L'Università di Boston crea una variante COVID l'80% più mortale

 I ricercatori della Boston University hanno creato un nuovo ceppo di Covid-19 che ha un tasso di uccisione dell'80% nei topi umanizzati .

Nel tentativo di ricercare ciò che rende Omicron così trasmissibile - e finanziato in parte da sovvenzioni del NIH e del NIAID di Anthony Fauci , i ricercatori hanno intrecciato la proteina spike di Omicron al ceppo originale di Covid-19. Il virus risultante era cinque volte più contagioso di Omicron.

"La proteina della punta di Omicron (S), con un numero insolitamente elevato di mutazioni, è considerata il principale driver di questi fenotipi. Abbiamo generato SARS-CoV-2 chimerico ricombinante che codifica per il gene S di Omicron nella spina dorsale di un SARS-CoV ancestrale -2 isolare e confrontare questo virus con la variante Omicron a circolazione naturale", si legge nella prestampa.

La nuova ricerca, che non è stata sottoposta a revisione paritaria, è stata condotta da un team di Boston e Florida.

"Nei topi, mentre Omicron provoca un'infezione lieve e non fatale, il virus portatore di Omicron S infligge una malattia grave con un tasso di mortalità dell'80 percento", hanno scritto i ricercatori, aggiungendo che mentre la proteina spike è responsabile dell'infettività, le modifiche ad altre parti della sua struttura sono responsabili della sua scadenza .

I ricercatori hanno collegato la punta di Omicron al ceppo selvatico originale emerso per la prima volta a Wuhan all'inizio della pandemia.

I ricercatori hanno esaminato come se la cavavano i topi contro il nuovo ceppo ibrido rispetto alla variante originale di Omicron. dailymail

I ricercatori hanno anche esaminato l'effetto di diversi ceppi sulle cellule polmonari umane coltivate in laboratorio, a cui Covid si attacca prima di istruire le cellule sane a fare copie di se stesse. Hanno scoperto che il ceppo modificato produce cinque volte più particelle virali rispetto al ceppo Omicron originale (a cui sono sopravvissuti tutti i roditori).

Questo studio fornisce importanti informazioni sulla patogenicità di Omicron . Mostriamo che il picco, la singola proteina più mutata in Omicron, ha un ruolo incompleto nell'attenuazione di Omicron. Nei test di infezione in vitro, il SARS-CoV-2 (Omi-S) ancestrale con punte di Omicron mostra un'efficienza di replicazione molto più elevata rispetto a Omicron. Allo stesso modo, nei topi K18-hACE2, Omi-S contrasta con Omicron non fatale e provoca una grave malattia che porta a circa l'80% di mortalità. Ciò suggerisce che le mutazioni al di fuori dello spike sono i principali determinanti della patogenicità attenuata di Omicron nei topi K18-hACE2 . Sono necessari ulteriori studi per identificare quelle mutazioni e decifrarne i meccanismi d'azione. Biorxiv

Secondo gli scienziati, tuttavia, è improbabile che il loro virus chimerico sia letale negli esseri umani come lo era nei topi perché la razza specifica utilizzata nei test è più suscettibile al Covid grave.

L'anno scorso abbiamo riferito che 18 mesi prima della pandemia, gli scienziati di Wuhan, in Cina, hanno presentato una proposta per rilasciare in natura coronavirus potenziati nell'aria nel tentativo di inocularli contro malattie che altrimenti avrebbero potuto colpire l'uomo, secondo The Telegraph , citando trapelato proposte di sovvenzione dal 2018.

L'offerta è stata presentata dallo zoologo Peter Daszak della EcoHealth Alliance con sede negli Stati Uniti, che sperava di utilizzare l'ingegneria genetica per mettere insieme "siti di clivaggio specifici per l'uomo" sul pipistrello Covid "che renderebbe più facile l'ingresso del virus nelle cellule umane" - un metodo che casualmente risponderebbe a una domanda di vecchia data tra la comunità scientifica su come SARS-CoV-2 si sia evoluto per diventare così contagioso per l'uomo.

La proposta di Daszak includeva anche piani per combinare ceppi di coronavirus naturali ad alto rischio con versioni più infettive, ma meno letali. Il suo "gruppo di pipistrelli" di ricercatori includeva il dottor Shi Zhengli del Wuhan Institute of Virology, nonché ricercatori statunitensi dell'Università della Carolina del Nord e del National Wildlife Health Center degli Stati Uniti.

Darpa ha rifiutato il contratto, dicendo "È chiaro che il progetto proposto guidato da Peter Daszak avrebbe potuto mettere a rischio le comunità locali", avvertendo che Daszak non aveva considerato appieno i pericoli legati al potenziamento del virus attraverso la ricerca sul guadagno di funzione o rilasciando un vaccino nell'aria.


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Link e materiale non pertinente sarà eliminato.

Nuova Vecchia