La Georgia apre un'indagine su una possibile raccolta illegale di voti nelle elezioni del 2020

La Georgia apre un'indagine su una possibile raccolta illegale di voti nelle elezioni del 2020


I funzionari della Georgia hanno avviato un'indagine sulla raccolta di voti democratici durante le elezioni presidenziali del 2020 e il successivo ballottaggio al Senato degli Stati Uniti, secondo un rapporto di Just The News.


L'ufficio del Segretario di Stato sta anche considerando di emettere mandati di comparizione per ottenere le prove, dettagliate in una denuncia presentata dal gruppo di integrità degli elettori True the Vote dal 30 novembre.


Il gruppo "ha raccolto le prove che decine di attivisti hanno lavorato con gruppi senza scopo di lucro per raccogliere e consegnare migliaia di schede elettorali assenti, spesso durante le operazioni dell'ora di punta, alle caselle di voto temporanee distribuite in tutto lo stato durante la pandemia". Lo sforzo è in contrasto con le leggi della Georgia che vietano agli attivisti di terze parti di raccogliere e consegnare le schede per conto degli elettori.


Just The News ha riassunto le scoperte del gruppo per l'integrità degli elettori, compresi i filmati di sorveglianza di attivisti che lasciano cadere lotti di voti e un individuo che ammette di essere stato pagato per raccogliere voti ad Atlanta:


Il gruppo ha informato il segretario che le sue prove includevano i filmati delle telecamere di sorveglianza poste dalle contee al di fuori delle caselle di consegna, nonché i dati di geolocalizzazione dei telefoni cellulari di più di 200 attivisti visti sui nastri che mostravano presumibilmente le date e gli orari di consegna delle schede elettorali, secondo i documenti esaminati da Just the News.


Il gruppo ha anche detto di aver intervistato un uomo della Georgia che ha ammesso di essere stato pagato migliaia di dollari per raccogliere schede elettorali nell'area metropolitana di Atlanta durante le elezioni di novembre e nel periodo precedente al 5 gennaio 2021, il ballottaggio per i due seggi del Senato degli Stati Uniti della Georgia, che sono stati entrambi conquistati dai democratici e hanno messo fine al controllo del Congresso da parte del GOP. Il gruppo deve ancora identificare il testimone cooperante alle autorità statali, riferendosi a lui nella denuncia semplicemente come John Doe.


Il gruppo non sostiene che le schede consegnate dai corrieri fossero fraudolente. Tuttavia, i voti legittimi consegnati da terzi alle caselle di raccolta sarebbero in contrasto con la legge della Georgia.


"Il Segretario di Stato Brad Raffensperger ha confermato in un'intervista mandata in onda martedì sul podcast di John Solomon Reports che il suo ufficio ha ritenuto le accuse abbastanza credibili da aprire un'indagine e possibilmente chiedere mandati di comparizione allo State Election Board per ottenere prove", aggiunge il rapporto.


"Questo sarà uno dei processi che stiamo esaminando se abbiamo persone che non vogliono farsi avanti per qualsiasi preoccupazione, perché abbiamo davvero bisogno di andare in fondo alla questione", ha detto Raffensperger durante l'intervista. "Non possiamo lasciare che rimanga lì a giacere. Quindi, se si arriva a questo, allora questo è probabilmente il prossimo passo che dovremmo considerare".



Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia