Donne nell'antica società dei nativi americani e terzo sesso

Gli scavi di antiche case e lo studio delle impronte digitali nel Nuovo Messico rivelano che uomini e donne erano ugualmente coinvolti nella produzione di ceramiche domestiche.
Gli scavi di antiche case e lo studio delle impronte digitali nel Nuovo Messico rivelano che uomini e donne erano ugualmente coinvolti nella produzione di ceramiche domestiche.
Le impronte digitali sono molto importanti nelle indagini criminali, ma sembra che siano sempre più importanti quando si tratta di studi archeologici. Studiando le impronte digitali di 1000 anni, gli esperti americani sono stati in grado di ribaltare la visione accettata di quello che era il ruolo di una donna in una società di nativi americani. Questa ricerca fornisce nuovi spunti alla cultura Chaco del New Mexico e dimostra come è sopravvissuta in un ambiente ostile.

Impressioni durature della cultura Chaco

La cultura Chaco fiorì nelle valli del nord del New Mexico tra l'800 e il 1300 d.C. Sono stati i primi a costruire utilizzando edifici pueblo e complessi costruiti, con un massimo di 650 stanze. Il popolo Chaco è stato in grado di utilizzare le tecniche di irrigazione per sopravvivere in un deserto in cui le persone moderne non vivono. La cultura è crollata a causa di una grande siccità nel 13 ° secolo, ma sono visti come gli antenati del popolo moderno Puebloan del sud-ovest degli Stati Uniti.

Nell'XI secolo, gli Ancestral Puebloans costruirono enormi strutture nella valle del Chaco, ritenuta il luogo di pellegrinaggio religioso.
Nell'XI secolo, gli Ancestral Puebloans costruirono enormi strutture nella valle del Chaco, ritenuta il luogo di pellegrinaggio religioso.
Poiché erano persone pre-alfabetizzate, sappiamo poco del Chaco e dipendiamo dai loro resti materiali per comprenderli. Una cosa che è evidente è che questi nativi americani erano esperti ceramisti. Secondo il National Geographic, "hanno prodotto un tipo di ceramica chiamata 'materiale ondulato' fatto avvolgendo spesse corde di argilla l'una sull'altra per formare grandi vasi." Sono stati trovati un gran numero di frammenti di ceramica Chaco e molti hanno impronte digitali.

Studio delle impronte digitali dalla scienza forense

Una squadra dell'Università del Nord della Florida guidata dal Dr. John Kanter ha iniziato a esaminare 938 frammenti da un sito e le loro scoperte sono state pubblicate dagli Atti della National Academy of Sciences degli Stati Uniti d'America. Uno dei membri del team, David McKinney, un ex membro delle forze dell'ordine, ha suggerito di utilizzare le tecniche di polizia per valutare le impronte lasciate dai ceramisti Chaco sui loro articoli. I ricercatori hanno cercato di determinare il genere di un vasaio misurando le impronte lasciate dalle dita sull'argilla bagnata. La maggior parte delle ceramiche investigate secondo le notizie della ABC sono "pentole pizzicate usate per la preparazione e l'immagazzinamento del cibo".

L'ampiezza dei segni delle impronte lasciate sulle ceramiche dell'XI secolo è stata utilizzata dai ricercatori per determinare il probabile sesso del vasaio.
L'ampiezza dei segni delle impronte lasciate sulle ceramiche dell'XI secolo è stata utilizzata dai ricercatori per determinare il probabile sesso del vasaio.
La squadra ha supposto che avrebbero trovato che tutte le impronte digitali sarebbero state femminili. Questo era basato su resoconti coloniali dei discendenti della cultura Chaco, dal 17 ° secolo. Infatti, oggi le donne nella cultura di Puebloan fabbricano ceramiche, e questa attività è considerata un lavoro femminile.

Non lavoro da donne

Secondo le notizie dell'ABC, i ricercatori hanno misurato "la larghezza di creste e solchi di ciascuna impronta digitale per determinare se la ceramica è stata realizzata da un maschio o una femmina". I maschi hanno creste più grandi e più alte, e questo ha permesso ai ricercatori di identificare il genere di quelli che hanno fatto la stampa Lo studio ha rilevato che le tecniche di applicazione della legge indicavano che poco meno del 50% delle impronte digitali erano di sesso maschile, circa il 40% erano di sesso femminile o minorile e non era possibile determinare circa il 12%. Il National Geographic riporta che "il 66% dei frammenti più vecchi riportava impronte digitali" maschili ", mentre i pezzi più recenti erano quasi equamente divisi tra impronte digitali maschili e femminili."

Vaso dell'XI secolo realizzato da un vasaio di Puebloan ancestrale.
È stato sensazionale in quanto contrario a ciò che i ricercatori si aspettavano di trovare. Hanno scoperto che sia i maschi che le femmine hanno partecipato alla produzione della ceramica e ad un certo punto più uomini che donne erano attivi nella produzione di articoli in argilla. Il PNAS riporta la scoperta, "suggerisce che i contributi di ciascun sesso variavano nel tempo e persino tra i diversi gruppi sociali nella stessa comunità".

Nuove conoscenze sui nativi americani

Questo ha importanti implicazioni per la nostra comprensione della gente ancestrale dei Puebloan. Sembra che in passato la fabbricazione della ceramica non fosse solo la provincia delle donne. Ciò significa che entrambi i sessi hanno lavorato insieme e questo potrebbe significare che le donne avevano uno status relativamente alto nella cultura Chaco. Può anche mostrare che la specializzazione del lavoro non ha portato a una divisione del lavoro basata sul genere, come comunemente ipotizzato dagli storici.


Ci sono alcuni avvertimenti quando si tratta dei risultati basati sullo studio delle impronte digitali. Alcuni hanno sostenuto che le tecniche forensi potrebbero non essere appropriate per gli studi archeologici. Molti credono che la metodologia sia errata perché le differenze nelle impronte digitali potrebbero non essere dovute al genere del vasaio, ma semplicemente riflettere la quantità di pressione applicata e altri fattori.

Un terzo sesso?

Si pensa anche che il genere nella società Chaco non sia stato costruito allo stesso modo delle moderne società occidentali. Sembra che abbiano avuto un "terzo sesso", cioè un genere che non era né maschile né femminile. Spesso erano considerati dotati di capacità e doni spirituali e un posto privilegiato all'interno del gruppo. C'erano molti altri gruppi di nativi americani che avevano una categoria di persone intersessuate o androgine.

Le scoperte sul sesso dei vasai potrebbero non aiutarci davvero a capire la divisione del lavoro nella società Chaco e nella sua evoluzione. Questo perché molte delle impronte digitali maschili potrebbero appartenere a un membro del "Terzo sesso" secondo ABC News. Ciò potrebbe significare che l'interpretazione dei risultati da parte dei ricercatori riguardo a ciò che costituiva il lavoro di uomini e donne potrebbe essere distorta dalla struttura di genere della società Chaco.

Il dott. Kantner nel campo - Lo studio delle antiche impronte digitali "aiuta a spiegare perché queste persone sono state in grado di vivere realmente in luoghi in cui nessuno può vivere oggi".
Lo studio delle impronte digitali fornisce nuove informazioni sul Chaco. Ci sta mostrando il possibile status delle donne e la natura della divisione del lavoro in quella società. Le prove biometriche delle impronte digitali possono indicare perché i Chaco hanno avuto così tanto successo. Uomini e donne hanno lavorato insieme e questo ha aiutato le loro comunità a prosperare in un ambiente spesso brutale. I risultati della ricerca sono stati pubblicati negli Atti della National Academy of Science.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia