Parla uno svedese sopravvissuto all'attacco russo a un campo di addestramento della NATO

 


Di DAN MALMQVIST - freewestmedia.com


La NATO nega che qualcuno dei suoi istruttori fosse presente al momento dell'attacco russo, e anche il Pentagono ha affermato che l'ultimo dei suoi uomini aveva lasciato la base militare di Yavoriv poche settimane fa. Il giornalista svedese Dan Malmquist ha parlato con un sopravvissuto al Centro internazionale per il mantenimento della pace e la sicurezza bombardato vicino al confine polacco.

Tuttavia, l'attacco dalla Russia così vicino al confine con la Polonia, paese della NATO, è stato definito una "significativa escalation" dal governo britannico e il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan ha avvertito che qualsiasi bombardamento di un vicino membro della NATO, anche se avviene per errore, porterà a una "risposta su vasta scala" da parte dell'alleanza militare.

 

Le autorità ucraine hanno confermato che 30 razzi hanno colpito la base, citando le vittime di 35 morti e 134 feriti. Il ministero della Difesa ha affermato che nessuno straniero è stato confermato tra i morti. Il quotidiano britannico  The Mirror  ha riferito che il numero dei morti probabilmente supera i 100 e che si temeva che almeno tre ex soldati britannici fossero stati uccisi.


L'attacco è avvenuto poco dopo che il Cremlino ha sottolineato che le consegne di armi dall'Occidente sono obiettivi legittimi per gli attacchi militari.Il ministero della Difesa russo ha dichiarato in una dichiarazione di aver eliminato "fino a 180 mercenari stranieri e un gran numero di armi straniere" e che la Russia avrebbe continuato ad attaccare le truppe straniere in Ucraina. 
Sono considerati combattenti illegali e non sono coperti dalle leggi di guerra su come, tra l'altro, devono essere trattati i prigionieri.

Il presidente Vladimir Zelensky ha ribadito il suo appello alla NATO per stabilire una no-fly zone sull'Ucraina.

"Se non chiudi il cielo, è solo questione di tempo prima che i razzi russi cadano sul tuo territorio, sul territorio della NATO", ha detto Zelensky in un video lo stesso giorno dell'attacco.

Il ministero degli Esteri svedese giovedì 17 marzo non aveva ancora informazioni sugli svedesi feriti o uccisi nell'attacco.

Un mercenario svedese è sopravvissuto per raccontare cosa era successo

In un'intervista con Joel Karlsson, 26 anni, residente a Sundsvall, che si trovava alla base quando è stata attaccata, ha detto: “Quella notte la sirena dell'aria è suonata alle tre del mattino. Quando siamo corsi fuori per prendere posizioni difensive, abbiamo visto che c'era un drone russo sopra il limite del bosco. Era strano che dovessero andare in giro con i droni – un agente aveva confermato che si trattava di un drone – ma ci hanno detto di andare a letto di nuovo, e dato che ero così dannatamente stanco, non l'ho messo in dubbio.

“Alle sei del mattino è esploso, l'intera casa ha vibrato, la gente ha urlato. Ho subito capito che 'ora è una cosa seria', così mi sono messo una giacca e sono corso verso la foresta. Quando ho aperto la porta, ho visto un missile da crociera arrivare ad occhio nudo. Poi ne sono arrivati ​​altri. Avevano una precisione dannatamente buona. All'inizio arrivarono otto missili".

Il ministero della Difesa russo ha dichiarato in un comunicato stampa che la base militare è stata attaccata con “armi di precisione a lungo raggio”. Le nostre fonti non sono state in grado di confermare in modo indipendente se la base sia stata attaccata da aerei da combattimento o se si trattasse di missili da crociera. Sia gli aerei che i missili da crociera utilizzano motori a reazione, quindi solo il suono può essere difficile da distinguere. Il "missile da crociera" che Karlsson ha visto potrebbe essere stato un missile lanciato da un aeroplano.

Il colonnello ucraino Anton Mironovich, portavoce dell'Accademia nazionale dell'esercito a Leopoli, ha detto a Buzzfeed che "l'attacco è stato effettuato da aerei da combattimento decollati dalla base aerea di Saratov nella Russia occidentale ma in avvicinamento da sud, dal Mar Nero e dal Mar di ​Azov”. Allo stesso tempo, ha affermato che “Tutti i legionari sono sopravvissuti. Nessun ucciso, nessun ferito", una dichiarazione che Joel Karlsson ha immediatamente contraddetto.

“Abbiamo sentito dei jet e quando siamo corsi nei boschi abbiamo sentito il fuoco dell'artiglieria in lontananza. Ho chiesto a un sergente o ufficiale se era artiglieria e lui ha detto che lo era. Era buio pesto nel bosco, la gente ha iniziato a urlare e delirare. Tutto era in fiamme alla base e la gente cominciava a gridare perché tornassimo ad aiutare i feriti, a spegnere gli incendi e così via. Alcuni poi hanno detto apertamente che non possiamo tornare in una base dove è stata bombardata dieci minuti prima, perché sarà bombardata di nuovo”.

Gli ucraini hanno portato allo scoperto le reclute straniere

“Ci hanno chiesto di riorganizzarci e metterci in grandi gruppi in attesa di nuovi ordini. Lo abbiamo fatto e ci siamo fermati e abbiamo discusso di ciò che stava accadendo. Alcuni avevano ottenuto armi, ma la maggior parte era completamente disarmata. Poi gli ufficiali ucraini hanno iniziato a parlare di stronzate di propaganda sul fatto che i russi non osassero inviare alcun jet sulla nostra terra".

Dan Malmquist (DM): "Subito dopo che sei stato bombardato dai jet, hanno detto che i russi non avrebbero osato inviare alcun jet?"

Joel Karlsson (JK): “Sì, hanno affermato che si trattava di un 'attacco scoordinato' per pura disperazione. Non è assolutamente vero, è stato un attacco coordinato. Quasi ogni missile colpito dove avrebbe dovuto, hanno eliminato esattamente le cose a cui sapevano che avrebbero mirato. Quindi c'era qualcuno là dentro che aveva fatto trapelare informazioni".


DM: Dove hanno colpito i missili?

“Il primo era un deposito di munizioni che si trovava in un edificio discreto, un vecchio fienile o simili. Un altro ha colpito un piccolo edificio dove c'era una palestra, ma c'erano molte persone che si accampavano e dormivano, cosa che apparentemente sapevano. Loro [le reclute] probabilmente non hanno nemmeno avuto il tempo di svegliarsi prima di essere uccise”.

DM: Quindi ti stanno piazzando disarmato in campo aperto subito dopo un attacco aereo ostile?

“Sì, esattamente, in campo aperto... Anche io capisco che queste sono decisioni di merda che sono state prese. Ci hanno chiesto di camminare verso alcuni siti di atterraggio di elicotteri su un terreno completamente aperto e pianeggiante. Poi ci sono notizie che qualcuno ha visto elicotteri e si dice che ci siano paracadutisti russi all'ingresso. Poi allineano le persone e dicono che dobbiamo consolidare le posizioni e difendere la base dai paracadutisti senza armi.

“Io e pochi altri abbiamo subito detto che non avevamo intenzione di farlo. Altri hanno iniziato a protestare e hanno detto che non avevano armi. Un ufficiale britannico ha detto al mio gruppo che "chi vuole andare può andare, chi vuole restare può restare". Poi ho detto che non ero venuto lì per combattere senza armi, sarebbe stato un suicidio. Io e una trentina di altri siamo partiti dall'altra parte, lontano da dove era previsto l'attacco. È arrivato un piccolo autobus di evacuazione e siamo saliti a bordo. Più tardi abbiamo appreso che circa 45 minuti dopo la nostra partenza, sono arrivati ​​altri 20 missili e hanno raso al suolo tutto”.


DM: Sono arrivate anche truppe di terra? [Nessuna truppa di terra russa è stata confermata per essere stata utilizzata nell'attacco. ndr]

"Non lo so. Ma gli ucraini si sono affrettati ad abbandonare la base. Furono i legionari volontari di altri paesi a poter fortificare le posizioni senza armi, mentre la maggior parte degli ufficiali e dei soldati ucraini scapparono. C'era un intero gruppo di ucraini che avrebbero dovuto aiutarci, ma sono saltati in macchina e sono scappati da lì".


DM: Chi allora guidava il comando in quella situazione?

“Era molto poco chiaro. Non ho mai nemmeno avuto il tempo di capire chi fossero gli alti ufficiali della base dopo essere stato lì per diversi giorni. C'erano nuove persone che venivano e parlavano continuamente, alcuni tenevano sessioni di formazione o fornivano informazioni, spesso senza nemmeno conoscere l'inglese, quindi dovevano avere interpreti con loro. Era un fottuto circo, tutto sembrava frivolo sin dall'inizio".


DM: Chi è entrato con l'autobus di evacuazione?

"Non lo so. Era solo un normale tipo di scuolabus, con un autista che non parlava nemmeno inglese. È entrato, siamo saltati a bordo, è entrato nella base mentre noi gridiamo che non può andarci e deve girarsi. Era scortato da una piccola auto con a bordo un militare, ma era in borghese».


DM: Hai scritto su un gruppo su Telegram che pensavi fosse un colpo di stato alle pubbliche relazioni degli ucraini, che volevano che i volontari venissero colpiti. Ma ciò non renderebbe più facile per loro reclutare volontari.

“Non lo so davvero, possono anche essere stati molti infiltrati tra gli ufficiali e pura incompetenza. Ma era almeno abbastanza ovvio che ignoravano completamente il fatto che i volontari fossero morti. Alcuni di noi erano riusciti a impossessarsi delle armi e poi sono arrivati ​​soldati ucraini che ci hanno strappato le armi dalle mani per prendersele da soli. Poi ci hanno ordinato di muoverci verso dove sarebbero arrivati ​​i paracadutisti mentre erano seduti più indietro con le armi, in modo da attirare il fuoco. Questo è successo poco prima che scappassero".


DM: Eri usata come carne da cannone insomma?

"Si assolutamente. C'era un ragazzo a cui era rimasta un'arma e hanno gridato che gli avrebbero dato delle munizioni. Poi hanno affermato che il deposito di munizioni era chiuso. Quindi c'era solo un ragazzo nel nostro gruppo che aveva un'arma ma non una singola cartuccia, e hanno iniziato a gridare che dovevamo restare e che non potevamo lasciare la base".

“Probabilmente sono un po' cospiratore, ma penso che potrebbe essere stato intenzionale. Non sto dicendo che sia così, ma in ogni caso è stato qualcosa di dannatamente intelligente, tutto è stato gestito in modo così strano dall'inizio alla fine".


DM: Quanto sono grandi le perdite?

“Penso che la cifra di 180 morti dei russi possa benissimo essere corretta. Quasi tutta la mia compagnia di tiro è andata dove è stato detto loro che sarebbero arrivati ​​i paracadutisti ed è lì che sono cadute molte bombe in seguito. Se ci fossero in totale 300 persone sulla base e 180 fossero morte, non ne dubito, penso piuttosto che potrebbero essercene di più. In retrospettiva, abbiamo avuto qualche contatto con alcuni ragazzi che sono tornati a cercare sopravvissuti, e da loro ho sentito dire che ne hanno trovati due sopravvissuti al bombardamento. Ci sono sicuramente più dei due sopravvissuti, ma non possono essere molti. È stata una tale devastazione malata.

“Quando siamo corsi nella foresta, non sapevamo nemmeno che fosse minata con le nostre stesse mine. Naturalmente, gli ufficiali lo sapevano, ma noi reclute non avevamo ricevuto alcuna informazione, quindi è stato uno dei nostri ragazzi a morire in quel modo quando siamo corsi nella foresta".


DM: Se ciò fosse stato fatto deliberatamente dagli ucraini, secondo lei chi l'ha ordinato in quel caso?

"Non lo so. All'inizio pensavo davvero che fosse un trucco da pubbliche relazioni considerando quanto tutto fosse gestito incredibilmente male. Ti imbattevi in ​​una foresta piena di mine, ti opponevi ai paracadutisti disarmati e la sirena d'allarme era stata spenta. In effetti, sembrava che volessero il peggior massacro di persone. Potrebbero esserci altre spiegazioni: un tizio di qualche servizio di intelligence ha detto che era stato confermato che c'era spionaggio e sabotaggio alla base. Ma almeno ci hanno usato come pura carne da cannone.


DM: Quindi non c'era nessun avviso di sirena aerea durante l'attacco?

"Niente. Mi sono svegliato con la prima bomba caduta. E non avevano bunker, trincee, niente. Non ci avevano detto dove ci saremmo rifugiati se fosse arrivato un attacco. Era tutto semplicemente strano. In seguito, ho parlato con un soldato americano delle forze speciali che ha fatto notare quanto fosse folle che ci fosse stato ordinato di stare in piedi in campo aperto vicino alle piattaforme degli elicotteri. Si rifiutò di obbedire agli ordini e rimase invece nel bosco. Tra il nostro gruppo che si è ritirato da lì, c'erano diversi soldati d'élite che hanno detto che "questa è stata la cosa più malata che ho passato in tutta la mia vita". Avevano prestato servizio in Somalia, Iraq, Afghanistan, Isole Falkland, in tutti i tipi di guerre e affermano di non essere mai stati in una situazione così vulnerabile. 'Missione suicida', hanno detto senza mezzi termini molti di loro".


DM: Come sei stato trattato prima dell'attacco russo?

“Va bene, ma era tutto così mal controllato. Cattiva attrezzatura, cattiva organizzazione, cattiva disciplina. La scarsa igiene e il cibo scadente facevano ammalare le persone tutto il tempo. Sembrava che non sapessero niente. I soldati con esperienza hanno detto di non aver mai provato nulla di simile. Ho chiesto un paio di guanti da poter indossare in combattimento e sono arrivati ​​con un paio di guanti blu-rossi Helly Hansen che praticamente urlavano "eccomi" se cercavi di mimetizzarti. Molti inoltre non avevano l'attrezzatura giusta, le divise giuste e così via. Non c'erano elmetti, né giubbotti, niente".


DM: Allora cosa succede adesso, torni di nuovo a casa in Svezia?

“Andrò a casa per sistemare alcune cose, poi ci andrò di nuovo, ma ora per svolgere il lavoro umanitario. All'inizio non sono mai stato particolarmente entusiasta di combattere e mi è stato assicurato che avevano bisogno di tutti i tipi di persone, non solo soldati, quindi avevo davvero intenzione di lavorare come saldatore o meccanico dietro il fronte. Ma quando eravamo lì, è stato "benvenuto qui, hai dieci giorni di allenamento e poi vieni mandato al fronte". Pochi giorni dopo non avevamo ancora un'arma ed è stato ridotto a "cinque giorni di addestramento, prendi un'arma sulla strada per Kiev e poi andrai in battaglia".


DM: Le persone sono state mandate direttamente alla morte?

"Per non dire altro. C'erano anche così tante fughe di notizie su questa base che i russi sapevano sempre cosa stava succedendo. C'era stata una corsa in autobus per Kiev con una trentina di volontari "completamente formati". È finito in un attacco di fuoco, uno solo è sopravvissuto ed è stato catturato dai russi. In un altro autobus con 80 persone, quattro sono sopravvissute e sono riuscite a tornare alla base, le altre 76 sono rimaste uccise. Quindi i russi sapevano tutto ciò che entrava o usciva da quella base, ma continuavano a mandare le persone direttamente alla morte".


DM: Dove l'hai sentito?

“E' stato un ragazzo alla base che me l'ha detto. Ci sono stati attacchi di fuoco confermati sulla strada per Kiev”.


DM: Come hai reagito a questo?

“Mi sono innervosito. Davvero nervoso. Ma ci sono andato per un motivo. Mi aspettavo questo. Sapevo che potevo morire. È guerra. Non ci sono andato per niente”.


DM: Credi che ci fossero spie e sabotatori alla base?

“Sì, ce ne sono molti che lo affermano. Che sapessero esattamente dove sparare i loro missili per causare il massimo danno, che la sirena aerea di avvertimento era stata spenta proprio quando è arrivato il vero attacco dopo che aveva funzionato abbastanza bene fino a quel momento.


DM: Il tuo amico con cui sei venuto è sopravvissuto?

“Faccio molto fatica a crederci. Era uno di quelli che si sono messi in fila per andare alle piattaforme degli elicotteri, e da allora non ho più avuto sue notizie. È possibile che sia vivo da qualche parte in territorio ucraino, ma non credo”.


DM: Chi era?

“Un ragazzo di 32 anni che ho incontrato a Sundsvall, dove viviamo entrambi. Ci siamo allenati insieme e cose del genere. Bravo ragazzo."


DM: Mi dispiace. Conoscevi più persone alla base e c'erano più svedesi lì?

“Ho incontrato personalmente almeno dieci svedesi e hai sentito un po' lo svedese qua e là. Il giorno dopo l'attacco, quando siamo riusciti ad arrivare in Polonia, ci siamo seduti in un pub a bere una birra e ci siamo imbattuti in diversi svedesi che stavano andando alla base. Altrimenti, erano persone di ogni tipo di paese e orientamento politico. Conosco due svedesi sopravvissuti oltre a me, del resto non ne ho idea».


Fai una donazione a Free West Media

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Link e materiale non pertinente sarà eliminato.

Nuova Vecchia