Gli Oli Vegetali Continuano A Essere Raccomandati Nonostante I Rischi Per La Salute Se Cotti

 

Sebbene la ricerca dimostri ripetutamente che gli oli vegetali, altrimenti noti come oli di semi, sono dannosi se cotti, le linee guida dietetiche e le organizzazioni sanitarie continuano a promuovere i grassi vegetali polinsaturi rispetto ai grassi animali

Nina Teicholz, una giornalista investigativa che ha trascorso un decennio a fare ricerche su grassi e oli, ha fornito tre ragioni principali ipotizzando perché la raccomandazione non sia cambiata nonostante la mancanza di prove che dimostrino i presunti benefici degli oli vegetali e le discrepanze che indicano possibili rischi di cancro.

1. Burocrazia Contro Scienza

La raccomandazione sulla nutrizione dei grassi anti-saturi proviene dall'ipotesi del cuore-dieta del defunto ricercatore e fisiologo dell'American Heart Association (AHA) Ancel Keys, originariamente proposta negli anni '50.

L'ipotesi originale di Keys era che il grasso, che aumentava i livelli di colesterolo nel sangue, causasse malattie coronariche. In seguito ha ristretto il tipo di grasso a grassi saturi.

Mentre l'ipotesi rimane non provata, la raccomandazione sui grassi anti-saturi si è trasformata nel corso dei decenni da una raccomandazione dietetica a un dogma sulla salute ed è ora una legittima politica nazionale.

Il sostegno del Congresso alla dieta è stato l'ultimo chiodo nella bara, ha affermato Teicholz nel suo bestseller del New York Times, "The Big Fat Surprise".

Gli obiettivi dietetici del 1977 per gli Stati Uniti, scritti da un comitato ristretto del Senato, hanno seguito la guida dell'AHA per ridurre l'assunzione di grassi totali e saturi, inizializzando la nazionalizzazione della dieta a basso contenuto di grassi e colesterolo.

Subito dopo, nel 1980, il National Institutes of Health pubblicò la sua prima edizione di Dietary Guidelines for Americans . All'interno del documento, un'intera sezione era dedicata alla riduzione del colesterolo e dei grassi.

Questa sezione ha portato l'ipotesi e la dieta "fuori dal regno della scienza e nel mondo della politica e del governo", ha scritto Teicholz. La mossa ha permesso alla burocrazia di legittimare sia l'ipotesi che la dieta.

I poteri burocratici, tuttavia, sono antitetici al ragionamento scientifico, ha scritto Teicholz.

Il nucleo della scienza, "dove lo scetticismo, così essenziale per una buona scienza, può sopravvivere", implica sfidare ipotesi e conclusioni preconcette per avvicinarsi alla verità. Le burocrazie, tuttavia, non seguono necessariamente questo codice.

È il caso dell'AHA, la principale organizzazione di ricerca sulla salute cardiovascolare. L'AHA ha sconsigliato il consumo di grassi animali per quasi mezzo secolo. Ritirare una raccomandazione così fondamentale rappresenterebbe un problema per l'AHA, motivo per cui molti importanti ricercatori dedicano le loro vite e carriere alla ricerca di prove a sostegno del loro dogma, ha affermato Teicholz.

2. Incentivi Finanziari

Un considerevole impero finanziario che abbraccia l'industria alimentare e quella farmaceutica è stato costruito sull'ipotesi del cuore-dieta. Teicholz ha affermato che questo è un motivo significativo per cui molti ricercatori, organizzazioni sanitarie e l'industria resistono considerando che i grassi animali potrebbero non essere così dannosi.

Gli oli vegetali sono stati con l'AHA sin dall'ascesa alla ribalta dell'associazione. Fondata nel 1924 all'inizio dell'epidemia di malattia coronarica, l'AHA è rimasta per decenni un'organizzazione di ricerca marginale e sottofinanziata.

Poi, nel 1948, le cose cambiarono.

"Procter & Gamble (P&G) ha incaricato il gruppo di ricevere tutti i fondi dal suo concorso 'Truth or Consequences' alla radio", ha scritto Teicholz, citando la storia ufficiale dell'AHA. I fondi ammontavano a oltre $ 1,4 milioni, equivalenti a oltre $ 18 milioni oggi.

Secondo il libro di storia ufficiale dell'AHA, intitolato "Fighting for Life" di William W. Moore, direttore dell'AHA dal 1972 al 1980, i dirigenti di P&G hanno presentato l'assegno a un pranzo e "all'improvviso le casse si sono riempite e c'erano fondi disponibili per ricerca, progresso della salute pubblica e sviluppo di gruppi locali: tutta la materia di cui sono fatti i sogni!

È stato questo controllo a lanciare l'organizzazione.

P&G è stata la prima azienda a vendere olio di semi idrogenato come alimento. Il suo prodotto Crisco era inizialmente a base di olio di semi di cotone idrogenato.

Oggi, l'AHA ha assegnato oltre 120 "controlli cardiaci" AHA ​​ai prodotti a base di olio vegetale. Questi controlli sono visualizzati sulle etichette dei prodotti che certificano che l'AHA li ha approvati come salutari per il cuore. Mentre la maggior parte di questi oli sono di oliva, includono anche colza, soia e verdura.

Gli unici quattro controlli cardiaci da latte sono stati dati al latte di soia oa una marca di  latte scremato  con  un contenuto di zucchero superiore alla media  (18 grammi contro la media di 12).

L'opinione Di Big Pharma

Nel corso dei decenni, l'industria farmaceutica ha anche guadagnato miliardi di dollari vendendo farmaci che abbassano il colesterolo LDL, considerato il "colesterolo cattivo" e la causa principale delle malattie coronariche. Il grasso animale aumenta tutti i livelli di colesterolo, incluso LDL, mentre gli oli vegetali diminuiscono i livelli di colesterolo.

"Il più grande farmaco di successo di tutti i tempi sono i farmaci per abbassare il colesterolo LDL: le statine", ha detto Teicholz. "I grassi saturi devono rimanere l'uomo nero perché i grassi saturi tendono ad aumentare il colesterolo LDL, quindi questo è sempre stato parte del presupposto del motivo per cui i grassi saturi sono cattivi".

I finanziamenti delle aziende farmaceutiche, tra cui Pfizer, Merck e AstraZeneca, hanno rappresentato il 3,8% delle entrate totali dell'AHA nel 2021-22, per un totale di quasi 34 milioni di dollari (pdf ) .

Pfizer, Merck e AstraZeneca sono tutti i principali attori nel settore delle statine .

I finanziamenti delle società non farmaceutiche costituivano quasi il 18% dei finanziamenti dell'AHA nello stesso anno, per un totale di oltre 157 milioni di dollari. Sebbene l'AHA fornisca i nomi di tutti i suoi benefattori farmaceutici, l'organizzazione ha rifiutato di fornire i nomi delle altre società e i valori delle donazioni.

Mentre le statine forniscono benefici marginali per le persone ad alto rischio di eventi cardiaci coronarici, alcuni medici sostengono che i loro benefici non derivano dall'abbassamento del colesterolo LDL ma sono probabilmente dovuti ad altre funzioni poiché alcuni farmaci riducono il colesterolo LDL ma non mostrano benefici clinici simili.

Molti studi hanno dimostrato che avere un alto livello di trigliceridi nel sangue con un basso colesterolo HDL piuttosto che un alto colesterolo LDL è un indicatore molto migliore del rischio di malattia coronarica.

Teicholz ha affermato che se l'attenzione si sposta dal colesterolo LDL e dai grassi saturi, l'intero modello farmaceutico sui farmaci che abbassano l'LDL inizia a sgretolarsi, come il crollo di una torre Jenga.

3. L'ego E Le Nozioni Consolidate Sono Difficili Da Sfidare

Da oltre mezzo secolo, la convinzione che i grassi saturi facciano male al cuore è diventata un dogma tra medici e nutrizionisti. Pertanto, gli argomenti che contraddicono l'ipotesi della dieta-cuore di Keys incontrano estrema resistenza.

Ricercatori e giornalisti che contestano pubblicamente questo dogma sono stati oggetto di attacchi e contraccolpi.

"Sono stato definito un 'wingnut che vive nel seminterrato di mia madre' da uno scienziato di Yale", ha detto Teicholz a The Epoch Times durante una videochiamata.

Questa risposta non è nuova. Fin dall'inizio dell'ipotesi, alcuni ricercatori il cui lavoro ha sfidato Keys hanno perso la carriera accademica. Ad esempio, il defunto dottor George Mann della Vanderbilt University, un professore e biochimico che ha sfidato l'ipotesi del cuore-dieta, ha detto a Teicholz che il suo percorso di ricerca gli è costato il finanziamento del NIH e l'ingresso a riviste affidabili per la pubblicazione.

Lo stesso Keys ha apertamente respinto e criticato coloro che adducevano altre cause di malattie cardiache. Sebbene si possano interpretare le azioni di Keys come quelle di un ricercatore colpevole che cerca di nascondere il suo inganno, Teicholz ha affermato di non aver trovato prove di ciò.

"Penso che Ancel Keys, l'autore dell'ipotesi Diet-Heart, credesse sinceramente che i grassi saturi nel cibo fossero la causa probabile... Non ho prove per suggerire il contrario", ha detto.

Il defunto professor John Yudkin, fisiologo e nutrizionista presso il Queen Elizabeth College nel Regno Unito, ha affermato che lo zucchero può portare a malattie cardiache. La sua ipotesi è stata ridicolizzata ed emarginata. Keys ha definito l'ipotesi di Yudkin "una montagna di sciocchezze" ( pdf ), anche se, decenni dopo,  la ricerca ha indicato che l'idea di Yudkin potrebbe essere sulla buona strada.

Mann è stato anche direttore associato del Framingham Heart Study dal 1948 al 1955. Iniziato nel 1948, l'ampio studio in corso indaga sull'epidemiologia e sui fattori di rischio per le malattie cardiovascolari.

Durante il periodo in cui Mann era direttore associato dello studio osservazionale, i ricercatori hanno scoperto che invece di ridurre il rischio di malattia coronarica, bassi livelli di colesterolo erano inaspettatamente associati a un aumento della mortalità coronarica e totale. Lo studio ha anche osservato "nessuna relazione" tra la malattia coronarica e la dieta dei partecipanti intervistati.

Nel 1972, Mann è stato coautore di uno studio sul popolo Maasai africano che consumava una dieta ricca di carne, latte e sangue animale ma aveva un basso livello di colesterolo nel sangue e poche o nessuna malattia cardiaca. Tuttavia, Mann ha ipotizzato che l'esercizio fisico potesse proteggere queste persone dalle malattie cardiache.

Nel suo commento del 1977  "Diet-Heart: End of an Era", Mann si è lamentato della meticolosa affermazione dell'ipotesi di Keys come dogma nonostante la mancanza di prove.

Keys ha respinto l'articolo di Mann in una lettera pubblicata nel 1978 , accusando Mann di "deliberatamente" distorcere i dati e concludendo che "Mann mescola spesso calunnie con false dichiarazioni e citazioni errate in questa e in altre pubblicazioni".

La guerra per la nutrizione è come una "versione della scienza da autoscontro", ha detto Teicholz.

Vedi di più qui theepochtimes

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Link e materiale non pertinente sarà eliminato.

Nuova Vecchia