Fungo Agarikon: l'elisir di lunga vita

Fungo Agarikon

TIl micologo americano Paul Stamets ha descritto l'agarikon come "un profondo serbatoio di agenti farmacologicamente attivi". Conosciuto con il binomio latino di Fomitopsis officinalis, questo fungo vive fino a 80 anni. I suoi corpi fruttiferi hanno una consistenza gessosa, crescono fino a un metro di altezza e possono pesare fino a 10 kg. Questi giganti legnosi crescono come parassiti sul lato delle conifere e crescono in tutto l'emisfero settentrionale, dal Nord America e dall'Europa fino alla costa pacifica della Siberia.

 

DI LUKE SUMPTER

 

Stamets ha fatto di più per portare l'agarikon alla ribalta. Ha parlato delle impressionanti qualità medicinali del fungo, comprese le sue capacità antivirali. Ma ha anche sottolineato qualcosa di altrettanto vitale: lo stato di pericolo del fungo.

Gli umani hanno usato l'agarikon per migliaia di anni per curare una serie di disturbi e abbiamo fatto un buon lavoro nel spingerlo al limite. Appare nell'elenco delle 33 specie fungine in via di estinzione in Europa ed è considerato minacciato in tutto il mondo come membro della Lista rossa delle specie minacciate dell'IUCN.

Probabilmente hai sentito parlare dell'importanza della biodiversità. La ricca varietà di vita sul pianeta aiuta a sostenere gli ecosistemi. Ora, Stamets ha contribuito a rendere popolare il termine "micodiversità" che parla dell'importanza di preservare le specie fungine per la loro funzione in natura e come fonte di potenti composti medicinali per l'uomo.

Mentre i taglialegna continuano a decimare le antiche foreste del Pacifico nord-occidentale, un habitat che l'agarikon chiama casa, Stamets sta lavorando duramente per trovare, clonare e coltivare esemplari e salvarli dalla distruzione. Finora, ha ottenuto circa 65 ceppi .


Ma siamo sul punto di perdere un milione di specie nel prossimo decennio mentre viviamo nell'Antropocene, quindi perché dovremmo preoccuparci così tanto dell'agarikon? Ebbene, questo fungo ospita molecole che potrebbero aiutarci a proteggerci da malattie croniche sempre più comuni, oltre a minacciare agenti patogeni.

 

Uno strumento storicamente spirituale

Le culture umane hanno venerato l'agarikon per migliaia di anni. Il medico e filosofo greco Dioscoride intitolò il fungo “ elixirium ad longam vitam ”, che significa “l'elisir di lunga vita. Gli antichi greci e romani usavano il fungo principalmente come trattamento per la tubercolosi. L'antico medico arabo Ahwazi riconobbe anche l'agarikon come una potente medicina e sfruttò il fungo crudo per eliminare i pazienti dalla bile nera che si credeva causasse il cancro. Oltre ad altri funghi medicinali, come il chaga, le persone nell'Europa orientale usavano l'agarikon anche per curare problemi di salute tra cui cancro, asma, sudori notturni e ferite da battaglia.

I sistemi di medicina tradizionale in tutto il mondo hanno utilizzato l'agarikon nel tentativo di trattare diverse condizioni e malattie, tra cui:

  • Morsi di insetto
  • Dolore
  • Infiammazione
  • Malattie muscolari
  • Problemi alla vescica
  • Sciatica
  • Reumatismi
  • Emorroidi

 

I popoli indigeni della regione della costa nord-occidentale del Nord America si riferivano all'agarikon come al "pane dei fantasmi". Non solo lo apprezzavano come un fungo medicinale, ma gli attribuivano un significato spirituale. Gli sciamani di queste regioni usavano il fungo nei rituali sociali e si esibivano in arti per migliorare le capacità soprannaturali del fungo. Dopo la morte di uno sciamano, i funghi agarikon scolpiti servivano da guardiani appollaiati sulla testa della tomba.

 

Agarikon attraverso la lente della scienza moderna

L'Agarikon occupava chiaramente un posto importante in molte culture antiche e il fungo deve aver dimostrato l'efficacia curativa per aver ottenuto questo status in diverse parti del mondo. I ricercatori sono desiderosi di capire esattamente come i funghi medicinali come l'agarikon ottengano questi risultati. Finora, hanno scoperto una serie di molecole interessanti del fungo, inclusi polisaccaridi (carboidrati complessi), flavonoidi e terpenoidi.

Oltre a identificare alcune di queste molecole chiave, i ricercatori hanno messo alla prova in laboratorio estratti di agarikon e composti isolati contro malattie e modelli di patologia. Scopri come si sono comportati di seguito.

 

Attività antimicrobica

Le molecole isolate dai funghi agarikon hanno mostrato proprietà antimicrobiche promettenti negli studi in provetta. Questi composti dimostrano effetti inibitori contro un lungo elenco di microbi infettivi, comprese le forme di salmonella, stafilococco e candida.

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha anche esaminato gli estratti di agarikon per le proprietà antivirali durante il programma Bioshield BioDefense. Gli estratti hanno mostrato risultati promettenti contro gli orthopoxvirus (un gruppo che include il vaiolo e il vaiolo bovino) e sono stati gli unici prodotti naturali testati che hanno dimostrato attività antipox.

 

Effetti anticancro

Una varietà di funghi medicinali mostra un promettente potenziale antitumorale. Oltre alla coda di tacchino , al chaga e al reishi , l'agarikon produce sostanze chimiche che si ritiene influenzino il cancro. I terpenoidi si trovano in tutta la natura e piante e funghi tendono a produrli come difesa contro i predatori. È stato osservato che i terpenoidi trovati nell'agarikon uccidono le cellule tumorali umane nelle provette.

 

L'Agarikon può avvantaggiare il sistema nervoso?

I funghi medicinali stanno ottenendo riconoscimenti per la loro capacità di apportare benefici al sistema nervoso. Specie come la criniera di leone potrebbero persino aiutare a combattere il morbo di Alzheimer . I composti bioattivi nell'agarikon potrebbero aiutare a proteggere il cervello e il sistema nervoso dall'invecchiamento e dalle malattie.

I flavonoidi del fungo sembrano proteggere il cervello dei topi anziani dallo stress ossidativo, dove i terpenoidi si mostrano promettenti come trattamento per l'ictus. Gli effetti antivirali del fungo potrebbero anche proteggere dai problemi del sistema nervoso che insorgono a seguito di infezioni da herpes ed epatite.

 

Come usare i funghi Agarikon

I funghi Agarikon sono duri, legnosi e gessosi. Non sono esattamente qualcosa che metteresti in una zuppa. Inoltre, proprio come il chaga e il cordyceps , i funghi agarikon sono minacciati e stanno diventando sempre più rari in natura. Per questo motivo, molte aziende offrono preparati coltivati ​​in modo che possiamo lasciare esemplari naturali per svolgere la loro funzione all'interno dell'ecosistema.

Se scegli di incorporare l'agarikon coltivato nel tuo regime di integratori, segui semplicemente le istruzioni di consumo fornite.


Luke Sumpter è uno scrittore professionista specializzato in cannabis, funghi medicinali e fisiologia umana. Dopo essere rimasto affascinato dalla fitoterapia, ha dedicato la sua tesi di laurea all'emergere del sistema endocannabinoide in condizioni muscolo-scheletriche. Puoi connetterti con lui @Luke_A_Sumpter .

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Link e materiale non pertinente sarà eliminato.

Nuova Vecchia