Il Laboratorio di Wuhan pubblica uno studio sulla manipolazione del virus H7N9 per essere più letale

 


Da thenationalpulse


Una rivista scientifica pubblicata dai migliori ricercatori del Wuhan Institute of Virology ha condiviso studi che sembrano impegnarsi in ricerche di tipo gain-of-function, un metodo controverso per studiare i patogeni che possono aumentare la loro letalità.


Si ritiene che l'Istituto di virologia di Wuhan si sia impegnato nella forma rischiosa di ricerca sui coronavirus di pipistrello, poiché le pagine Web ora cancellate rivelano che il laboratorio che manipola i coronavirus di pipistrello per "replicarsi in modo efficiente nelle cellule primarie delle vie aeree umane e ottenere titoli in vitro equivalenti a ceppi epidemici di SARS-CoV.

Ora, l'ultima edizione della rivista del laboratorio , Virologica Sinica,  sembra contenere uno stile di ricerca simile con il virus H7N9 nei polli e nei topi. Il caporedattore della pubblicazione è la famigerata "donna pipistrello" di Wuhan, Shi Zhengli , che è la principale ricercatrice del laboratorio sul coronavirus dei pipistrelli e una beneficiaria di fondi da Anthony Fauci attraverso l'EcoHealth Alliance di Peter Daszak.

Virologica Sinica  ha pubblicato lo studio “Combined Insertion of Basic and Non-basic Amino Acids at Hemagglutinin Cleavage Site of Highly Pathogenic H7N9 Virus Promotes Replication and Pathogenicity in Chickens and Mice” nella sua edizione più recente, pubblicata a febbraio 2022.


L'abstract del documento delinea come i ricercatori "hanno generato sei virus H7N9", analizzando come vari aminoacidi hanno alterato la virulenza e l'infettività del virus.

"Abbiamo caratterizzato i virus ricostituiti in termini di replicazione virale nelle cellule di uccelli e mammiferi, termostabilità e stabilità acida, efficienza di scissione, virulenza nei topi e patogenicità e trasmissibilità nei polli", ha delineato lo studio.

"La sostituzione I335V del virus H7N9 ha migliorato l'infettività e la trasmissione nei polli, suggerendo che la combinazione di mutazioni e inserzioni di aminoacidi nell'HACS ha promosso la replicazione e la patogenicità nei polli e nei topi", hanno spiegato i ricercatori.


Mentre lo studio ha condotto esperimenti su topi e polli, ha notato che le varianti H7N9 sono "altamente trasmissibili anche nei furetti, ponendo la minaccia di un potenziale pandemico negli esseri umani".

In un caso di studio, la variante H7N9 ha causato un tasso di mortalità del 35% nei topi, con i ricercatori che hanno notato che alcuni aminoacidi "aumentano la patogenicità":

Sorprendentemente, i mutanti monobasici (cioè, PEIPKGR/G) hanno mostrato chiari sintomi di infezione, inclusi capelli ispidi e respirazione addominale, dopo il secondo giorno di infezione, seguiti dal 15% di perdita di peso rispetto al peso iniziale e morte, con una mortalità tasso del 35%. Inoltre, ciascun virus H7N9 può replicare l'efficienza nei polmoni dei topi infetti PEVPKRKRTAR/G (P = 0,0109) ha aumentato significativamente i titoli virali nei polmoni dei topi rispetto a quelli del gruppo PEVPKGR/G, indicando che l'inserimento di KRTA ha aumentato il patogenicità dei topi.


"In particolare, abbiamo osservato che l'inserimento di amminoacidi non basici TA e IA nei virus H7N9 ha causato la morte nei topi pur avendo lo stesso titolo virale, il che ha suggerito che HPAIV H7N9 inserito con un amminoacido non basico rappresentava una potenziale minaccia per l'uomo ”, ha aggiunto il giornale.

Il documento segue le continue rivelazioni sul Wuhan Institute of Virology impegnato nella ricerca sul "guadagno di funzione" con i fondi dei contribuenti statunitensi dell'agenzia National Institutes of Health (NIH) di Fauci.



Main by Natalie Winters

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Link e materiale non pertinente sarà eliminato.

Nuova Vecchia