifferenziata nelle sue mani, e nell'introdurre i "credenti" di oggi all'idea di guadagno personale attraverso l'uso del mecenatismo massonico, Berman ha applicato la sua intuizione in modo selettivo.

Berman riconosce che i "reinventori" di EF dovevano essere, ed erano, incrollabili sostenitori dello Stato di Hannover. I suoi magistrati, ad esempio, erano "il baluardo contro la folla e ogni potenziale insorgere di tradimenti". Non è stato "un caso che i casi più politicamente delicati siano stati gestiti da lealisti fidati come Charles Delafaye e Thomas de Veil, entrambi ardentemente filo-Hannoveriani e ciascuno un importante massone ". (RB, 2012, p.192) Ma, nonostante i dettagli di alcuni degli stretti legami che legano gli iniziati e la conclusione che le prove dimostrano che "la Massoneria è stata associata all'apparato di stato",non ha sviluppato il pensiero. Nella sua versione, il pacchetto EF era di per sé attraente e politici Whig di spicco, dal "Primo Ministro" Robert Walpole in giù, e uno stormo di aristocratici, chiedevano a gran voce di essere iniziati. Berman ha ammesso che l'interesse personale di Desaguliers significava che accettava felicemente le "sinecure" offertegli da figure di spicco come il duca di Chandos, ma non lo collega agli ideali rivendicati della Massoneria. Concorda sul fatto che Chandos non fosse molto interessato a essere un massone e che per lui il valore di Desaguliers "risiede principalmente negli aspetti utilitaristici della sua conoscenza scientifica", in altre parole, nel denaro che si poteva guadagnare. Nelle parole di Berman, i favori erano'distribuito ai membri privilegiati dell'aristocrazia, quelli all'interno della cerchia ristretta della magistratura londinese, e ai colleghi stretti di Desaguliers, Payne e Folkes ', ma è Desaguliers, da solo, a cui attribuisce descrittori come 'in gran parte motivato da sé -interesse'.(RB, 2012, p.192) Questa applicazione selettiva di obbrobrio – altri sono semplicemente 'aspiranti' al patrocinio o stanno semplicemente esercitando le loro prerogative – gli consente di mantenere un cordone sanitario attorno a EF nel suo insieme. L'Ordine ha beneficiato del dinamismo di Desaguliers, del networking di Folkes e del magnetismo sociale dei nobili Gran Maestri, ma è rimasto completamente immune da tratti negativi come l'invidia, l'avidità o la brama di potere. EF, secondo Berman, era un destinatario passivo di circostanze favorevoli, mai un partecipante attivo con una capacità di scegliere o di negoziare. In un paragrafo conclusivo, allega "illuminato" a EF tre volte in undici righe - in effetti, sostenendo che EF era "illuminato" perchéincarnava un allineamento di programmi personali e statali che, non solo non lasciava alcuna macchia, ma forniva un bagliore estremamente positivo. Questo il paragrafo:

L'approccio di Desaguliers alla Massoneria era legato a obiettivi filosofici e politici personali e la Gran Loggia forniva un mezzo attraverso il quale questi potevano essere avanzati. In gran parte motivate dall'interesse personale, le sue opinioni politiche pro-Hannover erano condivise dalla comunità Hughenot nel suo insieme e, cosa più importante, da molti Whig anziani e intrecciate con le teorie dell'Illuminismo e i diritti naturali di John Locke. La reinvenzione della Massoneria come baluardo dello status quo di Hannover e del pensiero illuminato ha portato al suo abbraccio dall'establishment Whig e da molti di quelli al suo centro politico. E il forum che ha fornito per l'istruzione e l'intrattenimento ha risuonato con i suoi aspiranti membri nella misura in cui potrebbe essere considerato un avamposto dell'Illuminismo scientifico.(RB, 2012, p.192)

I "Nobili Gran Maestri" erano, secondo Berman, sempre prestanome passivi. Il lavoro a cui stavano dando il loro sostegno è stato svolto dai "ragazzi dietro le quinte" , quindi non indaga sui processi per cui sono stati creati i GM o su eventuali collegamenti che avrebbero potuto avere con i livelli inferiori della gerarchia amministrativa. L' EF divenne 'un club alla moda di conseguenza' , un 'movimento di massa' popolare e 'un centro sociale e politico' semplicemente grazie a un processo di osmosi che 'stimolava la sua espansione nella nobiltà, nell'esercito, nelle classi professionali e in altri gruppi di aspirazioni. ' (RB, 2012, p.193)

Tutto questo è un contesto significativo, ma è chiaramente incompleto. Non c'è nemmeno un soffio di dramma dalle sue logge o dalla sua Gran Loggia, nessun senso di rischi morali o pericoli fisici, nessuna delle delizie e delle eccitazioni di Londra, in breve solo un tenue attaccamento di EF alle dinamiche della City. La natura della società in cui lavorava Desaguliers e le scelte politiche che fece per prosperare in quella società, sono fondamentali per qualsiasi comprensione. Una spiegazione della genesi di EF deve almeno integrare i magistrati di Berman con eventi come la South Sea Bubble, i due processi al vescovo Atterbury e le "trame" giacobite del 1714-15 e del 1721. Soprattutto, deve approfondire la corruzione dilagante e gli intrighi vorticosi che erano i tratti politici più evidenti del periodo. Soldi dubbi, ambizione spietata e politica internazionale sono elementi esplicativi più utili per EF degli ideali illuministi.

Stevenson e Schuchard

   Stevenson ha spiegato che la Riforma in Scozia ha portato a logge operative conformi alla chiesa protestante di nuova costituzione dall'inizio del XVII secolo. L'ermetismo e il rosacrocianesimo influenzarono le pratiche degli scalpellini e, per estensione, ciò che in seguito divenne EF. Affinché entrambe le transizioni, dallo scozzese all'inglese, e dalla "massoneria" operativa a quella speculativa, apparissero fluide e prive di conflitti, si riferiva solo a individui che riteneva adatti alla sua narrativa, come Robert Moray. Sottolineò come le teorie precedenti al 1600 sulla ricerca dell'illuminazione/salvezza diventassero personali e individuali e come ai metodi di ricerca, ad esempio il cerimoniale massonico, fosse negato il significato religioso come prezzo dell'accettazione dello Stato. La sua insistenza su un agevole passaggio storico sminuiva il valore della sua opera che, a volte,Sicuramente i muratori, e le loro logge... vedrebbero immediatamente la presunta Fratellanza Rosacroce come per molti versi simile alla loro.' (DS, 1988, p.102) e: ' Collocato in questo contesto, l'idea che i muratori avrebbero potuto considerarsi parte della ricerca rosacrociana diventa non solo plausibile, ma anche uno sviluppo abbastanza probabile.' (DS, 1988, p.103)

Affidarsi come fece a Francis Yates per la sostanza dell '"idea massonica" - "tolleranza religiosa, legame emotivo con il passato medievale, enfasi sulle buone opere per gli altri e attaccamento fantasioso alla religione e al simbolismo degli egizi" - era non è una buona idea. (DS, 1988, p.85) Questa essenza è un'articolazione di ciò che gli addetti ai lavori hanno affermato per la "Massoneria" organizzata, e lei, una precedente ricercatrice dell'illuminazione esoterica, non sapeva di meglio che accettare ciò che le era stato detto dagli "interni" , ma è ancora da dimostrare che era la loro pratica. Stevenson ha riconosciuto: 'Naturalmente gli stessi muratori devono essere stati sicuramente deliziati e lusingati dai legami che si potrebbero creare associando la loro arte alla ricerca ermetica, poiché tali connessioni potrebbero, se sfruttate, conferire alla loro arte uno status unico' (DS, 1988, p.85) , ma questo è il più vicino possibile a trattare i suoi personaggi come umani.

Nella visione più realistica di Schuchard, l'EF del 1717-23 era interamente politico, decisamente protestante e una concezione esplicitamente hannoveriana, una reazione contro il dominio giacobita/ebraico/esoterico della "Massoneria" prima del 1717. Il suo trattamento, qualunque ulteriore ricerca mostrerà, ha meno del favoloso e meno del pre-concetto. I suoi "personaggi" sono più umani, cioè più imperfetti, più inclini a essere tentati, derubati, umiliati, ambiziosi e/o venali. Ha unito la ragionevole fede nel divino con azioni comprensibilmente profane. Stevenson e altri hanno trattato questi due mondi come separati ma come se fossero storicamente equivalenti.

Basandosi su archivi inediti, ha stabilito che lo spionaggio era cruciale per entrambe le parti del conflitto. Incentrando il suo studio del periodo post-Stuart su Emanuel Swedenborg (1688-1772), sostiene che quest'uomo "(che) ha guadagnato fama e infamia come scienziato naturale e teosofo visionario" era anche un maestro intelligencer, cioè un agente segreto , per la restaurazione di Stuart, per il re di Francia Luigi XV e per il partito filofrancese e filogiacobita dei "Cappelli" in Svezia .' [xxix] Il suo lavoro è più controverso quando mette in parallelo l'esoterico con la politica exoterica per illustrare la "codifica politica" che Swedenborg usava per comunicare con altri attivisti filo-giacobiti. Le tradizioni ebraiche e gli esperimenti degli esploratori cabalistici, ermetici e rosacrociani furono la fonte della loro identità e dei loro codici: "(Robert) Hooke [della RS] sostenne che [John] Dee (1527-1608) [consigliere di Elisabetta I su tutto il lavoro scientifico/magico] aveva appreso dalla Steganographia di Tritemio il valore di un codice così "celeste" per un pericoloso lavoro diplomatico e di intelligence. ' (Enfasi nell'originale – Schuchard, 2012, p.89) Questi collegamenti contestualizzano la mistica cavalleria dei cavalieri guerrieri impegnati nella ricerca della verità di Dio attraverso trance, sogni, visioni eazione giusta e forniscono molteplici fonti crittografiche rilevanti, come testi religiosi/esoterici provenienti da tutta Europa e dal Medio Oriente, persino dalla Cina. Schuchard ha: ' Dopo aver fornito una dotta storia della crittografia e della scrittura cifrata (attingendo alle opere di Hermes Trismegistus, Francis Bacon e Trithemius), (Dr John) Wilkins [1614-1672 – ecclesiastico anglicano e membro fondatore della RS] tecniche descritte per realizzare inchiostri a scomparsa e carte speciali per nascondere i messaggi. I veri maestri della comunicazione segreta furono gli ebrei, le cui tecniche “paraboliche” influenzarono perfino Gesù». (Schuchard, 2012, pp.70-71)

I collegamenti individuano anche alchimisti, credenti nel paranormale e "filosofi naturali" accanto ai duri politici su entrambi i lati della lotta massonica, come crittografi, corrieri segreti e agenti sul campo. La sua interpretazione dell'amicizia di Moray con Wilkins è molto interessante. Una convinzione nella rettitudine della causa ha razionalizzato l'uso delle competenze militari e diplomatiche in tutti i loro aspetti pubblici e privati. Stevenson ha stabilito un certo numero di questi collegamenti ma non li ha seguiti.

La tesi di Schuchard per l'evoluzione post-1717 di EF, che è riportata di seguito, ha sollevato una serie di questioni probatorie alcune delle quali sono già state colte dalla critica, e ad alcune delle quali ha risposto. [xxx] Probabilmente l'implicazione più difficile da accettare è l'idea che l'istituzione di EF nel 1717-23 fosse una dichiarazione di guerra per la quale non c'è ancora stato un trattato di pace .L'esistenza amministrativa di EF, lontana dalle sue esistenze simboliche e caritatevoli, può essere 'letta' come una campagna perché quella era la natura del mondo in cui era nata. Il contesto totale include necessariamente la macchina militare inglese/britannica e il suo spionaggio programmato. EF ha preso posizione sapendo che il suo mondo era un mondo di complotti e contro-complotti con la vita delle persone in bilico. Nella dimostrazione di Schuchard delle credenze artigianali ebraiche e del misticismo salomonico in Scozia, ma in viaggio verso il "Nuovo Mondo", lo spionaggio è quasi una questione secondaria. Dimostrare che lo spionaggio al centro dell'evoluzione di EF è stato del tutto dato per scontato dai partecipanti su tutti i fronti è forse il suo contributo più importante.

Sir Robert Moray, iniziato nel 1641, è un esempio di come le opinioni degli studiosi sulla natura e sulla funzione dell'EF cambiano quando lo spionaggio viene aggiunto al mix. È stato affermato dalle amministrazioni EF successive al 1723 e dai "loro" studiosi come un iniziato pionieristico della loro forma di "Massoneria". Schuchard lo colloca dall'altra parte: ' Con l'ingresso di Moray sulla scena politica, uno dei principali attori del dramma massonico di Stuart iniziò a recitare il suo ruolo provocatorio... (I suoi) talenti furono notati da [l'astuto cardinale francese] Richelieu, un dotto mecenate dell'architettura militare e domestica, che sviluppò rapporti confidenziali con i maestri muratori ei loro artigiani.' [xxxi] Il background militare di Moray, il suo nazionalismo scozzese e il suo noto coinvolgimento in una serie di cospirazioni consentono di trarre alcune conclusioni logiche che aiutano a comprendere le prove successive, come le logge militari e l'addestramento dei Royal Engineers. [xxxii] La sua posizione nell'esercito come quartiermastro si adattava ai suoi talenti in ' rilievi e altre materie matematiche e tecniche' , (Stevenson, 1988, p.167; Schuchard, 2002, p.442) che in pratica significava che era responsabile dello spionaggio in prima linea del suo comandante. Elias Ashmole, un altro dei "Massoni" pre-1717 rivendicati dalla letteratura post-1717, mescolava anche coinvolgimento militare, interessi in "matematiche e tecniche" con un approccio esoterico all'apprendimento. Swedenborg aveva un simile mix di interessi e Schuchard integra le sue visioni prosaiche con l'esoterico. Le sue capacità "visionarie" relative a codici, cifrari e sogni, dopotutto, non sono diverse da quelle rivendicate dai poeti irlandesi/gaelici come mezzi pratici per nascondere le attività politiche alla sorveglianza e alla repressione di Hannover.

Questi studiosi hanno fornito un contesto importante, ma è necessario altro. C'è ancora la città di Londra, i suoi cittadini e i loro scambi quotidiani da considerare. Ritorno su questi argomenti dopo aver esaminato lo spionaggio in generale.

Cos'è lo spionaggio?

Lo spionaggio inizia e finisce con la raccolta di informazioni. Lo facciamo tutti nella nostra vita quotidiana, ed è inevitabile che i governi lo facciano, lo abbiano sempre fatto, e che sia quasi sempre segreto. Gli Stati lo fanno naturalmente – più lo Stato è espansionista o più minacciato (leggi il gruppo dominante e politicamente attivo ) – più è probabile che abbia spie pagate. In un primo caso rilevante per la presente rassegna, quello delle 'Terre Sante' e della Bibbia ebraica, anche 'trovare spie nelle scritture ebraiche non è difficile'. (RM Sheldon, 'Spie nella Bibbia', Greenhill, 2007, p.117.) Come per EF, le agende personali hanno influenzato le interpretazioni accademiche. La storia delle spie, ad esempio, è stata organizzata in spionaggio "moderno" e "premoderno", come se ce ne fossero essenzialmente di tipi diversi. Il lavoro del 1994,La guerra segreta contro gli ebrei , [xxxiii] ha fissato le origini della "rete moderna di intelligence" intorno al 1920. Altri hanno affermato che lo spionaggio è un segno di uno Stato moderno, ad esempio, in Germania nella seconda metà del 19° secolo. secolo: ' (Bismarck) stava cercando di creare uno stato nazione moderno completo di manipolazione dei media ed eserciti di massa, sistemi segreti di intelligence e diplomazia subdola...' [xxxiv] Scrivendo nel 2009, lo storico della letteratura Hampton ha affermato che 'il cliché'di diplomatico come spia era un'innovazione del XV-XVI secolo che segnava l'arrivo di una nuova e moderna arte di stato in cui le parole, la loro presentazione e le convenzioni che le circondavano sostituivano una dinamica incentrata sulla minaccia o sull'uso della forza fisica. (T. Hampton, Fictions of Embassy, ​​Cornell UP, 2009, p.150.)
La "solita" storia fornita dagli studiosi patriottici inglesi/britannici del 20° secolo è che la Germania e altri paesi europei, essendo aggressivamente gelosi dell'Inghilterra/Gran Bretagna , sviluppò reti estese e alimentò maestri di spionaggio brillantemente innovativi, ma nonostante avesse le risorse e la motivazione, la "Gran Bretagna" era costantemente costretta a mettersi al passo, poiché il popolo inglese, e quindi i governi inglesi, disapprovavano lo spionaggio:

In Inghilterra... il dipartimento di intelligence si è affidato in gran parte, nella raccolta di informazioni militari sui paesi stranieri e sui loro eserciti, su un tipo di giovane ufficiale né unico né insolito, al quale per la prima volta - e con notevole irresponsabilità - è stato dato un attivo incoraggiamento e pagamento delle spese per perseguire interessi con i quali l'esercito si rifiutava di essere associato... Poiché erano dilettanti non addestrati, e pochi erano mai adeguatamente informati per ottenere le risposte a domande specifiche, si mettevano spesso nei guai... [xxxv]

La Francia rivoluzionaria, racconta la "solita" storia, aveva una vasta rete di sorveglianza per dare la caccia alla nobiltà dei profughi, agli informatori di basso rango o ai cospiratori politicamente ambiziosi, ma era solo perché un senso di virtù oltraggiata si sviluppò nel 19 ° secolol'Inghilterra del secolo, prima in risposta ai terrori, e poi ai metodi francesi in generale che l'Inghilterra avesse spie per difendersi. Presumibilmente, è stato solo quando le lotte con Napoleone hanno portato alla formazione di un Dipartimento della conoscenza militare [DMK] a Whitehall che è iniziata la "nostra" intelligence militare. Due degli "agenti" di DMK erano Colquhoun Grant, il primo "Capo dell'intelligence" e Sir George Murray, entrambi membri del gruppo di "ufficiali esploratori" di Wellington e, quindi, furono le prime spie britanniche. Haswell ha insistito sul fatto che il DMK "perse la sua motivazione" quando Napoleone fu finalmente sconfitto nel 1815 e "non diede alcun contributo significativo alla conoscenza militare"per i prossimi quarant'anni. (JH, 1977, p.72) Ha sostenuto che un dipartimento per raccogliere informazioni utili all'esercito britannico doveva essere ricostruito dopo la guerra di Crimea poiché " non c'era alcun collegamento di intelligence tra il Ministero degli Esteri, l'Ammiragliato e la Guerra Office ' (p.83) e ' non si sapeva nulla dell'Asia centrale e meridionale.' Porter era di mentalità simile, ma chiamava istituzioni governative che credeva fossero state le prime a raccogliere informazioni britanniche "moderne" nel 19 ° secolo. È un elenco rivelatore: " (The) Foreign Office e il servizio diplomatico, il Colonial Office, l'India Office, l'ufficio postale, il Tesoro, il Board of Trade, la Compagnia delle Indie Orientali e la Banca d'Inghilterra". (TF, 1984, p.6)

Porter ha scritto che "l'intercettazione globale di alcune categorie di posta" presso l'ufficio postale è iniziata solo nel periodo 1909-1911 e che solo allora il ramo speciale è stato avvicinato "a essere una vera e propria agenzia contro-sovversiva domestica su linee moderne ". Avrebbe dovuto sapere che fin dalla sua prima istituzione nel 1657, l'Ufficio postale era autorizzato a trattenere, aprire, leggere e copiare tutti gli invii postali: « Nel 1657, dopo l'istituzione di un regolare ufficio postale, è stato affermato negli ordigni come il mezzo migliore per scoprire e prevenire molti progetti pericolosi e malvagi contro il Commonwealth. [xxxvi] 'Successivamente è stata introdotta la timbratura degli articoli postali presso i siti di ricezione in modo che le autorità potessero rintracciare meglio il mittente di un articolo che in seguito si era rivelato pericoloso.

Per Ferguson, i "corretti" sistemi di spionaggio sono centralizzati e amministrati all'interno di un unico dipartimento governativo, e che è stato solo: " (all'inizio) del ventesimo secolo,(che) gli agenti dei servizi segreti britannici iniziarono ad avventurarsi seriamente nella regione che avevano conosciuta come "Arabia". [xxxvii] Dovette riconoscere prove contrarie, ma qualificò quella che indicava come una "capacità" accidentale: " Senza provare davvero, la Gran Bretagna del diciannovesimo secolo possedeva una capacità superba e in costante miglioramento per la raccolta di informazioni politiche, economiche, militari, navali, informazioni geografiche e tecnico-scientifiche in tutto il mondo.' [xxxviii] Quando sono stati notati gli sforzi precedenti, è stata impiegata una 'scusa' diversa con lo stesso ritornello: 'Sebbene il primo primo ministro inglese, Sir Robert Walpole - in carica dal 1721 al 1742 - condividesse le opinioni di Defoe sull'intelligence e disse che avrebbe dovuto essere sviluppato al punto in cui nessuna arma da fuoco poteva essere sparata in Europa senza che l'Inghilterra sapesse perché, i suoi immediati successori fecero ben poco per perseguire il suo ideale... C'era ancora qualcosa di spregevole nello spionaggio... (JH, 1977, p.70) Prima ancora, 'Lo spionaggio era a un basso riflusso' prima della Gloriosa Rivoluzione del 1688, ' da quando Giacomo (II) aveva ereditato un sistema di intelligence in cui le amanti erano più importanti per il re dei suoi ministri [xxxix]

In effetti, i Tudor erano paranoici quindi spiavano tutti gli altri. «La società Tudor, se non era sicura di nient'altro, era certa di vivere sull'orlo del disastro». [xl] Solo alcune delle paure erano reali, ma sia i "demoni" fantastici che quelli reali erano generati da circostanze uniche: la centralità del potere nelle mani di una sola persona, la mancanza di meccanismi per far sentire le voci di opposizione, il esistenza di più supplicanti di quanti potrebbero essere accolti, e caratterizzazione di tutte le lotte in termini manichei: " Fu un'epoca di profondi presagi, nata da vasti ma incompresi sconvolgimenti demografici, economici e spirituali che trovarono solo un'espressione parziale e inadeguata nel cambiamento istituzionale ….'Il protestantesimo era un credo particolarmente esigente e smodato. In nome della purezza ecclesiastica e della logica teologica, è tornato nell'attico del tempo e dell'autorità storica e ha selezionato per un'enfasi sproporzionata e speciale la condizione depravata e decaduta dell'uomo".Il nemico speciale era 'l'Anticristo', la prostituta di Babilonia a Roma, ma l'ansia riempiva tutti gli angoli. Più ricchezza aveva un cittadino, più era insicura e sospettosa. Le cospirazioni sono state evocate da immaginazioni febbrili o da scontenti desiderosi di minare quelli più in alto nella scala. Al centro della spirale della paura c'era "il sovrano", un singolo individuo divinamente ordinato che poteva creare o distruggere vite per un capriccio o un sussurro. Il percorso verso la sicurezza era un labirinto bizantino in cui il mecenatismo era l'unica moneta. Sicofania e finzione venivano insegnate ai bambini con le lezioni di latino e conversando. Poiché era probabile che anche quelli più vicini alla camera da letto reale pagassero più di quanto ricevessero, la probabilità di bancarotta o di prigione del debitore era una costante. Quando si sono sentiti minacciati,

È importante tenere a mente che lo spionaggio ha due "facce" interconnesse, una coinvolta nella raccolta di informazioni non precedentemente detenute e la seconda coinvolta nel contrastare la raccolta di "nostre" informazioni da parte "dell'altra parte". Che sia straniera o domestica, ostile o amichevole, la propaganda, nota anche come "controspionaggio", è una sorta di ricatto emotivo, progettato per impedire ai cittadini, "nostri" o "loro", di vedere la verità. Dopo il 1688, per contrastare le attività di intelligence giacobite in Francia " e l'ampio sistema di spionaggio francese che le sosteneva", Guglielmo d'Orange fece istituire uno dei suoi a Parigi, " usando i suoi ambasciatori per controllarlo".Questi uomini furono finanziati per assumere chiunque ritenessero opportuno, comprese persone disposte e in grado di trasmettere, in prosa o cartoni animati, ciò che veniva loro detto: ' (Sia) i giacobiti che il governo erano così acutamente consapevoli del valore della propaganda che l'arte era sviluppato in un'arma di valore per entrambe le parti. Poesie, canzoni, giornali, opere teatrali e romanzi si sono rivelati molto più efficaci dei fucili d'assedio o degli spadoni». (HD, 1999, p.161)

Editori e tipografi sono stati parte integrante di un programma di controspionaggio. L'esempio del "Green Ribbon Club" è abbastanza noto. [xli] Weil ha osservato: ' L'invasione dell'Inghilterra da parte di William nel 1688 era stata accompagnata da una campagna di pubbliche relazioni ben condotta, con opuscoli giustificativi e dichiarazioni distribuite al momento del suo sbarco, e quindi sarebbe ragionevole aspettarsi che i giacobiti allo stesso modo avrebbe cronometrato l'apparizione dei loro opuscoli... con un tentativo di riconquistare il trono... (e la cui apparizione ha causato tanta costernazione...)(PoI, p.193)Nei primi anni del 1700, Daniel Defoe era considerato 'una buona penna', oggi sarebbe stato chiamato 'pistola a noleggio' - specificamente impiegato per raccogliere informazioni sull'umore dei cittadini, per diffondere il punto di vista del governo in conversazioni da taverna, o per preparare opuscoli su richiesta che potrebbero essere venduti a buon mercato per strada. Aveva bisogno di addestramento solo sugli accessori di una spia: cifrari e inchiostri invisibili. Il "nemico" da smascherare, imbarazzato o sconfitto fisicamente, potrebbe essere chiunque, ovunque.

Gli agenti governativi operavano all'interno di una struttura riconoscibile ma semplice e se avevano successo o potevano argomentare in modo plausibile, venivano pagati o altrimenti ricompensati. Una "lista civile", che includeva disposizioni per "fondi per servizi segreti", era contenuta nei budget annuali dell'epoca elisabettiana, mentre altri termini sono cambiati solo leggermente. Gli "scourager" furono inviati dai "generali scout" in tempo di guerra per la ricognizione e dagli "intelligenti" per quasi tutti gli scopi prima della fine del regno dei Tudor. Sotto Giacomo II, lo "Scoutmaster-General" divenne il "Quarter-Master General" [QMG], mentre i governi di Giorgio III impiegarono "messaggeri" per ottenere informazioni specifiche e Wellington inviò "esploratori" contro Napoleone. Il termine 'servizio segreto' divenne comune alla fine del 18 ° secolosecolo, ma era già apparso nel 1699 come titolo di una memoria di un 'informatore' impiegato dallo Stato. Gli emozionanti eventi del 1688, quando Guglielmo e Maria sostituirono Giacomo II e lo cacciarono in esilio, sarebbero oggi chiamati "cambio di regime". Il QMG del duca di Marlborough viaggiò davanti al suo comandante durante le guerre di successione spagnola, 1702-1713, reclutando "guide" che avrebbero dovuto fornire tutte le informazioni sul "nemico".

Lo studio di Rachel Weil sui "funzionari statali" coinvolti nella protezione del regime di William e Mary " da invasioni o sovversioni" dopo la "gloriosa rivoluzione" del 1688 includeva: " membri delle burocrazie centrali, come la dogana e l'ufficio postale, (e) funzionari locali, come sindaci, lord luogotenenti della milizia della contea, poliziotti e giudici di pace ... Sindaci, doganieri o "ufficiali a cavallo" appositamente nominati erano chiamati a controllare i pass dei viaggiatori. [xlii] Contro i metodi odierni , questo spionaggio sembra rudimentale – latte o succo di limone per 'scrittura invisibile', per esempio – ma per quanto riguarda le finalità e i concetti di basesono interessati, non c'è 'moderno' o 'premoderno', sofisticato o rudimentale.

Mentre le affermazioni spesso sentite nel 19 ° e 20 ° secolo – che 'la società inglese non ha bisogno di reti di sorveglianza ', che 'siamo orgogliosi di essere liberi e di non aver bisogno di procedimenti subdoli' e 'un inglese è onesto e aperto in ogni momento ' – è rimasto costante, 'il nemico', il mostro creato, è cambiato con le circostanze. Prima del 1688, i politici inglesi complottarono contro i loro oppositori religiosi e usarono la paura dei complotti per far avanzare il loro "partito" e i loro programmi personali, e continuarono a farlo in seguito. Nel 19secolo il nemico fu prima francese, poi russo, poi tedesco e poi ancora russo. Sorprendentemente, tutti possedevano le caratteristiche precise che li qualificavano per il ruolo di "mostro". Se catturati dagli oppositori del loro datore di lavoro, gli agenti potrebbero essere "trasformati", scomparsi o arrestati e, come se non fosse, giustiziati per tradimento. Se dovesse sopravvivere, la durata di conservazione di un "operativo sul campo" si esauriva presto e lui o lei andò avanti, forse per diventare un "capo-spionaggio" o un funzionario più pubblicamente identificabile come un addetto, un console o un diplomatico. Dopo il pensionamento, la tentazione di scrivere le proprie memorie era spesso seducente e talvolta redditizia.

Che si tratti delle buffonate "ubriache" di Baden-Powell (sotto) di respingere una guardia perimetrale, della creazione di disordini o dell'occultamento di testate giornalistiche con informazioni controfattuali, l'intenzione del controspionaggio è la stessa, quella di far sembrare che qualcosa sia ciò che non è. Il contrario, smascherare qualcuno o qualcosa rendendosi conto che non è ciò che pretende di essere, è ciò che espone gli "agenti nemici" alla cattura. Utili "intelligenze" possono essere desunte da documenti pubblici, ma lo spionaggio governativo è necessariamente clandestino, poiché i suoi operatori danno per scontato che sia sgradito, pericoloso e, in molti casi, illegale e punibile dalla legge. Spesso implica lo spionaggio di nemici potenziali o reali, e quindi è stato spesso parte di una struttura militare e utilizzato per scopi militari, ma può essere utilizzato a livello nazionale. Prima del 19Nel secolo scorso non c'era bisogno di distinguere le spie "militari" da "operatori per la sicurezza nazionale" o da qualsiasi altro tipo. I primi magistrati inglesi, ad esempio, scrivevano copiosi appunti su persone che andavano e venivano nelle loro immediate vicinanze, soprattutto stranieri, e compilavano rapporti sugli incontri per i loro vari superiori. Man mano che il governo si evolveva per essere incentrato su un'amministrazione di un ufficio con sede in città, piuttosto che su un monarca, la politica dei partiti aumentò di importanza, le smentite ufficiali divennero necessarie e la sorveglianza interna, in particolare, divenne sempre più invisibile.

Nel corso del 19 ° secolo, le spie del governo, già all'interno del crescente servizio pubblico, divennero dipendenti 'regolari' dello Stato. Tuttavia, non sono state modificate le condizioni di lavoro che hanno determinato che la "polizia segreta" e le operazioni di intelligence militare orientate all'estero sono scomparse alla vista del pubblico allo stesso tempo, o che è diventata la norma per gli editoriali in tempo di pace insistere sul fatto che la società inglese non condonava e non aveva mai condonato la sorveglianza dei suoi cittadini. Piuttosto un pubblico di lettori alfabetizzati e la proliferazione di "giornalisti investigativi" hanno reso i segreti più difficili da mantenere, quindi sono stati sepolti più profondamente e in modi diversi. Il sistema di classificazione degli "agenti" di Baden-Powell del 1915 era insolito solo nella misura in cui veniva reso pubblico. Da una conoscenza interna è stato in grado di dimostrare che gli agenti erano a distanza 'dagli ambasciatori e dai loro addetti in giù' e che ciascuno aveva compiti specifici:

Classe uno: agenti strategici e diplomatici, che studiano le condizioni politiche e militari in tempo di pace di tutti gli altri paesi che potrebbero eventualmente essere in opposizione alle proprie in guerra.

Classe due: agenti tattici, militari o navali, che esaminano dettagli minori di armamento e terreno in tempo di pace.

Classe tre: spie da campo: coloro che agiscono come esploratori travestiti per ricognizione di posizioni e per segnalare le mosse del nemico sul campo di guerra.

Lui stesso una spia militare, conosceva tutti i trucchi per eludere la cattura, come fingere di essere ubriaco se individuato "in ricognizione" al di fuori di una struttura off-limits. Fin da piccolo credeva che molte delle abilità necessarie potessero essere insegnate a bambini e adolescenti. Fu questo che lo portò ai Boy Scout. Sapeva anche che alcune abilità non potevano essere insegnate a scuola. Il suo elenco di attività clandestine intraprese da un 'diplomatico' del 19 ° e 20 ° secolo, la sua spia di 'Classe Uno' includeva: '(La creazione di) disaffezione politica e... focolai, come, ad esempio, diffondere sedizione tra gli egiziani o in India tra gli abitanti, o in Sud Africa tra la popolazione boera per provocare un focolaio [una rivolta o una manifestazione], se possibile , al fine di creare confusione e attirare truppe in tempo di guerra...' [xliii] Qualcosa nascosto in bella vista, come l'agente sotto il personaggio distrattore di un funzionario pubblico volubile, è più facilmente reso invisibile se le persone sono disinteressate o negligenti, o, come sosteneva Baden-Powell, se possono essere convinti che si tratti davvero di qualcos'altro. Richard Kingston è considerato da alcuni storici " il miglior agente che il governo (inglese) abbia mai avuto".Impiegato da vari Segretari di Stato dopo il 1688, per aiutare Guglielmo III a consolidare il suo controllo, fu per i suoi critici giacobiti " un significante di doppiezza" . Il suo mandato includeva propaganda pagata e distribuita da attivisti vicini al governo se non al governo, ed era mirato al pubblico domestico. Forgiò qualifiche sacerdotali, si dedicò alla poligamia e andò in giro per il paese " a volte con l'abito di un parroco... un'altra volta in abiti laici", "personando in un luogo un medico, e in un altro un ufficiale giacobita scartato". [xliv]Robert Harris ha sottolineato, nella sua recente, magistrale rivisitazione dell'affare Dreyfus, che dopo il tempo di Napoleone il Ministero della Guerra francese era diviso in quattro sezioni o dipartimenti, il secondo, che si occupava di "Intelligence", era chiamato "Sezione statistica". ' e situato da solo in un antico edificio sudicio che dall'esterno sembrava abbandonato. [xlv] Il quartier generale della CIA a Langley, in Virginia, per anni aveva una tastiera sulla strada principale che indicava che si trattava del "Dipartimento delle strade". [xlvi] Quanto più sapientemente fatto nella sua creazione e applicazione, tanto maggiore è l'efficacia del contatore. I migliori esempi di disinformazione, ovviamente, sono quelli che passano inosservati in quel momento e per un periodo successivo.

Gli scopi della raccolta di informazioni e del controspionaggio derivano direttamente dalle circostanze, mentre le metodologie cambiano con il progresso delle conoscenze. Il Vaticano dispone da secoli di sofisticate reti di spionaggio che localizzano gli "eretici", come avevano fatto prima di lui molti altri "governanti" inclini alla spiritualità. I re e le regine d'Inghilterra non erano i soli tra le monarchie europee a far manipolare i temi religiosi dai loro padroni di spie [xlvii]per guadagno politico. Il mix esplosivo tra il bisogno di credere in un potere più grande di noi stessi e il bisogno di essere personalmente dominanti non era un dono degli inglesi al mondo. Né era quell'altro mix di opposti: una brama di manifestazioni pubbliche di potere e l'uso di mezzi segreti per ottenerle. Mentre spionaggio e propaganda, alias 'manipolazione dell'opinione pubblica', non sono invenzioni recenti, né universali, e sono state soggette agli attriti del tempo e della moda come tutto il resto. Durante il regno di re Enrico VIII, si diceva che il cattolicesimo fosse contaminato da superstizione e inganno, in quanto straniero e non patriottico. Quando gli "agenti" gesuiti vennero in Inghilterra per tentare di recuperare la nazione a causa del cattolicesimo romano, furono rapidamente radunati dagli agenti del controspionaggio di Walsingham. [xlviii]

Fu l'alchimista e astrologo del XVI secolo John Dee che per primo usò il termine "Impero britannico" e ne sostenne l'espansione. A sostegno della narrativa in evoluzione, era necessario che Dio cambiasse schieramento: ' Studiosi protestanti come John Leland e John Bale hanno cercato nei documenti storici una prova del posto speciale dell'Inghilterra all'interno della cristianità. Durante il regno della regina Elisabetta, questo nascente senso di nazionalità avrebbe raggiunto il culmine nella convinzione che gli inglesi fossero un popolo eletto, un nuovo Israele in viaggio verso la terra promessa.' [xlix] L' inglese era definito protestante, brutalmente e militante anticattolico. Nell'era della nuova Gloriana, "la foglia di fico religiosa e gli ornamenti antropomorfi posti sulle nude realtà del potere"potrebbe essere diretto ad altri "stranieri". Nel 1845, un giornalista scozzese scrisse di una spia che era sopravvissuta alle operazioni sul campo per diventare governatore di Hong Kong all'epoca della prima guerra dell'oppio: " Per anni è stata consuetudine del governo anglo-indiano assumere giovani ufficiali intraprendenti come agenti semipolitici nei diversi Stati Orientali. Non protetti dal carattere sacro degli ambasciatori, ma elevati molto al di sopra dell'odioso carattere delle spie, devono affidarsi al peso del nome inglese e al proprio coraggio, autocontrollo e indirizzo per la loro protezione contro il tradimento e la crudeltà di le popolazioni dell'Asia settentrionale e orientale e i loro governanti. [l] "Tradimento e crudeltà" erano ciò che le società dell '"Asia settentrionale e orientale" facevano naturalmente, ma quel "popolo (e) i loro governanti" inglesi no. Gli ambasciatori "inglesi" erano "sacri", tutte le spie erano "odiose", quindi, ovviamente, "noi" non ne avevamo nessuno, e i "nostri" "agenti semi-politici" erano, per definizione, coraggiosi e fiduciosi e avevano come protezione "il nome inglese". La lingua alla fine è stata superata. Dopo "l'industria degli eroi", ha generato una manna d'intrattenimento per Hollywood e le parodie dei Monty Python.

Il supporto scientifico necessario per tutte le operazioni di spionaggio gestite dallo stato è quasi scomparso dai resoconti degli storici accademici inglesi, insieme allo spionaggio stesso. Il cosiddetto "progresso" almeno dal tempo della costruzione di strade romana per un migliore movimento delle truppe è stato guidato da preoccupazioni militari/di sicurezza. Gli scienziati più razionali sono sempre tra le prime reclute dalla sicurezza per attività clandestine e dai militari per armi più grandi e migliori. D'altra parte, la "scienza" in generale è stata selettivamente e sistematicamente manipolata dagli storici massonici, tra gli altri, per scopi di propaganda. Sottolineando l'apparente interesse di Desagulier per l'idraulica, ad esempio, affermando che il suo interesse principale nella propagazione della "Massoneria" era quello di promuovere il benessere umano attraverso la comprensione e la tolleranza, tralascia molto,

Oggi, come nel XVII secolo, lo spionaggio inizia con la raccolta di 'prove' verbali o scritte su crimini commessi o in procinto di essere commessi che possono essere sufficienti per una condanna o per l'allontanamento dalla scena. Altrimenti, lo spionaggio riguardava, ed è, principalmente il monitoraggio dei movimenti delle persone e il collegamento della presenza di qualcuno in un luogo particolare con eventi noti. Nel 17 ° secolo, i 'spymasters' meglio organizzati mapparono una regione e le persone in essa per spiegare eventi passati e talvolta per prevedere possibili futuri, cosa che accade oggi, elettronicamente. I dati potrebbero essere tenuti in sospeso in attesa di un momento opportuno, oppure potrebbero essere ampiamente e immediatamente distribuiti ad altri "capi delle spie", ma le informazioni ottenute erano potere allora ed è potere ora.

Lo spionaggio è un mutaforma, capace di alterarsi a livello personale o organizzativo, al variare delle circostanze. Gli storici devono presumere che sia accaduto e cercare i suoi travestimenti e le sue impronte, piuttosto che presumere la non esistenza sulla base del fatto che non è immediatamente visibile. L'Inghilterra/Gran Bretagna non è stata la sola a ripulire l'immagine dei suoi militari, a nascondere i suoi fantasmi oa riformulare le sconfitte passate come fonte di ispirazione per future campagne di reclutamento. Ma anche se spesso ancora negato, lo "Stato" inglese è stato in prima linea nella raccolta di informazioni segrete e nel suo necessario corollario del "controspionaggio" per molto tempo. È dubbio che l'Impero sarebbe accaduto se lo spionaggio non fosse stato utilizzato.

Gli studiosi possono applicare una sorta di analisi costi-benefici: chi ha beneficiato dell'operazione di raccolta di informazioni? chi ha perso? la traccia è stata coperta sulla scena o rifusa per il consumo pubblico? Le interpretazioni degli storici si sono spesso basate su ciò che è stato detto o scritto dai partecipanti quando un sano scetticismo potrebbe scoprire molto di più nelle loro azioni. Il posizionamento di "informazioni" oblique sui giornali, ad esempio, richiede solo giornalisti o proprietari comprensivi, disperati o corrotti e tangenti, spesso, di importi molto piccoli. I precursori di CID, MI5 e il resto sono stati soggetti a vincoli di bilancio, riorganizzazioni e false partenze amministrative come qualsiasi altro braccio del "governo". I bilanci del Tesoro per le attività dei "servizi segreti" inglesi sono stati redatti almeno dai tempi di Carlo I per l'applicazione sia "in patria" che all'estero.

Seguire "la scia del denaro" può portare un investigatore a beneficiari non governativi, inclusi alcuni che hanno visto un'opportunità di guadagno commerciale. Altri con un interesse acquisito, ma mascherato, per il successo dell'esercizio, per esempio la creazione di una visione eroica dell'Impero, erano a volte in grado di contribuire direttamente alla raccolta di informazioni. La Massoneria inglese era uno di questi gruppi. Istituzioni palesi di raccolta di informazioni come la Royal Society [RS] e la Royal Geographic Society [RGS] erano tra le altre entità che avevano relazioni forti e reciprocamente vantaggiose con i rami del governo direttamente interessati sia dall'industria degli eroi che dallo spionaggio. Inevitabilmente, le storiografie ufficiali di tali organizzazioni sono imperfette, quella di EF è solo un esempio.

L'influenza sistematica dei media oggi richiede almeno un team di persone, ad esempio quelle raccolte negli uffici ministeriali. Il loro compito può essere di sviare l'attenzione pubblica o la sua manipolazione con informazioni fittizie o false. Implica un'operazione deliberata, a lungo termine e ponderata del tipo che solo le grandi organizzazioni possono condurre. A parte le quantità di risorse impiegate e le modalità utilizzate per raccogliere e trasmettere i 'dati', non c'è niente di nuovo neanche qui. Questo non vuol dire che non ci sia nulla da "vedere" nel processo. La raccolta dei dati, la loro distribuzione e gli usi a cui sono destinati mostrano una particolare comunità in azione. Le istantanee del processo mentre sta accadendo sono uniche per tempi e luoghi. Nelle corti reali, dove le fazioni erano impegnate allo stesso modo nella raccolta e nella ricerca di informazioni per ulteriori informazioni personali,[li] Il 19 ° secolo era diverso solo per il fatto che l'affidabilità dei governi divenne una questione importante, anche se sfuggente, e il potere accresciuto dei giornalisti di smantellare le carriere e modificare la direzione della storia significava un numero maggiore di attori e reti sempre più complesse. 'Corrispondente di guerra' era un titolo ufficiale solo del 19° secolo, ma l'idea non era nuova. Era solo un altro "agente" d'oltremare o straniero.

Un resoconto ben studiato dello spionaggio inglese inizia con: " Al tempo (di Walsingham), [cioè durante il regno della regina Elisabetta I] gli ambasciatori erano spie virtualmente diplomatiche". [lii] Numerosi resoconti della rete di spionaggio Tudor mostrano la sua portata globale e il suo intreccio di militari con occhi e orecchie diplomatici per soddisfare i requisiti di Londra. [liii] Che la rete inglese fosse solo una delle tante e che i collegamenti fossero fluidi è spesso nascosto. Un esempio calzante, Robert Shirley è talvolta descritto come un "diplomatico inglese" ma più spesso "viaggiatore e avventuriero". Il suo profilo Wikipedia include: '…Shirley si recò in Persia nel 1598, accompagnando suo fratello, Anthony, che era stato inviato …con 5000 cavalli per addestrare l'esercito persiano secondo le regole e le usanze della milizia inglese e per riformare e riqualificare l'artiglieria persiana…Nel 1608 Shah Abbas mandò Robert in missione diplomatica presso Giacomo I d'Inghilterra e presso altri principi europei allo scopo di unirli in una confederazione contro l'Impero Ottomano... Il terzo viaggio di Shirley in Persia fu intrapreso nel 1627 quando accompagnò Sir Dodmore Cotton, il primo ambasciatore britannico a il Regno di Persia...' [liv]

Oliver Cromwell aveva "agenti segreti" fino alle Indie occidentali come parte del suo "Great Western Design". John Thurloe è noto per essere stato il suo maestro delle spie. [lv] Carlo II inviò spie all'estero, oltre a una zattera di "inviati" o "ambasciatori" meglio pagati ad Amsterdam e altrove in Europa. Agli inizi del 1620', ha scoperto un recente studioso di intrighi veneziani, ' un sistema di ambasciate permanenti a livello europeo era già ben consolidato... Gli ambasciatori residenti rappresentavano l'autorità e gli interessi dei loro padroni... (Ci si aspettava) per raccogliere informazioni, in altre parole, impegnarsi in attività extra-diplomatiche... Alla ricerca di tali informazioni, gli ambasciatori gestivano spesso reti di informatori... da qui la famosa e contraddittoria descrizione degli ambasciatori comeSpie onorevoli .' [lvi] [Enfasi nell'originale] Tra molti altri esempi c'è quello degli Asburgo spagnoli. Alla fine del XVI secolo, durante quella che fu chiamata la tregua dei dodici anni, questo regime era considerato il punto di riferimento europeo per "l'arte" dello spionaggio. Carter ha valutato gli sforzi inglesi nel 1600 come "generalmente piuttosto scarsi" rispetto alla " rete lontana, ben organizzata ed estremamente efficace per la raccolta di informazioni" degli Asburgo:

(Il) governo dei Paesi Bassi spagnoli riceveva costantemente informazioni segrete... dai rapporti di turbolenza nelle taverne di Bruxelles (che era considerata incompatibile con il governo ordinato), ai rapporti sui complotti perenni per soggiogare l'una o l'altra guarnigione spagnola, a dettagliati resoconti, spesso completi di diagrammi, di macchine d'assedio di nuova invenzione che gli olandesi avrebbero pianificato di utilizzare contro Anversa. [lvii] Se e quanto l'Inghilterra dovette recuperare, Sir Charles Wotton (1568-1638), ambasciatore inglese a Venezia per lunghi periodi, è forse meglio conosciuto per la sua descrizione di un diplomatico come "un brav'uomo mandato all'estero per mentire per il suo paese.'Era un noto sostenitore degli Stuart e riferì apparentemente a Giacomo I, ma fuggì dall'Inghilterra quando il suo principale datore di lavoro, il duca di Essex, fu raccolto da agenti rivali.

Londra era uno degli obiettivi principali di molte delle potenze "grandi e piccole" i cui rappresentanti accorrevano alla corte di Giacomo I in cerca di alleanze o arbitrato o per qualche altra faccenda. La conoscenza delle loro attività e di un'ampia gamma di altre questioni era indispensabile per la conduzione degli affari spagnoli.' Inoltre, c'era "un flusso costante di inviati inglesi che uscivano per trattare con Danimarca, Svezia e Polonia, Venezia, Savoia e il Turco; i segreti di queste missioni che la Spagna doveva conoscere». ( Carter, 1964, p.5) Le spie diplomatiche venivano arrestate raramente, ma spesso venivano "richiamate" nei momenti di crisi. Carter si riferisce a numeri di'spie indipendenti...indipendenti dagli inviati residenti, e la loro efficacia, compreso il volume di informazioni che inviavano, (che) è stata notevolmente migliorata dalle condizioni in tempo di pace, non ultima la gestione di un regolare servizio di posta.'

L'importanza dell'intelligence inviata per posta rendeva il controllo di qualsiasi sistema postale, o anche di un "nodo" di filiale, un bene prezioso. Durante il periodo del conflitto europeo ora noto come la Guerra dei Trent'anni, 1618-48, Alessandrina, contessa di Taxis gestiva l'ufficio postale di Bruxelles che, secondo i ricercatori, potrebbe essere " la prima Camera Nera in Europa": "Le Camere Nere erano le gli uffici nascosti di unità di intelligence segrete, con il personale di un gruppo d'élite di poliedrici e scribi, hanno assegnato il proprio compito compartimentato, che si tratti di traduzione, stenografia, crittoanalisi o contraffazione di sigilli, firme e altri segni che autenticavano un documento. [lviii] Se tutto è andato bene, una lettera potrebbe essere aperta, copiata, richiusa e reinserita nel flusso di posta in poche ore, senza che il destinatario o il mittente si accorga che si è verificata una manomissione. Una versione olandese è stata rilevata dall'esame assiduo degli archivi pertinenti per il periodo della Guerra di Successione Spagnola e successivamente, 1707-15. I sistemi russi di sorveglianza dei suoi cittadini e dei suoi visitatori erano di vecchia data, la posizione della Svezia tra vicini infidi e ambiziosi significava che il suo governo stabiliva comunicazioni segrete con potenziali amici e nemici, e senza dubbio ce n'erano altri. [lix]

Per quanto ne so, l'etichetta "Camera Nera" non è stata attribuita all'equivalente inglese, ma è quello che era a metà del 17° secolo - " (un) gruppo di intelligence, nascosto in un quarto separato del quotidiano ufficio postale, (che) ha estratto informazioni dalla posta di diplomatici stranieri in modo audace e sistematico.' Nel 1657, i regolamenti ufficializzarono la "rigorosa ispezione" della posta inglese in linea con i sistemi continentali e un uomo esperto di cospirazioni, cifrari e metodi di controspionaggio fu scelto come "Post Master General". Allo stesso livello del grado dell'esercito di "Quarter Master General", i compiti di John Wildman erano specificamente la raccolta di informazioni clandestine domestiche e l'inoltro di rapporti regolari. [lx] Oliver Cromwell aveva avuto il suo 'agenti nelle strade, nei mercati, nelle case di noti realisti e nella corte in esilio' Una raccolta delle carte del suo Segretario di Stato, John Thurloe, pubblicata nel 1742 e precedente all'ascesa al potere di Cromwell, ha dimostrato una vasta rete di "intelligenti" in tutto il Regno e in Europa dal 1638. Rapporti, a volte in cifra, sono pervenuti con ogni mezzo, su ogni tipo di argomento, compresi i tentativi di omicidio e la penetrazione del loro agente nei circoli di conoscenze dell'altra parte. Un Lord Broghill a Edimburgo scrisse a Thurloe nel 1656:

... Ti ho detto nell'ultimo, come avevo ingaggiato un capitano Maitland, un informatore di Lord Lorne e MacNaughton, come mio informatore, e ti ho inviato una copia di una nuova lettera di Lord Napier a un intimo amico qui, ecc. Allo stesso modo che era andato da Lord Lorne, per ricevere il suo messaggio a CS [Charles Stuart] che Maitland si era impegnato a portarmi ...

... L'ultima volta che ho mandato per le Fiandre il mio informatore è arrivato ad Amsterdam, il 25 aprile, da dove ho ricevuto una sua lettera in cifra, a questo scopo, che Middleton è lì in città; che si è messo in contatto con lui e ha appreso da lui che ha una stretta intelligenza con i suoi amici in Scozia; che i suoi informatori sono Sir Archibald Primrose e Mr John Fletcher, entrambi di questa città, e famigerati maligni; che sebbene siano molto cauti, tuttavia ora posso leggere le loro lettere nell'ufficio postale, specialmente sulle navi che fanno avanti e indietro tra l'Olanda e la Scozia. Mi invita anche a cercare nell'ufficio lettere di Londra eventuali pacchi diretti al signor William Davidson... [lxi]

I riferimenti interni indicano che almeno un migliaio di persone sono state registrate come amichevoli o ostili e quindi identificabili solo da numeri. Le liste devono essere state in circolazione tra persone di fiducia. Nel 1656, 'A Letter of Intelligence from col Bampsylde' a Thurloe includeva: '...Per la domanda che poni in una delle tue lettere, quale vantaggio può ricevere l'869 dall'intelligence dal 1037, posso solo rispondere che gli affari segreti di tutti i gli stati cattolici della cristianità sono convogliati là e pesati nella bilancia degli interessi della Chiesa...(ecc)...' (T Birch, 1742, Vol 5, pp.513-14) Un capitano Goodson, in mare, scrisse chiedendo i servizi di'un uomo ingegnoso... perfetto nella lingua spagnola, tanto da leggere tutte le mani scritte, e scriverle lui stesso; per mancanza di ciò non possiamo servirci di quelle carte e lettere che prendiamo o intercettiamo... ' (T Birch, 1742, Vol 5, p.153)

L'istituzione di un ufficio "commerciale" o "culturale" era una copertura perfetta per gli sforzi di spionaggio in un paese straniero e rimane un travestimento popolare oggi, sei secoli dopo che le compagnie svedesi, olandesi e britanniche delle Indie orientali hanno piantato per la prima volta bandiere nazionali e attorno alle quali hanno affermato immunità diplomatica. Secondo quanto riferito, Caterina II di Russia, "Caterina la Grande", era più ottimista nei confronti delle logge o degli individui attivisti con una tendenza rosacrociana alla loro "Massoneria" rispetto a quelli che approvavano "libertà, uguaglianza e fraternità". [xii]Durante quelle che Douglas ha chiamato le "Guerre delle spie giacobite", Guglielmo d'Orange fu così infastidito dalle possibilità di omicidio che incaricò un caro amico, William Bentinck, di potenziare i "suoi servizi segreti". L'"efficiente rete di spionaggio" organizzata da Bentinck mandò John Macky a Parigi per vedere cosa stavano facendo Giacomo II ei suoi sostenitori dopo la sconfitta in Irlanda. L'avvertimento precoce che questo agente fu in grado di fornire portò alla sconfitta della flotta d'invasione francese a La Hogue e alla sua nomina a " ispettore della costa da Harwich a Dover per impedire il passaggio di corrispondenza traditrice tra Inghilterra e Francia".Sebbene Macky fosse un "dipendente statale" in tutto tranne che nel nome, e sebbene non ci fosse un bunker HO a Whitehall, era libero di subappaltare compiti come meglio credeva. Ad esempio, faceva viaggiare regolarmente due donne a Parigi come venditori di ninnoli alla Corte degli Stuart, dove raccoglievano pettegolezzi e osservavano andirivieni ( HD, 1999, p.4)

Non è stato un caso che la Massoneria inglese [EF] sia nata come organizzazione nel momento in cui lo ha fatto, ma la "solita" storia, che gli scalpellini di Londra si incontrarono e decisero di far rivivere alcune vecchie usanze "operative" e di fondare un grande Lodge, che supervisionerebbe i loro successivi incontri, è un affascinante hokum. Che, circa sei anni dopo, quelle logge siano state trasformate senza soluzione di continuità dall'élite di Westminster e dai relativi professionisti in un'organizzazione in grado di amministrare una rete fiorente di agenti illuminati di tolleranza e buona volontà è oltre il ridicolo. Quale, allora, suggerisco fosse il catalizzatore, il motivatore, l'"ingrediente magico"?

All'epoca, tutti i protagonisti con i loro nasi nati per governare al di sopra della strada difficile da scarabeo erano impegnati in scommesse ad alto rischio e in scambi di "mantello e pugnale" in tempo reale. Alcuni morirono nei vicoli, altri subirono esecuzioni pubbliche, altri ancora, non necessariamente i più onorevoli, raggiunsero potere e ricchezza. Qualsiasi storia del 1700 massonico a Londra senza quella realtà come punto di partenza deve essere un insabbiamento – ma di cosa?

SECONDA PARTE:

Spionaggio e massoneria inglese

In confronto ai Tudor, gli Hannover erano relativamente considerati e pragmatici, ma era una questione di grado. Le loro esplosioni spietate avvenivano meno regolarmente ed erano meglio controllate. Una maggiore fiducia e uno scopo nazionale meglio definito hanno incoraggiato la convinzione che i problemi potessero essere risolti. Dopo il grande incendio, Londra si era ripresa rapidamente ed era diventata un vortice, risucchiando persone e merci da tutto il mondo conosciuto. Nel 1690, i documenti mostrano che il 73% degli apprendisti data la "libertà della città" proveniva da fuori Londra, nel 1700 il 76% del commercio dell'Inghilterra con il mondo passava attraverso i suoi moli. L'atmosfera prevalente era che gli stranieri fossero ovunque e che tutto fosse in vendita - come ha notato John Bunyan -case, terre, mestieri, luoghi, onorificenze, privilegi, titoli, regni, concupiscenze, piaceri e delizie di ogni tipo erano solo tanti oggetti commerciabili. [lxiii] La corte è rimasta la piazza del mercato, ma non era più l'unico luogo possibile in cui un accordo poteva essere negoziato. Le opportunità, anche per intrighi, erano aumentate, ma ora gli "agenti segreti" erano considerati inevitabili piuttosto che una scusa per la paranoia.

I realisti hanno descritto la vita politica dell'Inghilterra del 1720 come avente " la qualità malata di una "repubblica delle banane", " in cui " predatori (combattevano) per il bottino del potere" e dove non esistevano regole e forme razionali e burocratiche. Luogotenenti leali assistevano i loro mecenati alla ricerca di "un posto in cui poter mungere una parte delle entrate pubbliche ... I lavori più importanti di cariche politiche - in particolare quella di Paymaster-General, al cui mandato il conte di Ranelagh, il duca di Chandos e Sir Robert Walpole ha fondato tutti la loro ricchezza: valevano fortune.' I Whig, nel 1720, erano 'una curiosa giunta di speculatori politici e politici speculativi, agenti di borsa, ufficiali ingrassati dalle guerre di Marlborough, dipendenti al servizio del tempo nella legge e nella Chiesa, e grandi magnati terrieri ». [lxiv] Il duca di Chandos, "l'uomo più ricco d'Inghilterra", che assunse Desagulier come cappellano nel 1714, fu tra i più forti sostenitori di Walpole e uno dei principali attori nel gioco del potere e del privilegio: " Vigile e spietato nelle sue iniziative imprenditoriali, si impegnò incessantemente nella speculazione sulla terra e sui ceppi... Sempre obbligato a Walpole... era uno di quelli la cui libertà e proprietà esisteva per preservare il regime di Walpole.' [lxv] Era anche un investitore nella tratta degli schiavi. Il racconto di Lecky del XIX secolo affermava che Walpole "corrompeva tutti", tra cui " il re, la regina, (e) i dissidenti" e "il denaro (segreto) del servizio durante la sua amministrazione (era dedicato) all'acquisto diretto dei membri del Parlamento":

La corruzione era radicata nella politica inglese molto prima... Walpole. Presidenti della Camera dei Comuni, Segretari del Tesoro, Paymasters of the Forces, Cancelliere dello Scacchiere, Segretari di Stato, erano stati tutti condannati per corruzione... Burnet ci assicura che (corruzione) era in pieno vigore alle elezioni del 1701... [lxvi] Il sistema di patronato è stato ulteriormente sviluppato negli anni formativi di EF:'(Walpole) gestiva tangenti e corruzione su scala industriale. C'erano bustarelle (in precedenza), ovviamente, ma nulla che toccasse il marciume sistematico, elenchi di contanti, posti militari e civili, la benedizione di una vita comoda ai figli più piccoli, l'acquisto definitivo del potere in una miriade di piccoli accordi che era Robert Walpole... il sistema (il corrotto)... era, se non la sua creazione, la sua opera di perfezione e accrescimento.' [lxvii]  Un successivo politologo statunitense ebbe un punto di vista simile: ' Sarebbe difficile concepire uno stadio di degrado inferiore a quello raggiunto dal ministero e dal parlamento inglesi durante e immediatamente dopo il periodo di Walpole...'  (RC Brooks,  Corruption in Politica e vita americana, Dodd, Mead and Co, NY, 1910, p.83)

C'era sempre spazio a Londra per un nuovo locale da pranzo dove i ricchi e i potenti potessero incontrarsi, ma EF non sarebbe stato utile agli oligarchi londinesi se si fosse opposto all'avidità, alla corruzione o all'autoindulgenza, o se avesse sposato il cattolicesimo o anche un tolleranza ad ampio raggio. EF ha rivendicato per sé la diversità religiosa e la neutralità politica, alcuni critici hanno insistito sul fatto che fosse un covo di uomini devoti a un partito e a una religione: lo studio di Field sul Kit-Kat Club [KK] e il suo personale, vede EF come uno dei I molti imitatori di KK: ' I primi membri erano tutti uomini di proprietà (e), fedeli alla corona di Hannover...' [lxviii]Un terzo punto di vista, più accurato, è che EF fosse una massa turbolenta di ego, aspirazioni e principi in competizione, inclusi gli unici punti di contesa in cui l'interesse personale poteva essere sospeso: religione - romana, dissenso o alto anglicano - e ideologia – Whig o Tory. Questi erano i poli attorno ai quali ruotava tutta la politica, compresa quella della successione reale, e che determinavano chi tra le centinaia di contendenti moriva di fame, accumulava debiti paralizzanti o beveva e banchettava fino a notte fonda. Oltre all'autopromozione socievole e alla ricerca del patrocinio, entrambi elementi da presupporre, [lxix] ciò che era richiesto se EF voleva avere successo come 'pozzo d'acqua' popolare era un 'fattore x' che poteva fornire vantaggi a da una parte o dall'altra.

Non posso presumere che un accordo reciprocamente soddisfacente con i Walpole Whigs o con i loro oppositori sia stato raggiunto rapidamente, a causa della natura ambigua delle memorie e dei documenti contemporanei dell'epoca. Ma chiaramente, se EF avesse seriamente tentato una crociata morale in linea con i suoi ideali rivendicati, sarebbe stata in opposizione all'oligarchia decisionale e sarebbe stata vessata se non chiusa.

La tesi di Schuchard è che EF sia stata fondata per contrastare una "Massoneria" già in atto, che era un mix di cabala ebraica e pratiche di massoneria operativa scozzese. Dopo essere stata estromessa nel 1688, la famiglia Stuart ei suoi sostenitori svilupparono una rete di cospiratori in tutta Europa uniti in opposizione agli usurpatori di Hannover e nella convinzione che la "Massoneria" potesse fornire pace e stabilità, basata più sulla tolleranza leibniziana che sulla meccanica newtoniana. Geopoliticamente il loro complotto prevedeva alleanze negoziate tra Svezia, Russia e forze giacobite per contrastare le intenzioni prussiane/hannoveriane nell'Europa settentrionale. I cospiratori credevano che una delle ragioni principali del fallimento della loro tentata rivolta nel 1715 fosse la diffusione e l'efficienza del sistema di spionaggio inglese che intercettava troppo facilmente e troppo spesso i loro messaggi postali e decifrava i loro codici troppo rapidamente. Hanno cercato un mezzo di comunicazione più sicuro'un sistema di comunicazione non tracciabile e in gran parte non scritta che utilizzava tutti i trucchi "massonico" della segretezza: giuramenti, segni delle dita, posture del corpo, linguaggio simbolico, inchiostri a scomparsa, carte ingannevoli, ecc.' C'è molto di più nelle sue speculazioni e ci sono numerosi punti in cui l'accordo universale non è assicurato. Ma per questo lettore, ha collegato in modo convincente calcoli militari, industriali e architettonici con interpretazioni mistiche della geometria, dell'astronomia e dell'astrologia, con il risultato che la sua "Massoneria" raggiunge credibilità.

Che una forza d'invasione fosse pronta ad attraversare dalla Svezia alla Scozia nel 1717, divenne noto all'establishment londinese e, rendendosi conto che la minaccia era reale, fu stabilito l'ordine massonico alternativo, Defoe fu incaricato di produrre due importanti opuscoli che esponevano la trama, e un certo numero di diplomatici furono arrestati, nonostante le convenzioni di immunità. [lxx] Le famose riunioni londinesi del 1716-17 furono, quindi, per pianificare un'acquisizione, escogitare una trasformazione e mostrare lealtà ad Hannover. Nel novembre dello stesso anno morì il re Carlo XII di Svezia. Ancora una volta, i cospiratori giacobiti dovettero ricalibrare e riorganizzarsi.

Una lacuna cruciale nella tesi di Schuchard necessita di un ulteriore contesto. Esattamente come e perché gli Hannover hanno scelto la "Massoneria" come arma preferita? A livello politico, Desagulier era solo un altro cacciatore di luoghi. Ha ottenuto la sua prima presa sul palo unto dell'Università di Oxford quando la pressione ha rimosso il suo tutore, Keill, un Tory, crittografo e sostenitore giacobita, e gli è stato assegnato il posto. Attratto dai circoli di corte e parlamentari, forse ha beneficiato per un certo periodo delle sue lezioni che si sono rivelate preziose per Walpole e le sue coorti, ma poteva essere solo un estraneo che guardava dentro, sempre bisognoso di impressionare uomini potenti, egoistici e venali. I progetti per le pompe a vapore e i water closet diminuiscono rapidamente di valore una volta visualizzati. Berman descrive in dettaglio i suoi viaggi di conferenze retribuiti nella Gran Bretagna provinciale e in Europa dove, sottolinea, Desagulier era un Hughenot tra molti Hughenot. Nota un certo numero di spie/diplomatici noti o sospetti, ma non stabilisce quella che penso sia la connessione chiave.[lxxi]

Per essere politicamente e finanziariamente sostenibile, una nuova organizzazione come EF doveva avere sostanza e uno scopo pubblico. Non poteva essere solo un'idea o una raccolta di idee. Ad un certo punto, i proponenti dovrebbero dimostrare l'utilità dell'idea ai suoi potenziali regolatori e ai suoi potenziali consumatori. Forse è stato covato in una riunione di gabinetto o su un piatto di roast beef, ma alla fine ha dovuto essere presentato a un gruppo più ampio dai suoi creatori iniziali. La socievole élite Whig aveva già il Kit-Kat Club [KK] e se scientificamente incline aveva già la RS. Nel 1717, il KK era allo stremo, il suo favoloso senso di fratellanza consumato dall'interno dai risentimenti e dalle gelosie tra vincitori e vinti nella competizione per il mecenatismo. Limitato a quaranta membri, " la sua atmosfera congeniale e addolcita dall'alcol"era stato un luogo chiave dal 1690 per la formulazione della politica Whig, tattiche parlamentari, campagne di propaganda e proteste di strada. Non era tuttavia un'organizzazione su cui si possono fare molte generalizzazioni. Uno dei primi membri del KK, Mathew Prior, era un diplomatico/spia dell'opposizione che entrò a far parte dei negoziati di pace dell'amministrazione Tory per porre fine alla guerra di successione spagnola nel 1711. Né il Parlamento né altri diplomatici furono informati di questi colloqui e quando tornò in Inghilterra dalla sua prima missione sotto falso nome [e sotto mentite spoglie] un ufficiale di porto lo arrestò come personaggio sospetto'. [lxxviii]
La RS era più una facciata che una realtà, poiché nessuno dei reali dal 1688 si era particolarmente preoccupato di coltivarla e dopo il 1677 non apparve alcuna relazione per quarant'anni. Piuttosto che essere un rifugio per un ragionamento puro, era un premio in più su cui combattere, tutti i fondi o le commissioni che poteva elargire dipendevano da quale fazione a corte o attorno alle lobby parlamentari avesse il numero maggiore. Il numero dei voti alle sue elezioni era piccolo e ogni volta che c'era più di un candidato il risultato era, probabilmente, determinato da chi era disposto a pagare di più. Tutto ciò è documentato e riconosciuto come tale. [lxxii] Schuchard ha sottolineato lo sciovinismo e le lotte interne tra fazioni vissute dai visitatori della RS, alcuni dei quali hanno ritirato le loro energie. [lxxiii]

Il lavoro di Neil Kamil [lxxiv]ha spiegato in dettaglio come la comunità Hughenot si sia resa finanziariamente sostenibile pur rimanendo disperatamente insicura come rifugiata in paesi che non li volevano necessariamente. A Londra, ad esempio, i loro orafi e mobilieri portavano con sé l'estetica francese e realizzavano oggetti di alta qualità ricercati dai cittadini benestanti ma che erano visti come una minaccia dagli artigiani locali. Gli immigrati, prima di Walpole, avevano spesso dovuto difendersi dall'accusa di aver violato i regolamenti delle corporazioni, di essere malati, di essere falsari, alchimisti e peggio. In diverse occasioni, i loro negozi e le loro case furono attaccati e distrutti. Ma avendo vissuto per generazioni minacciate, avevano sviluppato meccanismi clandestini di sopravvivenza. Non solo i loro mobili e oggetti decorativi, per esempio, trasportano segreti commerciali ma trasportano anche messaggi in codice da fornitori ad agenti o familiari ancora sulla terraferma. Questo è il punto di congiunzione che suppongo che EF sia stato sviluppato per incarnare.

Qualcuno, forse Desagulier, forse altri leader della comunità Hughenot, ha cercato la protezione del governo e l'amministrazione ha visto vantaggi nel mantenere il nuovo commercio e valore nelle reti segrete. I negoziati hanno raggiunto quella che io chiamo "la soluzione EF", una combinazione di convivialità ritualizzata, fedeltà religiosa e politica e le importantissime reti sotterranee. In un'unica entità, gli ordini del giorno dell'amministrazione e dell'Hughenot sono stati riuniti efornito di una storia di copertura. I commercianti di Hughenot ottennero protezione, una maggiore entrata nella società della nobiltà e risorse per aumentare le loro reti; mentre l'amministrazione ha acquisito agenti affermati e "case sicure" in tutta Europa, un ulteriore veicolo per le sue attività clandestine e l'accesso privilegiato ai beni di lusso. In un colpo solo, EF aveva legittimità, uno scopo missionario, che nelle circostanze che si poteva sostenere fosse totalmente morale e progressista, e i vantaggi di essere in collaborazione con due potenti alleati esteriori.

Per gli Hannover la scelta del nome "Massoneria" nonostante fosse un luogo di opposizione implica fortemente che il fascio di nozioni che conteneva fosse così ben considerato che fosse necessariamente l'entità che doveva essere protetta.

Che il dominio di Walpole negli anni '20 e '30 del Settecento fosse il risultato del suo pragmatismo e della sua capacità di affascinare le persone, del suo controllo e dell'abile uso del budget dei servizi segreti per raggiungere i suoi scopi, è generalmente concordato tra gli studiosi di politica georgiana. [lxxv]Per mantenere la carica doveva anche essere meglio informato dei suoi nemici, a livello locale e all'estero. I registri mostrano che nella prima scalata di EF, le Grandi Logge apparvero a Edimburgo e Dublino, e poi in quelle corti reali delle dinastie dell'Europa continentale, sulle quali i power-broker inglesi dovevano essere meglio informati: Germania, Polonia, Austria, Francia, Svezia e Russia . Schuchard ha fornito argomenti plausibili sul fatto che il sistema inglese di decifrazione dei codici fosse estremamente efficace contro i complotti giacobiti e che Walpole usò Desagulier, tra gli altri, come intermediario massonico in viaggio nei viaggi all'estero. [lxxvi]Altre informazioni che negli anni '20 del Settecento la Russia annusava i venti speziati dell'est e pensava a un emporio indiano, e aveva già costruito e presidiato "posti di osservazione" lungo i suoi confini meridionali, senza dubbio spronò Walpole a guardare ai suoi agenti in Europa, nel Impero ottomano e in quella che divenne 'l'India'. Altre logge speculative apparvero improvvisamente in queste zone dopo il 1723.

È improbabile che la Gran Loggia di Londra abbia pagato tutti i costi coinvolti in queste estensioni all'estero, o anche la maggior parte. Chi avrebbe pagato sarebbe dipeso da chi stava "incoraggiando" chi, e se l'Ordine, la leadership Hughenot, il governo o il re fosse l'agenzia datore di lavoro - un aneddoto come prova: " La corrispondenza segreta era collegata alla pratica di riunioni segrete. Questi fornirono l'opportunità di aggirare i canali ufficiali, come nel 1722 quando al culmine della crisi di Atterbury, Destouches l'inviato francese, pranzò con Melusine von der Schulenberg, duchessa di Rendal, l'amante di lunga data di George, che disse che gli avrebbe procurato un udienza segreta con il re.' [lxxvii]

La stretta associazione di protestanti/hannoveriani EF, cioè l'organizzazione 'gentry-EF' post-1723, con programmi di spionaggio finanziati dal governo è l'unica spiegazione possibile per la notevole serie di divieti posti alla 'Massoneria' dai governanti della terraferma, anti-Walpole nel periodo del regime di Walpole. Suggeriscono anche che questo fosse il periodo in cui l'idea iniziale di EF era in atto e segnano il punto in cui ha affrontato la sua prima crisi: 'Nel 1736, Federico I di Svezia proibì ai massoni di incontrarsi sotto pena di morte. Le assemblee massoniche furono abolite in Francia l'anno successivo e l'Inquisizione chiuse la riunione della loggia inglese a Roma. Nel 1738 fu pubblicata la Bolla papale contro la Massoneria di papa Clemente XII e anche Carlo VI emanò un editto che vietava la massoneria nei Paesi Bassi austriaci. La Polonia seguì nel 1739 quando Augusto III... proscrisse gli incontri massonici... e nel 1740 Filippo V di Spagna emanò un decreto... (condannando i massoni) alle galee. (RB, 2012, p.60)La ferocia delle punizioni è indice della gravità con cui è stata vista la minaccia di EF come veicolo per spie protestanti/hannoveriani. Un certo John Coustos, solitamente identificato da EF come un semplice "massone", fu arrestato nel 1741 in Portogallo con l'accusa di "eresia e spionaggio", torturato e condannato a cinque anni di galera. Rilasciato dopo cinque mesi a seguito di "pressioni diplomatiche", tornò in Inghilterra e preparò resoconti dei suoi travagli dedicati a Lord Stanhope e Holles, entrambi segretari di Stato. (RB, 2012, p.182)
È inevitabile che le vite dei Gran Maestri di EF durante il regime di Walpole vengano riesaminate, ma sono probabilmente di scarso significato nel contesto internazionale. Nel seguente elenco dei primi diciannove GM, quelli contrassegnati dall'asterisco erano membri del KK, figli di membri o comunque strettamente imparentati con i membri. In vigore nel periodo 1721-1740 erano, in linea di massima, prestanome anonime, come ha sostenuto Berman. Ma ha anche insinuato che erano modelli di tutte le virtù. Afferma che il primo GM, Montague, dimostrò ai suoi nobili amici che l'Ordine era " accettabile, moralmente, intellettualmente e politicamente", e quindi alcuni di loro "erano disposti a diventarlo"Il "capo titolare" di EF. Nel contesto questa è una contraddizione insostenibile. Molti dei GM erano noti ubriachi, giocatori d'azzardo e rampicanti di bordelli, solo uno o due erano interessati alla scienza e la maggior parte trascorreva il proprio tempo cercando vantaggio in un'era licenziosa e dissoluta:

John, 2° duca Montecchi* 1721 Master of Great Wardrobe: Walpole's Cabinet, 1730-42.

Filippo, primo duca Wharton* 1722 Nominalmente giacobita

Francis, 5° conte di Dalkeith, 1723 scozzese Noto per la "compagnia bassa"

Carlo II duca Richmond* 1724-5 Il giocatore di cricket scozzese Giorgio II, Lord of Bedchamber, combatté contro i giacobiti nel '45

James Hamilton, Lord Paisley 1726 Libro d'autore sul magnetismo

William, 4° Conte di Inchiquin 1727 MP irlandese

Henry, 3° Barone Coleraine 1728 MP Antiquario

James, 4° Barone Kingston* 1729 nato in Francia

Thomas, 8° duca di Norfolk 1730 Giacobita ?

Thomas, Lord Lovell 1731 MP 1722-29, PMG del Regno Unito 1733-59

Anthony, 6° Visconte Montecchi* 1732 'Potere dietro il famigerato borgo marcio'

James, 7° conte di Strathmore 1733 scozzese Non si sa nulla

John, 20° conte di Crawford 1734 Soldato morì combattendo Jacs nel 1745

Thomas, 2° Visconte Weymouth 1735 Custode di Hyde Park, Ranger di St James Park

John, 4° conte di Loudun 1736 Scot C-in-C & Gov of Virginia ha combattuto i giacobiti

Edward, 2° conte di Darnley 1737 Irish Lord of Bedchamber to P of Wales Anti-Walpole Whig

Henry, marchese Carnarvon 1738 Figlio del duca di Chandos, MP 1727-41 Maestro del cavallo a P del Galles

Robert, 2° Lord Raymond 1739 Non si sa nulla

John, 3° Conte di Kintore 1740 Non si sa nulla

Montague, GM nel 1721, è uno di quelli le cui carte " mancano di qualsiasi menzione materiale della Massoneria".Rivelano il suo finanziamento di una spedizione infruttuosa per colonizzare le isole delle Indie occidentali e la sua stretta partecipazione al cerimoniale alle incoronazioni di Giorgio I (1714) e II (1727). Suo suocero era il duca di Marlborough, anche se non è affatto chiaro che abbia visto azioni sul campo di battaglia. (Berman, 2012, pp.124-131) Il secondo GM, Philip Wharton, è stato trattato come un giovane sciocco impetuoso o ignorato nei documenti ufficiali. La "solita storia" secondo cui ha usurpato la posizione di vertice convocando i suoi amici a una riunione e facendogli insediare come GM, colpo che è stato poi ratificato dall'esecutivo, fa meravigliare di come fosse gestita l'organizzazione.a causa dell'intransigenza di Wharton. Quando chiese un voto GL contro di lui nel 1723 riguardo al suo successore, fu sconfitto con un solo voto su 85, 43 a 42, il che fa sì che Berman applaudi: ' L'esodo di Wharton dalla Gran Loggia può essere classificato come un evento chiave che ha cementato il pro -Hannoveriano e la natura pro-Whig di (EF)' . (Berman, 2012, pp.136-143)

Oltre a ricevere sinecure reali riservate a fidati sostenitori come "Lord of the Bedchamber", alcuni di questi diciannove uomini furono coinvolti nella parte operativa del lavoro dell'amministrazione. Tre hanno servito come parlamentari, uno nel gabinetto di Walpole per un periodo considerevole e uno è stato PMG per 26 anni, un tempo lungo per intercettare la posta e avere il controllo di un reddito così importante e sicuro. Nessuno di quelli noti per essere di persuasione giacobita o sospettato di esserlo si trovava in queste posizioni. Un soldato di carriera, Crawford, fu ucciso combattendo "i ribelli" nel 1745, altri due combatterono dalla parte del governo. Alcuni di questi GM hanno "Custos Rotulorum" tra i loro "posti". Questa vecchia posizione di grazia e favore li poneva a capo di una gerarchia civile regionale come il "custode dei registri" e li rendeva, tra le altre cose, gli strumenti con cui sono stati creati i "loro" magistrati. Come lo erano il PMG e i parlamentari, è probabile, quindi, che siano stati particolarmente preziosi per Walpole e per il fratello Charles Delafaye la cui carriera lo mostra come JP, magistrato e sottosegretario di Stato e quindi al centro del sistema giuridico. A quel tempo, il potere di dirigere lo spionaggio risiedeva normalmente con due segretari di Stato e i loro assistenti-segretari, come Delafaye. Hughenot, era stato il collegamento del governo a cui Daniel Defoe aveva inviato i suoi rapporti clandestini dalla Scozia nei primi anni del secolo, destinatario di sinecure, ed era per il resto estremamente ben collegato, in particolare, al duca di Newcastle. Berman ha concluso che era il capo delle spie di Walpole con la libertà di operare a livello nazionale e all'estero. Egli era, secondo Berman,Principio di Desagulier Colleghi e collaboratori massonici'. Era così fidato e la sua posizione così vitale per tutte le persone coinvolte che gli fu assegnato un seggio sia nella Camera dei Comuni che nella Gran Loggia. [lxxix] In qualità di 'Judge Advocate', magistrato inquirente e segretario della Commissione dei capi della giustizia, era in grado di distorcere la giustizia per proteggere i legislatori da coloro che hanno sofferto maggiormente a causa della sua applicazione.

Tra i principali obiettivi interni dell'amministrazione c'erano i "neri", descritti come tali dal loro travestimento notturno e dal Black Act del 1724 che fu usato per distruggerli. A seconda del punto di vista, erano o "bande criminali armate e pericolose" o resti di comunità rurali che difendevano uno stile di vita dai proprietari terrieri aristocratici determinati a recintare e sfruttare la terra precedentemente comune. Il Black Act e le sue estensioni nel decennio successivo furono gli atti legislativi che portarono l'Inghilterra/Gran Bretagna nel 19 ° secolo .secolo con oltre duecento reati designati che comportano la minaccia della pena capitale. I "crimini" includevano il danneggiamento di una peschiera, l'uccisione o la mutilazione del bestiame, l'abbattimento di alberi, l'invio di lettere anonime considerate minacciose, la caccia al cervo e il bracconaggio di lepri, conie o pesci [lxxx] L'opposizione all'interno della confraternita iniziata poteva essere trattata allo stesso modo ed era, anche se meno drasticamente, prima sorveglianza, poi rapporti segreti al governo e minaccia di arresto e sospensione dall'Ordine. [lxxxi] Berman nota una mozione di Desagulier a GL progettata per salvaguardare "la loro sicurezza contro tutti i nemici aperti e segreti dell'Arte". (RB, 2012, p.157) Non ha seguito le implicazioni logiche di questo.

 Dopo Walpole

Durante gli anni '40 e '50 del Settecento, EF dovette riprogettare se stessa. Berman ha riassunto il problema così come lo vedeva: "(EF, l'organizzazione)  divenne arrogante e  ossessionato da se stesso... la disaffezione crebbe, diventando così notevole che alla fine degli anni Quaranta del Settecento circa un quarto delle logge di Londra fu espulso o cancellato dal il registro, mentre altri si separarono o scelsero di rimanere indipendenti.' (RB, 2013, p.4) Si è concentrato, come molti altri hanno fatto sulla classe operaia irlandese a Londra, sul rifiuto della nobiltà-EF o sul duro trattamento di quegli artigiani che cercavano di unirsi ad essa e su una "Massoneria" alternativa che il suo Gran Segretario di lunga data Dermott ha chiamato " gli Antient'. La comunità Hughenot svanisce a questo punto dall'attenzione di Berman, perché, a quanto pare, crede che si assimili alla popolazione locale. Kamil crede che fossero in gran parte transitori e, principalmente, solo nel Regno Unito in viaggio verso le Americhe. [lxxxii] I loro numeri in inglese non sono mai stati enormi, ma l'importanza di questa comunità nella genesi di EF rende cruciali ulteriori ricerche demografiche.

Presumo che la dinamica di Hughenot nello spionaggio del governo inglese sia sopravvissuta alla caduta di Walpole. Lo spionaggio è rimasto indispensabile e le prove dimostrano che EF e l'esercito hanno collaborato più strettamente e che la Corte è stata coinvolta più direttamente in quelle che oggi sarebbero chiamate "questioni operative". Immediatamente, EF si trovò infiltrato da giacobiti e sostenitori della precedente Massoneria. Questo è stato affrontato, spietatamente. Un "contingente di diplomatici stranieri" partecipò alla "Cavalcade and Grand Feast" del febbraio 1741 a Londra, in seguito all'insediamento del GM. [lxxxiii]Dopo che la ribellione del 1745 era fallita, questo GM, Morton, fu arrestato da funzionari francesi, presumibilmente su ordine di Londra e imprigionato nella Bastiglia. Uno scozzese, era di nota inclinazione giacobita quando fu eletto. Desagulier era in disgrazia o disilluso da Walpole e sembra aver almeno flirtato con i massoni giacobiti partecipando alla loro processione deridendo la nobiltà-EF il 19 marzo 1741, nota come "Scald Miserable Procession". È interessante notare che, dato il divieto svedese del 1736 sulla "Massoneria", l'ambasciatore svedese a Londra ha camminato con Desagulier a questo evento. Si ritiene che Desagulier sia stato successivamente abbandonato dai suoi ex amici e sia morto in povertà. [lxxxiv]

I tentativi degli oppositori politici di Walpole di intentare un'accusa contro di lui mentre era in carica erano falliti. Dopo le sue dimissioni nel 1742, un Comitato Segreto, gremito di oppositori, fu nominato per indagare sulla sua amministrazione. La sostanza dell'accusa contro di lui, secondo un simpatico biografo del Dictionary of National Biography , si basava sull'ultima delle accuse: " peculato e profusione nella spesa di denaro dei servizi segreti" . Leadam ha affermato che " non c'era alcuna prova" del fatto che Walpole prendesse per sé uno di questi soldi e che per quanto riguarda l'uso non necessario o eccessivo del denaro, l'accusa è stata dimostrata con soddisfazione dei membri del Comitato solo da: "... il confronto di un decennio accuratamente selezionato, 1707–17, durante il quale il denaro speso dai servizi segreti non fu più di 338.000 l., con il decennio 1731–41, quando ammontava a 1.440.000 l.' Leadam ha cercato di giustificare la spesa di tali enormi quantità di denaro dei servizi segreti all'estero con: " ... gran parte di questo denaro era ben distribuito ... perché Walpole era meglio fornito di informazioni dal continente rispetto a qualsiasi suo predecessore". [lxxxv] Il suo resoconto ha fornito un ulteriore incidente: '…(Con la corona) di Polonia (vacante, il continente era stato) sprofondato… in una guerra, in cui l'imperatore stava rapidamente soccombendo davanti alle forze unite di Francia, Spagna e Sardegna. I suoi appelli di aiuto hanno arruolato le simpatie tedesche della regina [inglese] ... (e) re. Walpole... era deciso a non intervenire... L'imperatore, furioso... mandò Strickland, vescovo di Namur, a Londra per intrigare... a corte. Strickland iniziò manomettendo Harrington, il segretario di stato, con il quale ebbe una lunga e segreta conferenza...'

L'EF domestico e di opposizione, "gli Antient", a metà del secolo diede all'altro EF un nuovo nome, "i Moderni", per suggerire una perdita di contatto con una motivazione originale e "onorevole". Il "normale" resoconto del conflitto si basa su differenze rituali ma Berman afferma, come ha fatto RF Gould, che aveva più a che fare con la posizione sociale: " ..(The) original (GL) stagnava, il numero e l'appartenenza di Le logge degli Antients... si arrampicarono... in parte (a causa) delle particolari circostanze della comunità di immigrati irlandesi... (come) una risposta sia alla loro alienazione sociale e massonica che a quella della classe medio-bassa e operaia più in generale... (Il) rivale La Gran Loggia 'Antients'... differiva fondamentalmente in termini di funzione sociale ed economica e nella composizione dei suoi membri.' [lxxxvi]

Dal 1751, quando "gli Antient" formarono la loro Gran Loggia, al 1813, quando l'unificazione riunì le fazioni, la loro leadership rimproverò la nobiltà-EF per aver danneggiato la confraternita rimuovendo alcune allusioni e simboli dal rito comune. Questa è diventata nel tempo l'unica spiegazione offerta per aver rivendicato la libertà dalla "sede centrale" e, utilmente per i creatori di miti, ha seppellito la politica. Berman ha dimostrato che "l'antica Massoneria" era "fin dai suoi primi anni" un'associazione di amici, vicini e collaboratori, "la grande maggioranza dei quali viveva e lavorava" l'uno vicino all'altro. Questi EF erano più interessati alla sicurezza finanziaria che il fraternalismo poteva offrire che all'elegante convivialità, allo status o al lavoro segreto all'estero. Formarono riconoscibili "fondi di mutuo beneficio" che erano molto più vicini per forma e funzione alle corporazioni operative precedenti al 1717 rispetto ai "moderni", e molto più vicini a confraternite come gli Odd Fellows, i Druids e lo "United Watermen's Friendly Fund", proliferando intorno a loro. Questa appartenenza alla "classe inferiore" non era gradita alla nobiltà di Londra e ai massoni della "nobiltà" sulla terraferma europea, dove la massoneria "giacobita" rimase forte.

Pitt, il Vecchio, figura parlamentare dominante ma ambigua nel corso dei quattro decenni, 1737-1778, non è noto per aver avuto alcun interesse per la "Massoneria", ma in varie posizioni ufficiali, tra cui come "Pagatore generale delle forze che aveva" un ruolo personale nell'assicurare che le reti di spionaggio si sviluppassero in linea con le sue politiche aggressive di costruzione dell'impero. [lxxxvii]Un'economia di guerra, una maggiore importanza dell'"Oriente" e il passaggio da una colonizzazione prevalentemente marittima a una più terrestre nelle Americhe e in Australasia, hanno imposto cambiamenti nelle metodologie di spionaggio, contro le quali le rigidità di classe, nell'esercito per esempio, hanno agito da solo importanti ritardanti. Il senso di superiorità inglese/britannico già in atto divenne decisamente evangelico ed eroico con risultati contrastanti, ma chiaramente anti-illuministi. Ovviamente parte del "governo", EF potrebbe tranquillamente continuare a sostenere che la sua promessa di fedeltà era politicamente neutrale. Da parte loro, tutti i massoni giacobiti che stavano ancora tramando la caduta del regime, gli EF anti-gentry come "gli Antients" o i fratelli francesi che sostenevano la rivoluzione stavano tutti violando il loro impegno di rimanere fedeli al "governo" qualunque cosa potesse essere.

Le Logge del Reggimento 

La "solita" storia di EF vede le logge massoniche che viaggiano con reggimenti almeno dal 1732 come collegamento positivo tra la "Massoneria" e "il governo". Berman ha giustamente sottolineato la loro importanza, ma la letteratura di EF è per lo più timida su di loro. Molti addetti ai lavori non si riferiscono affatto a loro, altri non sono convincenti: "Gli ufficiali massoni hanno visto il potenziale dell'Arte per favorire lo spirito di corpo e rafforzare il legame lungo la catena di comando " è una delle spiegazioni preferite. "Per i singoli soldati", è stato affermato, "oltre agli aspetti di auto-miglioramento inerenti all'appartenenza, la natura benevola dell'Ordine nei giorni precedenti un'assicurazione diffusa sarebbe stata sicuramente un'ulteriore attrazione".Poiché il primo GL a rilasciare charter ai reggimenti furono gli irlandesi, è stato affermato che: " Dato il tumulto che esisteva in Inghilterra e che era relativamente facile ottenere un mandato ai sensi della costituzione irlandese, non sorprende che Dublino fu il primo porto di scalo per i reggimenti dell'esercito che erano in movimento e desideravano aprire una loggia. Baigent e Leigh hanno inoltre affermato che queste logge hanno creato un "clima in cui i giovani soldati dinamici - come James Wolfe - potrebbero avanzare se stessi, indipendentemente dalla casta". [lxxxviii]Hanno affermato che l'Inghilterra / Gran Bretagna ha perso le colonie americane a causa della riluttanza dei "massoni" da entrambe le parti, ma in particolare dalla parte "britannica" militarmente più abile e meglio armata, a combattere spietatamente e abilmente come hanno fatto in altri teatri . (B&L, 1998, Cap 16, spec pp.287-293)

Nel loro insieme, queste affermazioni pubblicate sono contraddittorie : la loggia abitava il reggimento nel suo insieme, era l'iniziativa dell'ufficiale in comando, si teneva nella mensa degli ufficiali, escludeva i gradi inferiori, era iniziata e alimentata dal grado -e-file, era proprio come una loggia fissa e aveva bisogno di fare dichiarazioni annuali, la sua documentazione è rara, ecc, ecc.Né i "soliti" resoconti spiegano perché alcune di queste logge sono state designate "Logge degli ufficiali", e altre no, né quali implicazioni seguirono per le logge che erano nell'esercito indiano e/o sotto il controllo nominale della Compagnia delle Indie Orientali. Queste logge del reggimento non si autofinanziavano, quindi chi stava pagando per i loro "attrezzi" di loggia e a che punto i reggimenti ricevevano il permesso di includere bauli della loggia nel bagaglio del reggimento - bauli che contenevano il tipo di oggetti cerimoniali che portavano la prigione se sfilati dal commercio - fraternità orientate?

È importante sottolineare che la domanda essenziale è stata evitata: perché mai le "logge del reggimento"? Qual è il legame tra guerra e massoneria? Perché non le logge dei contabili, le logge dei medici o le logge dei produttori di sgabelli? L'idea che le logge EF piene di irlandesi fossero considerate la migliore e unica risposta al bisogno di lealtà in quei tempi di conflitto è ridicola, e lo diventa doppiamente quando 'gli Antients', la forma di opposizione, vengono introdotti nell'equazione.

Quasi l'unico resoconto delle logge del reggimento da parte di un importante storico di EF, RF Gould's Apron and the Sworddel 1899, non tentò alcuna spiegazione per la loro esistenza se non per dire che quasi tutti quelli che aveva rintracciato erano iniziati nei ranghi inferiori. Dedicò del tempo alle ragioni del loro "decadimento" riconosciuto come avvenuto dopo che i due campi si erano riuniti, cioè durante il 1812-13. Con l'assistenza dei suoi colleghi dell'allora QC, le sue tabulazioni hanno mostrato che la proporzione tra logge militari e civili presso "l'Unione" era da uno a dodici. Nel 1878 questo era sceso a uno su trecento ea uno su undicicento nel 1899. Respinse la spiegazione popolare all'epoca secondo cui l'esercito dopo Waterloo, 1815, era passato da una guerra a una base di pace. Notò che poco dopo "l'Unione", i regolamenti per le logge militari furono approvati dalla nuova Gran Loggia combinata che vietava l'iniziazione di civili o di qualsiasi soldato di grado più basso del caporale, e commentò:"Potrebbe quindi, a prima vista, sembrare che la prevalenza delle logge nell'esercito britannico sia stata molto gravemente influenzata dal fatto che la giovane Gran Loggia d'Inghilterra [cioè 'gli Antient'] ha cessato di esistere come istituzione indipendente". [lxxxix] Nella sua prima formulazione nel 1880, Gould aveva sostenuto la tesi con più forza: 'Con la fusione delle Grandi Logge nel 1813, iniziò la decadenza della Massoneria Militare. Non esisteva più una Gran Loggia 'operaio'... Il corpo scismatico si confuse totalmente nell'organizzazione più antica e più modaiola, mentre quest'ultima si disponeva di un formidabile rivale, adottando tutte le novità e le innovazioni che, per più di mezzo secolo, aveva denunciato con veemenza.' (Enfasi di Gould)[xc]

Il fatto che le logge militari siano state provate ma giudicate inadeguate da Prussia, Francia e Stati Uniti d'America, e probabilmente da altri paesi, indica che potrebbero essere utili studi comparativi. Gli altri fondatori della Research Lodge di Londra, QC, colleghi di Gould, sembrano aver abbandonato l'argomento quando la ricerca ha iniziato a mostrare che la preponderanza di queste logge non era stata noleggiata dai "Moderni", la nobiltà EF. La maggioranza era stata registrata in Irlanda, proprio quando l'esercito stava reclutando molti lavoratori irlandesi e quando "i Moderni", l'EF guidato dalla nobiltà, era molto in disgrazia con quegli uomini. Tempo speso a considerare il coinvolgimento di queste "logge itineranti" nella dinamica del potere tra "gli Antient" e "i Moderni", tra gli ufficiali e gli altri ranghi, o come mezzo di avanzamento sarebbero probabilmente sprecati in quanto sembrano essere stati un fallimento riconosciuto, almeno come facilitatori culturali. Senza dubbio ci sono delle eccezioni, ma "The Mess" è stato un sostituto per loro o si è evoluto dalla stessa idea e si è rivelato più pratico.

Le tempistiche per le logge del reggimento note non si adattano a nessuna delle "solite" conclusioni. Ad esempio, la versione del 2007 di Harland-Jacobs descriveva le logge militari come un'innovazione della Gran Loggia irlandese per "facilitare la diffusione della Massoneria all'estero" e per ottenere un "vantaggio sui loro rivali " a Londra ed Edimburgo. [xci]Proprio in quale razza gli irlandesi GL/'gli Antient' credessero fossero impegnati, non dice. La sua risposta potrebbe essere che hanno cercato di avere la loro versione alternativa della "Massoneria" stabilita nei porti di scalo prima di qualsiasi altra versione. Tuttavia, gli "Antients", sebbene con sede in Irlanda, non erano amministrati da Dublino ma da Londra da fratelli non nobili. Non esistevano prima del 1751, due decenni dopo la comparsa ufficiale delle prime logge militari conosciute e "gli Antients" non erano allineati con la GL irlandese fino al 1758. L'idea che le logge militari facessero parte di una strategia competitiva all'interno della "Massoneria" non si adatta nemmeno alla sua insistenza prevalente su una singolare massoneria "britannica". Contrariamente a quanto hanno fatto altri studiosi recenti non massoni come Bullock, non ha messo in dubbio l'immagine proiettata da EF di se stessa.amministrazione del secolo al suo centro fin dall'inizio: 'Mentre le logge militari attraversavano il globo... le grandi logge metropolitane adattarono le loro strutture amministrative per facilitare la diffusione globale della fraternità... Nello specifico, aggiunsero nodi alla crescente rete burocratica della Massoneria espandendo il numero delle grandi logge provinciali logge... Per tutte le giurisdizioni britanniche, il gran maestro provinciale fungeva da rappresentante del gran maestro in una località (proprio come i governatori coloniali rappresentavano la corona all'estero)...(p.38)...(Carenze) a parte, il sistema provinciale delle grandi logge (consentito) autorità metropolitane sia per estendere (la rete) che per controllarla.'…(p.40)

L'immagine che ha dato dell'efficienza, dell'ordine e della stabilità è il modo in cui EF desidera che tutto il suo passato sia considerato e, come presumo, la "rete burocratica" è la parte di EF che si sta coordinando con le operazioni del governo, tra cui spionaggio. L'altra parte di EF, dove gli ufficiali ei ranghi interagiscono è molto diversa. Prima del QC, cioè prima del 1886, gli studiosi non si sottraevano all'informalità e alla turbolenza del passato di EF, anche se lo lasciavano nelle note a piè di pagina o comunque lo sminuivano. La 'Massoneria', in realtà, non era ordinata, regolata, ordinata e ordinata all'inizio non più di quanto non fosse indivisa. La sua principale attrazione per molti soldati era l'esercito: non il rituale, non il simbolismo, non gli ideali rivendicati, ma la convivialità e le opportunità di saccheggio e avventura. [xcii]Queste sono realtà che minano le "solite" risposte alle domande sulla sicurezza e sul bisogno di stabilità sotto tiro. Il personale militare veniva inviato ovunque il "governo" ritenesse necessario, ma per il XVIII secolo e precedenti il ​​processo non era semplice. Per sottolineare solo un punto: per qualsiasi reggimento o nave della marina che portasse con sé "una società segreta" che potrebbe essere o meno affidabile avrebbe richiesto un'autorizzazione a un livello ragionevolmente alto, ma di chi? La decisione determinante per qualsiasi loggia del reggimento di recarsi in una zona di conflitto non è stata, sicuramente, presa da una Gran Loggia, o da un "Maestro" della loggia, ma dal "Comandante". Aiuterebbe se questo ufficiale fosse anche un EF, poiché se una loggia non fosse conosciuta e autorizzata a livello GL/Ministeriale, la scoperta significherebbe inevitabilmente accuse di slealtà, forse tradimento, e potrebbe invitare alla pena di morte. Essere "fuori moda" o lealisti sarebbe l'ultimo dei problemi di un fratello segreto. Nessun caso del genere, nemmeno aneddoticamente, è venuto alla luce. Concludo che le autorizzazioni sono state concesse a un livello molto elevato, ma che le prove relative al processo sono state soppresse, forse rese invisibili agli archivi.

Un'interpretazione di EF che dia alla geopolitica il dovuto, non rende necessariamente impossibile l'idealismo della loggia, né impedisce che un insieme di principi sia il legame comune tra vaste aree geografiche o un numero enorme di persone. Insiste solo sulla probabilità che EF/conformità militare sia avvenuta dopo "l'Unione", quando la gentry-EF aveva ristabilito il suo controllo generale. L'importanza dei fratelli irlandesi nel primo secolo di attività militari di EF non è sorprendente, ma ha delle implicazioni. Abbracciare la musica e le opportunità di cantare, ballare, ridere e sbaciucchiarsi, erano al centro di tutte le prime espressioni fraterne, massoniche e non. Le logge del reggimento erano di natura migratoria, cioè di taverna in taverna, ben prima che andassero "al largo". Inizialmente erano 'club' informali e, probabilmente, 'tollerati' da chi comanda, poiché i soldati di linea non sarebbero rimasti se la musica e il rum fossero stati loro negati. È proprio perché era più probabile che gli ufficiali provenissero dai "moderni" che le tensioni interne sarebbero state certamente alte, e che molti "negoziati" dovevano essere proseguiti sullo scontro di atteggiamenti. Ciò che è sopravvissuto sono prove a sostegno dell'idea che l'ordine centralizzato e la stabilità siano stati imposti da Londra a un fraternalismo già in atto, ma il fatto che il processo abbia impiegato ben più di un secolo per avere successo è stato soppresso. I "nodi" provinciali di Harland-Jacobs erano il mezzo per inserire "mercantili/diplomatici/spie" massoniche in luoghi al largo del 18° secolo, ma le loro esperienze in tempo reale prima del 1812-13 sarebbero state faccende molto disordinate e frustranti.esimo e 20esimo secolo, le logge militari sono scomparse, o si sono conformate alle discipline della professionalizzazione e alle esigenze della contro-narrativa evangelica di EF. Le "logge del reggimento" "Antient" si dimostrarono insoddisfacenti, specialmente per gli ufficiali della nobiltà dell'EF, che iniziarono a gestire esclusive logge "ufficiali" sui registri "dei Moderni" dal 1780. Solo dopo "l'Unione" sono apparse le norme relative alla "muratura militare", dopo di che sono proliferate le logge esclusive.

La mia interpretazione prende supporto dal notevole livello di coinvolgimento della famiglia reale con la nobiltà-EF e i militari dall'adesione di Giorgio III e per tutto il periodo noto come 'Antica Corruzione'. Né Giorgio I (1660-1727) né Giorgio II (1683-1760) sono noti per essere stati fratelli iniziati, ma erano fortemente coinvolti nell'esercito e negli affari europei: ' Giorgio [I] ha avuto un'esperienza di politica di potenza europea che Anne [il suo predecessore] mancava. D'altra parte (lui) non sapeva parlare inglese, e tutti i documenti rilevanti dei suoi... ministri furono tradotti in francese per lui... Giorgio trascorse lunghi periodi all'estero nella sua nativa Hannover... Le sue visite nel 1716, 1719, 1720, 1723 e 1725 furono lungo...'(Black, 2014, p.27).Giorgio II era ancora più germanico nel temperamento e, a quanto pare, preferiva le carte, la caccia e l'esercito. Nessuno dei due sembra aver svolto alcun ruolo pubblico con l'EF, sebbene il figlio maggiore di Giorgio II sia stato iniziato nel 1737. Dei tre figli di Giorgio II noti per essere stati iniziati negli anni '60 del Settecento, a due fu assegnato il grado di "Past Grand Master" nei "Moderni". ' nel 1767, mentre il terzo, Henry, fu loro GM dal 1782 fino alla sua morte nel 1790. Noto per la sua frugalità e pietà tanto quanto per la sua debilitante porfiria, Giorgio III ebbe numerosi figli, che furono educati sia a casa che, in il caso dei figli, in Germania, dove sei furono iniziati alla "Massoneria". Anche i suoi tre fratelli erano massoni di spicco. Collettivamente, questa famiglia reale si opponeva con veemenza alle richieste di qualsiasi riforma sotto la rubrica "diritti del popolo".

Un noto episodio del coinvolgimento di EF nella politica europea risale al regno di Giorgio III. Ambasciatore inglese e EF, il "più grande trionfo" di Goodricke arrivò nel 1765 quando contribuì a garantire la sconfitta del "Partito Cappello" filo-francese nelle elezioni della dieta svedese "notoriamente corrotta". Ciò ha reso più facile un "impianto" di logge inglesi come parte di una missione per "consolidare l'influenza britannica" e "minare i francesi". Nelle parole di Prescott: ' A seguito del Trattato di Parigi del 1763, la Svezia divenne un importante forum diplomatico per la Gran Bretagna, in particolare per coltivare la Russia. La missione di Sir John Goodricke in Svezia fu accompagnata da un vigoroso tentativo di stabilire la massoneria (sic) sotto la Gran Loggia inglese e di scacciare la massoneria francese». (AP, 2012, p.185, p.193)I politici di allineamento francese si raggrupparono, gli Hats vinsero le elezioni della dieta del 1769, dopodiché i "moderni" di Londra inasprirono le cose rivendicando unilateralmente il diritto di agire come Gran Loggia Suprema e di scavalcare la nomina svedese di una "Grande Loggia provinciale Master' in Russia. Questo, nelle parole di Prescott, era "imperialista" com'era, (p.199), ma non ammette alcun accenno a metodi "subdoli" da attaccare né ai diplomatici inglesi né ai fratelli iniziati da EF. I colpi di scena negli affari svedesi furono " senza dubbio in parte influenzati dai cambiamenti nello status mondiale della Gran Bretagna" e probabilmente anche "influenzati da considerazioni massoniche interne, principalmente la rivalità con la Gran Loggia Antients", ma questo è quanto lo porta la speculazione.

Il secondo figlio di Giorgio III, Federico, duca di York, fu spinto nell'esercito britannico in tenera età, nominato al comando supremo all'età di 30 anni, e fu coinvolto in una "campagna notoriamente inefficace" durante la "Guerra del Primo Coalizione' che seguì la Rivoluzione francese. Successivamente, come comandante in capo durante le guerre napoleoniche, riorganizzò abilmente l'esercito britannico, mettendo in atto 'vitali riforme amministrative e strutturali.Il quarto figlio, padre della futura regina Vittoria, fu iniziato in una loggia tedesca nel 1790, anno in cui il duca di Wellington fu ammesso in una loggia irlandese. Come duca di Kent, visse all'estero dal 1791 al 1800, diventando generale e comandante in capo delle forze britanniche in Nord America. Abolì arbitrariamente tutte le logge "moderne" in Canada nel 1790 al fine di realizzare una sorta di Unione lì, e fu poi "scelto" per servire come GM degli "Antient", cosa che fece dal 1791 al 1800. Fu quindi nominato governatore di Gibilterra dal Ministero della Guerra con ordini espliciti di " ristabilire la disciplina tra le truppe ubriache"ma è stato ritirato dopo un po' per essere stato troppo entusiasta. Sostituì il duca scozzese di Athol come Gran Maestro degli "Antients", il suo predecessore "scelse" di dimettersi prima dell'Unione del 1813. Ha quindi rifiutato l'offerta del Gran Magistero della nuova entità. Morì nel 1820 e quando la giovane regina si sposò fu "regalata" dal fratello minore, il duca di Sussex. Lui, il sesto figlio di Giorgio III, il principe Augusto Federico, nel 1801 fu nominato vice gran maestro dei "moderni", o come erano allora conosciuti, "i muratori del principe di Galles". Era stato iniziato a Berlino solo tre anni prima , nel 1798, e poi si precipitò attraverso i gradi successivi. Successivamente fu eletto e rieletto Gran Maestro della nuova entità, l'UGLE, ogni anno dal 1813 fino alla sua morte nel 1843.

Nel suo eccellente resoconto dell'interazione tra le fazioni dei politici della nobiltà di Londra e "la strada", lo studioso statunitense Rea ha spiegato il famigerato libertino e agitatore di questo periodo, John Wilkes, come più una pedina che un giocatore indipendente: " Nel 1762 , (il conte di Bute, allora Primo Ministro) aveva appreso il segreto per organizzare le spie dei caffè e stava rapidamente diventando esperto nell'arte di creare una stampa governativa.' [xciii] Per stabilire una linea di fazione, i singoli scrittori hanno ricevuto fino a 300 L all'anno da "fondi per servizi segreti" che erano in media tra 30.000 L e 40.000 L all'anno: 'Quando i membri si presentavano in parlamento, veniva fatto ogni sforzo "per mettere a tacere o intimidire gli stampatori di giornali, diffamazioni e stampe satiriche". Coloro che potevano essere spaventati furono avvertiti del braccio forte del governo ; coloro che le minacce lasciavano inalterate sono stati acquistati quando possibile.' [xciv] L'episodio di Wilkes, durante il quale la maggioranza degli elettori di Londra ha sfidato le fazioni stabilite e il "loro" sistema parlamentare, non è apparso nella storia di EF-insider per quanto ne so, ma sembrerebbe coinvolgere, al per lo meno, l'uso di campagne di propaganda e manifestazioni di piazza da parte di un certo numero di società fraterne, tra cui "gli Antient", per assalire "i Moderni" per ragioni politiche . [xcv]

L '"uso diffuso" da parte dei governi Whig e Tory di pensioni e sinecure "per corrompere, ricompensare o acquistare" sostenitori della politica interna aveva avuto successo, quindi perché non dovrebbe essere continuato. I cinque decenni dal 1780 sono stati individuati con particolare attenzione. [xcvi] Per ciò che un altro autore ha definito "una cultura di spionaggio", [xcvii] il termine "vecchia corruzione" fu applicato per la prima volta all'inizio del XIXattivisti riformisti del secolo come William Cobbett e John Wade. Come per i decenni di Walpole, il comportamento scandaloso di molti dei leader della nazione, andando ben oltre la mera non rispettabile dissolutezza alla corruzione del sistema legale e all'inflizione di miseria e ingiustizia a persone innocenti, non ha prodotto rimpianti tra la nobiltà -fratelli responsabili dei 'Moderni'. Piuttosto, il termine mette in bella mostra un periodo di stretto coinvolgimento delle classi superiori dei "Moderni" con la famiglia reale e il suo culmine nella neutralizzazione degli "Antient" da parte dell'"Unione" del 1812-13.

Poeta e artista mistico, William Blake scrisse dell'impopolarità della "guerra americana" in Inghilterra e notò che i "massoni" stavano combattendo contro Giorgio III. [xcviii] Quando la retorica dell'Illuminismo è apparsa per la prima volta nella letteratura in lingua inglese, non proveniva da acclamati addetti ai lavori di EF, ma da radicali alienati, ad esempio, in Common Sense di Thomas Paine , e The American Crisis , e i suoi successivi Rights of Man , o nelle osservazioni di Benjamin Franklin. I fratelli statunitensi, dal 1776, hanno attribuito ai loro antecedenti iniziati nel governo rivoluzionario tutto ciò che di buono della loro nazione: '…Noi, come massoni, dovremmo amare con orgoglio il fatto che la Massoneria sia stata più intimamente intrecciata nella costruzione del più grande paese sulla faccia del globo. Sicuramente la mano della Provvidenza fu con i nostri padri in quella grande e gloriosa impresa». [xcix] Per qualsiasi massone, ovunque, insistere sul fatto che esistesse un'unica "Massoneria" universale e che i suoi fratelli, ovunque si trovassero, dovevano essere politicamente neutrali in qualsiasi circostanza era ed è politicamente opportunista, nel migliore dei casi. Una "Massoneria" universale, per essere realizzabile, dovrebbe possedere una flessibilità simile a quella rivendicata da tutti i protagonisti di sanguinosi conflitti, cioè che "Dio è dalla nostra parte". La tolleranza, l'adesione pacifica al governo della propria società, la fede nell'uguaglianza e tutte le altre presunte virtù che definiscono la massoneria, dovrebbero risiedere all'interno di tutti i regimi, siano essi radicali, conservatori o altri per i quali un "fratello" ha fatto la pretesaNonostante le nozioni di valori universali e un modello globale, si stavano sviluppando diverse "Massonerie". La "Massoneria" statunitense si stava evolvendo in modo abbastanza diverso da quella dell'Inghilterra, e ancora in modo diverso da quella francese. Oltre alla probabile influenza irlandese-giacobita delle logge del reggimento, la "Massoneria" più popolare praticata negli Stati Uniti è stata filtrata attraverso un certo numero di culture dell'Europa continentale prima di entrare negli Stati Uniti attraverso i suoi porti meridionali. I lettori interessati sono riferiti, in primo luogo, a un resoconto del 1890 [c] e solo successivamente a pubblicazioni più recenti. L'opuscolo statunitense del 1927 citato sopra continuava: 'L'ideale di governo americano è stato, con poche eccezioni, promulgato e realizzato dai membri della nostra Fraternità. E quando il lettore avrà finito di leggere questo libro, avrà scoperto che il nostro è veramente un governo massonico». Questa non è solo una dichiarazione politicamente di parte, è una pretesa di unicità da parte di un gruppo di massoni sulla base della "loro" Massoneria.

Le circostanze francesi stavano generando una versione della "Massoneria" che i "Moderni" ripudiarono pubblicamente. [ci] I nemici cresciuti in casa, come Lord Edward Fitzgerald, stavano complottando con sospetti agenti del Direttorio francese, [cii] mentre le implicazioni religiose dell '"Illuminismo" e il suo contenuto socio-politico: repubblicanesimo, istruzione gratuita per tutti, libertà di parola e la libera circolazione, il suffragio universale e il libero accesso a biblioteche e musei - fornivano un grado di allineamento dei fratelli francesi con i "ribelli" statunitensi e con i nazionalisti in altre giurisdizioni. Fu la negazione da parte dell'Ordine inglese di questi valori "stranieri" che gli permise di sfuggire all'obbrobrio del coinvolgimento rivoluzionario lanciato sui fratelli della terraferma dall'abate Barruel e John Robison. [ciii]I disordini interni e il panico generale provocati dagli eventi in Francia a partire dal 1789 sono stati utilizzati per giustificare la legislazione coercitiva e antiseditoria entrata in vigore negli anni '90 del Settecento e, più in generale, l'adesione dei lealisti alla stabilità e all'ordine costituito prima di ogni altra cosa . Pitt, il Giovane, è stato descritto come un riluttante guerrafondaio e un despota riluttante. Si dice che abbia detto che lui solo si trovava tra una plebaglia eccitata e lo stato di diritto. [civile]L'evidenza è che il sistema di spionaggio gestito dal governo in atto era centralizzato e professionale, come erano intesi quei termini a quel tempo, che era sofisticato e, come abbiamo visto, che era di lunga data. I comandanti militari hanno continuato con le proprie reti di spionaggio applicabili localmente, nonostante Londra diventasse più consapevole dei vantaggi degli scopi comuni. I generali Amherst e Wolfe in Canada sono esempi ben noti, poiché Silas Deane, diplomatico e politico, è un esempio di maestro di spionaggio statunitense. [cv] ​​I diari di Amherst registrano la sua raccolta, raccolta e interpretazione delle informazioni ottenute da spie, disertori, prigionieri di guerra e documenti nemici catturati. Ho tenuto segrete le mie operazioni,"questo EF di lunga data ha scritto. Il duca di Wellington ha intervistato e assunto "agenti speciali" come richiesto.

Il critico Haswell si è lamentato del fatto che, in contrasto con la "corretta organizzazione centralizzata" di Washington, gli inglesi si affidavano eccessivamente a fonti "casuali" - " lealisti, ribelli disamorati e chiunque altro si offrisse volontario"... "Certamente avevano alcune spie ...che ha usato codici e inchiostri invisibili per trasmettere i dettagli delle forze americane, del morale e dei piani al generale britannico Gage.' (JH, 1977, pp.58-9) Vide solo ad-hocery britannico anche quando ammetteva: 'Durante praticamente tutta la Guerra d'Indipendenza, dal 1776 fino alla resa del generale Lord Cornwallis a Yorktown nell'ottobre del 1781, (il dottor Edward) Bancroft fornì a Lord Wentworth al Ministero degli Esteri britannico informazioni molto più dettagliate sulle relazioni internazionali e estere dell'America politica mai raggiunta né al Secondo Congresso continentale (in Virginia) né al comandante in capo americano, George Washington...' [cvi] Questo 'Lord Wentworth' era 'Paul Wentworth', ben collegato 'proprietario di piantagioni' e 'agente di cambio ' a Londra e Parigi, e talvolta 'l'agente coloniale del New Hampshire a Londra.' A quest'uomo sono state assegnate così tante carriere diverse che bisogna sospettare tutte le sue credenziali pubbliche. Era il collegamento di Bancroft con il barone Eden e Lord Suffolk e Weymouth nel gabinetto inglese. Avendo accettato di spiare, Bancroft aveva ricevuto una specie di "inchiostro invisibile" per le sue lettere settimanali. Haswell ha continuato: " George III, che si interessava molto allo spionaggio, per un certo periodo diede ogni incoraggiamento a Bancroft che amava molto essere una spia ... Quando tornò a Parigi portò con sé materiale accuratamente preparato fornito dai suoi spymaster inglesi".Eden, in seguito il primo barone di Auckland, è stato sottosegretario di Stato nel gabinetto di Lord North, e successivamente inviato speciale a Parigi, ambasciatore in Spagna e nei Paesi Bassi e congiunto post-maestro generale nel gabinetto di Pitt il Giovane. Era "strettamente associato" con il maggiore John Andre, l'uomo che ha aiutato a "trasformare" Benedict Arnold, poi giustiziato dai "ribelli" statunitensi, e con Henry Clinton, l'eventuale comandante in capo britannico in Nord America, di cui fonti statunitensi credito con una rete di spionaggio da New York all'inizio della campagna. [cvii]Tutte le posizioni ministeriali di Eden portavano con sé l'autorità di assumere agenti dei "servizi segreti". Clinton, Wolfe ed Eden sono noti per essere stati "massoni", della versione gentry. È noto che molti altri ufficiali incaricati sono stati avviati, sebbene non sia noto se prima o dopo aver pagato la loro commissione.

La corrispondenza tra il re Giorgio III ei "suoi" ministri rivela un monitoraggio molto ravvicinato delle spie del governo all'estero. Mostra che Bancroft era un noto "doppio agente" e che anche Wentworth era pagato ma non fidato. Il re osservò a Lord North, nel dicembre del 1777, i documenti di cui stavano discutendo: '... Non posso dire di considerare le informazioni di Mr Wentworth con un grado di certezza maggiore di quanto sia confermato da altri; è un agente di cambio dichiarato, e quindi, anche se approvo di assumerlo, non ho mai lasciato che mi esca dalla mente. Non posso dire che il suo dispaccio, che restituisco, contenga qualcosa su cui basarsi, ma mi convince che Bancroft è interamente un americano e che ogni parola che ha usato in quell'occasione è stata progettata per ingannare...' Un'altra lettera ha il re che ribatte:"Le informazioni di Bancroft potrebbero non essere del tutto false, sebbene siano certamente molto esagerate, perché intimidire è sempre stato uno dei suoi obiettivi principali." [cviii] Una nota a piè di pagina a p.94 della corrispondenza afferma "Bancroft era al soldo sia del Gabinetto inglese che del Congresso". Wentworth aiutò Bancroft a fare soldi con la borsa di Londra grazie alla prima conoscenza della sconfitta del generale Burgoyne in Canada, ed entrambi furono coinvolti con il negoziatore di pace e nota spia Benjamin Franklin a Parigi, [cix] dove Bancroft fu nominato segretario della Commissione americana. Nessuno dei due sembra aver subito conseguenze legali per le loro azioni, Bancroft si è ritirato nell'Essex.

Con il ripristino della pace, le attività dei diplomatici/spie si sono concentrate ancora una volta sui trasferimenti di potere dell'Europa, possibili alleanze e preparativi per guerre future. L'autore francese, gli appunti di Mirabeau per i suoi sponsor, un anello di banchieri parigini, forniscono resoconti dettagliati della corte del malato Federico di Prussia in due anni, 1786-7. La loro unica rilevanza, qui, sono le informazioni fornite da Mirabeau sulla squadra diplomatica/spia inglese in loco per agire nell'interesse di Londra: Sir James Harris, 1746-1820, (poi Lord Malmesbury) e i suoi assistenti consolari, Dalrymple ed Ewart. Il gruppo francese comprendeva massoni e politici influenti - Talleyrand, Duc d'Orleans, ecc. - in un concentrato di " denaro, intelletto e intrighi segreti" che ne facevano " una delle principali forze della Francia".nel periodo prerivoluzionario. Mirabeau, dopo aver dimostrato il suo valore al gruppo con una serie di devastanti opuscoli politici rivolti agli oppositori del gruppo in casa, è stato inviato a Berlino. Lì, "attraverso i rapporti della [Lodge] Amis Reunis... (che) aveva un modo segreto di agire", doveva spiare la terra, " politicamente, a beneficio di Calonne [una figura centrale nel gruppo] e il governo; – (e) finanziariamente, per quella dei suoi amici che tenevano gli occhi fissi sui milioni accumulati da Federico il Grande...' [cx]

Le accuse più note di cospirazioni che minacciano la stabilità europea e l'ordine tradizionale risalgono a questo periodo: '(In Germania, società segrete) sorsero tra le logge massoniche, con programmi ben definiti e avanzati, ' es. Unione che doveva "essere una corporazione segreta di editori" per monopolizzare "l'opinione pubblica e i profitti dell'editoria". I personaggi del mix includono il conte Cagliostro e un monaco benedettino, Dom Maurus. Il primo lo lascio per ora, come per il secondo – dalla voce di Mark Dilworth nell'Oxford Dictionary of Biography, Wikipedia ha compilato un profilo che include:

Alexander Horn , (1762–1820), era un monaco benedettino scozzese che divenne un agente segreto e diplomatico britannico. Il suo lavoro contribuì alla nascita della teoria del complotto degli illuminati.

  Horn è nato nel villaggio di Oyne, nella contea di Aberdeen. Nel 1772, all'età di dieci anni, fu accettato come oblato dal monastero scozzese di Ratisbona, in Germania, un'abbazia imperiale nella capitale che fu poi sede della Dieta Imperiale del Sacro Romano Impero. Verso il 1782, raggiunta la maggiore età, fu ammesso nella comunità monastica come monaco e gli fu dato il nome religioso di Mauro e fu ordinato sacerdote cattolico intorno al 1785. Fu stimato bibliotecario del monastero nel 1790, mentre presso la nello stesso tempo lavorava come agente di Ratisbona per l'ambasciatore britannico a Monaco. Ha coltivato stretti legami con la famiglia Thurn und Taxis e altre persone influenti nella regione. Nonostante fosse un monaco, la sua vita sociale lo portò a essere descritto come un "giovane selvaggio". Horn ha scritto in forma anonima, condannando le attività della Francia nel minare il Sacro Romano Impero. Ha fornito il materiale che ha costituito il nucleo dell'accusa di John Robison del 1797 di una cospirazione internazionale di massoni, illuminati e giacobini. Nel 1799 si recò in Inghilterra, incontrando membri del governo di William Pitt tra cui Earl Spencer. Successivamente ha utilizzato la sua esperienza bibliografica per acquisire libri e manoscritti rari per la Spencer's Library. Quando nel 1802 la Dieta Eterna di Ratisbona, sotto la pressione di Napoleone Bonaparte, decise di secolarizzare tutte le proprietà della Chiesa cattolica all'interno dell'Impero, il monastero scozzese riuscì a evitare questo destino. Horn e il suo abate, Charles Arbuthnot, (l'ultimo abate del monastero) fecero pressioni su Jacques Macdonald e Jacques Lauriston, generali cattolici scozzesi nell'esercito francese. Ormai era l'agente britannico ufficiale a Ratisbona e si rivolse ulteriormente al governo britannico. Il monastero scozzese fu esentato dalle autorità ecclesiastiche tedesche che passavano sotto l'autorità esclusiva della Santa Sede ei due monaci ottennero con successo l'appoggio del cardinale protettore di Scozia a Roma. Fu concessa un'esenzione espressa a favore dell'Abbazia scozzese, sebbene non fosse consentita l'assunzione di nuovi novizi. Nel 1804 Horn divenne il funzionarioIncarichi d'affari in seguito all'espulsione dell'ambasciatore britannico a Monaco su istanza di Napoleone.

Non è noto se la famiglia Thurn und Taxis avesse ancora il controllo della "Camera Nera" sopra descritta. L'acquisto organizzato e la ricostruzione fisica dei libri del XV secolo nei secoli XVIII e XIX era un'estensione dell'idea alla base di quello spionaggio - catturare, rivalutare e rimodellare il "passato" - in questo caso da parte di musei finanziati dallo Stato e importanti biblioteche come la Bodleiana. [cxi]

Un progetto di ricerca finanziato dal governo austriaco sta attualmente esplorando gli oltre 900 rapporti presentati da Horn a Whitehall in 15 anni. Mirabeau pubblicò i suoi dispacci altrimenti segreti nel 1789, forse perché aveva bisogno di soldi, e altri scrittori, esercitati dagli eventi epocali di Parigi, raccolsero le sue affermazioni massoniche. Il professore scozzese di storia naturale e segretario della Royal Society of Scotland, John Robison, tradusse e sviluppò l'argomento dell'abate Barruel secondo cui "i massoni" erano coinvolti in modo centrale nel tumulto rivoluzionario. Forse anche lui era cattolico e faceva rete sia con Horn che con Barruel, che erano almeno in parte motivati ​​dall'animosità nei confronti degli oppositori del cattolicesimo. Il reverendo Dodd, che non era,... Perché sebbene [EF] possa essere in debito con il saggio e glorioso Re d' Israele alcune delle sue numerose forme mistiche e cerimonie geroglifiche, tuttavia certamente l'arte stessa [Massoneria] è coeva all'Uomo, il suo grande soggetto. Anzi, può essere ben definito coevo alla Creazione ; quando il Sovrano Architetto elevò su principi massonici, questo bellissimo globo....(ecc)'.[Enfasi in originale] [cxii]

I funzionari consolari francesi che erano impegnati nella repubblica cercarono una nuova diplomazia in questo momento in linea con le modifiche apportate al calendario, alle forme di indirizzo e così via. Al posto dell'intrigo e della segretezza cercarono l'apertura e il parlare schietto ma, come altri cambiamenti introdotti dopo il 1789, queste aspirazioni non resistettero. [cxiii]

Harland-Jacobs nel 2007 credeva che "i massoni hanno contribuito a ... (a) "lifting" della monarchia britannica all'indomani della guerra americana .' In un altro luogo, affermò che gli sforzi dei "massoni" per coltivare relazioni con la famiglia reale furono ripagati durante la seconda metà degli anni '90 del Settecento, quando l'"Atto sulle società illegali" del governo del 1799 sembrava minacciarlo insieme ad altri giuramenti segreti società. [cxiv] Tali affermazioni sono fuorvianti. La legge del 1799 e tentativi simili di imbavagliare le proteste di strada furono messi in atto perchédell'impopolarità del monarca, della sua famiglia e del "suo" governo, espressa ad esempio da un tentativo di omicidio nell'ottobre 1795, che non è nel suo resoconto, insieme agli enormi numeri che protestavano contro l'approvazione del "Traditionable Practices Bill" in Novembre, lo stesso anno. Senza dubbio, gli eccessi francesi alimentavano la paura e gli scoppi di passione da tutte le parti. Ma le dichiarazioni di lealtà da parte di EF aristocratici non equivalgono a un "assenso e lode liberamente dato ai suoi sudditi" non qualificato, non importa quanto l'esecutivo di GL possa desiderare che sia così. Harland-Jacobs ammette che "i suoi figli" erano " scandalati e impopolari " e " spesso il peso maggiore del pubblico ridicolo se non del disprezzo ", ma insiste: "(Anche se i singoli membri della famiglia reale si allontanavano dai costumi rispettabili nella propria vita, rappresentavano comunque un'istituzione e un ideale che era ritenuto intrinsecamente rispettabile. Così l'associazione della Massoneria con la casa reale, nonostante la reputazione offuscata dei principi, portò prestigio all'Arte. L'interpretazione di Erdman ha l'alternativa: '…George III non ha tentato di ignorare i rappresentanti parlamentari (del popolo). Li ha semplicemente acquistati. Prendendo il controllo della macchina Whig di corruzione e manipolazione elettorale, ha effettivamente disintegrato i Whig e si è circondato di "amici". [cxv]

La continua vicinanza della famiglia reale con la nobiltà-EF ha portato critiche a entrambi. Il Gentleman's Magazine del giugno 1794 attaccò la "Massoneria" recensindo un secondo libro pubblicato in Francia che sosteneva il ruolo centrale dell '"Ordine" nel caos rivoluzionario attraverso la Manica. Ha ridicolizzato "le numerose pretese di un'alta antichità e di un'origine onorevole, a cui rivendicano ancora molti dei massoni di oggi". Ristampato su The Freemason's Magazine , il pezzo ha suscitato una confutazione che non ha affrontato nessuna delle questioni sostanziali. [cxvi] Questo documento ,pubblicato a Londra dal giugno 1793 al 1798, è interessante qui proprio perché era sia un giornale altamente politicizzato che una risposta della Gran Loggia alle critiche sia della famiglia reale che della nobiltà-EF. I suoi articoli principali, compresi quelli di apparente interesse storico generale, come "Eventi nella vita dell'imperatore romano Giuliano" e "Storia generale della Cina", articolavano una superiorità delle istituzioni inglesi/britanniche su quelle di qualsiasi altra nazione. Insisteva che la "Massoneria inglese" meritava lo stesso riguardo a causa della vicinanza dell'Ordine con "il carattere nazionale". Il primo numero è stato illustrato da "Mather Brown, Esq, Historical Painter to Their Royal Highnesses, the Duke and Duchess of York". In primo piano c'erano i testi di due "Dichiarazioni" spostate all'unanimità dalla Modern's Grand Lodge a febbraio, 1793 e firmato da 'William White, GS; Lord Rawdon, GM ad interim; e Peter Parker, DGM'. 'Lord Rawdon', in seguito come Conte di Moira, ha agito come GM dei Moderni fino al 1812 e come GM per la Scozia, 1806-1808. Era un amico particolare del principe reggente, il figlio maggiore del re, poi Giorgio IV, e un potenziale "capo ministro" fino a quando non caddero e lui fu "bandito" in India. Le suddette "Dichiarazioni" affermavano che esisteva la necessità di un commento politico, non da parte del giornale ma della Gran Loggia del Moderno: " e un potenziale "Capo ministro" fino a quando non caddero e lui fu "bandito" in India. Le suddette "Dichiarazioni" affermavano che esisteva la necessità di un commento politico, non da parte del giornale ma della Gran Loggia del Moderno: " e un potenziale "Capo ministro" fino a quando non caddero e lui fu "bandito" in India. Le suddette "Dichiarazioni" affermavano che esisteva la necessità di un commento politico, non da parte del giornale ma della Gran Loggia del Moderno: "(Sta scritto che non entriamo in discussioni religiose o politiche) Una crisi, tuttavia, così inaspettata come l'attuale, giustifica a nostro giudizio un allentamento di quella regola, e come nostro primo dovere come britannici superando tutte le altre considerazioni noi aggiungo, senza ulteriore pausa, la nostra voce a quella dei nostri concittadini, nel dichiarare un comune e fervente attaccamento a un governo di Re, Lords e Comuni, come stabilito dalla gloriosa rivoluzione del 1688.' [cxvii]

È difficile concepire un'affermazione più partigiana. Non è solo a sostegno del governo della nazione in termini generali, ma di quell'assetto religioso e politico instaurato nel 1688. Specificamente indirizzato a re Giorgio III come " lo strumento immediato della prosperità e del potere (della Britannia)" , continuava: " ( Noi) esultiamo nel possedere in questo momento il sistema più saggio e più equilibrato che il mondo abbia mai conosciuto...' Riguardo alla Massoneria inglese affermava: ' (Pervadendo) come facciamo noi, ogni classe della comunità e ogni ceto sociale, e diffondendo i nostri principi ovunque mettiamo radici, questo discorso può essere considerato come un discorso, in sintesi, i sentimenti di un popolo.'

La seconda dichiarazione, ringraziando il Principe di Galles per 'condiscendente' di consegnare la prima al Re, augura: ' Bretagna trionfante ei suoi nemici abbattuti. Possa la sua riconosciuta superiorità, restituire la pace e il grato rispetto delle nazioni salvate, perpetuare la fama delle sue virtù, l'influenza del suo esempio e il peso e l'autorità del suo dominio».

Intitolati "L'ambasciata di Lord Malmesbury", i lunghi dispacci di questa spia/diplomatico in varie capitali europee a Whitehall sono citati testualmente in numerose edizioni. In ogni numero ci sono anche dibattiti dettagliati della Camera dei Comuni, inclusi lunghi discorsi di oppositori del governo come Charles Fox: ' ...La corona non ha mai esercitato la sua autorità contro i diritti del popolo in modo più efficace che negli ultimi due anni . Aveva creato nuovi crimini e nuovi tradimenti, ridotto la libertà del suddito e assunto un potere militare al quale i nostri antenati avrebbero rabbrividito...' [cxviii] Un rapporto della "Camera dei Comuni" del 23 dicembre 1797 mostrava : La Camera in una commissione per l'approvvigionamento ha votato 180.000 l per il clero e i laici francesi; 150.000 l per i servizi segreti esteri per il 1797.' La carrellata di questo stesso giornale degli eventi di ogni anno includeva regolarmente questioni politiche delicate ma lealiste, come ad esempio: ' 26 aprile (1798) Un forte distaccamento delle guardie marciò verso il Kent, allo scopo di imbarcarsi in una spedizione segreta a Margate. ' [cxix] Il proprietario originario, JW Bunney fallì nel novembre del 1793, la rivista continuò comunque fino al 1798 quando il suo frontespizio rivelò "George Cawthorn" come editore ed editore, anche se con un titolo diverso. Il tentativo di cambiare la direzione del suo fascino come The Scientific Repository e Freemason's Magazine non ebbe più successo forse a causa dei suoi continui tentativi di propiziare "il grande e il buono". Nel luglio 1797 emette un 'Schizzo biografico di Sua Altezza Reale il Principe William Frederick di Gloucester (con Ritratto) ' ha elogiato un uomo conosciuto privatamente come 'Silly Billy' ma la cui nascita fortunata, come nipote del re e suo genero, significava che gli erano state concesse posizioni non aveva possibilità di guadagno. Dal 1811 alla sua morte nel 1834 fu Cancelliere dell'Università di Cambridge e nel 1812 gli fu offerto il trono di Svezia, opportunità non ostacolata dal fatto che nel 1797 era stato iniziato alla Britannic Lodge n . la Gran Loggia da Sua Altezza Reale il Principe di Galles, Gran Maestro, il 13 aprile , fu deliberato all'unanimità:

Che a testimonianza dell'alto senso che la Gran Loggia nutre del grande onore conferito alla Società dall'iniziazione del principe William di Gloucester, Sua Altezza Reale sia presentato un grembiule foderato di seta blu, e in tutte le future processioni valgono come passate Gran Maestro.' [cxx]

I ricercatori hanno stabilito che 62.000 l furono spesi dal segretario al Tesoro, John Robison [nessuna relazione con altri], per acquistare 33 seggi nel 1780 e 30.000 l per acquistare 19 seggi nel 1784. Ci sono casi documentati in cui i ministri e i loro funzionari di gabinetto hanno falsificato i documenti per tenere nascosta la verità. [cxxi] Il reverendo Knox, preside e noto saggista, fece circolare nel 1790 un testo che attaccava tutta la corruzione aristocratica, ma incentrato sul governo Pitt. Sebbene ripubblicato fuori dall'Inghilterra, il nome dell'autore non fu rivelato fino a dopo la sua morte nel 1821. Chiamato The Spirit of Despotismo , ribadì gli attacchi "honest Whig" al "lusso, corruzione ed effeminatezza" endemico nel"moderna cultura commerciale di cui la Gran Bretagna ha fornito l'esempio più avanzato e quindi il più degenerato". L'aristocrazia era insolente, disinteressata all'erudizione o alla virtù pubblica e, sosteneva, scollegata dalle «classi medie e basse ». Le istituzioni che dovrebbero difendere il bene pubblico, come la Camera dei Comuni, erano entrate a far parte del sistema corrotto: "i migliori emolumenti nella chiesa, nella legge, nell'esercito, nella marina, sono riservati a garantire voti impliciti a favore della corruzione.' Knox ha osservato che "lo spirito di dispotismo" era peggiorato come diretto risultato della guerra con la Francia e "l'ostilità lealista all'ascesa del movimento popolare per la riforma del parlamento". I suoi numerosi esempi iniziarono con il 'crescente ingerenza del governo nella condotta dei giornali", con cui " propagava principi sfavorevoli ai diritti del popolo, ... palliativa abusi pubblici, diffamava cattiva condotta ministeriale e nascondeva fatti a cui il popolo è più profondamente interessato", in modo che la stampa avesse diventare "un potente motore di oppressione" per servire "gli scopi della schiavitù"; la diffusione di sospetti e 'falsi allarmi' su immaginari complotti contro la costituzione Il resoconto dei servizi segreti del governo avrebbe costretto l'opposizione a istituire un proprio meccanismo per corrompere i giornali: " Il 17 luglio 1784, ad esempio, il London Evening Post e ilIl St James Chronicle ha ricevuto ciascuno 100 l dal contribuente, e questo è stato abbinato a 200 l di denaro Foxite per l' inserzionista generale . Un'istantanea scattata nel 1790 mostra il Tesoro che controlla nove quotidiani, tra cui il Morning Herald e il Times , mentre l'opposizione dirigeva il Morning Chronicle e altri quattro.' [cxxii] I resoconti superstiti, nelle parole di Hilton, affermano che all'inizio degli anni '90 del Settecento il governo spendeva circa 5.000 all'anno in "sovvenzioni" alla stampa e che "i due giornali più allarmisti", The Sun e The True Britonfurono entrambi avviati con l'aiuto ministeriale nel 1792-3. Allarmista deliberatamente, poiché si credeva che le esagerate minacce di insurrezione aiutassero le speranze elettorali del loro sponsor. Con forse un quarto di milione di lettori, i giornalisti e gli editori di Londra " sono stati completamente coinvolti nella guerra di partito ". Nel 1784, il Morning Post fu corrotto dal Tesoro per sostenere Pitt "the Younger", ma cinque anni dopo "il Principe di Galles lo invitò di nuovo all'opposizione ". [cxxiii]

La doppiezza del governo, sia Whig che Tory, ha comportato molto di più dell'uso dei contributi dei contribuenti per sovvenzionare la stampa ministeriale... e portare avanti le campagne elettorali. ' (WR, 1983, p.64) Knox si occupava di: 'la rinascita del giacobitismo tra i conservatori e gli alti uomini di chiesa, tentando di difendere la monarchia proponendo una definizione di lealtà come lealtà solo al re, o anche al governo per al momento, non per l'intera costituzione o per l'interesse pubblico... e la crescente influenza degli avvocati in parlamento... esercitata invariabilmente a favore del governo e che minacciava l'integrità sia del legislatore che della magistratura.' [cxxiv]

Uno studioso del 2006 è tornato sulle prove raccolte da Knox e altri che mostrano la politicizzazione degli spazi pubblici e ha concluso: ' Il caffè, per lunga convenzione uno spazio in cui anche la conversazione sulla politica era protetta dalla sorveglianza politica; la pettinatura, troppo insignificante per essere considerata una questione politica; il casolare, immaginato come uno spazio sottratto al conflitto pubblico e politico, anche al carattere privato del re... tutto è diventato improvvisamente parte dell'arena della politica. (JB, 2006, p.14) Concludendo questa recensione, Barrell credeva: '…Le conversazioni, la corrispondenza, le carte private, di radicali dichiarati e sospetti, divennero oggetto di vari tipi di sorveglianza formale e informale. Nemmeno la loro condotta domestica era esente da ispezioni o falsificazioni, in primo luogo e in modo più evidente nella scandalosa biografia di Tom Paine scritta dal propagandista lealista George Chalmers sotto lo pseudonimo di "Francis Oldys". (JB, 2006, pp.245-6). Una successiva biografia di Paine ha documentato gli sciami di spie inglesi che seguivano e riferivano solo su quest'unico uomo e venivano ricompensate per i loro sforzi. [cxxv] Paine non poteva essere processato, almeno non di persona, per il suo libro, I diritti dell'uomo, ma potrebbe essere bruciato in effige. Centinaia di "feste lealiste" furono organizzate per contrastare gli effetti della sua risposta al saggio antirivoluzionario di Edmund Burke. Le parole di Paine sono state lette in lungo e in largo, soprattutto in Irlanda e in Scozia, provocando centinaia di risposte. Un'altra rassegna dei giornali dell'epoca ha concluso che coreografate o meno, pianificate centralmente o meno, le iniziative lealiste "contribuirono a consolidare la fedeltà delle classi possidenti all'ordine politico": essi)... incontrarono un notevole scetticismo (e) potrebbero spiegare perché l'esperimento lealista stesso fu di breve durata (e cedette) il passo a un movimento di volontari che assicurava che il dissenso interno potesse essere affrontato con reggimenti armati capitanati dai possidenti...(Conservatori) si potrebbe essere certi che la superficiale bonomia del festoso paternalismo sarebbe adeguatamente sorvegliata . [cxxvi] [Il mio corsivo] Altri osservatori contemporanei, incluso il romanziere Bulwer Lytton (1803-1873), hanno scritto di voti su larga scala e acquisti elettorali, che hanno portato alla paralisi del processo parlamentare, poiché un nucleo dei grandi Whig e Tory ha manipolato i risultati così che raramente hanno affrontato una vera opposizione. Quando nel 1795 Giorgio III fu colpito a colpi di arma da fuoco mentre si avviava all'apertura del Parlamento, i giornali riferirono che 500 poliziotti furono mobilitati dalle autorità civili, mentre nel 1820 il noto Cato St Conspiracy fu rivelato da "spie del Ministero dell'Interno" reclutate dal capo cancelliere al Bow St, John Stafford. I suoi compiti includevano dare agli agenti i loro ordini e ricevere i loro rapporti.
Quella che oggi viene chiamata "conoscenza privilegiata" deve essere stata diffusa nei circoli istituzionali poiché, ad esempio, l'arcivescovo di Canterbury era a conoscenza in anticipo che la proclamazione reale del maggio 1792 " aveva lo scopo di seminare allarme ". [cxxvii] Nel novembre di quell'anno gli avvocati del Tesoro stabilirono piani per il futuro perseguimento dei diffamatori sediziosi e furono nominati agenti locali per raccogliere le prove necessarie. Poco dopo, il governo ha istituito un ufficio stranieri sotto l'ala del ministro dell'Interno: 'La (sua) funzione apparente era il controspionaggio, ma ha rapidamente diffuso la sua sorveglianza da spie straniere a sospetti ribelli in patria. Secondo uno dei suoi agenti, William Wickham, costituiva "un sistema di polizia preventiva... Senza trambusto, rumore o qualsiasi cosa che possa attirare l'attenzione del pubblico, il governo possiede qui i più potenti mezzi di osservazione e informazione... che sia mai stato messo nelle mani di un governo libero”. [cxxviii]
Come nei periodi precedenti, non ci sono segni noti di rammarico o opposizione all'amministrazione dall'interno dei "moderni", i gentry-EF. C'è solo l'eccessiva adulazione, già citata. L'unica conclusione possibile da tutto ciò è che qualsiasi istituzione inglese che si fosse allineata con l'amministrazione inglese prima, durante e dopo le guerre con Napoleone stava scegliendo di schierarsi con forze reazionarie note per essere corrotte, ansiose di preservare la loro influenza e contrarie al principi ora indicati come "Illuminati". Dato che questo allineamento esisteva ormai da un secolo, si deve accettare che i "moderni" fossero così profondamente radicati nei circoli della corruzione da essere essi stessi contaminati in modo irreparabile.
Hone ha esaminato i "sistemi" di sorveglianza metropolitana di Londra del 1790-1820, alcuni dei quali abbastanza nuovi, e ha concluso che tra i motivi per cui è stato difficile trovare i dettagli, c'erano che il funzionario o i funzionari governativi pertinenti e le aree di cui ciascuno aveva spesso la responsabilità cambiato. Un altro era che i metodi organizzativi utilizzati variavano con l'individuo. I dettagli dell'esborso ministeriale di "denaro per servizi segreti" sono rimasti sotto stretto controllo nonostante l'ampliamento della gamma dei suoi usi. A un'estremità dello spettro, i giornalisti nelle città portuali potevano avere accesso a un "comunicato stampa" riguardante le partenze della Royal Navy "in servizio segreto", ma, coinvolgendo molto più denaro, l'ambasciatore in Francia prima del 1789 stava impiegando " tutti i mezzi possibili per aumentare i problemi interni' compreso'spendere denaro su larga scala allo scopo di fomentare la rivoluzione .' [cxxix] Eventuali dati pubblicati possono essere solo indicativi. Gli esempi visti sono stati brevi e hanno usato molto il titolo "Altro". Tre sottosegretari – George Rose (tesoreria), Bland Burges (ufficio degli esteri) e Frances Freeling (ufficio postale) hanno creato legami con la stampa. Nel suo esame del lavoro di spionaggio retribuito dei poeti Wordsworth e Coleridge, Johnston ha notato che l'Home Office Records mostra che nel 1795 il duca di Portland, con il suo sottosegretario William Wickham, capo del nuovo Alien Office, e Bow Street magistrato, Richard Ford, ha messo in atto "un nuovo elaborato sistema di buste paga e guadagni" progettato per consolidare il controllo di Westminster su tutto ciò"sistema sciolto di magistrati non pagati, funzionari locali onorari, "corridori" di Bow Street e informatori di ogni genere". [cxxx] I fondi dei servizi segreti per l'uso all'estero, autorizzati dai ministri di gabinetto competenti sono stati rimessi ad agenti e informatori tramite le banche continentali. Nel decennio della cosiddetta "Guerra Fredda" tra i caldi conflitti con gli Stati Uniti e quelli con la Francia rivoluzionaria e poi Napoleone, le energie erano state profuse per annullare l'influenza francese nelle "pianure", in Belgio e nella Repubblica olandese: "L'obiettivo era vincere voti, non battaglie e potevano essere vinti con l'influenza, la propaganda o l'acquisto, tutti metodi che potevano costare denaro. Inoltre era necessario conoscere, per poter prevenire, le mosse della parte avversa, e questo comportava anche delle spese. Il denaro per tali attività proveniva naturalmente dai fondi dei servizi segreti.' Dall'Aia Lord Malmesbury ha pagato per i rapporti di agenti a Parigi, Madrid, Bruxelles, Vienna, Genova, Dunkerque e altrove. [cxxxi] Un "occhio" inglese/britannico a Berna addestrato su Parigi è stato puntato dal fidato William Wickham lì come incaricato d'affari: ''Secondo un calcolo, il Ministero degli Esteri ha speso 665.222 l per le operazioni dei servizi segreti di Sua Maestà nel periodo 1795-9 rispetto a 76.759 l nei cinque anni precedenti. (Wickham e James Talbot, suo successore a Berna) furono responsabili dell'80% di tutti i soldi dei servizi segreti spesi dagli inviati britannici in Europa nel periodo 1790-1801, e inoltre c'erano una serie di conti nascosti o camuffati, molti dei quali hanno mai stato portato alla luce .' Questi, senza dubbio, includevano personaggi del calibro di Padre James Robertson, usato dal Duca di Ferro per portare messaggi segreti in Europa. [cxxxii] [Il mio corsivo]

Un altro "diplomatico" inglese / britannico di nome Francis Drake reclutò attivamente "agenti" in tutta l'Europa meridionale, ma fu compromesso da un agente di controspionaggio impiegato dal capo delle spie di Napoleone, il suo ministro della sicurezza, M. Fouche. Napoleone era un appassionato studioso dei metodi di spionaggio inglesi e fece istituire a Fouche un sistema di controspionaggio domestico che coinvolgeva 30.000 poliziotti che coprivano il paese e, naturalmente, un ampio uso del controspionaggio e della propaganda. [cxxxiii] Un certo numero di spie straniere furono catturate, ma Fouche scoprì di aver ottenuto un enorme database sui cittadini francesi che usò come arma politica personale. Una spesa FO ben nascosta era una grande pensione pagata a un agente monarchico francese, D'Antraigue, fino a quando non fu assassinato a Londra nel 1812. [cxxxiv]Uno dei primi eroi d'Inghilterra e solo uno tra i tanti EF della nobiltà, il duca di Wellington era in debito con il suo migliore amico, Lord Castlereagh per la sua preferenza nell'esercito. Restituì il favore assumendo il fratello di Castlereagh, Charles Stuart, come suo aiutante generale nella penisola iberica. In seguito, come ambasciatore del Duca di Ferro, questo gentiluomo costruì una forte rete di spionaggio intorno al porto di Bayonne. Un osservatore di prima mano credeva che il quartiermastro di Wellington sulla penisola, John Waters, fosse "la spia più ammirevole che fosse mai stata assegnata a un esercito. "Le abilità descritte assomigliano a quelle insegnate all'immaginario Kim molto più tardi in India:"(Potrebbe assumere caratteri diversi) Ma ciò che lo rendeva più efficiente di tutti era il suo meraviglioso potere di osservazione e la descrizione accurata, che rendevano le informazioni così affidabili e preziose per il duca di Wellington. Niente gli è sfuggito. Quando in mezzo a un gruppo di persone osservava minuziosamente il movimento, l'atteggiamento e l'espressione di ogni individuo che lo componeva, nello scenario da cui era circondato segnava accuratamente ogni oggetto – non un albero, non un cespuglio, non una grossa pietra sfuggì alla sua osservazione e si diceva che in un cottage avesse notato ogni pezzo di stoviglie sullo scaffale, ogni utensile domestico e persino il numero di coltelli e forchette che erano stati preparati per l'uso a cena.' [cxxxv]

Nel Sud e nell'Est

   La "British Library Guide to India Office Records – Central Asia" osserva un importante cambiamento nella politica del governo intorno al 1800: "Dalla fine del 18 ° secolo la motivazione per l'attività britannica divenne... meno preoccupata per il perseguimento del commercio in sé e più concentrata su l'instaurazione e il mantenimento di collegamenti diplomatici e strategici nell'area geopolitica circostante e compreso il subcontinente». E: ' Per tutto il 19 ° secolo, la sicurezza dei confini nord-occidentali e settentrionali dell'India, il commercio transfrontaliero e l'intelligence politica sugli eventi oltre il confine divennero un fattore dominante nella definizione della politica estera britannica(1998, aggiornato nel 2009, 'Introduzione - Pre-20 ° secolo') (I miei enfasi) Gli studiosi di spionaggio hanno interpretato questo nel senso che da questo momento qualsiasi spia inglese/britannica è stata impiegata all'estero - probabilmente in 'The Great Game' - e che qualunque cosa facessero, aveva poco a che fare con la politica 'casalinga' e assolutamente nulla a che fare con la 'Massoneria'. Inoltre, quei cambiamenti legislativi successivi al 1815 avevano migliorato gli effetti della corruzione e l'aria culturale in cui si era nutrita.

Dal canto loro, un numero qualsiasi di autori ha studiato il BEIC ed è riuscito a non notare la presenza di spionaggio, e nemmeno di molta segretezza. [cxxxvi] Poco è stato fatto dell'affermazione di un critico del 18 ° secolo secondo cui la "Compagnia" aveva fin dal suo inizio nel 1600, "industriosamente, e, fino a tempi recenti, ha coperto con molto successo le loro transazioni con un velo di segretezza"I processi per corruzione nel parlamento inglese/britannico di Robert Clive e Lord Hastings hanno accelerato lo spostamento della politica indiana dalla BEIC a Whitehall e il passaggio dallo "spionaggio ministeriale" allo "spionaggio governativo" che ha portato, alla fine, a un servizio di spionaggio completamente professionale. La legge del 1782 che stabiliva i regolamenti su come il "denaro per servizi segreti" doveva essere autorizzato, emesso e ricevuto se utilizzato, altrimenti restituito, significava che da quell'anno un budget per il "servizio segreto" per il BEIC veniva formulato annualmente e presentato alla Camera di Commons [HoC] come parte delle "Stime anticipate" per la discussione e l'approvazione. Anche in questo caso le cifre sono solo indicative sugli importi effettivi e vaghe sulle finalità previste. In una risoluzione del 13 settembre 1783, il consiglio della BEIC a Londra ha istituito un "Dipartimento politico indiano" (IPD) per aiutare ad "alleviare la pressione" sull'amministrazione di Warren Hastings nei suoi "affari segreti e politici". Nel 1784 riuscì solo di poco a impedire al Gabinetto Pitt di assumere il controllo di tutte le sue attività politiche. La clausola 14 di un progetto di legge redatto da Lord Dundas presso il Board of Control proponeva di conferire il potere a "Sua Maestà i ministri"impartire ordini segreti ai governi dell'India, riguardanti la riscossione della guerra o la realizzazione della pace». [cxxxvii] Questo è stato successivamente modificato per autorizzare il passaggio di "ordini segreti" all'India attraverso un "Comitato di amministrazione segreto" di tre uomini, ciascuno dei quali era tenuto dal 1786 a giurare che non avrebbe informato gli altri direttori di alcun decisioni prese: ' ...Finora, un piccolo 'Comitato di Segretezza' aveva svolto tali compiti solo in tempo di guerra, sebbene un [diverso] 'Comitato Segreto'...avesse da tempo organizzato istruzioni di navigazione e protezione per le navi della Compagnia (BoE, HB, 2006, pp .186-7).Nel 1785 Dundas istituì un ulteriore "Consiglio di controllo segreto" che, fino al 1805, assunse il compito di mantenere i contatti con il Comitato segreto dei direttori sui "più importanti affari dell'India". (CHP, 1961, p.50.) Quando l'invasione dell'Egitto da parte di Napoleone nel 1798-99 colse di sorpresa le spie inglesi locali, ma dove nei documenti del governo sarebbe apparsa la cifra della richiesta per i successivi adeguamenti? Fu il Comitato Segreto della BEIC ad allertare il gabinetto della probabile destinazione del corso prima di informare le tre "presidenze" indiane di Madras, Bombay e Calcutta dell'intenzione di inviare immediatamente 4.000 soldati. [cxxxviii]I direttori della Società a "casa" spesso mormoravano di soldi "servizi segreti" che apparivano nei loro libri mastri senza che fossero consultati e senza che avessero alcun potere di scoprire come fossero stati spesi i soldi "approvati".

Era improbabile che le "lodge" fuori dall'Europa del XVIII secolo a terra fossero le enclavi stabili e apolitiche di convivialità e valori progressisti che si presume fossero state. Più probabilmente, hanno continuato a operare come avevano fatto in Europa come siti di intrighi, raccolta di informazioni informali e traffico di influenza, con l'aggiunta di opportunità culturali normalmente non disponibili nelle scuole inglesi. Indicativo delle priorità militari/mercantili tra i primi "inviati", George Pomfret, di cui non si sa assolutamente nient'altro, fu nominato "Gran Maestro provinciale dell'India orientale" [PGM] nel 1728 dal GM Kingston di Londra. Pomfret successe nel 1729 dal capitano Ralph Farr Winter, capitano di una nave BEIC, che nel 1730 a Calcutta fondò la "East India Arms" come Loggia n. 72. Presumibilmente"inviato dalla sua Loggia nel Bengala, una cassa del miglior arak per l'uso della Gran Loggia in Inghilterra", e 10 ghinee per la Carità Massonica. A Calcutta, tra i pochi fatti noti, 'Freemasons' sostenne una scuola costruita nel 1731 da un certo Bourchier per bambini europei ed eurasiatici che indossavano uniformi simili a quelle indossate alla Blue Coat School di Londra. Questi cenni di rispettabilità, benevolenza e stabilità sono la storia di copertina. Presumo che siano stati tentati diversi approcci combinando EF, forza militare, iniziative commerciali e diplomatiche e missioni cristiane. Un approccio, sospetto che la loggia del reggimento itinerante sia nata dalla necessità di reclutare braccianti cittadini e agricoli per il servizio all'estero e, solo in modo circostanziale, conteneva al suo interno una spora di "Massoneria".

La Cina era stata a lungo la fonte di racconti fantastici e di scambi redditizi di merci esotiche. L'interdizione delle carovane lungo la Via della Seta da parte dei predoni ottomani nel periodo medievale aveva avuto importanti conseguenze geopolitiche per l'Europa e aveva fornito valide ragioni alle compagnie commerciali per avere diplomatici / spie in tutta la regione per così tanto tempo. Alcuni fratelli in EF avevano riflettuto a lungo sul Levante, cioè le regioni costiere del Mediterraneo orientale dall'Anatolia all'Egitto. I dibattiti interni, intorno al romanzo del 1731, “Séthos” e intorno all'introduzione da parte del conte Cagliostro di un rito egizio a Parigi nel 1785, si sovrapponevano a discorsi di potenzialità commerciali o culturali, come nella Royal Society, quando fu sollevata la possibilità di un'origine orientale per ' massoneria', e proprio cosa potrebbe significare.

All'interno dei circoli dell'era Walpole, poco si era pensato alle possibilità religiose di un'estensione della "Massoneria" a livello globale. Eppure a Londra, nel 1720, la Società per la promozione della conoscenza cristiana aveva ritenuto opportuno stampare il Nuovo Testamento e il Salterio in arabo per l'uso in Palestina, Siria, Mesopotamia, Arabia ed Egitto. Un secolo dopo, un numero crescente di imprese missionarie stava 'raggiungendo' gli indigeni. Alcuni senza dubbio erano autentici, alcuni vendevano "acqua di fuoco" o peggio, mentre alcuni erano coperture per iniziative di raccolta di informazioni del governo ed erano "gestiti" da consoli britannici, come Alexander Drummond in Turchia dal 1747. La sua nomina diplomatica coincise con la sua autorizzazione da parte del GL della Scozia come MGP per le aree sia a nord che a sud del Mediterraneo.Che la Francia, ad esempio, avesse firmato trattati con la Persia nel 1708 e nel 1715, ovviamente, non aveva nulla a che fare con queste mosse.

La tesi di Harland-Jacob sul parallelo Impero/EF riguarda principalmente "il coloniale" e "il domestico" e quasi per niente "l'estero", ad esempio il Medio Oriente, ma la distinzione politica è in realtà tra bianco, inglese -fratelli che parlano, e 'gli altri'. La letteratura segna già la differenza, riferendosi, ad esempio, a "Lord Moira che iniziò Mirza Abul, ambasciatore persiano nel 1776" , piuttosto che "una loggia fu fondata a xyz sotto la costituzione inglese in cui abc fu accolto e iniziato"ecco come vengono introdotti gli sforzi coloniali/interni di EF. Gli scarsi dettagli del primo sottolineano l'estraneità del diplomatico e il suo status e invitano a riflettere su realtà politico/storiche, non su un programma benefico di beneficenza. Tuttavia, la letteratura, in questo caso un articolo di Prescott, uno studioso in sintonia con EF, non fornisce il contesto, ovvero che il periodo, 1747-1794, in Persia è stato descritto da altri studiosi come "sanguinoso e distruttivo". [cxxxix]Il Medio Oriente non è stata solo un'altra opportunità fotografica per cui la gente del posto ha potuto essere impressionata dalla dignità e dal potere di un corteo pubblico, che è una parte importante di come Prescott e Harland-Jacobs hanno spiegato il modus operandi di EF. Ma non era nemmeno semplicemente il luogo di contesti e problemi un po' diversi da quelli di Ottawa, Sydney o Città del Capo perché erano coinvolti persone di lingua non bianca e non inglese. Harland-Jacobs avrebbe dovuto scrivere un libro molto diverso per accogliere "lo straniero" nella sua tesi, cosa che avrebbe dovuto fare poiché almeno il Mediterraneo orientale è stato al centro delle ansie imperiali ed EF per quasi tutti i tre secoli di EF .

Nel 1858, un giovane EF e soldato di nome Irwin, si rivolse alla "Loggia dell'abitante" di Gibilterra sull'"antica Massoneria": " ... Guidato dai progetti stabiliti dal Grande Architetto, Noè fu abilitato a costruire quel primo capolavoro della scienza geometrica - l'Arca - in cui…la conoscenza del tempo, di Dio e dei segreti del nostro Ordine (furono) conservati per essere trasmessi per il bene delle generazioni future.' [cxl] Questo può essere liquidato come fantasioso, ma con Gould e Warren, e forse Woodford, nella sua udienza alla loggia del reggimento, Irwin aveva ulteriormente insistito: '…Si potrebbe addurre molto di più per dimostrare che gli arabi praticavano la Massoneria nel periodo in cui il loro potere si era stabilito in Europa, (per esempio) che in questo momento è molto noto in tutti quei paesi dove predomina la fede musulmana…” ( CM, 2007, pp.203-4) Questa osservazione è stata respinta a priori con il resto, il che è sfortunato per una serie di ragioni.

L'interesse europeo per i riti "egiziani", "islamici" o "arabi" prima di Napoleone potrebbe essere scaturito dall'osservazione da parte dei viaggiatori delle "abbondanti" società segrete che nel 1965 Landau accettava esistessero in Egitto da molto tempo e che sembrano aver stata etichettata come "Massoneria" per adattarsi al processo di colonizzazione imperiale. Queste società erano, presumibilmente, " riti antichi e locali" degli Ordini dei Dervisci e delle corporazioni musulmane "con i loro segni segreti di riconoscimento" . Kedourie, uno studioso di lunga data, affermò che "non si può dubitare " che Al-Afghani, un importante, anche se sfuggente, attivista anti-britannico alla fine del 19 ° secolo, "vide nella muratura un'estensione moderna dell'antica eterodossia islamica". [cxli]

Inoltre, il fondatore del QC Gould ha citato da The Times del 1881 l'effetto che "esiste un sistema ampiamente diffuso di "Massoneria politica musulmana": " Questo ha cinque suddivisioni, una delle quali - la potente confraternita di Sidi Abdel Kader di Chiliani - possiede un college a Kairwan'. Una nota a piè di pagina forniva l'informazione che Kairwan, " a lungo capitale dell'Africa musulmana, e un tempo luogo di grande eminenza letteraria, è ancora considerata una città sacra" . L'originario portatore del nome della confraternita visse nell'XI secolo, era un discendente di Maometto, ed era considerato un sant'uomo e santo. Il resoconto di Gould della "Massoneria" non tiene conto del materiale non europeo da questo punto. [cxlii]Nel diciannovesimo secolo i Patriarcati di Gerusalemme e di Antiochia sceglievano sempre i propri membri dalla «Confraternita del Santo Sepolcro, antico Ordine monastico, che nella sua forma moderna risale al 1662 ». [cxliii] [Il mio corsivo]

Eventuali confraternite non europee, vivaci o meno, esistenti all'arrivo dei colonizzatori avrebbero fornito una valida ragione per l'uso della "Massoneria" come lubrificante sociale. Anche i ricordi deboli ma collettivi di un passato fraterno avrebbero aiutato i nuovi arrivati ​​a sostenere un grado di compatibilità con persone del posto influenti nel punto di contatto, quando le differenze, non le somiglianze, sarebbero state al primo posto in molte menti. Si potrebbe sostenere che la "Massoneria" sia stata scelta dagli europei come veicolo adatto alle loro aspirazioni proprio perché la nozione di fraternalismo era di vecchia data.

Le disparità di potere nei punti critici culturali e i relativi valori attribuiti ai tipi di informazioni possono influenzare come e se flussi di informazioni reciprocamente utili. Le transazioni commerciali richiedono la conoscenza del prodotto, i decisori imperiali attribuiscono una priorità più alta all'intelligenza geopolitica: luogo, distanze, centri di amministrazione, individui chiave, ecc. In quella che ora è chiamata Asia centrale/Medio Oriente, pre-europea le comunità vedevano i loro raccoglitori di informazioni "strumentalmente", cioè erano un mezzo per raggiungere un fine, un approccio che sarebbe stato riconosciuto dagli europei. Ma le ragioni per cui sono state raccolte le informazioni erano molto diverse. I sistemi di spionaggio indiani, ad esempio, erano destinati a servire un'intera comunità. Erano "flessibili e adattabili" e dipendevano da "reti informali di persone esperte" - da uomini santi, ostetriche,"Gli statisti indiani erano da tempo preoccupati per una buona raccolta di informazioni, considerando la sorveglianza come una dimensione vitale della scienza della regalità - " reti di spie, giornalisti e segretari competenti" - Il loro scopo non era creare uno stato di polizia che controllasse gli atteggiamenti politici dei sudditi, tanto da rilevare trasgressioni morali tra i loro ufficiali e l'oppressione dei deboli da parte dei potenti. [cxliv] Nel 18 e 19secoli, l'enorme scala e portata del sistema erano perfette per l'adozione da parte degli inglesi, ma l'insieme era abbastanza debole da poterne prendere il controllo e cambiarlo. Il residente a Hyderabad, James Kirkpatrick, in breve tempo dall'arrivo nel 1795 ricevette informazioni da addetti alle pulizie, concubine, guardie dell'harem e storico ufficiale del Nizam, nonché da agenti all'interno dell'accampamento militare francese. [cxlv] Stava facendo uso di uno stile di vita tradizionale per raggiungere nuovi fini. Il successivo "Grande gioco" di spionaggio contro spia sui pendii ghiacciati e sulle pianure battute dal vento dell'Asia centrale e la corruzione dei cammellieri tra i bazar egiziani non erano nuovi, ma non erano nemmeno del tutto vecchi. A metà del secolo, 'in quanto incrocio più trafficato degli interessi britannici e indiani, l'Ufficio del Commissariato fungeva da una sorta di centro di intelligence. Le anticamere e le verande del Commissariato di Cawnpore brulicavano di spie, alcune sotto contratto con le autorità militari e civili. Intere caste si dedicarono allo spionaggio. C'erano uomini spericolati che si assumevano come messaggeri e imparavano a portare infinitesimali note in codice nelle fessure dei loro bastoni di bambù, nei capelli, tra i denti, sotto lembi di pelle appositamente tagliati, o anche in parti più private delle loro anatomie... Ci si aspettava che gli stessi appaltatori fornissero agli inglesi non solo rifornimenti, ma anche informazioni». [cxlvi]
L'intelligence non è stata solo raccolta, ma è stata utilizzata a vantaggio imperiale, incluso per realizzare quella componente del lavoro di spionaggio diplomatico notato da Baden-Powell, quello che ora chiamiamo "cambio di regime". Raramente le istruzioni dovevano essere scritte, molto sarebbe stato compreso dai "fratelli d'arme", ma quale posto migliore per tramare l'alienazione di una fazione reale o l'indebolimento di un'altra che un incontro esclusivo e segreto della loggia? Le interpretazioni degli storici indigeni non legati per razza o istinto al carro imperiale hanno elencato quelli che considerano gli obiettivi prefissati delle reti di sorveglianza istituite con "freddezza e calcolo machiavellici", ad esempio da Sir John D'Oyley (1774-1824) in quello che ora è lo Sri Lanka:
accertare l'identità degli importanti nobili e aristocratici kandiani che non erano ben disposti verso il re e alimentare i loro sentimenti di cattiva volontà verso il sovrano;
accertare i nomi dei membri della corte kandiana rimasti fedeli al loro monarca e, ove possibile, neutralizzarli;
per assicurarsi la fiducia e il sostegno del sangha o del clero buddista;
acquisire una conoscenza completa dei punti strategici del regno e delle varie rotte segrete che portavano dalle province marittime attraverso le quali potevano essere raggiunti, e Kandy stesso si avvicinò;
ottenere informazioni sulle antipatie personali e le rivalità tra clan tra le principali famiglie delle province di Kandyan;
creare e far esistere nella parte più remota dei domini del re tali situazioni e tensioni tra il popolo che potrebbero giustificare l'intervento britannico;
per scoprire l'esatta forza militare, rifornimenti, armi e munizioni disponibili per la difesa e la protezione di Kandy;
ottenere informazioni sull'ubicazione dei nascondigli in cui il tesoro reale veniva solitamente nascosto durante gli sconvolgimenti politici;
e, ultimo ma non meno importante, trasmettere al re, attraverso varie agenzie, liquori britannici di ogni tipo.

Logge non militari

I rapporti ai periodici EF di Londra del XIX secolo sulle giurisdizioni EF indiane erano intercambiabili con quelli provenienti dalle "presidenze" amministrative del BEIC. Ad esempio nel 1839: il Gran Maestro provinciale per l'India occidentale scrisse che mentre le logge stavano succedendo, " la dispersione di tanti fratelli militari di Bombay, deve, come in altre parti dell'India, causare controlli temporanei alle operazioni massoniche". [cxlvii] Queste non sono logge del reggimento, con charter itineranti, si tratta di logge già note per aver iniziato funzionari e funzionari del BEIC. La nozione di "agenzia" è ancora in vigore, ma il coinvolgimento militare con EF è passato da tempo dall'essere EF all'interno dei reggimenti al contrario: personale di servizio all'interno di EF non reggimentali. Qualsiasi elenco di "agenti" militari per la nobiltà EF che non furono iniziati a casa e non erano in "logge del reggimento" definite includerebbe il futuro governatore del New South Wales, Lachlan Macquarie, che fu iniziato a Bombay nel 1793. La sua massoneria presumibilmente ha portato a politiche visionarie tra i detenuti, i carcerieri e i capitalisti in embrione a Botany Bay. Piuttosto, la sua iniziazione fu una reazione strategica a un fenomeno più ampio:

– La competizione del Grande Potere stava trasformando la spaccatura tra gli "Antients" e i "Moderns" in una tra le "Massonerie" inglesi e non inglesi;

– Il controllo di una "Massoneria" unitaria stava diventando parte delle rivalità locali, nazionali e globali;

– La "Massoneria" francese si esprimeva in modi socialmente progressisti, poiché la nobiltà-EF interpretava la "Massoneria" in modi socialmente reazionari;

– I governi continentale e "americano" e le "loro" Gran Logge sono stati impegnati in "motori di reclutamento" congiunti;

– Sostenuto dalla Casa di Hannover, gentry-EF stava rafforzando la sua immagine di madre di tutta la "Massoneria" e di più forte sostenitore dell'Impero, un movimento che si è concretizzato presso "l'Unione".

La rivalità geopolitica è il contesto in cui è necessario vedere la presunta "introduzione della Massoneria" da parte di Napoleone in Egitto e la sua nomina di lealisti a posizioni di alto rango sia nel governo che nella "Massoneria". Le logge non militari erano in una posizione migliore per operare come "case sicure" per lo scambio di informazioni sensibili tra i belligeranti. La loggia francese, Neuf Soeurs, a Parigi fu uno di questi luoghi di contatto durante la guerra degli Stati Uniti per Bancroft, Franklin e altri agenti. [cxlviii] Sir Robert Wilson (1777-1849), un geometra militare e un diplomatico/spia, ha indicato nelle sue memorie il suo uso durante l'azionedella sua appartenenza massonica. Questo soldato era con l'esercito russo a Mosca quando Napoleone fu sconfitto e in Spagna e Portogallo quando Wellington era impegnato nella stessa impresa. È stato messo da parte per un certo periodo per aver pubblicato avvertimenti secondo cui la Russia era intenzionata a catturare l'India e le Indie. Hopkirk gli attribuisce la creazione di "lo spauracchio russo". Era il governatore di Gibilterra nel 1840. Nel 1805 registrò di fare uno schizzo mentre era di pattuglia del "Grande Cairo" e in seguito lo presentò con un rapporto in cui osservava che la fortezza non era difendibile. Lo stesso giorno, 9 giugno, si riferiva all'incontro con un Bey mamelucco, appena tornato da Gizeh: « dove era stato mandato in un'importante missione segreta, il cui significato era noto solo al generale e a me, quindi non menzionato o addirittura accennato, a casa...'[cxlix] Il novembre successivo fu impegnato in modo simile a San Salvador e scrisse:

(p.277, 16 novembre 1805 )'…Qui ho trovato il massimo vantaggio dalla muratura. Appena mi ebbi dichiarato che le case, i cavalli, i servi, tutte le cose mi furono messe a disposizione, perché l'istituzione è tenuta nella massima stima, perché le leggi e il bigottismo perseguitano i professori con il fuoco e con la spada. Non oso ora menzionare i nomi di coloro che si sono dedicati al mio servizio, ma alcuni dei principali membri del governo mi hanno fatto in privato i loro riconoscimenti».

Un altro dei primi eroi dell'Impero ed EF del XIX secolo, Stamford Raffles, scrisse, intorno al 1810, della " splendida prospettiva" di: " la totale espulsione del nemico europeo dai mari orientali e [della] giustizia, umanità e moderazione del governo britannico, tanto esemplificato nel promuovere e guidare nuove razze di sudditi e alleati nella carriera di miglioramento quanto [nel] coraggio imperterrito e determinazione dei soldati britannici nel salvarli dall'oppressione.' [cl] Questa era la sua giustificazione egoistica ai suoi superiori, incluso Lord Minto, della sua sanguinosa invasione razzista di Giava nel 1811. La sua successiva iniziazione post-invasione in "una piccola loggia selezionata" in una piantagione di caffè di proprietà di un olandese, che appena capitato di essere il "Master of the Lodge" è stato celebrato dagli addetti ai lavori di EF come totalmente privo di doppiezza o artificio di alcun tipo. [cli] Lord Minto, governatore generale dell'India dal 1807 al 1812, aveva apparentemente "sponsorizzato" Raffles in gentry-EF e Raffles si è appena incontrato con William Daendels, nominato quello stesso anno da Napoleone governatore generale del Indie orientali olandesi. Al che Daendels, "così preoccupato per la possibilità di cospirazioni massoniche", aveva nuove stanze del club, l'Harmonie, costruite per gli espatriati per incontrarsi apertamente e fraternamente. Nello stesso spirito, Raffles avrebbe fatto completare l'edificio con fondi pubblici. Gli storici non massonici hanno fatto poco meglio con questi strati di illusione. [clii]

Raffles era insolito tra gli eroi militari/massoni nel riconoscere che la massima, "la conoscenza è potere" , si estendeva agli artefatti. Dopo aver umiliato il popolo giavanese nel 1812, ha poi cercato di conquistare il loro passato, nelle parole di Hannigan, "annessendo la storia dell'isola", e rendendolo "il proprio stato vassallo". Ha fatto saccheggiare la flora e la fauna giavanesi, le sue opere d'arte e la sua letteratura per il trasferimento. Mandò i suoi ingegneri militari a ispezionare antichi templi al fine di catturarli, nonché i miti e le leggende dell'isola per riconfezionarli. Il furto europeo della cultura indigena, che si tratti dei marmi di Elgin, dei dipinti su corteccia degli aborigeni australiani o degli aghi di Cleopatra, era solo un altro elemento dell'appropriazione della vita delle sue vittime da parte della colonizzazione. Al vincitore andò non solo il potere di appropriarsi della conoscenza di un popolo, ma anche il potere di scrivere quel popolo in una storia che stabilisse la versione europea, anche di se stesso. Raffles ha scritto in Java: '(Nel) rapporto tra nazioni illuminate e ignoranti, le prime devono e saranno i governanti. [cliiii] La sua spietatezza era in contrasto con la visione benevola di Macaulay di Whiggery e con quella delle affermazioni di universalità e tolleranza di EF. Piuttosto che renderlo un povero esempio di inglese, o di massoneria inglese, le sue parole evidenziano atteggiamenti imperialisti e gentiluomini-EF. [cliv] Il suo diretto superiore, il generale Robert Brownrigg, si assicurò che la comunità europea sull'isola ricevesse solo una visione negativa del leader ribelle trincerato e quindi fosse totalmente favorevole alla campagna non necessaria e particolarmente brutale che seguì la cattura del re. (B&YG, 1999, pp.147-8.)

Scrivendo nel 1880 all'interno dell'UGLE, Gould non vedeva la necessità di distinguere "diplomatico" da "massonico" quando descriveva attività "straniere" sette decenni prima: "Sua Eccellenza Mirza Abdul Hassan Khan", ambasciatore persiano in Gran Bretagna, nel 1809 si recò a Londra il una nave da guerra inglese con Sir Ousley Gore, Baronet, come suo Mehmander, 'un ufficiale di distinzione' il cui compito era 'ricevere e intrattenere principi stranieri e personaggi illustri' . Il 15 giugno 1810, Mirza Khan fu nominato "Past Gran Maestro della Gran Loggia d'Inghilterra". Nello stesso anno, Sir Ousley Gore fu nominato ambasciatore britannico presso lo Scià di Persia e gli fu concesso un brevetto inglese come Gran Maestro provinciale [PGM] a quel paese. [clv]Secondo quanto riferito, questa missione diplomatica persiana ha infiammato i circoli sociali londinesi: "le donne sono piuttosto pazze" per l'ambasciatore Hassan Khan che aveva "un notevole fascino, un modo di dire pulito, bell'aspetto e abiti di seta fluenti che incantavano la folla londinese, in alto e in basso. ' [clvi]

All'epoca in cui Gould scriveva, non si sapeva nulla di una loggia inglese in Persia nel 1809, e nessuna era nota per essere stata "istituita da un'altra autorità esterna". Per quanto si sapeva, Mirza Khan non era affatto un "massone" fino a quando non fu iniziato da Lord Minto nel 1810, e quindi non era idoneo per essere nominato Past Gran Maestro. Gould non era innocente in queste questioni e pensava che le operazioni diplomatiche/massonico interconnesse fossero per fini politici reciprocamente vantaggiosi. Presumibilmente, i fondi del governo - "denaro per servizi segreti" - sono stati utilizzati quando si sono verificate visite a Londra di tale importanza strategica. Gould non menziona che Mirza Khan veniva pagato 1.000 rupie al mese dal 1810 fino alla sua morte nel 1846 dal ' dipartimento politico della Compagnia delle Indie Orientali.' In qualità di funzionario incaricato degli affari esteri persiani, Mirza Khan doveva ricevere questo importo dall'ambasciatore britannico, Sir Ousley Gore, se quel gentiluomo era " soddisfatto della condotta degli affari (di Khan)". [clvii] Dopo il suo ritorno in Iran, Mīrzā Khan ha lavorato a stretto contatto con Gore che ha aggiunto Mīrzā Šafī, il primo ministro, al libro paga britannico (FO 60/7 1812, lettera n. 16). Le istruzioni immediate di Gore erano state di salvaguardare gli interessi britannici e russi e consentire ai russi di affrontare l'esercito napoleonico senza essere disturbati dall'Iran. Dopo la sconfitta di Napoleone, né il pagatore né i beneficiari sembrano aver tentato di promuovere l'espansione della loggia, il che indicherebbe che non era quello lo scopo delle iniziazioni. Gould non menziona nemmeno che Askar Khan Afshar, 'capo di una missione diplomatica in Europa' era stato iniziato l'anno precedente 'alla loggia madre del Rito Filosofico Scozzese' dal Grande Oriente di Francia, a Parigi. Alla sua cerimonia,Per (l'iniziato) questa pura luce tornerà alla sua antica culla.' L'establishment inglese/britannico aveva una doppia ragione per rispondere: l'origine locale della "Massoneria" veniva messa in discussione e altre nazioni, usando gli stessi metodi, stavano guadagnando influenza in Persia.

Viaggi, esplorazioni e conquiste stavano aumentando esponenzialmente il volume di informazioni che dovevano essere elaborate dai governi "nazionali" e dai loro consulenti, moltiplicando inevitabilmente il potenziale di disaccordo sulle interpretazioni. Laddove i funzionari del BEIC del 18 ° secolo erano entrati nella vita indigena per capirla, per goderne i piaceri e per ottenerne i significati nascosti, il '19 °secolo" includeva la ricerca di informazioni dal terreno per controllarlo militarmente. Allo stesso tempo, i cristiani evangelici sostenevano che i "soggetti" acquisiti dovevano essere salvati da se stessi con la "nostra" educazione e la "nostra" religione. Un direttore della BEIC, Charles Grant nel 1787 descrisse gli indù come un popolo "universalmente e completamente corrotto" e questa osservazione è stata usata come indicatore del tempo per un cambiamento di atteggiamento. [clviii] Grant, (1746 – 1823), divenne, col tempo, presidente del BEIC, un influente parlamentare e un membro energico della setta Clapham, un gruppo di riformatori sociali che includeva William Wilberforce e il successivo Lord Shaftsbury. Giovanni Shore, 1 °Il barone Teignmouth (1751-1834) e governatore dell'India dal 1793 al 1797, fu anche il primo presidente della British and Foreign Bible Society, e così via. (MtE, pp.142-155.) Raramente si trattava di un cristianesimo che porge l'altra guancia, si trattava di un proselitismo attivo e aggressivo, con una Bibbia in una mano e una spada o una pistola Cooper 'pepperbox' nell'altra. Gli aspetti pratici della costruzione dell'impero con la ragione e la scienza potrebbero significare che la Bibbia è rimasta nascosta fino a quando i "pagani" non sono stati sottomessi, ma il "nostro Libro" ha messo da parte i "loro", costringendo a compromessi e soluzioni ibride che, racconta la storia, non erano sempre riuscito. In breve, i maestri delle spie cercavano metodi di sorveglianza più sofisticati e gli amministratori informazioni più accurate e aggiornate, mentre altri si rivolgevano al passato antico per la verifica delle conoscenze che credevano di avere già. In entrambi i casi, EF aveva valore strumentale.

Un apparente ritorno al passato da parte di EF dopo il 1813 includeva una genuina curiosità per ciò che era potenzialmente una nuova conoscenza, ma altri fratelli come Raffles stavano catturando segni simbolici per sostenere i preconcetti. David Stevenson ha alle spalle l'ermetismo e il culto dell'Egitto che credeva sia entrato nella massoneria scozzese all'inizio del periodo moderno. (DS, 1988, pp.82-87) Quando i veri geroglifici furono decifrati da un francese nel 1822, gli atteggiamenti del vasto pubblico includevano curiosità sia spirituale che scientifica, ma quando la sfinge, l'obelisco e la Grande Piramide racchiudevano un -l'occhio che vede (l'occhio di Horus) è diventato più importante in EF, erano oggetti di consumo tanto quanto chiavi per l'illuminazione. Thomas Pettigrew, chirurgo del Gran Maestro inglese, il Duca di Sussex, e un antiquario teneva feste in cui srotolava e autopsia le mummie per l'intrattenimento dei suoi ospiti, pubblicando in seguito una storia delle sue scoperte. Nel cimitero di Kensal Green, mentre la tomba del Sussex era costruita in granito di Aberdeen cupo e sottovalutato, un certo numero di GL-EF, incluso quello di Peter Thomson, che fu direttamente coinvolto nell'unione del 1813, avevano lapidi con motivi egizi. In seguito, la famosa "Stanza egizia" al rinnovato Crystal Palace di Londra, 1852-4, fu una collaborazione di EF, mentre i fratelli inglesi furono fondamentali per il trasporto di un obelisco "L'ago di Cleopatra" dall'Egitto a Londra nel 1878 e la sua erezione su l'argine del Tamigi. un certo numero di GL-EF, incluso quello di Peter Thomson, che fu direttamente coinvolto nell'unione del 1813, avevano lapidi con motivi egiziani. In seguito, la famosa "Stanza egizia" al rinnovato Crystal Palace di Londra, 1852-4, fu una collaborazione di EF, mentre i fratelli inglesi furono fondamentali per il trasporto di un obelisco "L'ago di Cleopatra" dall'Egitto a Londra nel 1878 e la sua erezione su l'argine del Tamigi. un certo numero di GL-EF, incluso quello di Peter Thomson, che fu direttamente coinvolto nell'unione del 1813, avevano lapidi con motivi egiziani. In seguito, la famosa "Stanza egizia" al rinnovato Crystal Palace di Londra, 1852-4, fu una collaborazione di EF, mentre i fratelli inglesi furono fondamentali per il trasporto di un obelisco "L'ago di Cleopatra" dall'Egitto a Londra nel 1878 e la sua erezione su l'argine del Tamigi.[cliccare]

Cartografia

Nel 1800, l'Ordnance Department dell'esercito britannico si lamentava del fatto che " per migliorare la tecnologia militare " e per " tenersi al passo con gli sviluppi scientifici e militari stranieri ", le sue procedure radicate, compreso il suo "ramo di decifrazione di duecento anni",necessario rinnovamento. Napoleone e Wellington, entrambi addestrati militarmente nel continente, si lamentarono dello stato abissale dei loro sistemi di raccolta di informazioni autoctoni. La necessità di sapere "cosa c'è al di là della collina" - la frase del Duca di Ferro per "cosa sta pensando il mio avversario" - è rimasta la loro priorità immediata. C'era sempre il timore che le "sue" capacità superassero le "nostre". Un tema nel ritmo competitivo per il governo era ora l'intelligence "diretta". La teoria militare emergente dopo la perdita delle colonie americane diceva che un uomo avrebbe potuto essere più efficace, per un periodo più lungo, se fosse stato meglio preparato in anticipo. Le abilità per adattarsi alle circostanze potrebbero quindi essere insegnate meglio "a casa" e perfezionate "sul posto". La British Library ha commentato che non solo questo adeguamento era "principalmente politico",ma non si trattava più dell'Europa: si trattava di " quali tribù avrebbero potuto complottare per rovesciare qualche sovrano e quale potrebbe essere l'effetto sulle tribù di confine". (BL Guida ai record )

La conoscenza delle lingue appropriate ha richiesto tempo per svilupparsi, così come il background in una cultura o in una regione. Gli aggiornamenti nelle specializzazioni - traduttore, decifratore di codici, ingegnere, artigliere, spia attiva, spia dormiente - richiedevano informazioni più complesse e metodi di insegnamento migliori. La trigonometria e la geometria erano essenziali in prima linea, ma quando quegli agenti erano "sotto copertura", la loro capacità di misurare a occhio, di determinare gli angoli delle traiettorie dei proiettili, di condurre rilievi e lavori cartografici in modo rapido ed efficace, richiedeva abilità più focalizzate. [clx] Un'intelligenza utilizzabile e coerente necessitava di una base in descrizioni statistiche/geografiche/economiche e sociologiche che, a loro volta, necessitavano di agenti sul campo in grado di disegnare mappe, raccogliere dati e generalmente attraversare o indagare aree specifiche senza suscitare tempeste di protesta.

Uno studio del 1997 su come la cartografia definì l'Impero nel 19 ° secolo iniziò con l'affermazione che "l' imperialismo e la cartografia si intersecano nel modo più elementare". Il suo autore ha affermato in modo convincente: " Senza una buona intelligence politica e militare, gli inglesi non avrebbero mai potuto stabilire il loro dominio in India o consolidare la posizione internazionale dominante del Regno Unito". [clxi] Geometri e ingegneri erano stati a lungo i mezzi per dare forma e forma a quelle che altrimenti sarebbero state "disperse senza tracce" di oceano, altopiano, giungla o deserto. Erano di particolare valore per il governo proprio perché, in teoria, esemplificavano la ricerca secolare della 'verità', cosa, nel 19 °secolo era comunemente chiamato "conoscenza basata sulla scienza". I loro rapporti e briefing erano sempre, in teoria, razionali, basati sui dati e obiettivi, perché questo è ciò che, in teoria, i capitani della Marina, gli analisti strategici del War Office e i responsabili politici del governo dovevano avere per essere efficaci.

Era necessaria l'autorizzazione e il finanziamento del governo per la sistematizzazione e l'insegnamento delle nuove competenze. Il Great Trigonometrical Survey of India [GTS] fu un progetto di William Lambton, un ufficiale di fanteria, che nel 1799-1800 convinse l'amministrazione di Madras a fornire i primi fondi. George Everest, un giovane ufficiale di artiglieria, fu il primo assistente di Lambton alla GTS e il suo successore nel 1823. Nel 1829, Lord Ellenborough, (1790-1871) Governatore dell'India e membro del Ministero del Duca di Wellington, emanò ordini per le rotte di che un invasore potrebbe entrare in India per essere completamente esplorato e mappato. Il GTS ha prodotto mappe dei confini delle colonie britanniche in India e nel processo ha misurato Everest, K2 e Katchenjunga. Ma nel 1800, fatta eccezione per la scuola di artiglieria di Woolwich, in Gran Bretagna non esisteva alcuna istituzione per l'istruzione degli ufficiali militari. Nel 1801, dopo aver superato una notevole opposizione, un abile spadaccino e ufficiale di cavalleria, John Le Marchant convinse il Parlamento a votare £ 30.000 e a nominarlo "luogotenente governatore" di un Royal Military College. Nei nove anni successivi formò gli ufficiali che prestarono servizio sotto Wellington nella guerra peninsulare contro Napoleone. Promosso e rimandato in servizio attivo dal duca di York, fu ucciso nella battaglia di Salamanca nel 1812. La sua iniziativa alla fine divenne Sandhurst. Un inizio altrettanto colorato fu dato a una nuova direzione offerta dal Seminario militare del BEIC fondato ad Addiscombe nel 1809. John Le Marchant convinse il Parlamento a votare £ 30.000 e a nominarlo "luogotenente governatore" di un Royal Military College. Nei nove anni successivi formò gli ufficiali che prestarono servizio sotto Wellington nella guerra peninsulare contro Napoleone. Promosso e rimandato in servizio attivo dal duca di York, fu ucciso nella battaglia di Salamanca nel 1812. La sua iniziativa alla fine divenne Sandhurst. Un inizio altrettanto colorato fu dato a una nuova direzione offerta dal Seminario militare del BEIC fondato ad Addiscombe nel 1809. John Le Marchant convinse il Parlamento a votare £ 30.000 e a nominarlo "luogotenente governatore" di un Royal Military College. Nei nove anni successivi formò gli ufficiali che prestarono servizio sotto Wellington nella guerra peninsulare contro Napoleone. Promosso e rimandato in servizio attivo dal duca di York, fu ucciso nella battaglia di Salamanca nel 1812. La sua iniziativa alla fine divenne Sandhurst. Un inizio altrettanto colorato fu dato a una nuova direzione offerta dal Seminario militare del BEIC fondato ad Addiscombe nel 1809. La sua iniziativa alla fine divenne Sandhurst. Un inizio altrettanto colorato fu dato a una nuova direzione offerta dal Seminario militare del BEIC fondato ad Addiscombe nel 1809. La sua iniziativa alla fine divenne Sandhurst. Un inizio altrettanto colorato fu dato a una nuova direzione offerta dal Seminario militare del BEIC fondato ad Addiscombe nel 1809.[clxii] La frode era stata scoperta nei processi di selezione presso il precedente Hayleybury College istituito " per cadetti, assistenti chirurghi, liberi marinai e volontari per il servizio di pilotaggio della marina di Bombay e del Bengala ". Il reverendo Thomas Malthus fu nel suo staff dal 1805 per insegnare Storia ed Economia politica. Un comitato ristretto della Camera dei Comuni ha emesso rapporti sull'imbroglio, un certo numero di nomine sono state "annullate" e l'intero "patrocinio della Corte", fino a quel momento con il dipartimento marittimo della Compagnia, doveva "in futuro essere esaminato e approvato dal Comitato ristretto che sovrintende al Seminario [Addiscombe], di recente nomina. ' Nessun lodge è stato stabilito all'interno del parco, ma un numero operato nelle immediate vicinanze.

Nel 1809, Wellington, rese chiara la sua convinzione che 'l' ordine e la disciplina (erano) la chiave del successo militare. ' Nelle parole di Harland-Jacobs, ha cercato di 'generare obbedienza, lealtà, passività e mancanza di curiosità tra la base .' [Il mio corsivo] Credeva fermamente che l'esercito avrebbe funzionato in modo più efficace se la sua struttura e il suo funzionamento interno rispecchiassero la gerarchia sociale britannica. UGLE nel 1813 era chiaramente d'accordo. Come già notato, ha stabilito che nessun mandato sarebbe stato emesso per una nuova loggia del reggimento " senza il consenso dell'ufficiale in comando",proibiva l'iniziazione di civili nelle logge militari e vietava l'ammissione di qualsiasi soldato al di sotto del grado di caporale, tranne che come ufficiale in servizio o per dispensa dal GM. Eventuali privati ​​ammessi furono relegati al ruolo di servitori nelle nuove “Logge degli Ufficiali”.

Nel 1817 Addiscombe aveva ammesso 427 "cadetti gentiluomini di artiglieria e ingegnere" e ne aveva inviati 338 in India, risultato del quale Lord Minto si era espresso ben soddisfatto. In quell'anno, è stato fatto un tentativo di annullare i suoi programmi, un direttore della società ha affermato che i dipendenti pubblici della BEIC erano tenuti solo a "pesare il tè, contare le balle e misurare la mussola". Malthus pubblicò un opuscolo in difesa del seminario in tutte le sue parti, citando Minto, e l'allora marchese di Wellesley dal 1800 quando il suo collegio "prototipo" a Fort William a Calcutta veniva istituito: " (No) più ardui o complicati doveri di magistratura esistono nel mondo, non si possono immaginare qualifiche più varie e complete di quelle richieste a quelle persone.' Lingue consolidate, latino e francese erano ormai insegnate insieme agli Hindustani, con matematica, fortificazioni, astronomia, disegno del paesaggio, rilievo militare e disegno civile. Lo spionaggio non è stato nominato nei curricula. Tuttavia, un nuovo sovrintendente ad Addiscombe nel 1824, RL Houston proveniva dall'esercito indiano dove, tra gli altri incarichi, era stato responsabile delle "Guide" e del "Dipartimento di intelligence". Introdusse quello che fu poi descritto come 'il pernicioso sistema di spionaggio' che, in situ, significava che i sergenti erano autorizzati ad 'osservare i movimenti dei cadetti' durante lo sport e la ricreazione e a segnalare immediatamente al personale qualsiasi violazione delle regole 'in materia di fumo , entrare nei locali pubblici'e simili. Il sistema è stato rimosso dopo una breve "prova". Per l'autore della storia del Collegio del 1894 non si sarebbe potuto escogitare nulla di più idoneo a distruggere ogni rispetto di sé tra i "giovani": " L'unico motivo che posso addurre per il fallimento di questo sistema per rovinare i cadetti è che (essi) erano intriso di sentimenti così virili e generosi per tutto il tempo che era impossibile distruggerli.' [clxiii] Ha cantato nel 1894 che '( I) [BEIC] Chief Engineers, sono o sono stati uomini di Addiscombe... I capi del Great Survey Department sono ancora cadetti di Addiscombe. ' (HV, 1894, p.8)

Questa nuova razza di ingegneri è interessante: " (La) esplosione dell'impresa cartografica nell'Europa della prima età moderna fu motivata dalle esigenze specifiche di potenti formazioni sociali: fiscali, dinastiche, militari, commerciali e imperiali". [clxiv] Nelle parole di un altro studioso recente, gli operatori del 19° secolo, l'approccio razionale ha perso i contatti con i loro 'soggetti' indigeni nella statistica, nelle strategie e nelle linee cartografiche. Parlando dell'India: ' L'élite britannica ha creato un mito di una comunità coloniale borghese composta solo da se stessa, che successivamente ha generato i miti più grandi, più potenti e più ambigui di Raj, del fardello dell'uomo bianco e del sole che non tramonta mai .' (MtE, p.30) La conoscenza locale doveva essere messa da parte.

PARTE TERZA: NEL REGNO DELLA REGINA VITTORIA

 

Né l'accettazione né l'avanzamento nei ranghi degli ufficiali militari erano ancora basati interamente sul merito. Mentre Sir John Malcolm, un comandante aggressivo all'inizio del secolo, era "preoccupato di raccogliere le materie prime per l'analisi della società " e "sistemare tali informazioni e trarne conclusioni...", il suo successore come Sovrintendente della Marina indiana, Sir Robert Oliver, non vedeva il bisogno di queste cose. La " relativa raffinatezza" dello "storicismo" di Malcolm e il suo uso della numismatica, della filologia orientale e della storiografia non europea (segnavano) un netto contrasto" con gli scrittori della generazione precedente. [clxv]Come capo della Marina indiana aveva "incoraggiato" ufficiali pieni di risorse ed energici durante le pause a uscire ed esplorare. Ma Oliver, che gli succedette nel 1838, fu descritto come ' un vecchio ufficiale della vecchia scuola' . Era un disciplinare che non voleva avere niente a che fare con la scienza o qualcosa al di là della "regola pratica". Da qualche parte una ventina di sondaggi di Malcolm furono immediatamente chiusi. Gli "strumenti" sono stati ritirati o non mantenuti e non è stato preso atto dei documenti trasmessi al governo. Qualsiasi uomo che tentasse di fare più di quanto richiesto dal Manuale Navale veniva trattato con disprezzo e rovente dispiacere. [clxvi]

L'EF della nobiltà prevedeva ancora l'intreccio di famiglie, ma ora il facile movimento era tra commercio e cocktail sul campo, e dalle chiacchiere diplomatiche alle riunioni di gara alle riunioni del Ministero della Guerra e del Gabinetto per discutere di sicurezza. Nel 1821 una sintesi ' di tutti i soldi spesi toccando qualsiasi procedimento rispetto a Sua Maestà la Regina [Caroline] dall'anno 1817 ad oggi', inclusi 18.100/15/- di 'soldi per servizi segreti'. Quando è stato invitato a fornire prove contro di lei, da un comitato segreto istituito da suo marito, Giorgio IV dal quale era stata allontanata, il capitano Joseph Burton, uno dei suoi dettagli di sicurezza, ha rifiutato ed è stato "restituito", di fatto licenziato, a metà pagare. Burton era passato dal personale di Wellington a servire come aiutante di campo in India a Lord Bentinck, figlio del capospia di Guglielmo III. Ben eseguito contro Napoleone in Sicilia e in Italia, i documenti di servizio di Burton non forniscono dettagli, le lacune implicano attività clandestine. Il testimone del suo matrimonio nel 1820 fu Mountstuart Elphinstone, un membro di una famiglia che presto avrà legami molto stretti con la regina Vittoria e un altro diplomatico/spia. Tra gli argomenti delicati di conversazione c'erano "il problema ebraico" e il dilemma della Palestina. Che siano stati discussi possiamo esserne certi.'aveva sempre trovato la Massoneria un passaporto per la migliore società ' e che gli aveva ' procurato vantaggi che non avrebbe potuto ricevere da nessun'altra fonte '. [clxvii]

Nonostante sia stato un iniziato di un certo numero di Ordini di Massoneria più esplicitamente cristiani, il Gran Maestro Sussex di UGLE li ha messi da parte per i tre decenni del suo Gran Magistero, presumibilmente perché era appassionato della tolleranza religiosa universale di EF. Di conseguenza, gli studiosi di EF si sono sforzati di spiegare l'apparente "ricomparsa" di questi Ordini dopo la sua morte. [clxviii]Ciò che è noto mostra che Sussex era un appassionato studioso ma non un pensatore profondo o radicale. Era molto conservatore, per niente lungimirante e molto meno preoccupato per gli affari correnti di quanto lo fosse stato suo padre. Alla Camera dei Lord ha votato contro l'abolizione della schiavitù. Ad un certo punto ha iniziato a pensare a un'integrazione tra "Massoneria" e cristianesimo, non "tolleranza universale" come ha affermato da allora EF. Le parole usate all'epoca dell'"Unione", da lui presieduta, facevano concessioni alla posizione negoziale degli Antient e indicavano un approccio universalistico. Il mantenimento dell'egemonia protestante rimaneva tuttavia il requisito prioritario. Per raggiungere un'autentica 'universalità' religiosa, sarebbe stato necessario molto di più, inclusa una tela delle opinioni di cattolici, buddisti, battisti e altre fedi non anglicane.

Poco prima che "l'Unione" fosse promulgata, un inviato svedese lo incontrò per esortarlo, poiché la "Massoneria" in entrambi i paesi operava sotto il patrocinio e la protezione reali, la Gran Loggia non dovrebbe "intrattenere" elementi possibilmente sleali, cioè della classe operaia. L'aumento delle iscrizioni, principalmente in Inghilterra/Gran Bretagna, e spesso di marinai e altri tipi di artigiani che si spostavano avanti e indietro attraverso il Mare del Nord, disturbavano i fratelli "aristocratici" del "rito svedese" che sospettavano che idee sediziose e radicali stessero fluendo verso di loro. L'inviato riferì al re svedese che il Sussex aveva detto di voler "riformare la massoneria inglese ". Come esempio di come "i falsi fratelli (stavano) diluendo la purezza dell'ordine", il diplomatico ha osservato che: "(Qui, in Inghilterra) esiste una loggia di soli ebrei. Ultimamente il Duca ha respinto le sue riunioni, e lo ha fatto su mio fatto additando la scorrettezza del loro funzionamento. (Prescott, 2014, p.209) ' ebreo/ebreo' erano sinonimi virtuali in questo momento per 'i poveri e la classe operaia'. Sussex ha seguito la conversazione per lettera, concordando sul fatto che desiderava riformare tutto " in quei misteri che non è immacolato", ma si è lamentato del fatto che i suoi cambiamenti favoriti "non sono ben noti in questo paese e non possono essere introdotti senza una guida adeguata". Sottolineò che doveva procedere con prudenza « per il numero di individui con cui ho a che fare e per l'infinità di opinioni stravaganti tra di loro».Prescott crede che il Sussex fosse interessato al rituale svedese a causa della luce che potrebbe gettare sull'" allegoria nascosta della religione ". Dimostrò la sua priorità incaricando un fratello Higgins di cercare informazioni che potessero dimostrare che «la massoneria conservava i segreti di questa antica religione, di cui il cristianesimo era una perversione blasfema. ' (Prescott, 2012, p.210) In questo, il Sussex si dilettava in aree simili a quelle perseguite dallo studioso di EF del XVIII secolo, Stukely, [clxix] che cercava collegamenti tra Stonehenge e le origini della "Massoneria".

È importante il fatto che Louis Loewe, studioso di lingue orientali, divenne docente di ebraico e linguista orientale del duca nel 1839: ' Indubbiamente (il duca) era molto devoto, trascorrendo più di due ore al giorno nello studio delle Sacre Scritture... (Egli ) leggere l'ebraico con un gentiluomo dotto nella lingua santa.' [clxx] Al momento della sua morte, sembra che il Sussex credesse fermamente, non nel cristianesimo e nell'EF come erano, ma in quello che potrebbero essere. Nel 1843, The Christian Observer pubblicò una lettera senza data che aveva scritto al reverendo Adam Clarke sulla sua fede nell'origine divina delle Scritture, "che contengono argomenti al di là della comprensione umana. [clxxi] La sua convinzione sembrava essere quella"Il cristianesimo (era) il dono più grande per l'umanità", ma che il suo potenziale rimaneva irrealizzato: forse aveva in mente una forma riformata di anglicanesimo basata sull'Antico Testamento e alla quale gli ebrei potevano convertirsi senza perdite. La chiusura di una loggia ebraica e la sostituzione presso l'Unione ' di Mosè e Salomone ai due Santi Giovanni come i due grandi paralleli della massoneria' erano indicativi del suo lungo interesse ed era 'famoso per la sua amicizia con gli ebrei e il suo interesse in cause caritatevoli ebraiche', [clxxii] ma era anche consapevole di come un obiettivo così lungo termine sarebbe stato contrastato. Dopo la sua morte, la "questione ebraica" acquistò un'importanza esplosiva.

Il Sussex si è astenuto dal pronunciarsi su questioni interne - soccorso cattolico, crollo del vecchio partito Tory, suffragio della classe media, una regina giovane e femminile, disordini irlandesi, "interventi" imperiali - la politica di EF era chiara e salda. Eppure il pubblico non era soddisfatto ei governi hanno continuato ad aver bisogno di informazioni sull'opposizione, straniera o nazionale, e ad aver bisogno di influenza nei media. Un incontro di protesta sul costo e sull'esborso della polizia metropolitana di Londra nel 1833 è stato ampiamente riportato in alcuni giornali: "( Un oratore ha affermato che) il sistema di polizia era nel complesso uno di 'spionaggio' e degno dei governi continentali più dispotici. (Ascolta, ascolta) Calcolò che il numero totale di spie della polizia, e nelle operazioni quotidiane, era di circa 400.(Vergogna, vergogna) A Lambeth c'erano costantemente due spie della polizia in borghese.' Il colonnello Evans ha denunciato a lungo il sistema di polizia, ... Il sistema era nel complesso uno di spionaggio militare e politico; e divennero le persone stesse a combinarsi ea sbarazzarsene con ogni mezzo legittimo...' [clxxiii] [I miei accenti]

Nel giugno 1842, il Christian Observer rifletté sul continuo problema della "corruzione nelle elezioni": " La pratica oltraggiosa e demoralizzante della corruzione alle elezioni parlamentari è giunta alla fine davanti al legislatore e alla nazione, in un atteggiamento così dilagante che iniziamo sperare che si faccia finalmente uno sforzo davvero efficace per abolirlo...' Ad agosto, ha osservato dell'inchiesta ufficiale: 'Le rivelazioni sul tema della corruzione alle elezioni sono molto dolorose e vergognose.' [clxxiv] Nel 1844 scoppiò furore per le lettere del nazionalista italiano Mazzini aperte a Londra e per i contenuti riferiti "a un governo straniero", un tumulto che portò a un'indagine della Camera dei Lord su "(il)sistema di spionaggio nell'ufficio postale generale, St Martins Le Grand, (che) è relativamente sconosciuto al pubblico.' I giornali hanno registrato indignazione e condiviso parte di ciò che sapevano da anni. Quando fu istituito per la prima volta nel 1657, l'ufficio postale era stato autorizzato a trattenere, aprire, leggere e copiare tutti gli invii postali. [clxxv] '...Durante la segreteria di Sir Francis Freeling, [dal 1797 al 1836 – incontrato sopra] l'apertura delle lettere inviate a Londra per il Continente, così come quelle delle province che passavano per il Foreign Office, fu portata avanti in larga misura , e sappiamo con certezza (dice un corrispondente) che vi sono ormai alle Poste più di un individuo che, trasportando lettere e pacchi che erano stati aperti e risigillati nell'"Ufficio di spionaggio" agli Uffici interni, hanno trovato la cera su lettere violate e pacchetti attaccati alle loro mani, perché non aveva avuto il tempo di raffreddarsi.' [clxxvi]

Matthew Arnold della Rugby School pensava che le "società segrete" fossero una minaccia pagana al cristianesimo e il primo ministro Disraeli avrebbe presto dichiarato che rappresentavano una minaccia per i governi europei. Secondo lui, le società segrete "coprivano l'Europa con una rete come quella delle ferrovie" [clxxvii] e in seguito scrisse un libro, Lotario, per esporre le sue preoccupazioni. Thomas de Quincy ha scritto con nostalgia di una società, gli Esseni, e gli editori intraprendenti hanno pubblicato un sacchetto di pezza di "frammenti segreti" con una copertina spaventosa e si sono guadagnati un po' di soldi. L'agente della minaccia era invariabilmente "straniero", un luogo che, nel caso di scrittori da Disraeli a Chesterton e Conrad, iniziava a Calais. Il "misterioso Oriente" era stato demistificato con forza dagli eserciti di Albion, ora era il turno dell'"Africa più oscura" di essere "scoperta", "aperta" e trasformata in intrattenimento come "La maledizione del faraone". "She" di Rider Haggard e "Tigers and Traitors" di Jules Verne sono arrivati ​​​​più tardi.

 

Chi ha ucciso Stoddart e Conolly?

 

Almeno l'autore del libro del 1990, Il grande gioco, Peter Hopkirk, era vivo per l'ironia del titolo del suo libro. È un nome originariamente dato alla fase centroasiatica della lotta omicida tra le reti di spionaggio, principalmente russe e inglesi/britanniche. Le memorie dei partecipanti hanno spiegato che la storia di copertina ufficiale era che gli agenti erano in vacanza "a caccia di animali selvatici" e quindi l'intera faccenda dello spionaggio era "un gioco". L'atteggiamento del diavolo e il senso di abbandono disinteressato in nome degli ordini di "più in alto" hanno permesso di manipolare un ragionevole orgoglio in una retorica di magniloquenza. La raccolta di Ure del 2009 che riassume le memorie degli agenti inizia nel 1810 con "Henry Pottinger - the Make-Believe Holy Man" e si conclude con "Percy Sykes - the Daring Bounder" che attraversò la Persia tra il 1890 e il 1900 e divenne un attore cruciale nella pre- 1914 manovre diplomatiche. Le loro personalità e i loro destini variavano, ma tutti sono stati pubblicizzati come credenti appassionati nella necessità di rischiare tutto e di sopportare qualsiasi cosa per raggiungere gli obiettivi che si erano prefissati. In un'occasione, Pottinger viaggiò da Bombay nel profondo della Persia travestito in vari modi da musulmano, mercante di cavalli, santone sunnita e sfortunato mercante europeo, al fine di valutare la probabilità che gli eserciti di Napoleone invasero l'India da nord. ovest. In seguito scrisse che lui e il suo compagno di viaggio si resero presto conto che avrebbero dovuto scavare più a fondo nei loro travestimenti: ' Santo uomo sunnita e sfortunato mercante europeo, per valutare la probabilità che gli eserciti di Napoleone invadano l'India da nord-ovest. In seguito scrisse che lui e il suo compagno di viaggio si resero presto conto che avrebbero dovuto scavare più a fondo nei loro travestimenti: ' Santo uomo sunnita e sfortunato mercante europeo, per valutare la probabilità che gli eserciti di Napoleone invadano l'India da nord-ovest. In seguito scrisse che lui e il suo compagno di viaggio si resero presto conto che avrebbero dovuto scavare più a fondo nei loro travestimenti: '(Noi) ci siamo completamente trasformati, facendoci rasare la testa e adottando l'intero costume indigeno.' [clxxviii] I travestimenti erano standard per gli "agenti" sul campo, così come i mezzi per nascondere e, quando necessario, per distruggere pericolose "intelligenze". Le "ruote di preghiera" buddiste erano utili a questo proposito e per misurare di nascosto le distanze. Ure ha giustamente sottolineato che " non era solo alle frontiere dell'India" ma " dovunque si estendevano i tentacoli dell'impero britannico " che i giovani erano impegnati in questo lavoro.

La biografia ufficiale di Henry Pottinger è un esempio di un altro tipo di storia di copertura. Non fornisce alcun dettaglio delle sue attività tra l'arrivo in India e la sua nomina a cavaliere: '(Egli) era andato in India nel 1803 con 'il Coy', fu creato baronetto nel 1842, per il suo lavoro con il Trattato di Nanchino, e un Consigliere Privato nel 1844... era un amico e confidente di Lord Palmerston. Fu agente politico a Cutch (1836-40), inviato, plenipotenziario e sovrintendente del commercio britannico in India (1841-43), primo governatore di Hong Kong (1843-44), governatore del Capo di Buona Speranza (1846 ) e Madras (1847-54). Fu Pottinger che spinse un giornalista a scrivere con iperbolica ammirazione: 'Da anni è consuetudine del governo anglo-indiano assumere giovani ufficiali intraprendenti come agenti semi-politici nei diversi Stati orientali. Non protetti dal carattere sacro degli ambasciatori, ma elevati molto al di sopra dell'odioso carattere delle spie, devono affidarsi al peso del nome inglese e al proprio coraggio, autocontrollo e indirizzo per la loro protezione contro il tradimento e la crudeltà di il popolo dell'Asia settentrionale e orientale e i loro governanti'. [clxxix]

Un altro di questi giovani, che abbiamo già incontrato, Mountstuart Elphinstone, (1779-1859) era partito dal personale del duca di Wellington per viaggiare attraverso l'Afghanistan travestito da musulmano ma descritto come un "ufficiale politico". [clxxx] Non si sa se questo Lord Elphinstone, il 4 ° figlio del 12 °Lord Elphinstone era un fratello iniziato, come molti dei suoi parenti maschi, ma i documenti lo fanno preparare per l'iniziazione. Come "residente" a Pune nel 1817, teneva un diario quotidiano dei movimenti di altre spie. Interrogava i mercanti che viaggiavano nell'area e aveva i suoi agenti che seguivano il sovrano Maratha ovunque andasse. (MtE, p.69.) 'Agente' Elphinstone divenne poi governatore di Bombay, 1819-27 e un prolifico scrittore e corrispondente. Durante il suo periodo gli è stato chiesto di produrre tutti i documenti del governo su una questione. Ha rispettato tranne che per "due dispacci segreti, la cui divulgazione (potrebbe aver gettato) luce sui canali attraverso i quali sono state ricevute le informazioni". Si ritirò "a casa" all'età di cinquant'anni, co-fondò la RGS e divenne membro della Royal Asiatic Society.

I resoconti della stampa e gli annunci di palazzo hanno rintracciato suo nipote, John, il 13° Lord Elphinstone, (1807-1860) ha riconosciuto l'amore per i primi anni di vita della regina Vittoria e "bandito" in India due volte "per proteggere la monarchia" . Fratello iniziato, fu nominato dal GM Sussex nel 1840 alla carica di Gran Maestro provinciale [PGM] delle logge EF nella "Presidenza" di Madras di cui era anche "ufficiale capo" politico e diplomatico. [clxxxi] La sua combinazione dei due ruoli, la prima volta per Madras, è stata accolta come " l'inizio di una nuova era " e di evidente beneficio per " gli accordi massonici che non prosperano mai così bene come quando sono protetti dalla sanzione dell'autorità .' [clxxxii] Alcuni anni dopo che aveva lasciato Madras, si diceva che le logge fossero " in stato di tisi" e che i suoi fratelli guardassero con nostalgia "ai giorni sereni di Lord Elphinstone". Anche un terzo Elphinstone, Howard (1829-1891) si formò come ingegnere reale e intraprese missioni come spia/diplomatico. Fu quindi nominato al Dipartimento di Topografia e Rilievo quando ancora poco più che ventenne. Vincitore di un VC in Crimea, fu scelto come governatore del terzo figlio della regina, Arthur, e divenne il suo aiutante di campo e il " confidente più fidato" dopo la morte del principe consorte nel 1861. [clxxxiii] La sua posizione significava che lui è stato uno dei numerosi agenti europei della regina fino alla sua morte.

Hopkirk iniziò Il grande gioco con: "In una mattina di giugno del 1842, nella città di Bokhara, nell'Asia centrale, si potevano vedere due figure cenciose inginocchiate nella polvere nella grande piazza davanti al palazzo dell'emiro..." Le figure erano ufficiali dell'esercito britannico, Arthur Conolly e Charles Stoddart. Ciò che i loro rapitori pensavano di loro è chiaro: ' Avevano le braccia legate strettamente dietro la schiena ed erano in condizioni pietose. Sudici e mezzi affamati, i loro corpi erano coperti di piaghe, i loro capelli, barbe e vestiti pieni di pidocchi...'.Stoddart e Conolly non erano conquistadores in cerca di oro o avventurieri che cercavano di vendere whisky ai "nativi ignoranti"; non avevano rubato manufatti e non avevano incitato alla ribellione o minacciato un'invasione, quindi perché venivano umiliati e poi giustiziati dove si erano inginocchiati? La "solita" storia, spesso raccontata, è breve e semplice. Il colonnello Stoddart nel 1838 si recò a Bokhara per persuadere l'emiro a liberare gli schiavi russi ea firmare un trattato di amicizia con la Gran Bretagna. Ciò avrebbe dovuto indebolire i pretesti russi per trasferirsi nell'area. Inevitabilmente, fu guardato con sospetto e sequestrato. Nel 1841, anche il capitano Conolly, nel tentativo di ottenere il rilascio di Stoddart, fu catturato e gettato nella stessa fossa. Dopo mesi di trattamento irregolare per mano dell'Emiro, e sullo sfondo di un'invasione militare inglese/britannica dell'Afghanistan, sono stati portati nella pubblica piazza e gli è stato chiesto se si sarebbero convertiti all'Islam. Quando hanno rifiutato, le loro teste sono state tagliate dai loro corpi.[clxxxiv]

Le regole di ingaggio tra le parti in guerra richiedevano risposte diverse da parte dei rapitori a seconda che i prigionieri fossero in uniforme, possedessero lasciapassare diplomatici o fossero "agenti segreti". Baden-Powell scrisse in seguito di cosa avrebbe potuto aspettarsi se fosse stato scoperto a condurre spionaggio: "Il governo ha promesso di non dare alcun aiuto ai suoi servi se catturati".Il governo di Londra del 1842 sembrò non molto tempo dopo sapere che i due uomini erano morti. Ma ha agito in modo così riservato e sembrava così poco interessato al loro destino che i giornali hanno iniziato a fare domande e riferire che i viaggiatori affermavano di averli visti vivi di recente. C'erano persone che hanno cercato di salvare Stoddart e Conolly, alcuni si sono persino offerti di andare a Bokhara per salvarli. Quando è stato chiesto di assistere questi tentativi, il "governo" ha rifiutato. L'unico sforzo noto che ha fatto, in realtà ha peggiorato la situazione e reso più probabili le morti. Uno degli uomini che cercava disperatamente di aiutarli era un misterioso "Capitano Grover". Poco dopo la pubblicazione di un libro fortemente critico nei confronti dell'apparente apatia del governo, morì improvvisamente.

Bokhara, sull'antica linea di commercio conosciuta come la Via della Seta, fa oggi parte dell'Uzbechistan, ma un tempo era "il centro intellettuale del mondo islamico". Nel 1842 si trovava in una zona cuscinetto tra Russia e India, ma, come ha detto Hopkirk, i due morirono "a 4.000 miglia da casa, in un punto in cui oggi turisti stranieri scendono dai loro autobus russi... " Mentre Stoddart era stato iniziato a EF, Conolly apparentemente non l'aveva fatto, sebbene fosse laureato ad Addiscombe.

colonnello Stoddart
Capitan Conolly

Conolly era salpato per l'India come un cadetto della "Compagnia" di sedici anni tipicamente impressionabile. A bordo aveva sentito evangelizzare il neo-nominato Vescovo di Calcutta, e da allora in poi sognava di convincere i musulmani a una visione “più gentile” dei cristiani, il primo passo, secondo lui, per propagare loro i Vangeli. Nel 1839 scrisse a Sir Henry Rawlinson: ' Se il governo britannico giocasse solo al grande gioco... Inshallah! Se ne vedrà l'opportunità, anzi la necessità, e noi faremo la parte nobile che la prima nazione cristiana del mondo dovrebbe ricoprire».Dalla fine del 1829 al gennaio 1831, travestito da "Ali Khan", era tornato dal congedo via Mosca attraverso il Caucaso e l'Asia centrale in India. Nel 1834 un resoconto di questo viaggio stabilì la sua reputazione presso la RGS come "viaggiatore e scrittore". Il suo rapporto segreto si concludeva con il suo avvertimento che se la Russia avesse mai ottenuto il controllo di Herat, un'invasione dell'India sarebbe stata possibile dalla Persia. Ha sostenuto che il miglior baluardo difensivo per l'India era "un Afghanistan unito e indipendente ". Suo zio, Sir William Macnaghten, segretario del dipartimento politico e segreto del BEIC, fu uno dei cervelli di fiducia che successivamente produssero l'idea di un'invasione dell'Afghanistan con l'intenzione di sostituire l'allora emiro con uno più compiacente.

Stoddart, oltre ad essere nell'esercito, era un membro RGS molto entusiasta. Nel 1837 aveva scritto al Segretario, il Capitano Washington, che stava facendo tutto il possibile per promuovere la Società e esortando gli altri a "prendere nota di ogni questione che potrebbe essere apprezzata dalla nostra società". Scrisse che lo Scià di Teheran era deliziato da quella che, col senno di poi, era una versione cartografica di un cavallo di Troia: ' (Lo) Scià ha un insolito interesse per la geografia e invariabilmente è contento che qualcuno degli ufficiali qui vada in giro per il paese per tracciare percorsi. Ha esaminato tutte le mappe una dopo l'altra, ha letto i nomi nelle lettere inglesi, ci ha fornito tutto ciò che sapeva sui paesi... Uno dei miei studenti ha tradotto e copiato l' Asia centrale di Arrowsmith(quella parte di esso sotto il dominio dello Scià) in persiano molto ordinatamente...' [clxxxv] Secondo quanto riferito 'un ufficiale leale e schietto', Stoddart era noto per la sua pietà aggressiva e un 'carattere abrasivo sempre infiammabile' . Nella sua uniforme dell'esercito, aveva portato un messaggio di "cessate e desistere" a uno scià locale che allora assediava Herat, minacciando la perdita dell '"amicizia" del governo britannico. Questo aveva apparentemente funzionato. L'assedio della città era stato immediatamente revocato aggiungendo, senza dubbio, alla sua fiducia e senso di potere. Il maggiore Eldred Pottinger, suo superiore a Herat, lo mandò a Bokhara con le istruzioni di Lord Palmerston al Foreign Office di "spingere l'emiro a cessare le sue incursioni di schiavi e a liberare quelli già in cattività"Altri capi venivano pagati "compensazione" per la perdita del bottino derivato dalle loro incursioni e per aver mostrato altrimenti "un comportamento migliore". Il capo di Bokhara era, tuttavia, il suo uomo, qualcosa che l'"intelligenza" non era ancora sufficientemente sofisticata per tener conto. Né era in grado di prevedere gli effetti fissili del contatto con Stoddart. In aggiunta a questi errori di giudizio, la lettera di presentazione che portava a Bokhara era indirizzata a un ministro non più in carica. È andato con il suo portatore nella fossa infestata.

In qualità di inviato designato alla corte reale designata a Kabul, McNaghten si è incluso nella cavalcata che è arrivata in Afghanistan apparentemente per celebrare la diplomazia di successo. Il capo del suo "personale politico" era Alexander Burnes, appena nominato cavaliere come Macnaghten, e che prevedeva di essere insediato come residente politico a Kabul, stipendio di 3000 GBP all'anno. Mentre era di guarnigione a Kabul, Macnaghten venne a conoscenza dell'incarcerazione di Stoddart e propose a Palmerston a Londra, un piano in base al quale Stoddart potrebbe essere recuperato. Palmerston, si dice che stia "giocando una partita lunga", non fu spinto ad accettare la "proposta ingenua" che avrebbe visto una forza inviata contro l'emiro a Bokhara. A questo punto, Conolly si è incaricato di intervenire. Un "avventuriero" diffamato, Josiah Harlan, era a portata di mano. Non credente, ha assistito alla rottura dei negoziati di Kabul e ha scritto un resoconto che è stato pubblicato prima che la tragedia si svolgesse: "Sir William Macnaghten era un gentiluomo presuntuoso, che marciò in Afghanistan con l'aria di Bombastes Furioso, sostenendo di il governatore generale un sistema politico che ha prodotto la ricompensa che la crudeltà, la falsa fede e la doppiezza criminale potranno mai ricevere». [clxxxvi] I colloqui avrebbero potuto avere successo, ha proseguito, 'se gli ufficiali fossero stati diplomaticamente astuti e concilianti, ma gli affari politici degli inglesi fossero nuovamente caduti nelle mani di agenti ancora meno competenti: un giovane tenente dell'artiglieria di Bombay, [Burnes] che è notevole per ostinazione e stupidità; e un vecchio invalido di alto carattere e di mente imbecille». Esposti dai loro oppositori afgani come male informati e impreparati, Macnaghten, Burnes, Charles e Arthur Conolly e Stoddart, in seguito morirono tutti di morti orribili, inutili e futili in questa campagna che si concluse con ritirata e umiliazione. L'anziano Pottinger morì di febbre poco dopo. Il comandante in capo "imbecille", un altro Elphinstone, è morto in cattività, mentre un altro dei cervelli di fiducia, Lord Auckland, governatore generale dell'India, ha avuto un infarto quando è stato informato del risultato.

Burnes era un EF entusiasta in una famiglia di massoni entusiasti. Nell'esercito indiano a 16 anni parlava correntemente l'hindi e il persiano all'età di 21 anni e la sua promozione era stata rapida. Una lettera al Times , dopo la sua morte, affermava che i suoi amici includevano ' Lord Ellenborough, Lord Munster e il defunto governatore di Bombay Sir James Carnac. Lui e suo fratello, Charles, anche lui un EF iniziato, furono tra i primi invasi a Kabul, nel 1841, quando la gente del posto respinse l'emiro che gli inglesi avevano imposto loro. Un altro fratello, James, era Gran Maestro provinciale per le province occidentali dell'India nel 1842. Cinque fratelli in tutto avevano seguito il padre in EF. [clxxxvii]Succedendo a Lord Auckland, la prima azione di Ellenborough in carica fu quella di dare il bentornato all '"Army of Retribution" che aveva spietatamente e immediatamente seguito la debacle nel dicembre 1842. Ordinò "un grande junketing" come "una massiccia manifestazione del potere britannico, sia civile e militare ' [clxxxviii]

Di ritorno a Londra, le prime voci sull'esecuzione di Stoddart e Conolly apparvero sulla stampa alla fine di gennaio 1843. Queste furono seguite da una "fuga di notizie" molto dettagliata che apparve su alcuni giornali il 14 febbraio 1843. Furono poste domande in parlamento a fine agosto a cui il primo ministro, Sir Robert Peel, ha risposto che credeva che i due fossero morti e che nessuna causa sarebbe stata servita da ulteriori indagini. Ancora un'altra figura oscura, il capitano Justin Shiel, è stato qui descritto come "rappresentante di Sua Maestà a Bokhara".', una posizione strana da ricoprire date le circostanze e che si è rivelata impossibile da dimostrare. Il tentativo di intervento da parte di agenti diversi da Conolly sembra essere stato considerevole, quindi sembrerebbe che l'apparente letargo del governo fosse uno schermo per coprirli. Uno, James Abbott, aveva anche il compito di convincere i khan a liberare gli schiavi russi detenuti nell'area. Dopo il 1842 il suo nome, come quello di Shiel, fu raramente menzionato, poiché era stato inviato a osservare le postazioni russe più a ovest. È uno dei tanti "agenti sul campo" registrati nei ritratti in studio fatti di loro all'epoca sotto mentite spoglie "native".

Nel luglio 1843, il reverendo Joseph Wolff offrì i suoi servizi agli "ufficiali militari" tramite una lettera a un giornale. Ha chiesto solo che le sue spese di viaggio da e per Bukhara fossero pagate. [clxxxix] Il misterioso 'Capitano Grover' rispose. Si sono incontrati e hanno parlato.

Giuseppe Wolff

Nato in Baviera nel 1795 e descritto come "poco attraente, piccolo di statura, con un viso piatto e familiare", Wolff si era sposato con la famiglia Walpole ed era quindi ben collegato. Era anche strabico, con una reputazione di eccentricità argomentativa, eppure durante un viaggio a Washington la sua reputazione era così ampiamente conosciuta e ammirata che fu chiamato a parlare al Congresso degli Stati Uniti. Aveva incontrato Conolly in India, dove il suo lavoro missionario da Gibilterra, Malta e Gerusalemme alla Georgia, Bokhara e Tibet era apparentemente considerato positivamente. [cxc]'Captain Grover – Unattached', compare su pubblicazioni come Fellow della Royal Society, membro della Royal Astronomical Society, del Royal Institute of Great Britain e del Congresso delle Scienze Italiane. Un amico di famiglia, credeva che non sarebbe sopravvissuto se fosse andato da civile e avesse chiesto il permesso ufficiale di recarsi a Bokhara indossando la sua uniforme dell'esercito. È stato respinto. Scrisse e pubblicò un opuscolo nel 1843 criticando il governo. Ha raccontato le sue sessioni con i funzionari del Ministero degli Esteri e ha descritto i documenti che gli erano stati mostrati, uno dei quali è stato l'unico passo riconosciuto dal governo per il rilascio degli uomini. Era una lettera di Lord Ellenborough all'Emiro in cui i due erano descritti come "viaggiatori innocenti".Grover rimase inorridito da questo termine, credendo che avrebbe convinto l'emiro che i due erano spie e ne avrebbe accelerato la morte. Aveva chiaramente un'idea di come funzionassero queste cose. Grover e Wolff hanno quindi convocato una riunione a casa sua dove è stato deciso di rendere pubblico. Il Comitato Bokhara è stato istituito a settembre per raccogliere fondi per una spedizione di Wolff la cui integrità e coraggio erano considerati provati e vitali per un esito positivo. Il Comitato comprendeva militari di alto rango, come il generale Sir James Bryant, il capitano Downes, FRAS e la Royal Navy, e l'ammiraglio Sir Edward Codrington (1770-1851). [cxci]Non è chiaro se questi uomini fossero critici del governo, uomini con tempo a disposizione o fossero stati delegati dai loro superiori a tenere d'occhio gli sviluppi. I legami di Grover con loro sono rimasti inspiegabili. Altri membri del comitato erano James Silk Buckingham, scrittore di viaggi, giornalista e critico del BEIC che era stato espulso dall'India nel 1823, Lewis Tonna, un sostenitore evangelico delle cause ebraiche e direttore ad interim dello United Services Institute, il capitano William Moorsom, ingegnere militare e geometra di linea ferroviaria, e Sir Joseph Copley, 4 ° baronetto della famiglia che finanziò la Medaglia Copley assegnata dalla Royal Society.

In questo primo incontro, Grover ha accusato il governo di "colpevole negligenza" e ha espresso la speranza che potesse essere svergognato in un'indagine ufficiale. Un tenente colonnello Humfrey, appoggiando la mozione, " condannò fortemente (condannato) l'indifferenza tradita [sic] dai ministri di Sua Maestà". Nella sala riunioni c'erano da 80 a 100 gentiluomini, tra cui il presidente della Società degli ingegneri civili, il fratello di Sir Alexander Burnes, " e diversi ufficiali militari e civili della Compagnia delle Indie Orientali". Wolff sapeva che c'erano grandi rischi e dichiarò la sua intenzione, quando incontrò l'emiro, di indossare "le sue vesti da pastore protestante e il suo cappuccio da dottore.In seguito ha affermato che questo stratagemma gli ha salvato la vita. Durante la sua spedizione scrisse al Comitato e al suo segretario, Grover, mise le sue lettere a disposizione dei giornali, del Primo Ministro e dei ministri di gabinetto. Alla fine del 1843, mentre Wolff si stava ancora dirigendo verso l'interno, l'editore del West Kent Guardian si radunò dietro quella che era già diventata una sacra 'missione': ' ,,,(La) mente si aggrappa con affetto alla più lontana speranza di salvare i nostri due intraprendenti connazionali dalla schiavitù, se ancora esistono. E se Wolff intraprenderà davvero un viaggio a Bokhara con una missione così sacra , dovremmo pensare che sia un dovere portare avanti il ​​suo obiettivo con tutti i mezzi in nostro potere».[cxcii] [Le mie enfasi]

A Bokhara, Wolff resistette all'incredulità dell'emiro e scrisse alla presenza dell'emiro e in gran parte su sua direzione, che Stoddart era stato giustiziato a causa dei suoi ripetuti atteggiamenti irrispettosi, della sua conversione all'Islam e poi riconversione al cristianesimo, e dicendo che le lettere sarebbe venuto dall'Inghilterra riconoscendolo come ambasciatore ufficiale, cosa che non era accaduta dopo 14 mesi. Conolly era stato giustiziato lo stesso giorno perché aveva incoraggiato i Khan di Khiva e Khokan a fare guerra contro Bokhara. Nell'aprile 1845 Wolff tornò a Londra e si riprese da "una pericolosa malattia" e poté dare a un incontro pubblico un resoconto completo dei suoi sforzi. Pensava che oltre a Stoddart e Conolly, altri sei ufficiali britannici e un italiano fossero stati giustiziati nel recente passato, dall'emiro a Bokhara o dai suoi vicini khan. Nel libro della sua missione di salvataggio, Wolff, senza ulteriori spiegazioni, descrisse un incontro con ' Soleiman Khan [Governatore di Khoy], che è un massone, sebbene un Muhammedan '. Wolff non era un massone all'epoca, quindi perché avrebbe dovuto presentare queste informazioni? Descrivendo un altro incontro, Wolff ha raccontato come 'Hakim Beyk, il Goosh-Bekee di Bokhara... mi ha stretto al cuore, mi ha baciato per circa dieci minuti, mi ha pizzicato le mani e le dita, come suppongo, (perché non sono un massone) lo fanno i massoni.' [cxciii] Per quanto ne so, baciare e toccare non fa parte di EF. I segni di riconoscimento massonici inglesi non sono usati volenti o nolenti e, ancora per quanto ne so, non sono di quel tipo. Se i due musulmani gli stavano solo facendo il solito saluto, Wolff avrebbe dovuto saperlo, avendo già viaggiato molto nella zona. Ma se non conosceva i segni, perché menzionare 'i Massoni'? I due musulmani pensavano che fosse 'un massone' perché europeo? O c'era una "Massoneria" in Asia che era interamente indigena con i suoi segni. In libri precedenti aveva parlato di incontri simili con massoni "orientali" - a Shiraz nel 1824 e in Azerbaigian nel 1831. [cxciv]Si unì a EF nel 1846, non molto tempo dopo il suo ritorno da Bokhara. Nel 1848 fu onorato da un Capitolo di 'English Royal Arch Freemasons' (che è diverso dall'Arte sebbene ad esso collegato - vedi sotto). Una dichiarazione ufficiale lo ha ringraziato: "...Nel consegnare al dottor Wolff il suo diploma [appartenenza al Royal Arch], il Primo Preside ha detto che i compagni si sentivano orgogliosi di avere in loro potere di testimoniare l'alto rispetto e l'onore che considerano a lui dovuto per il suo coraggio e la sua filantropia nella grande causa dell'umanità manifestata nel suo viaggio a Bokhara negli anni 1843-5, per accertare la sorte del colonnello Stoddart e del capitano Conolly quale sentimento, secondo lui, prevaleva universalmente nel mondo massonico». [cxcv]

Un rapporto del London Standard non molto tempo dopo la morte di Stoddart ha accettato come vere le voci secondo cui aveva adottato l'Islam a un certo punto della sua prigionia, minando di fatto le affermazioni del suo stoicismo. Nel riassumere la sua carriera, ha rivelato una precedente operazione clandestina: ' Era instancabile nella ricerca della conoscenza generale e professionale, ed era presente all'interno delle linee francesi all'assedio di Anversa...' Lo scrittore ha sottolineato la sua pietà: '... (Sua) talento, carattere e impresa (sono) rimpianto... come un sincero cristiano e un soldato devoto al suo Sovrano e al suo paese... Profondamente devoto nei suoi principi e nella sua condotta, incrollabile sotto le sue dure prove, e riconoscendo in essi persino una benedizione spirituale... [cxcvi] Un anno dopo, un altro rapporto affermava che sarebbe potuto scappare "se avesse avuto la volontà", ma che ha rifiutato, dicendo "che aveva scrupoli a scappare senza un ordine del governo inglese, essendo un uomo di nozioni di dovere estremamente rigide .' La fonte dell'esercito, un tenente Eyre, ha affermato di aver accettato queste informazioni , "avendo visto documenti autentici". [cxcvii] Un corrispondente del 1860 della RGS scrisse che un altro italiano, Giovanni Orlando, era stato giustiziato nel 1849 dopo essere stato trattenuto per sette anni come "orologiaio e astronomo" alla corte dell'emiro. [cxcviii]

Sembra ragionevole concludere che l'«inglese» di Stoddart sia stato il fattore determinante nella sua morte e, per estensione, in quella di Conolly. È improbabile che mentre cadeva la spada pensasse anche ai verdi campi sportivi delle grandi Scuole Pubbliche dove i ragazzi diventavano capi, obbligati a difendere l'onore dell '"Impero". Ma il loro stoicismo religioso, il loro senso di superiorità e il loro coinvolgimento nel sangue e nel ferro dell'Impero provenivano da un unico modello. L '"Armata della Retribuzione", immediatamente riunita e inviata a Kabul per provocare il caos e il caos violento, non ha potuto ripristinare l'idea infranta dell'invincibilità di Feringhee nella regione, [cxcix] ma a casa è stata portata in atto una contro-narrativa. Un periodico ha fornito questo "spin" sulla debacle:'...L'esitazione non bellicosa delle truppe a Jellalabad essendo stata male interpretata da alcuni dei capi afgani del vicinato... divenne necessario che il generale Pollock castigasse i più refrattari. Furono quindi inviati distaccamenti, che ben presto riportarono in sé questi nobili e li obbligarono a pagare le somme dovute alle entrate...' [cc] L'editore di The Era non era il solo a considerare gli afgani come bambini cattivi bisognosi di gravi "castigo", ma non tutti i sostenitori di "Inghilterra e Britishness per il mondo" avevano in mente l'esercito.

 

Il dottor Oliver e il reverendo Crucefix

 

Il dottor George Oliver (1782-1867) – religioso anglicano, EF e autore prolifico – ha visto una duplice minaccia nel "modernismo", alla sua fede e alla "sua massoneria". Decise di affrontarlo riunendoli. Ha ricordato, verso la fine della sua vita: ' Avevo formato nella mia mente un piano, che aveva lo scopo di dimostrare le capacità della Massoneria come istituzione letteraria...per convincere il pubblico dei lettori che la Massoneria...in realtà conteneva i rudimenti di tutto il mondo scienza ed edificazione spirituale...' Nella sua mente c'era un solo modo: ' ...Il primo passo era mostrare l'Antichità dell'Ordine; poiché questa era l'unica base su cui poter fondare con sicurezza tutti i successivi ragionamenti... Ho quindi pubblicato un'opera sulla storia antica e le antichità della massoneria dalla creazione alla costruzione diTempio di Salomone.' [cci] In effetti, affermava di fondere i volti "scientifici" e "spirituali" della Massoneria in un'unica entità che era il "cristianesimo". Riferì di una conversazione che aveva avuto con un compagno massone che pensava che " l'adesione al cristianesimo avrebbe ridotto (la Massoneria) a un'istituzione di mentalità ristretta e settaria che ogni buon massone dovrebbe scontare e abiurare" . La risposta di Oliver è stata assoluta: ' Settario!... Solo il cristianesimo è universale. Prima della sua influenza potente e illimitata, tutte le cose create devono alla fine soccombere. Le nazioni saranno pesate nelle bilance; le società saranno sciolte; le istituzioni si squarciano... niente correrà parallelamente al cristianesimo se non quella grande virtù cristiana e massonica, la carità o l'amore fraterno.'

In costruzione da questo influente propagandista c'era l'idea che la superiorità morale dell'Inghilterra e la preminenza della Massoneria inglese fossero in linea con l'ordine naturale e scientifico nella loro forma moderna . [ccii] La sua continua popolarità in EF, nonostante la non mondanità di alcuni dei suoi scritti, mostra che stava articolando una tendenza di rafforzamento, che consentiva una rotazione selettiva dell '"Illuminismo" a favore dell'Ordine o un passo laterale di esso del tutto. EF avrebbe successivamente rivendicato l'adesione ai principi scientifici, e che EF doveva essere vero perché era 'la parola di Dio', una contraddizione che rendeva superflua la storia massonica in tempo reale, cioè il contesto,ma che permetteva di discutere della politica attuale perché non era né politica né religiosa . Questo sviluppo delle opinioni di Stukely ha sostituito le sue vaghe affermazioni sulla "religione naturale antica" con affermazioni che il cristianesimo era quella religione e il protestantesimo la sua realizzazione, "la vera religione". Un discorso tenuto nel 1870 da una loggia del Grand Warden distrettuale della Birmania britannica iniziava: ' 'Fratelli, le nostre costituzioni proibiscono saggiamente la discussione di tutti gli argomenti politici e religiosi all'interno delle nostre logge... (dimostrare che i due argomenti sono effettivamente analoghi) è ora il mio obiettivo, e Confido che, parlando con una Loggia di Massoni cristiani, non solo vi vedrete, ma imprimerete nelle future aggiunte al nostro ordine, che uno dei grandi disegni della Massoneria è la vera religione...' [cciii]Questo oratore non stava tentando di minare le doppie proibizioni, ma di giustificarle infrangendole, cioè sostenendo che i massoni non avrebbero infranto alcun divieto se avessero affermato una "verità" che era immutabile, in qualche modo immutabile. La 'vera religione', ovviamente, richiedeva un'attenzione particolare a un solo testo, la Bibbia (protestante): '...Lì ti viene insegnato il dovere che devi verso Dio, il tuo prossimo e te stesso... Sopravvive a tutti i cambiamenti, a sua volta immutato; vede tutte le cose decadere, essa stessa incorruttibile... la parola del Signore dura in eterno; ed è questo il Libro che la Massoneria ti esorta a credere, a studiare e ad accettare».

Le convinzioni di Oliver hanno sposato l'idea di scambi generosi di informazioni socialmente consapevoli e aperte con la certezza fondamentalista che c'era solo una possibile conclusione a tale scambio. Con l'Ordine di origine divina, si credeva autorizzato a rivendicare per la "Massoneria" qualsiasi evento gli piacesse, ad esempio: " È anche degno di nota che nel libro del Levitico ... si osserverà chiaramente che Mosè usa l'espressione , 'Dobbiamo assistere i nostri fratelli'... da cui si potrebbe concludere che Mosè fu iniziato anche ai riti massonici...' [cciv] Il suo fondamentalismo biblico fece emergere la conclusione che qualsiasi esempio di 'amore fraterno', ovunque si trovi, potrebbe essere citato come prova dell'universalismo della Massoneria. Un articolo nella Rassegna trimestrale della Massoneria del 1845, era intitolato "FREEMASONRY IN CINA", anche se iniziava con la negazione che "la Società della Triade", oggetto del pezzo, fosse "una Fraternità massonica". [ccv] Nel 1880 alcuni massoni presero seriamente l'idea che gli abitanti dell'età della pietra dell'Australia conoscessero e comunicassero segni massonici. [ccvi]

Uno dei suoi primi scritti ad essere pubblicato, Scopwickiana, fu una descrizione intima nel 1838 del "suo" villaggio fatta in risposta a un suggerimento nel Blackwood's Magazine che "i preti potrebbero scrivere delle loro parrocchie per il divertimento dei loro lettori e il beneficio dei posteri ' . Oliver ha sottolineato la necessità che un parroco studi “i modi, le abitudini, le propensioni e i divertimenti del suo gregge ”” affinché “conoscendo i loro bisogni, debolezze e infermità, possa modellare il suo corso in modo da guidarlo per facili passi verso il pratica sistematica della pietà e della virtù in questo mondo, che contribuirà alla loro felicità eterna nel mondo a venire». [ccvii] Scopwickianafu probabilmente l'opera che lo portò all'attenzione del dottor Crucefix, energico ufficiale della Gran Loggia (dell'UGLE) ed editore dal 1833 della Freemason's Quarterly Review [FQR] che aveva lo scopo di: ' fornire ai massoni secondo la Costituzione inglese in tutto il mondo con informazioni sull'Arte, sia per quanto riguarda il background che l'attualità .' [ccviii] [Il mio corsivo] Oliver ha fortemente sostenuto la FQR 'i cui obiettivi concordavano così strettamente con il suo punto di vista' , inclusi, presumibilmente, i suoi rapporti parlamentari. [ccix]Sussex e altri alla UGLE non hanno condiviso le sue opinioni. Oliver fu licenziato dalla sua posizione di DPGM del Leicestershire nel 1842 e Crucefix fu minacciato di espulsione del tutto dalla Massoneria quando il Sussex si ammalò. [ccx] ' (A) bilancio, il verdetto finale deve essere che, sebbene [Crocefisso] abbia servito bene la Massoneria, i metodi che ha usato hanno provocato una reazione di lunga durata contro lo stesso tipo di apertura sull'Arte che lui, Oliver e altri erano cercando di raggiungere...' [ccxi] È un non sequitur incolpare questi due uomini per la generale mancanza di apertura all'interno di EF, e un errore più grande per non tenere conto del contesto. Sandbach ha attribuito le tensioni all'interno di EF alla difesa di Crucefix di un ospizio per i fratelli anziani e fragili. Le prove sostengono che la fonte dell'ira di Sussex era che veniva osservato e commentato, qualcosa che Crucefix ha introdotto con il suo primo numero. Pur affermando la sua fedeltà ai divieti di discussioni di politica e religione, Crucefix li ha ignorati nei commenti. Ha usato i discorsi del GM per sollevare punti di discussione e dopo la sua morte nel 1843, lui, Crucefix, ha citato i necrologi del Sussex.

L'impegno per l'"apertura" che Oliver condivideva con Crucefix non era quello di un apprendimento illimitato in stile illuminista. [ccxii] Un editoriale del 1837 in cui si rammaricava per la morte di Guglielmo IV ma celebrava l'ascesa al trono della regina Vittoria iniziava: " L'impero britannico si rallegra per l'avvento di un nuovo regno, e le nazioni del mondo osservano con ammirazione un Maiden-Queen, circondata da tutta la cavalleria del suo triplice regno, ricoprendo il suo diadema con una panoplia di saggezza, forza e bellezza . [ccxiii] Alla sua stessa domanda retorica 'Un massone è indifferente (di questo evento nel mondo 'profano')? ' Crocifisso ha risposto: 'No, è orgoglioso che 'la Signora d'Inghilterra' sia la figlia di un massone, e incoraggia l'affettuosa speranza che la sua giovane regina si degnerà di diventare la patrona dell'Ordine.'Questo faceva parte di un rapporto di una riunione speciale della Gran Loggia convocata dal GM Sussex per leggere una rimostranza che intendeva inviare al suo parente reale. Una dichiarazione iperbolica di un GM ai suoi parenti, è, se si deve credere ai giornali del giorno, notevolmente mendace. A causa del suo matrimonio non autorizzato nel 1793, Sussex era stato discriminato dal padre che aveva annullato il matrimonio, e poi ignorato dai suoi fratelli e costretto a svolgere i suoi vari doveri con uno stipendio molto ridotto. Nel suo messaggio a Victoria, il Sussex ha elogiato lei, ma anche tutti i suoi fratelli e la moglie di suo zio, la regina vedova, come esempi di tutte le virtù, ben al di là di qualsiasi esigenza di etichetta o cortesia. Ha fatto riferimento all'Ordine: 'Nella mite, umile e onesta fiducia che, come massoni, non siamo degenerati dalla nostra antica purezza...' In un'altra occasione, Crucefix tenne conferenze ai massoni del Bengala sulla loro pratica della loggia e, usando termini politici e partigiani, sostenne la necessità di un provinciale GM: ' ...Bonaparte diresse i suoi più forti sforzi contro l'India e con l'aiuto del nostro valoroso esercito e marina, sotto la direzione della Provvidenza, fu nettamente sconfitto. Sottile e astuto era il design (russo), furtivo il ritmo e cauto il modo dell'esecutore testamentario...'. [ccxiv] In risposta, un certo numero di importanti EF in India ha registrato i loro ringraziamenti e il loro caloroso rispetto per Crucefix. Il punto di rottura con il Sussex è stata un'accusa chiaramente ipocrita avanzata da Crucefix secondo cui il GM aveva infranto il divieto di discussione politica. Crucefix ripeté l'accusa dopo la morte di Sussex: « Come massoni, siamo inibiti dall'entrare in osservazioni politiche; per ciò che ripubblichiamo da fonti autentiche, come non meritiamo lode, quindi non ci assumiamo alcuna responsabilità... Il 19 marzo [1840] il Gran Maestro della Massoneria, in una vasta assemblea, dove forse non erano presenti venti Massoni , molto freddamente e deliberatamente ha impegnato l'intera Arte a certe opinioni di natura religiosa e politica...' [ccxv] Si riferiva a una riunione della Società per la Libertà Religiosa nella Freemasons' Hall chiamata ad opporsi a un disegno di legge parlamentare che estenderebbe l'establishment della Chiesa, ovvero aumenterebbe i fondi statali alla chiesa costituita. Il Sussex aveva promesso il totale accordo suo e di EF con i sentimenti dell'incontro, al che Crucefix ha sostenuto: " (Questa) dichiarazione del Gran Maestro era totalmente in contrasto con il suo obbligo, e la liberazione di tali sentimenti da parte sua rischiava di sovvertire l'esistenza del L'ordine stesso…” Chiese retoricamente: “ Sono state prese delle misure per portare tale condotta davanti alla Gran Loggia? No! sembra che possa sbagliare impunemente... (ecc.)'. Le risposte sulla "stampa pubblica" di massoni e non massoni per settimane dopo hanno supportato la sua interpretazione.

Sia Crucefix che Sussex hanno violato il divieto in questi scambi, se il divieto è applicabile al di fuori di una riunione della loggia . Ci sono molti massoni che credono che lo sia. Più importante del brouhaha su cosa fosse "dichiarazione politica" e cosa non lo fosse, era una sezione del documento del giugno 1840, ripetuto anche nel 1843, che stabiliva ciò che Crucefix pensava fosse "apertura massonica": "Affermiamo, quindi, che c'è troppa pretesa nella presunta immunità del nostro ordine dall'esame generale del "mondo profano", come se, in verità, la politica dei massoni non fosse suscettibile di censura o approvazione pubblica come quella di altri organismi... È compito della società vedere che adempiamo con fedeltà la nostra fiducia autoimposta, ed è dovere di un giornalista massonico ottenere la purificazione dell'ordine mediante l'esercizio dell'opinione pubblica, ogni volta che si fa violenza a Principi massonici.'In questo, il Crocifisso sembrava rappresentare la "modernità" che bussava alla porta del tempio di UGLE. A coloro che erano all'interno veniva data la possibilità di uscire e impegnarlo in una conversazione sensata, o di rimanere in clausura. L'evidenza nota mostra che UGLE rimase a porte chiuse, mentre le logge coloniali stabilite energicamente agli antipodi appassirono per mancanza di supporto significativo. La conclusione "normale" è stata che il Sussex e il Gran Segretario White semplicemente non erano interessati agli affari al di fuori di Londra, mentre, forse, stavano affrontando questioni più critiche, questioni che erano direttamente legate alla visione della religione del Sussex.

 

Ritorno in Asia

 

L'eroismo militare inglese/britannico non divenne improvvisamente un "punto di vendita" per gli editori alla fine del 19 ° secolo. Né la gloria imperiale era qualcosa inventato con lo scopo speciale di sconfiggere gli Zulu. Quando il grido di battaglia di "l'onorevole britannico" e il suoLo "spirito da bulldog" era messo in risalto nella "cultura" tardo vittoriana, era una manifestazione della manipolazione dei media che cambiava in risposta a circostanze alterate. La prima guerra dell'oppio e la prima guerra afgana, entrambe concluse nel 1842, avevano avuto esiti molto diversi. Visto da Whitehall, l'uno ha avuto almeno un successo militare, il secondo è stato un completo disastro. Le barriere cinesi ai venditori di oppio inglesi/britannici che volevano oro, tè e altri prodotti locali furono invase da stratagemmi, cannoniere e inganni. Un po' a sud di Bokhara, quattromila e mezzo di soldati britannici e indiani in ritirata, più 12.000 dei loro seguaci del campo, furono invasi o morirono di fame e di freddo, in abietto disordine e molestati dalle tribù del deserto. La campagna di tre anni fu riassunta in una memoria del 1843 del cappellano GR Gleig come: 'una guerra iniziata senza saggio scopo, condotta con uno strano miscuglio di avventatezza e timidezza, terminata dopo sofferenza e disastro, senza molta gloria legata né al governo che dirigeva, né al grande corpo di truppe che la condussero. Nessun vantaggio, politico o militare, è stato acquisito con questa guerra. La nostra eventuale evacuazione del paese somigliava alla ritirata di un esercito sconfitto». [ccxvi] Il bisogno di rassicurazione pubblica suscitò preoccupazione popolare per la moralità dell'Impero, ma accelerò anche notevolmente ed esasperò l'impulso al culto dell'eroe come giustificazione. Stoddart e Conolly hanno diritto di essere considerati come i tragici originali dietro i "racconti maschili" così popolari nel periodo tra il 19 ° e il 20 °secoli. Le loro esecuzioni sono state le prime a diventare sensazioni mediatiche "domestiche". Il pubblico dei lettori è stato incoraggiato a entusiasmarsi per il genere non del tutto nuovo di polemica politica come libro di viaggio che è cresciuto rapidamente man mano che gli "agenti" hanno realizzato il potenziale commerciale. Proliferarono celebrazioni pubbliche, premi imperiali e riconoscimenti cerimoniali. Nell'ultimo quarto del 19° secolo, le semplici affermazioni di successo in Africa produssero una quasi isteria tra gli adoratori di eroi. Il dottor Livingstone, missionario medico ed esploratore, era " venerato come un quasi santo, che incarna ogni virtù morale - un mito nella sua stessa vita" anche mentre esistevano documenti che mostravano che, sebbene possedesse innegabili coraggio, resistenza e abnegazione, fallì come missionario, esploratore e marito e padre. Come ha detto un biografo,"aver messo in dubbio la grandezza (di Livingstone) nel 1874" , quando morì e ricevette un funerale di stato, " sarebbe sembrata pura perversità".

La medaglia Pollock consegnata all'eccezionale studente di Addiscombe dopo il 1842 recava un'iscrizione che iniziava: ' Per commemorare eminenti servizi, Cabul 1842 Treachery avenged - British Honor vendicated...' L'editore di The Christian Observer era lacerato. Da un lato: '(Dalla) prima non potevamo non considerare ingiuste le nostre recenti imprese ostili in Asia centrale, e nemmeno raccomandate dalla più miope convenienza.' [ccxvii] Ma dall'altro, la conquista riscaldò il cuore patriottico, dimostrò che 'noi' eravamo i giusti e rese possibili conversioni su vasta scala. In una sintesi, "Vista degli affari pubblici" per il 1842, ha riconosciuto il suo dilemma: "…(La) pacificazione dell'Oriente, per gli splendidi successi delle armi di Sua Maestà in Cina e in Afghanistan, piangiamo mentre ci rallegriamo, perché in nessuno dei due casi abbiamo avuto una giusta lite. Eravamo noi i trasgressori in entrambi i casi... Chi non deve sperare, e credere con fiducia, che queste pacifiche insenature del vasto impero della Cina saranno il mezzo per facilitare l'introduzione (delle)... le arti e il commercio delle nazioni più illuminate; e con esse... le Sacre Scritture e le istruzioni dei maestri cristiani... poiché sappiamo che i regni del mondo diventeranno i regni di nostro Signore e del suo Cristo, ed Egli regnerà nei secoli dei secoli Re dei re e Signore dei signori ; Alleluia, Amen.' [Il mio corsivo] [ccxviii]Le "arti e commercio" erano, ovviamente, già in fase di introduzione. Un editoriale del Leeds Times lamentava: '(Noi) stiamo pagando un prezzo molto caro per garantire un mercato per l'oppio della Compagnia delle Indie Orientali. I legislatori che spingono l'oppio in Cina con la punta della spada ed escludono il grano dalla Gran Bretagna con gli stessi mezzi, dovrebbero dire molto poco sulla "luce del Vangelo" o sulla religione, tranne che intendono guadagnarsi il carattere di vile ipocrita.' [ccxix]

Secondo una dottrina di lunga data "la restaurazione degli ebrei", il compimento delle profezie sull'Ultimo Giorno era indissolubilmente legato al ritorno degli ebrei nella terra dei loro padri, su cui avevano un diritto inalienabile. La loro “restaurazione” fisica e religiosa, cioè la fine della loro diaspora, il loro raduno in Palestina e la loro accettazione del vangelo cristiano – è stata concepita come una componente essenziale del piano divino per la redenzione umana e come un prerequisito per l'avvento del Regno di Cristo. Quando Napoleone sbarcò in Egitto nel 1799 e fece marciare il suo esercito verso la Palestina, ad alcuni sembrò che fosse stato scelto per compiere la volontà di Dio. Ma con la sua sconfitta, molti britannici "hanno visto" che l'onere ora era sull'Inghilterra. Potrebbero essere "gli inglesi/britannici" i prescelti? I "sionisti gentili" fecero irruzione nella politica inglese nel 1840 quando Palmerston, in qualità di ministro degli Esteri, forse influenzato da Lord Shaftesbury, cercò di convincere il sultano ottomano all'idea di un "ritorno" degli ebrei, sostenendo che avrebbe dovuto essere loro permesso di stabilirsi in Palestina. Dal 1838 un consolato britannico operava a Gerusalemme, il primo appuntamento diplomatico in Palestina. Nel 1839 la Chiesa di Scozia inviò una missione per riferire sulla condizione degli ebrei, a quel tempo una minoranza, in Palestina. Durante il 1840 molti giornalisti, religiosi, politici, funzionari coloniali e ufficiali militari britannici chiesero colonie ebraiche o persino uno stato ebraico sotto la protezione britannica e la protezione degli interessi strategici e commerciali britannici nella regione. Nel maggio 1842, Dal 1838 un consolato britannico operava a Gerusalemme, il primo appuntamento diplomatico in Palestina. Nel 1839 la Chiesa di Scozia inviò una missione per riferire sulla condizione degli ebrei, a quel tempo una minoranza, in Palestina. Durante il 1840 molti giornalisti, religiosi, politici, funzionari coloniali e ufficiali militari britannici chiesero colonie ebraiche o persino uno stato ebraico sotto la protezione britannica e la protezione degli interessi strategici e commerciali britannici nella regione. Nel maggio 1842, Dal 1838 un consolato britannico operava a Gerusalemme, il primo appuntamento diplomatico in Palestina. Nel 1839 la Chiesa di Scozia inviò una missione per riferire sulla condizione degli ebrei, a quel tempo una minoranza, in Palestina. Durante il 1840 molti giornalisti, religiosi, politici, funzionari coloniali e ufficiali militari britannici chiesero colonie ebraiche o persino uno stato ebraico sotto la protezione britannica e la protezione degli interessi strategici e commerciali britannici nella regione. Nel maggio 1842, e protezione degli interessi strategici e commerciali britannici nella regione. Nel maggio 1842, e protezione degli interessi strategici e commerciali britannici nella regione. Nel maggio 1842,Il Christian Observer ha celebrato quello che credeva fosse un recente, importante cambiamento di mentalità nella "sua" chiesa: " Ci rallegriamo di... tutti... i sintomi di maggiore zelo e vigore nella nostra amata Sion nazionale e nella sua progenie in altri paesi. Sono prove, confidiamo, che il Signore degli eserciti è con noi; che il Dio di Giacobbe è il nostro rifugio». L'editore si è lamentato del tempo in cui la Chiesa d'Inghilterra è stata derisa per la sua inerzia, " il romanista ha in particolare esortato che non potevamo essere un vero ramo della Chiesa di Cristo perché ci mancava uno spirito missionario ", ma, indicando un recente leader del Mattino Cronaca, esultò ancora: 'Un grande cambiamento è avvenuto nella gerarchia dell'Inghilterra. Invece di tenersi in disparte dalla Bibbia e dagli schemi missionari... ora stanno andando avanti con zelo e attività sconosciute dai tempi della Riforma.' [ccxx] Nei circoli governativi e militari si discuteva di questioni strategiche con imperativi religiosi/etici opportunamente colorati.

Entro la metà del secolo, più visitatori affollavano le strade di Gerusalemme durante le festività natalizie rispetto ai residenti. L'interesse religioso e biblico-archeologico per la "Terra Santa" è stato sostenuto da associazioni nazionali che avevano orientamenti confessionali, scientifici e politici e, talvolta, da proprie case editrici. Ogni "crisi orientale" ha innescato un'ondata di sermoni, opuscoli, libri, progetti e rivendicazioni politiche. "I britannici si rallegrano!" diceva un opuscolo durante la guerra di Crimea: ' Toccherà a te ricondurre i membri a lungo dispersi della razza negletta di Giuda nella loro bellissima terra e, piantando nella loro patria una colonia (il cui legame con il suo protettore non può essere messo in dubbio) porre un altro ostacolo sul percorso del minaccioso intruso [cioè la Russia].'La difesa della restaurazione non era necessariamente basata sul rispetto per il benessere del popolo ebraico. Fu coinvolta un'ampia varietà di credenze, da una venerazione astratta per l'area alla speranza di estendere l'Impero. La verità della Bibbia era fondamentale, la creazione di uno Stato ebraico e l'identità del "popolo eletto da Dio" erano più controverse. La preoccupazione per gli ebrei russi, assediati dalla povertà e dai pogrom, non ha portato "l'Occidente" ad aprire loro le porte. Il "restauro" era un modo per fornire assistenza senza localizzarli accanto.

La convergenza di mediatori del potere ecclesiastico e militare con accademici e "scienziati sul campo" nel perseguimento di obiettivi geopolitici condivisi è stata spesso trascurata: " (Capire) il valore e l'applicazione delle mappe e delle informazioni geografiche, della conoscenza scientifica e dell'inter- collegare l'appartenenza a società colte (all'Impero è vitale)... [ccxxi] Come molte delle "società colte" di Londra, la Royal Geographic Society [RGS] iniziò come un club da pranzo, dove membri selezionati (solo maschi) tenevano dibattiti informali su questioni e idee scientifiche attuali. Originariamente la Geographical Society of London, dal 1830 mirava a promuovere il "progresso della scienza geografica", assorbendo in seguito la più antica African Association, che era stata fondata da Sir Joseph Banks nel 1788, il Raleigh Club e la Palestine Association . I membri fondatori includevano Sir John Barrow, Sir John Franklin e Sir Francis Beaufort ed era sotto il patrocinio iniziale del re Guglielmo IV. Dal 1830 al 1840 si è riunito nelle stanze della Horticultural Society che aiuta a spiegare il suo coinvolgimento poco noto nel furto della tecnologia del tè dalla Cina. L'industria indiana del tè, fonte di enormi profitti per i mercanti privilegiati e di accresciuta forza per "l'Impero", è stata resa possibile dalla cooperazione pianificata ma segreta di elementi delle reti militari, governative e, nel suo caso, orticole. Una breve descrizione dell'autore di un resoconto popolare includeva: 'Robert Fortune era un giardiniere scozzese, botanico, cacciatore di piante e spia industriale. Nel 1848, la Compagnia delle Indie Orientali lo incaricò di fare un viaggio clandestino nell'interno della Cina - territorio proibito agli stranieri - per rubare i segreti gelosamente custoditi del tè...' [ccxxii] La Società era direttamente coinvolta e i suoi membri trassero enormi profitti da ciò che gli atteggiamenti vittoriani ora insistevano non poteva essere chiamato "spionaggio". Nelle parole di Sir Richard Burton, figlio del capitano Joseph Burton: 'Nel maggio 1849, il defunto vice ammiraglio Sir Charles Malcolm, ex sovrintendente della marina indiana, insieme al signor William John Hamilton, presidente della Royal Geographical Society of Great Britain, sollecitò il permesso della Corte dei direttori dell'onorevole Compagnia delle Indie Orientali per accertare le risorse produttive dell'ignoto Paese somalo nell'Africa orientale.' [ccxxiii] Nel 1859, l'anno in cui l'RGS ottenne una Carta reale dalla regina Vittoria, il Freemasons Monthly & Masonic Mirror [FM&MM] annotò la raccomandazione di Lord John Elphinstone del "tenente JD Kennelly della Marina indiana e segretario della Bombay Geographical Society, per l'impiego come esploratore nell'Africa nord-orientale nelle regioni appena visitate dai capitani Burton e Speke'. IlPoona Observer ha descritto 'Mr Kennelly' come ' un uomo fine, atletico e attivo, nel fiore degli anni della sua vita. Conosceva « familiarità con... strumenti astronomici e meteorologici e ne è ampiamente fornito». Un disegnatore e naturalista, il dottor Sylvester doveva accompagnarlo. [ccxxiv] Così, questa Società, ei suoi 'sotto-rami', lavorarono segretamente con 'il governo' a beneficio personale dei loro membri e per l'avanzata Imperiale. L'alleanza ha investito nel lavoro di nomi più noti - Burton, Darwin, Livingstone, Scott, Speke e Stanley - e anche in una miriade di sconosciuti. Richard Burton ha nominato numerosi giovani ufficiali di marina che furono 'permessi' da Malcom nel decennio 1828-38, 'intraprendere il compito di scoperta geografica, conservando il loro grado, paga e batta' mentre le spese dei loro viaggi, comprese le navi utilizzate, ' erano sostenute da conti contingenti', cioè dal contribuente come spese di governo. Tutti i documenti ei rapporti presentati al governo locale sono stati accolti favorevolmente e i viaggiatori di successo hanno atteso con impazienza la distinzione e il progresso". Le Maldive, il Mar Rosso, i rischi marittimi e i potenziali porti dal Bosforo alle Molucche sono stati esaminati durante un periodo di pace comparativa con in mente il commercio e la strategia. L'RGS, in effetti, era: 'una delle principali agenzie di informazione per il governo britannico poiché cercava di coinvolgere il capitale privato nell'espansione e nel consolidamento dell'Impero. Senza alcun rituale, per quanto ne sappiamo, la RGS fece ciò che la prima loggia di ricerca della Massoneria inglese avrebbe poi tentato di fare, ovvero I membri raddoppiavano ogni decennio e nel 1876 c'erano 3.000 membri.' [ccxxv]

Il generale Charles Napier conquistò la provincia indiana del Sindh nel 1843: « Le informazioni precise sulle operazioni di intelligence degli ufficiali britannici sotto Napier sono limitate. È noto che ha usato "agenti nativi" come infiltrati, ma il piccolo Richard [Burton] che ha rivelato sulle sue attività personali sotto mentite spoglie è così simile ai resoconti pubblicati di Conolly, Burnes, Pottinger e altri che è impossibile concludere nulla a parte questo, proprio per le sue capacità linguistiche, Richard è stato reclutato appositamente per fornire informazioni simili.' [ccxxvi] Gli ufficiali di stato maggiore dovevano comunque tenere l'ufficiale di grado informato "di ogni mossa che il nemico ha fatto nel più breve tempo possibile", [ccxxvii] altri compiti richiedevano altre abilità. Burton e il suo amico di una vita, il capitano Walter Scott, alias 'Bombay Engineer', furono inviati da Napier ' in un elaborato tour del Sind' prima dell'inizio della campagna militare : 'Vestito con il costume indigeno, per tenere lontani i cani che abbaiano , ma non proprio sotto mentite spoglie, controllarono tutti i vecchi forti Ameer e ascoltarono i segni di ribellione.' (Brodie, 1971, p.74.) Burton era un lealista dell'Impero e abile nel raccogliere conoscenze, ma non era sempre un diplomatico discreto. Crescendo, sembrava più brusco, impetuoso, un "coloniale cannoniera". Come spia sembrava essere stato una preoccupazione costante per i suoi superiori e colleghi. Il suo addestramento dell'esercito per raccogliere ciò che il PEF (vedi sotto) chiamerebbe " disegni dettagliati" .'chiese, sinagoghe, moschee, templi e tombe, ecc.' divennero un'ossessione. È accreditato di conoscere 29 lingue distinte, molte delle quali dell'Asia centrale. Era straordinariamente abile nell'assumere l'abito, l'accento ei modi di fare delle persone con cui si mescolava. Ha subito la circoncisione degli adulti specificamente per assicurarsi che non potesse essere smascherato come una frode nei luoghi santi islamici. Quando era annoiato, il suo modo per impressionare il governo era bombardarlo con informazioni basate sulla sorveglianza – voluminosi rapporti, disegni e promemoria – con "richieste" di essere riassunto nel dipartimento di rilevamento dell'ufficio indiano.

Forse frustrazione e ansia derivavano dal suo sapere anche più di quanto rivelassero le sue storie apparentemente "franche". Per quanto riguarda il suo famoso, presumibilmente auto-indulgente soggiorno alla Mecca, il Libro blu sulla Turchia , riferendosi al 1877 e alle "Società segrete mahommetane" ha: " ... Di conseguenza, gli incontri si tengono alla Mecca al momento dei pellegrinaggi... In nessun caso i governi si avventurano apertamente ad opporsi a queste società. Il solito piano è osservarli attentamente; e a questo scopo viene mantenuto un intero staff di agenti musulmani ben selezionati e ben pagati, per agire come una sorta di polizia investigativa che esercita una stretta sorveglianza su ogni società...' [ccxxviii] Nella stampa del 2001 di ' Le notti arabe 'gli editori continuarono a etichettare Burton come "esploratore, linguista e scrittore". La riluttanza a dare il dovuto allo spionaggio e ad analizzarlo seriamente come qualsiasi altra sua impresa è stata spiegata: "È perché è venale, e invariabilmente sottovalutato da coloro che lo impiegano, che il servizio di intelligence è sempre un lavoro ingrato. ' [ccxxix] In un punto del suo diario Burton afferma che " Quando verrà il giorno in cui verranno pubblicati i dettagli relativi all'esborso di denaro dei servizi segreti in India, il pubblico imparerà cose strane". [ccxxx] In un altro luogo, descrivendo un mullah malvagio, dice che questo gentiluomo 'porterà con sé uno di quei segreti di stato che in questo paese non sono mai affidati alla carta'. [ccxxxi]Lovell ha la citazione: (p.85): ' (Massoneria) era un'organizzazione a cui appartenevano la maggior parte dei suoi fratelli ufficiali e, per un certo periodo, lo stesso Richard.' Studiò da vicino il sufismo e concluse che era " il genitore orientale della Massoneria" . Il testo di Lovell contiene l'ulteriore, sorprendente osservazione che "il temuto e temuto sceicco Mohammed ebn Dhuki " della tribù Wuld Ali, in altre parole, un capo tribù beduino che abitava nel deserto, che i Burton visitarono all'inizio del 1871 " era un massone".Non vengono fornite ulteriori informazioni se non che dopo che i Burton rimasero calmi di fronte a una carica frontale da parte di tribù urlanti a cavallo, furono entrambi accolti dai cavalieri che smontarono e baciarono loro le mani. (p.545) Questa, senza dubbio, è la spiegazione del saluto arabo di Wolff, sopra.

Gli studiosi di lingua inglese che fanno ricerche sulla Massoneria in Medio Oriente hanno ipotizzato che qualsiasi riferimento all'Ordine debba significare che "era" di origine europea e sebbene quella versione fosse una temuta società segreta, qualsiasi intento cospiratorio provenisse da non europei. Presumibilmente condotto in piena forma europea ma in segreto , sono state le motivazioni dei fratelli orientali a renderlo cospiratore e, poiché EF non può essere contestato, hanno allineato i "nativi" cospiratori con la massoneria continentale, di solito francese: "Al suo livello più elementare, la Massoneria offriva una visione del mondo basata sull'umanesimo progressista. Nella sua costituzione fondante, il Grand Orient de France, l'ordine massonico francese con probabilmente il più grande impatto internazionale, si radicava saldamente in una tale prospettiva: (C'era) una simpatia naturale tra la Massoneria e gli ideali rivoluzionari francesi, e non c'è da meravigliarsi che generazioni di riformatori del diciannovesimo secolo si trovarono strettamente alleate con gli ideali della Massoneria.' [ccxxxii] Malkum, figlio di Mirza Abdul Khan incontrato in precedenza, aveva seguito i percorsi di carriera del padre e, come ricordò in seguito, in un viaggio dell'ambasciatore persiano a Parigi ' per regolare le conseguenze del breve anglo-iraniano [anglo-persiano ] Guerra del 1856'fu incluso in un'iniziazione di massa nella Loggia Sincera Amitie. Il Grande Oriente di Francia [GOF], di cui questa loggia era, sarebbe stato tenuto sotto stretto controllo da Napoleone III, " quasi come un organo dello stato", nella misura in cui l'imperatore si era assicurato la posizione di GM per suo cugino, Lucien Marat. [ccxxxiii] Abbastanza ragionevolmente, il GOF era sospettato di considerare le cerimonie delle logge locali " come un mezzo ideale per la diffusione della cultura e della civiltà francese". (Algar, 1970, p.280) Malkum scrisse nelle sue memorie di aver studiato " i sistemi religiosi, sociali e politici" d'Europa, comprese " le varie sette della cristianità" e le "società segrete e massonerie"[il mio corsivo – NB il plurale] e 'concepì un progetto (che incorpora) la saggezza politica dell'Europa con la saggezza religiosa dell'Asia.' [ccxxxiv]

Una cronologia diversa fu pubblicata nel 1989 da Karim Wissa che iniziò il suo resoconto della "Massoneria" in Egitto con la Loggia Iside fondata ad Alessandria nel 1800 dal generale di Napoleone Kleber. [ccxxxv]Kleber fu assassinato subito dopo, la loggia era crollata nel 1804, tre anni dopo che l'esercito francese si era ritirato. Inoltre, Wissa ha scoperto che negli anni '40 dell'Ottocento un gruppo di studenti con borse di studio fu inviato in Europa per studiare le varie scienze, lingue e lettere. Una risultante "Loggia delle Pyramides", fondata al Cairo nel 1845 dal GOF, si dimostrò popolare tra gli egiziani d'élite, inclusi i leader religiosi, e portò alla creazione di altre logge e una "Grand Loggia distrettuale" ad Alessandria nel 1856. Il suo riferimento agli ulama essere massoni è in contrasto con i riferimenti altrove alla rumorosa opposizione di quel gruppo, ma tutto implica che la loggia non fosse né segreta né eccessivamente interessata al rituale. Una presunta loggia segreta attribuita a Malkum Khan a Teheran dal 1858 si tenne a casa di uno studioso persiano contrario agli arabi e all'Islam, e forse per questo fu chiuso nel 1861 quando scoppiarono gravi disordini. I cristiani sono stati presi di mira dalla gente del posto e la polizia locale ha organizzato un giro di vite. L'emiro Abd-el-Kadir affermò in seguito di aver salvato i cristiani da altri musulmani [musulmani] durante questi "disordini" e di essere stato di conseguenza ammesso nella "Loggia delle Piramidi".[ccxxxvi]

Una terza alternativa ha minimizzato l'importanza di tutti gli europei. Un mercante di cotone in loco, John Ninet, scrisse nel 1883 che " già durante il regno di Said Pasha [dal 1854] fui invitato a unirmi a una loggia di massoni orientali ad Alessandria, e da allora il movimento è diventato molto generale. ' Spiegò ulteriormente: ' Questa loggia non aveva nulla a che fare con la loggia europea d'Egitto chiamata 'le Piramidi', né i suoi membri riconoscevano alcun Oriente europeo nella loro organizzazione .'... ' Da quando ho conosciuto l'Egitto ho saputo del segreto società lì. La loro origine può, credo, essere fatta risalire alle visite dei maomettani indiani all'Università di Azhar [il Cairo] dove furono sempre ricevuti cordialmente e dove svilupparono quelle idee di massoneria così comuni in tutta l'Asia.'[ccxxxvii] Può darsi che Ninet abbia allegato il termine 'massoneria' a confraternite non massoniche, come avveniva con le triadi cinesi, mentre il filo indiano non è stato studiato per quanto ne so. In ogni caso, i riferimenti del 1850 espongono le lotte spia/diplomatiche tra le Potenze e il loro uso continuo della "Massoneria" per scopi clandestini. Qualunque cosa Malkum Khan pensasse che stesse facendo, le potenze erano inclini alla conquista e al commercio e stavano lavorando per procura usando qualsiasi incentivo sembrava funzionare: tangenti, ricatti o lusinghe.

Mentre Hopkirk ha concluso che "non c'era carenza di giovani ufficiali intrepidi " desiderosi di rischiare la vita oltre la frontiera "riempiendo gli spazi vuoti sulla mappa", [ccxxxviii]alcune aree furono considerate troppo pericolose dopo il 1842 anche per il più sconsiderato degli europei. Non si conoscono resoconti di questo adattamento politico applicato altrove che nel subcontinente, ma probabilmente c'è un gran numero di sforzi di raccolta di informazioni sconosciuti nascosti nell'ultimo cassetto di un archivio. C'è da chiedersi quando un resoconto pubblicato, relativamente blando, degli scambi russo/britannico informa casualmente il lettore che il narratore, il capitano Burnaby, arrivando in una cittadina dell'Asia centrale, Petro-Alexandrovsk, ha trovato un telegramma ad attenderlo dal suo comandante in -Capo, Sua Altezza Reale il Duca di Cambridge, ordinandogli di interrompere ciò che stava facendo e di recarsi immediatamente a un appuntamento nella Russia europea. [ccxxxix]Un tale incontro di un messaggio telegrafico dalla "sede centrale" e dal suo destinatario previsto in una posizione molto remota sostiene un livello di organizzazione e di tecnologia normalmente non associato agli operatori sul campo. Burnaby faceva, tra l'altro, parte del poco conosciuto Corpo delle Guide che svolgeva missioni nelle regioni di confine tra India e Afghanistan. Sembra che sia stato allestito e guidato per tutti i suoi anni operativi da un ufficiale, Harry Lumsden che era, ovviamente, un entusiasta EF. [ccxl] Il duca di Cambridge (1819-1904) era il settimo figlio di Giorgio III e un soldato di carriera che divenne comandante in capo dell'esercito britannico nel 1856. I suoi quattro decenni in quel lavoro e il suo innato conservatorismo sono stati accusati per la mancanza di preparazione l'esercito ha mostrato nel suo conflitto di fine secolo con i boeri. (vedi sotto)

Per superare l'inaccettabile livello di pericolo ritenuto inerente agli europei che operano: ' montani di eccezionale intelligenza e risorse, appositamente addestrati in tecniche di rilevamento clandestine... (furono) inviati attraverso la frontiera travestiti da santi musulmani o pellegrini buddisti... Da parte loro, i russi usavano i buddisti mongoli...'.Questi "esperti" sarebbero stati selezionati personalmente e, come l'immaginario "Kim", furono rigorosamente addestrati a notare segretamente e, se del caso, ad abbozzare paesaggi, flora e fauna commestibili, posizioni delle tribù, dei loro leader e numero di combattenti. Descritti onestamente come "spie" o "agenti segreti" nei loro archivi chiusi, dovevano valutare le capacità difensive delle fortificazioni e le possibili rotte per l'attacco o il ritiro. Il capitano, in seguito Sir, TG Montgomerie, alto ufficiale del dipartimento di rilevamento e capo di Lumsden, pianificò le loro attività e fu forse il modello per il "colonnello Creighton" di Kipling, il capospia di Kim. Montgomerie voleva che il suo lavoro e quello dei suoi "geometri nativi" fossero riconosciuti pubblicamente e non avrebbe accettato l'opinione FO secondo cui la sicurezza era un problema.[ccxli]

Abbandonato dai suoi genitori quando aveva sei anni, Kipling fu iniziato a Lodge Hope and Perseverance a Lahore nel 1885, all'età di soli 19 anni. Le sue storie forniscono la prova che considerava l'Arte come un veicolo adatto per la sua creazione di miti imperiali entusiastici. Alle celebrazioni del Queen's Diamond Jubilee nel 1897 divenne "il primo poeta a comandare un pubblico di massa". Amava il cricket, sostenne il diritto delle donne all'uguaglianza e in seguito, come "Poeta laureato dell'Impero", flirtò con il fascismo in una relazione di amore-odio con la Germania. Nelle sue mani, la diversità culturale dell'EF coloniale divenne la fonte del "fardello dell'uomo bianco". Inevitabilmente, detestava il liberalismo post-gladstoniano, ma pensava che gli scout fossero "la cosa migliore al di fuori dei collegi che [fossero] mai stati inventati".Suo padre era stato curatore di un vero museo ed era apparso come un personaggio romanzato in Kim , ed era una probabile fonte di informazioni sulla sorveglianza mentre Kipling stava crescendo. Non è inverosimile suggerire che Kipling, senior, fosse un "agente sul campo" e che questo segreto fosse troppo grande per Kipling, junior, per tenerlo per sé, e quindi il libro.

Pubblicato nel 1901, Kim è ancora pubblicizzato per mostrare come "un giovane orfano irlandese ... viene raccolto dagli inglesi e preparato per il servizio nei servizi segreti britannici".In esso, il figlio bastardo di un massone irlandese e quindi qualcuno idoneo ai benefici disponibili attraverso il sistema dell'orfanotrofio massonico locale, "Kim" inizialmente preferisce continuare la sua vita da "arabo di strada" in cui è descritto come pieno di risorse, astuto e attento. Queste qualità convincono un ufficiale dell'esercito britannico, un "colonnello Creighton", che vale i rischi dell'addestramento nei metodi di intelligence sul campo britannici. L'attitudine intuitiva di Kim nei confronti di travestimenti, messaggi in codice e con droghe e veleni è rafforzata da una formazione formale in matematica. Alla laurea, il suo spymaster gli fornisce un revolver da usare per autodifesa e gli viene fatto capire che poche domande verranno poste se lo userà contro i "suoi" nemici, che risultano essere geometri russi del nord -passi di montagna occidentali. Piuttosto che l'immaginazione di un autore, questa è una storia di un autore che riporta ciò che sapeva. In un momento in cui presumibilmente la Gran Bretagna non aveva stomaco per "metodi subdoli" e nessuna rete di sorveglianza ufficiale, Kipling stava esponendo ciò che aveva appreso come giornalista sulGazzetta civile e militare a Lahore e The Pioneer ad Allahabad. Nella storia, Kipling ha tutti i costi dell'addestramento di Kim donati da "un santone" che presumibilmente desiderava restituirgli la gentilezza di Kim. Questa è ovviamente un'altra storia di copertura. L'istruzione formale di Kim e la sua successiva relativa ricchezza si basano sull'idea che i "sahib angolani" usassero abitualmente questi metodi di raccolta di informazioni e reclutassero regolarmente gente del posto, inclusi alcuni piuttosto giovani e vulnerabili, per essere usati come spie di professione. Il modello di vita reale dell'amico più anziano di Kim, "Lurgan Sahib", è venuto alla luce quando, nel suo necrologio, "Jacob of Simla", è stato descritto come " il più prezioso aiutante dei servizi segreti politici ". [ccxlii]

LA CADUTA

PARTE PRIMA: L'ARCHEOLOGIA BIBLICA COME POLITICA GEOMASSONICA

La popolarità degli editoriali Crucefix/Oliver è stata una goccia nel vento. Alcuni sul "Dais" potrebbero aver riconosciuto che il rinnovo del personale di GL era in ritardo, ma hanno pensato che la brezza agitata non fosse altro. Quando ha cominciato a soffiare sul serio, la reazione è stata così radicata che anche il minimo cambiamento generazionale che si è verificato ha dovuto essere ingegnerizzato.

Il Gran Segretario di lunga data White, che era succeduto a suo padre nella posizione, si era scrollato di dosso le lamentele sulla sua amministrazione per anni, [ccxliii] mentre il GM Zetland, successore del Sussex dal 1843, era quello che oggi sarebbe stato etichettato come "un colorato personalità', più probabile che si trovi in ​​pista che nell'esercizio dei suoi doveri massonici. Entro la metà del secolo, questi due presiedevano una situazione variamente descritta come cattiva gestione, nepotismo e apatico disprezzo degli affari di EF. Lo studio anche del tipo di clausura che il Sussex aveva perseguito non era una priorità. Zetland rifiutò l'offerta di una dedica di un libro da parte di Oliver nel 1848 dicendo: "(Come) principio generale sono molto contrario alle pubblicazioni sulla massoneria". [ccxliv]Nel 1849, un fratello studioso che aveva lavorato in Australia, William Melville, tentò di consegnare le sue scoperte riguardanti i " misteri perduti della Massoneria" ai dottori Oliver e Crucefix. Entrambi gli consigliarono di consultarsi con la Gran Loggia. Melville in seguito raccontò come le sue richieste di incontri con il personale di GL non ricevessero nemmeno risposta. Concluse che: « dal modo in cui scrisse il dottor Oliver, è evidente che all'epoca esistevano due fazioni massoniche. Mi ero schierato, senza esserne consapevole, contro il potente di Zetland e White, e fu subito considerato dal partito ignorante come un aspirante innovatore...' Parlando con altri EF a Londra arrivò a credere che lo Zetland -La fazione bianca era conosciuta come i "Mangiatori di carne" "in conseguenza del loro"sfarzoso spettacolo esterno' , somigliando nella pomposità ai famosi ' guardiani della torre' e nel processo creando una sostanziale 'animosità': ' Questo sentimento alla fine sterminò la massoneria scientifica , per quanto la Gran Loggia d'Inghilterra sia in questione, e il I "mangiatori di carne" della Zelanda hanno trionfato sui loro fratelli più intelligenti.' [ccxlv] [Il mio corsivo]

L'UGLE sotto Zetland aveva fatto rivivere le manifestazioni pubbliche, un dispositivo non utilizzato per un secolo. Nelle parole di Prescott: ' Tali eventi (come le sfilate guidate dai massoni agli eventi della comunità) incapsulano vividamente il carattere ideologico e filosofico della massoneria britannica [sic]... È profondamente coinvolto con la monarchia e l'aristocrazia e, soprattutto, ha un'intima rapporti con le chiese, e in Inghilterra in particolare con le chiese anglicane stabilite. [ccxlvi] Ha notato che i più recenti massoni francesi emigrati sono rimasti profondamente scioccati dall'innovazione: 'Per i massoni francesi [ sic ] che arrivarono in Gran Bretagna come rifugiati dopo il colpo di stato di Luigi Napoleone nel 1851 tali scene furono sorprendenti e, a loro avviso, avevano scarsi rapporti con la massoneria. Molti erano repubblicani e liberi pensatori... Hanno anche trovato proibitivo il costo della massoneria inglese...'I costi per essere un EF erano in aumento, comunque, ma la tentazione di esibire insegne fuori dall'ordinario era forte. Una volta che il Sussex se ne fu andato nel 1843, si era formata un'onda al suolo per "regolarizzare" tre "gradi extra", quindi al di fuori della definizione formale di "Massoneria" stabilita nella dichiarazione di unità del 1812-13. Oliver e Crucefix erano forti sostenitori dei gradi Templari e Rosa-Croci esplicitamente cristiani e nel 1850 una loggia scozzese fece un'incursione nel territorio natale di UGLE, Londra, rivendicando la libertà di lavorare "il grado del segno". [ccxlvii] L'agitazione ebbe implicazioni significative e fu contrastata, ma opportunisti ambiziosi videro un'arma da usare contro White, la cui rimozione "aiutarono" nel 1855-56, momento in cui 'l'intera English Craft (era) in uno stato di insubordinazione e di malcontento'. [ccxlviii]

I due decenni successivi alla rimozione di White sono stati descritti da un recente studioso di EF, Jim Daniel, come un periodo di " trasformazione del mestiere e dei diplomi extra-artigianali e delle loro relazioni" . Altri ricercatori recenti hanno interpretato il periodo come una rivitalizzazione, un risveglio dell'Ordine da parte di voci più efficienti e forti, molte delle quali fuori Londra. Questi ricercatori hanno usato il "grado di laurea" per simboleggiare il cambiamento, ma non sono stati d'accordo sulla causalità. Daniel ha affermato che molto prima delle sue dimissioni nel 1870, Zetland stava cedendo l'influenza a un gruppo più giovane che includeva il successivo Lord Amherst, il Reverendo Portal e il parlamentare Tory, Lord Carnarvon:"Tra il 1856 e il 1875 un piccolo gruppo di massoni potenti, entusiasti, giovani e, soprattutto, aristocratici prese il controllo della Gran Loggia e la scrollò di dosso il torpore che si era instaurato durante il suo consolidamento [dopo l'Unione]". [ccxlix] Prescott ha fatto delle 'forze sociali' anonime la causa principale dei cambiamenti a partire dal 1856: ' (La) Mark Grand Lodge fu il prodotto di un preciso momento storico e dell'immediata crisi sociale e politica che caratterizzò gli anni 1855-56. Rifletteva un ampio antagonismo verso i valori antiquati, aristocratici e orientati a Londra che erano rappresentati da uomini come Zetland...' [ccl] Prescott ha anche tracciato un parallelo tra le critiche della Gran Loggia nel documento del nuovo gruppo, ilOsservatore massonico e Cronaca della Gran Loggia , e più ampia insoddisfazione per il Ministero della Guerra: " Nel 1856 fu istituito un nuovo periodico massonico... il cui tono era forse il più aspro di tutti... prima o dopo, ma che (rifletteva) il tipo di retorica che era normale alla fine della guerra di Crimea.' [ccli] Un terzo rappresentante di questo gruppo UGLE-simpatico, Newman, ha accreditato un diverso periodico e personale diverso: ' Nel dare pubblicità agli affari della Massoneria e alle attività della Gran Loggia, ( The Freemasons Magazine ) stava attirando l'attenzione su controversie contemporanee e consentendo a un pubblico più ampio della cerchia ristretta della Massoneria londinese di svolgere un ruolo più pieno nella politica dell'Arte.' [clicca]

Un osservatore forse scontento molto più vicino all'azione, l'editore di The Masonic Examiner, nel 1870 ricordò una "acquisizione", che riteneva più pragmatica e meno affascinante, da parte di due gruppi separati: , venendo a favore, e poiché la cerimonia nel "nodo del boia" era ed è tuttora della descrizione più scarsa, i fratelli Henry George Warren e Hughes la presero in mano e rilanciarono il rituale... Un piccolo nodo di conservatori... non vedendo il loro modo di preferire chiaramente ha fatto del loro meglio... per mettere in imbarazzo la Gran Loggia e trasformarla in un vero e proprio giardino degli orsi... Questo "Partito dell'Osservatore" alla fine ha fatto un salto al Mark Degree e l'ha assicurato. [ccliii] HG Warren [nessuna relazione con Sir Charles Warren, di seguito] è stato il primo editore del libro di breve durata,The Freemason's Magazine , ma essendo meno ricco cambiò la sua linea editoriale da critica a positiva quando la Gran Loggia gli offrì una conferenza prestoniana nel 1859 e altre opportunità per recuperare la sua posizione finanziaria. [cliccare]

Nato nel 1830 a Grosvenor Square a Londra, Carnarvon studiò a Eton e Oxford, e fu poi nominato a vari incarichi governativi principalmente per gli "affari esteri", prima di diventare Sottosegretario di Stato per le Colonie nel 1866, all'età di 36 anni Quando era assente da Londra o altrimenti impegnato, il suo vicino, il reverendo George Portal, lo teneva informato sugli sviluppi massonici. Il 4° Lord Carnarvon, fu iniziato all'"Arte" solo nel febbraio 1856 all'età di 25 anni, quando il suo gruppo "Osservatore" affrontò la leadership dell'UGLE con la loro nuova visione superiore di EF. È evidente un insolito grado di organizzazione coordinata, piuttosto che un entusiasmo spontaneo. Due logge furono formate e intitolate a lui nel 1857, appena un anno dopo aver fatto il suo primo passo come "Apprendista entrato".FM&MM : 'È una questione di sincere congratulazioni all'Arte che un nobile così talentuoso e praticante un dibattitore come il Conte di Carnarvon avrebbe dovuto unirsi al corpo massonico. Il suo avvento può essere considerato come una speranza di una nuova era nella conduzione degli affari della Gran Loggia. [cclv] Solo 15 mesi dopo, divenne Venerabile Master of the Westminster and Keystone Lodge, n. 10, e 'per l'interesse mostrato per l'installazione ', parteciparono sia il GM Zetland che il DGM Panmure, con numerosi ' Grand Lodge e Provincial Grand Maestri di Loggia' . Per il banchetto, a cui hanno partecipato oltre duecento persone: '(Sala dei Massoni) era decorata in modo molto elegante per l'occasione, con i fiori più pregiati e i vasi e le epergne più eleganti...' ( FM&MM , giugno 1857, p.4) In questa occasione, Carnarvon lodò apertamente il periodo in carica di Zetland , ed è stato lodato in cambio. La gestione dogmatica da parte di UGLE del passaggio all'indipendenza della Massoneria canadese alla fine del 1855 diede agli ambiziosi malcontenti un problema su cui fare campagna per il cambiamento. [cclvi] Per i successivi tre decenni, in alleanza con il Principe di Galles, quella di Carnarvon fu la voce più influente della Massoneria inglese.

C'erano vantaggi per chiunque fosse legato all'astro nascente di Carnarvon, ma il Reverendo Portal era un EF entusiasta prima del suo alleato più giovane e sembra aver aperto la strada a Carnarvon, piuttosto che essersi attaccato al carro di quel gentiluomo mentre passava. [cclvii] Portal entrò nei gradi 'extra Craft' dei Cavalieri Templari e dell'A&A Rite non molto tempo dopo essere entrato a far parte dell'Arte nel 1848. Era un anglicano della High Church, e Daniel ha osservato che i numerosi sacerdoti di questa fede che stavano seguendo la stessa strada in un momento in cui l'anglo-cattolicesimo era sotto attacco " suggerisce che fossero attratti dalla tradizione antica e "romantica" ... in particolare dal suo rituale relativamente colorato". [ccviii] Portal si unì al Mark Degree, nel 1856, per partecipare, a quanto pare, all'inaugurazione della Gran Loggia di quel rito quell'anno come parte di una strategia per mostrare a UGLE come dovrebbe essere gestito un GL. Questo GL di Mark Master Masons, seguì l'esempio di UGLE di leadership regale, Lord Leigh fu il suo primo GM e Carnarvon il secondo, nel 1860, appena quattro anni dopo la sua iniziazione.

La borsa di studio "insider" appena citata non ha criticato Carnarvon o la sua cricca immediata. I mortali inferiori possono essere accusati di "invenzione" e di " essere una legge a sé stessi", ma nessun tale raggiro può, a quanto pare, essere attribuito al più alto dei papaveri. [cclix] Il primo numero di The Masonic Observer , forse edito da Portal, era strategicamente astuto, storicamente sciolto e sopraffatto dalla presunzione: ' ...Tra le circostanze che hanno messo in pericolo la Massoneria inglese e hanno impedito un ritorno alla nostra antica posizione di armonia e credito esterno , nessuna è stata più grave dell'assenza delle Logge di Campagna dal Consiglio Generale dell'artigianato…' [cclx] [I miei enfasi] La genuflessione all'assunzione di EF di un'antica eredità – ' la nostra antica posizione di armonia interna' – si affianca stranamente all'affermazione che la presenza di Logge di campagna nelle future Assemblee trimestrali farebbe molto per salvare EF dalla sua posizione "in pericolo". Il linguaggio nella dichiarazione dei pericoli che EF deve affrontare potrebbe provenire dal Ministero della Guerra: «Le nostre dipendenze coloniali sono alla vigilia della dissoluzione, i nostri fratelli stranieri stanno subendo persecuzioni; in casa esistono disorganizzazione e malgoverno». A mio avviso, nessuno sembra suscettibile di riparazione con un aumento del numero dei delegati.

Il ruolo di Carnarvon nei governi conservatori, per dare forma alle risposte agli affari coloniali, era evidente nel suo primo discorso importante alla Gran Loggia. Ha ripetutamente fatto riferimento alla "nostra politica coloniale" - le logge canadesi sono "in ribellione" e devono essere salvate o "recuperate" solo se rimangono "leali", cioè rimangono sotto il controllo di Londra - come se fossero indipendenti dalla "Madre Inghilterra" amorevole abbraccio era simile a una morte improvvisa per esecuzione. L'allineamento della politica EF con la politica nazionale non era stato articolato così chiaramente prima. Le logge canadesi potrebbero avere voce in capitolo nella selezione del "loro" Gran Maestro provinciale, ha affermato, ma il MWGM dovrebbe prendere la decisione, per:'(La) necessità (è) di mantenere la debita dipendenza e fedeltà delle logge canadesi alla Gran Loggia d'Inghilterra. Desidero vedere la Gran Loggia la fontana dell'appello, la fonte della nostra grande politica e l'unico arbitro; Vorrei vedere preservata tutta la fedeltà dovuta alla Gran Loggia, ma cederei alla Gran Loggia Provinciale tutte le minuzie degli affari locali. ' Il primo editoriale dell'Observer terminava con una nota che in altre mani sarebbe suonata sediziosa: ' Rimane una grave domanda: sono degni di essere affidati al potere supremo coloro che prima rovinano i nostri affari, e poi cospirano contro le nostre libertà? Non si può trovare un dirigente che sia fedele alla Gran Loggia?'Il gruppo ha cercato di spezzare la morsa della metropoli su UGLE, ma è chiaro che non voleva vedere il potere decisionale devolvere oltre la Gran Loggia. L'assemblea dei delegati deve, ovviamente, venire a Londra per essere ascoltata e potrebbe essere influenzata dallo sfarzo e dalle circostanze.

La coincidenza di alcuni eventi negli affari reali con l'ascesa di Carnarvon in EF e la sua alleanza con il giovane Principe di Galles (1841-1910) è significativa. Prima della sua morte nel 1861, Albert, il principe consorte, era sia profondamente interessato alla politica sia preoccupato che l'ingenuità di sua moglie potesse consentire al gabinetto di aumentare il suo prestigio sulle prerogative reali che desiderava mantenere. Nel tentativo di essere meglio informato e di consigliare meglio Victoria è diventato il bersaglio di critiche, in gran parte anonime. Per alcuni era un'influenza tedesca inappropriata, per altri era un manipolatore segreto e ostile del governo a cui aveva giurato fedeltà. Fu ferocemente attaccato nel 1853-54 per la fuga di notizie delle sue "comunicazioni segrete" con governi stranieri e con i "suoi" rappresentanti diplomatici del governo all'estero. Nell'offrire consigli agli ambasciatori chiave, presumibilmente, aveva minato le politiche del governo, fatto licenziare temporaneamente Lord Palmerston dalla carica di ministro degli Esteri e aveva ritardato una forte risposta britannica alle mosse russe contro i possedimenti turchi. Le testate giornalistiche del gennaio 1854 erano piene di commenti che attaccavano "un personaggio illustre" ma, come di passaggio, attaccarono anche il governo per mancanza di prontezza alla guerra. Per alcuni, Albert era il cavallo da caccia piuttosto che il bersaglio. Alla fine, Francia e Gran Bretagna hanno dichiarato guerra alla Russia a marzo e hanno interrotto i suoi progressi in Crimea. La campagna che terminò nel 1856 fu per molti simboleggiata dalla carica della Brigata Leggera nella valle sbagliata. causò il licenziamento temporaneo di Lord Palmerston dalla carica di ministro degli Esteri e aveva ritardato una forte risposta britannica alle mosse russe contro i possedimenti turchi. Le testate giornalistiche del gennaio 1854 erano piene di commenti che attaccavano "un personaggio illustre" ma, come di passaggio, attaccarono anche il governo per mancanza di prontezza alla guerra. Per alcuni, Albert era il cavallo da caccia piuttosto che il bersaglio. Alla fine, Francia e Gran Bretagna hanno dichiarato guerra alla Russia a marzo e hanno interrotto i suoi progressi in Crimea. La campagna che terminò nel 1856 fu per molti simboleggiata dalla carica della Brigata Leggera nella valle sbagliata. causò il licenziamento temporaneo di Lord Palmerston dalla carica di ministro degli Esteri e aveva ritardato una forte risposta britannica alle mosse russe contro i possedimenti turchi. Le testate giornalistiche del gennaio 1854 erano piene di commenti che attaccavano "un personaggio illustre" ma, come di passaggio, attaccarono anche il governo per mancanza di prontezza alla guerra. Per alcuni, Albert era il cavallo da caccia piuttosto che il bersaglio. Alla fine, Francia e Gran Bretagna hanno dichiarato guerra alla Russia a marzo e hanno interrotto i suoi progressi in Crimea. La campagna che terminò nel 1856 fu per molti simboleggiata dalla carica della Brigata Leggera nella valle sbagliata. ha anche attaccato il governo per mancanza di prontezza alla guerra. Per alcuni, Albert era il cavallo da caccia piuttosto che il bersaglio. Alla fine, Francia e Gran Bretagna hanno dichiarato guerra alla Russia a marzo e hanno interrotto i suoi progressi in Crimea. La campagna che terminò nel 1856 fu per molti simboleggiata dalla carica della Brigata Leggera nella valle sbagliata. ha anche attaccato il governo per mancanza di prontezza alla guerra. Per alcuni, Albert era il cavallo da caccia piuttosto che il bersaglio. Alla fine, Francia e Gran Bretagna hanno dichiarato guerra alla Russia a marzo e hanno interrotto i suoi progressi in Crimea. La campagna che terminò nel 1856 fu per molti simboleggiata dalla carica della Brigata Leggera nella valle sbagliata.[cclxi] Al pubblico dei lettori, ovviamente, non è stato detto che la regina avesse le proprie reti di sorveglianza per spiare i propri figli o che: " Il matrimonio della figlia maggiore della regina Vittoria con il futuro re di Prussia (aveva come) principale scopo di porre un agente politico e una spia al centro della corte prussiana...' [cclxii] Né è stato detto che fosse profondamente invischiata nella politica imperiale e che fosse costantemente informata sullo spionaggio e sul controspionaggio del governo. La regina consorte si scontrò con l'establishment massonico scozzese nel 1851 e di nuovo nel 1861, quando accettò l'invito a posare le fondamenta di edifici pubblici in Scozia. Il GM, Duke Atholl, non essendo riuscito a convincere Albert dei vantaggi dell'essere iniziato, aveva protestato che "per antichi ordigni reali" lui, il GM, era lo strato di pietra designato di tutti gli edifici pubblici " all'interno del regno scozzese". Albert in entrambe le occasioni aveva ignorato la protesta. [cclxiii]

Numerosi articoli apertamente politici apparvero negli anni '50, '60 e '70 dell'Ottocento, nelle pagine dei tre principali periodici EF operanti a Londra, The Freemason , The Masonic Mirror e FM&MM, e tutti erano strettamente partigiani. La loro copertura includeva regolari "Rapporti del Parlamento su progetti di legge e dibattiti". Intitolati semplicemente "Parlamento imperiale", gli articoli del 1850 includevano: " Il discorso (di apertura) della regina affermava che il Parlamento era stato convocato affinché le sue misure di assistenza potessero essere adottate per portare avanti la guerra con vigore ed effetto. Gli sforzi dell'esercito e della marina fino a quel momento erano stati al di là di ogni lode... ecc...' [cclxiv] Gli studiosi massonici amichevoli di UGLE appena citati non hanno avuto nulla da dire su questo fenomeno o sulle controversie dell'epoca che probabilmente mettevano a disagio sia la nuova che la vecchia guardia di GL, il commercio dell'oppio, per esempio. Questo fu un caldo argomento di discussione tra i dissidenti, Dean Trench nell'ottobre 1857, inveendo sulla "maledizione dell'India e sul traffico di oppio della Compagnia delle Indie Orientali" come causa di problemi in Inghilterra. Era un fatto orribile, predicò, che "il reddito veniva generato sul vizio, sulla miseria, sul degrado, anzi sulla rovina dell'anima e del corpo di una vasta porzione della razza umana".Nello stesso anno, il vescovo di Victoria, a Manchester per un incontro della Church Missionary Society, espose tutto l'orrore del commercio: il disprezzo per i desideri e la legge del governo cinese, l'uso dei contrabbandieri, la corruzione su larga scala del distretto mandarini, e la complicità del governo inglese/britannico in tutte le fasi in virtù del coinvolgimento del BEIC e della necessità di sovvenzionare i costi del commissariato indiano. C'è stato anche l'effetto sul lavoro missionario:'(Sulla) la testimonianza universale dei missionari in Cina (l'oppio) è stata dichiarata la più distruttiva per la salute, la morale, la prosperità sociale e le risorse nazionali dei cinesi, (e) presentando un serio ostacolo sulla via dei cristiani Missioni... che riflettono il discredito e il rimprovero sul carattere cristiano della Gran Bretagna, per la cui complicità... quel grande male è stato principalmente promosso e sostenuto.' Proseguì: ' Il sistema dell'oppio era così mescolato e intrecciato con... il commercio legittimo che... non pochi membri del (mio) gregge e amici personali in Cina, uomini di indole benevola e di altissima rispettabilità nei rapporti privati ​​della vita sociale , erano implicati...' [cclxv] L'editore dell'Hereford Timessapeva perché il servizio indiano era così popolare nonostante i suoi inconvenienti: "La Compagnia delle Indie Orientali era obbligata a mantenere un enorme stabilimento militare e gran parte delle loro entrate andavano a dare stipendi alti per agenti europei efficienti". [ccxvi]

Alla luce del "Parlamento massonico" di Carnarvon come divulgato da Harland-Jacobs (sopra), vale la pena chiedersi quali fossero le opzioni di Carnarvon per EF. Potrebbe aver aperto UGLE a un controllo più approfondito e incoraggiato uno studio illimitato. Nuove aree di apprendimento si stavano aprendo nel mondo non massonico in quella che era, dopotutto, "l'era della scoperta" con alti livelli di interesse pubblico per quanto riguarda il curioso, lo scientifico, il "moderno". In un'epoca di industria e di dibattiti su tutto, dalle origini della vita alle possibilità dei mobili domestici, Carnarvon avrebbe potuto invocare il modello originale della "Royal Society" e riportare la sperimentazione industriale/scientifica nelle logge. Dato il suo interesse per le colonie e il loro progresso verso la "civiltà", avrebbe potuto incoraggiare lo studio delle diverse versioni della "Massoneria". Si discuteva della possibilità che la "Massoneria" prima del 1717 si fosse evoluta al di fuori dell'Inghilterra e non avrebbe subito critiche se avesse introdotto questo argomento nei suoi discorsi. I fratelli dei vari "Dipartimenti di statistica e topografica" venivano formati in lingue diverse dall'inglese e spinti a comprendere le culture "straniere". Le possibilità erano infinite, le potenziali ricompense per lui personalmente e per EF erano enormi.

L'evidenza mostra che ha scelto di non fare nessuna di queste cose. Era un conservatore per nascita, per formazione e per inclinazione. Non è che lui o UGLE fossero disinteressati agli "affari di attualità", erano estremamente interessati, ma nell'apprendimento incontrollato vedevano solo minacce alla loro posizione privilegiata. EF doveva essere protetto, i fratelli non dovevano essere incoraggiati a esplorare e gli interessi di UGLE erano ciò che UGLE diceva di essere. Una biblioteca era stata inclusa nella costituzione di una proposta del "Grand Lodge Club" del 1830, ma l'idea non aveva avuto successo. Nel giugno 1865, con Zetland ancora GM, lo studioso tedesco Findel sollecitò l'istituzione di un archivio massonico a Londra e fu sostenuto da Bro Cooke nel Freemasons Magazine e nel Masonic Mirror , [ FM&MM]Un corrispondente dal suono autorevole tuonava: ' ARCHIVI MASONICI E BIBLIOTECA MASONICA - Ho letto con profondo interesse le proposizioni del nostro dotto fratello Matthew Cooke su queste teste, ma posso percepire obiezioni molto forti a questi schemi gesuitici, e guardando al presente e stato potenziale dei nostri fondi, penso che sia dovere delle autorità della Gran Loggia opporsi a tali innovazioni.' [cclxvii] Poche settimane dopo lo stesso scrittore pseudonimo espresse più ampiamente la sua opposizione: 'ARCHIVI MASSONICI E BIBLIOTECA MASSONICA – Più penso a queste mostruose proposizioni di fra Matthew Cooke, più io e ogni fratello che si oppone costantemente alle innovazioni in Massoneria devo obiettarle, in quanto calcolate per produrre risultati molto gravi, forse ben oltre ciò che gli stessi organizzatori prevedono. Introdurre qualcosa di nuovo nella Massoneria deve essere considerato come una porta accanto alla rimozione di punti di riferimento. Rimuovere gli archivi dalla segretezza diventando il nostro Ordine mistico, in cui hanno riposato per un secolo o mezzo secolo, e quindi riposti in punti di riferimento, significa rimuovere punti di riferimento, e la Gran Loggia dovrebbe alzare la voce contro tali abusi ... (ecc. su tre pagine)'Il risultato è stato concordato con l'apparente desiderio di chi scrive: UGLE non ha "imposto" un comitato della biblioteca a EF, nemmeno per supervisionare la sua raccolta di "donazioni". In questa atmosfera, l'uso di lunga data di spie nelle "Terre Sante", dai tempi di Giosuè, Erode e il resto, non era probabile che emergesse.

Ciò che fu fondato nel 1865 fu il Victoria Institute , o Philosophical Society of Great Britain , una risposta alla pubblicazione di On the Origin of Species . Era, più in generale, una risposta alla presunta accettazione acritica delle dichiarazioni scientifiche da parte del pubblico. Il suo obiettivo era quello di difendere " le grandi verità rivelate nella Sacra Scrittura... contro l'opposizione della Scienza". I suoi scopi e oggetti includevano la fondazione di una biblioteca e di una sala di lettura, e iniziò con

Primo: indagare in modo completo e imparziale le questioni più importanti della Filosofia e della Scienza, ma più specialmente quelle che riguardano le grandi verità rivelate nella Sacra Scrittura, al fine di conciliare eventuali discrepanze apparenti tra Cristianesimo e Scienza. [cclxviii]

Altri sei obiettivi hanno mostrato che la sua preoccupazione principale era emulare i metodi della scienza in modo che la teologia fosse presa sul serio come lo erano la scienza e gli scienziati. Il suo primo incontro annuale attirò il vescovo di Londra, il conte di Shaftsbury e Lord Argyll. Nella struttura era un'approssimazione di ciò che il QC avrebbe successivamente tentato. Le transazioni annuali, inviate ai membri e ai "membri associati", fino al 1874-75, includevano interpretazioni del darwinismo, della geometria dei cristalli, della metafisica e dello scetticismo. Sono state prodotte "Edizioni del popolo", al prezzo di 3d, su, ad esempio, "Regole dell'evidenza e credibilità della storia", "Sul buddismo" e "Sui principi della moderna filosofia panteistica e ateistica". Altri pubblicati separatamente includevano "Tradizioni e costumi preistorici in connessione con il culto del sole e del serpente" e "Una vera chiave per la storia assira, Scienze e religione'. Questo aveva come illustrazione principale, un disegno con didascalia"Il fondamento della massoneria: la parola sulla pietra cubica". [cclxix] [Il mio corsivo]

Molto più tardi, Charles Warren ricordò uno sforzo fallito per stabilire una loggia "per perseguire la scienza della massoneria": " ... Nel 1862 fu proposto di istituire una loggia presso i Royal Engineers, con lo stesso progetto (come QC), ma cedendo al consiglio del Gran Segretario di quel giorno il progetto fu abbandonato…. [cclxx] Nel 1872 tentò di nuovo con la Società Archeologica Massonica, una propaggine dell'Istituto Archeologico Massonico [MAI] che vedi sotto. Tra quei due tentativi è stato coinvolto con il Palestine Exploration Fund [PEF].

 

Il Fondo per l'esplorazione della Palestina

 

La "solita" storia della PEF è che essa sia stata istituita esplicitamente per difendere l'Antico Testamento dagli attacchi della "critica superiore" che si dice stia "minando il concetto di veridicità storica della Bibbia" . [cclxxi] Ha riunito accademici, archeologi e soldati e ha fornito un modello di interconnessioni che è stato duplicato in Lodge QC, due decenni dopo. È quindi la più interessante delle "società colte" che hanno preceduto la prima loggia di ricerca di EF. Ma tra gli altri suoi obiettivi, il PEF era una copertura per lo spionaggio governativo che, nel contesto – veridicità biblica e creazione di miti – non sorprende affatto.

L'arcivescovo di York presiedette la prima riunione pubblica, il 22 giugno 1865. L'idea originale, infatti, proveniva dal decano di Westminster ed era di ampio respiro, cercando di fornire informazioni fattuali nei settori dell'archeologia, dei costumi e dei costumi , dati demografici, lingue e altre aree correlate. Il decano, Arthur Stanley, era già una figura controversa e quando, nell'aprile del 1865, apparvero i primi comunicati stampa sulla PEF, tutti iniziarono citando "un giornale" per il quale non diedero alcun autore. Le informazioni pubblicitarie sostenevano la necessità di fondi per svolgere ricerche in "Terra Santa" e affermavano che era già stato formato un comitato influente e nominato un segretario, George Grove. [cclxxii]Chiaramente si erano tenuti altri incontri ma chi c'era dietro? I resoconti della stampa menzionavano due eventi precedenti che avevano rilevanza.

Uno era un'indagine "in superficie" a Gerusalemme recentemente completata dal "capitano Wilson, RE" e dal partito, finanziata dalla " liberalità privata di una sola persona" . Il secondo evento è stata la visita del Principe di Galles a una moschea di Hebron, visita che, si diceva, aveva « rimosso una barriera secolare all'ingresso dei cristiani » e che aveva «aperto l'intera Siria ai cristiani». ricerca.Il finanziatore del lavoro di Wilson era forse la baronessa Burdett Coutts, che secondo quanto riferito era desiderosa di migliorare le condizioni sanitarie a Gerusalemme, o forse era il decano Stanley, recentemente nominato, che aveva accompagnato il principe in Siria. Un precedente immediato sembra essere stato un "Fondo di scavo assiro" che nel 1863 era stato istituito con fondi pubblici con il principe Alberto come patrono e abbonato. In quell'anno Stanley era stato eletto alla Royal Society, era stato "nominato dalla Corona" al decanato di Westminster e aveva sposato Lady Bruce, la sorella di Lord Elgin, allora governatore generale dell'India. Note informative del "Dipartimento topografico" del Ministero della Guerra hanno rivelato la confluenza di interessi: "Un accurato rilievo sagomato di Gerusalemme e dei suoi dintorni, ritenuto necessario ai fini della realizzazione di alcune opere previste per il miglioramento dello stato sanitario della città, e anche per la corretta discussione di molte questioni interessanti legate alla sua antica topografia, il Decano di Westminster , da parte del Vescovo di Londra e di altre persone filantropiche hanno chiesto al Segretario di Stato per la Guerra di consentire a un gruppo di sottufficiali e genieri dell'Ordnance Survey di effettuare l'indagine richiesta, affermando allo stesso tempo che era disposto a pagare il costo del sondaggio.' [cclxxiii] La RS e la RGS hanno votato GBP100 ciascuna per i costi, Lord de Gray al War Office "ha acconsentito" alla loro richiesta, dopodiché "Capitano Wilson, RE con tre sottufficiali e due genieriera stato inviato nel settembre 1864. Quella di Wilson era una stella nascente ma non nell'archeologia biblica o in EF. Nato nel 1836, educato a Liverpool e poi alla Royal Military Academy, Woolwich, CW Wilson fu nominato ufficiale delle RE nel 1855. Nel 1858 fu selezionato per essere segretario della sensibile Commissione per i confini del Nord America istituita per definire e mappare i confini tra Canada e Stati Uniti e proteggere così il Dominion of Canada da una possibile annessione da sud. Il PEF è stato fondato mentre era in Palestina e quando è tornato, il Comitato PEF lo ha incaricato di condurre uno "studio di fattibilità" per una proposta di indagine sulla Palestina occidentale e di identificare siti adatti per esplorazioni future. Nel novembre 1865, il suo gruppo sbarcò a Beirut e si diresse verso sud verso la Palestina, progettando lungo il percorso la Grande Moschea di Damasco. Da gennaio ad aprile 1866 svolse lavori di ricognizione e rilevamento in Palestina, con particolare attenzione all'archeologia e alle antiche sinagoghe della regione. Un rapporto rileva che l'intelligence raccolta ha fornito'la realizzazione di una cinquantina di mappe' con 'disegni dettagliati' di ' chiese, sinagoghe, moschee, templi e tombe, ecc' . [cclxxiv] Sotto la superficie di Gerusalemme diede il proprio nome a "Wilson's Arch". Nel 1866 fu nominato membro dell'Ordnance Survey of Scotland e, nel 1867, entrò a far parte del Comitato PEF. Nel 1868, "si offrì volontario" per prendere parte a un Ordnance Survey del Sinai con un "Capt. HS Palmer'. La loro relazione contiene capitoli sul percorso degli israeliti e sull'archeologia preistorica e bizantina della regione.

Nel 1870, come neo-promosso Direttore del Dipartimento di Topografia e Assistente Quartiermastro Generale nel Dipartimento di Intelligence, fu invitato dal Segretario di Stato alla Guerra riformista di Gladstone, Cardwell, a suggerire "il mezzo migliore" per trasformare il Dipartimento di Topografia in " il più grande conto.' Il visconte Cardwell era in procinto di abolire la fustigazione nell'esercito e di elevare in altro modo lo status di soldato privato. Nel 1870 abolì il "bounty money" per le reclute e congedò dai ranghi noti personaggi cattivi. Ha tirato fuori 20.000 soldati da colonie autonome, come il Canada, che ha imparato che dovevano difendersi. Accettato da un comitato appositamente convocato presieduto da Lord Northbrook, allora sottosegretario alla guerra: 'Il memorandum del capitano Wilson del 30 aprile 1870 è considerato uno dei documenti più significativi nella storia dell'intelligence militare britannica. Lungo solo due pagine, questo straordinario memorandum era conciso ma completo...' [cclxxv] Turbato dalla facile vittoria tedesca sulla Francia che stava avvenendo mentre scriveva, Wilson fornì lo slancio per portare l'intelligence militare al livello successivo criticando ciò che allora esisteva all'interno il WO e sollecitando il rinnovamento delle " tre funzioni principali del lavoro di intelligence a livello strategico e tattico: raccolta, elaborazione/analisi e divulgazione/rendicontazione ". Nel 1873, il "suo" dipartimento divenne il "ramo dell'intelligence dell'ufficio della guerra" guidato dal generale maggiore Sir Patrick MacDougall: "Almeno fino al 1886, l'elemento progettuale/operativo dell'opera della Filiale era di importanza secondaria ea volte quasi insignificante rispetto al suo ruolo di intelligence.' (TF, 1984, p.47)

In un colloquio del 1870 alla Royal Institution of Great Britain, (allora) il capitano Wilson, RE, diede la versione ufficiale di come si erano evolute le indagini del PEF come sintesi di mondo accademico, Chiesa e Stato: ' Il progetto di un'indagine sistematica della penisola del Monte Sinai, con particolare riferimento al resoconto Mosaico dell'Esodo, deve la sua origine al Rev. Pierce Butler, scomparso Rettore di Ulcombe, Kent…(A) è stato raccolto un fondo…La sanzione dell'Onorevole Segretario di Stato per La guerra fu ottenuta e l'indagine fu condotta sotto la direzione del colonnello Sir H James, RE., Direttore generale dell'Ordnance Survey…' [cclxxvi] 'Sir H James' era allora il capo di Wilson e il capo dell'intelligence. Nel suo resoconto di questo discorso, FM&MMha identificato Wilson come un "fratello" e ha spiegato che, con altri RE, il "suo" gruppo includeva un reverendo Holland " che aveva già fatto tre visite nella penisola e aveva trascorso molti mesi a girovagarci sopra a piedi" , un "signor Palmer" che era un membro del St John's College di Cambridge e' noto per la sua vasta conoscenza delle lingue orientali' e un 'Mr Wyatt, che a proprie spese ha accompagnato il gruppo come naturalista'.

"Mr Palmer" alias "Professor" EH Palmer, del British Syrian Exploration Fund, presso l'Università di Cambridge, era un altro EF. [cclxxvii] Nel 1873, un suo articolo, su "Le sette segrete in Siria", fu pubblicato sulla PEF Quarterly Review . Nella sua versione del viaggio nel Sinai ringraziò suo fratello, 'Captain HE Palmer of the Royal Engineers' e ne espose l'aspetto clandestino: ' ...Eravamo vestiti alla moda araba; ma, tranne in luoghi in cui tale occultamento era assolutamente necessario, non abbiamo nascosto le nostre pertinenze europee». (p.389). [cclxxviii] Charles Warren era tra il pubblico per il discorso di Wilson, essendo tornato a casa nel 1870 con rapporti per la PEF e una proposta a lungo termine per la "Terra Santa". Suggerì che fosse posto sotto la supervisione di una società, sul modello della Compagnia delle Indie Orientali, per vent'anni. La società garantirebbe di pagare al governo ottomano a Costantinopoli una somma equivalente all'attuale reddito fiscale della Palestina e pagherebbe ai creditori del governo una parte degli interessi dovuti. Il compito della compagnia sarebbe quello di insediare gli ebrei nel paese, passo dopo passo, in modo che la Palestina finisca infine sotto la loro proprietà e il loro controllo.

Walter Besant, 1836-1901, che ha continuato ad aiutare a fondare QC, divenne segretario del PEF nel 1868 e rimase fino al 1895, ancorandolo saldamente come il principale collegamento tra EF e WO. Il suo ruolo includeva il coordinamento della rete di "operativi" che lavorano in Palestina. In seguito ha espresso la " profonda gratitudine del PEF al War Office per aver concesso i servizi dei Royal Engineers, (in particolare) Sir Charles Wilson ... Sir Charles Warren (e) il capitano Conder, per quindici lunghi anni il principale sostegno e pilastro della Società ; è per eccellenza il Geometra di Terra Santa». Le competenze del RE erano essenziali per il PEF: ' (I Royal Engineers erano) uomini la cui posizione ufficiale e reputazione professionale, così come i metodi di ricerca che adottavano, pongono i loro rapporti fuori discussione.In retrospettiva, il PEF ha considerato: La condotta della parte principale del lavoro da parte degli ufficiali dei Royal Engineers ha effettivamente assicurato il (nostro) obiettivo...' Poiché era anche vero il contrario, il PEF era essenziale per il lavoro delle RE e all'intelligence militare più in generale - è proseguita la procedura per avere rapporti sia segreti che pubblici. Warren fu inviato a Dover per comandare la 10a Compagnia degli Ingegneri Reali e non faceva parte del " rilievo su larga scala dell'intero paese" per il quale la PEF impiegò la terza RE nominata da Besant, sopra, Claude Reignier Conder, ( 1848-1910)

Distaccato nel solito modo e incaricato di questa indagine lavorò con Charles Tyrwhitt Drake (1846-74), descritto nel Dictionary of National Biography(Vol 15) come 'naturalista ed esploratore in Terra Santa'. Gli attacchi di asma giovanile gli avevano concesso il tempo di dedicarsi al disegno e all'apprendimento dell'arabo. Dopo aver sviluppato il suo fisico, trascorse gli inverni del 1866–7 in Marocco, l'inverno del 1868 in Egitto e la primavera successiva nel Sinai. Qui ha incontrato Wilson e il "Sinaitic Ordnance Survey" e successivamente ha visitato i luoghi che avevano mappato. Dopo alcuni mesi in Inghilterra tornò nel 1869 con il "Professor Palmer" per esplorare a piedi un'area dal Canale attraverso il deserto del Tih, il Negeb, dalle montagne sul lato occidentale dell'Araba, alle parti prima sconosciute di Edom e Moab. Dopo aver visitato Palestina, Siria, Grecia e Turchia, tornò in Inghilterra, ma nel 1870 indagò per conto del PEF sulle pietre incise nel sito biblico di Hamáh. Con i Burton percorse poi le regioni vulcaniche a est di Damasco e gli altopiani della Siria. Per i due anni successivi ha lavorato con Conder per il PEF. È registrato come "Segretario ad interim" nel 1873 della "Royal Solomon Mother Lodge, No 293" che è stata noleggiata su richiesta di Rob Morris dalla Gran Loggia del Canada per incontrarsi a Gerusalemme. La Carta era stata precedentemente rifiutata da numerose giurisdizioni tra cui Stati Uniti e Inghilterra. Nel 1872 Drake scrisse: ' La Carta era stata precedentemente rifiutata da numerose giurisdizioni tra cui Stati Uniti e Inghilterra. Nel 1872 Drake scrisse: ' La Carta era stata precedentemente rifiutata da numerose giurisdizioni tra cui Stati Uniti e Inghilterra. Nel 1872 Drake scrisse: 'Posso solo dire che sarebbe una cosa meravigliosa se il governo [ottomano] riuscisse a vincere la sua avversione alla vendita di terre agli stranieri. Con le giuste garanzie, gran parte di questa terra [Palestina] troverebbe un mercato favorevole, e quindi i contadini [leggi arabi] ora lì verrebbero sgomberati o trasformati in utili membri della società, mentre l'aumento del reddito dei turchi governo sarebbe molto considerevole.' [cclxxix] Morì il 23 giugno 1874 a Gerusalemme per un'infezione. Il libro del suo lavoro con i Burton, Unknown Syria , fu pubblicato nel 1872. Walter Besant pubblicò un libro di memorie, The Literary Remains of Charles T Drake , nel 1877 con una "Introduzione" dei Burton. [cclxxx]Dopo la morte di Drake, Conder ha avuto il sostegno di un compagno di scuola, il "tenente Kitchener", che ha influenzato per imparare l'ebraico.

Una precedente influenza sull'uomo più giovane era stata un capitano RH Williams, della "Scuola di ingegneria militare" di Chatham: " Mentre parlavano, cavalcavano e adoravano insieme, Kitchener iniziò ad amare più rituali e a dare un posto più alto all'Eucaristia". Williams era un alto ecclesiastico. "Il fermento nella Chiesa d'Inghilterra per paramenti, incenso e luci aveva portato a una Commissione reale che si era pronunciata contro molte delle pratiche pre-riforma che venivano reintrodotte dal movimento di Oxford, di cui Kitchener divenne un aderente entusiasta". Fu iniziato a una "Gilda dello stendardo sacro" anglicano, fu mandato ad Aldershot dove pranzò con gli Elphinstones, e talvolta con il "cinese" Gordon, che stava per diventare viceré del Sudan con'poteri maggiori di quelli del viceré dell'India .' [cclxxxi] Kitchener è stato inviato a mappare Cipro e in Asia Minore con CW Wilson prima di unirsi a Conder. "Mappatura della Palestina ottomana con Bibbia, teodolite, bussola e vanga" , Conder e Kitchener hanno prodotto abbastanza materiale pubblicabile per otto volumi bestseller. Tra i loro reperti c'era una prova "cruciale" nella ricerca di prove della veridicità della Bibbia. Si trattava di un'iscrizione muraria, ritrovata nel 1881, e ricostruita dal reverendo Sayce, co-fondatore della PEF, che da quel momento divenne il megafono della causa della PEF. [cclxxxii]

Besant, formato come per la chiesa, divenne insegnante di matematica, andò in pensione malato e iniziò la carriera di scrittore. Oltre ai romanzi, ha preparato tutte le pubblicazioni della PEF, in cui ha sposato l'affermazione della Società di applicare "il metodo scientifico": " È, infatti, in riconoscimento di questi principi che il lavoro è sempre stato portato avanti. Questi [principi] erano:

* Che tutto ciò che è stato intrapreso dovrebbe essere condotto su principi scientifici.

* Che la Società, come organismo, si astenga dalla controversia.

*Che non debba essere avviata, né condotta, come società religiosa'. [cclxxxiii] Besant spiegò che: « Lo scopo della prima legge era di assicurare che i risultati dell'indagine e dell'esplorazione, qualunque cosa potessero provare, raccomandassero dal mondo la stessa accettazione di un fatto nuovo riportato da un laboratorio fisico, e che il lavoro dovrebbe essere affrontato con lo stesso spirito di impavida indagine sulla verità che si ottiene nella ricerca scientifica». Annullando queste affermazioni, almeno per quanto riguarda le basi religiose di EF, le conclusioni del lavoro erano a posto prima dell'inizio della ricerca: " Il Palestine Exploration Fund è stato fondato nel 1865, con il solo scopo di DELUDERE E ILLUSTRARE LA BIBBIA". [cclxxxiv][Enfasi nell'originale] Facendo eco alla risoluzione di Oliver del dilemma EF , affermava che la fede cristiana e la Bibbia sarebbero state provate con maggiore, non meno rigore: la raccolta delle tradizioni, costumi e costumi del popolo, e da un'esauriente ricerca sulla storia naturale, sulla meteorologia e sulla geologia del paese, il tutto da condurre sotto la direzione di un Comitato del tutto aconfessionale .' [La mia enfasi]

Il reverendo Oliver morì nel 1867 ed evitò i cattivi "Romanzi di sensazioni" che in quell'anno dimostrarono che assecondare la sete di stranezze del pubblico poteva essere commercialmente fattibile. Hanno giocato sulle paure di massa per l'ignoto e sulla volontà di essere sessualmente stuzzicati mentre mettevano in discussione il luogo e la natura della religione. Erano una forma che potrebbe assumere un'industria dell'informazione liberata. Anche nel 1867 'Historicus', Henry Melville, si lamentò con l'editore di FM&MM che poco era cambiato all'interno di EF per quanto riguarda la 'storia scientifica': ' ...L'archeologia massonica è attualmente un rimprovero permanente al nostro Ordine, e sembriamo non diventare più saggio con il passare del tempo, ma come un pappagallo ripetere quelle affermazioni onorate dal tempo, anche se mitiche, sull'antichità che sono prive di valore e peggio che prive di valore, se non basate su prove storiche.[cclxxxv] Opportunamente , nel 1867, (Charles) Warren fu incaricato di seguire la spedizione Wilson dimostrando la teoria prevalente, nota come "di Ferguson", "al di là di ogni dubbio", ma come ricordò in seguito Besant: gli scavi sono andati contro (Fergusson)... Ha mostrato che l'area di Haram [che Fergusson aveva affermato essere il sito del 'tempio'] era circondata e contenuta da un enorme muro... (I) livelli rocciosi dell'area di Haram... hanno dimostrato che il l'angolo sud-ovest era un ripido pendio... (I) seguaci di Fergusson non si scoraggiarono. Queste nuove difficoltà si sono aggiunte alle vecchie, e la teoria è stata ancora accettata...' [cclxxxvi] Non ancora trentenne, Warren fu descritto nel 1868 come "modesto ma accuratamente istruito e instancabile" dall'autore statunitense, massone e dal ricco archeologo dilettante, Rob Morris. [cclxxxvii] Nel suo primo discorso a QC, Warren espresse il suo piacere di aver partecipato a una loggia "sotto il tempio" nel 1869, pensò. [cclxxxviii] Più probabilmente nel 1868, questo raduno non avrebbe potuto essere meno regolare e non ci sono stati incontri di follow-up. Morris era considerato dalla UGLE come altamente irregolare essendo stato coinvolto nell'Ordine di Mithraim e avendo fondato un "Ordine vizioso" chiamato "I Conservatori". Tuttavia, il lavoro di Warren continua ad essere rispettosamente menzionato dagli archeologi di oggi. [cclxxxix] Besant lo elogiava nel libro del 1875 per il PEF,Il nostro lavoro in Palestina : " Finché persiste un interesse per la storia moderna di Gerusalemme, finché le persone si preoccupano di sapere come sono stati scoperti i siti sacri, finché sopravviverà il nome del Capitano Warren". [ccxc] Le mappe dei rilievi, gli schizzi degli edifici, militari e non, e le informazioni apparentemente banali su tempo, pozzi, piante e animali, usi e costumi e lingue erano tutti macinati ai mulini di spionaggio.

 

L'Istituto Archeologico Massonico

 

 

All'inizio del 1869, un rapporto su The Building News fece da sfondo a un'altra iniziativa, l'Istituto Archeologico Massonico [MAI], mentre forniva un breve riferimento a un'iniziativa ancora precedente e fallita: " Qualche quarto di secolo fa si formò una società chiamata Società di i Massoni della Chiesa, per lo studio della massoneria e degli edifici medievali. Comprendeva diversi uomini di professione di rango, la maggior parte dei quali non massoni, e tenne diversi incontri, ma ebbe solo una breve esistenza.' [ccxci] Il primo incontro del MAI, nel 1869, si tenne presso la Freemasons Hall di Londra, e fu indirizzato da Bro Hyde Clarke che ha rivendicato l'idea. [ccxcii]Già celebre ingegnere, autore, editore e filologo, Hyde Clarke è qualcuno di cui si dovrebbe sapere di più. [ccxciii] Il MAI aveva il sostegno nominale del Comitato Edile dell'UGLE, che apparentemente cercava di "dare più vigore intellettuale alla Massoneria" esplorando il recente passato. Il curriculum proposto era più ampio di "Massoneria ed edifici medievali" e includeva: " ...architettura e corporazioni medievali, società segrete, templarismo, simboli gnostici, i misteri dell'antica iniziazione e l'ampia gamma di simbolismi in tutte le epoche..." Un osservatore di questa riunione nel febbraio 1869 ha osservato che: 'La Gran Loggia, che è stata lenta, ha aperto una Biblioteca ai suoi membri, e un altro organismo massonico, il Consiglio Supremo, ha formato una curiosa biblioteca a Golden-Square...' L'apparente cambiamento di atteggiamento verso l'apprendimento dei libri è stato stimolato dalla competizione per riconoscimento all'interno di EF che è discusso di seguito. Lo stesso giornalista ha proseguito: 'Sebbene l'appartenenza all'Istituto sia ristretta ai massoni, non è condotta come un'organizzazione massonica, ma come una semplice società letteraria sulla stessa base delle altre associazioni archeologiche con un abbonamento annuale di mezza ghinea. Saranno emessi transazioni di carte ritenute idonee alla pubblicazione... La società prevede la formazione di raccolte di libri, manoscritti, stampe, disegni, dipinti, carte, sigilli e di tutte le illustrazioni degli oggetti delle loro ricerche.' John Yarker, di cui più sotto, affermò in seguito di essere stato un membro nel 1869, [ccxciv] mentre erano coinvolti anche Woodford e Besant e forse Hughan. Un altro all'interno del circolo fondatore di QC, Simpson, fu coinvolto "intorno all'anno 1871". Simpson si ricordò che era stato formato'con gli stessi oggetti in vista' del successivo QC. Dai documenti da lui forniti risultava che l'originaria impostazione organizzativa era vicina a quella del VI, con viceregio Patrono e un numeroso Consiglio, e che: « L'oggetto di questa Società è l'avanzamento di quei rami della conoscenza e della ricerca archeologica che, sia incidono direttamente o indirettamente sulla Massoneria». [ccxcv] È importante sottolineare che i documenti MAI datati 1872 mostrano un cambiamento significativo nell'enfasi. La 'Massoneria' era diventata la prima priorità, non 'la conoscenza e la ricerca che... incidono su' come prima: 'Lo scopo di questa Società è promuovere gli interessi ed elevare la posizione della Massoneria, mediante indagini sistematiche e scientifiche sulla storia antica dell'Arte, e l'origine e il significato dei simboli, dei riti e delle tradizioni massoniche.' Si potrebbe ritenere che l'uso dei termini "sistematico e scientifico" invochi il rigore dell'obiettività, ma come mostra il documento, conclusioni non esaminate erano ora il punto di partenza della ricerca, annullando così l'esercizio per quanto riguardava l'"oggettività": Finora c'è stata una diffusa incertezza tra massoni sull'antichità dell'ordine; ed è deplorevole che, in molti casi, i fondi di riserva dei soci, invece di essere destinati alla promozione degli interessi dell'Artigianato, sono stati assorbiti in convivialità...

Poiché si ritiene che i memoriali della Massoneria sparsi nel mondo, sotto forma di tradizione etnica e simbolismo, siano di maggiore antichità rispetto ai più antichi monumenti storici, si propone di far leggere e pubblicare articoli sui seguenti...

* Il legame della Massoneria con la religione ei simboli degli uomini primordiali.

* Il collegamento dei simboli massonici con i sistemi astronomici e con la cronologia mitica o preistorica.

* Tracce di Massoneria nelle tradizioni, nei simboli, nei riti religiosi e nei sistemi di iniziazione tra le razze di selvaggi esistenti.

* Collegamento del simbolismo massonico con le tradizioni primordiali della nostra razza rispetto al Paradiso e al Diluvio.

* Collegamento del simbolismo massonico con le strutture sacre di tutte le età.

Ha proseguito affermando: ' ...Poiché l'Istituto Archeologico Massonico è l'unico organismo del suo genere esistente, è inteso, se possibile, estendere le sue operazioni a ogni parte del globo dove viene praticata la Massoneria artigianale, specialmente in tutte le Colonie . Verrà pubblicato un volume di Transazioni che verrà inoltrato, gratuitamente, per posta, ai membri ogni anno.' Questo modello ha fornito la maggior parte del modello successivo di QC, comprese le sue ipotesi non esaminate. Solo la mancanza di "status di lodge" da parte del MAI è stata deplorata in una successiva risposta ad AQC di Besant: "...La Società languiva...principalmente, credo, per mancanza del potere coeso e attrattivo di una Loggia che non è mai diventata...Ho sempre sentito...che c'è un'immensa quantità di informazioni...che potrebbero essere raccolte e messe insieme da un massonico punto di vista . È stata questa convinzione... che mi ha anche fatto entrare nel Quatuor Coronati, che voi [Speth] state rapidamente sviluppando nel tipo di Istituto che io... pensavo di fare (l'Istituto).'[Il mio corsivo] [ccxcvi]

Il riferimento a un 'punto di vista massonico' ha coinciso con gli sfoghi di EF contro la Massoneria francese (sotto). È anche il momento in cui la parola "archeologia" iniziò ad apparire nella letteratura periodica massonica come sinonimo di "storia". [ccxcvii] Quando nel 1888 Simpson si vantò del suo posto nel gruppo fondatore del QC, fu in termini di continuità, non di innovazione: ' ...Sono lieto di poterlo dire che abbiamo superato la fase iniziale di incertezza, il nostro schema di un Archeologico Massonico Lodge è già stabilito su basi sicure, e ora guardiamo al futuro...' [ccxcviii] e di AQC : ' La nostra pubblicazione è diventata un importante giornale di archeologia massonica...'In quasi tutti i casi, dove la parola era usata da questi uomini, si intendevano scavi mediorientali o biblici.

Warren alla sua cena di installazione del 1886 ha ricordato come fosse coinvolto in quello che sembrerebbe un tentativo di far rivivere il MAI, forse anche per utilizzare un formato di loggia per esso : '...Nel 1873, con il nostro Tesoriere Bro [Walter] Besant e altri, Ho cercato di formare una Società Massonica (Archeologica) per mezzo della quale si potessero leggere e stampare documenti su argomenti massonici, ma anche questo progetto ha dovuto essere abbandonato.' [ccxcix]

 

Carnarvon ed EF dichiarano guerra

 

Sembrerà un lungo inchino per sostenere un legame tra un battibecco interno in un "rito irregolare" nel sud degli Stati Uniti e la casa londinese di EF. Sembrerà uno sforzo inaccettabile per individuare entrambi nella geopolitica globale. Anni di "storia massonica" senza contesto hanno reso invisibile qualsiasi collegamento tra politica e EF, ma un periodo straordinario nella storia di EF, melodrammatico e sovraccaricato per molti versi, ora si traduce nella sua separazione dal suo partner imperiale e dal esposizione di entrambi alla consapevolezza di aver esagerato e di essere ricaduti sulla terra.

Quando nel marzo 1869, RW Little, 'secondo impiegato e cassiere' nell'ufficio di suo zio John Hervey, Gran Segretario di UGLE, iniziò a pubblicare The Freemason , vide una chiamata alle armi. [ccc] L'editore, 'con la sanzione del Conte di Zetland, MWGM d'Inghilterra'era George Kenning, un ambizioso stampatore e creatore di insegne. In apparenza la rivista è stata una notevole partenza per UGLE, ma è stata una rivista che non è costata a quel corpo nessuno sforzo, finanziario o altro. Nel giro di un anno aveva raddoppiato le sue dimensioni e rivendicato una tiratura di mezzo milione di lettori all'anno, e sebbene questa affermazione sia impossibile da verificare, il suo successo era evidente e la sua influenza come voce apparentemente autorizzata di UGLE era grande. Non si sa se Little, Hervey o UGLE nel suo insieme abbiano avviato l'impresa, ma era stata lanciata per affrontare una minaccia e le speranze erano buone.

Un evento massonico apparentemente innocuo si era verificato nel 1868. Il Grande Oriente di Francia (GOF) aveva riconosciuto il 'Supreme Council of the Ancient and Accepted Scottish Rite of the State of Louisiana', organismo in concorrenza e quindi non riconosciuto dal ' Gran Loggia della Louisiana (settentrionale) [GLL], già in atto. L'azione del GOF costituiva una violazione delle convenzioni massoniche relative alla giurisdizione territoriale, ma il GLL era molto sconvolto dal nuovo organismo che ammetteva gli uomini "indipendentemente dalla razza o dal colore" qualcosa che non era disposto a fare. Nel 1869, il GOF stabilì che nessun colore, razza o religione doveva essere usato per squalificare un candidato all'iniziazione. Il GLL ha ritirato il riconoscimento dal GOF e ha invitato altre Grandi Logge americane a fare lo stesso.

La discriminazione razziale negli Stati Uniti è rimasta estremamente divisiva sulla scia della guerra civile, 1861-1865. Numerose confraternite si dividevano lungo "linee di colore". L'adesione ai valori dell'Illuminismo potrebbe aver messo EF dalla parte degli angeli nel dibattito parallelo che attraversa l'Europa, ma un compiacente UGLE ha scelto di mantenere la sua posizione retrospettiva e di negare la ragione e il buon senso. La sua portata internazionale non è stata la prova che era vitale e al sicuro dai concorrenti? Non aveva il sostegno e il rispetto reciproco del più grande impero che il mondo avesse mai visto? L'incongruo mix di Bibbia e Impero forniva una giustificazione retorica, ma nel locale fumante le considerazioni strategiche e gli interessi personali fornivano una maggiore quantità di colore e movimento e una diminuzione della potenza utilizzabile.Profondamente devoto al vecchio esercito, ha lavorato con la regina per sconfiggere o ridurre al minimo ogni proposta di riforma, come la creazione di uno stato maggiore generale. Il suo esercito divenne un'istituzione moribonda e stagnante, molto indietro rispetto a Francia e Germania. Le sue debolezze furono drammaticamente rivelate dalla scarsa organizzazione all'inizio della seconda guerra boera' (1899-1902)' [ccci] Prescott ha notato che The Freemason ' era strettamente legato all'ala più conservatrice della massoneria inglese' e che: ' Gli entusiasmi dei redattori e dell'editore... sono evidenti dalla lunga serie di articoli... (cercando) di dimostrare che gli anglosassoni erano una tribù perduta di Israele e che l'impero britannico era il compimento della missione divina del popolo eletto. [ccii]

UGLE è stato assalito da un movimento a tenaglia per il quale non era preparato. Internamente, subiva pressioni per ridefinire 'Massoneria', esternamente, la sua pretesa di essere 'la Massoneria Premier' e quindi di essere l'arbitro e guida nelle controversie tra 'sotto-rami' era minacciata. In Medio Oriente, in particolare, il suo coinvolgimento con la politica imperiale significava che doveva litigare con "Massonerie" esuberanti e recalcitranti che in realtà non voleva nemmeno riconoscere. Le giurisdizioni nelle colonie, negli Stati Uniti e in Francia rivendicavano l'indipendenza massonica per eguagliare le loro rivoluzioni politiche.

Accanto a 'l'Arte' e ai diplomi di Marco recentemente 'regolarizzati', i fratelli di altri Ordini e Lauree si irritavano sotto gli eufemismi usati per descrivere il loro status ambiguo - termini come 'non riconosciuto', 'irregolare' e 'frangia'. Il piccolo e un amico, WJ Hughan, non si sono lasciati scoraggiare dalla confusione, ma si sono lanciati nell'apprendere il maggior numero possibile di questi rami e si sono uniti con entusiasmo all'agitazione per la loro "regolarizzazione". Avviato un EF nel 1863 all'età di 22 anni, Hughan raccolse Bibbie e si affermò rapidamente intorno alla rivista come storico "esperto". '(Entro) 4 anni dalla sua iniziazione (egli) era stato avanzato nel Marchio (Laurea), Perfezionato nella Rosa Croce, Eccelso nel Sacro Arco Reale, Insediato come Cavaliere Templare, Ammesso nella Società Rosacroce, Avanzato e Promosso in l'Ordine Reale di Scozia e insediato nella Croce Rossa di Costantino. [cciii]Il primo numero di Little forniva il suo discorso completo come presidente di "Sir Knight" e presidente della ristabilita Precettoria Palatina di Istruzione, Ordine dei Cavalieri della Croce Rossa e Costantino, un Ordine che gli è accreditato di aver rianimato nel 1865. Il suo editore, Kenning era tra i "Cavalieri-Compagni" nella sua udienza mentre pronunciava il suo discorso, provocando nel processo fratelli di altri Ordini cavallereschi. In un groviglio di logica sconvolta e affermazioni fantasiose che, giornalisticamente, avrebbero dovuto portare al suo immediato licenziamento, Little affermava di considerare "la Massoneria come un puro sistema etico che contiene ogni elemento che può costituire la vera grandezza e bontà nella vita..." La sua conclusione principale alludeva alla crisi che lo aveva destato: '... Non tenterò di negare che gli uomini di design possano aver abusato dei privilegi della Massoneria inventando gradi pseudo massonici, che riflettevano la disgrazia del cristianesimo predicando uno spirito di intolleranza e fulminando anatemi su tutti coloro che erano al di fuori degli angusti confini del loro credo. Ma che una tale obiezione possa essere sostenuta contro lauree originarie dell'Inghilterra tra i fondatori della massoneria moderna e ora praticate dai massoni inglesi non posso crederci nemmeno per un momento...' [ccciv] [Enphases in original]

Non è chiaro a quali gradi si riferisse. L'Atto di Unione del 1813 aveva stabilito una definizione di base di EF: "Massoneria" doveva consistere in tre gradi di artigianato e il grado dell'arco reale [RA]. La RA è stata un incentivo per "gli Antient" ad accettare l'accordo, ma era anche una delle preferite da molti membri del pannello negoziale della nobiltà-EF. C'erano altre tre ragioni principali che rendevano impraticabile anche questo compromesso: aveva una grande scappatoia incorporata; c'erano altri gradi e Ordini operanti che avevano membri influenti; e le demarcazioni tra quelli definiti "in" e quelli definiti "out" non erano chiare. Poiché le note a piè di pagina sono svanite dalla memoria, l'importanza di questo accordo è stata esagerata. Ha posto fine a oltre mezzo secolo di disunione e sembrava fornire una situazione chiara e applicabile, vale a dire che UGLE era obbligata a non regolarizzare mai altri ordini o gradi in futuro. Tuttavia, la scappatoia - che la UGLE concordava sul fatto che non avrebbe vietato il proseguimento del lavoro dei gradi cavallereschi - significava che la dichiarazione veniva immediatamente minata e non era mai stabile. Mezzo secolo dopo e la decisione del 1813 era nulla.

La curiosità di Hughan e la sua relativa apertura lo portarono a pubblicizzare un po' di storia rilevante mentre stava prendendo forma un nuovo compromesso: ' ...Ci è stato detto che il (Grado cristiano di 'Croce rossa di Cavalieri di Palestina') fu patrocinato nel secolo scorso da diversi eccellenti massoni, i cui il legame con la Massoneria era di grande valore per l'istituzione. Bros. James Galloway (uno dei principali promotori della Massoneria dell'Arco Reale sotto i "Moderni"), James Heseltine (Past Gran Tesoriere e Gran Segretario) William White [ Senior, Gran Segretario dal 1780, succeduto da suo figlio ]... (e) Sua Altezza Reale il Duca di Sussex (che) fu insediato "Gran Maestro per e durante la sua vita naturale".... [cccv] Hughan aveva scoperto che il Sussex aveva contemplato la riforma della confusione dei gradi riunendo tutti gli ordini cavallereschi tranne uno. Aveva intenzione di emettere un mandato di 'conferire potere ai Cavalieri della Croce Rossa di Palestina' di lavorare 'tutti i gradi inferiori in Massoneria , eccetto RA e Templari. ' [Il mio corsivo] Ciò avrebbe portato a un EF con solo due entità, 'l'Arte' e 'i Cavalieri della Croce Rossa' e avrebbe impedito l'incursione di rituali 'stranieri' come il Rito A&A. Hughan ha rivelato: '... Da parte nostra, non siamo affatto ammiratori entusiasti dei diplomi massonici cavallereschi, e sebbene un membro di molti, ci uniremmo nel votare i loro fondi da destinare agli enti di beneficenza dell'Arte, e i loro incontri si terranno a un ritmo fine, fornitoun maggiore interesse sarebbe preso per la massoneria puramente artigianale e le nostre istituzioni di beneficenza sarebbero più generalmente sostenute di quanto non lo siano...' [Enfasi nell'originale]

Per porre fine alla nuova ondata di disordini, il Reverendo Portal, Hughan e alcuni altri hanno sostenuto la fusione di tutti in un "Consiglio", ma hanno insistito sul fatto che spettava agli "irregolari" trovare una risoluzione: " ...Non dovrebbe esserci antagonismo tra Ordini che professano di avere oggetti affini e che dovrebbero essere influenzati da principi simili. Andiamo oltre, diciamo che non deve esserci – e se i diplomi che attualmente non sono riconosciuti in Inghilterra non possono arrivare rapidamente a un'alleanza definita tra loro, sarà la prova più notevole della loro inanità mai fornita ...' [cccvi] [ Enfasi nell'originale] Nessuna guida pubblica è venuta da UGLE, ma Hughan ha esortato a mantenere il potere supremo con quell'entità: 'Al fine di prevenire qualsiasi successiva istituzione o “rilancio” di altri gradi, sarebbe bene assicurarsi dalla Gran Loggia (Craft) il potere di impedire che altri gradi vengano lavorati... rispetto a quelli sanzionati, a pena di alcune sanzioni per la disobbedienza; e quindi, senza effettivamente riconoscere alcun grado al di là dell'Arte, la Gran Loggia può virtualmente essere di grande peso e servizio nel promuovere l'unione, la regolarità e il progresso come in Irlanda.' [cccvii] L'ostilità era evidente tra i fratelli "artigianali" puristi, che pensavano che l'accordo del 1813 dovesse essere mantenuto, e i sostenitori di una definizione più ampia. Una maggiore ostilità è stata manifestata dai sostenitori del "rito scozzese" che apparentemente credevano che, per lo meno, il suo significato sarebbe stato sminuito dall'accettazione di altri riti nel cerchio. Hughan in risposta ha detto: '...che nessun Consiglio Supremo del 33# [vale a dire, il rito A&A] sarebbe mai stato patito in Inghilterra durante la vita del Duca, e di conseguenza, nessun organismo del genere è stato istituito - (fino a quando non si è verificato) ... sotto l'America autorità (in) dicembre 1845……Il fatto è che l'introduzione dei gradi fantastici del Rito Antico e Accettato in Inghilterra dislocò e distrusse la lavorazione dell'Antica York, che comprendeva tutto ciò che è veramente interessante nel rito pseudo-scozzese…'

Nel luglio del 1870, Little elencò i vantaggi che riteneva si sarebbero ottenuti da "una federazione delle varie giurisdizioni massoniche in Inghilterra " - " più regolarità nel conferire i gradi", "miglior disciplina... in ciascuno dei corpi" e " indiscutibilmente potente" influenza attraverso un'azione unita "su qualsiasi punto".Questi vantaggi sono tutti di natura politica e sono tutti diretti a una maggiore conformità e prevedibilità, mentre sanzionano l'ingresso di tutti i riti "lavorati", siano essi "regolari" o meno. Affermò di aver fondato l '"Antico e Primitivo Rito di Misraim in Inghilterra", al cui incontro inaugurale presso la Taverna dei Massoni hanno partecipato tra gli ottanta ei cento fratelli. Misraim, come Menfi era in Egitto. Il conte di Limerick, artista della società, Sigismondo Rosenthall e Little occupavano le tre sedie principali. Altri incontri tenuti per produrre "trattati reciproci di alleanza" tra i più forti contendenti alla regolarizzazione includevano, come delegati della "Croce Rossa dell'Ordine di Costantino", Little, Hughan e GS Hervey, mentre si possono percepire membri del gruppo "Osservatore" che rappresenta 'la Gran Loggia dei Maestri di Marco'.[cccviii]

Le convenzioni firmate che trasformavano ciò che in precedenza era stato "irregolare" in "Massoneria non irregolare ma non riconosciuta" furono rese pubbliche nel luglio 1871. Poco sfruttarono al massimo il nuovo compromesso: " ...Con un accordo e un'intesa reciproci tra i vari organi di governo , la formazione di piccole giurisdizioni massoniche in futuro sarà efficacemente controllata, e lo spettacolo sconveniente non sarà più presentato all'Arte dell'assunzione di designazioni altisonanti e autorità suprema da parte di uomini la cui educazione trascurata e posizione sociale inferiore sono assolutamente inadatti per qualsiasi stazione tranne la più subordinata.' [cccix] [enfasi mia] Ulteriore senso degli accordi può essere ricavato dalla clausola V del 'Convenzione tra la Gran Loggia di Marco Maestri Massoni, il Supremo Gran Capitolo 33#, e gli Ordini Uniti del Tempio e dell'Ospedale' : 'V. Tutti i giudizi, decreti o sentenze devono essere comunicati alle autorità supreme di tutte le parti contraenti, e sono validi ed esecutivi senza dubbio o ulteriore processo, e nessun appello, errore o revisione può essere contro tali giudizi, decreti o sentenze, che devono ipso facto diventare il giudizio, decreto o sentenza di tutte le parti. Secondo gli accordi, ciascuno degli elementi costitutivi potrebbe affermare di essere autonomo pur essendo effettivamente dipendente da UGLE nella misura in cui i diplomi di artigianato erano il requisito obbligatorio prima dell'iscrizione a uno qualsiasi degli altri. Quasi subito ci sono state delle ripercussioni.

 

Guerra civile

 

Yarker è stato licenziato dall'A&A Rite per aver promosso riti che avevano perso nella corsa e sarebbero rimasti "irregolari". [cccx] Uno dei suoi critici ha difeso la sua affermazione della generale mancanza di democrazia della "Massoneria": "...Bro Yarker si oppone alla (sua) espulsione sulla base del fatto che il Consiglio Supremo, 33# [del rito A&A] è un autoeletto corpo, e stabilisce il detto che di solito è buona legge massonica che i governati abbiano voce in capitolo nell'elezione degli alti funzionari. Forse il fratello Yarker ci dirà quale ruolo hanno gli artigiani muratori nell'elezione dei loro Gran Maestri provinciali, quale potere hanno nell'elezione dei Grandi Ufficiali e dei Grandi Ufficiali provinciali; e quale voce ha il corpo generale degli Artigiani Muratori, se non per delega, nell'elezione del Gran Maestro WM.'[cccxi] Yarker ha affermato che il Consiglio Supremo dell'A&A non aveva "diplomi di accreditamento, (solo) la funzione auto-creata di ricevere le tasse". Questo critico ha deriso le basse tariffe addebitate da Yarker e dai suoi colleghi nelle loro operazioni "irregolari": "Il Consiglio (supremo) trae il suo statuto dal Gran Consiglio Supremo, giurisdizione del Nord, Stati Uniti, che può essere visto da qualsiasi membro di gli alti gradi, presso la sede della SC, n. 33#, Golden Square London.

In una situazione simile, Little aveva le connessioni più utili. Nel 1871, condusse un rito, ritenuto essere il Rito di Misraim, nell'edificio GL, dopodiché il musicista professionista e talvolta studioso, Bro Matthew Cooke, lo accusò come parte di GL di avere "un conflitto di interessi". Le accuse di corruzione contro tutti gli impiegati di UGLE sono diventate rapidamente parte degli scambi. Lo scopo di Cooke può essere meglio apprezzato attraverso la sua risoluzione presentata: 'Che mentre questa Gran Loggia riconosce il diritto privato di ogni fratello di appartenere a qualsiasi organizzazione massonica estranea che può scegliere, proibisce fermamente, ora e in qualsiasi momento, a tutti i fratelli, mentre sono impegnati come Funzionari stipendiati sotto questa Gran Loggia di confondersi in alcun modo con organismi come il Rito Scozzese Antico e Accettato; i riti di Mizraim e Menfi; gli ordini spuri di Roma e di Costantino; il corpo scismatico si autodefiniva la Loggia del Gran Marco d'Inghilterra, o qualsiasi altra organizzazione massonica esterna (anche quella dell'Ordine dei Cavalieri Templari...) sotto pena di licenziamento immediato dall'impiego da parte di questa Gran Loggia.' [cccxii] Nell'acceso, lungo ma alla fine inconcludente dibattito che ne seguì, il reverendo Woodford scelse di descrivere Cooke, inizialmente senza nominarlo, come "un patito del letto" che si era scatenato "come un maiale in armatura" e che aveva scelto di versare " il torrente ". dei suoi turpi, sebbene imbecilli, anatemi sulle teste di uomini onorevoli. [cccxiii] Quando nominò Cooke, fu per calunniarlo ulteriormente: ' In circostanze normali, dovremmo ignorare, con meritato disprezzo, le espressioni di fratello Matthew Cooke su qualsiasi questione che riguardi la Massoneria ma, nell'interesse della verità e della giustizia , siamo costretti – seppur con disgusto e disgusto – ad analizzare la massa della verbosità, yclept il suo 'discorso' all'ultima comunicazione trimestrale...' [cccxiv] Lo stesso Board of General Purpose di UGLE ha indagato e ha trovato solo un'accusa minore provata contro Little. Non è chiaro se sia stato spinto o saltato, ma Woodford lo ha sostituito come editore di The Freemason .

Il conte di Zetland era stato succeduto nel 1870 come Gran Maestro dalla figura forse più controversa di EF, George Robinson. Le sue relazioni con Carnarvon, et al, e il suo ruolo nell'accordo di compromesso non sono ancora stati studiati. A prima vista, è stato tenuto ben lontano dal processo decisionale. Nato a 10 Downing Street nel 1828 mentre suo padre era Primo Ministro, nel 1849 all'età di ventidue anni, fu iniziato al movimento cristiano-socialista. Fu deputato dal 1854 al 1859, quando alla morte di suo padre fece sedere alla Camera dei Lord come Lord Ripon. Nel 1859 fu sottosegretario alla guerra di Palmerston e nel 1863 fu nominato segretario alla guerra. Succedette a Sir Charles Wood come capo dell'ufficio indiano nel 1866 e sotto il primo ministro Gladstone nel 1868 divenne presidente del Privy Council. Ha guidato una delegazione di buona volontà nel 1870-71,'a nome della regina Vittoria... tra i grandi rami della razza anglosassone' . [Il mio corsivo] Ripon guidò quindi la commissione americana/britannica del 1871 per risolvere le rivendicazioni risultanti dalla guerra civile negli Stati Uniti, le rivendicazioni principali provenienti dagli attacchi delle navi militari statunitensi e confederate alle navi mercantili britanniche. Al termine di quest'opera fu nominato marchese di Ripon. Quando le delegazioni reciproche giunsero a Londra, Hughan e Woodford sconsigliarono ai Cavalieri Templari statunitensi di non essere processati pubblicamente in Inghilterra, non, dissero, perché il loro aspetto militare poteva essere frainteso in un momento in cui l'Europa era di nuovo in guerra, ma perché gli EF raramente, se non mai, sfilavano in pubblico. [cccxv] Woodford considerava i fratelli statunitensi più altamente rispetto agli EF locali ed era euforico: 'Abbiamo spesso avuto occasione di fare riferimento alla splendida organizzazione dei corpi massonici americani, e siamo persino insorti nell'ira di alcuni quidnunc in casa per il modo schietto in cui abbiamo... L'accoglienza massonica di Lord Ripon a Washington ha così fortemente corroborato (nostra opinione) che I premurosi massoni inglesi stanno cominciando a chiedersi se il nostro sistema inglese è tutto perfetto? Se la mancanza di coesione – anzi, l'ostilità mal mascherata infelicemente esistente – tra alcuni rami della Massoneria inglese, sia degna della nostra antica reputazione e fama, o coerente con le tendenze progressiste dell'epoca?' [cccxvi]

Il progresso orchestrato del Principe di Galles è continuato. Tre dei principi reali erano massoni dopo che il figlio maggiore della regina Vittoria "conquistò" i dodici gradi del rito svedese a Stoccolma in due giorni nel 1868. Successivamente, si impegnò in sette logge inglesi, ma solo un anno dopo l'iniziazione fu " eletto' un Past Gran Maestro rendendolo secondo al GM. Quando partecipò alla riunione dell'UGLE del dicembre 1869, la sua prima, sarebbe stato accolto con "applausi estatici" dalla "adunata" di 660 fratelli, molti dei quali stavano senza dubbio reagendo alla fuga di suo fratello da un tentativo di omicidio a Sydney a marzo il l'anno scorso. Nel 1871 fu portato per la prima volta in una loggia diversa da una Gran Loggia e lui e Carnarvon furono nominati "membri onorari" della Loggia di Gerusalemme. Ciò ha provocato il commento della stampa sulle anomalie in EF: 'Il Principe di Galles, ad esempio, è un Past Gran Maestro e un Cavaliere Templare massonico; tuttavia il grado di Cavaliere Templare non è 'riconosciuto'; il Conte di Carnarvon è Vice Gran Maestro e Past Gran Maestro del Grado di Marco, tuttavia il Grado di Marco non è "riconosciuto", sebbene nessun uomo possa essere membro di nessuno dei due Ordini che non sia prima un Massone; quella che viene chiamata Mark Masonry fornisce forse l'anomalia più curiosa di tutte, perché mentre in Scozia e in Irlanda è considerata una parte essenziale della Massoneria, in Inghilterra ha una giurisdizione separata e una Gran Loggia separata.' [cccxvii]

Nel settembre 1874, l'Ordine ei giornalisti partigiani furono sconvolti dalla notizia che GM Ripon si era dimesso da EF dopo essersi convertito al cattolicesimo romano. Piuttosto che cogliere l'occasione per entrare in una discussione pubblica, UGLE ha scelto di esprimere pubblicamente rammarico per il fatto che Lord Ripon fosse andato avanti e di ringraziarlo per i suoi servizi passati e, in privato, di continuare la sua feroce fedeltà allo Stato politico inglese/britannico. I fratelli, dapprima scioccati fino al silenzio, sono stati affrontati con un irascibilità da organi della Chiesa RC esultando. Una reazione dei fratelli è stata quella di insistere sul fatto che la sua perdita non era di alcun conto: "...Mai la massoneria inglese ha assistito prima a un tale spettacolo di tranquillità e contentezza universali, di prosperità materiale e di sviluppo universale". [cccxviii] Articoli principali si sono scambiati abusi attraverso la divisione religiosa, alcuni riassumendo la presunta indistinta carriera politica di Ripon, l'instabilità mentale e la sua predilezione per i rituali: " Le opinioni religiose di Lord Ripon erano della scuola ritualistica... ed è solo logicamente seguire quel sistema che sua Signoria sia sbarcò nella Chiesa di Roma.' Il Times ha strillato scoprendo che un uomo "nella piena forza dei suoi poteri" aveva rinunciato alla sua "libertà mentale e morale": " Diventare un cattolico romano e rimanere un inglese completo sono - non può essere mascherato - condizioni quasi incompatibili". [cccxix] La Catholic Westminster Review ha fatto riferimento al " berretto, campane e variopinto"di EF, altrimenti noto come ' il mestiere del maligno' , mentre la Pall Mall Gazette si univa a: ' (gli inglesi) ritengono che un uomo che adotta un tale credo [il cattolicesimo romano] non possa essere un buon inglese, non perché ha è stato sleale nei confronti di un'istituzione inglese, ma perché ha opinioni che, se attuate, danneggerebbero la natura inglese.' Il Saturday Review ha descritto la "Massoneria" come una "sciocchezza", contraddicendo un fratello ben collegato che ha accennato: " Lo stato politico di un paese eserciterà sempre una potente influenza sulla forma del suo governo massonico". [cccxx]

Il cecchino dei media è continuato, ma GL e Carnarvon sono passati rapidamente a un sostituto dopo quella che ha definito una "secessione più sfortunata e ... più sorprendente". Al PoW è stato offerto il posto e, in vero stile militare inglese / britannico, ha accettato di "intensificarsi e colmare il divario". [cccxxi] GM del 'Mestiere' da allora fino a quando divenne re Edoardo VII nel 1901, il PoW fu anche 'nominato' il più alto ufficiale negli ordini 'extra' - dei 'Cavalieri Templari' nel 1873, il 'Arco Reale , 1874, di Rito Antico e Accettato nel 1874, e del 'Marchio' nel 1886. Nel 1883 Carnarvon, che era stato nominato Pro GM nel 1875, gli attribuì il merito di aver 'portò maggiore profondità e ampiezza alle fondamenta della Massoneria inglese e introdusse in essa elementi che avevano contribuito molto al suo credito e alla sua forza.' [ccccxxii]

 

Guerra con Francia e Germania

 

Comunque sia stato prodotto l'accordo rivisto del 1871, almeno una delle priorità politiche di UGLE è stata raggiunta. La sua nuova linea nella sabbia escludeva i riti che avevano un aroma gallico, ovviamente il rito primitivo di Menfi. [cccxxiii] Presumibilmente creato da Samuel Honis al Cairo nel 1814, forse ispirandosi al XVIII secolo di Cagliostrosecolo di rito egiziano, era stato promosso da padre e figlio, Marconis de Negre, in Francia e Belgio, dove aveva lavorato fino alla soppressione da parte della polizia nel 1848, anno in cui i moti dilagarono in tutta Europa. Rianimati di nuovo, i massoni rifugiati francesi portarono il rito a Londra e formarono La Grande Loge des Philadelphes la cui costituzione fu ratificata dal Conseil Supreme l'Ordre Maconnique de Memphis nel gennaio 1851. I suoi membri originariamente lavoravano 95 diplomi "Memphis" ma, in risposta agli sviluppi politici, determinato a lavorare solo con i tre diplomi di artigianato dell'aprile 1857. Charles Bradlaugh, eminente libero pensatore e agitatore inglese si unì a questa loggia nel marzo 1859, dopodiché il Gran Segretario dell'UGLE, nell'ottobre 1859, inviò una lettera ad ogni loggia WM all'interno della giurisdizione UGLE: “Ho l'ordine di informarvi... che attualmente esistono a Londra e altrove in questo paese, Logge spurie che affermano di essere Massoni. Ha chiamato specificamente i massoni "Memphis". Nel 1860, l'editore dell'FM&MM dichiarò: " Siamo sbalorditi dal fatto che un massone raccomandi un nuovo grado ai fratelli, e speriamo sinceramente che non venga fatto alcun tentativo per introdurre tale inganno in Inghilterra ". [cccxxiv] Aveva in mente un particolare 'imbroglio', un rito recentemente 'inventato' a New York da un fratello, il dottor Horwitz e applaudito dall'editore di The Masonic Chronicle : 'Il rito... proviene dall'Egitto, un tempo nutrice dell'arte e della scienza. È di carattere massonico, e chiarisce ai suoi devoti, che devono essere massoni, i principi che la Massoneria inculca. Questo 'Rito Orientale' inizia i lavori al 34° grado, senza interferire in alcun modo con quelli già stabiliti.' Nel novembre 1866, la dichiarazione di apertura delle logge di Filadelfe fu modificata in: "Nel nome della ragione e della Fraternità universale ".

Un collaboratore del 1869 a The Freemason ha riflettuto su una conferenza di Charles Bradlaugh sulla "Massoneria" nella New Hall of Science. Bradlaugh, ripreso più dettagliatamente di seguito, è stato il principale conferenziere del libero pensiero del suo tempo. Il motto del suo giornale, The National Reformer , era visto dal suo critico, 'Cryptonomous', cioè KRH Mackenzie, 'sufficientemente chiaro e diretto' per essere citato per intero: ' Penso che sia dovere degli studenti di ogni scienza non sostenere nulla in modo dogmatico, ma semplicemente per scoprire cosa è vero, non importa quale teoria esistente possano demolire. Perché solo così la scienza può essere edificata su solide fondamenta e la verità può essere glorificata». [cccxxv] La "verità", sfortunatamente, è relativa e soggettiva, e c'è abbastanza avvertimento nel suggerimento di Bradlaugh che può essere "glorificato", ma MacKenzie voleva fare un punto diverso. In primo luogo, ha ammesso: " È vero, dalle ricerche dei moderni storici massonici, che la storia dell'Ordine o Fraternità può essere abbastanza spogliata delle sue glorie mitiche..." Ha poi immediatamente negato questa aspirazione ottimistica con l'ennesima versione del presunto patrimonio antico, preistorico: ' …ancora, è stato sovrapposto e fondato su un sistema molto più antico. Nella sua essenza non è una nuova invenzione, non più di quanto il culto dei santi della Roma papale non sia altro che una rinascita del politeismo della Roma classica...'Negando l'affermazione di Bradlaugh secondo cui la "Massoneria" era di poca importanza in Inghilterra, abbracciò l'illusione più grande di tutte, quella che riunisce i miti delle grandiosità imperiali e massoniche: " La posizione della Massoneria al giorno d'oggi ha un'esatta analogia con quelle riti antichi (eleusini). Gli statisti, i guerrieri e i filosofi – i capi dell'azione e del pensiero – i poeti e gli oratori – mostrano ovunque di essere affiliati a qualche grande e segreto corpo che li ispirava con pazienza, speranza, mutua tolleranza e carità;...' La sua opinione tocca la principale controversia politica della giornata fu prevedibilmente sciovinistica, ma mostrò la sua acutezza collegando due improbabili alleati massonici: 'Ho detto spesso... che nelle nazioni politicamente libere, come l'Inghilterra e gli Stati Uniti... si può dire che qualsiasi mescolanza di politica diventa superflua. Non così tra le nazioni che hanno ancora la loro Libertà da raggiungere. Tali nazioni hanno il sacro diritto di impiegare associazioni segrete per il raggiungimento di benefici simili ... I Massoni certamente inculcano amore per l'umanità, libertà nazionale e giustizia individuale. Non sarebbero adatti a esistere come un corpo potente e in crescita se non fosse così ...' [I miei accenti]

Uno scrittore in The Freemason , "At Home and Abroad" del dicembre 1869, sosteneva che le logge che consentivano di discutere "questioni religiose e sociali", consentivano "espressioni avventate a favore della democrazia e dello scetticismo" o consentivano le discussioni" per procedere, devono essere "comunistiche" ei loro fratelli devono essere "anarchici e atei" assetati di sangue. Errori massonici si trovavano, ovviamente, solo sul "continente", "nelle logge francesi, italiane, sì, e persino tedesche". (Enfasi mia) Al contrario, EF era vera, divinamente ispirata e manifestava "l'armonia" che naturalmente esisteva tra "i precetti massonici ei più ampi principi del libero pensiero e dell'azione" . Quei continentali, insisteva l'editorialista: 'hanno perso la vera essenza della Massoneria... si sono staccati volontariamente da quella grande famiglia di fratelli che, grazie al vasto accrescimento della razza anglosassone, ora circonda la terra, e... tiene in pugno il futuro.' [cccxxvi] Questo era di William Carpenter, agitatore cartista, scrittore ed editore autodidatta, precedentemente incarcerato. Descritto nel New England Freemason (USA) come "un uomo straordinario" [cccxxvii] Carpenter era un altro che identificava la sua razza "britannica" con "le tribù perdute di Israele" e che pensava di poter mappare gli epici viaggi di quest'ultimo attraverso l'Europa.

Nel gennaio 1870, Hughan iniziò una lunga serie in The Freemason su "Masonic Historians" con il fratello Findel di Lipsia come "No 1". Molte cosiddette "storie della Massoneria" erano già state tentate, ma Hughan sostenne che " scrivere un'opera veramente imparziale e universale sull'Ordine" non era stato possibile fino a tempi molto recenti. Oliver e Rebold erano stati pionieri, ma: " (è) è stato riservato al fratello Findel di Lipsia di avvicinarsi al più vicino alla perfezione come storico massonico... (La sua è) la migliore, la più completa e accurata Storia della Massoneria esistente". (Enfasi di Hughan) [cccxxviii] Hughan ha osservato che il primo periodico massonico Die Freymaurer(Il massone) a verbale era stato pubblicato a Lipsia il 4 gennaio 1738. Egli riconobbe che « fino all'inizio del secolo attuale pochi ma tedeschi » scrissero «intelligentemente» sull'origine della «Fraternità» e attribuì a serie di ricercatori prussiani a cui 'siamo in debito': ' ...Si vedrà che il fratello Findel non è in sintonia con coloro che cercano di porre il veto allo studio della storia massonica, o con coloro che vorrebbero che le loro deboli grida affogassero il risultati di libere indagini sull'origine della società, riguardo alla quale, ancora oggi, prevalgono le opinioni più confuse, ridicole e discordanti, assolutamente contrarie ai fatti della storia.' Il massone , 8 gennaio 1870, p.1)Hughan era d'accordo con Findel che "ciò che ora viene generalmente ammesso", che l'Arte ha avuto origine nella "Costruzione delle confraternite del Medioevo", era un'affermazione fatta per la prima volta in Germania, e ha citato con approvazione l'affermazione di Findel secondo cui la storia massonica "ha acquisito di negli ultimi anni un sicuro fondamento su principi scientifici': ' ...Dai materiali, lentamente, sicuramente e regolarmente preparati, nel lontano crepuscolo del Medioevo, e accuratamente custoditi fino ai posteri dalle antiche Associazioni edilizie di Germania e Inghilterra , sorsero una nuova e bella creazione.' (Il corsivo mio) ( The Freemason , 15 gennaio 1870, p.1) Una delle intenzioni di Findel era di liberare la Massoneria da 'tutto ciò che non riguarda i tre gradi di artigianato' e affermò coraggiosamente che non esisteva da nessuna parte alcun documento che mostrasse l'esistenza di un 'Alto Grado' prima del 1740. Hughan ammise che questo era probabilmente vero.

Findel ha sconvolto molti EF sottolineando che ' nulla è stato fatto in Inghilterra per l'indagine sulla storia della Massoneria' dal 18esimo secolo e che sono stati ricercatori tedeschi e francesi' che hanno fornito le prove per la copia degli scalpellini di Massoni dal 1717.' L'introduzione del libro da parte di un collega includeva un suggerimento secondo cui, poiché la "scienza storica" ​​era stata "un po' trascurata" da loro negli ultimi 30 o 40 anni, i fratelli inglesi " senza dubbio ringrazieranno il fratello Findel per aver impartito loro i frutti della sua e del suo predecessore studi instancabili». I profondi difetti anche nella visione di Findel di ciò che equivaleva a "scienza storica" ​​mostrano nella sua definizione di "Massoneria":'Questa unione di tutte le unioni, questa associazione di uomini, legati insieme nelle loro lotte per raggiungere tutto ciò che è nobile, che desiderano solo ciò che è vero e bello, che amano e praticano la virtù per se stessa, questa è la Massoneria. È la più comprensiva di tutte le confederazioni umane e quindi la forma più pura e sublime di associazione umana...' [cccxxix]

I massoni francesi, in una fase ascendente che avrebbe visto il loro numero raddoppiare dal 1862 al 1889, stavano discutendo quale forma di governo democratico si adattasse ai loro scopi. Il GM, un generale dell'esercito, si dimise all'assemblea del 1870 e approvò il suo successore, un insegnante di scuola, come uomo leale e degno di fiducia con le autorità governative, come era richiesto. I due hanno poi appoggiato la Fraternità invitata a votare una delibera che, se approvata, 'sopprimerebbe l'ufficio di Gran Maestro', cioè dichiarerebbe la posizione non più rilevante. Babaud-Laribier, il GM entrante, ha sottolineato la necessità che i fratelli considerino seriamente la loro decisione, pur chiarendo che era personalmente a favore della soppressione. Sottolinea due condizioni essenziali che in futuro non dovrebbero essere negoziabili, vale a dire, l'indipendenza delle logge,Non è evidente, fratelli miei, che esiste ancora una notevole quantità di errore, pregiudizio, ingiustizia e miseria?...preserva la tua libertà, la tua indipendenza di pensiero, non sostengo che formiamo una cricca o un partito - non dovremmo cadere nell'errore di una centralizzazione snervante e brutale. Ogni loggia dovrebbe progredire nell'apprendimento più appropriato, che si tratti di agricoltura, biblioteca, lezioni o istruzione professionale...' [cccxxx]

Il 19 luglio 1870, il governo francese, al fine di rafforzare il suo debole sostegno elettorale a Parigi e in altre grandi città, dichiarò guerra all'impero prussiano, solo per subire un'umiliante sconfitta, dopo di che l'esercito tedesco avanzò a volontà e circondò rapidamente Parigi . All'inizio del 1871, Carnarvon minacciò la "stampa massonica" di perdere tutte le informazioni di GL se avesse continuato a esprimere "opinioni politiche" sui combattimenti in Francia. [cccxxxi]Cittadini ribelli dichiararono l'esistenza della Comune di Parigi nel marzo 1871, a quel punto il governo francese "invitò" i suoi conquistatori nella città per aiutarla a reprimere la rivolta. Il 21 aprile 1871, un certo numero di massoni francesi fece un ultimo disperato tentativo di conciliazione tra il loro governo conservatore ei socialisti rivoluzionari che stavano portando avanti le riforme sociali e facendo pressioni per una repubblica in sostituzione della monarchia. I fratelli furono ricevuti freddamente dal presidente Thiers, il quale assicurò loro che, sebbene Parigi fosse già "data alla distruzione e al massacro", la legge doveva essere applicata. Ne seguirono pesanti combattimenti, ma i cittadini scarsamente armati non potevano competere con i soldati disciplinati e i loro cannoni. I massoni ribelli decisero di piantare i loro "colori" sui bastioni della città a sostegno del Comune. Il 29, 10, 000 dei confratelli in rappresentanza di 55 logge, hanno marciato verso l'Hôtel de Ville, guidati da Gran Maestri in tutte le insegne e con stendardi di logge. Il corteo è poi andato, attraverso i viali e gli Champs Elysées, all'Arco di Trionfo, dove sono stati issati gli stendardi. Sulla Porte Maillot i soldati [del governo] di Versailles smisero di sparare e il comandante, lui stesso massone, ricevette una delegazione di fratelli e suggerì un ultimo appello a Versailles. Il governo, tuttavia, rifiutò di discutere ulteriormente la questione e ordinò che i combattimenti continuassero fino a quando gli ultimi comunardi fossero morti, imprigionati o fuggiti. all'Arco di Trionfo, dove furono innalzati gli stendardi. Sulla Porte Maillot i soldati [del governo] di Versailles smisero di sparare e il comandante, lui stesso massone, ricevette una delegazione di fratelli e suggerì un ultimo appello a Versailles. Il governo, tuttavia, rifiutò di discutere ulteriormente la questione e ordinò che i combattimenti continuassero fino a quando gli ultimi comunardi fossero morti, imprigionati o fuggiti. all'Arco di Trionfo, dove furono innalzati gli stendardi. Sulla Porte Maillot i soldati [del governo] di Versailles smisero di sparare e il comandante, lui stesso massone, ricevette una delegazione di fratelli e suggerì un ultimo appello a Versailles. Il governo, tuttavia, rifiutò di discutere ulteriormente la questione e ordinò che i combattimenti continuassero fino a quando gli ultimi comunardi fossero morti, imprigionati o fuggiti.

A luglio, la stampa massonica inglese ha riportato integralmente l'indirizzo del GM francese, fr. L. Babaud-Laribier, a tutte le logge sotto la sua giurisdizione. Nel mezzo della doppia crisi, alla sua nazione e alla sua "Massoneria", ha esortato i fratelli a tenere a mente che era "forza e gloria della Massoneria" marciare all'avanguardia del progresso" e stabilire istituzioni che saranno scelte in seguito da 'il mondo esterno', che l'Ordine era ' un rifugio sempre aperto al libero pensiero' e ' una socialità ideale' per coloro che hanno a cuore il benessere del genere umano. Seguendo l'esempio di 'l'Enciclopedia' – 'Le dottrine [dell'Illuminismo] non si sono sviluppate prima nei nostri Templi?'– ha ricordato al suo pubblico che il "suffragio universale" è stato proclamato nel Craft molto prima che si trattasse di una questione "nel mondo esterno": quando il fumo si è diradato e i morti parigini sono stati portati via, a un banchetto nell'Inghilterra occidentale, Carnarvon colse occasione per contrastare la felice condizione dell'Inghilterra con l'attuale sorte della Francia. Alludendo ai recenti eventi di Parigi, ha caratterizzato il procedimento degli insorti come la più orribile e detestabile cospirazione contro la legge e l'ordine e tutto ciò che rendeva la società umana buona, nobile e generosa. (Saluti). ..' [cccxxxii] Questo solleticava l'ego del suo pubblico il cui bagliore egocentrico aumentò mentre continuava: '...Pensava che questi eventi ci avessero letto la triste lezione che per quanto grande fosse la nostra civiltà, a meno che non ci fossero moralità e religione, tutta quella civiltà ha fallito. (Un forte applauso) In conclusione, ha consigliato loro di aggrapparsi a tutte le nostre vecchie istituzioni, e prima di tutto, l'antica monarchia ereditaria: la Regina e la Corona. (Applausi forti ed entusiasti)...' Mantenne la sua giusta rabbia. Nel 1873 scrisse: ' ...Così avviene in meno di un secolo, quasi tutti i contrafforti e le istituzioni politiche in Francia sono scomparsi, e... i francesi stanno sulla nuda pianura ululante della pura democrazia.' [cccxxxiii]

La distruzione della Comune di Parigi e la conversione e la sostituzione del GM con il Principe di Galles sembravano giustificare il commento politico nei periodici di EF. Il reverendo Woodford ha sostenuto che l'avviso della visita di Stato dello zar a Londra nel maggio 1874 nella massoneria era consentito perché l'obbedienza di EF all'autorità civile si estendeva al dare la dovuta riverenza a un sovrano straniero: 'Noi massoni inglesi non siamo politici, e non si può mai ripetere troppo spesso, o ricordare con troppa attenzione, che con la politica... non ci interessa affatto. In effetti, siamo così attenti a mantenere il mezzo d'oro della neutralità... non dovremmo permettere... indirizzi politici da una parte o dall'altra, anche come pubblicità a pagamento... Ma... ci sono alcuni eventi nella storia del mondo che sembrano elevarsi al di sopra del dominio di mera politica di partito, e di cui possiamo giustamente occuparci... Ora, ci sembra che la visita dell'imperatore Alessandro II in questo paese sia solo uno di quegli eventi... Perché in verità, l'imperatore Alessandro II viene da noi investito non solo con quel grado di Sovrano che, come leali inglesi, ci è stato insegnato a valutare e riverire...' [cccxxxiv]

Un altro editoriale su The Freemason, del giugno 1876, riguardante "Whit-Monday's Holiday" sosteneva il valore sociale di questa festa e rimproverava il British Museum per aver rifiutato l'ingresso di donne con bambini. Il testo includeva: " ...Come massoni ci rallegriamo di tutto ciò che riguarda la felicità sociale, il benessere e il benessere del popolo...(Noi) abbiamo il diritto, e intendiamo esercitarlo...di esprimere la nostra umile opinione su tutte le questioni che riguardano al progresso sociale della nostra "brava gente" o dell'umanità in generale.' Dalla sua nascita nel 1875, un altro periodico massonico, la Cronaca dei Massoni , si occupò di politica parlamentare, simpatizzò per i sindacati e per la riforma dell'istruzione. Il suo editore credeva che '...la discussione occasionale di questioni sociali, in uno stile libero e imparziale nelle pagine di un giornale dedicato agli interessi dell'Arte, non può che essere benefica.' [cccxxxv]

Nel 1877, Carnarvon guidò un Comitato Speciale dell'UGLE per riferire sulle ragioni dei cambiamenti nella dichiarazione istituita dal Grande Oriente. RF Gould era un membro. [cccxxxvi] Il Rapporto formalizzò quello che divenne noto come 'Il Grande Scisma', una dichiarazione di UGLE che il GOF era 'irregolare', in quanto consentiva la libertà di scelta religiosa. Il 14 settembre 1877, il GOF votò per eliminare dalla sua costituzione l'articolo che recitava: "La Massoneria ha per principi l'esistenza di Dio, l'immortalità dell'anima e la solidarietà dell'umanità" e per sostituire il seguente: 'Mentre la Massoneria non è una religione e quindi non ha dottrina o dogma da affermare nella sua costituzione, questa Assemblea ha deciso e decretato che l'articolo 1, secondo comma, della Costituzione (sopra citato) sia cancellato, e che per le parole di detto articolo è sostituito dal seguente: 1. Essendo un'Istituzione essenzialmente filantropica, filosofica e progressista, la Massoneria ha per oggetto la ricerca della verità, lo studio della morale universale, della scienza e delle arti e la pratica della benevolenza. Ha per principi l'assoluta libertà di coscienza e la solidarietà umana. Non esclude nessuno a causa della sua fede, e il suo motto è "Libertà, Uguaglianza e Fraternità". [cccxxxvii]          Il rito A&AS, che era forte in Francia, decise di mantenere il requisito che i membri giurassero di credere in una divinità suprema. Alla successiva sessione annuale del GOF, nel 1878 fu fatta una mossa sul rituale. Un comitato è stato incaricato di riferire con raccomandazioni per la sessione successiva. Nel settembre 1879, su segnalazione del comitato, fu adottato un nuovo rituale in cui ogni riferimento al nome e all'idea di Dio veniva eliminato, ma alle Logge fu data la libertà di adottare i nuovi o vecchi rituali come meglio credevano. In quell'anno, Woodford ha risposto al supporto pubblicato da Findel per il GOF: '…Nonostante il ghigno di Fra Findel per la nostra "benevolenza" [cioè, la carità, che era stata minacciata da un fallimento bancario] vorremmo che altri corpi massonici facessero altrettanto, perché nessuno che studia la questione può dubitare per un momento che l'ultimo movimento in Francia, nonostante le sue professioni rumorose, è puramente politico e comunista... Ci dispiace vedere un fratello abile come il fratello Findel perdersi, come direbbe Sterne, nel 'porcile' di sporcizia comunista e incredulo. [cccxxxviii]

Nel 1884 l'UGLE istituì un "Gran Consiglio dei Gradi Massonici Alleati" per assumere il controllo di ancora più gradi e Ordini "irregolari". La sua Regola 1 era: ' In vista del rapido aumento delle Logge di vari Ordini che non riconoscono alcuna autorità centrale e non riconoscono alcuna forma comune di governo, è stato formato un Corpo Direttivo per assumere sotto la sua direzione tutte le Logge di tali vari Ordini in Inghilterra e Galles e le colonie e le dipendenze della corona britannica che potrebbero essere disposte a unirsi a essa.' [cccxxxix] Nel 1902, UGLE estese ulteriormente la sua autorità affermando: 'la sovrintendenza a tutti i gradi o ordini che possono essere stabiliti in seguito in Inghilterra e Galles con, e con il consenso del Consiglio Supremo 33^, Gran Priorato, Gran Loggia di Mark Master Masons, Gran Consiglio dei Maestri Reali e Selezionati e Gran Imperiale Conclave della Croce Rossa di Costantino, ma non sotto la sovrintendenza di tali organi di governo». La riorganizzazione delle entità che compongono EF ha rafforzato i principi di governance della gerarchia e della centralizzazione, fisicamente e simbolicamente. "The Mark" stabilì la sua sede in Great Queen Street e l'A&A Rite fece lo stesso, a Golden Square, non lontano dal tempio di UGLE.

 

 

 

'Mr Palmer', l'invasione dell'Egitto del 1882

e la strada per Khartum

 

La storia del 'Mr Palmer' e della sua morte in Egitto nel 1882 per mano sconosciuta ha somiglianze con quella di Stoddart e Conolly, e fa sorgere la stessa domanda: chi fu in definitiva il responsabile? Come nel 1842 in Afghanistan, un'invasione militare britannica supportata da attività clandestine provocò migliaia di morti, inizialmente da parte egiziana ma seguita da molti soldati britannici e dai loro ausiliari. Come nel 1842, gli agenti del governo scomparvero "in missione", dopodiché uno sconosciuto a Londra offrì i suoi servizi per colmare il vuoto lasciato dall'apparente inazione del governo. E come nel caso precedente, l'intervento si rivelò inutile, gli agenti alla fine risultarono morti.

All'inizio di questa ricerca, ho pensato di collegare gli eventi del 1842 e del 1882 semplicemente perché in entrambi i casi il coinvolgimento di EF è emerso presto. La ricerca del contesto "Palmer" del 1882 rivelò quindi che la sua morte, come quella delle vittime del 1842, avvenne in uno spettacolo secondario lontano dall'arena principale. Palmer e party furono un danno collaterale, la loro storia persa da tempo nella magniloquenza e si snoda attorno a una svolta imperiale, in quest'ultimo caso l'occupazione britannica di Suez. Ma come quelli in Afghanistan, gli eventi nel big-top nordafricano hanno avuto ripercussioni fino ai giorni nostri.

I decessi del 1842 produssero relativamente poche ricadute. Al contrario, montagne di commenti sui giornali e libri dei partecipanti apparvero dopo il 1882 e più ancora dopo la morte di Gordon a Khartoum nel 1884. Tra studiosi, diplomatici e personale militare gli eventi di quel periodo sono stati fonte di un dibattito continuo: le loro origini, la loro corso operativo e le loro conseguenze. Il numero totale è enorme. Nonostante ciò, un'ulteriore esplorazione dell'area più oscura e diplomatica/spia rivelerà ancora, credo, nuove connessioni e intrighi che coinvolgono i governi inglese/britannico e UGLE. Nella maggior parte di quella che può essere definita "la diplomazia del Mediterraneo del XIX secolo"letteratura, le connessioni massoniche non sono state valutate seriamente, quindi anche la cronologia di base non è chiara. Ma poiché si presumeva che la "Massoneria" fosse semplice, sono state fatte ipotesi e sono state tratte conclusioni contraddittorie. Questa breve incursione si concentra sull'Egitto e sulle macchinazioni massoniche/politiche strettamente connesse evidenti in questa sola giurisdizione.

In precedenza, ho fatto riferimento agli scambi diplomatici/massoni tra le capitali europee ei centri di ME. Nel 1867, uno degli studenti del 1845, (sopra) il figlio più giovane di M Ali Abd al-Halim e il suo presunto erede, fu nominato GM del Grande Oriente egiziano [ANDATO]. Il rapporto di UGLE con questo e altri GL, in Turchia, Grecia, ecc., non è chiaro, ma la risposta immediata di Londra è stata quella di nominare il figlio GM di un nuovo distretto EF e di farlo insediare. Improvvisamente, il sultano ottomano a Costantinopoli cambiò le regole di successione a favore del nipote dell'incumbent. Il padre, M Ali Abd al-Halim, giurò di utilizzare le logge in una campagna politica per rovesciare l'usurpatore, ma perse la sua vittoria e fu esiliato nel 1868. Lo stato positivo della "Massoneria" evidente in questo racconto non è sempre eguagliato in altri. Il tanto citato studioso del XX secolo, Kedourie,'In Medio Oriente in questo momento, la massoneria e il libero pensiero sembravano essere (erano) strettamente collegati... Essere un massone significava mostrare la propria antipatia per la religione tradizionale e ortodossa, il potere che dava agli [ulama] e gli odi e le divisioni ha promosso e perpetuato nella società”. Ha citato l'egiziano Jurji Zaydan nel senso che: 'Quanto alla massa volgare... è inutile chiedersi quanto fosse profondamente radicato nelle loro menti l'odio e il disprezzo per la setta dei muratori... Se volessero descrivere quanto atei o ipocriti fossero qualcuno lo era, non trovarono termine migliore per descriverlo della parola "massone".' Ancora Kedourie: " Il segreto lavoro sovversivo dei muratori orientali era davvero noto ai governanti orientali e li turbava". [cccxl]

Lane's English Masonic Records, 1717-1894 non mostra logge EF in Egitto prima del 1861, tutte stabilite tra allora e il 1873, e non mostrano interruzioni nella trasmissione. Le logge intitolate a Zetland, Hyde Clarke e Lord Dalling, altrimenti Henry Lytton Earl Bulwer (1801-1872) sono nell'elenco. Era zio di Edward Robert Bulwer-Lytton (1831-1891), anche lui diplomatico, un tempo ambasciatore britannico in Turchia e figlio del romanziere e presunto occultista Edward Bulwer-Lytton (1803-1873) che era fratello di 'Lord Dallling '. Un insider di EF scrisse nel 1969: "(Nel 1871 alcuni) massoni nativi... associati a Bulwer Lodge chiesero e ottennero un mandato per una loggia da lavorare in arabo, e da riservare a non europei, sotto il nome 'Kawkab- el-Sharq'"Kawkab al-Sharq" è l'arabo per "Star of the East", il cui nome della loggia appare nell'elenco di Lane. Sfortunatamente, non ci sono registrazioni di questa Loggia "nativa" prima del 1907; dovrebbero essere stati bruciati.

 

L Zetland, incontrato 1867 - 1890, Alessandria

L di San Giovanni e San Paolo, 1867 – 1882, Alessandria

St John's Lodge, 1862 - 1877, Alessandria

Hyde Clarke L, 1865 - 1869, Alessandria

Bulwer L del Cairo 1865 -1891, Il Cairo

Grecia L 1866 -1891, Il Cairo

Egiziano L 1867 -1882, Il Cairo

L La Concordia 1868 -1890, Il Cairo

Stella d'Oriente 1871 -1888, Il Cairo

Ramleh L 1873-1882 Ramleh

 

Un italiano, SA Zola fu nominato dall'allora Khedive Ismail nel 1872 a capo GONE, Zola in cambio dichiarò che le logge " non si sarebbero immischiate nella politica del paese". A Zola è stato attribuito il merito di aver fondato la prima loggia italiana del Rito A&AS, (consolidata come abbiamo visto negli Stati Uniti nel 1845) ad Alessandria nel 1849 ma la sua ragione per essere lì in quel momento è sconosciuta. Nel 1873, Zola lanciò un ulteriore guanto di sfida a UGLE decretando che l'A&A/Rito scozzese sarebbe stato sostituito con il rito di Memphis. E' stato inoltre autorizzato ad assumere il titolo di Gran Ierofante, 97° Grado,' l'ufficio supremo del rito. [cccxli]Nel 1875 riunì "gli scozzesi" e il rito di Memphis in GONE, che fu dichiarato la dieta federale ufficiale [organo di governo] per tutte le logge egiziane. Un giornale massonico londinese del 1883 raccontava una rinascita in quell'anno delle logge inglesi dicendo: " Dieci anni fa una delle logge più prospere del Cairo era la Bulwer... Per una sfortunata coincidenza, quasi tutti i suoi membri attivi lasciarono il Cairo sei anni fa e il le riunioni della loggia cessarono...' Questo rapporto del 1883 affermava tuttavia che: ' In effetti, la Massoneria inglese è stata a lungo predominante in Egitto poiché le sue leggi, rituali e principi sono stati adottati dalla Gran Loggia d'Egitto su cui MW Bro Borg il vice console britannico al Cairo, ora presiede degnamente».La Gran Loggia d'Egitto fu inclusa per la prima volta nella famiglia delle "Grandi Logge Europee" dall'UGLE nel suo calendario ufficiale del 1878, ricordando la decisione del GOF del 1877 e il conseguente "Grande Scisma" (sopra). Un avvocato inglese che era allo stesso tempo un massone, un attento osservatore dell'invasione e un importante partecipante alle sue conseguenze legali scrisse un libro sul suo coinvolgimento. In esso osservò: " C'è una grande differenza tra i principi e la pratica della 'Massoneria' in Inghilterra e nel continente europeo". Dopo aver spiegato che ' il nostro sistema' , con cui intendeva EF, ' non abbraccia niente di più eccitante della carità e della buona compagnia', tutto ciò che non era EF, che lui chiamava ' Massoneria straniera', era"un'arena appropriata e conveniente per la discussione politica e l'attivismo sia politico che religioso". [cccxlii] Broadley, sul posto, era certo che: " I due credi" , con cui intendeva la Massoneria inglese e "straniera", " non hanno assolutamente nulla in comune se non alcuni segni esteriori e visibili, che trasmettono alla mente di quelli che li usano significati molto diversi.' Spiega ciò che aveva osservato nel periodo 1877-78: ' In Egitto i principi della Massoneria continentale, con le sue parole d'ordine repubblicane di Fraternite, Liberte. Egalite , evidentemente aveva messo in ombra per un certo tempo almeno un forte elemento inglese che un tempo prevaleva nelle sue numerose logge.'L'"ombra" è più precisamente una perdita di influenza della loggia che corrisponde semplicemente all'opinione pubblicata secondo cui il Khedive Ismael stava portando l'Egitto alla bancarotta e doveva essere salvato. Di conseguenza, il Khedive cedette il controllo del suo tesoro, dogana, ferrovie, uffici postali e porti a una burocrazia anglo-francese congiunta, a quel punto eminenti attivisti per l'indipendenza egiziana entrarono nella mischia: ' In questo periodo (1877), su suggerimento di al-Afghani, (Muhammad Abduh) si unì all'Ordine Massonico della Stella d'Oriente, [sic] affiliato al quartier generale in Inghilterra. I suoi membri includevano trecento degli uomini più importanti del paese .' [cccxliii]Wissa, nel 1989, scrisse che al-Afghani si unì per la prima volta a una loggia italiana ma il console inglese, Rafael Borg, lo fece passare a "Star of the East", dopodiché Borg dichiarò che quella loggia era libera e indipendente dal mandato di Zola e dal controllo di ANDATO . Tuttavia, al-Afghani sembra aver riconosciuto le differenze tra le Massonerie perché quando fu nominato "Presidente" nel 1878 trasferì la loggia sotto il patrocinio francese. Incoraggiò i suoi studenti religiosi a unirsi e cercò di "trasformare la loggia in cellule di agitazione politica". :«Secondo Makhzumi, i membri (della loggia) erano divisi in diversi comitati per fungere da collegamento con i dipartimenti governativi. Uno era incaricato di ammonire... il ministro della Guerra di trattare giustamente quegli ufficiali egiziani che erano stati in servizio in Sudan. Altri sono stati assegnati ai ministri della giustizia, delle finanze, dei lavori pubblici, ecc., chiedendo loro di trattare i dipendenti pubblici egiziani con equità e uguaglianza. Questi funzionari erano risentiti per gli europei che ricevevano tre o quattro volte lo stipendio per le stesse posizioni e quantità di lavoro.' [cccxliv]Wissa afferma che le logge EF cercavano di attirare egiziani meno radicali attraverso i controlli congiunti sui bilanci egiziani nel 1878 in cui era consentita la speculazione sulla terra ed era stata introdotta l'assistenza finanziaria ai coltivatori di cotone. Niente di tutto ciò è evidente nei regolari rapporti pubblicati sui giornali massonici inglesi.

Pur fornendo parole d'ordine francesi, Broadley pensava alla recente politica italiana: 'Sebbene nessuno della Fratellanza Nazionale, un gran numero dei loro subordinati fosse tra i membri (della Massoneria continentale) più attivi e zelanti. Lo sceicco Abduh era stato Maestro della sua Loggia e molti dei Deputati della Camera egiziana si erano affrettati a unirsi al mestiere. ' Perché l'avevano fatto? 'Gli 'affamati di giustizia' come Rifat (anche lui massone) descriveva solitamente i patrioti egiziani, trovavano uno strano fascino nel legame mistico... e credevano che la stessa macchina che aveva aiutato gli italiani nella loro lotta per la libertà e l'unità avrebbe aiutato materialmente il causa egiziana.'(Il mio corsivo) Il libro di Sommer del 2015 sulla "Massoneria" e l'Impero Ottomano parla principalmente di Tripoli. La sua interpretazione enfatizza l'unità e non coincide con quella di Broadley che sottolinea una chiara divisione tra EF e "Massoneria continentale". Le sue carriere legali e massoniche personali negli anni dal 1876 al 1883 erano incentrate su Malta e Tunisi e, almeno come riportato dalla stampa massonica inglese, non riflettono la divisione di cui scrisse nel suo libro. Tunisi e Malta sono distanti 500 miglia ma nel periodo mantenne numerosi impegni massonici in entrambi i luoghi, e in Inghilterra. Gli Ordini e i gradi con cui è stato coinvolto vanno dall'Arte, passando per l'Arco Reale e la Massoneria di Marco, al Consiglio Criptico, ai Rosacroce e all'Ordine di Lorenzo il Martire. I rapporti pubblicati descrivono in dettaglio il suo entusiasmo, quasi ossessione,[cccxlv]

Nel 1878 al-Afghani fu espulso, apparentemente del tutto dalla "Massoneria", ma da chi non è chiaro. Anche i funzionari francesi e inglesi sembravano aver collaborato su questa questione. Kedourie ha suggerito che la sua espulsione fosse avvenuta da una loggia "scozzese" registrata in Francia, ovvero l'A&A Rite, dopo di che si unì o iniziò una loggia GOF. In ogni caso, Al-Afghani creò un partito politico, il "Partito nazionale libero", presumibilmente utilizzando la "Massoneria" come base, e secondo Wissa: "(L'FNP) ha svolto un ruolo importante nella rimozione di Ismael Pasha [l'allora Khedive ] e portando Tawfik (o Tewfik) Pasha.' (Wissa, 1989, p.149 e fn 41) Questo nuovo Khedive era inizialmente un alleato dei riformatori il cui leader, M Arabi/Urabi era il suo ministro della Guerra. Gli eventi che seguirono fornirono una scusa fortuita alle forze britanniche per entrare e rivendicare la sovranità sull'Egitto, un'occupazione che a sua volta forniva una copertura al "signor Palmer" e al partito per lasciare il Cairo senza clamore e scomparire all'orizzonte. Fuori manovra e il suo esercito egiziano decimato nell'agosto-settembre 1882, al-Arabi, l'eroe riluttante che era diventato de facto l'incarnazione dei sogni della libertà egiziana, fu arrestato e consegnato al sistema giudiziario "nativo". Il suo presunto C-in-C, Tewfik, che gli aveva ordinato di combattere gli inglesi, cambiò schieramento a metà campagna e ora cercò la sua testa.

Broadley fu quindi assunto da un certo Wilfred Blunt per andare al Cairo per difendere el-Arabi e altri prigionieri egiziani. Nel suo libro Broadley ha scritto che l'interferenza con i suoi sforzi proveniva, non da funzionari britannici che generalmente loda, ma da altri egiziani allineati con il Khedive Tewfik e / o da funzionari turchi che cercavano di mantenere l'influenza ottomana. Ha registrato che "In ogni periodo del... mio soggiorno in Egitto, e più in particolare in ogni crisi acuta attraverso la quale è passato il destino di Arabi, ho ricevuto una serie di lettere anonime che mi davano molti suggerimenti preziosi e mi informavano di tutto ciò che stava accadendo nell'accampamento nemico . La stragrande maggioranza di essi portava segni inconfondibili di origine massonica ...' (I miei accenti) Il suo informatore, la cui identità non persegue nel libro, era chiaramente un fratello con accesso a tutte le giurisdizioni, legali e massoniche, e in palese violazione del suo obbligo di essere neutrale.

L'ex professore di Cambridge, 'Mr Palmer' aveva notevoli risultati accademici nel suo curriculum e aveva lavorato duramente per diffondere il vangelo cristiano. Aveva tradotto il Corano in inglese e il Nuovo Testamento in Hindustani, arabo e persiano per la British and Foreign Bible Society, e aveva completato le storie di Gerusalemme. Aveva anche abilità in leggende, mesmerismo ed era un narratore, poeta e pittore. A metà del 1882, il quotidiano londinese Evening Standard gli avrebbe commissionato di raccogliere materiale pubblicabile " sul carattere, il potere e... il movimento degli arabi del Sinai" . Una spiegazione più recente del suo compito, da parte di uno studioso massonico, affermava: 'Palmer si offrì volontario per viaggiare da Gaza a Suez per accertare l'umore dei beduini e per fungere da interprete principale dell'ammiraglio Sir William Hewitt, che comandava le operazioni navali nel Mar Rosso. [cccxlvi] Con Palmer c'era il capitano Gill, RE, che si sarebbe anche offerto volontario. In realtà era un'altra "risorsa" del dipartimento di intelligence dell'esercito e aveva una storia di fondo familiare. Era scappato con la sua vita solo per fortuna nel 1873 quando con un collega ufficiale, Valentine Baker, [vedi Ure] aveva "esplorato" l'Asia centrale persiana, "registrando ogni angolo della strada per miglio dopo miglio". [cccxlvii]Un secondo "volontario" militare, un tenente Charrington, proveniva dal personale dell'ammiraglio Hewett, il che significa che era stato portato dall'intelligence navale sotto la direzione di Hewett. Questi tre e un piccolo gruppo di supporto non erano tornati quando in ottobre, una lettera al Times , da un colonnello Yule, RE, Ret, si lamentava a nome delle "signore della famiglia del capitano Gill". Non avevano sentito nulla della spedizione per un mese e volevano sapere cosa stesse facendo "il governo", semmai sulla scomparsa del partito. Due giorni dopo apparve una lettera di un osservatore interessato, in cui si offriva di andare in Arabia e di " aiutarmi nel modo in cui era in mio potere".Lo scrittore, Wilfred Scawen Blunt, ha lasciato più dettagli biografici del "Capitano Grover" dell'incidente di Stoddart e Conolly, ma non sembra meno misterioso. Un parente di Charrington ha aggiunto al pubblico malcontento: " Il governo sembra essersi comportato in modo molto poco convinto nei loro sforzi per salvare gli uomini scomparsi, e per dieci settimane sembra che non abbiano dato all'ammiraglio Hewitt istruzioni precise su come procedere .'Ha affermato che le "giacche blu" avrebbero dovuto essere inviate immediatamente, ma "il governo" aveva perso l'occasione. Le famiglie in difficoltà hanno negato a Blunt le necessarie autorizzazioni. Il fratello di Charrington, anche lui tenente, ottenne il visto per l'Egitto ma non parlava nessuna delle lingue pertinenti e non conosceva la zona né i beduini. Uno scrittore di lettere ha osservato che "il governo" aveva mostrato un segno di agitazione, aveva autorizzato il colonnello Warren " a offrire una ricompensa per informazioni o un riscatto per la loro guarigione", ma ha insistito sul fatto che "il signor Blunt è l'unico uomo in tutta la L'Inghilterra più qualificata per svolgere l'incarico». [cccxlviii]

Entro il 27 ottobre, i giornali riportavano che l'intero partito era morto. Presumibilmente viaggiando in segreto, erano caduti in un'imboscata, assassinati e i loro corpi lasciati a marcire, per ordine del "governatore di Nakhl" , quasi a ovest del canale. Il 'corrispondente del Cairo', l'anonimo autore della storia, affermò che lo scopo principale della spedizione era stato quello di procurare cammelli per l'esercito e che 'il professor Palmer aveva sperato di riuscire a persuadere alcuni beduini a prestare aiuto al Khedive e di assumere un ruolo attivo contro Arabi.' Questa "fonte informata" non era ancora onesta. L'oro che portava con sé, e che doveva essere un bottino allettante... potrebbe essere inteso a rafforzare le sue convinzioni."La fonte ha affermato che "il capitano Gill era stato incaricato di tagliare i cavi telegrafici che attraversano il deserto siriano e collegano l'Egitto con Costantinopoli. '

Walter Besant è emerso come un caro amico di Palmer e gli ha prodotto rapidamente un enorme elogio in cui era una citazione dal diario di Gill: ' agosto - Met Palmer. Ha viaggiato molto nella penisola sinaitica e conosce tutti gli sceicchi arabi. È appena arrivato tra loro e spera di portare da noi circa 50.000 arabi per 25.000 l...' [cccxlix] Nella sua Autobiografia del 1902 Besant era un po' più aperto: '...Nel 1882, quando iniziarono i guai con l'Egitto, e il Canale di Suez fu minacciato, (Palmer) intraprese per il governo un viaggio nel deserto del Sinai per tacere gli arabi. Uscì da solo, travestito da effendi siriano, viaggiò nel deserto nella calura estiva, vide sceicchi dopo sceicchi e fece promettere loro di non danneggiare il canale; arrivò sano e salvo a Suez, missione compiuta. Dovette però portare del denaro ai suoi nuovi alleati, e fu assassinato a tradimento da un gruppo di arabi inviato dal Cairo con lo scopo...' [cccl]

Sebbene nessuna versione citata finora abbia usato la parola "tangente", è chiaro che questo era ciò che implicavano le istruzioni di Palmer. La vanità inglese richiedeva che non fosse detto, ma l'uso di "incentivi" per vantaggi commerciali / politici era molto diffuso, uno dei detentori di obbligazioni del canale, Lord Rothschild, offrì ad al-Arabi 4.000 GBP per lasciare l'Egitto prima dell'invasione. Presumo che gli incentivi siano stati usati per "trasformare" Tewfik, un fratello iniziato, la Gran Bretagna non desiderava vedere alcun rafforzamento dell'indipendenza egiziana. Lord Wentworth nei Lords nel 1883 descrisse il partito come "agenti segreti nel paese di un nemico in tempo di guerra". [cccli] Blunt ha visto uno stuolo di politici alla Camera dei Comuni mentire sull'intera faccenda e ha concluso: '... Il dipartimento dell'intelligence inglese aveva ... adottato misure segrete di un tipo che è sempre impiegato nella guerra moderna ma non ha mai dichiarato ... Che l'avanzata del [generale britannico] Wolseley sia stata aiutata dalla corruzione è sempre stato negato con indignazione, ma è ora che la verità sia detta con autorità ... '(WB, 1907, p.302) [ccclii] Blunt scrisse in seguito che la fucilazione del partito Palmer era stata 'un atto non di comune omicidio ma chiaramente di guerra ' e: ' uno che avrebbe dovuto certamente essere coperto dall'amnistia , il compito degli ufficiali travestiti era di dare loro il carattere di spie.' [cccliii]

WS Blunt è ufficialmente registrato come "diplomatico", ma solo fino al 1869, dopodiché lunghi viaggi lo portarono a iniziare a importare cavalli da stalla arabi in Inghilterra, un affare che dipendeva da buoni rapporti sia con i venditori nel deserto che con il pubblico inglese. Ma il suo biografo ha notato che fu inviato in una "Missione Imperiale Segreta" nel 1880, dettagli sconosciuti. Prima dell'invasione, aveva esercitato strenuamente pressioni per i riformatori e si era abbattuto sulla testa uno sbarramento reazionario. In Parlamento e dalla stampa è stato etichettato come un traditore, sono state impartite istruzioni per il suo arresto nel caso avesse tentato di rientrare in Egitto, anche se fosse arrivato "sotto mentite spoglie", e le sue lettere da Londra ad al-Arabi sono state intercettate e lette da Malet, (1837-1908) un funzionario consolare inglese. [cccliv]Dopo l'invasione affermò di essere un amico di Palmer, come Grover aveva fatto con Stoddart, e di avere una grande esperienza nella regione, come aveva fatto Wolff nel 1842.

È passato all'offensiva quando la sua offerta di aiuto è stata rifiutata dalla famiglia. Ha avuto accesso ai diari di Palmer, forse tramite Besant, e li ha usati per affermare che, recentemente sposato e in difficoltà finanziarie, era stato strappato dalla vita civile, data la storia di copertina del giornalista e respinto nel deserto appositamente per corrompere gli arabi che aveva sapeva da precedenti visite: ' ... L'attacco [britannico] all'Egitto dal lato del Canale di Suez era stato risolto dal nostro Ministero della Guerra e dall'Ammiragliato all'inizio dell'anno ed era deciso verso la metà di giugno di preparare la strada in tempo utile una vasta operazione di corruzione, specialmente tra i beduini orientali.' [ccclv] Il tempismo qui è importante.

La missione Palmer è stata autorizzata alla fine di giugno, dopo che le navi da guerra francesi e britanniche erano state posizionate al largo di Alessandria e oltrele truppe avevano iniziato a prepararsi per l'azione intorno al Canale. L'11-13 luglio, ampi disordini di strada e bombardamenti delle fortificazioni di al-Arabi ad Alessandria, sono stati seguiti dall'occupazione del porto da parte dei marines. La principale invasione del Cairo e del Canale il 5 agosto ha messo in rotta le forze egiziane che si sono ritirate per difendere la città che è stata presa a settembre. L'incontro del 6 agosto con Gill è avvenuto dopo che Palmer aveva riportato notizie al Cairo dai suoi colloqui con gli sceicchi del deserto ed era la data in cui gli era stato dato l'oro che gli avevano detto che era ricercato prima che entrassero nel conflitto dalla parte britannica. L'autorizzazione del denaro implica che qualcuno, probabilmente Wolseley, pensava che gli uomini della tribù fossero ancora necessari a quella data tardiva.

La rivolta che presumibilmente provocò il bombardamento navale britannico di Alessandria e la successiva invasione di 40.000 uomini si adatta alla spiegazione di BP nel suo manuale per le spie di "classe uno" (sopra): " (La creazione di) disaffezione politica e... focolai, come, ad esempio, diffondere sedizione tra gli egiziani o in India tra gli abitanti, o in Sud Africa tra la popolazione boera per provocare un focolaio, se possibile, al fine di creare confusione e attirare truppe in tempo di guerra...' [ ccclvi] Quella che potremmo chiamare l'ipotesi "Baden-Powell" è che la sequenza degli eventi - disordini, bombardamenti navali di Alessandria, affermazioni sui giornali londinesi secondo cui vite europee erano in pericolo, seguite da un'invasione di terra "per mettere in sicurezza il canale" - fosse artificiosa localmente. La missione di Palmer di corrompere l'egiziano Bedawin per respingere le aperture di Arabi è stata, in ogni caso, inutile. Il testo del 1894 preparato da Warren e Besant contiene un'ultima lettera di Palmer a Besant, datata 22 luglio 1882. Si parlava di "gli arabi tutti in uno stato di diavolo" e del suo dover schivare i soldati turchi ed egiziani: "È una strana sensazione avere la gola in costante pericolo, ma non mi dispiace perché mi sento abbastanza calmo e sicuro del successo. Una spiegazione è del tutto fuori questione... Mi aspetto un uomo da Suez domani con delle lettere e poi conoscerò meglio i miei piani. Spero che non venga ucciso, perché se gli egiziani si impossessano delle mie lettere le cose non andranno bene per me... Lord Northbrook ha detto che considerava il mio compito come il più importante per il successo della campagna... Io sono l'unico europeo sul territorio egiziano che non è sotto la protezione dei cannoni della flotta».

Blunt in seguito affermò che nel 1881 era stato "inviato al (Il Cairo per) notificare a Sir Edward Malet, l'agente britannico, quanto all'opinione pubblica egiziana". Ha intervistato al-Arabi e poi ha riferito a Malet e Lord Cromer, che come Evelyn Baring era stato tra i colleghi di CW Wilson in precedenza al WO. Baring/Cromer scrisse al Cairo nel 1882 che c'erano solo due opzioni, "Blunt's o Colvin's" . Non avrebbe mai sostenuto l'approccio di Blunt, ma questo è un sorprendente cenno agli sforzi e alle connessioni di Blunt. In una memoria di 1200 pagine pubblicata nel 1908 per giustificare la sua convinzione che il dovere della Gran Bretagna fosse quello di mantenere l'occupazione dell'Egitto contro i nazionalisti, fu critico nei confronti di tre uomini di cui identificava l'importanza di opposizione: "Blunt, Gladstone e Gordon".Sir Auckland Colvin (1838-1908) in Egitto dal 1879 era succeduto a Cromer come controllore generale quando lui, Cromer, fu inviato a metà del 1882 in India per sistemare le finanze lì. Gladstone e il suo gabinetto non erano stati in grado di risolvere le loro divergenze interne e il diplomatico/spie locali avevano sostenuto solo un'opzione: ' (Colvin) dall'inizio del 1882 ha modellato e interpretato gli eventi per affrettare e giustificare l'intervento... Malet, fortemente influenzato dal punto di vista di Colvin... divenne sempre più ostile ai nazionalisti (e avvisò) il ministro degli Esteri che, a meno che non fosse stata intrapresa un'azione forte, l'Egitto sarebbe stato presto governato da una cricca militare dedita al rovesciamento dell'influenza europea. [Il mio corsivo] The Pall Mall Gazette , "detto da Blunt essere l'unico giornale che Gladstone leggeva attentamente", aveva Colvin come corrispondente in Egitto mentre il Times utilizzava come fonte principale CF Moberly Bell "che aveva notevoli interessi commerciali ad Alessandria e le cui opinioni sulla politica erano state modellate da un amico ben informato – Colvin….Quindi, tutte le informazioni ufficiali pervenute a Londra nel 1882 soddisfacevano perfettamente i requisiti del partito in avanti nel gabinetto… (Hopkins, 1986, p.383) Bell era un altro EF.

Blunt sapeva della manipolazione della stampa: " Reuter [il servizio di notizie] in particolare era il servitore e il portavoce dell'agenzia inglese e i telegrammi inviati a Londra erano sotto censura [dell'ufficio estero]. Questo tipo di manipolazione degli organi di informazione pubblica nell'interesse della nostra diplomazia esiste in quasi tutte le capitali in cui risiedono i nostri agenti ed è un potente strumento per fuorviare il pubblico di casa. In tempi normali i nostri funzionari hanno avuto completa autorità sia su quali notizie dovrebbero essere inviate a Londra, sia su quali notizie, ricevute da Londra, dovrebbero essere pubblicate in Egitto. È molto necessario che questa, la vera condizione delle cose, sia tenuta costantemente presente dagli storici quando consultano gli archivi dei giornali di questi anni in cerca di informazioni». (WB, 1907, p.134)

Cromer era stato segretario privato di suo cugino, Lord Northbrook, viceré entrante dell'India nel 1872. Nel 1883 era tornato al Canale e aveva il comando: "Dal 1883, quando fu nominato agente e console generale britannico, fino al 1907 , Baring era virtualmente il sovrano dell'Egitto.' (TF, 1984, p.43, p.50, fn, 21) Secondo il rapporto della stampa massonica inglese già citato nel 1883, ' uno dei primi effetti della spedizione militare britannica in Egitto' fu una rinascita di ' Corpi massonici che lavorano sotto la (GLE)'. [ccclvii] Nella sua scettica "biografia politica" di al-Afghani, l'accademica statunitense Keddie ha ipotizzato che l'uso di " simboli e slogan massonici, incluso il triangolo massonico e i punti"in una lettera minacciosa anonima nel 1883 a Malet al Cairo proveniva da lui o da una sua cerchia, ma non portò oltre questa affermazione. [ccclviii] Le note logge EF si esaurirono nuovamente negli anni '80 dell'Ottocento quando il loro lavoro era forse percepito come compiuto, ma la "Massoneria" non scomparve. [ccclix] Il Ministero degli Esteri britannico in Egitto, che significava Cromer, Malet e Colvin, continuò a "monitorare" tutti gli attivisti massonici conosciuti e ad "esaminare" i periodici massonici: " I documenti studiati da Elie Kedourie lasciano pochi dubbi sul fatto che, ad esempio, il Il Ministero degli Esteri britannico aveva aumentato la sua tendenza a considerare le attività massoniche locali nell'Impero Ottomano principalmente in termini politiciAl Cairo, in particolare, il regime di occupazione britannico stava diventando abbastanza preoccupato per le sfumature nelle diverse lealtà massoniche... da chiedersi se un rapporto speciale con i massoni in Egitto non fosse necessario se non altro per assicurare un utile monitoraggio del Grande Oriente ottomano.' [ccclx] (Il mio corsivo)

Moberly Bell fu chiamata a casa della metropoli nel 1890 per dirigere il Times . Il suo sostituto e altri "collegamenti", compresi quelli a The Spectator, sono stati vinificati e cenati da Cromer per garantire una cooperazione continua. [ccclxi]Il numero di agenti inglesi/britannici 'a portata di mano' – militari/diplomatici/commerciali/indigeni deve ancora essere sommato, ma non ho dubbi che fosse alto. La posta in gioco geopolitica era considerevole e la competizione per l'"intelligence" era intensa. Abbiamo già incontrato un certo numero di agenti militari e notato che i loro background condivisi includevano le capacità di rilevamento e cartografia di RE, i vantaggi in rete di EF e dei circoli della nobiltà inglese e forti credenze cristiane basate sulla Bibbia. La maggior parte sosteneva la "restaurazione ebraica", alcuni cercavano "L'Arabia per gli arabi":

 

Gordon RE e cristiano mistico

Warren EF & RE

Gill RE e EF anglicano?

Palmer EF e Christian EF?

Conder RE e Christian EF?

Kitchener EF & RE & High Anglicano

Burton EF

CW Wilson EF & RE

 

Sarebbe una straordinaria coincidenza se questi uomini si trovassero in Egitto per scopi diversi da quelli di spionaggio e se le logge non facessero parte del loro mandato. Alcuni sono noti: ' La spedizione in Egitto del 1882 beneficiò di informazioni militari molto complete, raccolte con cura durante una precedente sparatoria e viaggio turistico da un maggiore AB Tulloch, che, insieme al giovanissimo Kitchener, entrambi sotto mentite spoglie, condusse anche una ricognizione ferroviaria clandestina .' [ccclxii] Conder si unì a Wolseley al Cairo come vice aiutante aiutante e quartiermastro generale nel "dipartimento di intelligence" e lavorò al fianco di Kitchener. Dopo il 1882 fu invalidato a casa. [ccclxiii] Una targa commemorativa a Palmer e al capitano Gill svelata nella cattedrale di St Paul a Londra affermava che erano stati"viaggiando per servizio pubblico quando furono uccisi a tradimento e crudelmente". [ccclxiv] Le esperienze di raccolta di informazioni di Gill furono descritte come i viaggi di un entusiasta: '(Egli) entrò nei Royal Engineers nel 1864. Essendo un uomo di grande energia e intraprendenza, con sia il gusto del viaggio che i mezzi per gratificarlo, egli aveva guadagnato una notevole reputazione come esploratore dei distretti sconosciuti dell'Asia centrale...' (AH, 1894, pp.5-6) ​​Dopo aver condotto un'indagine sugli ordigni dell'Irlanda, che senza dubbio aveva intenzioni strategiche, Wilson dal 1879 al 1882 era stato Console -Generale in Anatolia, con Kitchener come uno dei suoi viceconsoli. Il suo necrologio nel 1905 registrava che 'mentre in Anatolia fu inviato su commissione speciale in Bulgaria, Roumelia e Asia Minore. Per questi servizi è stato nominato KCMG.' Continuò: ' Quando i problemi in Egitto stavano preparando nel 1882, Sir Charles Wilson si offrì volontario per un servizio speciale... e il suo splendido lavoro nel ramo dell'intelligence delle forze britanniche portò alla sua nomina a vice aiutante e quartiermastro generale...' [ccclxv] Il loro comandante, Sir Garnett Wolseley, anche lui EF, deteneva già il titolo di aiutante generale. Potrebbe sembrare che questa raccolta di cristiani EF impegnati fosse a disposizione in Egitto perché erano stati selezionati personalmente da Wolseley o forse avevano risposto a una sorta di impegno fraterno che ciascuno aveva fatto con Wolseley. Ma, secondo Snook, storico militare e ufficiale in servizio, questi uomini non erano i più grandi favoriti di Wolseley, il suo "Anello": "Era noto per aver fatto un uso ripetuto nelle sue campagne della stessa cerchia di subordinati di talento... (non) contento di mobilitando semplicemente l'Anello ogni volta che scendeva in campo, (Wolseley) era anche propenso a richiedere i servizi di unità composite di uomini scelti a mano...'.Quelli nella sua cerchia ristretta includevano Sir Evelyn Wood, Sir Redvers Buller, Sir Frederick Stephenson e Henry Brackenbury, ufficiali che avevano servito con lui sin dalla Crimea o in Africa. Costituivano uno degli ultimi esempi della cricca personale di un generale, o quello che i favoriti di Walpole conoscevano come patronato. I primi due nominati erano EF conosciuti, mentre Brackenbury in seguito divenne il primo Direttore dell'intelligence militare dal 1886, quando quella posizione fu creata sulla base del lavoro svolto da Wilson e Baring presso il Dipartimento di topografia. [ccclxvi] Il superiore di Wolsley, il duca di Cambridge, era, dal punto di vista di Wolseley, " il vecchio coccodrillo", ma fu lui a pensare che l'approccio di Wolseley fosse " lesivo per gli interessi più ampi del servizio".

Blunt era sicuro che: '(il nostro) governo aveva ragioni speciali per risentirsi per la loro morte [di Palmer e del suo partito] e dopo la fine della guerra un ufficiale inglese (Warren, fu inviato nella regione per esercitare la giustizia britannica)... Questo dovere ha svolto portando a Suez decine di beduini, uomini, donne e bambini, e selezionandone cinque per l'impiccagione mentre gli altri furono detenuti per molti mesi in prigione come ostaggi di personaggi più importanti ancora latitanti.'In apparente riconoscimento del suo successo, nel 1883 Warren fu nominato Cavaliere di Giustizia dell'Ordine di San Giovanni di Gerusalemme. Poiché il suo addestramento insisteva sul fatto, teneva appunti dettagliati e lui e Besant aiutarono un altro collega militare, il capitano Haynes, a preparare un resoconto positivo di questa spedizione. Pubblicato nel 1894 e dedicato a Lord Northbrook, Primo Lord dell'Ammiragliato al momento dell'invasione, fu introdotto con il seguente: '...Forse non è ancora giunto il momento di dire tutta la verità su questa spedizione. Si conoscono cose – non parlo di cose legate alle sue istruzioni, ai suoi poteri o al Governo – che non sono facili da provare, eppure sono ben note a pochi. Basta qui dire che i veri assassini di questo studioso e dei due valorosi ufficiali caduti con lui non furono i disgraziati che furono giustamente impiccati per essere gli arnesi, ma altri». [ccclxvii]

Warren era accompagnato da duecento soldati e altre persone di supporto: "(L ) è sorta la domanda se dovremmo essere nei limiti della legge nell'arrestare qualsiasi bedui travestito che potrebbe entrare di nascosto a Suez, (abbiamo scoperto) questo non avrebbe incontrato opposizione dalle autorità egiziane, a condizione che prendessimo le ragionevoli precauzioni per evitare di arrestare la persona sbagliata...' Era 'intraprendente': ' Sarebbe fuori luogo descrivere i servizi segreti organizzati dal colonnello Warren in questa faccenda, ma ben presto il successo risultò da le sue operazioni...' (AH, 1894, p.52) Il testo continuava in questo modo:«(Il) beduino osservava con stupore la precisione con cui il colonnello Warren ottenne successo dopo successo nella sua inchiesta. Del tutto ignaro dei suoi metodi per soppesare le prove di tutti coloro che avevano qualcosa da dire sulla questione, per mettere insieme ed estrarre il vero dal falso mediante confronti minuziosi e continui delle prove di un uomo con un altro... (Giorni) su giorni di paziente , esame spietato e controinterrogatorio... con uno scriba che registra tutto ciò che è stato detto.' (AH, 1894, p.150) I descrittori biblici erano legati alla geografia del deserto. Il monte Serbai è descritto come 'la scelta di Dio del luogo in cui il Suo popolo eletto dovrebbe adorarLo ', e Jebel Musa come 'il pulpito Roccia del Legislatore (Mosè).' (AH, 1894, p.192) Il partito ovviamente non stava solo cercando sospetti, ma raccoglieva anche dati dettagliati di possibili "combattenti" che ciascuna tribù poteva mettere in campo, cifre rilevanti solo per la futura attività militare. Palmer aveva ipotizzato 50.000. Warren concluse che la cifra era più vicina a 6.000: " Il 17 gennaio (1883) iniziammo un'indagine sulla bussola di Wadi Sadr [dove avvennero le morti] effettuando allo stesso tempo un attento esame del terreno che portò alla scoperta di molti cimeli degli uomini assassinati... L'ubicazione del luogo effettivo dell'imboscata è stata fissata dal ritrovamento di una macchia di sangue sulla strada che portava al wadi.' (AH, 1894, p.218)

Warren doveva essere il pubblico ministero degli uomini arrestati in tribunale, ma presumibilmente per considerazioni di un possibile conflitto di interessi, quel lavoro fu intrapreso da Burton per i cinque giorni del processo. Dal 1873 era stato nelle 'sinecure' consolari di Trieste da dove si era rivolto continuamente a personalità influenti chiedendo di essere rimandato in Afghanistan. Ha promesso che sei mesi di lavoro avrebbero rivelato tutto ciò che il governo aveva bisogno di sapere sulle intenzioni russe. Una lettera nota era all '"inviato segreto" della regina Vittoria, il generale William Wilde Lovell, il biografo di Burton, è rimasto sorpreso dal tono informale di questa lettera:perché indica una conoscenza che non è mai stata esplorata... Perché Richard dovrebbe scrivere a quest'uomo... a meno che in qualche modo non fosse stato avvisato di missioni di intelligence... allora in discussione?' (Lovell p.591) Lovell nota l'amicizia di Palmer con i Burton, che Palmer era stato un "agente" prima del 1882 e che Burton, sebbene a Trieste, era stato inizialmente incaricato di trovare la festa: " (Richard) aveva visto Palmer l'ultima volta diciotto mesi prima... Poi, Palmer era impegnato nella raccolta di informazioni per l'esercito britannico e, come risultato di questo incontro, Richard iniziò a prendere nota delle informazioni appropriate.' [ccclxviii] Nelle parole di Burton: 'Concordammo che dovessi andare a Ghazzah e cercare i 21 assassini fuggitivi lungo la strada a nord. L'ho fatto, ho sistemato tutto ed ero pronto per iniziare quando ho ricevuto a Giaffa un altro (telegramma) che mi invitava a tornare a Trieste. Quindi li ho dannati tutti e l'ho fatto. Questo mi sta semplicemente prendendo in giro. Volevano il mio nome mentre la Camera dei Comuni era seduta e poi – niente. (L, 1998, p.674

Kitchener in seguito scrisse: " L'energica azione del colonnello Sir Charles Warren nella cattura e nell'assicurare alla giustizia gli autori del crimine ha creato una profonda impressione (tra gli arabi) e ritengo che l'intera penisola sia ora, per i viaggiatori stranieri, al sicuro come , se non più sicuro di quello che era in precedenza.' (AH, 1894, p.272, citando Kitchener's Seir and Moab .) Alla Camera dei Comuni, tuttavia, si affermava: ' ...il colonnello Warren non si era scrupolo, con l'uso della doppiezza, della forza o della tortura, di estorcere confessioni, o pseudoconfessioni, di quegli incriminati». Il ministro responsabile non ha risposto. Lord Northbrook ha difeso Warren per la sua "galleria, determinazione, buon giudizio e una mente perfettamente giudiziaria.' Gli attacchi personali sono continuati: " L'imboscata con cui è stato catturato il professor Palmer" è stata spiegata come : "resistenza naturale all'invasione e allo spionaggio, alla corruzione e al tradimento della Missione". L'omicidio del professor Palmer e dei suoi compagni è stato descritto... come la giustificabile esazione delle pene della guerra alle spie, e il procedimento del governo nel chiedere e nell'esecuzione della giustizia... ha portato a quello che è stato definito "sanguinoso omicidio giudiziario". (AH, 1894, pp.268-70) Il primo ministro Gladstone inizialmente cercò di processare al-Arabi e di giustiziarlo, descrivendolo come “... un tiranno egocentrico la cui oppressione del popolo egiziano gli lasciava ancora abbastanza tempo, in la sua capacità di Saladino degli ultimi giorni, di massacrare i cristiani”.Dopo aver dato un'occhiata ai diari catturati dall'uomo e ad altre prove, ha scoperto che c'era poco con cui “demonizzare” 'Arabi in un processo pubblico. Le accuse furono declassate, ammise la ribellione e fu mandato in esilio.

Una Commissione è stata nominata per fornire consulenza sulla riorganizzazione della società civile egiziana. L'allora ambasciatore britannico presso l'Impero Ottomano, Lord Dufferin, 1826-1902, ne fu nominato capo e Wilson fu distaccato per assisterlo. Ancora una volta, Wilson è stato "ringraziato dal governo" , in questo caso, "in connessione con il processo di Arabi (Urabi) Pascià". Il passato di Dufferin era quello di un diplomatico/spia tipicamente ben collegato nel ME. Aveva fatto un po' di archeologia biblica negli anni '60 dell'Ottocento, si era cimentato con i geroglifici ed aveva esplorato il Mar Baltico in barca a vela. [ccclxix]Senza dubbio, aveva preso parte allo sforzo locale per facilitare l'invasione ed è stato accreditato di aver assicurato che al-Arabi non si impiccasse, calmando così le preoccupazioni egiziane. Il suo Rapporto pubblicato e le parafrasi che ha ricevuto dalla stampa esemplificano l'imperialismo inglese/britannico nella sua forma più cruda e seducente: estrema arroganza e presunta superiorità travestita dal linguaggio del dovere e dell'altruismo: "abbiamo interferito contro la nostra volontà" , "potremmo non sottrarci al nostro dovere verso gli altri" e "abbiamo i migliori sistemi di governo, gli egiziani sono incapaci, è suo unico diritto dare loro una costituzione perfetta , una forza di polizia efficiente "per far rispettare la legge civile e vigilare sui diritti civili", e'tribunali per offrire loro quella protezione dall'autorità arbitraria che non hanno mai conosciuto prima'. ( Le mie enfasi) [ccclxx]

Kitchener che si crede si sia unito a una loggia del Cairo nel 1883 e altri da allora in poi erano stati invitati dalla PEF a lavorare nel Sinai con un geologo, "un professor Hull", quando "il Mahdi" ("il prescelto") iniziò a scatenarsi attraverso il Sudan, travolgendo un distaccamento dell'esercito inviato contro di lui e minacciando l'enclave di Khartoum. Nominato "Commissario speciale per gli arabi" e incaricato di comandare 1.500 uomini, Kitchener " raccolse informazioni e si assicurò la lealtà delle tribù mediante un'attenta distribuzione dei sussidi". Seguendo la stessa strategia che aveva annullato Palmer e il suo partito, è stato autorizzato a consegnare tangenti fino a GBP 10.000. [ccclxxi]L'invasione dell'area del Canale aveva reso il governo britannico moralmente responsabile della legge e dell'ordine lungo il Nilo, e mentre Gladstone continuava a insistere sull'intenzione della Gran Bretagna era di ritirarsi il prima possibile, i suoi uomini a terra avevano altre idee o erano confusi da circostanze. A casa dal Sudan, dove era stato viceré dal 1873 al 1880, il "cinese" Gordon fu festeggiato come un eroe e poi il suo amico "Elphi", Howard Elphinstone, gli chiese di assumere il suo incarico: il comando dei Royal Engineers a Mauritius. Gordon era al suo posto solo pochi mesi prima che il re belga cercasse di nuovo di mandarlo a Basutoland. Lord Ripon, viceré designato in India gli offrì il posto di segretario che accettò e poi si dimise subito dopo essere arrivato nel subcontinente. Nel 1882-3 si trovava in Palestina presumibilmente per tracciare eventi e luoghi biblici a proprio vantaggio. Nel gennaio 1884, era a Bruxelles per essere preparato dal re del Belgio quando fu "convocato" a Londra. Lì, è stato informato e immediatamente spedito 'per posta per Brindisi' per 'recuperare' in qualche modo le truppe assediate e gli abitanti minacciati a Khartum. [ccclxxii] Il suo stato d'animo, l'intelligence dell'esercito e le carenze amministrative, lo stato del Nilo e l'abilità inaspettata del Mahdi si unirono per tenerlo in città fino a quando qualsiasi ritirata non fosse diventata impossibile. Quando alla fine fu presa la decisione a Londra di cercare di salvarlo con un'altra forza guidata da Wolseley, Kitchener e Wilson furono nuovamente coinvolti nel dipartimento di intelligence. Un distaccamento comandato da Wilson fu il primo a raggiungere Khartoum, ma era in ritardo di due giorni. La versione di Snook incolpa Wolseley per il fallimento, mentre i rapporti del generale hanno fatto esplodere altre persone di Gladstone. Ha in particolare incolpato Wilson che è stato restituito in Irlanda e ha svolto un lavoro di rilevamento.

Kitchener è rimasto nella zona. Indossava l'abito arabo e cadeva nel tipo di cortesia araba in modo così efficace che nemmeno i suoi occhi azzurri del nord non lo tradivano. Soprattutto, simpatizzava con il carattere arabo; e in mille luoghi disseminati sulla mappa dell'Africa nord-orientale si fece degli amici e quindi dei nemici del Mahdi. ..." Seguì Warren nel governatorato dei Territori del Mar Rosso, in pratica poco più del porto di Suakin alla fine degli anni '80 dell'Ottocento. Divenuto Sirdar dell'esercito egiziano nel 1892, con il grado di generale di brigata e poi di maggiore generale, nel 1896 ebbe finalmente la possibilità di guidare le forze britanniche ed egiziane "su per il Nilo". Dopo la sua sconfitta dell'esercito del Mahdi, Kitchener fu nominato aiutante di campo della regina e nominato cavaliere comandante del bagno: '(Lui) era un soldato di notevoli energie, la maggior parte delle quali furono incanalate nell'avanzamento della sua carriera. Era un imperialista devoto che credeva di fare la guerra... in nome della civiltà, una considerazione che non gli impediva di trattare i suoi nemici con estrema spietatezza.'

Blunt, ancora escluso dalla regione, ha bombardato i giornali di Londra con accuse di brutalità dell'esercito, l'incendio di ruote idrauliche, il riempimento di pozzi e, in generale, la creazione di caos sociale. In seguito fu in grado di elencare le ricompense date a Wolseley, Colvin e altri, per quello che giustamente definì "l'errore egiziano". [ccclxxiii] Ha continuato a pubblicare altre "storie segrete" per esporre le politiche del governo per l'Africa, l'India e l'Irlanda. Ha assistito a quella che ha chiamato la " rivolta dei contadini egiziani"contro il crescente debito che viene loro imposto dalle attività espansionistiche britanniche. Ha sostenuto che le speranze idealistiche di Gladstone per un'inversione delle politiche repressive in India con la sua nomina dell'ex Gran Maestro di EF, Lord Ripon, come GG nel 1883 furono ostacolate e annullate da attacchi orchestrati che Gladstone non fu in grado o non volle respingere: " Gli attacchi contro Lord Ripon furono certamente incoraggiati dai funzionari anglo-indiani; e subito sono stati ripetuti dalla stampa a casa... Il "Times" ha preso l'attacco; il gabinetto era allarmato per la sua popolarità e la regina era scossa dalla sua opinione sul giudizio del suo viceré. Lord Ripon è stato lasciato praticamente solo al suo destino». [ccclxxiv]Sopravvissuto agli attacchi personali compromettendo le sue riforme previste, Ripon nel 1884 tornò nel Regno Unito dove si impegnò negli affari irlandesi. Dal 1892 fu Segretario per le Colonie.

LA CADUTA

PARTE SECONDA: CAPITANO CHARLES WARREN E LODGE OF RESEARCH QC

Preoccupazioni sporadiche erano state espresse dai cittadini, inclusi gli EF, per i problemi "in casa" causati dall'industrializzazione, ma nel 1883-4 la povertà della classe operaia divenne una questione sociale importante quando WT Stead trasformò la Pall Mall Gazette in un diario di crociate. La sua era una risposta a un piccolo opuscolo anonimo, The Bitter Cry of Outcast London , pubblicato nel 1883 e accreditato di aver risvegliato la "coscienza sociale delle chiese" a una contraddizione nel cuore del compiacimento economico e culturale del medio vittoriano. [ccclxxv] Per le classi medie e alte dell'Inghilterra della "fine del 1860 e dell'inizio del 1870 l'utopia liberale non era mai sembrata così vicina" , ma fu radicalmente minata 'dallo spettro del "residuum" dell'East End, la loro ansia aumentava solo quando le " rappresentazioni giornalistiche di GR Sims e Andrew Mearns, e la ricerca sociale guidata da Charles Booth, hanno rivelato la persistenza e la proliferazione del residuo di fronte, ormai , consistenti enti di beneficenza e tentativi statali di sradicarlo». [ccclxxvi] 'Outcast London', le famiglie di lavoratori occasionali colti in un ciclo di povertà endemica, era una comunità 'demoralizzata' 'alla deriva dalla presenza salutare e dalla guida di uomini ricchi e di cultura'. Queste persone erano "una potenziale minaccia per le ricchezze e la civiltà di Londra e dell'Impero" . [ccclxxvii]Devo presumere che i membri del QC abbiano discusso delle sofferenze, degli scioperi e delle rivolte alle sue porte, dal momento che il membro n. 13 del QC Register, Riley, ha scritto un articolo del 1888 nel Freemason's Chronicle sostenendo che la "Massoneria moderna" era per sua stessa natura "un riformatore sociale e morale': ' …La Massoneria è capace di rendere tutti noi uomini più saggi e migliori – mariti migliori – padri migliori e cittadini migliori. Non ci sono buone aspirazioni né tendenze benevole o caritatevoli che non incoraggi: da qui la sua capacità di instillare nei nostri cuori lezioni morali che dobbiamo portare a casa, e...sentirci presenti in tutte le preoccupazioni della nostra vita quotidiana...Vogliamo...quelle ... membri che si sforzano di comprendere il nostro intero sistema, praticano la Massoneria e le cui vite brillano come esemplari viventi dei nostri veri principi...'[ccclxxviii]

Non ci sono prove nei documenti pubblicati che Lodge QC, n. 2076, fosse nemmeno consapevole di avere un contesto domestico. Ma almeno un fondatore non poteva ignorare la realtà. Walter Besant, intorno al 1880, come sua cognata Annie, era personalmente coinvolto nel tentativo di soluzioni pratiche. E come la sua, le sue preoccupazioni erano precedenti alla frenesia dei media del 1883 per i senzatetto. Già scrittore di successo e pur continuando a lavorare come segretario del PEF, ha scritto una serie di romanzi utopici e si è impegnato nel lavoro per migliorare la vita dei poveri di Londra. Nominato cavaliere nel 1895, era l'osservatore sociale e riformatore che QC collettivamente non era. Il suo romanzo fantasy del 1882 sulla rigenerazione dei bassifondi, Tutti i tipi e le condizioni degli uomini, ha immaginato un "Palazzo della Delizia", ​​un luogo per la ricreazione e l'istruzione della classe operaia. Nessuna menzione di questo libro è mai apparsa in AQC , sebbene la sua concezione abbia portato direttamente alla costruzione del Palazzo del Popolo di Londra, con la quale è stato fortemente coinvolto. [ccclxxix]Nel 1884, l'ente di beneficenza Beaumont Trust iniziò a raccogliere donazioni per iniziare la costruzione a Mile-End Road, Whitechapel. Le donazioni si sono esaurite in una recessione di metà decennio ei piani "sono andati sempre più alla deriva" dal suo "Palazzo delle delizie" originale verso le nozioni della classe media di un esperimento professionale improvvisato. Nel 1886, lavorando con l'Esercito della Salvezza, propose una conferenza sul "Lavoro delle donne" quasi nello stesso periodo in cui Annie Besant teneva una conferenza su "I bassifondi e gli uomini che li hanno creati". Le loro preoccupazioni parallele avrebbero potuto generare rispetto reciproco, persino collaborazione. I loro percorsi fisici potrebbero essersi incrociati prima del 1887, quando le loro concezioni della "Massoneria" si scontrarono in circostanze molto drammatiche.

Questo è ancora una volta ironico poiché nei suoi numerosi scritti ci sono indicazioni che l'entusiasmo giovanile di Walter per EF era svanito e che, nella sua maturità, QC non era in cima alla sua lista di priorità. Nella 4a edizione di un'opera di cui è coautore con Palmer su Gerusalemme, scrisse: ' ...(questo fu il primo) scritto negli anni 1870 e 1871...(I) fu allora uno di quelli che le polemiche irritate della Città Santa e la sua topografia era ancora incatenata...' [ccclxxx] Nella 'Prefazione alla prima edizione' appariva questo scettico disclaimer: '…Non c'è niente di sacro negli attori di questa lunga storia che abbiamo da raccontare, e non abbiamo ritenuto necessario dar loro un'aria di santità perché hanno combattuto per la Città delle Sacre Memorie, o perché hanno portato la Croce su le loro spalle. Ci siamo sforzati di mostrarli come erano... sempre uomini e donne, mai santi.' [ccclxxxi] La sua autobiografia ha il suo coinvolgimento con la Massoneria come un ripensamento: '... C'erano molte altre società in cui ero interessato ... Al mio ritorno in Inghilterra mi unii a una loggia. Non sono mai stato un appassionato dei riti e delle cerimonie del (Mestiere), ma ho sempre compreso le sue grandi capacità di forza sociale e religiosa…(Esso) ha sviluppato una specie di dottrina, vaga e senza un credo definito, che è per alcuni dei suoi membri una vera religione...' [ccclxxxii] Un recente recensore del suo libro del 1882 ha segnato la sua coscienza degli ebrei e della loro lingua come lingua franca dell'antico Egitto, Siria, Arabia, Fenicia e Giudea (che) non sorprende dato il sionismo cristiano di Besant (SC, p. 212). [Una delle sue creazioni di fantasia] Angela si riferisce a Fagg [forse lo stesso Besant] come "uno studioso ebreo" la cui ricerca ha avuto luogo al British Museum.'

La Sala di lettura del Museo nel 1889 era, a quanto pare, uno spazio egualitario con "meravigliosa accessibilità" per un ampio spettro di visitatori, che attraversava i confini di classe, nazione, genere e occupazione: " Per alcuni è un laboratorio, per altri un salotto; c'è chi ne fa gli usi più elevati, mentre in molti casi serve da rifugio, — rifugio, in più sensi, per gli indigenti». The Room, visitata molto prima da artisti del calibro del fratello Matthew Cooke, era diventata "una sfera multiuso, una fabbrica della conoscenza, un club, un manicomio" , che come il BM nel suo insieme, contrastava con i club per soli uomini come il QC in il suo approccio al genere e la sua apertura all'attualità: '...(Molte delle) donne (che) erano lettrici al British Museum... hanno partecipato al lavoro di attivisti attraverso pubblicazioni, discorsi o forme di organizzazione per conto dei lavoratori poveri dell'East End.' Queste donne includevano Beatrice Potter (poi Webb), Eleanor Marx e Annie Besant.

Walter ha scritto molto poco sulla sua famiglia immediata - suo fratello Frank è solo vagamente riconosciuto - mentre "non viene dato nemmeno il minimo accenno" di sua cognata. [ccclxxxiii] Frank, timido e metodico, era stato ordinato dal vescovo di Winchester nel 1865, e l'anno successivo aveva incontrato Annie Wood che sposò nel 1867. Quasi immediatamente si erano resi conto della loro incompatibilità. Avida lettrice di volantini e sermoni da ragazza, Annie Besant è stata una delle prime a mettere in discussione la Bibbia, ma il suo marito sempre più violento, ha detto in seguito, era inorridito o "santosamente rimproverato" dei suoi atteggiamenti in fase di maturazione. È stata aiutata a uscire dalla depressione fisica ed emotiva dalla presentazione di un'amica 'alle opere di liberali umanisti e di 'Broad Churchmen' come John Stuart Mill e JFD Maurice' , e da un dottore che ha portato e discusso libri di anatomia, fisiologia e scienza: ' Quando questa crisi fisica finì, Annie decise sul suo futuro linea di condotta... Ha deciso di prendere ogni dogma cristiano insegnato nelle chiese, e analizzarlo ed esaminarlo per una verità dimostrabile.' [ccclxxxiv] Nel 1871, si avventurò in una riunione a Londra dove predicava il reverendo Voysey, recentemente espulso. Aveva deciso di essere un teista piuttosto che un cristiano anglicano. Cioè credeva nell'esistenza e nell'unità di un Dio che è insieme immanente e trascendente nel mondo e con il quale c'è la possibilità di un rapporto personale, ma non credeva più in molte delle dottrine e dei dogmi della chiesa moderna . Apparentemente Annie credeva che suo cognato avrebbe capito la sua situazione. Ha un aneddoto nella sua Autobiografia che suggerisce che pensava che "tutte le persone istruite devono avere le opinioni"pubblicò nel 1873, ma sembra che Walter si rifiutò di sostenerla. Ha provveduto all'educazione di suo nipote, suo figlio, ma sembra aver lavorato dietro le quinte per ridurre il suo progresso pubblico. [ccclxxxv]

Il suo collaboratore dopo il 1874 in materia di ateismo e libero pensiero, Charles Bradlaugh, fondò la National Secular Society nel 1866, ne fu il primo presidente e ne organizzò la Hall of Science nel 1868. Un altro determinato sopravvissuto, nel suo caso, all'ostracismo militare e sociale, bancarotta e moglie alcolizzata, ha presentato Annie al parlare in pubblico di un'ampia gamma di riforme, incluso il suffragio femminile. I loro incontri sono stati interrotti tanto spesso dalla polizia quanto da gruppi di opposizione infuriati. [ccclxxxvi]Nell'articolo di Bradlaugh, i diritti delle donne, il controllo delle nascite, la politica europea e la discriminazione razziale si scontravano con scambi su questioni morali e religiose. Lui e Annie si sono incontrati pubblicamente ma le sue opinioni su EF non sono note. La sua appartenenza al GOF è stata inizialmente accettata da una loggia EF, e quindi da UGLE, ma poi ripudiata con veemenza. [ccclxxxvii]

Bradlaugh aveva preso d'occhio un seggio parlamentare almeno dal 1867, ma la sua salute era già indebolita da anni di privazioni e lunghi orari di lavoro quando gli fu "permesso" di prendere il suo seggio nel 1886. Ancora indebitato, sarebbe morto poco dopo, in 1891, ma come "Bradlaugh MP" abbandonò l'attivismo di strada. Per questo è stato duramente maltrattato da una nuova generazione di socialisti, anarchici, liberi pensatori e sedicenti difensori dei lavoratori, tra i quali c'erano molti come Annie che erano diventati decisamente altamente istruiti e hanno saputo fare un uso efficace delle nuove risorse disponibili informazione. È stata una delle prime donne ammesse all'Università di Londra, ottenendo il massimo dei voti in botanica, ma è stata poi esclusa dai giardini botanici della città. [ccclxxxviii]La sua routine frenetica di parlare e scrivere pamphlet l'ha coinvolta con GB Shaw, William Morris e uomini altrettanto potenti, ma sebbene sia fisicamente attraente e sostenitrice del controllo delle nascite, ha mantenuto gli atteggiamenti pudici, persino "scuolamarmisti" della sua educazione nei confronti della sua educazione più bohémien colleghi. È stata una costante fonte di stupore e notorietà per i "tabloid", ma è rimasta intenzionata a trovare risposte personali alle sue domande originali: dove sta la verità? di chi posso fidarmi? Tra i radicali, la sfiducia di classe, di genere e di razza era diffusa. Il comunismo marxista è stato denigrato come "una scuola straniera" dai membri inglesi della Federazione Democratica che pensavano che "la maggior parte dei socialisti (Karl Marx, Leibnecht, Engels) fossero tedeschi (e) per lo più insolenti e intolleranti" . [ccclxxxix]

 

Germanifobia

 

Diari dotti mostrano che i tedeschi dettano il passo in una serie di aree di ricerca, ad esempio Schliemann nell'archeologia della metà del secolo. Per tutto il 19 ° secolo, gli storiografi massonici tedeschi si opposero strenuamente all'insistenza di EF di sapere meglio. Le risse tra di loro si scaldarono ulteriormente dopo la vittoria prussiana nel 1870-71. Le lotte diplomatiche si sono riflesse nelle proteste di piazza contro gli immigrati tedeschi, molti dei quali erano ebrei. Quando il giovane Kaiser Wilhelm salì al potere nel 1888, licenziò il cancelliere Bismarck e cercò di aumentare l'influenza della Germania attraverso una politica aggressiva nota come "Weltpolitik". La risultante "corsa agli armamenti" navale aumentò le tensioni e generò ulteriori ondate di disagio, alcune espresse in forma letteraria, ad esempio nel "romanzo di invasione" come La battaglia di Dorking, in cui la Gran Bretagna è stata minacciata dalle forze tedesche. C'erano soldi da guadagnare anche mescolando questa pentola. Nel 1894 Alfred Harmsworth, in seguito visconte Northcliffe, incaricò l'autore rabbioso e anti-tedesco William Le Queux di scrivere il romanzo a puntate La grande guerra in Inghilterra nel 1897 , in cui Germania, Francia e Russia si univano per schiacciare la Gran Bretagna. Nel 1896, il Kaiser si congratulò con il presidente Kruger del Transvaal per aver resistito al "Jameson Raid", un intervento opportunista di una forza mal organizzata, ispirata da Cecil Rhodes se non sotto la sua direzione, per prendere Johannesburg dai boeri. Penman, scrivendo nel 1967, pensava che il Jameson Raid fosse "fatto saltare in aria... a pezzi"il cameratismo massonico di Rodi e i membri olandesi della sua Loggia Goed Hope. Un amministratore britannico in Africa nel 1890 scrisse: ' ... Il Jameson Raid convertì l'antipatia, che stava crescendo tra gli inglesi del Sud Africa e del Regno Unito da un lato, e i boeri del Transvaal dall'altro, in un odio positivo.' Tra le altre conseguenze, la "Massoneria" in Sud Africa è stata aggregata a società segrete come l'incipiente Broederbond e abrogata dalla potente Chiesa riformatrice olandese. Tuttavia, il raggruppamento nazionale più evidente, diverso da quello inglese/britannico, tra i primi contributori e partecipanti di QC è stato quello dei "tedeschi".

Anticipando l'istituzione di QC, un editoriale del Rev Woodford dell'aprile 1880 su The Freemason osservava: '...Ci sono molti scrittori tedeschi, e uno o due americani, che potrebbero essere menzionati, ma tutti hanno difetti di critica carente. I fratelli D. Murray Lyon, WJ Hughan, Gould, Woodford e Whytehead possono essere tutti citati in Inghilterra per aver cercato di fondare una scuola critica massonica inglese, che si sforza di dimostrare che i massoni inglesi possono raccogliere accuratamente prove, verificare le autorità e scrivere in modo corretto e spassionato... ' [cccxc] Più tardi in quello stesso anno scrisse: '…Un fatto è davvero notevole per lo studente massonico, – i passi in avanti e rapidi della massoneria cristiana. Sta rapidamente assumendo una posizione di primo piano, ed è possibile che questo movimento, questa ricorrenza al precedente insegnamento delle corporazioni cristianizzate, senza intolleranza verso altri insegnamenti, sia destinato a essere un "segno" dell'epoca in cui viviamo...' [cccxci] Nel 1881 scrisse più a lungo: ' È ben noto a molti studenti massonici... quanto sia importante, nella storia degli Steinmetzen tedeschi, ad esempio la leggenda del 'Quatuor Coronati' suona... Bro Findel ha basato principalmente su questo fatto la derivazione della Massoneria inglese dal tedesco. Ma un'analisi critica della sua argomentazione non supporta affatto una conclusione così affrettata...' [cccxcii]La sua Orazione del 1886 in apertura del controllo di qualità consentiva che fossero gli Steinmetzen ad aver avuto i quattro martiri come "primi santi protettori", ma che l'affermazione di Findel del 1870 secondo cui la leggenda di Quatuor Coronati era " una prova dell'origine tedesca della massoneria inglese" non poteva essere sostenuto. [cccxciii]

Il famoso storico inglese Trevelyan, prima della guerra del 1914 si lamentava del fatto che "gli storici di oggi sono stati addestrati dalla gerarchia germanizzante " a considerare la "storia" non come una "storia" ma come una "scienza". Nelle parole di Evan, Trevelyan pensava: " le tendenze germanizzanti del periodo... erano autoritarie e gerarchiche, e inadatte alle tradizioni intellettuali liberali di (Inghilterra)". [cccxciv] Affinché la Loggia QC avesse istituito negli anni '80 dell'Ottocento un approccio basato sui fatti alla ricerca massonica, per non parlare di realizzare una storia completamente "scientifica" della Massoneria, avrebbe dovuto essere decenni avanti rispetto alla maggior parte degli storici inglesi professionisti. Nel contesto, il nome assunto da Loggia 2076 negli anni 1880 era un lampone, un dito di provocazione per gli storici tedeschi e la Massoneria tedesca.

Speth, il primo segretario di QC, è stato piuttosto irremovibile nel suo capitolo sugli scalpellini tedeschi nel volume 1 di The History di Gould : "Che i primi semi dell'architettura in Germania siano stati piantati dai missionari cristiani [cioè dall'esterno della Germania] è indiscutibile". [cccxcv] La sua certezza dopo solo un breve studio del materiale è notevole. Nella sua prima e seconda presentazione di QC nel 1886, decise di demolire il collegamento Steinmetzen e porre fine a ogni pensiero su un debito EF con la storia tedesca. [cccxcvi] Credeva di poter 'smascherare' gli studiosi 'inventando' il nesso: ' A questo scopo propongo di dare un'occhiata alle opere di quegli autori che hanno contribuito a questa teoria.'Il fatto che il famoso Bro Mackey e altri negli Stati Uniti avessero adottato la teoria di Steinmetzen mostrava solo la loro creduloneria, a suo avviso. Anche sulla pagina, l'articolo di Speth sembra melodrammatico e molto acceso: ' ...(Noi) possiamo concludere che i seguaci di Fallon erano dotati di tutta la fede cieca e indiscutibile dei bambini piccoli, ma erano liberi dalla loro goffa propensione a porre domande intempestive.'( p.23)

Nel 1889, la sua traduzione di un articolo di Cramer, "Le origini della massoneria" seguì la sua revisione non firmata quell'anno del testo più ampio del tedesco. La recensione affermava una "differenza fondamentale" tra due distinte " Massonerie ", non più precedenti e successive al 1717, ma "germaniche" e "britanniche" e quindi diverse a causa della diversa natura delle persone coinvolte: ) non è sufficiente che la Massoneria sia . (Quell'essere) senza piani definiti di tipo globale (tende solo) al miglioramento dell'umanità. Vogliono sapere dove stanno andando, perché stanno andando lì, e (poi) seguire questo percorso...' [cccxcvii][Il mio corsivo] Fra Cramer, parafrasò, pensava che la Massoneria dovesse essere "un grande mondo e una società che riforma le buone maniere", una banda di missionari addestrati ad attuare la "riforma delle scienze sociali": " Dà istruzioni per testare i candidati, istruzioni perfette per a modo loro, ma che sarebbero... (escludere) 99 muratori inglesi su 100... Avendo acquisito questi membri... la loggia deve prima formarli al suo scopo. La disciplina comprende la pratica di un severo esame di coscienza quotidiano e, peggio di tutto, la sottomissione delle proprie azioni alla critica della confraternita». Teutonica e quindi per definizione estrema, la Massoneria di Cramer non doveva essere intrattenuta: '…Noi in Inghilterra siamo un popolo pratico, che provvede a ogni caso quando si presenta, e non molto dedito all'analisi o alla determinazione dell'eterna idoneità delle cose. In questo spirito abbiamo colto la Massoneria. È cresciuto e si è sviluppato tra noi – non è ora, nella sua essenza e natura, quello che era 150 anni fa – ma non gli abbiamo mai dato una tendenza, deliberatamente o consapevolmente, in questo modo o nell'altro…”

Il resoconto di Cramer delle origini della Massoneria descriveva in dettaglio i conflitti religiosi e politici inglesi durante il XVII e il XVIII secolo e concludeva che: "Ora non possiamo più dubitare che le Logge dei massoni sorte nel 1717 non fossero altro che un nuovo tipo di Club ..." Inizialmente intento a mostrare una socialità apolitica e tollerante in azione, '(la) giovane istituzione... è entrata in un lungo periodo di decadenza e scisma .' Di particolare rilievo agli occhi dei tedeschi era che: ' ... Nessun incoraggiamento, nessuna indicazione per attività intellettuali è stata data alle nuove logge, nessun sostegno, nemmeno il rituale, la cui conoscenza era tuttavia richiesta da tutti i membri...' (Schiffman citato da Cramer)... '(Tale) è rimasto in Inghilterra fino ai giorni nostri; la prima accusa è stata leggermente modificata per quanto riguarda la sua verbosità, ma rispetto alla Massoneria e al suo scopo non è di un briciolo più esplicita che nel 1723.' (p.108) In AQC , Speth ha respinto la tesi centrale di Cramer definendola " troppo visionaria e impraticabile per gli inglesi": "...La teoria qui esposta non è assolutamente nuova - è stata a lungo sostenuta da una grande scuola di pensatori tedeschi... (maggio) siamo preservati dal seguire il filo del pensiero francese, mentre per i tedeschi è molto bello e lodevole, ma del tutto diverso da qualsiasi cosa la Massoneria sia mai stata, o è, o probabilmente sarà». [cccxcviii]

RF Gould, meglio conosciuto di Speth come storico massonico, era equivoco. In The History ha fatto riferimento agli Steinmetzen e alle possibili origini tedesche di EF, solo per inviare i lettori al Capitolo 3 (Speth). Nel primo articolo di Lodge QC, "On Some Old Scottish Customs", ha trattato la "Massoneria scozzese come qualcosa di distinto e diverso dalla Massoneria d'Inghilterra" e ha cercato sostegno per la sua posizione in una citazione "riguardante il punto molto controverso se la Massoneria di queste isole ricevette in qualsiasi momento una sfumatura gallica o tedesca': "La conquista del sud [nel 1066] ovviamente cambiò la sua posizione verso il nord, l'Inghilterra divenne Normandizzata, mentre la Scozia non solo mantenne il suo vecchio carattere teutonico ma divenne una luogo di rifugio per i fuggiaschi sassoni”.[cccxcix] Nelle sue memorie molto più tardi, Gould non elogiava apertamente nessuno dei suoi co-fondatori, celebrando invece quattro "eminenti studiosi", il primo dei quali era tedesco: Begemann, Klein, Crawley e D'Alviola. Ma nonostante Gould abbia affermato di ritenere che il lavoro di Begemann fosse "magistrale", e nonostante nove delle carte di questo fratello tedesco fossero considerate adatte perThe Transactionstra il 1886 e il 1908, Begemann non fu mai ammesso all'"Inner Circle" di QC. La traduzione del suo meticoloso lavoro nelle origini della Massoneria scozzese, irlandese e inglese è stata continuamente bloccata all'interno del QC e, a volte, è stato apertamente denigrato. Fino al 1971 i suoi contributi sono stati spesso esclusi del tutto dagli indici prodotti da QC. Bernheim ha dettagliato questa triste storia e ha concluso che anche un "tributo tardivo" dato da Knoop e Jones nelle Transazioni del 1943 e nel loro libro del 1946, The Genesis of Freemasonry , era problematico. Il suo suggerimento sulla causa sottostante sembra eccessivamente generoso a EF: '... Begemann ha trasgredito una legge non scritta della Loggia Quatuor Coronati - solo gli storici nativi possono esercitare critiche sulla storia massonica del proprio paese - che va così lontano che una sorta di autocensura fa sì che la maggior parte dei membri inglesi si astenga dal commentare la massoneria scozzese e irlandese storia.' [cd]

 

Warren come poliziotto imperiale

 

Studiosi premurosi hanno collegato i movimenti Home Rule in Sud Africa e Irlanda, ma non per motivi di spionaggio. Il piano di Carnarvon per proteggere la "civiltà bianca" in Africa crollò nel 1878, come era stato previsto quando lo propose. In qualità di segretario coloniale britannico nel 1874 aveva imposto il "suo" sistema di confederazione canadese ai vari stati dell'Africa meridionale per impedire una "sommossa generale e simultanea di Kaffirdom contro la civiltà bianca". Non peggio di altri schemi basati su Whitehall per salvaguardare il controllo del Capo, il suo piano è stato attuato particolarmente male. [cdi] Qualunque fosse il dettaglio della politica, la conoscenza locale non era considerata importante, le reti indigene non erano considerate utilizzabili e il campo era lasciato ai missionari che portavano un approccio diverso: ' (In Africa c'era un potente corpo di filantropi cristiani che credevano che queste razze [indigene] potessero essere elevate a standard di istruzione e condotta che le avrebbero collocate accanto agli europei.' [cdii] Le teorie sul fatto che i popoli indigeni fossero ostacoli alla civiltà, o, in alternativa, che fossero stati crudelmente soppressi dai loro governanti o da mercanti di schiavi e avessero bisogno di essere salvati, furono spinti al governo, in conferenze pubbliche, al governo e nelle università dove divennero nuove discipline come l'antropologia. [cdiii]Il successore del dottor Livingstone alla London Missionary Society, un appassionato sostenitore dei diritti indigeni, il reverendo John Mackenzie, è stato nominato vice commissario per il Transvaal dal rieletto ma diviso Gabinetto Gladstoniano che si è sforzato molto di evitare un costoso intervento militare. Ma, " le sue azioni non piacevano a nessuno". [cdiv] Avendo avuto successo nella sua parte del progetto egiziano, Warren, nel dicembre 1884, fu nominato Commissario speciale di Sua Maestà per affermare la sovranità britannica sul Bechuanaland. Alla guida di 4.000 uomini in "una spedizione militare" raggiunse i suoi obiettivi, apparentemente senza spargimenti di sangue. Ma dal momento che aveva assunto Mackenzie come suo consigliere, cosa che probabilmente mostra la sua lealtà religiosa, Rodi tenne il broncio, i negoziati si interromperono e la situazione si trasformò in un'ulteriore intransigenza. Gladstone fu estromesso dagli elettori, Warren, richiamato dal leader Tory Salisbury, tornò a Londra alla fine del 1885 come Cavaliere di Gran Croce di San Michele e San Giorgio e come candidato del Partito Liberale per Sheffield.

QC Lodge aveva ricevuto il suo statuto, che le permise di iniziare ad operare, nel 1884, ma poiché gli altri fondatori scelsero di aspettare il ritorno di Warren dal Bechuanaland, non fu "consacrato" finché non fosse tornato nel paese e la sua offerta parlamentare fosse stata fallito. Il suo insediamento come Worshipful Master [WM] di QC avvenne il 12 gennaio 1886, la sua nomina a "comandare le truppe" e " amministrare il governo civile " a Suakin [porto del Mar Rosso per il Sudan] divenne nota il 19 gennaio, ed era di nuovo ad Alessandria, in Egitto, il 29, due giorni dopo che il governo Tory di Salisbury aveva scelto di cedere l'incarico a Gladstone e al Partito Liberale.

Contrario all'Home Rule, Salisbury era stato informato che ulteriori bombardamenti feniani erano imminenti. Con quasi l'ultimo respiro il suo governo ha rimosso il posto di blocco a Bradlaugh che prendeva il suo seggio alla Camera e si è lasciato sconfiggere con un voto minore. Salisbury era fiducioso che un'alleanza Gladstone / Parnell non potesse reggere e consentire al GOM e ai liberali di sopportare le conseguenze dei crescenti disordini avrebbe potuto comportare un ritorno in carica dei conservatori con l'agitazione irlandese e l'opposizione liberale offuscate irreparabilmente. ...Il gioco di Lord Salisbury era 'rischioso e subdolo'...:'attirare la leadership liberale in una trappola da cui non poteva sfuggire, castrandola così proteggendo l'Unione [con l'Irlanda] che ha sempre creduto che la Gran Bretagna avesse un debito d'onore per difendere.' [cdv]

Al breve ritorno al potere del suo partito a metà del 1885, Carnarvon era stato nominato Lord Luogotenente d'Irlanda, il suo periodo in carica notevole solo per un conflitto sulla veridicità personale tra lui e il principale parlamentare irlandese, Parnell che aveva incontrato "segretamente", presumibilmente su richiesta di Howard Vincent, Direttore uscente del CID. [cdvi] Il leader Tory, Salisbury, pensava che Carnarvon "un magnate Tory della vecchia scuola, affidabile e, cosa più importante, disponibile". [cdvii] Il Primo Ministro in seguito avrebbe "negato ad alta voce di essere a conoscenza dell'incontro di Mayfair, costringendo allo stesso tempo Carnarvon al silenzio".Dopo che quel ministero lasciò il posto a quello di Gladstone all'inizio del 1886, Carnarvon, senza una posizione ufficiale nel governo, intraprese un viaggio per il mondo "per la sua salute" apparentemente per volere del suo Gran Maestro, il Principe di Galles. Daniel ha contestato le affermazioni di Harland-Jacobs secondo cui:

* nella sua visita in Sud Africa (nel 1887) “i suoi… programmi imperialisti e massonici si fusero”,

* ha viaggiato come "rappresentante ufficiale di" e "ambasciatore entusiasta" per la Lega della Federazione Imperiale, e

* a “Ogni passo lungo la strada ha radunato i Massoni alla causa dell'Istituto Imperiale. [cdviii]

Daniel ha affermato che "Carnarvon non ha sfruttato la Massoneria mentre si trovava in Sud Africa per la promozione di idee specificamente coloniali o imperiali". [cdix] Il programma punitivo di viaggi/visite/discorsi che ha intrapreso lì nell'arco di 13 giorni e la sostanza dei discorsi che ha pronunciato suggerisce il contrario. Daniel ha svalutato il proprio caso basando le sue affermazioni sulla retorica, non sulle prove. Ad esempio, affermò apertamente: ' Come massoni, i membri delle Costituzioni 'olandese' e inglese in Sud Africa non avevano programmi politici, nazionali o imperiali...' Il resto di questa frase, affermando che: '... Il desiderio reciproco (dei massoni) di promuovere la moralità sociale e la loro capacità di trascendere le loro differenze "razziali", erano valori e punti di forza che Carnarvon poteva giocare e sostenere, come massone e come statista.' è un tentativo, tra l'altro, di decontestualizzare questo 'statista' togliendo dalla considerazione l'arena estremamente instabile in cui si stava muovendo. Ma, dopo aver sostenuto che i massoni non hanno un'agenda, Daniel ha poi affermato che la "strategia" massonica che Carnarvon stava perseguendo rafforzerebbe il Sud Africa e quindi aiuterà nel " mantenimento dell'impero" ..'(p.147) Poche pagine prima, Daniel era felice di notare che dopo aver insediato il Principe di Galles come GM nel 1874 aveva consigliato a quel degno l'anno successivo di sostenere una richiesta di due massoni inglesi al Capo di dividere la Provincia, 'massonica', in Distretti, al fine di : ' migliorare l'amministrazione locale, ostacolare i muratori 'inglesi' che avevano cominciato a pensare di formare una Gran Loggia Unita del Sud Africa, e impedire... il controllo dell'Artigianato in Sud Africa …(cadendo)…in mani olandesi.' (p.139) Queste sono motivazioni profondamente politiche. Né c'era alcuna separazione tra la Massoneria di Carnarvon e la sua politica imperiale quando nel gennaio 1887, il segretario del QC Speth distribuì una "Circolare n. 8 - Confidenziale"a tutti i membri del QC annunciando che il GM aveva approvato l'idea di Carnarvon di ' una grande riunione rappresentativa dei massoni inglesi in abiti massonici' chiamati ad 'accettare un “ Discorso di congratulazioni a Sua Maestà per le Celebrazioni del Giubileo, 1887.' [cdx] Essendo ' ...pienamente fiducioso nessuno è più leale e devoto al proprio Sovrano dei Massoni che devono fedeltà alla Gran Loggia d'Inghilterra...' l'autore invitò una ' sottoscrizione volontaria' per ' l'erezione del proposto Istituto Imperiale del Regno Unito, colonie e India».Il paragrafo conclusivo della Circolare indirizzava tutte le logge a prendere in considerazione la proposta dell'Istituto. A marzo, Speth ha annunciato che i membri del QC avevano votato 10-2 contro "la proposta". [cdxi] Considerando che la loro lealtà non era in dubbio, il voto deve riflettere la mancanza di risorse dei membri.

La nomina di Warren a Suakin avvenne sulla scia della "Commissione Drummond Wolff" in Egitto, che qui è importante solo perché un rapporto del "corrispondente del Cairo" per The Times di un incontro nel gennaio 1886 tra il Khedive, il sultano ottomano Muktar Pasha , e Sir Henry Drummond Wolff, figlio del reverendo Joseph Wolff di fama di Bokhara, includevano questo commento: ' ...(tutte) le parti hanno preso solenni voti di segretezza, i risultati sono avvolti nel mistero...In effetti, ciascuno dei personaggi illustri essendo un massone si ritiene che i procedimenti fossero importanti e impenetrabili come quelli di qualsiasi "loggia stretta". 'Se questo "corrispondente" è Moberly Bell, un massone, l'intenzione del rapporto è fare satira "dall'interno" su uno sviluppo politico indesiderato. In un secondo rapporto, Wolff, descritto come " un massone della tintura più profonda e fondatore della Primrose League", si dice che stia avvolgendo i colloqui in un segreto simile a una loggia che il corrispondente suggerisce significa che ciò che sta accadendo dietro lo schermo è di nessun conto. [cdxii]

L'8 febbraio, i disordini intorno a Trafalgar Square hanno colto alla sprovvista le autorità. Sono seguiti due giorni di boxe ombra in una nebbia fitta: ' ...I negozi sono stati chiusi e sbarrati, e la polizia è andata in giro avvertendo i commercianti di aspettarsi nuovi attacchi...I cancelli di Downing Street sono stati chiusi e sono state prese speciali precauzioni dal governo uffici... Le truppe erano confinate nelle baracche in compagnia di magistrati che avrebbero dovuto leggere il Riot Act quando la folla si fosse avvicinata.' [cdxiii] Appena disfatto a Suakin, Warren fu informato che il capo commissario della polizia metropolitana di Londra si era dimesso il 26 febbraio e che la posizione era sua. La regina Vittoria ha approvato la sua nomina il 13 marzo ed è tornato a Dover il 30 marzo per iniziare un altro lavoro totalmente inaspettato, ma questa volta, legato alla scrivania.

La London Metropolitan Police, costituita nel 1829, comprendeva un Detective Branch designato nel 1842 e nel 1877 un Criminal Investigation Department. Warren assunse il ruolo di Commissario nel 1886 quando si riteneva generalmente che la forza investigativa di Londra, 400 uomini in estate e 700 in inverno, perseguisse principalmente " appropriazioni indebite, falsi e altre questioni simili" . Solo per inciso è stato ammesso che: ' ... Svolge anche un grande lavoro di governo, sia per la corona britannica che per i governi di paesi stranieri... La corrispondenza estera è un elemento importante...' Porter, nel 1987, ha affermato che La Gran Bretagna non aveva una "polizia politica" prima di essere costretta a un'amministrazione riluttante alla fine del 19 ° secolo.complotti feniani del secolo contro Londra e la regina Vittoria. La sua focalizzazione ristretta spiegava le origini di quello che chiamava "lo Stato vigilante" concentrandosi su " investigatori incaricati di vigilare su potenziali sovversivi " e " di prevenire o punire... il crimine politico" . [cdxiv] Affermò che la mancanza di un tale organismo prima del 1877 rifletteva la fiducia britannica che i suoi cittadini e i suoi governi "agivano in modo equo" e che la sua libera stampa era un controllo sufficiente contro le azioni subdole. Ha citato Charles Dickens che a quanto pare credeva anche lui: " Non abbiamo polizia politica, nessuna polizia sull'opinione pubblica. Il demagogo più rabbioso può dire quello che vuole... Non parla sotto il terrore di un sistema di spionaggio organizzato... Non è così dall'altra parte della Manica. (BP, 1987, p.2)Secondo Porter, i vittoriani a metà del secolo credevano che la migliore risposta alla sovversione rivoluzionaria fosse non avere la sorveglianza statale: « La sicurezza della Gran Bretagna risiedeva nel fatto che il suo popolo era soddisfatto; il rovescio di questo era che l'insicurezza del Continente era colpa sua...' (p.3)

Gli omicidi del Phoenix Park del 1882 a Dublino, vicini alle condizioni della guerra civile in Irlanda e agli attentati mortali nel 1881, 1883, 1884 e 1885, avevano segnalato un nuovo livello di minaccia interna. Il pensiero delle celebrazioni giubilari e il noto rifiuto della regina di negare al suo pubblico la possibilità di vederla furono ulteriori ragioni per "disposizioni speciali di polizia" nella metropoli. Vivendo quella che è stata la più profonda depressione economica per decenni vicino agli uffici di UGLE, la sorte dei poveri di Londra si era deteriorata al punto che ci si sarebbe dovuta aspettare una protesta, ma sembra che l'attenzione delle autorità fosse sull'arrivo degli irlandesi non sui residenti disperati. Le prove incomplete sembrano mostrare che le unità di sicurezza in competizione si ostacolavano a vicenda, ma che durante il mandato di Warren varie spie pagate dal governo,[cdxv] Le "Persone di interesse" includono falsi bombardieri che hanno prosperato e veri bombardieri che si sono fatti esplodere, sono stati arrestati o sono morti di morte sospetta. Quando il QC ha iniziato a incontrarsi, le tensioni erano alte, il pregiudizio dilagava e l'eccitazione e la paura erano così evidenti da essere sfruttabili. Lo strano caso del dottor Jekyl e del signor Hyde raggiunse lo status di culto non appena fu pubblicato nel 1886. Portato rapidamente sul palco, il suo pubblico notturno fu felicemente terrorizzato dalla " (la) trasformazione dell'(attore principale) da Jekyll a Hyde... basandosi esclusivamente su cambiamenti nella postura, nell'espressione facciale e nell'andatura (e probabilmente nell'illuminazione). È probabile che questa impresa di scenografia abbia esacerbato la paura prevalente... [cdxvi]

La nomina di Warren a capo della polizia è stata accolta favorevolmente dall'Home News che ha ritenuto che desse 'generale soddisfazione': ' Nessuno tranne un soldato, addestrato e abituato a trattare con grandi corpi di uomini, potrebbe eventualmente svolgere le funzioni di un tale incarico...( La sua) variegata esperienza in... amministrazione... concede ampie garanzie per l'efficienza e il successo del suo prossimo regno a Scotland Yard. [cdxvii] Stead, EF ed evangelico cristiano, è stato anche positivo come editore della Pall Mall Gazette : ' ...Non c'è bisogno di dire quanto siamo felici di questa nomina... Dallo scavo del Tempio di Gerusalemme è chiamato a prendere in mano il ripristino della disciplina e dell'efficienza in una forza che purtroppo è sfuggita di mano .'[cdxviii] Ha espresso la sua grande sorpresa quando gli è stata informata della scelta operata dal ministro degli Interni di Gladstone: " Il signor Childers, lo ammettiamo francamente, ci ha tolto il respiro dalla sua scelta di Sir Charles Warren... Non abbiamo mai creduto possibile che un Il segretario avrebbe potuto compiere un passo così audace, così audace come questo...' Stead credeva che Warren fosse 'un uomo severo, giusto, incorruttibile, religioso' che ricordava Oliver Cromwell, 'una specie di Ironside tardivo, nato in un secolo che ha ma scarsa simpatia per i suoi ideali puritani' :'... Che tempo ci sarà a Scotland Yard. Ahimè, per i sovrintendenti ubriachi, i funzionari in pensione e gli incompetenti ovunque... Su tutte le questioni di riforma sociale, istruzione, alloggio dei poveri, ecc., è probabilmente avanzato come qualsiasi uomo sotto la passerella della Camera dei Comuni...' Quest'ultima osservazione è particolarmente ironica. Si presume che a Warren sia stata data l'opportunità di intervenire nella spirale discendente di condizioni di vita spaventose, massiccia disoccupazione e diffusi disordini politici. È stato suggerito che avesse la possibilità di portare la sua esperienza militare e la sua compassione "per i nativi"sopportare. Queste speranze erano mal fondate quanto le speranze che Lodge of Research QC avrebbe introdotto la ricerca scientifica. La sua nomina a commissario di polizia non era il risultato della sua politica, della sua esperienza militare, della sua religione, perché era il prossimo in linea di anzianità oa causa dei suoi legami massonici. Era semplicemente il risultato di una serie di circostanze molto insolite e la sua breve permanenza nel lavoro ha mostrato che i destini politici non erano finiti con lui.

Con la paura e il disgusto all'estero e uno scandalo orchestrato che travolgeva Parnell, Gladstone perse l'incarico a causa delle sue politiche irlandesi nel luglio 1886 e, questa volta, sembrava finito. I tempiall'inizio del 1887 scelse di pubblicare materiale contraffatto che diffamava Parnell che certamente sapeva essere falso poiché aveva allenato il falsario e giornalista, l'instabile Richard Piggott. Il suo intermediario, un altro dei suoi giornalisti, Edward Houston, era segretario dell'Irish Loyal and Patriotic Union e aveva iniziato a mobilitare l'opposizione di Orange alla fine del 1885, quando Gladstone iniziò per la prima volta a prendere seriamente in considerazione la possibilità di una legislazione sull'Home Rule. Warren, nominato da un liberale e da pochi mesi al lavoro, ora affrontava un trionfante Salisbury, l'uomo che lo riteneva imperfetto. Come secondo lavoro part-time, aveva il compito di lanciare una presunta nuova era nella storia di EF.

 

Warren e gli "Omicidi dello Squartatore"

 

I crimini etichettati come "gli omicidi dello Squartatore" non furono incidenti isolati, ma i media si concentrano su di loro più di altri attacchi alle donne produssero paura e disgusto su scala mondiale - un quotidiano di Kansas City riportava nell'ottobre 1888: "Londra è stata più agitata dagli omicidi di Whitechapel che da qualsiasi crimine commesso in molti anni. Il fatto che così tante donne possano essere massacrate, evidentemente dalla stessa mano, e che l'assassino sia sfuggito per così tanto tempo alla polizia di Londra è una sorpresa per i londinesi, che credono di avere la migliore forza di polizia del mondo». [cdxix] Le risorse utilizzate nelle indagini non sono chiare, oscurate dalla segretezza sulle richieste di sicurezza e dal fatto che esistono due distinti comandi di polizia: la City di Londra e la polizia metropolitana. I resoconti mostrano che i metodi di rilevamento implicavano un accumulo sistematico di prove scarso o nullo, alla maniera dei RE o di " Sherlock Holmes" : " ...La speranza e l'ambizione di ogni poliziotto dell'East-End - me compreso - era di catturare lo Squartatore rosso- consegnato. Questo sembrava l'unico modo. C'erano poche possibilità che l'assassino fosse catturato e condannato a causa di prove circostanziali. Di tali prove non ce n'era praticamente nessuna...'.(NC p.15)Per impostazione predefinita, la colpa della non apprensione del colpevole è ricaduta in gran parte su Warren. La scrittrice di gialli statunitense Patricia Cornwall lo ha definito nel 2002 "sciocco", come " un uomo brusco e arrogante che indossava uniformi elaborate" e la cui risposta a tutto "era un sotterfugio politico e la forza". Ha sottolineato i travestimenti adottati dall'uomo che credeva fosse l'assassino, Walter Sickert, e il suo schieramento di prove circostanziali è ben gestito, ma individuando "il commissario" per la censura ha ignorato le dinamiche politiche, in particolare l'effetto del feniano guai di cui non parla affatto. [cdxx]

Il primo omicidio comunemente attribuito a "lo Squartatore" avvenne il 31 agosto 1888, con altri quattro fino all'8 novembre, la stessa sera in cui Simpson fu insediato come terzo WM di QC. Warren ha mancato quella cerimonia ma non stava nemmeno dando la caccia all'assassino. Le prove che ci sono sembra dimostrare che era stato messo da parte e tenuto lontano da questa e altre importanti indagini. È noto per aver assistito a una sola scena di "Ripper", ma da quel singolo evento è stato modellato molto. Nel luogo dell'omicidio del 30 settembre ha cancellato i graffiti che si riferivano a "Juwes". Quando gli è stato chiesto perché avesse rimosso questo potenziale indizio, ha risposto che, avendo voluto vedere il sito di persona, aveva agito per evitare possibili reazioni locali contro i residenti ebrei. Ci si può solo meravigliare della motivazione dietro il suo desiderio di proteggerli. Nessuna fotografia è stata scattata nella fretta di rimuovere le parole. Sono stati copiati a mano ma non sembrano essere stati diffusi o il sito ulteriormente esaminato. Avendo perso qualsiasi valore probatorio e forense che avrebbe potuto avere con la sua rimozione, il "messaggio" sembra non aver avuto più alcun ruolo, né nelle indagini del CID né nelle richieste di licenziamento quando sono arrivate. Si tratta di due assenze davvero notevoli.

Successivamente è stato affermato che la polizia coinvolta era stata attenta e coscienziosa: [cdxxi] ' ...Gli sforzi della polizia metropolitana per catturare l'assassino di Elizabeth Stride [30 settembre] sono stati colossali. I membri dell'International Working Men's Club sono stati immediatamente perquisiti, i loro vestiti esaminati e le dichiarazioni prese. Sono stati distribuiti circa 80.000 volantini di richiesta di informazioni, oltre a richieste di informazioni casa per casa. Sono stati visitati gli alloggi comuni locali e perquisiti 2.000 inquilini. Ottanta persone sono state detenute nelle stazioni di polizia e sono state fatte indagini sui movimenti di altre 300 circa.' (NC, pp.30-1). Nessuna di queste "prove circostanziali" sembra essere sopravvissuta. Né esso né alcun altro segno di ' accurato e coscienzioso'l'indagine è emersa in qualsiasi analisi retrospettiva nota del caso, di cui ce ne sono state molte. Ma poi, le memorie della polizia partecipanti sono state in disaccordo anche sul numero di "Ripper Murders" (NC, p.53.) mentre la più ampia "letteratura dello Squartatore" raramente, se non mai, è andata oltre i cliché per esplorare, ad esempio, la strada bande dell'epoca, il coinvolgimento della polizia o gli sforzi di spionaggio del governo andati male. Le memorie del 1910 di un "agente di controspionaggio" in carriera di nome Anderson insistevano che un ebreo polacco fosse responsabile [cdxxii] ma non andarono oltre dicendo che la polizia non era in grado di raccogliere le prove necessarie:'... Visto l'interesse nel caso, sono quasi tentato di rivelare l'identità dell'assassino... Ma nessun beneficio pubblico risulterebbe da un simile comportamento, e le tradizioni del mio vecchio dipartimento ne risentirebbero...' (NC, p. 48) Questo Anderson era il "gestore" ufficiale a Whitehall dell'"agente sotto copertura", Thomas Beach, alias "Le Caron" utilizzato dal governo sia nello sforzo antiterroristico del 1880 contro Parnell e i bombardieri irlandesi, sia nella riuscita penetrazione di un precedente piano feniano per invadere il Canada, nel 1870. Nelle sue memorie, Beach si è descritto come una "spia militare" per 25 anni. [cdxxiii] Un protestante zelota e un orangista, background di Anderson dal 1866, quando fu coinvolto per la prima volta nel riassumere "tutti i rapporti riservati e le informazioni segrete"al castello di Dublino per l'allora ministro dell'Interno, e ciò che si sa degli accordi di lavoro all'interno della "forza", indicano che Warren è uno spettatore frustrato piuttosto che l'uomo al comando.

In probabile risposta all'intervento di Warren il 30 settembre, quattro eventi si sono verificati in rapida successione. L'8 ottobre, Stead ha iniziato una serie di articoli critici sulla polizia e l'8 novembre la risposta di Warren è apparsa su Murray's Magazine . Mathews, ministro dell'Interno di Salisbury, lo rimproverò immediatamente, dopodiché si dimise. Stead, compagno massone e cristiano qual era, aveva invertito la sua precedente, forte difesa dei benefici della disciplina e aveva accusato Warren di aver tentato di militarizzare le forze a scapito dell'individuazione del crimine e di aver centralizzato il controllo nelle sue mani a detrimento del morale, dell'iniziativa e del rapporto con la comunità: '... Sir Charles Warren è un generale molto abile e un uomo molto eccellente, ma... presiedere il dipartimento investigativo criminale è come una gallina che tenta di allattare i gattini... L'esercitazione del battaglione non serve a nulla quando il lavoro da fare è rintracciare un assassino di mezzanotte e le qualità che sono abbastanza ammirevoli nel mantenere una posizione o nel disperdere una rivolta sono peggio che inutili quando il lavoro da svolgere richiede segretezza, astuzia e risorse infinite.' [cdxxiv] A novembre, i dibattiti della Camera dei Comuni hanno analizzato le sue dimissioni. Un comprensivo, collega ufficiale militare lo ha ritenuto 'un uomo rigidamente attento al suo dovere': '(I) chiederebbe alla Camera di prendere in considerazione il punto di vista che un uomo simile avrebbe quando una persona invadesse una provincia in cui credeva che quella persona non avesse il diritto di interferire. Nella sua lettera al ministro dell'Interno Sir C. Warren ha affermato che non avrebbe accettato la carica di capo commissario se avesse creduto che qualcuno all'esterno potesse interferire con il suo dovere.' Un altro, meno comprensivo, ha sostenuto che: 'Dopo i disordini del febbraio 1886, fu nominato un comitato per valutare se fosse necessario riorganizzare le forze di polizia metropolitana. Quel Comitato raccomandò la nomina di quattro capi della polizia (e) che le persone selezionate dovessero essere uomini di buona posizione sociale che avevano prestato servizio nell'esercito o nella marina... Sir C. Warren agì rapidamente su raccomandazione del Comitato... Abbiamo avuto un avvertimento contro la nomina di un militare a capo commissario perché la professione militare era di clan, e un soldato avrebbe sicuramente nominato militari per ricoprire uffici subordinati. La nomina di questi capi della polizia (è stata) un grave errore.'

Alcune delle prove conosciute possono essere lette come prove del fatto che fosse un guerriero rigido e di classe superiore con scarso interesse umano o preoccupazione per "gli ordini inferiori". Questa immagine è più chiaramente visibile nella sua determinazione a reprimere il dissenso civile nel novembre dell'anno precedente, "Bloody Sunday", quando apparentemente riteneva necessario introdurre le determinanti di controllo che conosceva e comprendeva meglio. Ondate di poliziotti armati di manganelli, alcuni a cavallo, seguiti da cariche ammassate di Life Guards e Scots Guards, si sono abbattute indiscriminatamente su persone pacifiche e disarmate, quattro delle quali successivamente sono morte. Si possono citare le sue stesse parole un anno dopo e dopo trenta mesi di lavoro. Ha scritto in Murray che: 'Londra è stata per molti anni soggetta alla sinistra influenza di una folla incitata all'azione spasmodica da demagoghi irrequieti». [cdxxv] Sembra abbia valutato i bantu, che potevano essere educati e protetti se non 'salvati', al di sopra degli abitanti più poveri di Londra e aver concluso che la forza militare era più appropriata in una città inglese disturbata che sul veldt. Le sue riflessioni su "The Police of the Metropolis" in Murray's sono state descritte di recente come "una combinazione di tedio estremo... e un vero e proprio lamento": "La presa in giro del giornale aveva chiaramente spinto questo ex soldato, non abituato alla supervisione pubblica, ben oltre il punto di rottura .' [cdxxvi] Questa interpretazione non è convincente. In precedenza aveva subito un duro attacco parlamentare ed era stato sotto il controllo pubblico per diversi anni prima del 1888. Sembra più probabile che l'educazione della sua vita fosse stata troppo ristretta. Sembra che abbia visto davvero solo tre gruppi urbani: la mafia che è rimasta incapace di essere migliorata, i cittadini " che hanno il potere politico" e "l'esecutivo" che ha tutta la responsabilità decisionale. La sua opinione era che per oltre un secolo fosse stata "la folla" che, da sola, aveva avuto la capacità di controllare la metropoli. I " tre giorni di regno del terrore"nel febbraio 1886 lo aveva dimostrato, scrisse, ma nel novembre 1887, quando un numero sufficiente di cittadini - poliziotti speciali - si era "radunato attorno" alla polizia per ripulire con successo Trafalgar Square, era stata "quasi... la prima volta in questo secolo " che " la folla era stata sconfitta. Nel difendere il bisogno di efficienza e disciplina, affermava che la polizia in divisa, non gli investigatori, era la chiave per la prevenzione della criminalità, se ben amministrata, conosceva i propri doveri e li svolgeva efficacemente: ' ...Il genio della razza inglese non si presta ad elaborare operazioni investigative simili a quelle che si dice siano praticate nel Continente... Gli inglesi imparano a fidarsi l'uno dell'altro... (Sul) Continente... i (giovani) crescono con diffidenza e si guardano, e c'è un sistema investigativo naturale così stabilito….' (CW, in MM, p.587)

Nel suo mondo gerarchico, dove il potere decisionale è naturalmente nelle mani dei "migliori e più brillanti", l'educazione deve essere orientata agli obiettivi fissati dall'”esecutivo” e ogni malcontento viene dalla “mafia” e non dai “veri” cittadini. Riteneva possibile che i critici stessero diffamando la polizia per provocare il rilascio di informazioni sensibili, ma non solo il suo resoconto non menziona le disposizioni interne della polizia, ma non fa menzione di alcun motivo di segretezza al di là delle generalità. Si rese conto che erano necessarie "informazioni concrete" prima che i cittadini potessero fare "scelte corrette", ma sembra aver presupposto che "loro" sapessero già di cosa si trattava. Non ha idea del compromesso, della possibilità di negoziare con i dissidenti, né del valore della condivisione delle opinioni. Gli orribili omicidi sembrano averlo lasciato impassibile e sembra ignaro del conflitto industriale in corso.[cdxxvii] La sua era l'opinione di qualcuno addestrato a fare un lavoro, privo di curiosità e che sapeva solo ciò che la sua classe sapeva del resto del mondo.

Sembra che sia stato dietro i processi dei segugi nell'ottobre 1888 mentre la sua visita sulla scena del crimine del 30 settembre sa di un uomo frustrato che tenta di trovare il suo posto, o forse di affermare la sua autorità. Immediatamente dopo le sue dimissioni, il Times ha raccontato la situazione impossibile in cui Warren credeva di trovarsi quando Monro, il suo "assistente commissario", ha ricevuto un trattamento preferenziale: " ...Dal momento che il trasferimento del signor Monro al Ministero dell'Interno, le cose sono peggiorate. Sir Charles si lamenta del fatto che, pur essendo stato gravato di tutte le responsabilità, non ha avuto libertà d'azione, e di conseguenza la sua posizione è diventata ogni giorno più insopportabile...' [cdxxviii] Fu contro la sua volontà che le forze investigative e la polizia giudiziaria venissero separate, concettualmente oltre che fisicamente: ' ...Ultimamente, nonostante le (sue) rimostranze...il controllo del Dipartimento investigativo criminale è stato sempre più ritirato da Whitehall -Luogo. Ogni mattina nelle ultime settimane c'è stata una lunga conferenza al Ministero dell'Interno tra il signor Monro, il signor Anderson e i principali ispettori investigativi, e le informazioni fornite al Commissario in merito a queste conferenze sono state, afferma, del personaggio più scarso.'Potrebbe essere stato messo da parte perché i suoi superiori lo ritenevano un paraocchi o incompetente, ma è più probabile che poiché era un noto "liberale" non si fidava del governo di Salisbury dopo la caduta di Gladstone a metà del 1886. Essendo stato tenuto fuori dalla cerchia ristretta del processo decisionale, alla fine divenne un capro espiatorio adatto. Monro, Jenkinson e (Robert) Anderson - che possono essere tutti descritti come "maestri delle spie" - avevano legami e "sponsor" di supporto nei luoghi più alti, Jenkinson, ad esempio, essendo il nipote di Salisbury.

Nel gruppo di spie diplomatiche di EF/RE/diplomate che erano state in Egitto in precedenza, Warren era il meno propenso a violare le regole, a vestirsi da arabo e ad affrontare situazioni pericolose. Non era un Wilson, né un Burton né un Kitchener. Né era rigorosamente un "uomo indiano" favorito per la polizia interna. La politica presupponeva che si fossero già dimostrati abili nel raccogliere informazioni, mantenere segreti e utilizzare comunicazioni segrete, come le cifre. L'esperienza con le "società segrete" asiatiche ha aiutato Munro, uno " scozzese austero e bruciato dal sole" a diventare capo del CID di Londra nel 1884, succedendo a Howard Vincent: "(Un) oscuro amministratore coloniale in congedo dal Bengala dove, così il ministro dell'Interno informò la regina, gran parte del suo lavoro come ispettore generale della polizia consisteva nel "trattare con le società segrete". Aveva mostrato grande zelo nel perseguire la cospirazione wahabita. Gli irlandesi non dovrebbero essere più vessatori da gestire dei fanatici maomettani». [cdxxix] Il Daily Telegraph pubblicò un editoriale in modo molto simile il 29 novembre 1888 quando Monro fu promosso a succedere a Warren: ' Mr. Monro, (scelto sulla base del suo passato indiano)... ben giustificato (la sua selezione) dall'abilità con che ha seguito e ha assicurato alla giustizia i dinamitardi dell'Home Rule, poiché molto tempo fa, in India, aveva scoperto e sconfitto i cospiratori wahabiti.'Per "molto tempo fa" si devono intendere gli anni '60 e '70 dell'Ottocento, quando una serie di "prove wahabite" portò all'esilio di un certo numero di uomini nelle Isole Andamane. Sono stati accusati di attività anti-britanniche, oggi sono comunemente visti come "combattenti per la libertà". Il termine "cospirazione wahabita" è stato recentemente attribuito all'amministrazione coloniale e, molto recentemente, al governo degli Stati Uniti per affermare tattiche subdole.

La reputazione di Monro in India, per quanto si può determinare, era quella di un severo disciplinare. Le disposizioni per la sicurezza pubblica durante la processione di Sua Maestà all'Abbazia di Westminster, e in connessione con le altre celebrazioni dell'anno giubilare, erano sue. Lavorare con Warren durante il 1886-7 si era rivelato frustrante per entrambi gli uomini, in seguito Monro, Jenkinson e Anderson scrissero tutti memorie egoistiche. Warren non ha scritto nulla, o almeno nulla è apparso retrospettivamente da lui. È interessante notare che Monro e Jenkinson hanno presto seguito Warren fuori dalla forza, entrambi per seguire percorsi spirituali, mentre Anderson, lealista dell'Ulster e dell'Orange Order e carrierista del "servizio segreto", ha perseguito i tomi cristiani millenaristi durante il suo ritiro. Una quarta figura di interesse, il cattolico romano di origine irlandese William Melville era anche timido per la pubblicità. Parte del ramo speciale di Londra dal 1882 e fortemente coinvolto nel lavoro di controspionaggio di Yard per tutto il 1880, nel 1892 fu nominato capo del ramo speciale e un altro decennio dopo divenne il primo spymaster di M15 e creatore dello pseudonimo "M". Altrimenti, a distanza di un secolo e più, rimane un profondo e ufficiale segreto sugli eventi degli anni ottanta dell'Ottocento. Alla ricerca di documenti relativi al lavoro di un altro "addetto ai lavori", e un altro dei nipoti di Salisbury, Balfour, un biografo ha trovato: "Le carte relative all'attività dei servizi segreti durante il mandato di Balfour come Primo Segretario [1886-1891] erano originariamente classificate sotto la regola dei cent'anni, ma sono state recentemente riclassificate per mantenerle segrete in perpetuo...' [cdxxx]

In quanto donna esposta tra gli uomini che tentavano costantemente di tirarla giù e danneggiarla, Annie Besant deve aver spesso temuto per la sua vita. Ha raggiunto uno status eroico tra i suoi compagni manifestanti stando in piedi a Trafalgar Square quella domenica di novembre, ma l'inclusione nel pantheon imperiale inglese non sarebbe mai avvenuta, nonostante il giornale di Reynold la descrivesse come "la donna inglese più avanzata e forse la più brillante della sua giornata nella vita pubblica.' [cdxxxi] Nella collisione di vedute a Trafalgar Square, che rappresentava la Città, l'Impero e la Massoneria inglese, Warren era la punizione e la reazione, l'opzione chiusa. Contro la sua stolida burocrazia e quella della sua classe, Annie aveva scagliato il suo appassionato, ma ambiguo dissenso. All'indomani, aveva difeso gli arrestati e aveva sollecitato ulteriori sforzi. Aveva quindi perseguito brevemente il cambiamento educativo, ottenendo un seggio nel 1888 nel London School Board per un membro di una ricca famiglia ebrea conservatrice: 'La signora Besant è in campo contro il signor Montefiore e il signor Lewis Lyons ha indirizzato a suo nome un manifesto in yiddish ai lavoratori ebrei. Il signor Lyons ha una notevole influenza sulla sua classe all'estremità orientale e spiega cos'è il consiglio scolastico e perché dovrebbero scegliere la signora Besant molto chiaramente nel loro gergo semplice. Gli operai ebrei conoscono già la signora Besant come una seria riformatrice sociale». [cdxxxii] L'esempio dell'attivismo "sindacale" per il quale è più nota è arrivato in questo periodo post-Trafalgar, e anche questo mostra che una ricerca personale e spirituale era al primo posto nella sua mente. Stead si unì a lei nel 1888 per fondare The Linkperiodico e ad agitarsi per aumenti salariali e condizioni di lavoro meno pericolose per le donne impiegate nella fabbricazione di fiammiferi al fosforo. (AN, Chs 2, 3 di Pt 4) The Link ha sposato 'una nuova Chiesa, dedicata al servizio dell'uomo' e ha affermato di essere una voce per i senza voce. La sua organizzazione era segreta, in definitiva gerarchica e non democratica, cioè seguiva il modello fraterno comune del 19° secolo con "Centri", "Cerchi" con "capitani" e la promessa di un membro. (AN, p.264) Questo sforzo cessò nel giugno del 1889 quando dichiarò che senza risveglio spirituale l'attività umana era priva di significato. Era arrivata a credere che la sua posizione pubblica fosse insostenibile e che le "correzioni" politiche a breve termine fossero un inutile vicolo cieco: "La signora Besant non vede alcuna speranza per il futuro della società nelle leggi contro la sudorazione, né alcuna possibilità di rendere il mondo in generale più felice con la diffusione dell'istruzione...(Lei) è una pessimista mentre in precedenza era un ottimista... Coltivare la mente di l'operaio oppresso deve caricarlo di una nuova miseria...'

La tardiva nomina di Warren a Singapore nel 1889 aggiunse un altro livello alle teorie del complotto. Laddove Londra aveva serial killer e cospiratori irlandesi, il suo nuovo incarico aveva bande cinesi, la cui presunta "Massoneria" ha suggerito ad alcuni che la sua combinazione di esperienza militare e di polizia e competenza della società segreta fosse richiesta. Infatti, il Societies Ordnance del 1888-9 [cdxxxiii], cioè, prima di essere nominato, aveva già sferrato quello che era considerato un colpo decisivo e sembra sia stato inviato a est solo per "sorvegliare" l'establishment militare. Massonicamente, fu molto attivo e presentò alcuni dei ricchi e potenti europei della città a una Società Filosofica che, nella struttura, assomigliava al QC. Non gli ci volle molto, tuttavia, per trovare 'acqua calda' con lo stabilimento di Singapore, la sua natura è una buona guida su come stava occupando il suo tempo: 'È iniziato l'anno scorso con il (suo) ritiro improvviso e, si diceva, rude di un ufficiale che era aiutante di campo del Governatore, l'ufficiale è stato ordinato di riprendere i suoi doveri di reggimento... Più recentemente, il compleanno della regina no le truppe regolari sono state autorizzate a partecipare a una revisione del Governatore, come al solito..., e alla cerimonia hanno partecipato solo i volontari.' [cdxxxiv]

 

 

Research Lodge QC al lavoro

 

Prescott credeva, almeno nel 2001: " L'istituzione della Loggia Quatuor Coronati... può essere vista come parte integrante dell'adozione della fine del diciannovesimo secolo di un approccio più scientifico alla ricerca storica, basato sull'esame critico delle prove documentali". [cdxxxv] I primi 'Obiettivi e Obiettivi' per QC furono redatti nel 1884 e attribuiti a WH Rylands. [cdxxxvi] Avevano solo 3 clausole, nessuna delle quali fa alcun riferimento a un approccio scientifico, anche nuovo, alla ricerca:

  1. Questa loggia di antichi, Liberi ed Accettati muratori sarà chiamata 'Quatuor Coronati' in onore e perpetuazione della memoria di 'questi santi martiri foure'…“(che) in questo mestiere furono di grande onore”.
  2. I seguenti nove fratelli nominati nel mandato di costituzione, datato 28 novembre 1884, vale a dire il fratello Sir Charles Warren, WH Rylands, Walter Besant, JP Rylands, il reverendo AFA Woodford, RF Gould, SC Pratt, WJ Hughan e JW Speth, dovranno in futuro e per sempre essere conosciuti come i fondatori della loggia. Corrispondono in numero ai cinque scultori, Claudio, Castorio, Nicostrato, Simforiano e Simplicimo, che per ordine dell'imperatore Diocleziano fu rinchiuso vivo in bare di piombo e gettato in mare, 287 d.C. per aver rifiutato la scultura e l'idolo; ed ai quattro Martiri Severo, Severiano, Carprofero e Vittorino, che poco prima erano stati flagellati a morte con fruste armate di piombo per essersi rifiutati di adorare al trono di Esculapio. Questi nove santi erano conosciuti collettivamente dai nostri fratelli medievali come i "quattro martiri coronati".
  3. L'oggetto immediato e lo scopo della loggia è dichiarato essere il perseguimento e l'incoraggiamento della ricerca archeologica, in particolare per quanto riguarda la Massoneria e soggetti affini. [cdxxxvii]

I "Quattro Coronati" erano stati considerati sin dalla loro morte i santi protettori degli scalpellini europei. Mettere i leggendari martiri al centro dell'impresa ha suscitato una reazione critica: qual era il collegamento tra il nome e il 3 ° decreto legge? Nel tentativo di spiegare il ragionamento alla base della scelta del nome, la seconda clausola è riuscita solo a mistificare ulteriormente: come può il nove diventare quattro? Presi insieme i tre obiettivi riassumevano la storia recente e conflittuale di EF: il primo e il secondo fissavano l'identità della Loggia a un mito che nei quattro decenni precedenti era stato associato all'idea che EF non fosse iniziata in Inghilterra. Il terzo rappresentava un tentativo di 'via di fuga' da questa implicazione.

Questi obiettivi sono rimasti in bozza e non sono mai stati pubblicati. Nel 1887, nove "Obiettivi" totalmente nuovi mostrarono il risultato di tre anni di pensiero concentrato sul dilemma. Hanno rimosso alcune difficoltà ma non hanno risolto nulla. Poiché sono stati resi pubblici, hanno dominato le percezioni successive.

Il primo obiettivo era:

  1. Fornire un centro e un legame di unione per gli studenti massonici.

L'enfasi è ora sull'aspirazione alla "fratellanza". La parola "centro" suggerisce che un luogo fisico fosse considerato di importanza pari a un simbolico "legame di unione".

Il secondo Obiettivo era :

  1. Attirare massoni intelligenti ai suoi incontri, in modo da infondere loro l'amore per la ricerca massonica.

Gli obiettivi 3-7 erano più esteriori:

  1. Sottoporre le scoperte o le conclusioni degli studenti al giudizio e alla critica dei loro compagni per mezzo di documenti letti in Loggia.
  2. Sottoporre queste comunicazioni e le discussioni che ne derivano al corpo generale dell'Arte pubblicando, a intervalli opportuni, le Transazioni della Loggia, nella loro interezza.
  3. Per elencare in modo conciso, nelle Transazioni stampate della Loggia, il progresso dell'Arte nel mondo.
  4. Far conoscere all'artigianato anglofono l'andamento degli studi massonici all'estero, mediante traduzioni (in tutto o in parte) di opere estere.
  5. Ristampare opere scarse e di valore sulla Massoneria, pubblicare Manoscritti, ecc.

Gli ultimi due tornano all'idea di un centro forte:

  1. Per formare una Biblioteca e Museo Massonico.
  2. Acquisire locali permanenti a Londra e aprire una sala di lettura per i membri.

Non c'è ancora alcun riferimento a un approccio nuovo o scientifico, e con la spiegazione della leggenda è stata data enfasi all'archeologia. Un sussurro dei precedenti 'Obiettivi' indugiava nella decisione che le riunioni di installazione di ogni anno avrebbero avuto luogo il secondo giovedì di novembre, 'questa è la data praticabile più vicina a quella del loro martirio'.I nuovi obiettivi apparentemente precisi implicano che un'aspirazione collettiva all'obiettività ha vinto, diciamo, sull'ambizione personale, la fede religiosa e/o il nazionalismo inglese/britannico. Ma se il loro scopo principale nell'unire le forze era stato quello di cambiare il modo in cui veniva condotta la ricerca massonica, non avevano bisogno di una presenza fisica reale, una stanza della loggia. Avrebbero potuto spedirsi le loro scoperte l'un l'altro, o farle pubblicare su riviste, o se avevano bisogno di un commento immediato, avrebbero potuto fare presentazioni a una qualsiasi delle associazioni storiche con cui erano coinvolti. Il fatto che abbiano scelto di affittare una loggia della giurisdizione EF ci dice che la loro fedeltà primaria era a quella forma massonica ea tutto ciò che quella forma rappresentava.

La versione pubblicata del primo discorso del reverendo Woodford come Immediate Past Master, [IPM] conteneva la sua sintesi delle intenzioni collettive di QC: " (Esso) si propone... di far leggere articoli su argomenti lontani o vicini, reconditi o luoghi comuni, per invitare discussioni... e pubblicare "Transazioni". Confidiamo che in questo modo possiamo aiutare a portare avanti l'importante causa dello studio e dell'indagine massonica, possiamo indurre una considerazione più accademica e critica delle nostre prove, un maggiore gusto per i fatti storici e allo stesso tempo assecondare il crescente e salutare movimento per l'ampliamento delle biblioteche e dei musei in tutte le logge». [cdxxxviii] C'è poca assertività su questo - 'può aiutare ad andare avanti' e ' può indurre'Woodford non stava segnalando un nuovo approccio, né un certo grado di rigore. I massoni avevano bisogno di cambiare i loro modi, ma non perché le ricerche precedenti fossero state imperfette, ma piuttosto: ... della Massoneria propria delle esigenze più pervasive della cerchia sociale, e che troppo facilmente si accontenta di una routine rituale da un lato, e del piacevole esercizio dell'ospitalità dall'altro...' [Corrispettivo mio]

Prescott ha anche descritto il QC in termini che ricordano un club piccolo e accogliente: " L'etica e le attività del QC lodge nei suoi primi anni ricordavano le società archeologiche e antiquarie locali in cui erano attivi anche molti membri del lodge". Il coinvolgimento della Society of Antiquaries in EF era iniziato nel 1720 (RB, 2012, p.183) e dei fondatori di QC solo due erano formalmente "antiquari", ma Prescott ha suggerito che: " L'influenza antiquaria sulla loggia è evidente nella procedura adottata fin dai primi giorni della loggia con la quale i membri hanno commentato e aggiunto gli atti presentati in loggia.'Piuttosto, QC era una creatura di un contesto specifico, un contesto dominato dal fatto che la maggior parte dei suoi fondatori erano stati amici e compagni in uniforme e in EF per gran parte della loro vita adulta. I nove erano notevolmente simili nella classe sociale, cioè nella classe media, i due cavalieri, Warren e Besant, guadagnandosi l'onore piuttosto che ereditarlo. Il loro entusiasmo giovanile per la 'Massoneria' – sei erano stati iniziati al loro 25 ° anno, sia Warren che Gould prima dei 20 – spiega perché hanno scelto di istituire una nuova loggia. (L'ovvia omissione dalle biografie conosciute di tutti questi uomini è la loro affiliazione religiosa.)

Warren b. 1840 Muratore a 19 anni 46 anni nel 1886

WH Rylands b. 1847 Mason a 25 39 nel 1886

Gould b. 1836 Mason a 19 50 nel 1886

Woodford b. 1821 Mason a 21 65 anni nel 1886

Besant b. 1836 Mason a 26 50 nel 1886

JP Rylands b. 1846 Mason a 26 40 anni nel 1886

Pratt b. 1844 Mason a 32 42 nel 1886

Hughan b. 1841 Mason a 22 45 nel 1886

Speth b. 1847 Mason a 25 39 nel 1886

 

Una volta stabilito il QC, un membro intenzionato doveva mostrare "un'elevata qualifica letteraria, artistica o scientifica", un attributo alquanto amorfo. Estratto solo dal miglior materiale ', ogni nuovo candidato doveva presentare un 'capolavoro' valutabile. [cdxxxix] I fondatori avevano tra loro stabilito di essersi già qualificati per via della loro carriera. Sentivano che loro, collettivamente o individualmente, non dovevano essere interrogati su quella decisione o sul loro status di punti di riferimento rispetto ai quali sarebbero stati giudicati gli altri. L'aggiunta di riepiloghi della carriera mostra la forte rappresentanza dell'esercito, la rarità dello status di R/E di Warren, l'interesse comune per la ricerca biblica e il Palestine Exploration Fund [PEF].

Warren b. 1840 Esercito (R/E), PEF d.1927

WH Rylands b. 1847 Biblista, SoA d.1922

Gould b. 1836 Esercito, avvocato, storico, morto nel 1915

Woodford b.1821 Esercito, cappellano, autore/editore d.1887

Besant n.1836 Insegnante, Autore, PEF n.1901

JP Rylands b.1846 Barrister, S di Antiquaries m.1923

Pratt n.1844 Esercito m.1919

Hughan b. 1841 Autore, Mons., Biblico studioso d.1911

Speth b. 1847 Dirigente del tabacco d.1901

La chiara eccezione per quanto riguarda il background condiviso, Speth, non sembra aver avuto alcuna esperienza militare, di spionaggio o archeologica. Il più giovane, era anche lui di origine tedesca. Apparentemente non è mai stato considerato idoneo per il posto di WM nonostante, come vedremo, i suoi considerevoli risultati nella supervisione delle operazioni di QC. In ritardo, gli fu assegnato il grado GL nel 1896 quando furono pubblicati il ​​suo ampio background massonico e quello di suo padre. [cdxl] JP Rylands si dimise alla fine del 1886 e si sa poco del suo passato. [cdxli]

Quando subentrò a Warren come WM della Loggia 2076 alla fine del 1887, Gould si dilungò felicemente sulla "instancabile perseveranza, coraggio e abilità" del suo predecessore nelle sue prime esplorazioni della Palestina per il War Office e il PEF, il suo "tatto, discriminazione e zelo " , e il suo "cospicuo coraggio e audacia" quando è impegnato in una serie di compiti di governo in Africa. Anche Gould aveva avuto almeno un decennio sotto tiro, anche se ancora una volta si sa poco. Quando nel 1880 fu nominato "Gran diacono anziano" si notò che: " ...Bro Gould fu nominato ufficiale dell'esercito nel 1855, e si ritirò vendendolo nel 1865...(prestò servizio in Cina contro i Taipings) Bro Gould fu chiamato all'Albo degli Avvocati nel 1868, ed è membro del circuito occidentale..' .[cdxlii] Woodford, quasi 30 anni più vecchio dei più giovani fondatori, era il figlio maggiore di un feldmaresciallo che era stato governatore di Gibilterra, dove Woodford Junior era stato accolto nella "Loggia degli abitanti", che come abbiamo visto era una chiave punto di connessione. Ufficiale delle Coldstream Guards per un certo periodo, aveva rassegnato le dimissioni dall'incarico di diventare un chierico e poi un editore. [cdxliii]

I nove non si consideravano il gruppo fondatore completo. I membri 10, 11 e 12 che si unirono nell'aprile 1886, emersero dallo stesso mondo della maggioranza, [cdxliv] mentre nell'età erano tutti più vicini a Woodford che a Speth:

Simpson b 1823, init 1871, artista di guerra e autore n. 10 (dato 9) d.1895

Bywater b.1825, init 1846, Saddler/UGLE n. 11 (dato 10) d.1911

Irwin b.1829, init 185x , Sapper/RE n. 12 (n. 11) d.1893

Come già notato, Irwin era un soldato di stanza a Gibilterra dove aveva prevalso su Gould nel 1858 per aiutarlo a far rivivere la "Loggia degli abitanti" del Rock. Warren arrivò a Gibilterra poco dopo. Irwin succedette a Gould come WM di quella loggia quando il reggimento di quest'ultimo fu inviato in Sud Africa. Irwin rimase a Gibilterra per il decennio successivo, ma andò con Warren nel Bechuanaland nel 1883 prima di tornare a lavorare con reggimenti di volontari in Inghilterra. Ritiratosi con il grado di Maggiore, accettò di unirsi a QC quando Gould lo esortò a presentare il suo nome nel gennaio 1886: '…Mentre scrivo contro il tempo, e tutta la preparazione per la consacrazione è ricaduta sulle mie spalle – forse accetterai di essere proposto, lasciando una questione abbastanza aperta, sull'accettazione finale, ascoltando ulteriori dettagli. Sir C. Warren, Hughan ed io siamo tutti ansiosi che tu ti unisca a noi...' [cdxlv] Bywater era stato un membro del MAI, sopra, nel 1870, un altro punto chiave di collegamento, mentre Woodford, Simpson e Besant, sicuramente, e Probabilmente Hughan, ha partecipato a quel corpo.

Dei primi quattro WM - Warren, Gould, Simpson e Pratt - tre erano o avevano trascorso del tempo come soldati di carriera. Il quarto, Simpson era popolarmente conosciuto come "Crimean Simpson" perché le sue capacità di artista di guerra e giornalista vennero alla ribalta per la prima volta in quella guerra. Aveva lavorato con Warren e Besant almeno dal 1865 ed era apparentemente così connesso con i reali che era in contatto con la regina Vittoria. Il quinto WM e membro n. 11, Bywater, è stato un EF per tutta la vita, sembra non aver avuto né esperienza militare né archeologica, ma il suo background professionale sembra ancora una volta deliberatamente vago. [cdxlvi] Il suo ruolo di alfiere della grande spada alle celebrazioni del giubileo d'argento della regina Vittoria non è una spiegazione sufficiente per Gould che afferma nel 1888 che: 'Quando questa Loggia fu fondata, il fratello Bywater ne divenne naturalmente un membro, e fu il primo fratello che si unì a noi. Non dimentico che il fratello Simpson è apparentemente il primo membro che si unisce, ma questo fratello lo abbiamo sempre considerato un fondatore, perché la petizione per un mandato avrebbe portato la sua firma se non fosse stato assente in quel momento come corrispondente di guerra.' [cdxlvii] Bywater era stato membro del Board of General Purposes dell'UGLE, ovvero la cerchia ristretta, dal 1870. È spesso indicato come 'saddler' ma nel 1855, all'età di 30 anni è registrato come assegnante ' tutti i suoi beni personali e gli effetti ' a un corriere e un 'tagliabriglia e imbracatura'per conto dei creditori. In altre parole sembra essere fallito e aver lasciato l'attività di cavalli/pelle. Suo padre era un allenatore di cavalli e un giocatore d'azzardo ben collegato e potrebbe aver finanziato suo figlio nel settore edile / immobiliare. Per ottenere il suo status di ricercatore, Bywater, Jnr, preparò e pubblicò una storia della sua loggia, Athelstan, nel 1869, e un saggio su Laurence Dermott, segretario degli "Antients" del 18° secolo nel 1884. Nel 1888, lui, Warren, Woodford e un non membro contribuente, Woodman, ricevettero lo status di GL.

Sempre con l'eccezione di Speth, le sovrapposizioni del coinvolgimento passato l'uno con l'altro, attraverso l'archeologia biblica militare e l'EF Grand Lodge sono così chiare che i membri fino a Irwin, n. 12, possono essere considerati de facto il gruppo fondatore. In confronto, il background militare e l'esperienza archeologica sono quasi inesistenti tra i loro immediati successori. L'esempio più chiaro della bruschezza del cambiamento è che il n. 14, Hayter-Lewis, si distingue nella coorte dei candidati prescelti da 13 a 32 come l'unico con un background vicino ai membri iniziali. Appartiene alla generazione di Woodford e aveva forti legami con il gruppo fondatore e con altre figure presenti in questo racconto. Il suo necrologio nel 1898 includeva: ' …La sua opera principale, I luoghi santi di Gerusalemme, illustrato dalle foto scattate da Lord Kitchener di Khartoum (allora tenente Kitchener) è uno studio più esauriente sull'argomento... Fu per lungo tempo un attivo sostenitore del Palestine Exploration Fund e, con Sir CW Wilson, annotò il resoconto di Procopius degli edifici di Giustiniano, e pubblicò i risultati...' [cdxlviii] I noti, brevi dettagli dei venti membri dopo Irwin, i quali furono tutti proposti prima della fine del 1888, sono:

Whytehead b.1840, init 1872 NZ (Regno Unito nel 1874) Avvocato n. 12 d.1907

Hawkins,               (dimessosi - nessun motivo fornito - restituito in seguito)

Riley, n.1842, init 1866, n. 13 d.1901

Hayter-Lewis b.1818, init 1877 Univ Architect, Antiq n. 14 d.1898

Chapman             (eletto nel giugno 1886 - non prese la carica - nessun motivo addotto)

Westcott, nato nel 1848 nel 1871, coroner, n. 15 d.1925

Corsia b.1843 init 1878, Ragioniere n. 16 d.1899

Chetwode-Crawley b 1844 init 1872, Univ Admin? n. 17 d.1916

Buden b. 1830 init 1838, Sarto (n. n.) d.1887

Ball b.1850 init 1883 Rev/Assiriologo n. 18 d.1908

Burford-Hancock (Kt) b.1839 init 1876 Army/Col Admin n. 19 d.1895

Kelly b.1815 init 1838 Ragioniere n. 20 d.1894

Whymper b.1845 init 1872 Direttore del birrificio n. 21 d.1893

Castello b. 1842                                   RE/avvocato n. 22 d.1912

Macbean b. 1845 init 1883 n. 23 d.1919

Goldney (Kt) b. 1845 init 1868 n. 24 d.1921

Williams b. 1820 init 1846 Chimico/frenologo n. 25 d.1892

Kupferschmidt b. 1839 init1875 n. 26 d.1901

Finlayson b. 1836 init 1863 n. 27 d.1891

Clarke (Kt) b. 1846 init 1877 Architetto/Curatore n. 28 d.1911

 

Lodge QC non è stato concepito come una rottura con il passato, ma è stato istituito per consentire ai suoi fondatori di continuare a fare ciò che stavano facendo. Erano la prova apparente che conoscevano meglio e hanno tracciato un modello dal loro passato. Ma, al momento dei primi incontri di QC come loggia, il 'johnny-come-lately', Speth, con l'aiuto di Gould, doveva già riempire un vuoto considerevole che si era sviluppato e usare abilità che il più noto fondatori non possedevano. Speth non faceva parte del modello. Non era la persona per coltivare ciò che i membri più anziani avevano derivato dalle loro esperienze condivise, ma il background che ha portato al lavoro era ciò di cui il controllo di qualità aveva bisogno per sopravvivere. I fondatori avevano portato ciò che era necessario per affermare il QC ma il mondo in cui i loro entusiasmi avevano avuto moneta stava passando se non già scomparso, e la "storia" che avevano appreso portava a illusioni, non a una storia autentica. Inoltre, il loro luogo d'incontro, nel centro di Londra, non era "un club accogliente" per sedersi tranquillamente e meditare, era un teso campo di battaglia. Mentre firmavano i loro nomi sulla Carta che autorizzava i loro incontri, forse sentivano che l'Impero era forte e sarebbe sopravvissuto nonostante le ovvie contese, ma non avrebbero potuto pensare che la città fosse un luogo di gioia e di cuore aperto. Per gli uomini che hanno superato il loro apice, anche solo partecipare alle riunioni deve essere stata una prova. Woodford, il primo "Past Master" di QC, morì nel dicembre 1887, Irwin nel 1893, Simpson nel 1899, Speth nel 1900 e quando Walter Besant morì nel 1901, l'anno in cui morì la regina Vittoria, la bandiera dell'Impero e della gloria inglese era ben e veramente a mezz'asta. il loro luogo d'incontro, nel centro di Londra, non era "un club accogliente" per sedersi tranquillamente e meditare, era un teso campo di battaglia. Mentre firmavano i loro nomi sulla Carta che autorizzava i loro incontri, forse sentivano che l'Impero era forte e sarebbe sopravvissuto nonostante le ovvie contese, ma non avrebbero potuto pensare che la città fosse un luogo di gioia e di cuore aperto. Per gli uomini che hanno superato il loro apice, anche solo partecipare alle riunioni deve essere stata una prova. Woodford, il primo "Past Master" di QC, morì nel dicembre 1887, Irwin nel 1893, Simpson nel 1899, Speth nel 1900 e quando Walter Besant morì nel 1901, l'anno in cui morì la regina Vittoria, la bandiera dell'Impero e della gloria inglese era ben e veramente a mezz'asta. il loro luogo d'incontro, nel centro di Londra, non era "un club accogliente" per sedersi tranquillamente e meditare, era un teso campo di battaglia. Mentre firmavano i loro nomi sulla Carta che autorizzava i loro incontri, forse sentivano che l'Impero era forte e sarebbe sopravvissuto nonostante le ovvie contese, ma non avrebbero potuto pensare che la città fosse un luogo di gioia e di cuore aperto. Per gli uomini che hanno superato il loro apice, anche solo partecipare alle riunioni deve essere stata una prova. Woodford, il primo "Past Master" di QC, morì nel dicembre 1887, Irwin nel 1893, Simpson nel 1899, Speth nel 1900 e quando Walter Besant morì nel 1901, l'anno in cui morì la regina Vittoria, la bandiera dell'Impero e della gloria inglese era ben e veramente a mezz'asta. Mentre firmavano i loro nomi sulla Carta che autorizzava i loro incontri, forse sentivano che l'Impero era forte e sarebbe sopravvissuto nonostante le ovvie contese, ma non avrebbero potuto pensare che la città fosse un luogo di gioia e di cuore aperto. Per gli uomini che hanno superato il loro apice, anche solo partecipare alle riunioni deve essere stata una prova. Woodford, il primo "Past Master" di QC, morì nel dicembre 1887, Irwin nel 1893, Simpson nel 1899, Speth nel 1900 e quando Walter Besant morì nel 1901, l'anno in cui morì la regina Vittoria, la bandiera dell'Impero e della gloria inglese era ben e veramente a mezz'asta. Mentre firmavano i loro nomi sulla Carta che autorizzava i loro incontri, forse sentivano che l'Impero era forte e sarebbe sopravvissuto nonostante le ovvie contese, ma non avrebbero potuto pensare che la città fosse un luogo di gioia e di cuore aperto. Per gli uomini che hanno superato il loro apice, anche solo partecipare alle riunioni deve essere stata una prova. Woodford, il primo "Past Master" di QC, morì nel dicembre 1887, Irwin nel 1893, Simpson nel 1899, Speth nel 1900 e quando Walter Besant morì nel 1901, l'anno in cui morì la regina Vittoria, la bandiera dell'Impero e della gloria inglese era ben e veramente a mezz'asta.

Inoltre, nonostante tutte le esperienze condivise, le tensioni interne erano evidenti al primo incontro del QC. Bro Fenn, presente dalla Loggia dell'Emulazione che ha fornito i gioielli e i mobili usati alla cerimonia di installazione, ha detto di ritenere che il QC fosse stato formato " per risolvere punti difficili nella storia massonica", ma ha notato che: " Bro Gould ha (concluso) che questi quattro martiri, o cinque, o nove martiri compressi in quattro non avevano niente a che fare con la Massoneria... Ho notato da quanto è caduto dal fratello Woodford prima nel suo discorso che c'è una divergenza di opinioni tra lui e il fratello Gould... (ma lascia che speriamo) in una soluzione soddisfacente di alcuni di quei dubbi che ultimamente hanno turbato l'Arte». [cdxlix] Besant, sebbene il tesoriere di QC fosse per lo più assente, Warren aveva i suoi altri impegni, il che significava che ha saltato anche la maggior parte degli incontri, Irwin e Hughan erano entrambi disillusi e in cattive condizioni di salute, Woodford stava combattendo contro la bancarotta e la vecchiaia e Gould e sua moglie erano molto in difficoltà circostanze.

Solo cinque dei nove elencati come fondatori parteciparono alla consacrazione della loggia nel gennaio 1886. Si mescolarono con solo altri cinque. Alla seconda riunione, il 7 aprile 1886, quando il verbale differenziava i partecipanti in "Membri" e "Visitatori", e la prima in cui era programmato un documento, parteciparono solo 4 "fondatori" e 1 "visitatore". [cdl] Woodford, in qualità di WM in assenza di Warren, ha posticipato il giornale a giugno "(a) causa della scarsa partecipazione e della quantità di affari davanti alla loggia". Il 3 giugno, Gould ha consegnato il primo documento, "On Some Old Scottish Masonic Symbols", a 10 membri e 5 visitatori. Al 4 °riunione, a settembre, hanno partecipato 6 membri con 9 visitatori. Nell'ottobre 1886, Speth, in qualità di Segretario, avvisò tutti i membri che il prossimo incontro, a novembre, fu speciale poiché: ' ...(il) giorno in questione è stato celebrato dalla Chiesa per più di mille anni come la Festa dei Quattro Incoronati Martiri, i primi Santi Patroni dell'Arte ed è stato opportunamente selezionato come Festa Annuale e Giorno di Installazione della nostra Loggia...' [cdli] Era anche previsto che l'incontro annunciasse una 'scoperta importante e sorprendente': '…(Oltre alla presenza di ufficiali della Gran Loggia)…un documento per l'occasione è in preparazione da parte del Prof. T. Hayter Lewis e, sebbene breve, poiché la sua scoperta è solo nella sua fase iniziale, sarà di inestimabile interesse. Ha trovato in alcuni scritti antichi un'allusione distinta e inconfondibile alla Leggenda Hiramica che ci riporta indietro di diversi secoli oltre ogni sua traccia preesistente.' Col senno di poi, il "carta" di Hayter-Lewis appare come un atto di disperazione da parte di Speth. In seguito scrisse: ' …L'unica caratteristica insoddisfacente della nostra storia passata è il piccolo numero di membri della Loggia londinese…se…uno o due di (questi) falliscono, la Loggia è ridotta a dimensioni molto piccole. Se non fosse per la presenza dei membri della corrispondenza e dei visitatori, il pubblico riunito sarebbe spesso molto scoraggiante...'[cdlii] In questa riunione di novembre il numero totale dei "membri" era di 14, ma solo 8 hanno partecipato. Il pubblico è stato aumentato con 23 visitatori, il che suggerisce che non erano eventi esterni o il tempo che ha impedito ai membri di partecipare. [cdliii] All'incontro di dicembre hanno partecipato 8 membri e 2 visitatori.

Un "Registro delle presenze" redatto a metà del 1887, quando l'elenco dei membri aveva raggiunto 17, mostra che Gould e Speth erano gli unici fondatori con un record del 100%, o 8/8 incontri, mentre Warren ne aveva gestiti 3/8, e Besant solo 1/8. [cdliv] Chiaramente, cameraderie non veniva generata all'interno del QC, che era vicino alla morte. È stato Speth che ha avuto l'idea di una comunità di ricerca fuori Londra, anzi ovunque si potesse trovare. La sua mozione originale per una "Società letteraria sotto la guida e la protezione della Loggia ", [cdlv] divenne nelle mani del comitato esecutivo una nuova classe di membri. Al primo incontro del 1887, con Westcott diventato il 16 °'membro a pieno titolo', 8 membri e 7 visitatori hanno eletto i primi membri del 'Circolo di corrispondenza', [CC] 37 in tutto. Questa seconda trasfusione di sangue nuovo, questa volta tramite le mailing list, ha avuto un effetto misto sui numeri delle riunioni. Hanno continuato a mostrare membri fondatori raramente presenti, un rivolo di "membri a pieno titolo" appena eletti e un numero imprevedibile di "visitatori", ma le migliori possibilità di sopravvivenza hanno incoraggiato il nucleo interiore. Nel suo discorso di accettazione come secondo WM, nel gennaio 1888, Gould celebrò l'"Outer Circle" appena costituito come una casa per i più lontani " cercatori della verità massonica" . Dal momento che i suoi numeri avevano rapidamente superato quelli del "Circolo interno", ha insistito sul fatto che gli " studenti di tutte le nazionalità" devono vedere il QC come "il centro della luce massonica"La responsabilità "assunta volontariamente" da QC era allora, ha detto, "come scuola generale di istruzione": " Il mio ideale di una loggia come la nostra è che rappresenti una scala educativa in Massoneria, che scenda dall'abisso di L'ignoranza massonica allo zenit a cui tutti aspiriamo.' [cdlvi]

 

Storia della Massoneria di Gould

 

La disputa più acuta e pubblicata durante i primi anni di QC era incentrata su Gould, eppure fu il primo a consegnare un documento e fu eletto Maestro Venerabile quando Warren si dimise dopo due mandati. Dopo la sua morte nel 1915 un collega affermò: ' …Nessun membro della Fraternità si è mai guadagnato una reputazione così diffusa; nessun membro dell'Arte ha mai meritato più completamente la stima in cui i suoi fratelli lo tenevano...' La sua reputazione e la sua continua fama massonica si sono basate principalmente, non sul QC, ma sul successo di The History of Freemasonry, pubblicato in numerosi volumi dal 1882 al 1887 e successivamente rivisto e ristampato numerose volte. I volumi sono stati celebrati come apparivano, ma, nel tempo, le voci hanno rosicchiato la questione della sua paternità. Nel 1982 i manoscritti a lungo archiviati con la calligrafia di Speth sono risultati identici ai capitoli di The History on "The Steinmetzen" e "The Craft Guilds of France", dopo di che il cercatore, l'assistente bibliotecario UGLE Hamill, scrisse al segretario del QC: "... Da documenti che ho riscoperto di recente sembrerebbe che Gould fosse colpevole di qualcosa di più della semplice scortesia, poiché sono emerse prove che non era l'autore di almeno due importanti capitoli iniziali, fatti che sollevano la questione di quanto del il lavoro era la sua ricerca e scrittura originali.' [cdlvii] Hamill ha fatto riferimento a una biografia parziale del 1980 di Gould il cui autore aveva commentato che Gould era sembrato in ritardo nel "riconoscere la grande assistenza offertagli dai suoi amici" . Hamill ha rivelato: ' ...(I) non era a conoscenza del fatto che Speth avesse prodotto alcun lavoro importante a parte le sue carte alla Loggia. Da un processo di eliminazione sono stato attratto dalla storia di Gould, e c'era la risposta... (Tutto) Gould aveva fatto era alterare lo stile di Speth con il suo.' Hamill ha quindi chiesto se le azioni di Gould fossero la ragione per cui The History non ha ricevuto il "Premio Peeters-Baertson" nel 1889, un premio apparentemente fatto su misura per questo.

Al momento dell'assegnazione del premio, gli amministratori belgi avevano effettivamente individuato The History per una menzione speciale e spiegato che era escluso da contesa, con altre opere di "storia pura", dalla formulazione nel testamento del premiato. Ciò si riferiva a "solo libri che dovrebbero spiegare e illustrare dottrine e principi massonici " e limitava il Premio al titolo "che... meglio... diffondeva e (consolidava) l'impero dei principi massonici" . Di tutte le opere presentate'la più importante, senza dubbio, è la grande Storia della Massoneria di RF Gould. Ma quest'opera... pur presentando il quadro più completo della storia esterna della nostra istituzione, è muta, o quasi, rispetto alla sua storia interna... Siamo stati così costretti, nonostante la meritata ammirazione, a lasciare fr. Gould's History per raccogliere gli allori che gli sono dovuti, in una competizione diversa dalla nostra». [cdlviii]

Nelle ultime pagine della Storia , scritta forse nel 1886 o all'inizio del 1887, Gould aveva ringraziato Hughan, « per il suo giudizioso consiglio» , Rylands, e Woodford, che descrisse come: «il Decano degli studenti massonici britannici, il cui saggio consiglio , così spesso ricercato, non è mai stato trattenuto, e la cui ampia biblioteca è stata messa gratuitamente a mia disposizione». Ha fatto una menzione particolare di Speth la cui: ' cooperazione...non è stata circoscritta entro questi limiti [i capitoli 'stranieri'] ma estesa ad altri capitoli, e alla lettura della seconda metà delle prove. Nei confronti di questo amico ho un particolare peso di obbligo, per la sua familiarità con diverse lingue moderne...».La dichiarazione più chiara possibile fu fatta da Hughan nel 1887 durante la revisione dell'ultimo volume. Dopo aver fornito informazioni, inclusa l'importanza del precedente resoconto di Findel e l'invito di 'Bro Jack', l'editore, per un testo, ha detto: ' Bro (Gould), sulla promessa di una cordiale collaborazione da parte dei suoi collaboratori (in particolare Bro Speth ed io) ha assunto l'incarico, e ha ora terminato le sue fatiche erculee, con grande soddisfazione dei numerosi confratelli che lo hanno volentieri assistito nella ricerca di informazioni, e con espressa gioia di molti Artigiani, in patria e all'estero, che ora avere una Storia della Massoneria da consultare, molto più avanti di qualsiasi altra pubblicata finora in Inghilterra o altrove». [cdlix] Hughan è stato molto chiaro: 'Naturalmente, nessuno potrebbe realizzare un simile lavoro senza assistenza, ma in tutto il fratello Gould ha preservato la sua indipendenza e ha sempre tenuto le redini. È enfaticamente la sua Storia, ea lui e solo a lui è dovuto il merito...' Nessuno vicino a QC avrebbe potuto essere all'oscuro delle collaborazioni o, nonostante l'affermazione del frontespizio di un solo autore, dell'apprezzamento di Gould. Nel 1901, al servizio funebre di Speth, e in numerosi necrologi, Gould registrò i suoi ringraziamenti per la "grande" assistenza fornita dal Segretario nella stesura di The History . [cdlx] Anche Rylands ha parlato chiaramente: '(È) è... una leggera consolazione per noi pensare che alle fatiche di Speth il fratello Gould fosse debitore di gran parte dei lunghi capitoli dedicati alle corporazioni commerciali francesi e alla Massoneria continentale, inclusi nella... sua monumentale Storia.'

Gould aveva pubblicato i risultati della ricerca ben prima che Speth entrasse in scena. Le sue Quattro Logge Antiche , ad esempio, risalgono al 1879. Ritiratosi per alcuni anni dalle piantagioni cubane, i primi tentativi di ricerca di Speth risalgono al 1881: «Quando alcuni mesi fa, trovandomi padrone di molto tempo libero, cominciai a indagare sui vecchi Minuti della nostra Loggia, al fine di scriverne la storia, la mia intenzione era semplicemente quella di annotare un breve riassunto dei principali eventi ad essa collegati – tale da coprire forse un paio di fogli di sciocco, e formare un breve foglio da leggere in Loggia, se ritenuto degno di tale onore.' Raccontò come la sua curiosità avesse poi preso piede: 'Tuttavia, man mano che il mio interesse per le nostre azioni cresceva, trovavo sempre più difficoltà a respingere questo fatto e l'altro, finché i miei appunti da soli non formarono un foglio piuttosto ingombrante. Decisi allora di rendere la mia storia esauriente come in me, e presto scoprii che ciò richiedeva l'acquisizione di più informazioni di quelle che potevano essere fornite dai nostri stessi annali, coinvolgendomi in ricerche per le quali la mia precedente esperienza non mi aveva quasi adattato. Il lavoro, però, mi ha affascinato...'

La disposizione dei capitoli in "The History" appare arbitraria e non sistematica. Anche ai lettori che non hanno dimestichezza con la letteratura l'arrangiamento deve apparire strano, con le stesse intestazioni, ad esempio 'Le 'vecchie accuse', in un certo numero di posti. A un lettore più esperto, verrebbero in mente molte domande – ad esempio, perché la separazione di "Massoneria operativa medievale" da "Le vecchie accuse" e dai capitoli dell'Europa continentale che riguardano direttamente gli "operativi medievali"? Queste separazioni sono allineate, non con la logica, ma con le predilezioni di EF. Il capitolo 1 inizia con un credo personale. Cerca sostegno nell'approccio di un predecessore tedesco che aveva affermato di essere sfuggito a "teorie fantasiose" invocando la "tradizione": "(Mentre) scartando accuratamente le narrazioni chiaramente favolose di cui è gravato il nostro sistema massonico, sono dell'opinione che il punto di vista a cui Schlegel ha dato espressione sia quello che faremo bene ad adottare. Lui dice:

«Ho stabilito come massima invariabile di seguire la tradizione storica, e di attenermi a tale indizio, anche quando molte cose nelle testimonianze e nelle dichiarazioni della tradizione appaiono strane e quasi inesplicabili, o almeno enigmatiche; perché appena, nelle indagini della storia antica, ci lasciamo sfuggire quel filo d'Arianna, non possiamo trovare sbocco dal labirinto delle teorie fantasiose e dal caos delle opinioni contrastanti». '

È chiaro che né il credo di Gould né la sua aspirazione sostenevano un approccio scientifico, anzi che la "storia tradizionale" aveva nella sua mente un valore più alto dell'"autentica". Più avanti, nella stessa pagina, indicò: ' Il progetto del presente lavoro è quello di incarnare in un'unica pubblicazione le storie leggendarie e autentiche del mestiere … (Le mie) conclusioni generali saranno tanto nuove quanto spero possano rivelarsi ben fondato.' (HF,1, p.2)

 

Speth - Gestore di crisi

 

Nel 1860, un fratello negli Stati Uniti, Jacob Norton aveva discusso con Woodford dell'ignoranza dei massoni inglesi. Rimase abbastanza frustrato nel 1880 da basare una critica globale all'UGLE sullo stato della sua "biblioteca": [cdlxi] "Abbiamo tutti sentito che la Massoneria è una scienza, un'arte, un'arte reale, ecc, ma se la Gran Loggia biblioteca era un indice della nostra conoscenza scientifica, saremmo stati pronunciati come un corpo completamente ignorante del significato della parola scienza . La libreria che contiene la biblioteca della Gran Loggia è larga circa un metro e mezzo e contiene circa sei o sette scaffali. Questi libri non sono stati raccolti dall'attuale generazione di massoni... e (in) questo secolo la Gran Loggia (ha) donato dieci sterline... Stando così le cose, non c'è da meravigliarsi che i massoni inglesi fossero, e siano, tristemente ignoranti della storia massonica ... (A) chi siamo debitori per (la) nuova luce massonica? Non agli scrittori massonici inglesi, ma all'industria e all'intelligenza dei nostri fratelli tedeschi...' [Enfasi dello scrittore] Scrivendo da Boston, citò da The Freemason's Quarterly Review del marzo 1846, riportando un tentativo ancora precedente di convincere UGLE a finanziare una Biblioteca. In precedenza, ancora una volta, 100 sterline erano state concesse per una biblioteca e sebbene avesse avuto un evidente sostegno, il progetto era fallito: '...Dopo un intervallo di così tanti anni non c'erano nient'altro che scaffali vuoti e nessuna prospettiva di libri; questo era discredito per la Gran Loggia e un disonore per coloro ai quali era stata affidata la collezione...'Nel 1846 Crucefix aveva appoggiato la mozione per una sovvenzione annuale di GBP 20 ma poi, e per anni dopo, l'attuazione dell'idea fu ripetutamente bloccata e deviata. Nel 1880 Norton concluse il suo reportage con un appassionato appello affinché UGLE si rendesse conto di quanto stava scivolando indietro. Aveva bisogno di finanziare "gli uomini giusti" e strutture adeguate per incoraggiare la ricerca ad ampio raggio. Nel 1888, il segretario Speth applaudì alla donazione di oltre seicento titoli alla "nostra biblioteca", ma notò che "questa preziosa collezione" rimaneva "di difficile accesso", il che era molto diplomatico da parte sua poiché i libri erano tutti conservati a casa sua: "Questa Biblioteca dovrebbe essere installata nei locali del centro di Londra, sempre aperta... Ma i locali di Londra sono costosi, mentre la Loggia è povera, e tale rimarrà sempre, perché i suoi fondi non potranno mai accumularsi...' [cdlxii] Nel 1892, Gould ha "celebrato" il sacrificio personale di un bibliotecario volontario Sadler che aveva "realizzato meraviglie" con il GBP25 che era stato votato nel 1880 per avviare una Biblioteca QC. Come Norton, Gould era in grado di confrontare l'atteggiamento avaro di Londra con esempi positivi manifestati altrove, ad esempio, in Iowa e New York. [cdlxiii] Sadler, per inciso, è stato un altro caso illustrativo dei primi problemi interni. Uno dei pochi che parteciparono alla consacrazione della Loggia del gennaio 1886 e uno dei primi candidati al "Circolo di corrispondenza", pubblicòFatti e finzioni massoniche nel 1887 che contraddicevano la visione "scismatica" di Gould dell'Antient Grand Lodge. Non fu ammesso come membro a pieno titolo del QC fino al 1903, un ritardo attribuito da alcuni alla rozzezza di Gould. [cdlxiv] Col senno di poi, è possibile vedere che quando il gruppo fondatore di QC si è riunito non avevano pensato alle possibili conseguenze delle loro varie ambizioni. Ad esempio, non avevano pensato all'infrastruttura amministrativa. Ancora più preoccupante, nei primi decenni di QC non c'è stato alcun serio tentativo di metterne in atto. Non avevano un "piano aziendale" e non reclutavano nessuno che sapesse qualcosa sui programmi educativi. La nascita di QC aveva messo in luce molti problemi pratici, ma erano stati lasciati a Speth da risolvere.

Segretario per i primi 15 anni di QC, Speth apparentemente ha risposto a ogni richiesta di posta personalmente e in modo approfondito. Istituì anche quelle che furono chiamate "carte di San Giovanni". Progettate da Simpson e simili alle cartoline di Natale, queste per un certo numero di anni sono state inviate a tutti i membri ea tutti gli abbonati CC. Incaricato di svolgere tutti gli sforzi una tantum che il gruppo esecutivo decideva di volta in volta, nonché tutto il lavoro quotidiano, il carico di Speth era considerevole. La produzione di libri commerciali e le catene di distribuzione associate furono respinte a favore della rete di logge che lasciò a Speth il compito di sistemare i dettagli. Senza una sede permanente ha scoperto di dover conservare a casa sua tutte le pubblicazioni invendute e donate. La sola "Biblioteca" aveva raggiunto i 3.000 volumi prima che potesse rinunciarvi. Dyer ha calcolato il suo carico di lavoro: '(La) organizzazione di incontri, con idonea presentazione di elaborati; l'effettiva gestione della loggia come loggia massonica; in breve tempo, l'organizzazione per l'editing, la stampa e la pubblicazione delle nostre Transazioni, e l'incontro di un gruppo di persone semi-interessate che le avrebbero comprate e persino lette... La loggia non aveva soldi... tutte le cose che hanno menzionato i costi. Cento anni fa un tesoriere della loggia [inizialmente Besant] non prendeva parte agli affari mondani di raccogliere fondi e spenderli. Il suo dovere era l'effettiva custodia dei fondi... (La) raccolta e riscossione del denaro, la contabilità e la contabilità, e tutta la pianificazione finanziaria che era stata fatta, tutto ricadeva sul segretario della loggia...

…E nel caso dovesse giocherellare, hanno assunto un contabile professionista come revisore dei conti, ma hanno trascurato di prendere decisioni concrete su questioni importanti, come occupare una stanza a Londra per i libri, e di fungere da ufficio. '

Da una situazione di non coinvolgimento con la cerchia dei fondatori, Speth è diventato amministrativamente indispensabile per QC. Il suo maggiore aiuto nei primi frenetici giorni venne da Gould. Questi due viaggiarono "oltremare" nel 1888 su invito di "fan" olandesi e belgi. Nonostante le continue controversie in quei paesi sul coinvolgimento massonico nelle questioni sociali, ritenute da alcuni "politiche", furono accolti "tumultuoso". Presentarono il primo "gioiello" del CC allo studioso belga Tempels, un massone antipolitico affermato. Un articolo statunitense del 1892 registrava la carriera massonica di Speth e lo descriveva come: "Originariamente uno dei fondatori (QC's), è stato, sin dalla sua istituzione, il suo spirito guida, e con la sua capacità esecutiva e la sua instancabile energia l'ha costruito fino a proporzioni mai immaginate all'inizio.' [cdlxv] Nel 1894, quando gli fu presentato un bell'orologio e una catena per il suo decennio di sforzi, Speth rispose: '... sin dall'inizio mi sono dedicato cuore e anima, corpo e mente al benessere della nostra loggia; è diventato il lavoro del mio apice, l'amore della mia virilità e, confido, dimostrerà la mia gioia nella vecchiaia.' [cdlxvi] Un corrispondente statunitense nel 1897 rimarcava l'importanza centrale di Speth introducendo un opuscolo di 'formulazioni' con il pensiero: ' Se la nuova teoria della discesa della Massoneria inglese proposta da Fratello George W. Speth, della Loggia Quatuor Coronati è vera... ' [cdlxvii]

L'atteggiamento di Speth nei confronti dei fratelli inglesi "medi" era schiacciante: " ...Mi chiedi di darti un'idea di come la massoneria americana colpisce l'artigiano inglese medio. Ebbene, in primo luogo, penso che l'inglese medio, con quell'insulare autosufficienza che è un tratto davvero affascinante del suo carattere, sappia molto poco della massoneria americana e se ne preoccupi, se possibile, ancora meno... non il minimo sospetto che la tua organizzazione e le tue disposizioni differiscano da quelle a cui è abituato, tanto quanto il gesso del formaggio. Vive in un delizioso stato di beata ignoranza, che sarebbe stato un peccato disturbare inutilmente ...' [Il mio corsivo]...' In una recensione del 1898 Gould scrisse: 'Premetto che l'eccellente articolo letto da Bro Speth [a QC] non ha un ammiratore più caloroso di me. È sotto ogni aspetto un ornamento per le colonne di [AQC] e non si sa se pagare il maggior tributo di rispetto alla paziente operosità dello scrittore, o al modo magistrale in cui sono disposti i suoi argomenti.' [cdlxviii]

Nel 1900 Speth fu ridotto a suppliche ironiche - che sarebbe stato felice se potesse ottenere anche una "discussione intelligente" sulla necessità di locali permanenti e personale adeguato: " ... Finora abbiamo parlato tutti più o meno a caso, senza alcun un'idea chiara davanti a noi di ciò che vogliamo o di quanto costerà. Se i Fratelli del Comitato volessero favorirmi con osservazioni scritte su questi appunti, essi potrebbero essere digeriti, confrontati e portati davanti al Comitato in qualche occasione futura». [cdlxix] Era chiaramente possibile per UGLE rendersi conto che il lavoro svolto aveva un valore e avere locali e personale nutriti piuttosto che ignorare l'ovvia necessità. Il record mostra che oltre a non preventivare il budget per la sua nuova loggia, né per membri impetuosi come Woodford [cdlxx], la "Sala delle Autorità della Massoneria" non ha nemmeno ritenuto importante che il QC osservasse le date dell'incontro che aveva scelto e ha insistito sul cambiamento delle date o sul trasferimento in altri locali. [cdlxxi] Né la possibilità di 'salvare la Massoneria' né 'una considerazione più accademica e critica delle nostre evidenze'aveva impressionato UGLE. Determinato a mantenere la sede centrale di Londra per le sue riunioni e i suoi tenui collegamenti con GL, l '"Inner Circle" di QC ha razionalizzato l'assenteismo dalle riunioni della loggia incolpando la distanza e le difficoltà del trasporto londinese. La sua grazia salvifica inizialmente era la rete massonica internazionale in cui era incastonata come loggia. Molto più tardi, con il suo futuro di nuovo in gioco, QC è stato nuovamente deluso da UGLE. Di fronte nel 1952 alla necessità di lasciare andare un'impiegata di lunga data, una "Miss Johnson", un fratello " si sentì costretto a offrirsi di rendermi responsabile della sua pensione quando i fondi della Loggia si esaurirono". [cdlxxii]

Alla sua morte nel 1901, Gould ha accreditato il suo collega del CC come " la pietra del capo della nostra struttura attuale" e "l'ispirazione più brillante che sia mai venuta a qualsiasi devoto della ricerca massonica" . [cdlxxiii] La volontà di Speth di essere il cavallo di battaglia del controllo di qualità potrebbe avergli accorciato la vita, [cdlxxiv] sebbene la sua autopsia nel 1901 rivelò un cuore gravemente malato, probabilmente a causa del suo lungo coinvolgimento con il fumo e l'industria del tabacco. Dyer ha commentato le conseguenze della sua improvvisa scomparsa: ' ...La sua morte ha causato il caos...La vita della loggia dipendeva dal trovare un modello il più vicino possibile nello stampo di Speth...' [cdlxxv]Questa almeno era una dichiarazione onesta. Non molto altro di ciò che è stato pubblicato sul successo di QC è stato. Il successore di Woodford come editore di The Freemason sostenne nel 1889: ' ... Con il (suo) programma, di cui ogni particolare è stato rigorosamente rispettato , non c'è da stupirsi che la Loggia Quatuor Coronati stia rapidamente diventando quell'esponente della vera opera massonica che ci è voluto così tanto tempo per fermare la devastazione dei veri principi dell'Ordine, negli ultimi anni quasi cancellati da innovazioni e deviazioni da antiche usanze. Nessun vero massone... può non gioire di avere un corpo così rappresentativo di ciò che dovrebbe essere la massoneria ...' [cdlxxvi] (I miei enfasi)

Il celebre massone nato in Arkansas, Albert Pike, concordò in una lettera a Gould che la "beata ignoranza" era diffusa, ma pensava che "non fosse strano che una stima così bassa dovrebbe essere data alla paternità massonica, poiché la maggior parte delle opere massoniche sono irrimediabilmente prive di valore..." [ cdlxxvii] Un poliedrico e autodidatta, Pike sperava che i timori di Gould per il controllo di qualità a metà del 1888 non si sarebbero realizzati: ' ... mi rammarico del fallimento di qualsiasi piano o organizzazione intesa a elevare e intellettualizzare la Massoneria e quindi mi dispiace molto se i tuoi presagi o paure riguardo al futuro di [QC] sono profetici... (Se QC) cade in rovina, sarà una grave disgrazia che sta per colpire la Massoneria del mondo, e un grande peccato e vergogna.' [cdlxxviii] Nella sua lettera del 1890 a Freemason's Chronicle, in cui pubblicizzava il successo di QC nell'attrarre i candidati nel suo "Cerchio di corrispondenza" Gould avvertì che "una fornitura continua di documenti di un certo livello " era "il rock a-head" che QC dovrebbe temere: " (Dei ventiquattro ' caratteristiche principali' del primo Volume delle Transazioni) i fratelli da cui sono scritti sono solo quindici, e uno di loro non è né membro né associato...(mentre) quattordici dei...ventiquattro erano opera di cinque solo contributori.' Cinque erano di Speth, e due ciascuno di Gould e Woodford, e uno ciascuno di Warren, WH Rylands e Hughan. Altri tre "articoli" erano traduzioni Speth. Nessuno è di Besant, Pratt o JP Rylands. Otto sono stati forniti da studiosi indipendenti o da "membri corrispondenti".

È giusto concludere che al momento del lancio di QC, alcuni dei fondatori erano molto vicini alla fine della loro vita attiva e avevano poco più da contribuire. Gli scambi formativi erano dietro di loro, le conclusioni erano state tratte e i contendenti avevano concordato di dissentire, per lo più in silenzio. I loro atteggiamenti "culturali", modellati, levigati e rifiniti durante le loro carriere lavorative, non hanno prodotto analisi del tipo che Crocifisso chiamava "attualità" mezzo secolo prima, quindi non c'è nulla su Londra o sulle colonie. La cosa più intrigante è che non c'è nulla nel fondamentalismo religioso dei boeri che avrebbe potuto essere un'interessante risorsa per il mulino orientato alla Bibbia di QC. Date le basi comuni dei fondatori, è notevole l'assenza di saggi sull'operato del PEF. Le Transazionimostrare almeno tanti saggi speculativi quanto "guidati da prove", con le speculazioni in gran parte esoteriche. Il gruppo fondatore sembra aver avuto un'opinione comune su cosa doveva essere omesso, ma il pregiudizio politico non è stato escluso. Nessuno dei dodici documenti dei fondatori è sulla storia inglese dopo il 1717, e solo uno sulla "Massoneria" dopo il 1717. Speth sull'atmosfera precedente al 1717 scrisse: ' ...Il dottor Sacheverell era un campione dell'intollerante High Church Party. Un famigerato sermone da lui predicato il 5 novembre 1709 a San Paolo fu, dopo un noioso processo, condannato ad essere bruciato dal boia comune» [cdlxxix] Non c'era alcun divieto formale sulla storia recente, o sulla storia più vicina a casa. Ciò è dimostrato da tre esempi di non fondatori, così come gli unici due sulla storia europea relativamente recente. Gli otto saggi basati su materiale non inglese, di cui due sulla Scozia, erano tutte letture, anche se limitate, di storia politica e sociale. I documenti principali nei successivi tre volumi delle Transazioni mostrano lo stesso piccolo numero di fondatori come autori e la maggior parte sono contributi di non fondatori.

Altre due questioni generarono agitazione interna. La prima era la politica di appartenenza, la seconda era quella che oggi viene chiamata 'Massoneria esoterica'.

 

La politica dell'appartenenza e le sue conseguenze finanziarie

 

La ricerca di candidati per il "cerchio interno", presumibilmente vietata, è avvenuta dall'inaugurazione. Speth era in una posizione migliore rispetto alla maggior parte dei membri per influenzare le situazioni in via di sviluppo, ad esempio scrivendo a Irwin nel 1889: ' ...vedrò che Bro De Ridder ['Driver'?] sarà eletto il 3 gennaio – Potresti gentilmente prenderlo per compilare il modulo allegato allora tutto sarà in ordine.' [cdlxxx] Sembra che abbia fallito in questa occasione, poiché il nome "De Ridder's" non appare successivamente. ['Driver' appare brevemente come un membro del CC] Forse affinando le sue capacità di lobbying, Speth scrisse a tutti i membri nel 1891: 'Il Capitano AH Markham, RN, CB, è un candidato per l'adesione a pieno titolo alla Loggia e la sua petizione è sostenuta dai fratelli RF Gould e dal WM. È membro del Circolo della corrispondenza dal gennaio 1889, e non c'è bisogno di ricordarvi che è stato il capo dell'ultima spedizione del governo al Polo Nord. [cdlxxxi] 'Captain Markham' appare nell'elenco dei membri come 'No 33 - Sir Albert Hastings Markham', dove si nota anche che non fu iniziato alla Massoneria fino al 1886. Le lettere circolate internamente mostrano che Speth aveva anche insistito duramente nel questione del successore di Warren come WM. La sua "Circolare 12" raccomandava esplicitamente Gould: "per il quale personalmente intendo votare... Spero che nessun fratello considererà questa lettera come alla luce di una tela, ma non c'è altro modo per suscitare i desideri dei nostri membri dispersi, e sembra auspicabile in ogni caso che coloro che non possono partecipare non dovrebbe essere lasciato del tutto senza voce in una questione così importante.' [cdlxxxii]

Hughan scrisse a un candidato all'adesione, Malden, nel 1895: " Solo una riga per dire che hai approvato all'unanimità il Com [Comitato permanente] sub-rosa e sarà proposto alla riunione di marzo ... (tu) sei eletto, solo che tutto è 'sotto la rosa' proprio ora... ho perso il mio ultimo... ma Lane ed io questa volta abbiamo avuto successo. [Il mio corsivo] [cdlxxxiii] Il fratello irlandese, Chetwode-Crawley, tenne Sadler al passo con gli sviluppi riguardanti la situazione di quest'ultimo – nel 1895 scrisse: ' …Non c'è uomo vivo che se lo meriti così bene. Ma per le tue ricerche originali e la tua indipendenza di pensiero e di parola, le opinioni che sostengo non avrebbero potuto essere prese in considerazione, tanto meno mantenute.' [cdlxxxiv] – e poi nel 1903: '…Avete passato il ballottaggio, ma ciascuno degli altri due ha ricevuto tre voti contrari, e sarà loro intimato che dovranno scrivere Saggi, così come gli operatori hanno dovuto costruire capolavori, prima di essere elevati a tutti i membri. '

Warren inizialmente sperava che l'ammissione al "Circolo di corrispondenza" sarebbe stata per elezione, come QC, e dai ranghi di Maestri Massoni, " altrimenti potremmo essere inondati di persone che non desideriamo" . [cdlxxxv] La proposta originaria era nella Circolare 6: (19 nov 1886)…Il progetto che si è proposto a noi è…il seguente. Tutti i Maestri Massoni possono essere eletti come membri corrispondenti con un pagamento annuale di 10/-. Avranno diritto a ricevere gratuitamente e periodicamente copie delle nostre Convocazioni, Circolari e Transazioni.' [cdlxxxvi] Speth si era subito reso conto della follia di questo e aveva insistito sul fatto che il QC doveva avere il maggior numero possibile di 'Associati': '...I vantaggi (del CC) per la nostra loggia saranno un aumento del reddito,senza il quale dobbiamo rimanere fermi , un mercato assicurato per le nostre pubblicazioni, un cerchio allargato da cui attingere reclute e mezzi migliorati per rimanere in contatto con l'universo massonico.' [cdlxxxvii] [Enfasi mia] Informò Irwin nel 1887: ' ...Il fatto è che noi vogliamo i soldi e, a meno che non si sappia qualcosa contro un richiedente, è naturalmente ammesso. La stampa delle nostre transazioni avrà un costo di circa GBP35pa e il Circolo della corrispondenza è stato inventato principalmente per fornire i fondi...' [cdlxxxviii]

Sapeva che né UGLE né i membri di QC avrebbero coperto il deficit. Gould, Woodford e Hughan subirono tutti la privazione negli anni '80 dell'Ottocento. Una "Testimonianza di Hughan", in realtà una richiesta di donazioni nel 1884, ha raccolto 250 GBP in sei mesi. [cdlxxxix] Woodford fu dichiarata fallita nel 1885-6 senza alcuna risposta nota da parte di QC o di UGLE. Speth ha organizzato e guidato il tentativo di salvare Gould dalla povertà quando The History è stato piratato dagli editori statunitensi. "The Gould Testimonial Fund" fu introdotto alla Loggia nel gennaio 1889 e 10-0-0 fu immediatamente votato dai membri. Nel 1891, una nota di Speth che registrava che Gould: 'per un'inevitabile disgrazia, è stato ridotto al più basso livello di povertà e angoscia... Bro Gould ha 56 anni, ha una moglie ed è assolutamente senza un soldo.' I contributi annotati nell'agosto 1891 includevano: 'W Besant 3-3-0; WJ Hughan 1-1-0; Irwin 2-2-0; Speth 10-0-0; Westcott 1-1-0'. Un ulteriore appello con circolare fu fatto nel febbraio 1892, e di nuovo nel 1894 quando Speth commentò: "se non ha successo, nulla può salvare nostro fratello dall'ultima risorsa degli indigenti". Gould aveva fatto notare in una lettera al Times che la versione immutata e piratata del suo lavoro mostrava: 'la disonestà in materia letteraria è praticata spudoratamente dai membri di quella che comunemente si suppone sia una "Società di fratelli"... (L'editore americano e le tre persone che lasciano che i loro nomi appaiano come miei "assistenti" sono tutti loro Massoni.' [cdxc]

Le pagine totali in AQC mostrano la sua espansione interna e trasmettono il livello di lavoro extra e costi aggiuntivi coinvolti:

Vol I ammontava a 217pp. + 30pp di Indice ecc,

Vol II 182 pp. + 30pp Indice, ecc

Vol III 200 pp. + 40pp Indice, ecc.

Vol IV 248 pp. + 50pp di Indice

 

Misurato in pagine pa, il 1886 aveva 34 pagine,

1887 – 52 pagine,

1888 – 133 pp, + indici

1889 – 185 pp, + indici

1890 – 200 pp, + indici

1891 – 248 pp, + indici.

L'aumento del numero di pagine "indice" era dovuto all'espansione del Circolo della corrispondenza e al tentativo di Speth di elencare ogni membro per nome, numero, posizione e stato massonico. Le prime risposte al Circolo della corrispondenza sono state incoraggianti. Nel 1887 Speth riferì con gioia che 150 domande di adesione arrivarono subito dopo la pubblicazione delle prime Transazioni. Il pensiero iniziale per sole cento copie dei volumi annuali si espanse rapidamente a 250 e poi a 500, con aspettative di ulteriori e simili incrementi. [cdxci] I nomi e il numero dei candidati, che senza eccezioni furono votati dall'"Inner Circle" nel suo intervento nel registro dei membri, raggiunsero il migliaio nel 1890 e nel 1900 si avvicinava a 3.000. [cdxcii]Nel 1890 Gould espresse grande sorpresa per l'alto tasso di "assorbimento" nel CC: "Pensavamo che i numeri potessero arrivare a tre cifre - e lo fecero con una rapidità che ci sbalordiva..." [cdxciii] Riferì che a partire da maggio , 1890, 908 CC erano state eliminate le "società" costituite da: " 15 organi direttivi, 102 logge e capitoli (69 isole britanniche e 33 straniere), 5 biblioteche o istituzioni (non massoniche) e 886 fratelli (537 BI e 349 Estero).' Elencò felicemente per nome i molti 'eminenti' Massoni presenti nell'elenco e notò che: ' Delle professioni quella medica è la più ampiamente rappresentata (29)... il clero (28), i militari (23), i redattori di riviste massoniche ( 7), professori (5).' Speth nel 1892 era giustamente ottimista: 'Deve essere molto gratificante per ogni membro della nostra Associazione sapere che i nostri sforzi per risvegliare un interesse illuminato per le antichità e la letteratura dell'Artigianato stanno producendo risultati tangibili in tutto il mondo. L'istituzione di Logge e Società Letterarie... nel Punjab, nell'Australia Meridionale, nel Victoria, nel Queensland e altrove, tutte dichiaratamente ispirate dal nostro esempio, è stata registrata nelle nostre Transazioni ...' [cdxciv]

Queste cifre sono indicatori inaffidabili perché il tasso di abbandono scolastico era molto alto. Un'applicazione e un anno di sottoscrizione erano sufficienti per attivare copie delle Transazioni oltre il primo anno, ma fu solo nel 1900 che il dirigente si rese conto dell'entità del problema: "Le quote in sospeso sono enormi nel loro totale di quasi 700 GBP... sono più di settecento fratelli che non hanno pagato la quota per il 1900, e più di quattrocento che non hanno pagato per il 1899!' [cdxcv] L'esecutivo non ha ammesso che avrebbe potuto avere domande a cui rispondere e non ha incolpato il suo segretario. La colpa era della guerra sudafricana o dell'apatia degli altri. Speth scrisse nel 1900: 'Il (diminuzione del numero dei candidati) è probabilmente da attribuire in qualche misura al fatto che le menti degli inglesi si sono preoccupate, in tempi recenti, di questioni che hanno distolto la loro attenzione dallo studio massonico. Ma riteniamo che, in in misura minore, potrebbe anche essere dovuto a un ristagno da parte dei nostri membri, che non hanno colto tutte le opportunità disponibili per portare la nostra società davanti ai loro amici massonici...' Il successore di Speth, WH Rylands, nel 1905 dimostrò che il numero di CC i membri aggiunti per ciascuno degli anni dal 1888 al 1899 erano stati a centinaia, il più alto era 388 nel 1888 e 304 nel 1895. Dal 1900 al 1905, tuttavia, il numero si era stabilizzato ed effettivamente è diminuito nel 1900, 1902 e 1903. Fatto il Comitato 1900, il nuovo Segretario accusò i declini di cause al di fuori del controllo del QC: 'Ci sono stati 6071 nomi nell'elenco CC da quando è stato avviato per la prima volta. Gli anni (negativi) sono stati ovviamente dovuti in gran parte alla guerra in Sud Africa... Sembra che siamo di nuovo in rialzo, ma c'è una grande perdita annuale a causa di morti e apatia, e anche se abbiamo avuto oltre 300 aggiunte questo anno il guadagno netto è solo 46.' [cdxcvi] Cinque anni dopo Speth, il segretario Rylands è stato più severo nel suo giudizio, ma solo su altri: '. ..I fratelli apatici ovviamente non ci servono, non solo perché non amano leggere, ma perché non pagano l'abbonamento. Sarebbe più gentile se si dimettessero...' Sottolineò che il numero dei membri attivi del CC non era aumentato dal 1893, anche se i registri di GL mostravano: '…Ci sono 2490 logge nel registro della Gran Loggia d'Inghilterra. Supponendo che i membri medi siano 30 darebbero 74700 massoni... Secondo le ultime statistiche ci sono negli Stati Uniti 12637 logge con 1.011.547 membri e in tutto il Canada 674 logge con 50.878 membri. Abbiamo nella nostra lista CC 250 negli Stati Uniti, 35 in Canada'.

Nelle colonie, nel Queensland, ad esempio, nel 1893, il "segretario locale" Bro Spires aveva inviato una circolare a tutti i membri del CC in quello Stato. Comprendeva: ' …Sarà nel ricordo della maggior parte di voi che, all'inizio del 1891, 'The Circle' nel Queensland era composto da soli 3 membri. In quell'anno il numero è salito a 41. Nell'ultimo anno [1892] sono stati ammessi 30 nuovi membri, portando il nostro elenco di adunanze... fino a 71... I membri sono così composti:- 1 Gran Loggia Distrettuale, 9 Logge, 2 Capitoli dell'Arco Reale, 1 Società Letteraria e 58 Fratelli.' Notò che nel 1893 "il Queensland ha quasi tanti membri come tutte le altre colonie australiane insieme" , [cdxcvii] ma "….(Rispetto) al numero di massoni nel Queensland, il nostro elenco di membri… è solo l'1,7 per cento dei membri attivi. [cdxcviii] Credeva che 'il motto di ogni Artigiano dovrebbe essere ' Educare, Educate, Educate' : ' ...Se ogni membro della Fraternità fosse uno studente, anche in un senso così limitato, dovremmo avere meno lamentele di perdita di membri , scarsa partecipazione alle riunioni della Loggia e tiepidezza in generale.'

Speth aveva percepito fin dall'inizio che gli abbonamenti di membri lontani avrebbero potuto mantenere a galla il QC, ma che come ancora di salvezza aveva dei pericoli intrinseci: se l'afflusso di abbonamenti non fosse stato al passo con la totalità dei costi coinvolti nella manutenzione dell'abbonamento in aumento, il QC sarebbe stato eseguito in perdita, e alla fine avrebbe dovuto essere liquidato. Ma aveva paura di imporre tariffe realistiche. Nell'aprile del 1894 pubblicizzava il fatto che: '(a) Il candidato per l'appartenenza al Circolo della corrispondenza non è soggetto a nessuna qualifica, letteraria, artistica o scientifica... Non è soggetto a tassa di adesione... (e la) iscrizione annuale è solo mezza ghinea (10/6d)'Nel 1913, gli avvisi pubblicati in tutto il mondo nei periodici massonici mostravano che un sistema rivisto era ancora inteso ad attrarre per la sua economicità piuttosto che a riflettere il costo reale del prodotto: "La quota di adesione è di 21/- che include il primo anno di abbonamento... Ogni membro riceve le Transazioni riccamente illustrate e ben stampate... che vengono emesse in tre parti ogni anno...' [cdxcix] Le parti più schiette della narrativa di Dyer raccontano come il QC sia arrivato più vicino al naufragio nel periodo dal 1928 al 1951. Il Rapporto del 1952 del Permanent e Comitato di revisioneha mostrato che, nonostante i 12 mesi precedenti abbiano visto il più alto aumento annuale mai registrato di candidati eletti al CC, 585, il totale dei membri attivi era solo 3.058 e le finanze del QC sono rimaste in crisi. Nel gennaio 1952, l'esecutivo fece circolare una richiesta di aiuto, temendo che la situazione, riconosciuta per la prima volta come grave nel 1947, " potesse richiedere la consegna del suo mandato e una conseguente cessazione dei suoi lavori". [d] Dyer insiste sul fatto che di fronte all'escalation dell'inflazione dei costi del dopoguerra, i segretari industriosi erano riusciti nel 1973 ad aumentare il numero di CC a oltre 12.000. [di] L'allora segretario/direttore Carr, avendo bisogno di scrittori e di fondi per mantenere attivo il controllo di qualità, propose ancora una volta una separazione di ' opera complessa, forse nuova' , da 'forbici e incolla' , cioè, le 'carte comuni' di Woodford rivisitate. Sarebbero: ' appositamente progettati per la lettura in Logge e Logge di Istruzione, Circoli di Studio, ecc., per servire come base per la discussione e per promuovere un vivo interesse per l'Arte.' [dii] [enfasi AQC] Oscurata dal suo titolo latino, 'Miscellanea Latomorum', questa iniziativa ha fallito anche i suoi obiettivi palesi e, ancora una volta, non è riuscita a fornire una solida base per l'istruzione nelle logge.

Fuori nella diaspora, QC è apparso per un breve periodo come un romanzo e un'iniziativa opportunamente ottimista, soprattutto dove l'Impero stava ricevendo la massima attenzione, in Africa e in Asia. Non fu un caso che la seconda Gran Loggia a unirsi al Circolo della corrispondenza fosse il Distretto GL del Punjab a Lahore, dove si trovava la "loggia madre" di Kipling. Inizialmente, l'esempio di QC ha spinto a formare un numero significativo di logge simili. O hanno fallito del tutto o sono stati costipati nella consegna. Nel 1893 i massoni "britannici" di Sydney, recentemente combinati, iniziarono a progettare una società massonica musicale e letteraria " in cui ", si affermava, "tutti i punti di interesse potevano essere discussi liberamente e completamente".Questo "si è evoluto" in un club massonico che forniva solo alloggi e un luogo per eventi sociali. Fu solo nel 1913 che fu istituita una Loggia di Ricerca, n. 290. Nel suo discorso, il primo WM della loggia, il fratello Heighway, era più cauto che celebrativo, più ristretto che di ampio respiro: [diii] ' Nell'iniziare il lavoro in una tale loggia potrebbe sorgere qualche dubbio nella mente dei membri quanto al materie adatte, quanto alla loro capacità di trattare l'argomento, e quanto alla lunghezza delle carte.' Poiché era necessario, a suo avviso, « evitare argomenti che inducano a polemiche scortesi e poco caritatevoli », aveva chiesto al segretario « di istituire un registro degli argomenti idonei alla discussione».Le intenzioni poco brillanti di QC venivano ulteriormente limitate e sanificate. L'esempio può essere moltiplicato e le conseguenze misurate.

Nonostante gli sforzi di QC siano valutati, tra le masse massoniche è stata visibile pochissima illuminazione. La letteratura massonica in lingua inglese è piena, non di celebrazioni di "un nuovo approccio" alla ricerca massonica, ma di editoriali disfattisti, come il seguente dell'Australia occidentale del 1912: "(È) indiscutibile che l'intellettuale, l'intelligente, il colto pensatore, l'intelligente uomo d'affari non viene in primo piano nell'Arte nella misura in cui dovrebbe, e che l'ottusità e la mediocrità sono del tutto troppo spesso evidenti ». [div] O da The Illinois Freemason : '...La maledizione del nostro attuale sistema è l'ignoranza... Un problema... è che non stiamo insegnando ai massoni a pensare, ma a ricordare, e fintanto che è possibile per un uomo alzarsi in piedi e recitare rituali vicino al cortile, e ricevere il applausi di amici ammirati, ha ben poca voglia di cercare quelle cose che servono a costruire la confraternita...' [dv] Una newsletter del Circolo di studio massonico di Townsville (Qld) del 2011 ha solo un articolo come contenuto, una ristampa da The Canadian Craftsman e Record massonico , del febbraio 1894, chiamato "Massoneria preistorica". Il precedente autore affermò che " in questa età progressista" , molte nuove informazioni erano state portate alla luce sul passato, inclusa quella della Massoneria: "(Sufficiente) è già stato ottenuto per provocare una revisione delle nostre vecchie credenze e una riscrittura pratica della storia dell'Arte.' [dvi] Ciò equivale alla stessa chiamata di quella fatta nel 2007 dal professor Snoek a una conferenza internazionale sulla storia della massoneria: " è disponibile una quantità sufficiente per una riscrittura della storia di EF" . Ma da nessuna parte nella "carta" canadese c'è alcun segno di un pensiero originale di questo "Grand Oratore" del 1894 o alcun suggerimento che fosse in corso una riscrittura. Che i membri del Townsville Study Circle nel 2011 non avessero nulla da aggiungere, non avessero nulla che valesse la pena ribadire nei propri archivi e non avessero riflettuto sull'esperienza del Circolo dagli sforzi di Bro Spiers per il Queensland nel 1893, la dice lunga.

Nel 1888, HJ Whymper, membro n. 21, aveva fornito a QC l'opportunità perfetta per affrontare la questione. Gestore di una fabbrica di birra che lavorò principalmente in India, era anche un collezionista di libri che aveva sposato la figlia del reverendo Oliver. Nel 1888, il suo The Religion of Freemasonry mirava "ad attirare l'attenzione dei massoni" sulla presenza di membri non cristiani nelle logge indiane e sui "principi religiosi originali" di EF che affermò erano basati sulla "cattolicesimo cristiano", [qui usando 'cattolico' nel senso di 'universale' o 'a base ampia']: 'Si ritiene che, in uno sforzo ben intenzionato ma erroneo di lasciare che la Massoneria sia tutto per tutti gli uomini, questo principio sia stato trascurato. Già troviamo che alcuni massoni lo negano del tutto, affermando che ogni distinta professione del cristianesimo fu abbandonata nel 1717, quando fu fondata la Gran Loggia». Speth, nel recensire il libro per l' AQC , credeva che l'autore fosse riuscito a mostrare " in modo molto completo" che il legame della Massoneria con la Bibbia era " così intimo da non ammettere il suo divorzio" : "(Egli) ha mostrato in dettaglio che in primo luogo la Massoneria era essenzialmente cristiana e trinitaria; che nel periodo detto del Risveglio, nel 1717, si compisse un deciso sforzo per dare alla Massoneria un tono di universalità... e... con un successo solo parziale di eliminare ogni insegnamento cristiano dalle Costituzioni e dal Rituale .' [dvii] QC ha pubblicizzato il libro, ma forse perché Hughan aveva scritto una "Introduzione" contraria, è appena entrato nella "lista di lettura" di Speth del 1890. [dviii]Certamente QC ha scelto di ignorare altrimenti le sfide collegate di Whymper, quella dei non cristiani che entrano nell'Arte e quella dell'identificazione dell'Arte con il Cristianesimo. Quando l'autore morì nel 1893, la sua ricerca, la maggior parte delle quali poco conosciuta, fu applaudita ma mai ristampata. Un autore del 1890 ha definito altrettanto schiettamente la linea di frattura essenziale all'interno di EF nel suo insieme: ' ... Sfortunatamente, molti membri della confraternita massonica... tentano di pervertire il suo carattere cristiano sostenendo teorie sotto la copertura della scienza o della critica, per minare la verità. Si aggrappano avidamente a qualsiasi nuova scoperta, fisica o morale, da usare contro il cristianesimo...». (Stilson, Ordini Concordanti , p.743)

Tuttavia, l'etichetta "storia autentica" è stata ripetutamente attaccata al corpus del lavoro di QC, ad esempio, nel 1972, il fratello Spurr credeva che il QC fosse nato perché c'era stata la necessità di una loggia dove: "Si potessero discutere di questioni massoniche e tutte le teorie esaminate attentamente, per setacciare il grano dalla pula, il fatto dalla finzione». Affermò poi: ' Quatuor Coronati Lodge si è affermata come il luogo dove si pungevano le bolle e semmai veniva addotto come un fatto doveva essere provato da autorità indipendenti. [dix] Nel 1986 Bro Dyer, membro di QC dal 1971, scrisse: '…Con (i loro obiettivi dichiarati i fondatori) stabilirono un nuovo stile di ricerca sulla Massoneria. Ignorò conclusioni infondate... di autori precedenti e... divenne nota come la "scuola autentica" degli studenti massonici. Grazie agli sforzi dei membri, il lavoro degli storici precedenti è stato esaminato da vicino e molto di ciò che era stato precedentemente accettato come affidabile è stato respinto.' [dx] Un saggio "insider" del 1964 ha valutato il QC come troppo strettamente "fattuale": "I fondatori del nostro QC, che si trovavano di fronte al compito di portare le indagini sul passato della Massoneria entro limiti ragionevoli e di epurarlo dalle folli speculazioni in cui si abbandonavano molti dei loro predecessori... tendevano ad adottare un atteggiamento molto rigido. A mio avviso, hanno spinto troppo oltre questa sana reazione nella direzione opposta, rifiutandosi di accettare tutto ciò che non poteva essere supportato da prove documentali e fattuali.' [dxi]

Altri saggi dell'AQC del 20° secolo ripetono le "teorie selvagge e inverosimili" dei tempi precedenti, più ovviamente che la Bibbia è un documento verificato, o almeno che contiene "fatti incontrovertibili" sufficienti per essere utilizzata come guida per principianti. Le ragioni della persistenza dell'approccio non scientifico sono chiare e abbracciano ogni aspetto della "normale" storia di EF. Un saggio del 1964 ha fornito ai lettori le opinioni del segretario Carr su dove otto decenni di dithering QC avevano portato EF. Potrebbero esserci solo "opinioni", dal momento che QC non aveva ancora i mezzi per determinare quali "fatti" fossero incontrovertibili. Ha esposto " tre delle fasi importanti della nostra storia" a partire da ciò che pensava fosse stato di moda all'interno del QC un secolo prima, un'idea'lodevole nelle intenzioni, ma storicamente irrealistico':'...L'idea...era di far risalire gli inizi dell'Arte agli albori della storia...(Tuttavia) nessuno è mai stato in grado di trovare la minima prova che potesse colmare il divario tra quelli società antiche e le nostre... Oggi iniziamo la nostra storia, non con teorie selvagge e inverosimili, ma con i dettagli che possiamo provare, e così iniziamo... nell'anno 1356, quando abbiamo le prime prove - in Inghilterra - di gli inizi dell'organizzazione del commercio dei muratori...' [dxii] La sua esposizione è piena di "forse", "forse", "sembra certo" e numerose ipotesi non supportate.

 

La questione dell'esoterismo

 

Prima che QC apparisse alla vista, RW Little era così appassionato di loro che ha inventato, adattato o fatto rivivere qualsiasi rito che potesse trovare impigliato nelle storie della "Massoneria". Attribuito a lui, KRH Mackenzie ea Hughan in vari resoconti [dxiii] nel periodo 1865-67 è ciò che è stato descritto come "il revival britannico della magia rituale". Questa era la " Societas Rosicruciana in Anglia" [SRIA]. Presumibilmente non tanto una laurea ma 'un circolo di studio massonico': ' (SRIA) rappresentava... un'élite massonica inglese riunita allo scopo di studiare la cabala, i testi ermetici e altra saggezza arcana del mondo antico e medievale.' [dxiv] Per Woodford, ' studio intellettuale della Massoneria vera e propria'doveva includere l'esoterismo. Nel dicembre del 1886 espose a QC su 'Massoneria ed Ermetismo'. La sua conclusione fu: ' ... Soprattutto i massoni sono tenuti ad essere onesti ricercatori della verità, e sebbene l'ascesa al suo grande Tempio possa essere difficile e noiosa, avvicinata da sentieri tortuosi o recintata da seri ostacoli, siamo tenuti a perseverare... (Il nostro ) il motto dovrebbe sempre essere quello dell'Ermetismo e della Massoneria allo stesso modo nel suo alto significato e nel suo obbligo costante: "Lascia che la luce e la verità prevalgano".L'articolo di Gould, "English Freemasonry Before the Era of Grand Lodges, 1717", nel settembre 1887, era un tentativo di ciò che Woodford aveva chiamato "carte comuni". Si basava, ha affermato, solo su "ciò che sappiamo" e ha evitato la teoria, ma ha anche mostrato differenze all'interno del QC sui "fatti" più elementari. Cominciò con le "tradizioni orali" del tempo di sant'Albans, il primo martire cristiano in Gran Bretagna", [dxv] che riteneva troppo "antiche" e troppo speculative. Woodford pregò di dissentire, dicendo che " era un eretico su moltissimi punti stabiliti da (Gould) come legge. Era un massone che credeva negli insegnamenti tradizionali (e)... le molte antiche leggende...' [dxvi] Le risposte di Gould allora e alla cena successiva tentarono di giovialità. Affermò che, essendo il migliore degli amici, le differenze con l'uomo più anziano erano " della natura che di solito si verificava tra marito e moglie" : " La (mia) ammirazione per l'abilità di fratello Woodford era ora più grande che mai perché, sebbene (io) mi sforzassi per tenersi alla larga da fatti controversi... Bro Woodford era ancora riuscito a non essere d'accordo con (me).' Tuttavia, il suo sconforto per la situazione allora attuale era chiaro: «Le nostre logge londinesi sono, in larga misura, locali da pranzo selezionati e costosi; e nelle Province... sebbene il banchetto sia su scala più ridotta, l'intera istruzione comunicata ai confratelli indagatori consiste in un'infarinatura di rituale e cerimoniale.'Il materiale tedesco pubblicato lo preoccupava: « Della massoneria inglese, è stato detto, e non senza grande ragione, che ora conserva solo il guscio di cui i nostri fratelli tedeschi possiedono il nocciolo». Nel dicembre 1887, poco prima della sua morte con solo Gould al suo capezzale, Woodford inviò una lettera a un altro caro amico e compagno massone:

Caro fratello Westcott,

Con questo invio MSS sotto sigillo, che ho promesso, in cifra. Conferisce al possessore che comprende il significato di concedere gli antichi segreti rosacrociani e i gradi di Heoos chruse, o Alba Dorata. Prova a vedere il vecchio Soror 'Sapiens dominabitur astris' in Germania. Ha vissuto a Ulm. Hockley ora che è morto, non conosco nessun altro che potrebbe aiutarti.

Cordiali saluti,

AFA Woodford. [dxvii]

Westcott frequentò per la prima volta il QC come membro a pieno titolo, n. 16, nel dicembre 1886. Nel 1888 sostenne che le lezioni e le discussioni avrebbero dovuto aver luogo solo quando la Loggia era "al terzo grado", cioè quando erano presenti solo Maestri Massoni. In quanto noto medico legale, avrebbe potuto essere un sostenitore della scienza lungimirante e delle esposizioni basate sull'evidenza, ma era un altro esoterista e studioso delle presunte origini ebraiche della "Massoneria". Il suo suggerimento aveva implicazioni per i resoconti pubblicati delle discussioni e per chi poteva partecipare al QC, ma fallì di fronte all'insistenza di Speth sul fatto che c'erano problemi più urgenti. [dxviii]Westcott lesse il suo primo articolo a QC, "The Religion of Freemasonry Illuminated by the Kabbalah" nel settembre 1887, e, in qualità di Segretario generale della "Societas Rosicruciana in Anglia" [SRIA], informò i lettori di AQC sul suo lavoro. [dxix] Il suo articolo sosteneva che l'idea chiave della Massoneria, il monoteismo, aveva antecedenti ebraici: '..Il nostro rituale ci presenta ampie prove interne che il mistero del mestiere è più profondo di un semplice schema di massime morali. Il nostro rituale contiene preghiere distinte, rivolte all'unico Dio chiaramente definito.' [dxx] Per Westcott la SRIA: 'non è un grado massonico in alcun senso, anche se i suoi membri (fratres) sono necessariamente Maestri Massoni e si fa uso di un rituale di ammissione.' [dxxi] Nel suo "briefing" ha osservato che "il dottor WR Woodman è l'attuale Mago Supremo e TB Whytehead è il capo dello York (SRIA) College". Whytehead era il membro del QC n. 12. Woodman fu un altro dei primi partecipanti all'"Outer Circle" nel giugno 1887.

Nella riunione di quel mese, giugno 1887, l'articolo di Hughan, "Collegamento dei legami tra la massoneria antica e moderna" ha cercato di dimostrare la continuità basata sull'evidenza, e quindi " l'antichità della massoneria ... In altre parole, le prove da presentare potrebbero essere il nostro mandato per sostenendo che apparteniamo virtualmente alla stessa società.' [dxxii] Come "prova" dei collegamenti tra la "Massoneria" pre e post-1717, Hughan affermò "numerose somiglianze" tra le "Vecchie accuse" e "gli usi ordinari dei massoni di oggi" . In risposta, Woodman si è rammaricato, forse per capriccio, che: '(No) più possiamo credere che il Padre della razza umana tenesse una Gran Loggia nel Giardino dell'Eden; né che Noè, il suo secondo padre, compisse i riti dell'Arte nell'Arca, con il leone e l'elefante che agivano alternativamente come Grand Tyler...' [dxxiii] Ma disse, nonostante il riferimento di Hughan alle prime " prove scritte dell'esistenza di una riunione regolare di una Loggia di Massoni come noi... continuerò, come dicono gli avvocati, senza pregiudizio, a rivendicare il Royal Salomone come uno dei nostri primi Gran Maestri... (Anche se) la prova scritta non è effettivamente disponibile dei nomi di coloro che formarono le diverse Logge... c'è una quantità considerevole di prove incontrovertibili che allora esistevano Logge Massoniche di carattere completamente pratico.Hughan ha sostenuto che la sua affermazione di continuità era "capace di essere testata da archeologi e storici, siano essi massoni o non massoni", un approccio lodato a posteriori come oggettivo, cosa che ovviamente non lo è. Avanzare un'ipotesi verificabile fa parte del metodo scientifico ma è solo il primo passo. Gli scienziati testano le proprie ipotesi e forniscono i loro risultati affinché altri possano testarli, insieme al percorso verso i loro risultati. Senza aver testato le proprie prove, la conclusione di Hughan non è meno un atto di fede di quella di Woodman, o di quella di Woodford nel 1870. In questa occasione, i membri fondatori hanno parlato, Rylands è d'accordo con Hughan, ma Gould ha sostenuto:'...In nessuna Corte di giustizia le prove [appena presentate] sarebbero ammissibili, senza una prova diretta dell'effettiva esistenza ad un certo momento di Robert Padgett [nell'articolo di Hughan], per non parlare di questioni legali minori che sarebbero liberamente sollevate.' [dxxiv] Hughan rimase imperterrito "nonostante le obiezioni di Bro Gould che [diceva] erano quelle che sorgono naturalmente nella mente di un fratello che aveva goduto di una formazione legale" .

Nel marzo 1887, Warren, nel suo unico documento a QC, 'On the Orientation of Temples', una ripetizione di un documento che aveva dato alla Historical Society nel 1875, disse: ' ...Sono dell'opinione che le disposizioni per la Loggia derivano dal culto nei templi che esistevano in Fenicia prima della costruzione del Tempio di Salomone…Chiunque elabori un tempio massonico nel medioevo non si sognerebbe mai di collocare il Maestro ad est…ma capita che nei templi più antichi il grande immagine o simbolo del sole è stata posta in Oriente...' [dxxv] Ha riconosciuto di avere solo opinioni per molte delle sue affermazioni, ma ha citato la Bibbia come fonte primaria e inattaccabile e prova dell'antichità della Massoneria: '... Ho avanzato ... che la muratura moderna è una combinazione dei misteri degli Ebrei, dei Fenici (compresi i Greci) e degli Egiziani, che quindi forma il capo delle triadi che attraversano in modo così straordinario tutta la tradizione massonica ... In una parola io penso che non c'è dubbio che nel nostro ordine siamo i diretti discendenti dei Fenici, che per primi hanno plasmato la Massoneria nella sua forma attuale... Se non fosse così, non sarei qui stasera a parlare, perché se non possiamo tracciare la nostra discendenza dagli artigiani fenici che lavorarono al Tempio di Salomone, e se è solo un'allegoria, allora la nostra posizione scende dal sublime al ridicolo...' [dxxvi]

Le risposte pubblicate dai suoi colleghi fondatori sono mute, ma un visitatore, Bro SL MacGregor Mathers, viene mostrato mentre declama a lungo, finendo con: ' ...(Sicuramente) il nostro Rituale Massonico è un tipo e un simbolo del progresso di ogni anima umana, pressante sempre avanti, sempre in alto, finché alla fine si libra in alto, e in quella piena e gloriosa Luce dell'Oriente che risplende su di esso, trova quella Parola del Maestro da tempo perduta per mezzo della quale è unita al suo Dio; sollevato dalla stretta di quel Gran Gran Maestro a una vita eterna con Lui.' [dxxvii] Nel resoconto di Howe del 1972 sulla massoneria "folle" all'inizio del QC, Mathers si distingue: 'Durante il primo periodo (dell'Ordine dell'Alba Dorata), (1888-92) era una piccola società segreta perfettamente innocente che operava in una mezza dozzina di rituali composti da MacGregor Mathers, ei cui membri studiavano gli elementi del cosiddetto occultismo. Nel 1892 Mathers iniziò a insegnare la teoria e la pratica della Magia Rituale a una minoranza accuratamente selezionata.' [dxxviii] Nel marzo 1888, con gli altri firmatari Woodman e Mathers, Westcott emanò il primo statuto per "L'Ordine Esoterico [aka Ermetico] dell'Alba Dorata nell'Esterno". Cinquanta iniziati si unirono rapidamente, "gli uomini superavano pesantemente le donne e provenivano in gran parte dalle logge massoniche". [dxxix] Gilbert, recente studioso massonico, ha questo: 'Ai tempi di Westcott, quasi tutti gli occultisti (se uomini) erano anche massoni e membri della Società massonica dei Rosacroce, la (SRIA). [dxxx] Un altro della generazione Woodford, Woodman aveva seguito la carriera di chirurgo della polizia. Era entrato a far parte della SRIA nel 1867: ' Quasi immediatamente fu nominato Segretario Generale, e quando il giornale della Società, The Rosicrucian , apparve nel luglio 1868, agì come assistente editore sotto (RW Little)...Westcott in seguito descrisse Woodman come 'un eccellente ebreo studioso e uno dei pochi maestri inglesi della Cabala ebraica.' [dxxxi] Gilbert ha notato: 'Benjamin Cox, il tesoriere del distretto di... Weston-Super-Mare, aveva conosciuto Westcott ai suoi tempi da giovane farmacista... nel Somerset ed era stato a lungo associato a lui in una serie di oscuri riti e ordini massonici.' [dxxxii] Cox fece avviare "sei dei suoi colleghi massonici locali" al Tempio Iside-Urania nel marzo 1888 e in ottobre Westcott rilasciò le autorizzazioni necessarie per un secondo Tempio dell'Alba Dorata, Osiride n. 4, nella città natale di Cox. Tobias Churton, che ha scritto molto sull'ermetismo in EF, ha ipotizzato che "The Order of the Golden Dawn" sia stato infiltrato da spie inglesi/britanniche che lo "aiutarono" a frantumarsi internamente. Aleister Crowley e Mathers erano i due sospettati. Churton ha indicato la prova che questi due, a causa della loro fede in 'case reali legittime" , furono coinvolte in quello che è stato chiamato "il complotto carlista" nel 1898-1899. [dxxxiii] Dopo la morte di Crowley nel 1947, emersero chiare prove del suo passato di spionaggio, durante la guerra del 1914-18 nei programmi di disinformazione per gli alleati e durante la guerra del 1939-45 come consigliere sulle credenze occulte dei nazisti. Non si può immaginare una storia di copertura migliore di quella che afferma di essere "depravato", "traditore" e, tutto sommato, "l'uomo più malvagio del mondo ". [dxxxiv]Yarker, dilettante intransigente in "diplomi irregolari" è stato un altro dei primi partecipanti al Circolo della corrispondenza di QC, registrato nel maggio 1887. In 25 anni, fino a poco prima della sua morte nel 1913, ha partecipato alle riunioni del QC e ha contribuito con 26 documenti, il primo, il primo nel 1888, essendo "Le Logge e i Gradi della Massoneria non riconosciuti prima e dopo il 1717" [dxxxv] . In quell'anno scrisse a Irwin: " È un piacere per me e un piacere scoprire che esistono ancora massoni che sono al di sopra dei pregiudizi e sono molto interessato alla Loggia 2076. È quasi una rivoluzione". [dxxxvi]

"Crimeo" Simpson potrebbe essere stato licenziato da studiosi come Howe per le stesse ragioni per cui i membri della "marginata pazza" sono stati dichiarati "pazzi". Quando, per esempio, succedette a Gould come WM nel 1889, il suo primo articolo fu "The Worship of Death" sui rituali "pagani" di transizione all'altro mondo in cui affermava di vedere parallelismi massonici. Rylands in risposta, ha affermato che il documento non aveva soddisfatto quelli che lui, Rylands, considerava come criteri di prova, mentre Gould ha anche espresso i suoi dubbi e consigliato di non saltare alle conclusioni [dxxxvii] Sulla pagina, l'articolo di Simpson non è né più né meno scientifico di qualsiasi altro. Sembra essere stato un vero " cercatore della verità" , ma aveva trascorso tre decenni esplorando questioni che non erano suscettibili di un esame sistematico: "La biblioteca che lasciò conteneva una collezione, probabilmente senza rivali in mani private, di scarsi libri sulle religioni orientali e primordiali, il cui catalogo da solo offre qualcosa come un'educazione su argomenti occulti...' [dxxxviii] L'editore della sua autobiografia pubblicata dopo il suo ragionò la morte: ' ...Le sue ricerche e i suoi studi originali in India lo resero un'autorità su questi argomenti, la sua abitudine mentale sana e spregiudicata lo adattava particolarmente a tale lavoro, e nei campi prescelti si deve ritenere che abbia avanzato sia la conoscenza che la saggezza dell'umanità...' [dxxxix] La curiosità di Simpson sembra non essere stata limitata dalle nozioni di cosa fosse 'corretto' e cosa non lo fosse: '...A Bombay, insieme a Mr. Geary, di The Times of India, ho chiamato il partito dei teosofi che era venuto recentemente dall'America. Questo gruppo era composto da Madame Blavatsky, il colonnello HS Olcott, un signor Wimbridge e una signorina Bates... A quel tempo la setta non si era trasformata in imbroglioni e giocolieri...' [dxl] Descritto dallo stesso editore come un membro "ardente" di QC, l'autobiografia di Simpson, tuttavia, non fornisce informazioni su QC o qualsiasi altro aspetto di EF.

Madame Blavatsky, un'altra rifugiata dal Continente, al suo arrivo a Londra nel 1887 aveva istituito un "Centro per la Teosofia". Il suo libro, letto e rifiutato da Stead e tramandato da GBS, fu completamente assorbito da Annie Besant. Cognata di Walter, alla fine sarebbe succeduta a Mme come capo di quello che divenne rapidamente un movimento internazionale. In effetti, Annie ha evitato la "verità" verificabile e ha scelto di credere in un "altro" speculativo, una posizione più vicina a quella seguita da EF rispetto a quella perseguita dalle sue controparti attiviste in Francia. Diventando anche una leader di quella che ora viene chiamata "Co-Massoneria", ha tentato un compromesso con la sua eredità inglese. La Massoneria francese aveva lavorato a lungo per includere le donne, il GOF dal 1774 aveva consentito Riti di Adozione con cui le logge potevano "adottare" sorelle, mogli e figlie di massoni, impartendo loro i misteri di diversi gradi. Ammettendo uomini e donne, "The International Order of Mixed Freemasonry, Le Droit Humain", è stato fondato in Francia nel 1893, durante la lotta per il controllo del GOF, e in cui erano presenti attivisti femministi e per il suffragio femminile. 'The Order of Universal Co-Freemasonry in Great Britain and the British Dependencies' è stato fondato il 26 settembre 1902, con la consacrazione della Loggia Human Duty n. 6 a Londra. Annie ne rimase il capo fino alla sua morte nel 1933. I riti che ispirò restaurarono alcune pratiche "massonico" non richieste nell'opera francese, in particolare che i suoi membri credessero in Dio o in un Essere Supremo. Il permesso ricevuto dalla Francia per reintegrarlo nelle lavorazioni inglesi è noto come "Annie Besant Concord", e nel 1904 fu stampato un nuovo rituale inglese, che ha fermamente stabilito questa esigenza come centrale per il lavoro. Il rituale rivisto, chiamato "Rituale del Dharma", ha anche tentato di riportare alla ribalta alcuni aspetti esoterici che i suoi autori di mentalità teosofica ritenevano fossero il cuore della Massoneria. La Co-Massoneria è stata quindi talvolta chiamata “Massoneria Occulta”. Ha co-fondato l'Ordine del Tempio della Rosa Croce (OTRC) a Londra, nel 1912.

Le influenze esoteriche erano evidenti in un ampio spettro. Il flagello di Warren a Scotland Yard, il commissario di polizia Monro, chiamato a continuare la repressione fisica dei manifestanti, [dxli] si è anche rivolto all'India per trovare ispirazione, mentre Conan Doyle sognava di fondare una "Chiesa d'America", che pensava potesse accogliere 'tutte le sette dal cattolico romano all'Esercito della Salvezza' . [dxlii]Rimase vicino alle braccia del governo per la raccolta di informazioni ed era intimo di spie come William Melville. Considerava Stead un collaboratore nello spiritualismo e si rammaricava della posizione filo-boera di quest'ultimo che li divideva politicamente. La sua successiva convinzione, che il 5° Lord Carnarvon fosse morto per "qualche influenza occulta maligna", probabilmente per il suo coinvolgimento nello scavo della tomba di Tutankhamon, offuscava la sua fama di romanziere giallo.

Non ci sono segni che gli EF che Howe in seguito ha tentato di mettere da parte come "pazzi" abbiano cospirato per catturare il controllo di qualità o che abbiano tentato di minarlo. Piuttosto, Irwin, Woodford, Westcott, Yarker e gli altri occultisti consideravano le loro ricerche come fonte legittima per i mulini di QC e le loro opinioni degne di discussione come tutte le altre. Le operazioni di QC sarebbero state più povere senza di loro, anzi sembrano essere state una grande parte del motivo per cui la Loggia è sopravvissuta ai suoi primi anni.

 

Intelligence ed EF Part Company

 

L'apice dell'influenza geopolitica dell'Impero può essere collocato nel decennio tra le due celebrazioni del Giubileo della regina Vittoria, "Golden" nel 1887 e "Diamond" nel 1897. Può essere misurato in modo relativamente semplice così come la sua immagine mediatica che ha continuato a costruire il 20° secolo. L'importanza di EF come aggiunta all'Impero, al contrario della sua presenza pubblica, è molto più difficile da valutare. Gli archi paralleli dell'ascesa e della caduta dell'Impero e quello dell'EF nascosto sono abbastanza chiari, ma come valutare causa ed effetto? I risultati militari dei singoli soldati sono stati dibattuti a lungo ei criteri per il successo o il fallimento sono stati almeno concordati, ma chi tra gli EF di spicco presenti in questo resoconto esemplifica più da vicino la geopolitica degli Ordini?

Che l'efficienza della macchina militare inglese/britannica fosse notevolmente diminuita è stata spesso affermata verso la fine del regno di Victoria, ma lo era anche il valore trascendente degli uomini coinvolti. Mi sembra che la realtà sia la stessa di centinaia di anni e che sia cambiata solo la funzione della retorica. Ogni volta che hanno combattuto, l'esercito e la marina inglese / britannica hanno avuto successo o meno a causa dei loro punti di forza rispetto a quelli della loro opposizione. Nella loro storia, le risorse investite, le tecniche utilizzate e la qualità dell'applicazione sono dipese dallo stesso interscambio dinamico di individui e forze sociali. A volte erano in ascesa ea volte no. Eppure, è innegabile, che negli anni '80 e '90 dell'Ottocento, le relazioni di potere al di là delle dimensioni e dell'abilità relative dei protagonisti iniziarono a spostarsi a svantaggio dell'Impero e continuarono a cambiare nel 20° secolo. Lascio ad altri le cause della 'relazione straniera' dello spostamento. Mi interessa qui solo del rapporto tra il potere e l'influenza della Gran Bretagna e la Massoneria inglese.

L'Impero non ha raggiunto una certa estensione e poi ha iniziato a rimpicciolirsi perché UGLE ha cambiato politica o perché EF ha subito scandali o decadenza interna. L'unico cambiamento rilevante per il rapporto è stata la professionalizzazione delle forze armate che ha significato una diminuzione dell'utilità di EF. Il clamore pubblico intorno all'Impero e all'esercito ha preso vita propria, non essendo più legato direttamente al processo politico centrale, e ha permesso a EF di continuare come prima in pubblico come se nulla fosse cambiato. I due processi sono distinti e devono essere considerati separatamente sebbene siano ovviamente collegati.

Erano le circostanze, non l'unicità intrinseca, che avevano conferito a EF un significato nel compito di costruire l'Impero: la strana raccolta di elementi di cui era composto gli conferiva un valore pratico che scomparve una volta che i militari si mossero per professionalizzarsi. Il mantello di segretezza di EF, la sua capacità di convivialità, le sue discipline strane e particolari e la sua collocazione all'interno dei livelli più alti della gerarchia sociale gli davano un'aria di ambiguità e uno scopo che lo rendevano utile agli uomini ambiziosi, e specialmente a coloro che si sentivano erano in missione. Combinava un idealismo che poteva essere usato per suscitare ed esortare, con la capacità di ingannare, fuorviare e imbrogliare gli "estranei", quelli che non sono nel segreto, qualunque sia il segreto in un dato momento. Rimane ora un fenomeno di idealismo con una capacità di ingannare, ma verso la fine del 19° secolo non solo ha perso la sua utilità pratica per i decisori imperiali, ma ha perso così i suoi sostenitori più entusiasti, i promotori e gli agitatori dell'Impero. Gli ideali potevano continuare dopo il 1900 ma EF non era più necessario per realizzarli.

La perdita dell'uso centrata sulla funzione di raccolta di informazioni. Naturalmente, lo spionaggio del governo non ha rallentato. Come solo un ramoscello nell'intero albero, dopo una pausa nel suo lavoro tra il 1885 e il 1890 quando fu sbarrato dalla Porta, il PEF aveva ripreso il suo ruolo di intelligence ma una volta che Walter Besant aveva rinunciato alla Segreteria onoraria nel 1895 sembra che abbia non ha avuto alcun coinvolgimento con EF. Altrove, John Biddulph (1840-1921) con sede in Kashmir negli anni '70 e '80 dell'Ottocento, organizzò una rete di spionaggio per raccogliere informazioni in un'area da Samarcanda alle enclavi tribali di Pathan. Soldato in carriera, poi apparentemente ornitologo, il punto di vista ufficiale del suo lavoro e di quello dei suoi numerosi colleghi era: " È necessario che le ricerche in quei paesi [ai confini settentrionali dell'India] siano condotte da agenti segreti"...[dxliii] La spia inglese/britannica che nel 1916 assistette all'assassinio di Rasputin, il santo consigliere della zarina russa, aveva portato "il grande gioco" nel cuore della Russia. [dxliv]Hopkirk ha evidenziato l'uso continuato del modello del 19° secolo con un esempio del 20°secolo: 'Nell'autunno del 1908 ... i capi dell'intelligence britannica a Simla iniziarono a interessarsi ai movimenti di due giovani archeologi giapponesi che si erano presentati sulla Via della Seta ... (Gli) uomini erano stati osservati dal momento in cui erano entrati nel Turkestan cinese via terra da Pechino …(Loro) sono stati seguiti per oltre un anno da una successione di commercianti musulmani, servi indigeni e altri sul libro paga del governo indiano … Rapporti regolari sui loro movimenti … sono stati compilati a Kashgar … trasportati attraverso il Karakorum (passo) da corridore con la posta ufficiale al... Kashmir, per la successiva trasmissione a Simla.' [dxlv] Potrebbe aver citato il resoconto di Wignall della sua "spedizione himalayana gallese" del 1955 reclutata " da una fazione segreta all'interno dell'intelligence indiana per riferire sulle operazioni militari cinesi nel Tibet appena invaso.' [dxlvi] Wignall era un Fellow della RSG.

La perdita di slancio imperiale e la neutralizzazione di EF come veicolo per attività segrete non posero fine al suo nesso cerimoniale con l'esercito. Nel 1887, l'allora feldmaresciallo Sir Garnett, 1° visconte Wolseley fu insediato Junior Grand Warden di UGLE, le immagini di Kitchener furono ampiamente vendute dopo il 1902 e fu ampiamente celebrato, come eroe dell'Impero: " Le truppe imperiali occuparono Bloemfontein nel marzo 1900, e su Il giorno di San Giorgio, il 23 aprile di quell'anno, nella Masonic Hall di quella città si tenne uno storico incontro della Loggia Astro nascente.' Con un cittadino tedesco, W Bro IH Haarburger, a presiedere, i presenti includevano Kitchener, Lord Casterton (allora Gran Segretario della Costituzione irlandese) e, per citare un notiziario contemporaneo, " un buon numero di muratori militari provenienti da tutte le parti della Impero',compresi "australiani e della Tasmania". Le scuse sono state ricevute dal feldmaresciallo Lord Roberts, che a quel tempo era sia comandante in capo per il Sud Africa che un gran guardiano senior della Gran Loggia Unita d'Inghilterra. EF di fine Ottocento si identificava con entusiasmo con i "tratti nazionali superiori" presumibilmente rappresentati dalle figure militari più note: " ...Possiamo pensare, e non senza perdonabile orgoglio, ai nomi illustri legati alla guerra, che non sono meno illustre negli annali della Massoneria. Tra questi ci sono LORD ROBERTS, LORD KITCHENER, SIR GEORGE WHITE, IL GENERAL HUNTER, IL GENERALE RUNDLE, SIR CHARLES WARREN, VISCOUNT VALENTIA e LIEUT. NORWOOD che ha ricevuto la Victoria Cross per condotta galante durante l'assedio di Ladysmith.' (Enfasi in originale)Questo scrittore era così convinto che l'importanza militare fosse uguale al valore massonico che esortò " il nostro Venerabile Gran Maestro, egli stesso un soldato famoso" [allora Lord Connaught era succeduto al Principe di Galles/Edoardo IV] a conferire "un ordine di merito speciale o qualche gioiello speciale o altra insegna " a quei fratelli" che hanno conferito tale lustro all'Ordine. Questo sciovinismo del 20 ° secolo è stato accompagnato da una continua opposizione alle visioni tedesche della storia massonica e alla storia "autentica", come abbiamo visto.

La mistica della "Massoneria" ha continuato a svolgere un ruolo. Con lo scoppio della prima guerra mondiale in Europa, TE Lawrence è stato trattenuto fino a quando il suo rapporto su The Wilderness of Zinn non è stato completato e reso disponibile a Kitchener. Fu quindi inviato al Cairo per entrare a far parte di una nuova unità di intelligence sotto il tenente Newcombe, RE, all'interno del "British Egyptian Expeditionary Force". (LiA, 2013, p.86) dove, nelle parole di Lawrence, Kitchener ha usato il PEF per "imbiancare" le indagini militari in Egitto e nelle aree circostanti. Lawrence e Leonard Woolley furono ufficialmente assunti dalla PEF, su istruzione di Kitchener, per ispezionare il Sinai ' sotto la copertura del quale il capitano Newcombe avrebbe potuto continuare il suo lavoro militare. Sono stati ritirati da Kitchener quando il governo turco è venuto a conoscenza dell'inganno e ha emesso minacce.[dxlvii] Un recente resoconto la mette così: 'Sebbene fosse tecnicamente vero che Lawrence e Woolley si trovassero nel sud della Palestina in cerca di rovine bibliche, quel progetto era semplicemente una foglia di fico per uno molto più sensibile, un'elaborata operazione segreta essendo gestito dall'esercito britannico.' Il governo ottomano era a conoscenza dell'indagine biblica del PEF da quando l'aveva approvata, " ma non sapevano nulla delle cinque squadre di ricognizione militari britanniche che operavano sotto lo stendardo del PEF..." (LiA, 2013, p.12)

Una nota di Lawrence al comandante britannico Liddell Hart nel 1916 includeva commenti sui funzionari dell'ambasciata: " Gli ambasciatori erano Lowther (un vero disastro) e Louis Mallet che era piuttosto bravo e dava un giusto avvertimento sulla tendenza dei sentimenti". La convinzione di Lowther che " gli eventi politici avessero implicazioni nascoste e spiegazioni esoteriche" fu espressa in una lettera sui "misteri della cospirazione giudeo-massonica e dei giovani turchi" che aveva inviato ai suoi superiori, il 29 maggio 1910. Spinto dal presunta nomina di Mohammed Farid" come delegato in Egitto dei "Frammassoni di Costantinopoli" scrisse sul " ceppo della massoneria continentale" che attraversava il movimento dei Giovani Turchi: "Lo faccio in privato e confidenziale, poiché questa nuova Massoneria in Turchia, a differenza di quella di Inghilterra e America, è in gran parte segreta e politica, e le informazioni sull'argomento sono ottenibili solo in stretta riservatezza, mentre coloro che tradiscono i suoi segreti politici sembrano temere la mano della mafia…”. [dxlviii] Lowther parlava della "nostra Massoneria" e di EF come della "vera Massoneria", cioè come se fosse un fratello. La sua principale preoccupazione era che ebrei e "cripto-ebrei", intenzionati a riformare il governo turco e a riportare il loro popolo in Israele/Palestina, avessero lavorato clandestinamente e avessero reclutato sostenitori con false pretese, vale a dire, avevano mal rappresentato la "Massoneria ' riprendendo la forma continentale 'ateistica' e 'politica'.

Sei anni dopo, Lawrence collegò "gran parte della nostra inefficacia " all'odio rabbioso di un terzo funzionario britannico per "massoni ed ebrei": " Incolpo gran parte della nostra inefficacia su Fitzmaurice, il Dragoman [consigliere e risolutore di problemi], una mente d'aquila e una personalità dal vigore ferreo'. Fitzmaurice era un "agente di intelligence" in carriera, non sul campo ma come interprete, traduttore e consulente. In Turchia dal 1890 ea Costantinopoli dal 1907, era un industrioso ed efficiente spy-master. Lorenzo ancora: 'Fitzmaurice aveva vissuto mezza vita ed era l'intermediario ufficiale dell'ambasciata e l'autorità indigena. Sapeva tutto ed era temuto da un capo all'altro della Turchia. Sfortunatamente, era un RC rabbioso e odiava i massoni e gli ebrei con un odio religioso. Il movimento dei Giovani Turchi era composto per il cinquanta per cento da cripto-ebreo e per il novantacinque per cento da massone. Così lo considerò il diavolo e abbandonò l'intera influenza dell'Inghilterra al fuori moda Sultano e alla sua effeminata cricca di palazzo.' (Kedourie 1974, p.247).

Kedourie, lo studioso, ha respinto sia Lowther che Fitzmaurice: ' ...Le fantasie fustagno registrate in questo documento [del 29 maggio] sono degne di nota per se stesse, poiché mostrano gli estremi di credulità a cui hanno ceduto i due uomini a cui lo straniero segretario ha cercato di fornire informazioni affidabili su un'area importante e sensibile. Il documento mostra quanto tenue fosse la loro presa sulla realtà...». [dxlix]

Le vane gloriose affermazioni degli addetti ai lavori e le bizzarre teorie del complotto degli estranei continuarono, nonostante la realtà, come sempre. In quella che gli afrikaner chiamavano "La seconda guerra d'indipendenza" e gli inglesi "La guerra boera", il numero dei militari britannici era circa sette volte maggiore dei loro avversari, ma non prevalse. I combattimenti hanno mostrato che l'equipaggiamento, la tattica e l'organizzazione boera erano superiori e che i boeri erano meglio montati e più abituati a vivere della terra. I generali boeri erano spesso vecchi e/o incompetenti, ma i ranghi erano generalmente superbi tiratori scelti, abituati al fuoco rapido, abbastanza flessibili da usare il volo come strategia e, soprattutto, erano abili nella ricognizione nella boscaglia - spionaggio in una forma non insegnato ad Addiscombe o Sandhurst: 'Gli inglesi, con una o due eccezioni, sottovalutarono i loro avversari e ritenevano che i boeri non avrebbero mai resistito a una carica di cavalleria. Questo naturalmente era vero, ma i boeri fuggirono non perché fossero stati sconfitti, ma perché preferivano vivere per combattere un altro giorno in una posizione di maggior vantaggio».

Conan Doyle, medico responsabile dell'ospedale militare di Bloemfontein durante la guerra, scrisse dei fallimenti del pensiero militare britannico: " L'idea che un soldato di fanteria sia un picchiere non è mai del tutto scomparsa nel nostro esercito. Deve ancora marciare al passo come facevano i picchieri, andare costantemente spalla a spalla, correre in avanti con la picca avanzata. Tutto questo è medievale e pericoloso... La presa di riparo, il più importante di tutti gli esercizi di fanteria, sembra essere ancora più trascurata dei nostri moschetti... Lance, spade e revolver hanno un solo posto, il museo.' La sua iniziazione a EF e le sue esperienze al riguardo lo avevano portato a cercare qualcos'altro. Il suo tempo in Sud Africa ha prodotto una conclusione simile a quella di Baden-Powell, come descritto da Rosenthal: '…Man mano che le lezioni della guerra boera furono assimilate…(a) il tono militaristico (divenne) una caratteristica più regolare della vita britannica…Mentre (Conan Doyle), con i suoi istinti liberali, non credeva in nessuna forma di compulsione, aveva già (nel 1902) si impegnò in un esercito cittadino riformato ... mazze da fuciliere, e in seguito ... si identificò con ... la Legion of Frontiersmen e i Boy Scout.'BP si era resa conto della necessità di un elemento motivazionale al di là di EF per garantire che la disciplina fraterna non diventasse robotica e priva di significato. Attraverso l'osservazione dei boeri, aveva notato il loro attaccamento personale al loro contesto immediato. Il loro uso abile e la cecità britannica nei confronti dell'artigianato del bush, illustravano la preferenza inglese/britannica per la disciplina organizzativa formalizzata. Per tirare fuori il mio tema – le dimostrazioni scientifiche di Desagulier implicavano la risoluzione di problemi rilevanti per il suo tempo e luogo – impianti idraulici, generazione di vapore e simili. La preoccupazione di Oliver per il luogo di un prete - ciò che chiamava " i costumi, le abitudini, le propensioni ei divertimenti" della comunità - era il riconoscimento della stessa esigenza di rilevanza. Le prove sperimentali di BP su Mafeking su ciò che aveva in mente sono state derise dai suoi colleghi come senza scopo 'vagabondaggi di notte.' Il suo libro provocatorio, Le mie avventure da spia , era un manuale pratico di un'intuizione che lo fece quasi finire in galera. Tra l'estate del 1909 e l'autunno del 1911 sia l'MI5 che l'MI6 furono istituiti, fu approvato un aggiornamento della legge sui segreti ufficiali e fu ideato il sistema "D-Notice" per impedire ai giornali di riferire qualsiasi cosa sulla sicurezza nazionale. [dl]

Kipling era uno che sembrava essere nel suo elemento, metaforicamente di fronte al boero: un uomo tozzo, robusto, con gli occhiali, con sopracciglia folte e nere e un cappello boero marrone'. Ha recitato ballate ai concerti per le truppe a Mafeking e ha contribuito a creare l'immagine di Baden-Powell. Baden-Powell non fu mai iniziato alla Massoneria, eppure i biografi hanno affermato sia che Kipling fosse un massone indifferente sia che Baden-Powell prese in prestito pesantemente dai libri e dalle poesie di K per la Massoneria che lui, BP, avrebbe messo nei suoi finti soldati. È noto che a Mafeking, una città squallida e anonima, la Loggia massonica servì in vari modi come prigione e sala da concerto. Quando "sollevato", BP fu promosso generale ma non nominato cavaliere, come lo erano stati Warren e altri, ma gli fu affidato un compito simile. Laddove Warren andò a Londra, Kitchener incaricò la BP delle forze di polizia di Cape Colony, in seguito la polizia sudafricana. Rosenthal ha notato: 'I rapporti di Kitchener a Roberts (ufficiale in comando di BP) sull'efficienza di Baden-Powell e del suo (SAC) comprendono un lungo lamento:

“Baden-Powell non sembra fare nulla con i suoi uomini del SAC oltre a vestirsi

loro in su... Temo (lui) è più fuori spettacolo che un valore in sterline…” (5 aprile 1901)

La carriera militare di BP è ricordata per quell'unico evento, "l'assedio di Mafeking", perché è stato salvato in tempo dove non c'era Gordon a Khartoum. In entrambi i casi, la pubblicità ha oscurato la realtà. Studiosi recenti hanno affermato che BP giocava spietatamente ai favoriti all'interno del suo stesso staff e brutalizzava, affamava e sfruttava i nativi sotto la sua cura: " Baden-Powell nella leggenda è ritratto come un leader generoso, compassionevole, giusto e saggio. La sua mancanza di compassione verso i neri è ben documentata. Ma ciò che è poco documentato è la sua crudeltà verso coloro che non gli piacevano... Né era giusto... Era così palese la scortesia e la disonestà di Baden-Powell, che doveva al sostegno dei neri più di qualsiasi altro comandante britannico, che gli indignati residenti bianchi di Mafeking presero sostenere la loro causa con le autorità britanniche.'Considerato " un pericoloso eccentrico" dai circoli militari, BP si preparò attivamente per la sua vita oltre Kitchener utilizzando "l'assedio" per sfuggire a ciò che i suoi pubblicisti sostenevano che rappresentasse. Stava trasformando quello che era un fallimento in " proprio il tipo di filo che vogliamo per il fuoco da campo (come parte di)" la grande opera verso la prevenzione della miseria e del crimine". L'assedio era essenziale per il suo piano perché gli dava la fama necessaria per attirare i ragazzi al suo piano per riparare i danni che quel vecchio mondo aveva prodotto: ' ...Ordine, forma fisica, coraggio, fratellanza e rifiuto di ammettere la sconfitta erano il ventre di il movimento dei Boy Scout da lui lanciato nel 1907′Un decennio dopo i tristi sforzi in Africa, e mentre lui, personalmente, era sotto copertura in Turchia, disegnando forti e simili, le sue idee iniziarono a ottenere ampio sostegno. Ancora Rosenthal: ' La guerra boera... riuscì a focalizzare le minacce interne ed esterne in modo visibile e inquietante, e attraverso il trauma che inflisse alla fiducia in se stessi britannica, contribuì a stabilire l'atmosfera di crisi nazionale che era proprio la cultura in cui il Il movimento scoutistico potrebbe crescere meglio.'

BP aveva pensato al suo posto nella storia in gioventù e persino alle possibilità di un'iniziativa di tipo scoutistico. Aveva capito che poteva costruire la sua fama sembrando prendere le distanze dalla cultura militare che lo aveva prodotto, e concentrarsi su quella che identificava come una debolezza debilitante nel cuore della società inglese : come rimedio alla debolezza morale, fisica e militare della Gran Bretagna - le condizioni che la guerra boera sembrava annunciare - in particolare ai politici conservatori, ai socialimperialisti e ai leader militari - stavano minacciando l'Impero ... L'inettitudine militare sul campo era accompagnata dall'inefficienza domestica e industriale a casa; entrambi furono favoriti dal declino del carattere virile britannico in precedenza responsabile della grandezza del paese.'Organizzazioni simili agli scout che si formarono negli anni '80 dell'Ottocento, come la Boys' Brigade, la St John's Ambulance, l'YMCA e l'Esercito della Salvezza, crebbero da un fraternalismo generalizzato colorato dalla retorica militarista. Che molti apparentemente testardi, come Annie Besant, il "cinese" Gordon, gli agenti di polizia Monro e Anderson, abbiano cercato conforto nel misticismo e nelle antiche tradizioni non è il punto. Tutti cercavano identità di gruppo, connessioni fraterne, un obiettivo comune che non poteva più essere soddisfatto da EF, o da ciò che EF era diventata.

Il leader del governo conservatore Salisbury è stato accreditato di un atteggiamento sardonico nei confronti dei " soldati in generale e dei generali in particolare" e di aver predetto nel 1864 che l'esercito britannico, "con i suoi atteggiamenti da poker" era del tutto inadatto " per una guerra nella boscaglia con i selvaggi . "Gli è stato impedito di innovare, ha sostenuto, dai suoi generali, guidati dal duca di Cambridge, che credevano che il loro stesso clamore - "Beaconsfieldism - precipiti flash e valore ". Salisbury rivendicò il merito di aver portato a casa "il troppo zelante" Warren nel 1885, e non fu sorpreso quando Warren subì l'ignominia di una sconfitta a Spion Kop, "così grave che portò a un dibattito di sei giorni"in parlamento. I detrattori dissero che non avrebbe mai dovuto essere richiamato in servizio attivo: "Forse il generale più incompetente della guerra, il tenente generale Sir Charles Warren, cinquantanove anni in pensione, il soldato Salisbury aveva richiamato dal Bechuanaland e dalla polizia il commissario che non è riuscito a catturare Jack lo Squartatore o impedire Bloody Sunday, ha impiegato ventisei ore per attraversare il fiume Tugela, consentendo ai boeri di rafforzare di dieci volte la loro posizione.' C'era di più nella critica: " Mandò le sue truppe in avanti senza mitragliatrici, sacchi di sabbia o un'unità telegrafica da campo e con solo venti picconi e pale per trincerare 2.000 uomini. Alla Brigata del Lancashire fu ordinato di fermarsi sulla cima sbagliata della collina in una nebbia, dove furono massacrati...'Il meticoloso pianificatore dell'Egitto era diventato, a quanto pare, un rifugiato stanco e disilluso dal proprio passato, incapace e forse non volendo rafforzare ulteriormente l'immagine eroica sua o dell'Impero. La macchina pubblicitaria stava manipolando la "storia" per adattarla alle agende personali, ma soprattutto, stava oscurando una semplice realtà. Questo era che non aveva più la sua fratellanza con lui. Il picco dell'influenza e del coinvolgimento diretto di EF con il "governo" era passato. Non era più necessario per un soldato, e nemmeno utile per un agente governativo essere un "massone". La carriera e le convinzioni di un altro "Wilson", questo Sir Arnold Wilson, 1884-1940, erano strettamente parallele a quelle di Sir Robert e Sir Charles, con la differenza che lui, l'ultimo dei tre, non era un fratello iniziato. Ha mantenuto le stesse opinioni, tuttavia: 'Prima della Grande Guerra, la mia generazione ha servito uomini che credevano nella rettitudine della vocazione a cui erano stati chiamati e condividevamo la loro convinzione. Loro erano i sacerdoti, e noi eravamo gli accoliti di una setta – la Pax Britannica – per la quale lavoravamo felicemente e, se necessario, morivamo volentieri. Curzon, al suo meglio, è stato il nostro portavoce e Kipling, la nostra ispirazione.' [dli] Lord Curzon, viceré dell'India dopo Lord Ripon, 1898-1903, non era nemmeno un "massone".

Nella sua Autobiografia, Walter Besant, come Simpson, ha fatto poco di QC. Lo ricordava come: ' una loggia archeologica composta da nove persone di cui io ero uno. È stato proposto di portare avanti questo come mezzo per documenti storici su tutti i punti connessi con il (Craft)...' Ha accreditato 'il Segretario' di aver sviluppato questa loggia, ma dice che è stato solo in un ricevimento del 1890 ad Albany, New York York che si rese conto "del grande successo e della diffusa influenza" della Loggia. Non ha fatto riferimento a nessuno dei suoi co-fondatori per nome tranne che nei loro ruoli non di controllo qualità, ad esempio quello di Warren in Africa. Allo stesso modo, la sua Londra nel diciannovesimo secolo, pubblicato nel 1909 sebbene scritto nel 1898, menziona "Massoneria" solo una volta, e cioè che la Freemasons Hall è disponibile per l'uso pubblico. [dlii] (p.274)

Dal punto di vista del 21° secolo, il rifiuto di EF e QC del contatto diretto con "i poveri e gli emarginati" sembra irrilevante. Ora è 'la norma', quasi la cosa rispettabile, che le classi benevole facciano donazioni a distanza. Tuttavia, l'enorme attenzione riservata alle questioni sociali negli anni '80 dell'Ottocento e la vicinanza del luogo di incontro di QC ai drammatici eventi di Londra al suo debutto, rendono notevoli il silenzio di EF e la mancanza di coinvolgimento pubblico di QC.

PARTE TERZA: CONCLUSIONE

La versione eurocentrica della "marcia del progresso" insegna che un metodo razionale o scientifico, iniziato da artisti del calibro di Francis Bacon, è stato plasmato nel 18 ° secolo, per quanto riguarda lo studio del passato per imparare ad affrontare il futuro era interessato, tra gli altri, da Voltaire, Vico e Kant. [dliii] Nei primi anni del diciannovesimo secolo, Augustin Thierry, alla ricerca di un nuovo modo di affrontare i grandi temi della storia, credeva di averlo trovato nei romanzi di Sir Walter Scott, come Ivanhoe . [dliv] La creazione dell'India britannica ha prodotto notevoli funzionari curiosi di comprendere il subcontinente per poterlo fareinfluenzare le politiche di governo. Sir Charles Malcolm, John Mill, senior, e Mountstuart Elphinstone erano uomini del BEIC che hanno studiato, analizzato e poi applicato le loro intuizioni alla produzione di standard e pratiche di governance migliori, cioè meno corrotti e più rilevanti per le persone. Questo processo dinamico non è stato sostenuto, con il risultato che alla fine del XIX secolo gli storici tedeschi stavano facendo "storia scientifica" ma i principali storici inglesi stavano rifiutando il concetto perché, hanno affermato, era di origine prussiana. Una loggia di ricerca avrebbe potuto alimentare un ripensamento radicale, ma i fondatori di QC erano maturi, alcuni anche anziani quando alla fine si sono riuniti, il che significa che le loro opinioni erano quelle del mondo in cui erano cresciuti. Nel circolo fondatore c'era solo un'eccezione, forse sorprendente, a quella regola generale, ma anche lui non si è allontanato molto, e il marchio QC apposto sulla successiva ricerca EF si è purtroppo dimostrato duraturo.

QC è stata l'occasione per EF di imparare dal suo passato, correggere errori o tentare un ringiovanimento. Le prove disponibili mostrano che:

* le credenze portate a QC dai fondatori nel 1886 non erano favorevoli a un senso di apprendimento aperto;

* la determinazione a inaugurare la "storia autentica" non era inclusa negli scopi o negli oggetti di QC;

* né come primo Venerabile Maestro e co-fondatore della Loggia QC né come Commissario Capo della Polizia Warren ha colto le opportunità chiaramente disponibili per discutere, per non parlare di introdurre un approccio più scientifico ai suoi compiti;

* nessuno dei suoi co-fondatori QC lo ha esortato ad adottare un approccio più scientifico;

* i fondatori sono venuti a QC senza avere idea di cosa fosse richiesto amministrativamente;

* UGLE non aveva alcun interesse a far progredire la ricerca massonica.

Con la retorica imperiale del 1880, una presunta superiorità in tutte le cose e un'indiscussa fedeltà alle "autorità", laiche e religiose, negavano ogni possibilità che QC aveva per un pensiero indipendente. In contrasto con il metodo scientifico, che è almeno implicito nella nozione di "storia autentica", lo status quo era distruttivo di ciò che il potenziale controllo di qualità avrebbe potuto avere e si stava aggiungendo alla stasi e al decadimento già in gioco all'interno di EF. Ciò che si presumeva fosse vero è stato ritenuto sufficiente e gli strumenti di apprendimento – documenti originali, musei e biblioteche – sono stati svalutati. Le "vecchie accuse" furono perseguite e preservate assiduamente poiché fornivano un'illusione di ricerca e proteggevano dai peggiori difensori della religione antica, mentre altri documenti della corporazione come quelli usati da Toulmin Smith e Brentano non erano considerati di valore sufficiente nemmeno per il salvataggio. Già in cattive condizioni al primo utilizzo, erano ancora 'in malinconia muffa e decadimento' un decennio dopo.

I fondatori di QC hanno costruito un vizio finanziario attorno a Lodge 2076 e quindi hanno avviato la stretta rendendo il tasso di abbonamento troppo basso per coprire i costi. Si sono quindi limitati alla stampa e alla distribuzione di un sostanzioso disco ogni anno a tutti i "membri", molti dei quali non avevano pagato e che poi hanno dovuto essere perseguiti. Il numero dei membri in calo per EF, e la debolezza delle finanze del QC e il suo fallimento nel cambiare la cultura di EF, sono il risultato della "caduta" non della caduta stessa.

L'evidenza mostra anche che in tre secoli l'UGLE non ha fatto alcun tentativo di esaminare se stessa criticamente, ma ha instaurato e poi mantenuto un percorso politicamente partigiano e reazionario in cui la conformità era il criterio della verità e la disobbedienza all'autorità una violazione della fede che comportava sanzioni. I divieti di discutere in logge di religione o politica all'interno di una cultura EF profondamente religiosa e politicamente esplicita hanno reso impossibili i tentativi di riforma interna e ostacolato qualsiasi entusiasmo presente in altre logge di ricerca. I massoni apertamente religiosi a livello di GL si sono battuti per il predominio politico della "loro" interpretazione particolare, mentre nelle logge individuali un'alleanza scomoda ha impedito i tentativi di prendere sul serio interpretazioni alternative e ha reso la dichiarazione di tolleranza religiosa di EF una farsa.

Sia chiaro. EF può essere anglicana, cattolica, buddista o calathumpica, o qualsiasi combinazione di esse a scelta. Il decadimento interno è derivato da una mancanza di consistenza che, a sua volta, è stata il risultato di una mancanza di integrità. Dopo tre secoli, con il pubblico recente più informato e più propenso a verificare da sé, il divario tra le affermazioni di EF e la sua pratica è diventato evidente fino al punto di caricatura. Nell'Ottocento era ancora possibile puntare all'espansione e alla crescita in risposta a domande di credibilità. Nel 20° e 21° secolo era e non è più possibile usare i numeri come foglia di fico.

I segni sparsi di interesse per la ricerca massonica basata sull'evidenza negli anni prima del controllo di qualità avrebbero potuto convincere un UGLE rivolto verso l'esterno e fiducioso che avrebbe potuto basarsi sul lavoro già svolto e consolidare la sua pretesa di proprietà dell'idea di "Massoneria" da parte di metodi scientifici. I fratelli Oliver e Crucefix avevano voluto che EF notasse " le maniere, le abitudini, le propensioni e i divertimenti"delle persone con cui conviveva. Non sono riusciti a convincere quella che Prescott ha chiamato "l'ala conservatrice" di EF, ma "è capitato che avesse il controllo di UGLE. Prima dell'avvento di Carnarvon alla guida di EF, il coinvolgimento profondo e continuo dell'Ordine con "l'establishment" era forse suscettibile di reindirizzamento. Forse lui e la sua cricca si sono resi conto che il ruolo attivo di EF nella struttura del potere era stato cancellato dai nuovi approcci che si stavano sviluppando nell'esercito e nella burocrazia. La sua idea di "parlamento massonico" era una logica estensione di ciò che UGLE aveva fatto, allo stesso modo in cui una stretta combinazione di colonie britanniche sembrava possibile e valeva la pena tentare nello stesso periodo. Nessuno dei due schemi si è concluso, e per le stesse ragioni: l'espansione dell'Impero aveva raggiunto i suoi limiti ed EF stava perdendo il suo valore politico con l'affermarsi dell'idea di una meritocrazia professionale. La retorica ha mascherato la realtà per una generazione o giù di lì dopo Khartoum ma senza un sostanziale ripensamento del prodotto anche le parole hanno dovuto tornare sulla terra.

[i] E Batley, 'Human rights and the masonic legacy', in M ​​Scanlan (a cura di), The Social Impact of Freemasonry on the Modern Western World , Vol 1, The Canonbury Papers, Canonbury Masonic Research Centre, 2000, p.21 .

[ii] J Curl, L'arte e l'architettura della massoneria , Batsford, 1991, p.8.

[iii] W Weisberger, 'John Theophilus Desagulier: Promoter of the Enlightenment and and of Speculative Freemasonry', AQC , Vol 114, 2001, pp.65-96. Vedi anche, J Stokes, 'Life of John Theophilus Desagulier', AQC , Vol 38, 1925. Tra molti altri esempi – R Ng, 'The Age of Enlightenment and Freemasonry', sul sito web di Pietre-Stones, 2015; M Poll (a cura di), The Masonic Enlightenment - The Philosophy, History and Wisdom of Freemasonry , Cornerstone, 2006.

[iv] WA Laurie, 'Prefazione', La storia della massoneria , Edimburgo, 1859, pv

[v] D Murray Lyon, Massoneria in Scozia , 1873, p.2.

[vi] H Stillson & WJ Hughan, A History of Freemasonry and Concordant Orders , Boston, 1909, p.37.

[vii] M Kellerman, Dal giubileo di diamante alla storia del centenario dei quarant'anni della Gran Loggia Unita della Massoneria nel New South Wales 1948 – 1988 , Vol IV, UGL of NSW, 1990, p.1.

[viii] N Chomsky, 'The Responsibility of Intellectuals', in American Power and the New Mandarins, Pelican, 1969, p.258

[ix] Chomsky, 1969, come sopra, p.103.

[x] R Evans, In difesa della storia , Granta, 1997, p.3.

[xi] R Morris, in F Thompson (a cura di), The Cambridge Social History of Britain 1750-1950 , 1990. p.401.

[xii] J Israel, The Enlightenment Contested , Oxford, 2006, pp.864-5.

[xiii] P Rich, 'Margaret Jacob and Masonic Research', in P Rich & M Jacob, Freemasonry's Research Agenda , Proceedings of the Policy Studies Organisation, New Series No 30, 2015, p.1. Per la sua teoria della 'società civile', vedi la sua 'Massoneria e governo' da p.15 nello stesso volume.

[xiv] K Loiselle, Brotherly Love , Cornell University Press, 2014, p.7.

[xv] Citato in J Cole, Napoleon's Egypt , Palgrave, 2007, p.42.

[xvi] D Sommer, Massoneria nell'Impero Ottomano , Tauris, 2015, p.1.

[xvii] Vedi alcune discussioni su questi in J Snoek, 'The Earliest Development of Masonic Degrees and Rituals: Hamill versus Stevenson', in Scanlan, 2000, p.2, fn 8.

[xviii] I Kant, Una risposta alla domanda: che cos'è l'Illuminazione? , Penguin edn, 2009, p.1.

[xix] J Israel, The Enlightenment Contested , Oxford, 2006, pp.864-5.

[xx] 'Riguardo a Dio e alla religione', Costituzioni di Anderson del 1723, citate in B Jones, Freemasons' Guide and Compendium , varie edns al 1965, p.183.

[xxi] R Gould, 'Storia della Gran Loggia Unita d'Inghilterra', Storia della Massoneria , Vol III, p.7

[xxii] B Jones, Freemasons Guide and Compendium , 1956 edn rivisto, Harrap, p.192.

[xxiii] D Stevenson, The Origins of Freemasonry – Scotland's Century 1590-1710 , Cambridge UP, 1988, p.xiii; vedi anche il suo The First Freemasons , Aberdeen UP, 1989.

[xxiv] J Harland-Jacobs, Builders of Empire , Chapel Hill, 2007, p.4, p.260.

[xxv] R Berman, I fondamenti della massoneria moderna , Sussex Academic Press, 2012; Scisma , Sussex Academic Press, 2013.

[xxvi] R Berman, I fondamenti della massoneria moderna , Sussex, 2012; Scisma: la battaglia che ha forgiato la massoneria , Sussex Academic, 2013; con più in stampa.

[xxvii] MK Schuchard, Emanuel Swedenborg , Brill, 2011; Restaurare il Tempio della Visione , Brill, 2002.

[xxviii] R Berman, 'Prefazione e riconoscimenti', I fondamenti della massoneria moderna , Sussex, 2012, np.

[xxix] MK Schuchard, Emanuel Swedenborg, Agente segreto in terra e in cielo: giacobiti, ebrei e massoni nella Svezia della prima età moderna , Leiden, Brill, 2012.

[xxx] J Curl, 'Recensione', The Times Higher Educational Supplement , 22 marzo 2012; N Goodrick-Clarke, 'Recensione', Recensioni nella storia , (on-line), aprile 2012; AQC , Vol 115, 2003, pp.33-72; M Schuchard, 'Response to Prescott's Review', Aries , 2004, 4, pp.184-203.

[xxxi] M Schuchard, Restoring the Temple of Vision – Cabalistic Freemasonry and Stuart Culture , Brill, 2002, p.442.

[xxxii] D Stevenson, The Origins of Freemasonry – Scotland's Century, 1590-1710 , CUP, 1988, p.8 e Ch 7.

[xxxiii] Loftus e Aarons, La guerra segreta contro gli ebrei, St Martins Griffin, 1994, p.23.

[xxxiv] A Sinclair, The Other Victoria: The Princess Royal and the Great Game of Europe , Weidenfeld & Nicolson, 1981, p.1.

[xxxv] J Haswell, Spies and Spy-masters , Thames and Hudson, 1977, pp.102-4.

[xxxvi] Citato sui giornali nel 1844 al momento della controversia sull'intercettazione della posta Mazzini – es. in West Kent Guardian , 10 agosto 1844.

[xxxvii] Citato in P. Satia, Spies in Arabia , OUP, 2008, p.3.

[xxxviii] T Ferguson, British Military Intelligence, 1870-1914 , University Publications of America, 1984, p.1.

[xxxix] H Douglas, Guerre delle spie giacobite , Sutton, 1999, p.3.

[xl] L Smith, Treason in Tudor England – Politics and Paranoia , Cape, 1986, pp.179-181.

[xli] Il Green Ribbon Club era una rete di taverne che segnalava l'emergere della propaganda 'politica di partito' inglese. Ha organizzato proteste di strada e inviato opuscoli in tutto il paese per sostenere le politiche Whig.

[xlii] R Weil, A Plague of Informers , Yale, 2013, p.70.

[xliii] R Baden-Powell, Le mie avventure da spia , Pearson, 1915, p.11.

[xliv] R Weil, A Plague of Informers , Yale, 2013, p.118, per 1699, Memoir of Secret Service di Matthew Smith ; e per Kingston, vedere Cap 5, espec p.189.

[xlv] R Harris, Un ufficiale e una spia , Hutchinson, 2014, p.17, p.35.

[xlvi] E Volkman, La storia dello spionaggio , Carlton, 2007, p.7.

[xlvii] Due libri di Giles Milton, Nathaniel's Nutmeg e Big Chief Elizabeth , fanno da sfondo.

[xlviii] A Hogge, Gli agenti segreti di Dio , Harper Collins, 2005, pp.124-125.

[xlix] J Cooper, L'agente della regina , Pegasus, 1913, p.11.

[l] 'Sir Henry Pottinger', Carlisle Journal , 4 gennaio 1845.

[li] Cfr. Weil, in particolare – A Plague of Informers , Yale, 2013.

[lii] B Newman, Spy and Counter Spy , Robert Hale, 1970, p.13.

[liii] J Cooper, L'agente della regina , 2011; e D Blixt, Her Majesty's Will , 2012, sono esempi.

[liv] Sito di Wikipedia, "Robert Shirley", visualizzato il 12 ottobre 2015.

[lv] E Kritzler, I pirati ebrei dei Caraibi , Anchor, 2009, espec Ch 8.

[lvi] J Walker, PISTOLE! TRADIMENTO! OMICIDIO! L'ascesa e la caduta di un maestro spia , MUP, 2007, p.43-5.

[lvii] C Carter, La diplomazia segreta degli Asburgo, 1598-1625 , Columbia UP, 1964, p.4.

[lviii] N Akkerman, 'The Postmistress, the Diplomat and a Black Chamber?', in Adams e Cox, Diplomacy and Early Modern Culture , Palgrave, 2011, p.172.

[lix] K de Leeuw, 'La camera nera nella Repubblica olandese durante la guerra di successione spagnola e le sue conseguenze 1707-1715', The Historical Journal , Vol 42, 1990.

[lx] M Ashley, John Wildman, Plotter and Postman , Cape, 1947.

[lxi] T Birch (a cura di), A Collection of the State Papers of John Thurpoe, Esqu, (etc) Vol 5 , London 1742, p.18.

[lxii] Cfr. V Cronin, Catherine, Empress of all the Russians , Collins, 1978, pp.285-7.

[lxiii] Parafrasi di Peter Ackroyd, da ' Pilgrim's Progress' (1678), a Londra – A Biography , Vintage, 2001, p.307.

[xiv] E Thompson, Whigs and Hunters , Peregrine, 1977, p.198.

[lxv] E Thompson, Whigs and Hunters , Penguin, 1975, p.178.

[lxvi] 'Lecky's Eighteenth Century ', The Times , 23 aprile 1878, p.5.

[lxvii] E Pearce, The Great Man: Sir Robert Walpole , 2007, p.2, p.427.

[lxviii] O Field, The Kit-Kat Club , Harper Perennial, 2009, p.371.

[lxix] P Clark, British Clubs and Societies 1580-1800 , Oxford, 2000, Ch 9, 'Freemasons'.

[lxx] Informazioni in questo capitolo da MK Schuchard, Emanuel Swedenborg , Brill, 2012, da p.100 +. La citazione è da p.124.

[lxxi] R Berman, I fondamenti della massoneria moderna , Sussex Academic, 2012, pp.143, 147, 149, 152.

[lxxii] Cfr. O Field, The Kit-Kat Club , Harper Perennial, 2008, pp.48-9, p.312 per un esempio tra molti di corruzione elettorale e i suoi riferimenti.

[lxxiii] MK Schuchard, Emanuel Swedenborg , Brill, 2012, pp.64-5 per lo sciovinismo della RS.

[lxxiv] N Kamil, Fortress of the Soul , John Hopkins Press, 2005, specialmente Ch's 13 e 14.

[lxxv] G Holmes & D Szechi, The Age of Oligarchy Pre-Industrial Britain 1722-1783 , Longman, 1993, Ch 1, espec pp.15-19.

[lxxvi] MK Schuchard, Emanuel Swedenborg , Brill, 2012, pp.106-7 e pp.186-7.

[lxxvii] J Black, Politica e politica estera nell'età di Giorgio I, 1714-1727 , Ashgate, 2014, p.32.

[lxxviii] O Field, The Kit-Kat Club , Harper, 2009, p.273.

[lxxix] R Berman, Scisma: la battaglia che forgiava la massoneria , Sussex Academic, 2013, p.1.

[lxxx] L Radzinowicz, A History of English Criminal Law and its Administration from 1750 , 1948, I, p.77, citato in E Thompson, Whigs and Hunters , Penguin, 1975, p.22.

[lxxxi] R Holmes, Dr Johnson e Richard Savage , Flamingo, 1994, p.44, p.161. Vedi Berman, 2012, p.145 (Huddleston), p.157 (Lily).

[lxxxii] N Kamil, La fortezza dell'anima , John Hopkins, 2005, p.554, pp.718-20.

[lxxxiii] A Prescott, 'Relations Between the Grand Lodges of England and Sweden during the Long Eighteenth Century', Journal for Research into Freemasonry and Fraternalism , Vol 3, No 2 (2012), p.189.

[lxxxiv] MK Schuchard, Emanuel Swedenborg , Brill, 2012, p.235, p.294, p.303.

[lxxxv] IS Leadam, 'Walpole, Sir Robert, 1676-1745', Dictionary of National Biography , 1885-1900, Vol 59, pp.201-207.

[lxxxvi] R Berman, Scisma: la battaglia che forgiava la massoneria , Sussex Academic, 2013, pp.4-5.

[lxxxvii] T Ferguson, British Military Intelligence, 1870-1974 , Univ Publishers of America, 1984, p.9.

[lxxxviii] M Baigent & R Leigh, Il tempio e la Loggia , Arrow, 1998, p.276.

[lxxxix] RF Gould, Logge militari Il grembiule e la spada , 1899, pp.157-8.

[xc] RF Gould, 'Military Masonry', in Freemasons Chronicle , 1 gennaio 1880, p.4, e 'Military Lodges', in Freemasons Chronicle , 1 luglio 1880, p.2.

[xci] J Harland-Jacobs, Builders of Empire , Temple Hill Press, 2007, p.33.

[xcii] DM Lyon, Storia della Loggia di Edimburgo (Cappella di Maria), n. 1 , Gresham, 1900, pp.204-9; ea pp.187-192 nell'edn del 1859; WA Laurie, Storia della Massoneria e della Gran Loggia di Scozia , 1859; pp.178-9.

[xciii] R Rea, The English Press in Politics 1760-1774 , U of Nebraska, 1963, p.23.

[xciv] R Rea, The English Press in Politics 1760-1774 , U of Nebraska Press, 1963, pp.26-7.

[xcv] J Brewer, Ideologia del partito e politica popolare all'Ascensione di Giorgio III , CUP, 1976, espec Ch 9, espec. p.194.

[xcvi] Cfr. W. Rubenstein, 'The End of “Old Corruption” in Britain, 1780-1860', Past and Present , n. 101, novembre 1983; P Harling, 'Rethinking "Old Corruption", Past and Present , n. 147, maggio 1995.

[xcvii] D Worrall, Cultura radicale , Wayne State College Press, 1992, p.7.

[xcviii] D Erdman, Blake: Prophet Against Empire , Doubleday, 2a edn 1969, p.49.

[xcix] P Roth, Massoneria nella formazione del nostro governo, 1761-1799 , 1927, p.15.

[c] H Stillson (caporedattore), History of the Ancient and Honorable Fraternity of Free and Accepted Masons, and Concordant Orders , Boston, rivisto nel 1898.

[ci] Cfr. intero numero di Lumieres , n. 22, Bordeaux UP, 2014.

[cii] WJ Fitzpatrick, Servizio segreto sotto Pitt , 1892.

[ciii] J Robison, Prove di una cospirazione..ecc , 1797; A Baruel, Memoires pour servir a l'histoire du jacobinisme , 1797. Per una discussione pertinente si veda J Harlan-Jacob, Builders of Empire , U of Nth Carolina, 2007, p.138.

[civ] Lord Roseberry, Pitt , Macmillan, 1910, p.167.

[cv] ​​M Van Vlack, diplomatico e politico di guerra rivoluzionaria di Silas Deane , McFarland, 2014.

[cvi] J Haswell, Spies and Spymasters , Thames & Hudson, 1977, pp.56-7.

[cvii] Vedi T Schaeper, Edward Bancroft – Scienziato, Autore, Spia , Yale, 2011.

[cviii] Lettera 433, 31 dicembre 1777, p.109; Lettera 511, 14 luglio 1788, Corrispondenza di re Giorgio III a Lord North, Vol 2 , varie edns.

[cix] S. Bernis, 'British Secret Service and the French-American Alliance', Amer Hist Review , aprile 1924, pp.474-495.

[cx] La storia segreta di Mirabeau della corte di Berlino recensita da R Johnston, 'Mirabeau's Secret Mission to Berlin', American Historical Review , V 6, No 2, 1901, pp.240-1.

[cxi] K Jensen, Revolution and the Antiquarian Book: Re-Shaping the Past, 1780-1815 , Cambridge, 2014.

[cxii] 'Oration on Masonry', Freemasons Magazine , agosto 1793. Il libro di Robison fu recensito nel Freemason's Magazine nel novembre 1797 e senza dubbio altrove.

[cxiii] F Gilbert, La “nuova diplomazia” del Settecento , 1951; L & M Frey, "Il regno dei ciarlatani è finito: l'attacco rivoluzionario francese alla pratica diplomatica", Jnl of Modern History , Vol65, No 4, dicembre 1993

[cxiv]    J Harland-Jacobs, Builders of Empire, Chapel Hill, 2007, p.137.

[cxv] D Erdman, Blake: Prophet Against Empire , Doubleday, 2a edn 1969, p.13.

[cxvi] Freemasons Magazine , luglio 1794, pp.4-6.

[cxvii] 'Dichiarazione di lealtà dalla Gran Loggia, 6 febbraio 1793,' The Freemasons Magazine , Vol 1, giugno 1793, p.17.

[cxviii] Per 'L'ambasciata di Lord Malmesbury', vedi dal 1793; 'House of Commons', The Freemasons Magazine , febbraio 1797, p.57.

[cxix] 'Racconto cronologico delle principali occorrenze', The Freemasons Magazine , dicembre 1798, p.135.

[cxx] 'Schizzo biografico di Sua Altezza Reale il Principe Wm Frederick di Gloucester', The Scientific Magazine and Freemasons Repository , luglio 1797, p.4. Nel 1816 sposò una figlia di Giorgio III diventando genero del sovrano ed essendo anche suo nipote.

[cxxi] M Durey, 'Lord Glenville e 'la pistola fumante': riconsiderato il complotto per assassinare il Direttorio francese nel 1798-99', The Historical Journal , Vol 45, 2002, pp.547-568.

[cxxii] B Hilton, una gente matta, cattiva e pericolosa? , Clarendon, 2006, p.44, p.51, citando H Barker, Newspapers, Politics and Public Opinion in Eighteenth Century England , OUP, 1998, p.23; L Werkmeister, The London Daily Press, 1772-1792 , Nebraska, 1963, pp.78-108, 139, 268, 317-8, 331; A Aspinall, Politica e stampa, c1780-1850, 1949, pp.126-7.

[cxxiii] D Ginter, Whig Organisationin the General Election of 1790 , Calif, 1967, e 'The Financing of the Whig Party Organisation', 1783-1793', Amer Hist Review , 71, 1965-6, pp.421-40. Vedi anche A Aspinall, Politics and the Press, 1780-1850 , p.68, citato in Waterloo Register of English Newspapers and Periodicals, 1800-1900 , Series 2, Vol 4.

[cxxiv] Citazioni e commenti in J Barrell, The Spirit of Despotismo: Invasions of Privacy in the 1790's , OUP, 2006, pp.5-7.

[cxxv] J Keane, Tom Paine Una vita politica , Bloomsbury, 1996, pp.334-337.

[cxxvi] N Rogers, 'Burning Tom Paine: Loyalism and Counter-Revolution in Britain, 1792-3', Social History , 1997, pp.169-171, or his Crowds, Culture and Politics in Georgian Britain , Clarendon, 1998. Hilton, 2006, fa riferimento a "una campagna stampa ufficiale per screditare Paine", p.69.

[cxxvii] Aspinall, 1949, pp.68-9, 78-9, 203-6; L Werkmeister, A Newspaper History of England, 1792-3 , Nebraska, 1967, pp.118-9, 170-2; L'arcivescovo John Moore ad Auckland, 22 maggio 1792, ad Auckland, Journal , ii, pp.407-8

[cxxviii] Hilton, 2006, p.69 citando R Dozier, For King, Constitution and Country: The English Loyalists and the French Revolution, Kentucky, 1983, pp.51-4; Ehrman, II, 213-17; E Sparrow, 'The Alien Office, 1792-1806', HJ , 33, 1990, 361-84.

[cxxix] A Cobban, 'British Secret Service in France', Eng Hist Review , Vol 69, aprile 1954, pp.226-261.

[cxxx] [cxxx] K Johnston, The Hidden Wordsworth , Norton, 1998, fn, p.433.

[cxxxi] A Cobban, ambasciatori e agenti segreti: la diplomazia del primo conte di Malmesbury all'Aia , Cape, 1954, p.110.

[cxxxii] Hilton, 2006, p.84-5, citando E Sparrow, Secret Service: British Agents in France, 1792-1815 , Woodbridge, 1997, pp.217-22, pp.169-71; H Mitchell, La guerra sotterranea contro la Francia rivoluzionaria - La missione di William Wickham, 1794-1800 , OUP, 1965, pp.237-43.

[cxxxiii] E Bruce, Napoleon and Josephine , Phoenix, 1995, p.249.

[cxxxiv] Forse un agente di Canning piuttosto che 'il governo' nel suo insieme – C Duckworth, The D'Antraigue Phenomenon , Avero, 1986, pp.194-5, pp.206-217.

[cxxxv] RH Gronow, Reminiscenze del capitano Gronow , Londra, 1862.

[cxxxvi] P Stern , The Company State , OUP, 2011, ha una frase sul "Comitato segreto", p.71

[cxxxvii] CH Philips, The East India Company, 1784-1834 , Univ of Manchester, 1961 ( 1a edizione 1940), pp.30-31 .

[cxxxviii] R Knight, Gran Bretagna contro Napoleone, Allen Lane, 2013, p.145.

[cxxxix] Un Prescott, 'Un corpo senza anima? The Philosophical Outlook of British Freemasonry 1700-2000', paper to conferences, 2003, p.4, (disponibile sul sito web di Pietre-Stones).

[cxl] C Macdonald, Warren The Bond of Brotherhood , autopubblicato, Singapore, 2007, p.10+.

[cxli] E Kedourie, Afghani e Abduh , Cass, 1966, p.21.

[cxlii] R Gould, The History of Freemasonry , Vol III, Edinburgh, nd, p.343 e fn, citando The Times , 27 settembre 1881.

[cxliii] E Kedourie, 'Religione e politica: i diari di Khalil Sakahini', St Anthony's Papers , Vol 4, 1958, p.81.

[cxliv] M Edney, Mapping the Empire , U of Chicago, 1997, p.1.

[cxlv] W Dalrymple, White Mughals , Harper, 2002, p.103, pp.137-8.

[cxlvi] Un rione, le nostre ossa sono sparse , Murray, 1996, p.104.

[cxlvii] 'India', Freemason Quarterly Review , giugno 1839, p.145.

[cxlviii] H Brands, The First American , Anchor, 2000, pp.608-11 (Bancroft); p.113, pp.613-15 (Franklin).

[cxlix] La vita di Sir Robert Wilson , Vol 1, Londra, 1862, p.193.

[cl] Raffles to Minto, giugno 1811, citato in V Glendinning, Raffles and the Golden Opportunity , Profile, 2012, p.84.

[cli] Vedi una tipica versione massonica di questa storia di C Haffner, 'Eastern Masonic Frontiers Before the Union', AQC , Vol 104, 1991, pp.24-27.

[clii] V Glendinning, Raffles and the Golden Opportunity , Profile, 2012, p.130.

[cliii] T Hannigan, Raffles and the British Invasion of Java , Monsoon, 2012, pp.231-2.

[cliv] Un esemplare degli stessi atteggiamenti che non era né spietato né massone stava assicurando Ceylon per l'Impero. John D'Oyley, 1774-1824, utilizzò l'astuzia e vaste reti di raccolta di informazioni per sottomettere il re Kandyan nella sua roccaforte di montagna senza sparare un colpo. Vedi B & Y Gooneratne, Questo inglese imperscrutabile , Cassell, 1999.

[clv] R Gould, La storia della massoneria , Vol III, Edimburgo, nd, p.338.

[clvi] B Wilson, Decency and Disorder, 1789-1837 , Faber & Faber, 2007, p.177.

[clvii] H Algar, 'An Introduction to the History of Freemasonry in Iran', Middle Eastern Studies , Vol 6, No 3, Oct, 1970, pp.276-296.

[clviii] W Dalrymple, White Mughals , Harper Press, 2002, p.46.

[clix] Fare riferimento a JS Curl, Arte e architettura della massoneria , Batsford, 2002; S Moser, Progettare l'antichità , Yale, 2012; "L'ago di Cleopatra a Londra", The Freemason , 9 febbraio 1878, p.17.

[clx] Vedi documenti, incl PRO 30/57/5, 'Sinai Peninsula Survey and London Politics', Kitchener Papers, 1884. I Royal Engineers fanno risalire le loro origini agli ingegneri militari portati in Inghilterra da Guglielmo il Conquistatore, affermano oltre 900 anni di ininterrotto servizio alla corona Le origini del moderno corpo d'armata risalgono al Consiglio d'artiglieria istituito nel XV secolo e che nel 1717 istituì un Genio , composto interamente da ufficiali incaricati. Nel 1787 il Genio ottenne il Regioprefisso. Nel 1855 il Board of Ordnance fu abolito e l'autorità sui Royal Engineers, Royal Sappers and Miners e Royal Artillery fu trasferita al comandante in capo delle forze, unendoli così al resto dell'esercito. L'anno successivo, i Royal Engineers e Royal Sappers and Miners divennero un corpo unificato come Corps of Royal Engineers . Nel 1862 il corpo assorbì anche gli ufficiali britannici e gli uomini del corpo degli ingegneri della Compagnia delle Indie Orientali. – queste informazioni da Wikipedia, febbraio 2014.

[clxi] M Edney, Mapping the Empire , U of Chicago, 1997, p.10.

[clxii] Cronaca mattutina , 8 aprile 1809.

[clxiii] H Vibart, Addiscombe – Its Heroes and Men of Note , Constable, 1894, p.90.

[clxiv] N Etherington, 'Introduzione', Mapping Colonial Conquest, UWAP, 2007, p.1.

[clxv] J Harrington, Sir John Malcolm and the Making of British India , Palgrave, 2010, p.190, p.2.

[clxvi] R Burton, First Footsteps into Africa , Konemann, 2000, pp. 13-14.

[clxvii] 'Chardstock – Great Festival', Rassegna trimestrale dei massoni , settembre 1848, p.66.

[clxviii] Sandbach, Sacerdote e massone , 1988, p.141.

[clxix] P Monod, 'Thomas Carte, i druidi e l'identità nazionale britannica', in Monod, Pittock & Szechi, Loyalty and Identity: Jacobites at Home and Abroad, Palgrave, 2010, p.136. Vedi anche A Prescott, documento del 2003 "A Body Without a Soul?".

[clxx] P James, 'The Grand Mastership of the Duke of Sussex, 1813-1843', AQC, Vol 75, 1962, p.37, p.53.

[clxxi] Lettera, Sussex al reverendo Clarke, senza data in The Christian Observer , maggio 1843, p.314.

[clxxii] Ed Note, 'The Duke of Sussex and a Hebrew Poem', AQC , Vol 75, 1962, p.58.

[clxxiii] The Standard , 24 ottobre 1833.

[clxxiv] Christian Observer , giugno 1842, p.387; Agosto 1842, p.512.

[clxxv] Guardiano del Kent occidentale , 10 agosto 1844.

[clxxvi] Cronaca mattutina, 27 giugno 1844; si veda anche Northern Star, 22 giugno 1844, per un lungo resoconto del dibattito su HoC sullo "spionaggio degli uffici postali"; West Kent Guardian, 10 agosto 1844 "Spionaggio dell'ufficio postale".

[clxxvii] Cronaca mattutina , 15 luglio 1856.

[clxxviii] P Selth, 'A Splendid Type of the Genuine English Gentleman': Sir Frederick Pottinger, 1831-1865, Canberra Historical Society Journal, marzo 1974, p.20; L'eccellente riassunto delle memorie di Pottinger di J Ure si trova in "Henry Pottinger – The Make-Believe Holy Man", in Shooting Leave , Constable, 2009, pp.1-19. Tom Pottinger morì nella ritirata del 1842 da Kabul, mentre Eldred Pottinger sopravvisse.

[clxxix] 'Sir Henry Pottinger', Carlisle Journal , 4 gennaio 1845.

[clxxx] P Hopkirk, Alla ricerca di Kim , p.20. Elphinstone in seguito scrisse "An Account of the Kingdom of Caboul".

[clxxxi] R Perry, La regina, il suo amante e la spia più famigerata della storia , A&U, 2014, p.105.

[clxxxii] Freemasons Quarterly Review , giugno 1841, p.123, dove si veda l'installazione di E, e giugno 1839, p.145, dove si veda la citazione.

[clxxxiii] M Downer, Il cavaliere della regina , Bantam, 2007.

[clxxxiv] P Hopkirk, The Great Game , Kodansha, 1990, p.1 per le prime 3 citazioni.

[clxxxv] Stoddart a "Capt Washington, 14 marzo 1837", copia da RGS, 8/2014. Atlas a cui si fa riferimento era probabilmente uno di Aaron Arrowsmith, prodotto a Londra, dal 1828.

[clxxxvi] J Harlan, A Memoir of India and Afghanistan , 1842, Philadelphia, pp.12, 16.

[clxxxvii] 'Necrologio', Freemason's Quarterly Review , marzo 1842, p.68.

[clxxxviii] Molti dei dettagli, in questo e nel precedente paragrafo, sono in G Pottinger, An Afghan Connection , 1983.

[clxxxix] Lettera di Wolff al Morning Herald e datata 2 luglio 1843, citata in Meyer e Brysac, Tournament of Shadows , Counterpoint, 1999, p.129.

[cxc] Vedi la biografia di Wolff in vaso su Christian Observer , gennaio 1842.

[cxci] Un capitano Codrington morì a Kabul nel massacro del 1842. Vedi G Pottinger, An Afghan Connection, 1983, p.129.

[cxcii] Guardiano del Kent occidentale , 30 dicembre 1843,

[cxciii] J Wolff, Narrativa di una missione a Bokhara , pp.132, 246.

[cxciv] J Wolff, Diario missionario del reverendo Joseph Wolff , 1829, iii, 87; Ricerche e lavori missionari tra ebrei, maomettani e altre sette , 1835, p.41.

[cxcv] Freemason Quarterly Review , giugno 1848, p.98.

[cxcvi] Standard di Londra , 9 febbraio 1843.

[cxcvii] Inverness Courier , 24 gennaio 1844.

[cxcviii] "Notizie di alcuni viaggiatori europei uccisi in Asia centrale negli ultimi vent'anni", inviata a RGS con una nota di accompagnamento, da "G Nuhlewein", prima di essere inviata al generale Rawlinson, il 6 febbraio 1861, per un commento.

[cxcix] G Pottinger, The Afghan Connection Le straordinarie avventure del maggiore Eldred Pottinger , Scottish Academic Press, 1983.

[cc] "Arrivo della posta terrestre", The Era , 9 ottobre 1842.

[cci] R Sandbach, citando il "Discorso di ringraziamento" di G Oliver, 1850, in Priest and Freemason the Life of George Oliver , Aquarian, 1988, p.33. (Non c'è alcuna relazione o collegamento tra il dottor Oliver e "Oliver la spia".)

[ccii] Oliver è uno dei primi a descrivere la Massoneria come una 'scienza' – cfr. R Sandbach, Priest and Freemason , Antiquarian, 1988, p.151.

[cciii] 'La connessione tra massoneria e vera religione - Discorso alla Loggia Greenlaw del Dist G Warden Simner', FM&MM , settembre 1870, p.3.

[cciv] Dr G Oliver, 'On Freemasonry', in Freemason Quarterly Review, marzo 1842, p.30.

[ccv] Editoriale, 'Massoneria in Cina', Rassegna trimestrale della Massoneria , giugno 1845, da p.163.

[ccvi] AQC , Vol II, p.83.

[ccvii] R Sandbach, Sacerdote e massone La vita di George Oliver, Acquario, 1988, p.44.

[ccviii] S Sommers, "Robert Thomas Crucefix Redux", JRFF, Vol 3, No 1, 2012, sostiene che Crucefix fosse un "dottore ciarlatano" che otteneva in modo fraudolento denaro per servizi medici discutibili.

[ccix] Sandbach, 1988, come sopra, pp.60-1.

[ccx] Vedi Oliver, 'Necrologio – Memoria del dottor Robert Thomas Crucefix', FQR , dicembre 1850, da p.497.

[ccxi] R Sandbach, 'Robert Thomas Crucefix 1788-1850', AQC , Vol 102, (1989), p.150.

[ccxii] T Larsen, Cristianesimo contestato: il contesto politico e sociale della teologia vittoriana , Baylor Univ Press, 2004, p.3.

[ccxiii] Freemasons Quarterly Review , 30 settembre 1837, pp.360-363.

[ccxiv] 'Note sulla massoneria nel Bengala', FQR , dicembre 1838, pp.465.

[ccxv] FQR , giugno 1843, contiene necrologi del Sussex e la reiterazione del crocifisso dell'accusa, oltre a osservazioni sul re morto e sulla "regina nubile".

[ccxvi] Gleig, George R, Brigata di Sale in Afghanistan , John Murray, 1879, p. 181.

[ccxvii] The Christian Observer , maggio 1842, p.317.

[ccxviii] The Christian Observer , 1842, p.814.

[ccxix] "Riassunto politico della settimana", Leeds Times , 13 febbraio 1841.

[ccxx] The Christian Observer , maggio 1842, p.319.

[ccxxi] V Forbes & M Hercock, 'Charting the Way to Empire – the Hydrographic Office', in N Etherington, 2007, come sopra, p.39.

[ccxxii] S Rose, Per tutto il tè in Cina , Hutchinson, 2009.

[ccxxiii] R Burton, Primi passi nell'Africa orientale , Koneman Travel Classics, 2000, p.13.

[ccxxiv] FM&MM , settembre 1859, p.5.

[ccxxv] J Gooding, 'The Politics of a Panorama', in N Etherington (a cura di), Mapping Colonial Conquest – Australia and Southern Africa, UWAP, 2007, p.74.

[ccxxvi] M Lovell, A Rage to Live , Abacus, p.50.

[ccxxvii] H Lumsden, Lumsden of the Guides , lettera a casa, 15 aprile 1849, p.56.

[ccxxviii] 'The Mahommedan Secret Societies', in Pall Mall Gazette , 18 maggio 1877.

[ccxxix] R Burton, The Arabian Nights, Modern Library, 2001, pv; F Brodie, The Devil Drives , Penguin, 1971, p.67; S Dearden, Il cavaliere arabo , Baker, 1936, p.18.

[ccxxx] I Burton, Vita del capitano Richard Burton , Vol 1, p.141.

[ccxxxi] R Burton, Primi passi in Africa orientale, Cap 1, np.

[ccxxxii] M Campos, 'Massoneria nella Palestina ottomana', Jerusalem Quarterly, 22/23, pp.39-40.

[ccxxxiii] H Algar, 'An Introduction to the History of Freemasonry in Iran', Middle Eastern Studies , Vol 6, No 3, Oct, 1970, pp.276-296.

[ccxxxiv] Blunt's Secret History (1907), citato in M. Berdine, The Accidental Tourist , Routledge, 2005, p.15.

[ccxxxv] K Wissa, 'Massoneria in Egitto, 1798-1921: A Study in Cultural and Political Encounters', Bollettino (British Society for Middle East Studies) , V 16, No 2, 1989, pp.143-161.

[ccxxxvi] 'Massoneria e politica', Il massone , maggio 1869.

[ccxxxvii] Informazioni in questo paragrafo da J Ninet, 'Origin of the National Party in Egypt', Nineteenth Century , Jan, 1883, p.126.

[ccxxxviii] P Hopkirk, Il grande gioco , Kodansha, 1990, p.5.

[ccxxxix] P Lumsden, Lumsden delle Guide, Murray, Londra, 1900; F Burnaby, A Ride to Khiva , Cassell Petter e Galpin, 1877, p.328.

[ccxl] 'Note', The Freemason , 1 dicembre 1880, p.4.

[ccxli] D Weller, The Pundits , UP of Kentucky, 2004, p.1 e subsq.

[ccxlii] 'Necrologio Morte di Giacobbe di Simla', The Times , 17 gennaio 1921, p.14. Vedi P Hopkirk, Alla ricerca di Kim , p.123.

[ccxliii] J Daniels, 'Dr Robert Hamilton, in T Pope (a cura di), Masonic Networks and Connections , ANZMRC, 2007, p.111.

[ccxliv] Zetland to Oliver, 29 luglio 1843, citato in R Sandbach, Priest and Freemason, Aquarian, 1988, p.37.

[ccxlv] H Melville, 'Henricus', I misteri perduti della massoneria, Sydney, 5857 (1857), p.viii. Una sua lettera, datata 23 marzo 1866 a "Hobart Town" allo Scottish Freemasons Magazine , e ristampata FM&MM , giugno 1866, p.6, dice che le lettere di lui e dei suoi amici a Scottish GL "hanno incontrato il silenzio".

[ccxlvi] A Prescott, 'Un corpo senza anima? The Philosophical Outlook of British Freemasonry 1700-2000', un documento al Canonbury Research Center Conference, novembre-dicembre 2003, p.1, questa copia da <pietre-stones>.

[ccxlvii] Vedi FM&MM , agosto 1855, p.524, per il resoconto della riunione della Loggia Bon Accord.

[ccxlviii] R Gould, Storia della Gran Loggia Unita d'Inghilterra, 1815-1885', Storia della Massoneria , Vol III, Jack, Edimburgo, p.23. L'intera storia è complessa e i lettori interessati dovrebbero guardare la raccolta del 2006, Marking Well .

[ccxlix] L'accesso al suo approccio è più semplice attraverso J Daniel, Masonic Networks and Connections , ANZMRC, 2007.

[ccl] Un Prescott, 'Ben segnato? Approcci alla storia di Mark Masonry', in A Prescott (a cura di), Marking Well , Lewis, 2006, p.24.

[ccli] Un Prescott, 'Ben segnato? Approcci alla storia della muratura di Mark', Marking Well , Lewis Masonic, 2006, p.21.

[cclii] A Newman, 'Masonic Controversy and The Freemasons' Magazine', AQC, Vol 122, p.190. Vedi anche R Sandbach, 'Robert Thomas Crucefix, 1788-1850', e J Hamill, 'The Sins of Our Masonic Fathers', entrambi in AQC Vol 102, 1989, p.134 e p.247, rispettivamente.

[ccliii] "L'arca e i gradi del segno", The Masonic Examiner, 2 ottobre 1870, p.1. La frase "nodo del boia" si riferisce ai tredici pence mezzo penny pagati al boia Jack Ketch nei giorni pre-GL quando questo importo veniva addebitato per il conferimento dei diplomi "Ark, Mark, Link e Wressle" e che quindi erano chiamati collettivamente "il nodo del boia.'

[ccliv] Dopo la sua morte, tuttavia, la sua vedova dovette superare la burocrazia massonica per ottenere un sollievo minimo.

[cclv] FM&MM , marzo 1856, p.191.

[cclvi] Vedi resoconti di questi eventi in A Prescott (a cura di), Marking Well , Lewis Masonic, 2006, espec pp. 20-21 e 140-141.

[cclvii] Vedi la biografia di J Daniel su di lui 'from Rebel to Ruler', in A Prescott (a cura di), Marking Well , Lewis Masonic, 2006, pp.135-159, e altri riferimenti in questo titolo.

[cclviii] J Daniel, 'Canon George Raymond Portal, MA (1827-1889): da Rebel to Ruler', in A Prescott (a cura di), Marking Well , Lewis Masonic, 2006, p.138.

[cclix] A Newman, 'The Invention of a Mark Province, 1858-1894', in A Prescott (a cura di), Marking Well , Lewis Masonic, 2006, pp.160-170.

[cclx] Editoriale e 'Report of Grand Lodge Meeting', Masonic Observer , 1 novembre 1856, p.1.

[cclxi] Un opuscolo anonimo e critico fu pubblicato integralmente da The Times e The Era che vedono il 29 gennaio 1854.

[cclxii] 'Prefazione', Wolfgang Prince of Hesse, in Sinclair, The Other Victoria , Weidenfeld & Nicolson, 1981, p.xi.

[cclxiii] [cclxiii] Specchio massonico, obit del duca Atholl, marzo 1862, p.11.

[cclxiv] 'Parlamento Imperiale', Specchio massonico , 1855, p.43.

[cclxv] 'Sermone di Dean Trench', Morning Star , 10 ottobre 1857; "Il Vescovo di Victoria sul commercio di oppio", Morning Star , 1 aprile 1857.

[cclxvi] Hereford Times , 27 giugno 1857.

[cclxvii] 'PM' (a cura di?), 'Archivi massonici e Biblioteca massonica', FM&MM , 29 luglio 1865, p.91. L'argomento in forma estesa al 26 agosto 1865, p.168.

[cclxviii] Le seguenti informazioni sul Victoria Institute tratte da 'The Victoria Institute – 1874', mostrate come Pamphlet 7 nella raccolta rilegata, Masonic Pamphlets, Vol 7, UGLE. Copia al Museo e Biblioteca dei Massoni di Londra.

[cclxix] Pamphlet 7 e 8 in Massonic Pamphlets, Vol 7, UGLE.

[cclxx] Warren, risposta al brindisi dopo la sua installazione, ARS Quatuor Coronaturum, Vol 1, 1886, p.8; vedi nota a Howe, p.258, fn 3.

[cclxxi] Cfr. AH Sayce, "Higher Criticism" and the Verdict of the Monuments, Londra, Società per la promozione della conoscenza cristiana, 1894.

[cclxxii] Questo è il successivo Sir George Grove, 1819-1900, del Dictionary of Music fame – vedi obits in The Era , 2 June, 1900, e The Graphic , stessa data.

[cclxxiii] 'Dipartimento topografico', Morning Post , 15 aprile 1865.

[cclxxiv] 'Fondo per l'esplorazione della Palestina', Morning Post , 14 giugno 1869; Conferenza alla Royal Institution, Pr Albert in cattedra, Morning Post , 17 febbraio 1866. Vedere 'Burdett Coutts', parlare con Socy for Encouragement of the Fine Arts, Morning Post , 1 giugno 1868.

[cclxxv] T Ferguson, British Military Intelligence, 1870-1974 , Univ Publs of America, 1984, p.41.

[cclxxvi] C Wilson, 'On the Ordnance Survey of Sinai', Freemason's Magazine and Masonic Mirror , 6 agosto 1870, p.105.

[cclxxvii] Vedi il commento di M McLeod dopo A Jackson, 'Sir Charles Warren', AQC , Vol 99, (1986), p.184.

[cclxxviii] EH Palmer, Il deserto dell'Esodo , PEF, 1872, p.389.

[cclxxix] A Scholch, 'La Gran Bretagna in Palestina, 1838-1882 – Le radici della politica di Balfour', Jnl of Palestine Studies, p.50.

[cclxxx] Vedi Drake obit e recensione del libro di Besant al Morning Post , 16 agosto 1877.

[cclxxxi] J Pollock, Kitchener: The Road to Omdurman , Constable, 1998, pp.21-28; p.43

[cclxxxii] B MacHaffie, “Monumental Facts and Higher Critical Fanncies”: Archaeology and the Popularisation of Old Testament Criticism in Nineteenth Century Britain,' Church History 50,1981, p.324.

[cclxxxiii] W Besant, Thirty Years in the Holy Land, Pubblicato per il PEF, Londra, 1895, p.12.

[cclxxxiv] Palestine Exploration Fund, (Walter Besant), Palestine Exploration Fund, nd, testo implica 1876, Londra, p.1.

[cclxxxv] 'Henricus', a Freemasons Magazine e Masonic Mirror, 19 gennaio 1867, p.49.

[cclxxxvi] W Besant & EH Palmer, Gerusalemme, la città di Erode e Saladino , Londra, 1899, (4a edn), pp.522-5.

[cclxxxvii] R Morris, Massoneria in Terra Santa , 1876, pp.419-427.

[cclxxxviii] Cfr. C Macdonald, Warren , Singapore, 2007, pp.56-60, per una relazione.

[cclxxxix] H Shanks, Jerusalem An Archeological Biography , Random House, 1995, p.14.

[ccxc] Citato da Gould, 8 novembre 1887, AQC, Vol 1, p.72.

[ccxci] 'Masonic Archeological Institute',The Building News, 5 febbraio 1869, p.110.

[ccxcii] L'era , 21 febbraio 1869; Specchio massonico , agosto 1868, p.4.

[ccxciii] Vedi Masonic Mirror , luglio 1861, p.1 per una biografia ampia e del tutto straordinaria quando aveva ancora solo 46 anni.

[ccxciv] Vedi riferimento in cima alla recensione del libro citata in precedenza, The Freemason , 28 Aug, 1869, p.1.

[ccxcv] W Simpson, 'Istituto Archeologico Massonico', AQC, Vol 2, pp.124, 128-130.

[ccxcvi] W Besant, 'Istituto Archeologico Massonico', AQC, Vol 2, p.158.

[ccxcvii] Esempi in The Freemason compaiono il 16 settembre 1876- "Yorkshire Archeological Society" e "Archeology" un lungo articolo sui documenti delle gilde.

[ccxcviii] W Simpson, AQC , Vol 1, Pt 6 (?), 27 dicembre 1888, p.3.

[ccxcix] AQC, Vol 1, 1886, p.8.

[ccc] D Clements, 'Un emporio massonico', Massoneria oggi , 1 settembre 2010.

[ccci] Wikipedia, 'Prince George, duca di Cambridge, 1819-1904', 4 agosto 2015.

[cccii] A Prescott, "'La causa dell'umanità': Charles Bradlaugh e la massoneria", AQC, Vol 116 (2003), p.25.

[cciii] K Jackson, 'William James Hughan', AQC , Vol 114, 2001, p.99.

[ccciv] 'Discorso di Sir Knight RW Little…etc', The Freemason , Vol 1, No 1, pp.6-7.

[cccv] WJ Hughan, 'La Croce Rossa ei gradi cavallereschi massonici', The Freemason , 23 aprile 1870, p.2.

[cccvi] Editoriale, 'The High Degrees', The Freemason , 11 dicembre 1869, p.6.

[cccvii] WJ Hughan, 'Knight Templar Jottings', The Freemason , 4 giugno 1870, p.1.

[cccviii] 'Unione tra i gradi non riconosciuti', Il massone , 23 luglio 1870, p.5.

[cccix] 'The Unrecognized Degrees', The Freemason , 10 giugno 1871, p.9.

[cccx] Il massone , marzo e maggio 1871.

[cccxi] Sgd 'Un massone che crede nel suo obbligo', 'Insubordinazione negli alti gradi', The FM&MM . Marzo 1871, p.8.

[cccxii] Woodford, 'United Grand Lodge', The Freemason , 8 giugno 1872, p.6.

[cccxiii] Woodford, 'A Contrast', The Freemason , 14 ottobre 1871, p.7.

[cccxiv] "Libertà contro licenza", The Freemason , 16 dicembre 1871, p.7.

[cccxv] 'Cavaliere Errante', Il massone , 11 febbraio 1871.

[cccxvi] 'The Mark Degree and the Cryptic Rite', 26 ago 1871, p.8, e 'A Contrast', 14 Oct, 1871, p.6, entrambi articoli principali in The Freemason .

[cccxvii] 'Freemasons', London Daily News , 5 luglio 1871.

[cccxviii] The Freemason , ampiamente citato, ad esempio, The Isle of Man Times , 19 settembre 1874.

[cccxix] The Times , 8 settembre 1874, citato in J Daniel, 'Anglo-American Relations', in T Pope (a cura di), Masonic Networks and Connections, ANZMRC, 2007, p.102.

[cccxx] Westminster Review citata da Derby Mercury il 16 settembre 1874; "Religione e politica" in Pall Mall Gazette , 18 settembre 1874, p.10; The Saturday Review , ampiamente citato anche alla Royal Cornwall Gazette , 19 settembre 1874; J Daniel, 'Grand Lodges in British Colonies', in J Daniel, Masonic Networks and Connections, ANZMRC, Melbourne, 2007, p.169 e Ch 5.

[cccxxi] Per Carnarvon e la metafora militare vedi The Hampshire Advertiser , 10 ottobre 1874 – presiedeva l'incontro annuale della Highclerc Agricultural Association a Newbury; per il commento cattolico si veda The Westminster Review , che descriveva EF come 'l'arte del maligno', e la risposta al The Derby Mercury , citando il WR, 16 settembre 1874; per un riassunto della carriera di Ripon, vedere Nottinghamshire Guardian , 18 settembre 1874, che cita The Liverpool Post , The London Post . Vedi "Padre Foy sulle società segrete" per una risposta di EF a un lungo articolo di RC che collega il disagio di Disraeli con le dimissioni di Ripon - Masonic Magazine , 1 dicembre 1876, p.5

[cccxxii] Carnarvon a Somerset Provincial GL mtg e banchetto, rapporto al Times , 18 maggio 1883, p.9

[cccxxiii] Quello che segue qui è un distillato dalle numerose bizzarre "storie" online e altrove. Tenta di collegare quelli che sembrano essere i pezzi concordati nella terra del woo-zoo con i ricercatori che ritengo fondati. Ciò non significa che approvo pienamente la storia che si trova nei resoconti pubblicati da accademici, né che scarti del tutto la possibilità che ci possa essere qualcosa in alcune delle affermazioni fatte da woo-zoo lander.

[cccxxiv] 'Un nuovo ordine', FM&MM , 17 marzo 1860, p.210.

[cccxxv] 'A Lewis', 'Massoneria e secolarismo', The Freemason , 2 ottobre 1869.

[cccxxvi] 'A casa e all'estero', The Freemason , dicembre 1869, p.6.

[cccxxvii] Necrologio, New England Freemason , Vol 1, No 5, May 1874, p.246.

[cccxxviii] W Hughan, 'Masonic Historians No 1 Bro Findel', The Freemason , 1, 8, 15 Jan e 5 Feb, 1870.

[cccxxix] J Findel, History of Freemasonry from its Roots down to the Present Day , 2nd edn, tradotto in inglese e pubblicato a Londra, 1866, citazione da p.6.

[cccxxx] 'Massoneria in Francia – Discorso di Fr. L. Babaud-Laribier', FM&MM , 31 luglio 1870, pp.84-88.

[cccxxxi] FM&MM, Vol 24, marzo 1871, pp.182-3.

[cccxxxii] 'Sanitorium at Weston-Super-Mare', The Freemason, 3 giugno 1871.

[cccxxxiii] (Carnarvon), 'Lezioni della Rivoluzione francese', Quarterly Review , Vol 135 No.269, luglio 1873.

[cccxxxiv] 'La visita dello zar', Il massone , 23 maggio 1874, p.4.

[cccxxxv] The Freemasons Chronicle , 2 gennaio 1875, p.1, citato in A Prescott, 'The Cause of Humanity', AQC, Vol 116 (2003), p.25.

[cccxxxvi] R Gould, 'History of the United Grand Lodge of England, 1815-1885', The History of Freemasonry , Vol III, Jack, Edinburgh, nd (1886?) fn.2, p.26.

[cccxxxvii] J Ramsey, "The Grand Orient of France and the Three Great Lights", The Builder , Iowa: gennaio 1918.

[cccxxxviii] 'Die Bauhutte', Il massone , 25 maggio 1878.

[cccxxxix] Howe, AQC , Vol 85, p.243 e fn.1.

[cccxl] E Kedourie, Afghani e Abduh , Cass, 1966, p.22.

[cccxli] R McBean, A Complete History of the Ancient and Primitive Rite , (on-line).

[cccxlii] AM Broadley, Come abbiamo difeso Arabi , Londra, 1885, pp.261-2.

[cccxliii] F Stevenson Drane, 'Massoneria in Egitto, Parte II', AQC , Vol 82, 1969, p.53; M. Berdine, Il t