documentario di mintpress news: GAZA COMBATTE

Un ragazzo palestinese siede sulle macerie delle case distrutte dagli attacchi aerei israeliani nella città di Beit Hanoun, nel nord della Striscia di Gaza, il 21 maggio 2021. Khalil Hamra | AP



Da DAN COHEN

Girato durante l'attacco e nei giorni successivi al cessate il fuoco, il documentario racconta la storia di come i gruppi di resistenza armata di Gaza abbiano superato in astuzia l'esercito israeliano di gran lunga superiore e stabilito la loro capacità di intervenire contro la pulizia etnica israeliana di quartieri come Sheikh Jarrah e le provocazioni al- Complesso di Aqsa nella Gerusalemme Est occupata.


"Le capacità militari palestinesi non sono altamente sofisticate e distruttive, ma diventano così efficaci quando vengono utilizzate da giovani palestinesi intelligenti che credono nei loro diritti e libertà", afferma un comandante mascherato di al-Qassam.

Il documentario presenta interviste intime con i sopravvissuti, molti dei quali hanno perso membri della famiglia nel bombardamento israeliano.


Tra loro c'è Omar Abu al-Ouf, che ha perso 22 membri della famiglia nell'attentato alla casa della sua famiglia ad al-Remal, la principale arteria di Gaza.

"Il primo missile è caduto su di noi per strada senza alcun preavviso o chiamata", ha raccontato.

Tra le persone uccise c'era il padre di Omar, il dottor Ayman Abu al-Ouf, uno dei medici più anziani di tutta Gaza.


Altri, come l'undicenne Amal Ramzi Muhammed Nasir, sono fuggiti in mezzo ai bombardamenti per rifugiarsi nelle scuole gestite dalle Nazioni Unite.

“Stavamo cercando di dormire. All'una di notte esatta si sentivano rumori di esplosioni e attacchi aerei nelle vicinanze. La casa tremava per l'intensità delle esplosioni".


Dopo essere scappati in una scuola, Nasir e la sua famiglia sono tornati dopo il cessate il fuoco e hanno trovato le loro case in rovina.

“Siamo arrivati ​​e abbiamo visto che il nostro quartiere che ci ha ospitato per tutta la vita, il nostro rifugio, è stato completamente raso al suolo”, ha ricordato. “Ogni singola casa è stata danneggiata e bombardata”.

Gaza 2021
Gli uomini trasportano un bambino ucciso quando gli attacchi aerei israeliani hanno preso di mira un complesso di appartamenti a Gaza il 16 maggio 2021. Foto | AP


Jawad Mahdi, proprietario della torre di al-Jalaa, descrisse che Israele stava distruggendo il luogo in cui lui e la sua famiglia vissero per 25 anni:

L'edificio è crollato e ci sono voluti 25 anni di ricordi, un posto in cui abbiamo vissuto per 25 anni, con i miei figli, nipoti, vicini e amici. Immagina di costruire una casa mattone dopo mattone, pezzo dopo pezzo, vivendo nella tua casa con le tue conoscenze e i tuoi sogni. Improvvisamente, ti ritrovi fuori da questa casa. Una tragedia indescrivibile: essere cacciati di casa in un istante, una questione di secondi, anche un minuto, per ragioni inesistenti, illogiche e non etiche.

 

Per quanto riguarda i futuri confronti con l'esercito israeliano, il comandante di al-Qassam li vede come inevitabili fintanto che l'occupazione persiste: “L'occupazione israeliana ha sperimentato le nostre capacità militari nell'ultima aggressione alla Striscia di Gaza e il mondo intero l'ha vista. E abbiamo ancora capacità più importanti nell'ombra".


Crede che la resistenza armata rappresenti una via praticabile verso la liberazione:

La lezione appresa dall'ultima aggressione alla Striscia di Gaza è che Israele è uno stato di occupazione che potrebbe essere sconfitto. Non è uno stato fermo quello rappresentato dalla macchina propagandistica sionista israeliana. I palestinesi possono ottenere la loro liberazione e recuperare i loro diritti e libertà”.


Dan Cohen è il corrispondente da Washington DC per Behind The Headlines. Ha prodotto reportage video ampiamente distribuiti e dispacci stampati da Israele e Palestina. Scrive su @ DanCohen3000 .

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Link e materiale non pertinente sarà eliminato.

Nuova Vecchia