Obelisco di Karnak costruito per la leggendaria regina Hatshepsut ricostruito in Egitto

 


Accanto a un lago sacro vicino al tempio di Karnak a Luxor, in Egitto, archeologi e ingegneri hanno ricostruito un obelisco di Karnak completamente restaurato, originariamente costruito e innalzato nel 1457 a.C., in onore della regina Hatshepsut, sovrana del Nuovo Regno. I due terzi inferiori dell'obelisco di Karnak in granito rosa risorto non sono mai stati trovati dopo che l'intera struttura è stata abbattuta da un terremoto o distrutta intenzionalmente.

La resurrezione dell'intero obelisco di Karnak a grandezza naturale, con il terzo superiore originale e una moderna ricostruzione inferiore, è stata annunciata il 9 aprile 2022 dal Ministero del Turismo e delle Antichità egiziano , in un post sulla sua pagina Facebook.

Il distretto di Amon-Re, il più grande dei recinti del complesso del tempio di Karnak, visto dal lago sacro di Luxor, dove è stato recentemente eretto l'obelisco di Karnak dedicato alla regina Hatshepsut.  (Taranis-iuppiter / CC BY-SA 3.0)

Il distretto di Amon-Re, il più grande dei recinti del complesso del tempio di Karnak, visto dal lago sacro di Luxor, dove è stato recentemente eretto l'obelisco di Karnak dedicato alla regina Hatshepsut. (Taranis-iuppiter / CC BY-SA 3.0 )

Obelischi leggendari di Hatshepsut Karnak

Questo obelisco era uno dei due dedicati al quinto faraone della diciottesima dinastia egizia , che servì come regina per 21 anni dal 1479 al 1458 a.C. Hatshepsut fu la seconda donna nell'antico Egitto ad ascendere alla posizione di faraone, seguendo le orme di Sobekneferu , l'ultimo sovrano della dodicesima dinastia del Regno di Mezzo, che divenne la prima donna faraone circa 300 anni prima.

Ma mentre Sobekneferu è oggi in gran parte sconosciuto al grande pubblico, Hatshepsut rimane uno dei più celebrati e acclamati di tutti i faraoni egizi. Ha governato l'Egitto durante un periodo di grande prosperità e ha sponsorizzato numerosi progetti di costruzione monumentale che hanno contribuito a rendere l'antica Tebe (l'odierna Luxor) uno dei centri culturali più sviluppati nell'antica Valle del Nilo.


Mostafa Waziri, segretario generale del Consiglio supremo delle antichità, ha spiegato che il restauro e la ricostruzione dell'obelisco della regina facevano parte di un più ampio progetto di restauro in corso a Luxor , dove una vasta collezione di antichi templi egizi, tombe e si possono trovare monumenti costruiti nel corso di molti secoli. Secondo Waziri, un attento studio dell'obelisco ha mostrato che correva il pericolo di sbriciolarsi se fosse rimasto a terra indefinitamente, e si è deciso di restaurarlo ed erigerlo per assicurarsi che potesse essere conservato.

Il progetto di restauro dell'obelisco è stato completato solo la scorsa settimana e l'obelisco è stato riportato in posizione eretta da un team di ingegneri delle forze armate egiziane.

L'obelisco di Karnak ricostruito così com'è ora sul viale vicino al tempio di Karnak.  (Ministero del Turismo e delle Antichità)

L'obelisco di Karnak ricostruito così com'è ora sul viale vicino al tempio di Karnak. Ministero del Turismo e delle Antichità )

L'obelisco di Karnak di Hatshepsut risorge

L'obelisco restaurato è realizzato in granito rosa. Nella sua forma attuale è alto circa 36 piedi (11 metri) e pesa circa 99 tonnellate (90 tonnellate). È decorato con iscrizioni scolpite che descrivono la relazione della regina Hatsheput con il dio egizio Amon , che era riconosciuto come il più importante di tutti gli dei nell'era del Nuovo Regno.

Hatshepsut era nota per la sua devozione ad Amon e si diceva che avesse donato fondi significativi ai sacerdoti di Amon e al loro ordine religioso. Questo gruppo influente a sua volta ha sostenuto la sua candidatura a faraone, il che ha contribuito a garantire che sarebbe stata scelta al posto del figliastro Thutmose III. 

Ulteriori iscrizioni rendono un ulteriore tributo ad Amon, rivelando che l'obelisco era stato dedicato sia alla regina che alla più esaltata di tutte le divinità egizie nel secondo millennio a.C.

In realtà, l'obelisco che è stato restaurato e ricostruito comprende solo la parte superiore del monumento originale che giaceva per secoli sul terreno del tempio di Karnak .

Ad un certo punto, in un lontano passato, l'obelisco è caduto e si è rotto in più pezzi. Gli egittologi ipotizzano che un enorme terremoto possa essere responsabile di questo evento, sebbene non si possa escludere un sabotaggio intenzionale dell'obelisco.

I pezzi dell'obelisco furono originariamente lasciati su un mucchio di macerie rocciose fuori dalla Wadjet Hall , una struttura costruita sul terreno del tempio di Karnak dal faraone Thutmose I (il padre di Hatshepsut). Vi rimasero fino all'inizio del XX secolo, quando furono riscoperti dall'archeologo francese Georges Legran. Un gruppo di lavoratori trasportò la parte superiore intatta dell'obelisco in un luogo vicino al sacro lago artificiale del tempio, dove rimase per oltre 100 anni.

Anche altri frammenti molto più piccoli dell'obelisco furono recuperati durante gli scavi sul terreno del tempio. Molti di questi furono venduti ai musei e sono ancora in mostra oggi.

Non c'è modo di sapere con certezza quali fossero le dimensioni esatte dell'obelisco quando era intero, ma un buon punto di confronto potrebbe essere l'altro obelisco di Hatshepsut, che è ancora in piedi a Karnak ed è completamente conservato nella sua forma originale.

Questo imponente obelisco è alto quasi 100 piedi (30 metri) e pesa 378 tonnellate (343 tonnellate). Se l'obelisco appena restaurato fosse stato costruito con dimensioni simili, significherebbe che circa un terzo di esso è stato conservato.

Nel novembre 2021, il Ministero del Turismo e delle Antichità egiziano ha aperto il Viale delle Sfingi, recentemente restaurato, una strada di 3000 anni che collega il Tempio di Karnak con il Tempio di Luxor.  (Sara Nabih / CC BY-SA 4.0)

Nel novembre 2021, il Ministero del Turismo e delle Antichità egiziano ha aperto il Viale delle Sfingi, recentemente restaurato, una strada di 3000 anni che collega il Tempio di Karnak con il Tempio di Luxor. (Sara Nabih / CC BY-SA 4.0 )

Seguendo un viale nella storia antica

Il Ministero del Turismo e delle Antichità egiziano sta cercando di aumentare il flusso di denaro turistico in entrata nel Paese. La sua incredibile collezione di antichi monumenti in pietra rimane il punto vendita più venduto del paese e il Ministero ha avviato un vasto progetto di ristrutturazione a Luxor nel tentativo di attirare più visitatori in uno dei siti antichi più famosi conservati al mondo.


Proprio l'anno scorso, il Ministero ha aperto il Viale delle Sfingi , recentemente restaurato, una strada di 3.000 anni che collega il Tempio di Karnak con il Tempio di Luxor . Ora, i visitatori che arrivano al complesso del tempio di Karnak lungo questo percorso potranno vedere e fotografare entrambi gli imponenti obelischi che furono costruiti per onorare Hatshepsut più di 3.400 anni fa. Stanno come una testimonianza del glorioso passato dell'Egitto, e in particolare della donna che divenne la sua prima grande regina.


Originariamente pubblicato su Ancient Origins.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Link e materiale non pertinente sarà eliminato.

Nuova Vecchia