Klaus Schwab e le origini di WEF: una conversazione con Johnny Vedmore

 

Maggiori informazioni sui valori familiari di Schwab, ecc.

Klaus Schwab e le origini di WEF: una conversazione con Johnny Vedmore





Questa storia è una conversazione con Johnny Vedmore, che potresti conoscere dal suo articolo “ Schwab Family Values. "

È stato un grande piacere parlare con Johnny, o meglio ascoltare Johnny, dato che avevamo poco tempo, e volevo assicurarmi di ottenere quante più sue intuizioni possibili.


Nell'intervista, Johnny parla del padre collaboratore nazista di Klaus Schwab, del periodo curioso di Klaus ad Harvard e dell'origine dell'agenzia dell'alfabeto sul WEF, che, secondo Johnny, non è un ambizioso progetto europeo di per sé, ma piuttosto una losca iniziativa dell'alfabeto fin dall'inizio, cosa che non trovo particolarmente sorprendente o scioccante. Sembra che anche mentre competono tra loro, le persone con inclinazioni predatorie e l'amore di dominare gli altri abbiano ancora molto più in comune tra loro che con i loro contadini sottostanti.

Il viaggio della vita di Johnny è stato interessante e intenso, e il suo lavoro giornalistico va in aree molto buie, le aree dove il sole non splende. Ricerca persone di alto livello con carriere televisive, conti bancari considerevoli e cuori di vampiri pesanti e predatori. Indaga le connessioni e le imprese cospirative dei ladri che sottraggono le ricchezze della Terra e l'energia creativa delle persone rigorosamente a scopo di lucro, che vedono tutto ciò che li circonda come una risorsa, a cui non importa bere le lacrime di vedove e orfani e davvero goderne poiché per loro significa che hanno potere su innumerevoli altri esseri umani. Sono dipendenti dal potere. Inseguono lo sballo di avere più potere possibile per tutta la vita.


Imperatori e predatori: una visione filosofica

Gli imperatori letterali e metaforici fanno quello che fanno gli imperatori, dominano senza pietà. Lo fecero nell'impero romano, nell'impero cinese, nell'impero britannico, nell'impero sovietico, nell'impero americano e anche in altri imperi.

Quando si tratta di contadini, i contadini recentemente liberi di solito hanno un'acuta comprensione di essere violati quando vengono invasi per la prima volta, ma poi, dall'elevazione selettiva di alcuni contadini e dall'uso abile del "divide et impera", i propagandisti dell'imperatore stabiliscono " alleati” nei ranghi dei contadini, e la confusione mentale si instaura. Col passare del tempo, diventa ancora più confusa, e gli unici contadini che sono acutamente consapevoli di essere dominati sono quelli con forti ricordi familiari di come è successo tutto, e quelli che sono colpiti direttamente e con brutalità, pur avendo la chiarezza emotiva, mentale e spirituale per collegare i punti.


Ad esempio, in Unione Sovietica, fino alla sua fase molto avanzata in cui tutti erano stufi e cinici, molte persone credevano che l'URSS fosse il "paese più libero del mondo" ed erano davvero felici di essere nate in URSS e non in l'ovest. Nessuno sapeva che il cosiddetto "comunismo" era in pratica più o meno solo un "capitalismo" di stato super monopolizzatodove le élite si bagnavano nel lusso mentre la gente comune viveva una vita dura. Nessuno sapeva che le élite sovietiche conducessero vite lussuose anche durante la guerra. Nessuno sapeva che le alte sfere mangiavano prelibatezze a Leningrado durante l'assedio, quando la gente comune non aveva cibo e stava bollendo la carta da parati per fare la "zuppa" e molti morirono di fame. Nessuno sapeva che anche i vertici del partito comunista facevano cose sessuali oscure e impensabili. In effetti, nessuno potrebbe nemmeno immaginare una cosa del genere. E mentre accadeva tutta quella menzogna e quella oscurità, le persone amavano i loro leader. È risaputo che la gente amava Stalin, per esempio. Lo amava come se fosse il loro padre, anche se era un classico predatore.


E, naturalmente, i superiori sovietici non detenevano diritti esclusivi su roba oscura, lo sto solo menzionando perché vengo da lì. I giochi crudeli degli imperatori e dei loro vertici sono sempre esistiti anche nei moderni imperi occidentali, anche al culmine di quella che noi amorevolmente conosciamo come democrazia in Occidente, anche nei momenti in cui quasi nessuno ci pensava a causa della relativa ricchezza e sicurezza che noi avuto per alcuni decenni.


Gli occidentali, e in particolare gli americani, hanno avuto molte eccedenze e un cuscinetto piuttosto ampio dall'oscurità degli imperatori tra la seconda guerra mondiale e il 2001, in gran parte grazie alla distruzione dell'Europa nel dopoguerra e a molte lucrose guerre straniere e ai successivi prezzi favorevoli del petrolio. Quel buffer si è bloccato nel 2001 ("guarda qualcosa, dì qualcosa, togliti gli stivali e stai zitto") e oggi quel buffer si sta riducendo molto velocemente. Molte persone pensano che questo sia qualcosa di nuovo - e c'è sicuramente un nuovo livello di spudoratezza e abuso nella nostra vita dopo il 2020 - ma secondo me, quello che stiamo guardando è semplicemente un cuscinetto che si sta restringendo del proverbiale, secolare sistema di dominio(nelle parole di Steven Newcomb). Ed è tragico. E dobbiamo svegliarci con il quadro generale se vogliamo affrontarlo in modo significativo. I nostri sforzi nelle nostre aree di competenza saranno molto più fruttuosi se comprendiamo il quadro generale.


Sembra che gli imperatori e i loro alti dirigenti nel corso della storia abbiano aderito più o meno allo stesso insieme di abitudini e pratiche. Vivono dove c'è confusione, paura, violenza, tradimento di sé, mancanza di anima, tradimento dell'amore e zombi definitivo. Scatenano la violenza nella fase iniziale dell'invasione e poi mantengono il loro dominio elevandosi selettivamente e ingannando i creduloni facendogli pensare che se solo tradissero le loro anime, prospereranno e si immergeranno nelle ricchezze per sempre e avranno il controllo sulle loro vite, e poi i predatori mangiano comunque gli aspiranti zombi creduloni. Ingannano i leggermente più ricchi per disprezzare i meno ricchi—o viceversa, a seconda dell'ismo—e comportarsi come dei robot. Amano il potere assoluto, si sentono autorizzati a prendere ciò che vogliono. Amano l'oscurità sessuale impensabile, le guerre, lo spionaggio, la schiavitù e le cose che farebbero vomitare la maggior parte delle persone normali.


Per inciso, spesso muoiono di morti ingloriose, affrontando infine l'esistenziale. Dopotutto, fumo e specchi a parte, sono semplici mortali e c'è sempre un predatore più forte, più giovane e migliore in agguato dietro i cespugli, pronto a caricarli. Quindi, alla fine, il predatore n. 1 incontra un predatore più forte e il ciclo si ripete.


Coraggio e pazienza (alto ma molto importante per me)

Da parte mia, mi concentro sulla chiarezza spirituale e sull'amore. Il motivo è pratico. Penso che siamo i più felici e i più utili al mondo quando ci concentriamo sui nostri doni unici e sulla nostra missione e non cerchiamo di fare ciò che non è il nostro lavoro. Sono attratto dalla creazione di chiarezza linguistica e sensoriale, mi piace illuminare la stanza buia piena di scarafaggi quel tanto che basta per farci un'idea generale di come funzionano le cose, in modo da poter dire di no allo zombi e insistere su di esso. La mia attenzione è sempre sulla bellezza, non sulla bruttezza, ecco come sono nata.


Sono consapevole della bruttezza, è difficile non vederla in questi giorni ed età. Faccio ricerche su ciò di cui ho bisogno per cercare per comprendere il quadro più ampio e per creare quanta più chiarezza possibile per gli altri. Ma se inizio a pensare troppo alla bruttezza, allora non vedo l'ora di entrare e "aggiustare" tutto, e devo ricordare a me stesso di essere paziente, fidarmi dell'universo con la traiettoria generale e concentrarmi sul fare il miolavoro, che è imparzialità e amorevole chiarezza. Il mio lavoro, come lo sente il mio cuore, è elevare l'amore. E voglio farlo bene. E in generale, penso che sia bene cercare di trovare un equilibrio tra sapere cosa sta succedendo (molta bellezza ma anche molte cose brutte, molta ignoranza e molti abusi) e mantenere la calma, dal momento che siamo non certo la prima generazione ad avere a che fare con predatori abusivi, e possiamo imparare dai nostri antenati e dal loro coraggio.


Credo che ognuno di noi abbia una vocazione unica e un dono unico, e sono attratto dal pensare a cose che possono darci un potere reale sui cattivi. Le cose oscure esistono. È sempre esistito. Non è qualcosa che è iniziato ad accadere nel 2020. E penso che la nostra battaglia sia spirituale nel senso più umile, non affascinante e stimolante.

Purtroppo, una tonnellata di merda si è accumulata nel corso dei secoli. Molta confusione, propaganda, cattive abitudini e autotradimento. A partire da questo secondo, purtroppo, c'è molta confusione e arroganza tra la gente, a tutti i livelli. Molte persone amano i loro fantasmi. Credo che affinché le cose cambino in modo significativo, molti devono stancarsi dei loro fantasmi e diventare completamente disgustati dal principio del dominio nelle loro stesse vite.


Penso che sia bello pensare a come togliere il potere agli Schwab e ai Rockefeller, ma è anche bene essere realistici riguardo al loro potere attuale e non sperare che vadano in fiamme immediatamente perché è improbabile che accada. accadere. :) Penso che il cambiamento che deve avvenire riguardi la connessione con le nostre anime senza tempo e la fede inamovibile nel fare ciò che è giusto, e da lì, saremo guidati su come espellere i vampiri e tenerli a bada per sempre . Penso.


Soggettivamente, provengo da una cultura in cui, quando ero in giro, la natura abusiva dei leader non era un grande segreto. Quindi per me è come, ok, stanno truffando. Stanno uccidendo, violentando e facendo ogni sorta di cose oscure. Bene, in senso filosofico, non è una grande novità, sapevamo già che l'avrebbero fatto. Lo fanno da secoli. E quindi è nostro compito essere consapevoli delle specifiche in modo da poterci proteggere il più possibile, motivo per cui la consapevolezza è importante, ma ancora più importante, è nostro compito cercare la chiarezza spirituale e resistere spiritualmente al loro modello sensoriale e in ogni modo.


Credo fermamente che alcune questioni debbano essere affrontate dalle persone con pazienza e dedizione, e alcune questioni siano l'esperienza dei poteri superiori e l'universo si prenderà cura dei predatori a tempo debito. Potrebbe essere presto, o potrebbe essere tra mille anni, ma accadrà se siamo fedeli alle nostre anime. Nel frattempo, è nostro compito fare le cose con amore, essere coraggiosi e vivere una bella vita. Ed è importante che quando i predatori di oggi vengono espulsi, non vengano sostituiti da nuovi come loro.

Ma ovviamente, c'è un vantaggio nell'avere un'idea realistica di come funziona davvero il mondo, motivo per cui penso che il lavoro di Johnny sia fantastico.


L'intervista parla da sé. Tante informazioni! E puoi leggere l'ampio lavoro di Johnny su Unlimited Hangout o sul suo sito web. Ho intenzione di scrivere un articolo più asciutto con tutti i punti di discussione, ma come sai, credo prima nella filosofia. :)



Stiamo guardando un'antica bestia, e penso che l'unico modo per affrontare sul serio è contrastare il mostro da un cuore puro, con una preghiera affinché l'amore sia dignitoso e redento. Siamo amore, questo è ciò che siamo, e i predatori, per quanto brutti e disgustosi siano, sono un semplice promemoria per noi di prendere vita, rispettare noi stessi, rispettare il nostro spirito e fare le cose con amore. Meritiamo di essere amati e rispettati per ciò per cui siamo nati. È vero.



E ora, con il tono filosofico impostato, godetevi l'interessante intervista con Johnny e la sua indagine nella stanza buia piena di scarafaggi!

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Link e materiale non pertinente sarà eliminato.

Nuova Vecchia