Dai media ai politici a 'La scienza', nessuno sopravvive a "Don't Look Up"

 

Dai media ai politici a 'La scienza', nessuno sopravvive a "Don't Look Up"

La satira di McKay ci mostra un intero conglomerato di istituzioni che rifiutano di "alzare lo sguardo" e vedere le cose per come sono.



Nessuno sopravvive al nuovo film di Adam McKay in esclusiva per Netflix, "Don't Look Up", in quanto le sue caricature satiriche e pungenti fanno a pezzi la politica, i media e la cultura americana. In superficie, il film si presenta come un altro prevedibile, sovraccarico film apocalittico sull'ambiente con un pizzico di commedia dark.

Ma se volete solo un altro film del tipo "il cambiamento climatico ci ucciderà e dobbiamo fare qualcosa", dovrete chiudere un occhio sulle critiche mordaci all'inettitudine del governo, all'avidità di Big Tech e all'isteria che "la scienza" può creare in una società. Soprattutto dovrete ignorare gli appelli alla fede e alla famiglia come valori fondanti e duraturi quando le patatine sono al tappeto.

"Don't Look Up" ha come protagonisti Leonardo DiCaprio (Dr. Randall Mindy), Jennifer Lawrence (Kate Dibiasky), e Meryl Streep come presidente degli Stati Uniti, Janie Orlean. Mindy e la sua protetta Dibiasky scoprono che una grande cometa è su una traiettoria di collisione con la terra.

Il presidente Orlean, un'amalgama di Hillary Clinton e Donald Trump, non può occuparsi dell'emergenza a causa delle prossime elezioni di metà mandato. Nel frattempo, suo figlio, il capo dello staff della Casa Bianca Jason Orlean (interpretato da Jonah Hill) è un mix poco velato di Hunter Biden con un po' di Donald Trump Jr. Passa il film a cercare la sua prossima dose di cocaina e il successo televisivo reso possibile dal successo politico di sua madre.

Quando Mindy e Dibiasky incontrano la completa inazione della Casa Bianca, si rivolgono ai media, rappresentati da un talk show chiamato "The Rip" con Brie Evantee (Cate Blanchett) e Jack Bremmer (Tyler Perry). McKay avrebbe fatto altrettanto bene a far interpretare le parti a Joy Behar e Whoopie Goldberg e a chiamare lo show "The View".

Non commettete errori, tuttavia, McKay non ha risparmiato i cosiddetti media "conservatori" né l'ubiquità dei raduni di Trump. Entrambi invitano tutti i sostenitori fedeli al presidente a rifiutarsi di guardare il cielo notturno e la cometa visibile che segna il destino imminente dell'umanità.

Per completare la tripletta di disfunzioni istituzionali, il governo degli Stati Uniti si mette a letto con il grande magnate della tecnologia Peter Isherwell (Mark Rylance) quando il problema viene a galla. Il piano è quello di rompere la cometa in modo tale da essere in grado di estrarre i suoi minerali di terre rare per il progresso di tutta la vita sul pianeta terra. E se ci credete, Isherwell ha un ponte a Brooklyn da vendervi. Si trova a fare una fortuna oscena dall'impresa, mentre assicura la rielezione del presidente Orlean.

Durante tutto il film, Mindy e Dibiasky contribuiscono con le loro buffonate al caos. Il personaggio di Dibiasky mostra perché gli scienziati sono buoni solo per una cosa: presentare fatti e non soluzioni politiche. Passa il film a fare apparizioni televisive isteriche, a fumare l'hashish e a contemplare il suicidio. Mindy, d'altra parte, abbraccia l'opportunità e assume il ruolo della "bella scienziata" che viene lentamente sedotta dalla fama e dal conduttore di "The Rip", Brie Evantee.

La vera star dello spettacolo è naturalmente la cometa stessa. Gli spettatori che trovano che la cometa del giorno del giudizio di McKay sia un'analogia univoca di ciò che accadrà se non si fa nulla per il cambiamento climatico, semplicemente non capiscono il punto. McKay si è già dimostrato troppo intelligente per accontentarsi di paragoni così poco fantasiosi. Sa che la catastrofe globale da qualcosa come il riscaldamento globale è poco più di un argomento politico.

Gli spettatori farebbero meglio a pensare a questa "cometa" non come a un correlativo grossolano e ovvio dell'aumento del livello del mare, ma a qualcosa di molto più minaccioso. Il film vuole farci sapere che se le cose continuano come sono nella società, nella cultura e nella politica americana, non ci vorrà una cometa per distruggerci. Ci distruggeremo molto prima che un tale evento possa arrivare a noi.

Lungi dall'essere una controfigura di qualche evento ambientale apocalittico o di una piaga mortale mondiale, la cometa Dibiasky che sfreccia verso la terra rappresenta più pienamente una cultura priva di attenzione afflitta dalla brama di fama che si lancia a razzo verso il muro di mattoni della realtà. I presidenti preferirebbero essere rieletti, i "news show" preferirebbero avere degli ascolti, le piattaforme tecnologiche preferirebbero avere il potere, e gli scienziati preferirebbero essere personaggi televisivi piuttosto che occuparsi della realtà. La satira di McKay ci mostra un intero conglomerato di istituzioni che rifiutano di "guardare in alto" e vedere le cose per come sono.

Se "Don't Look Up" rappresenta anche solo una frazione dello stato delle cose in America e nel mondo, non c'è da meravigliarsi che la gente si senta un po' pazza, molto diffidente e nettamente divisa. McKay forse ci sta dicendo più di quanto vorrebbe. Cioè, potrebbe essere una buona idea iniziare a vedere le cose per quello che sono tra i "punti di informazione", diventare molto più selettivi in quello che prendiamo, e dedicare molto più tempo a ciò che conta davvero.

Quando tutte le speranze sono perse per fermare la collisione della cometa con la terra, il film riscalda il pubblico durante un pasto di famiglia a casa Mindy con la compagnia completa dei protagonisti presenti. Una sincera e sentita preghiera di ringraziamento a Dio viene offerta.

Il film si trasforma in una profonda disperazione mentre il pasto viene gustato in modo agrodolce: dolce, perché dopo che tutte le risposte moderne per una vita soddisfacente sono esaurite e trovate carenti, il conforto e la soddisfazione si trovano nella famiglia e nella fede; e amaro perché per il mondo di McKay in "Don't Look Up", questa semplice ma profonda realizzazione è arrivata troppo tardi.



Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia