Corruzione: gli Stati Uniti si sono intromessi nelle elezioni in Ecuador, usando Julian Assange come merce di scambio

 

L'ex presidente dell'Ecuador Rafael Correa, il giornalista Julian Assange, l'ex ministro dell'Energia Carlos Pareja Yannuzzelli e l'attuale presidente Guillermo Lasso (da sinistra a destra)

Un ex ministro dell'Ecuador ha testimoniato che il governo degli Stati Uniti ha cospirato con un partito politico di destra per condurre una campagna di disinformazione contro il movimento correista di sinistra, sostenendo un banchiere milionario alla presidenza in cambio della rinuncia al giornalista Julian Assange, che aveva asilo nell'Ecuador ambasciata.



L'ex ministro dell'Energia dell'Ecuador ha testimoniato che il governo degli Stati Uniti ha cospirato con un partito politico di destra per condurre una campagna di disinformazione contro il movimento Correista di sinistra dell'ex presidente Rafael Correa.

Ha detto che gli "agenti federali" statunitensi si sono impegnati ad aiutare a "influenzare" le elezioni presidenziali del 2017 e sostenere la candidatura del banchiere milionario conservatore Guillermo Lasso in cambio della promessa di consegnare il giornalista Julian Assange, che aveva ricevuto asilo da Correa ed era rimasto bloccato vive da anni nell'ambasciata dell'Ecuador a Londra.

L'ex ministro dell'Energia, Carlos Pareja Yannuzzelli, era fuggito da un'indagine sulla corruzione in Ecuador e viveva come un latitante dalla giustizia negli Stati Uniti alla fine del 2016 quando gli sono state offerte ingenti somme di denaro e la protezione del governo degli Stati Uniti in cambio della lettura di un libro preparato con cura. “sceneggiatura” che ha fatto false accuse di corruzione contro Correa e il suo vicepresidente Jorge Glas, che è stato poi incarcerato con accuse altamente dubbie.


Pareja ha testimoniato che gli agenti federali lo hanno anche costretto a fare false accuse contro un cittadino statunitense, in modo da poter giustificare il loro coinvolgimento nel caso ecuadoriano. Ciò ha portato il cittadino statunitense ad essere arrestato e incarcerato per tre anni e mezzo.


Lasso ha finito per perdere le elezioni del 2017 (prima di vincere le elezioni del 2021), ma il suo avversario vittorioso, Lenín Moreno, in seguito ha comunque tradito Assange, permettendo alle autorità britanniche di fare irruzione nell'ambasciata, imprigionare il giornalista di WikiLeaks e prepararsi a estradarlo al Stati Uniti.

Carlos Pareja Yannuzzelli Ecuador
L'ex ministro dell'Energia dell'Ecuador, Carlos Pareja Yannuzzelli, nel 2016


La rivelazione di questo straordinario esempio di ingerenza di Washington nelle elezioni di un altro paese è venuta da uno degli alti funzionari dell'industria petrolifera ecuadoriana.


Carlos Pareja Yannuzzelli era stato a capo della compagnia petrolifera statale Petroecuador e in seguito divenne ministro degli idrocarburi di Correa.

Nel 2016, Pareja è stato nominato nella fuga di conti bancari offshore dei Panama Papers ed è stato costretto a dimettersi dalla carica di ministro dell'Energia. Nel 2017 è stato condannato a diversi anni di carcere con l'accusa di aver usato la sua posizione nell'industria petrolifera statale per arricchire se stesso e i suoi amici.


Il nome Carlos Pareja Yannuzzelli è diventato praticamente sinonimo di corruzione in Ecuador, tanto da essere comunemente chiamato “Capaya” (abbreviazione del suo nome).

Il 9 novembre 2022, Correa ha pubblicato su Twitter una testimonianza scritta che Pareja aveva fornito dalla prigione nel maggio 2019. La dichiarazione giurata, firmata da Pareja e include la sua impronta digitale, espone lo scandaloso complotto sostenuto dal governo degli Stati Uniti per immischiarsi nelle presidenziali dell'Ecuador del 2017 elezioni per danneggiare la sinistra.

Il politico ecuadoriano di destra legato all'intelligence statunitense usa risorse americane corrotte per accusare Correa di corruzione

Rafael Correa ha condiviso la scandalosa testimonianza del 2019 in risposta alle accuse di corruzione prive di prove che Pareja Yannuzzelli ha rivolto contro l'ex presidente in un'audizione politicizzata organizzata dalla commissione di revisione dell'Assemblea nazionale il 9 novembre 2022.

Questo comitato è diretto da Fernando Villavicencio, un famigerato agente politico ecuadoriano di destra, strettamente legato alle agenzie di intelligence statunitensi.


Oggi Villavicencio è membro dell'Assemblea nazionale, ma si è fatto un nome come attivista dell'opposizione di alto profilo durante i due mandati presidenziali di Correa dal 2007 al 2017.

Villavicencio è stata una figura chiave nella campagna di legalità (guerra giudiziaria) contro Correa. Dirigeva un media ferocemente anti-Correísta, che, con i finanziamenti del governo degli Stati Uniti, diffondeva costantemente voci di corruzione di origine scarsa sul presidente di sinistra.


Nel 2010, Villavicencio ha anche svolto un ruolo importante in un fallito tentativo di colpo di stato contro Correa .

Villavicencio ha vissuto un breve momento sotto i riflettori nel 2018, quando ha collaborato con il quotidiano britannico The Guardian nella co-autore di un pezzo diffamatorio altamente discutibile contro Julian Assange.


WikiLeaks ha insistito fermamente che l'articolo fosse falso e ha creato un fondo legale per citare in giudizio The Guardian.

Nel tweet qui sotto, Villavicencio (a destra, con gli occhiali) si vanta di aver collaborato con i giornalisti del Guardian Luke Harding e Dan Collins sulla presunta storia falsa:

Condividendo la dichiarazione giurata incriminante di Pareja del 2019 su Twitter, Correa ha messo in evidenza la mano di Villavicencio dietro l'udienza del 9 novembre 2022, che mirava chiaramente a demonizzare l'ex presidente di sinistra e denigrare il Correismo, che rimane ancora il movimento politico più popolare in Ecuador.


L'ex ministro dell'Energia dell'Ecuador descrive in dettaglio la campagna sostenuta dagli Stati Uniti per aiutare la destra nelle elezioni del 2017

La devastante dichiarazione giurata del maggio 2019 dimostra che Carlos Pareja Yannuzzelli (Capaya), che è ancora in prigione con l'accusa di corruzione, è un sicario che diffonderà volentieri false affermazioni per minare il Correismo.


Capaya è diventato un nome familiare in Ecuador nel 2016, quando prestava servizio come ministro degli idrocarburi. Nell'aprile di quell'anno, i media internazionali hanno pubblicato i Panama Papers, una massiccia fuga di informazioni sui conti bancari offshore.

Il nome di Pareja Yannuzzelli è apparso sui Panama Papers, scatenando uno scandalo in Ecuador. Correa era ancora presidente all'epoca ea maggio Capaya è stato costretto a dimettersi ed è stato sostituito  con un nuovo ministro dell'Energia.


Il governo Correa iniziò immediatamente a indagare sulla rete di corruzione di Capaya e scoprì che la sua famiglia aveva nascosto milioni di dollari in conti bancari a Panama.

Eppure, mentre era indagato, Capaya è riuscito a fuggire dall'Ecuador a settembre.

Capaya ha aperto la sua testimonianza osservando che, a dicembre 2016, "si trovava negli Stati Uniti in una situazione complicata".

Mentre si trovava a Miami, in Florida, il latitante ecuadoriano è stato contattato da César Monge Ortega, presidente del partito politico di destra CREO.


L'attuale presidente dell'Ecuador, il banchiere miliardario conservatore Guillermo Lasso, è un leader di CREO. Monge era uno dei più stretti alleati di Lasso, indicato dai media ecuadoriani come " la mano destra di Guillermo Lasso ". Ha servito come ministro del governo del presidente fino alla morte di Monge di cancro nel luglio 2021.

Cesar Monge Ortega Lasso CREO Ecuador
Il ministro del governo dell'Ecuador ed ex leader del CREO, César Monge Ortega, prima della sua morte nel maggio 2021


Nel 2016, Monge ha chiesto a Capaya di partecipare a una campagna diffamatoria contro il candidato presidenziale che avrebbe rappresentato il partito di sinistra Alianza País nelle imminenti elezioni del 2017, l'ex vicepresidente di Correa, Lenín Moreno.


"Mi ha offerto un'importante somma di denaro e una protezione federale nordamericana", ha scritto Capaya.

All'epoca era ampiamente ritenuto, anche dallo stesso Correa, che Moreno avrebbe continuato il suo programma politico socialista.

Moreno ha partecipato a una campagna presidenziale di sinistra, ma dopo essere entrato in carica, ha fatto un 180 politico. Moreno si è girato duramente a destra, reprimendo, imprigionando ed esiliando i politici correista.


Ha anche pugnalato alle spalle Julian Assange, annullando la promessa di Correa di proteggere l'editore WikiLeaks e rinunciando alla cittadinanza ecuadoriana che era stata data al giornalista. Per arrestare Assange, Moreno ha persino permesso alle autorità britanniche di violare la sovranità del proprio paese prendendo d'assalto l'ambasciata, che costituisce territorio ecuadoriano ai sensi della Convenzione di Vienna nel diritto internazionale.

I politici di Correísta hanno affermato che Moreno è stato corrotto e/o ricattato dal governo degli Stati Uniti, poiché ha obbedito a tutti gli obiettivi di politica estera di Washington, collaborando a stretto contatto con l'amministrazione Donald Trump, rimuovendo l'Ecuador dall'Alleanza Bolivariana (ALBA) e dall'Unione del Sud Nazioni americane (UNASUR) e persino il riconoscimento del leader del colpo di stato nominato dagli Stati Uniti Juan Guaidó in Venezuela.

Poche persone si sarebbero aspettate durante le elezioni presidenziali dell'Ecuador nel 2017 che Moreno avrebbe continuato a governare in questo modo. L'opposizione di destra del paese era preoccupata che Lenín Moreno (che, dopotutto, prendeva il nome dal rivoluzionario russo) avrebbe continuato il programma di sinistra di Correa.

Così, nel dicembre 2016, César Monge Ortega, il leader del partito di destra CREO di Lasso, ha cercato di reclutare Carlos Pareja Yannuzzelli (Capaya) per la campagna di disinformazione contro Correa, Moreno e il loro partito Alianza País.


Capaya ha scritto nella sua testimonianza del 2019 di aver inizialmente rifiutato l'offerta, ma che Monge era persistente.

"Monge mi ha insistito affinché potessi contattare gli agenti federali nordamericani che hanno lavorato con CREO per molto tempo e mi avrebbero fornito protezione e stabilità negli Stati Uniti", ha detto Capaya.

"Mi ha assicurato che il Partito Democratico Americano era impegnato a sostenere la candidatura presidenziale di Lasso in cambio di Julian Assange, per esporre il suo legame con l'attuale presidente degli Stati Uniti", ha continuato Capaya.


Questo commento suggerisce che la leadership del Partito Democratico fosse convinta che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump fosse in qualche modo collegato ad Assange, una teoria del complotto infondata che è stata alimentata dal rapporto estremamente discutibile di Fernando Villavicencio su The Guardian.

Capaya ha proseguito: “Finalmente, un giorno Monge è venuto a trovarmi con agenti federali [americani] e insieme mi hanno garantito protezione negli Stati Uniti in cambio della mia partecipazione alla campagna diffamatoria contro Alianza País al fine di influenzare le elezioni presidenziali in Ecuador in 2017”.

Guillermo Lasso presidente dell'Ecuador
L'attuale presidente dell'Ecuador, Guillermo Lasso


Capaya ha detto che, dopo questo incontro di persona con gli agenti federali degli Stati Uniti, ha accettato la loro offerta.


Il suo ruolo era quello di fare accuse stravaganti a Correa (che all'epoca era ancora presidente), al suo governo e al suo partito.

"Mi hanno dato una sceneggiatura creata e preparata da Fernando Villavicencio, che secondo Monge era stato ingaggiato dal partito CREO", ha detto Capaya.

Ha proseguito: “Mi hanno detto che per raggiungere un accordo dovevo seguire la sceneggiatura fino a un T. A tal fine, ci siamo incontrati diverse volte a Miami tra dicembre 2016 e gennaio 2017. Questi video sono stati successivamente resi pubblici sui social dopo febbraio 2017”.


Capaya ha sottolineato che "gran parte della sceneggiatura" è stata dedicata all'accusa di corruzione a Correa e all'altro suo vicepresidente Jorge Glas.

"Mi hanno fatto nominare terze parti che non conosco", ha ricordato Capaya. Ha scritto che gli "agenti federali" statunitensi lo hanno fortemente spinto a nominare persone come Frank Roberto Chatburn Ripalda, un consulente finanziario con sede a Miami con doppia cittadinanza statunitense ed ecuadoriana.

“Nonostante abbia detto loro in più di un'occasione che non ho mai avuto alcuna relazione con lui e che non era indagato o processato in Ecuador, mi hanno espressamente detto che per poter raggiungere un accordo era necessario menzionare Chatburn , perché aveva la nazionalità statunitense e con ciò gli agenti federali potevano giustificare la loro partecipazione e avviare azioni contro di lui negli Stati Uniti", ha detto Capaya.


Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha successivamente accusato Chatburn di riciclaggio di denaro e lo ha imprigionato per tre anni e mezzo.

Chatburn non è stato l'unico a essere bruciato da Washington.

Capaya ha concluso la sua testimonianza lamentando che Monge, il suo partito CREO e gli agenti federali degli Stati Uniti lo hanno successivamente abbandonato quando Moreno ha vinto le elezioni presidenziali.

Non hanno mantenuto la loro parte della promessa. Capaya fu poi catturato in Ecuador e messo dietro le sbarre, dove rimane oggi.


Un funzionario ecuadoriano corrotto ha cospirato con gli oligarchi di Miami che hanno rubato milioni alla loro gente

Eppure lo scandalo è ancora più profondo. Monge non era l'unica figura dell'opposizione di destra con cui Capaya stava cospirando.

In quanto latitante della giustizia che viveva a Miami tra la fine del 2016 e l'inizio del 2017, Capaya ha anche incontrato banchieri multimilionari di destra della famigerata famiglia Isaías dell'Ecuador .

I fratelli Isaías, William e Roberto, sono oligarchi ferocemente anti-Correa che sono fuggiti dal loro paese di nascita e si sono trasferiti negli Stati Uniti, con milioni di dollari di denaro rubato, durante il crollo economico dell'Ecuador del 1998 e 1999.


Questa massiccia crisi, nota come la famigerata "feriado bancario", ha mandato in bancarotta milioni di ecuadoriani della classe operaia, esaurendo i loro risparmi svalutando la valuta nazionale, il sucre, con un'iperinflazione galoppante.

Il banchiere che ha contribuito a causare questo tracollo era stato affettuosamente conosciuto come il "super ministro dell'economia" dell'Ecuador ed era stato lodato dalla stampa finanziaria internazionale: nientemeno che Guillermo Lasso, un ardente ragazzo neoliberista di Chicago che ora è presidente.


Lasso ei suoi amici banchieri, che avevano detenuto in dollari la loro ricchezza illecita, divennero milionari grazie al feriado bancario. Nel frattempo, il sucre è diventato così inutile che l'Ecuador ha ceduto la sua sovranità monetaria e ha adottato il dollaro USA come valuta ufficiale. Questo rimane il caso oggi.

Da Miami, gli Isaías Brothers hanno anche utilizzato i loro soldi rubati per finanziare le campagne dei politici statunitensi - sia repubblicani che democratici - inclusi i senatori Marco Rubio e Bob Menendez, la deputata Ileana Ros-Lehtinen e persino l'ex presidente Barack Obama.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Link e materiale non pertinente sarà eliminato.

Nuova Vecchia