Ricordando Árpád Janos Pusztai, scienziato che ha rischiato la carriera per mettere in dubbio la sicurezza degli OGM

 

Ricordando Árpád Janos Pusztai, scienziato che ha rischiato la carriera per mettere in dubbio la sicurezza degli OGM

Da Howard Vlieger


Árpád Janos Pusztai, Ph.D., uno dei primi scienziati a sollevare preoccupazioni sulla sicurezza degli alimenti geneticamente modificati, è morto il 17 dicembre 2021, a casa con sua moglie, Susan Zsuzsa Bardócz, al suo fianco. Aveva 91 anni.


Pusztai era nato l'8 settembre 1930 a Budapest, in Ungheria. Era uno studente della scuola superiore Obudai Arpad Gimnazium. Nel 1953, ha ottenuto un diploma in chimica dall'Università Eotvos Lorand di Budapest. Ha lavorato per tre anni come scienziato associato all'Accademia delle Scienze ungherese prima della rivoluzione ungherese contro il controllo sovietico nel 1956.


Dopo il fallimento della rivoluzione, Pusztai scappò in un campo profughi in Austria e da lì si diresse in Inghilterra. Ha completato il suo dottorato in biochimica al Lister Institute di Londra. Nel 1963, fu invitato ad unirsi al Dipartimento di Ricerca sulle Proteine al Rowett Research Institute di Aberdeen, in Scozia.


Pusztai ha lavorato al Rowett Institute per i successivi 36 anni, studiando principalmente le lectine vegetali. Durante questo periodo, ha scoperto le glicoproteine nelle piante, è stato autore di più di 270 articoli di ricerca, ha pubblicato tre libri ed è stato considerato un "esperto di fama internazionale sulle lectine".


Pusztai è stato nominato Fellow della Royal Society di Edimburgo nel 1998 e ha ricevuto borse di studio dal Leverhulme Trust.


Ho comunicato per la prima volta con Pusztai via e-mail nel 2003. Stavo cercando di educare il mio senatore americano sugli effetti negativi degli OGM (organismi geneticamente modificati) sui mammiferi.


Avevo seguito la ricerca di Pusztai dalla prima volta che ne avevo sentito parlare nel 1998. Mentre facevo un lavoro investigativo sugli OGM, mi sono imbattuto nel suo indirizzo e-mail. In seguito gli ho inviato un'e-mail nella speranza che mi rispondesse.


Con mia sorpresa, ho ricevuto una risposta entro tre ore. Questo fu l'inizio di un'opportunità incredibile per me, dato che non avevo ancora avuto contatti diretti con nessun ricercatore che si preoccupasse degli effetti dannosi degli OGM.


Il mio studio sulle colture OGM è iniziato nel 1994 e la mia ricerca in azienda è iniziata nel 1997.


Ho avuto l'estremo privilegio di comunicare con Pusztai e, cosa più importante, di comprendere appieno i meccanismi di produzione degli OGM e cosa era responsabile di causare gli effetti dannosi sui mammiferi. Sono stato successivamente e fortunatamente mentore di Pusztai per molti anni.


Pusztai era un uomo saggio e premuroso e, anche se aveva risultati enormi, era umile e allo stesso tempo capace di farsi valere e di dire coraggiosamente la verità contro le forze del male che tentavano di distorcere e ridicolizzare le sue ricerche stellari.


Il mondo deve un enorme grazie a Pusztai per aver esposto gli effetti pericolosi delle colture OGM. Egli rimane un esempio straordinario come essere umano e come scienziato - e forse un segnale di avvertimento per altri scienziati che hanno paura di avventurarsi in questo settore di ricerca per paura di distruggere la loro carriera.

Grazie all'insistenza di Pusztai su una componente del nostro studio sui maiali (con Judy Carman, Ph.D.), abbiamo scoperto le estreme differenze di comportamento tra i maiali nutriti con OGM e quelli non nutriti con OGM.


Questo è un fatto poco conosciuto ancora oggi a causa del rifiuto di permettere la sua menzione nel nostro studio scientifico, pubblicato nel 2013. L'editore della rivista scientifica che ha pubblicato lo studio sui maiali ha rifiutato qualsiasi menzione di questa sorprendente scoperta.


Oggi, sono a conoscenza di numerosi esempi di tali estremi di differenze di comportamento in più specie di animali che consumano mangimi OGM. Queste informazioni sono state trasmesse da un certo numero di nutrizionisti e veterinari in tutto il Nord America che sono in grado di "vedere ciò che guardano".


E 'plausibile credere che gli OGM potrebbero avere lo stesso effetto (s) sulle persone, soprattutto i bambini?


Ricorderò sempre un commento specifico che Pusztai mi fece nella prima conversazione telefonica che ebbi il privilegio di avere con lui. Disse: "Non posso credere quanto sia inconsapevole e indifferente la gente nel vostro paese, riguardo al cibo che mettono nel loro corpo".


Quanto era vero allora e purtroppo lo è ancora oggi.


Sono veramente fortunato ad aver conosciuto Pusztai e ad essere stato educato e istruito da lui. Sono altrettanto fortunato a conoscere la sua amorevole, premurosa e intelligente moglie, Susan Barcdocz.


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia