L'alleanza innaturale di Mussolini

 

L'alleanza innaturale di Mussolini

Di Srdja Trifkovic - chroniclesmagazine


"Anche se mi occupo del tentativo italiano di costruire uno stato fascista", ha scritto l'editore di Chronicles Paul Gottfried in risposta a un ottuso critico del suo ultimo libro, Antifascismo: Il corso di una crociata, "sono anche abbastanza critico sulla carriera di Mussolini, specialmente il suo coinvolgimento con il Terzo Reich di Hitler e le sfortunate leggi antisemite che Il Duce emise nel settembre 1938".

 

Mentre sono d'accordo con l'accusa del Dr. Gottfried sull'odierno "antifascismo" nichilista e mal chiamato, voglio aggiungere alcune riflessioni sul fenomeno del fatale "coinvolgimento" di Mussolini con Hitler - fatale all'Italia, al movimento fascista da lui fondato, e al Duce personalmente. Questo è atteso da tempo: quasi 76 anni dopo il suo assassinio nell'aprile 1945 da parte dei partigiani comunisti italiani, Mussolini deve ancora essere riclassificato come una figura significativa, imperfetta, persino patetica, ma non mostruosa della storia europea del XX secolo. 

 

Rivedere l'eredità di Mussolini è necessario non solo perché è troppo facilmente bollato insieme a Hitler, ma anche per motivi di igiene linguistica e disciplina mentale. È necessario perché la parola "fascista" - che egli coniò nel 1919 - è ancora usata come termine abusivo un secolo dopo, probabilmente con più frequenza e meno responsabilità che mai. George Orwell notò la tendenza già nel 1946 nel suo saggio "Politics and the English Language": "La parola fascismo ora non ha alcun significato se non nella misura in cui significa 'qualcosa di non desiderabile'". 

 

Orwell capì che proprio come il pensiero corrompe il linguaggio, il linguaggio può corrompere il pensiero. Nel nostro tempo il problema non è confinato nei bassifondi dello spazio pubblico. Il professore della Columbia University Robert O. Paxton ha scritto un anno fa che aveva "resistito per molto tempo ad applicare l'etichetta di fascista a Donald J. Trump", ma l'incitamento di Trump all'invasione del Campidoglio "rimuove la mia obiezione all'etichetta di fascista". Il professore di Yale Timothy Snyder chiama abitualmente la Russia di Putin "fascista" in op-eds per il New York Times e altri, senza fornire un accenno di analisi strutturata per dimostrare che l'attuale sistema politico russo appartiene alla tradizione dei regimi totalitari. Una legione di editorialisti che chiamano "fascista" l'ungherese Viktor Orbán, o la francese Marine Le Pen, o qualsiasi altra figura della destra, sono colpevoli di una simile sciatteria mentale, spesso combinata con la semplice ignoranza della storia.

 

Il fascismo è nato dalla crisi del liberalismo europeo nel fragile momento in cui le forze politiche tradizionali erano delegittimate dalla Grande Guerra, scosse dalla successiva instabilità interna, e spaventate dalla rivoluzione in Russia e dai suoi echi in Europa centrale. Le sue prime reclute erano i veterani superstiti amareggiati per essere stati "pugnalati alle spalle" in patria, o gli Arditi a sud delle Alpi, per aver avuto la loro vittoria "mutilata" da macchinazioni straniere - come esemplifica la Legione di Fiume di Gabrielle D'Annunzio, precursore degli ideali e degli scenari specifici dell'azione politica del fascismo italiano.


Tra le diverse varietà di fascismo in Europa tra le due guerre (compresa una serie di "fascismi autoctoni", per lo più nelle ex terre degli Asburgo), una caratteristica saliente era la celebrazione del glorioso passato della loro nazione - l'Impero Romano nel caso dell'Italia - e la promessa di un futuro corrispondentemente glorificato, basato sulle presunte qualità particolari di quella nazione e sulla sua missione ordinata dalla "provvidenza". Comune a tutti era la dichiarata opposizione al marxismo (anche quando era esplicita l'avversione decisamente di sinistra per la "borghesia"), e l'affidamento al dinamismo della violenza e dell'azione diretta. 

 

Il sentimento trovò un terreno fertile prima di diventare un'ideologia. Gli accordi di Parigi del 1919 si rivelarono una grande fonte di debolezza per coloro che sembravano aver guadagnato di più. I territori orientali della Polonia oltre la linea Curzon e il suo corridoio assurdamente disegnato verso il Baltico, il possesso dei Sudeti da parte della Cecoslovacchia, e l'immeritato raddoppio della Romania in Transilvania, Bucovina e Bessarabia, crearono una costante fonte di malevolenza revanscista tra i perdenti che si vendicarono due decenni dopo. Il neonato stato slavo meridionale si trovò in una posizione simile. Il problema più acuto riguardava l'Italia. Gli italiani non erano disposti a rinunciare a ciò che era stato loro promesso a Londra nel 1915: La Dalmazia con la maggior parte delle isole dell'Adriatico. Con loro sgomento, nel dicembre 1918 gli italiani scoprirono che questo territorio nemico divenne, con l'atto di unificazione jugoslava, una terra "alleata". 

 

L'ascesa di Mussolini fu accolta da molti italiani non per il fascino ideologico del fascismo, ancora vagamente definito all'epoca, ma perché sembrava offrire soluzioni pratiche ai problemi della "minaccia rossa" in patria e della "vittoria mutilata" all'estero. L'ingiustizia percepita nei confronti dell'Italia nel 1919 era un sentimento potente, come illustrato dall'avventura di D'Annunzio a Fiume. Nonostante la teatralità, ricordava a Mussolini che se lui non avesse assunto il ruolo di eroe nazionalista, l'avrebbe fatto qualcun altro.

 

Mussolini lo capì, e fin dall'inizio, nel 1922, lo status internazionale dell'Italia fu percepito come il criterio in base al quale l'esperimento fascista sarebbe stato valido o meno. Il suo nuovo aggressivo corso di politica estera, a partire dal 1926, rifletteva la consolidata presa di Mussolini sulla politica interna ed esterna, dopo aver annunciato la dittatura a partito unico nel suo discorso del 3 gennaio 1925. Non era più soggetto alla tutela dei diplomatici di carriera che lo avevano assistito nei primi giorni (fino al punto di prepararlo nei punti più fini delle maniere a tavola). I diplomatici di un tempo erano entusiasti di accontentarlo all'inizio. I suoi obiettivi, dopo tutto, corrispondevano agli obiettivi nazionalisti dell'Italia, più che specificamente "fascisti": l'annessione di Fiume, un punto d'appoggio in Albania, una futura espansione nel Mediterraneo. Questi obiettivi erano stati sostenuti dall'alto establishment del ministero degli Esteri, i cui membri sottoscrivevano la nozione di una vittoria mutilata del 1918.

 

Il Duce si trovò in seguito nel ruolo contraddittorio di sostenere e sponsorizzare attivamente i nemici della Jugoslavia nei Balcani, pur rimanendo fermamente antirevisionista sulla questione della frontiera del Brennero, sulla resistenza alla restaurazione asburgica e sul sostegno all'indipendenza austriaca nei confronti della Germania. La sua ambiguità fu costosa: come ha giustamente notato il defunto autore Dennison Rusinow, essa "portò inesorabilmente all'Asse, e a un trionfo tedesco nei Balcani che non poteva fermarsi a Trieste". L'"attivismo" di Mussolini rifletteva la sua limitata comprensione degli affari esteri, che andava oltre la sua insofferenza per la vecchia diplomazia. Non aveva una strategia: la sua enfasi sull'"azione" impacchettava fini e mezzi nell'imprecisione semantica finché il mezzo, l'acquisizione della forza, diventava un fine in sé: "quando la retorica del regime si identificò con una dichiarazione di fini, la politica italiana divenne prigioniera di quella retorica". 

 

Si trattava di un verdetto schiacciante. Nei primi anni '30 Mussolini cercò di cementare le relazioni con l'Austria e l'Ungheria e così si identificò più strettamente con il campo revisionista nel bacino danubiano. Non doveva essere così. L'Italia e la Francia condividevano l'interesse a mantenere il sistema codificato a Versailles, poiché qualsiasi sconvolgimento era più probabile che lavorasse a loro danno che a loro vantaggio. Entrambi avevano motivo di temere una Germania risorta, sia sul Reno che sul Brennero. Il corteggiamento di Mussolini ai revisionisti in Europa centrale esemplificava la sua confusione di fini e mezzi. La sua politica attivista lo fece legare a un gruppo eterogeneo di scontenti europei, dai corporativisti austriaci ai revisionisti ungheresi e ai separatisti croati. Le sue mosse coincisero, tuttavia, con l'arrivo al potere a Berlino di un revisionista per eccellenza.


Sforzandosi di mantenere l'Austria e l'Ungheria sotto l'influenza dell'Italia nel primo anno e mezzo dell'ascesa di Hitler, e assumendo una forte posizione difensiva nel bacino danubiano, Mussolini agì temporaneamente come difensore dell'ordine esistente. Il fallito colpo di stato nazista a Vienna e l'invio di quattro divisioni italiane al Brennero nel 1934 fecero apparire l'Italia come un guardiano dello status quo europeo. A quel tempo il Duce apparentemente comprese la potenziale minaccia che il nuovo regime di Berlino poneva alla posizione dell'Italia nel bacino danubiano, in particolare alla sua presa a lungo termine sulle ex terre austriache. 

 

La prima metà del 1935 avrebbe potuto essere il punto di svolta nella politica estera e di sicurezza dell'Italia, rendendola un guardiano dell'ordine di Versailles. Tutto cambiò con l'Etiopia. Pianificata come una spedizione coloniale di vecchio stampo, degenerò in una crisi internazionale. Mussolini rispose alla sua maniera ad hoc: cambiando la sostanza della sua politica estera e alterando così la mappa politica dell'Europa.

 

Una contraddizione fondamentale, e alla fine fatale, nella politica estera dell'Italia alla fine degli anni '30 era insita nell'invenzione di Mussolini di un "Asse" con Berlino. La ripetuta rinuncia di Hitler a qualsiasi aspirazione in Alto Adige richiedeva in cambio l'accettazione dell'Anschluss da parte dell'Italia. Ma anche se l'Alto Adige era sicuro per l'Italia, i suoi interessi nell'area danubiana e lungo l'Adriatico orientale non lo erano. Hitler aveva sacrificato il Sudtirolo all'alleanza italiana; ma non era certo che lo stesso valesse per altre conquiste italiane risalenti all'autunno del 1918. La fosca possibilità era che Hitler - l'antiasburgico, l'antimarxista - fosse pronto, alla fine, a rischiare l'alleanza italiana sponsorizzando una spinta tedesca su Trieste che poteva essere basata solo sulla tradizione asburgica e sul determinismo economico. Questo è esattamente ciò che accadde dopo il crollo dell'Italia nel settembre 1943. 

 

Un decennio prima Hitler voleva un'alleanza con l'Italia, ma allo stesso tempo cercava la fine dell'influenza italiana nel bacino danubiano. La Danubia di Hitler alla fine includeva la sponda orientale dell'Adriatico, che lo avesse pianificato o meno. Assumendo la sovranità in Austria nel 1938, Hitler non poteva evitare di ereditare le sue preoccupazioni strategiche meridionali. Come i suoi Gauleiter dell'Ostmark e i comandanti della Zona Operativa Adriatica provarono dopo il settembre 1943, la logica dell'eredità asburgica funzionava indipendentemente dal disegno deliberato di Hitler.

 

Il 10 giugno 1940, Mussolini segnò il suo destino dichiarando guerra alla Francia e alla Gran Bretagna. Il suo discorso a una folla estasiata dal balcone di Piazza Venezia fu un segno di debolezza, una tentazione che il generale Franco evitò saggiamente quando incontrò Hitler cinque mesi dopo. In aprile e maggio, quando la Germania ottenne un successo dopo l'altro, la prudenza di Mussolini si sciolse rapidamente come le divisioni francesi. Il re e l'esercito cercarono di arginare la marea. Il feldmaresciallo Pietro Badoglio fece la sorprendente ammissione che l'intervento dell'Italia poteva essere considerato solo "se il nemico fosse stato così prostrato da giustificare tale audacia". Alla fine le vittorie tedesche in Francia resero "il nemico" completamente prostrato, e la sua paura che il bottino sarebbe stato tutto della Germania forzò la mano di Mussolini.

 

Il resto è storia. La presunta comunità strategica di interessi tra Italia e Germania rimase poco chiara. Questa ambiguità doveva avere gravi conseguenze. Nel perseguire i suoi obiettivi relativamente limitati Mussolini fu spesso erratico e incoerente. Alla fine limitò le sue opzioni al punto da giocare un ruolo subordinato a Hitler, i cui obiettivi a lungo termine erano pericolosamente aperti, ma che mostrò abilità e - fino al giugno 1941 - notevole razionalità nel loro perseguimento. 

 

I due dittatori sono spesso legati insieme, ma differivano per la visione del mondo, i presupposti di base, gli obiettivi strategici, il temperamento e soprattutto il grado di depravazione morale. Il fallimento di Mussolini nell'afferrare le implicazioni del suo patto faustiano con Hitler gli costò la vita e la reputazione, costò al suo paese molte vite e molta sofferenza, e costò al suo movimento il totale discredito. Il Duce non era comunque un mostro che puzzava di zolfo come Hitler, Stalin, Mao o Tito. Benito Mussolini era un uomo profondamente imperfetto, ma riconoscibilmente umano. Il fatto che la sua unica vittima precoce della repressione, Giacomo Matteotti, sia nota ai posteri per nome è eloquente. Nessuna fortuna per le decine di milioni di vite perse nella Grande Epurazione, nell'Olocausto o durante il Grande Balzo in Avanti.

 

Niente di quanto sopra sarà di minimo interesse per i teppisti "antifascisti" nei nostri centri urbani e per i loro sostenitori della classe elitaria. La loro ignoranza e inettitudine è proporzionata alla loro brama di distruzione gratuita. Non meritano di essere chiamati marxisti, poiché mancano di una visione del mondo coerente e di un metodo di analisi intellettualmente disciplinato, per quanto imperfetto.


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia