Maat: antica dea egizia di verità, giustizia e moralità

Dea egiziana Maat
Dea egiziana Maat
Maat, anche conosciuta come Ma'at o Mayet, era una dea femminile nell'antica religione egiziana che rappresentava la verità, la giustizia, l'equilibrio e la moralità.

Figlia della divinità del sole egiziano Ra e moglie del dio della luna Thoth, servì una specie di spirito di giustizia agli egiziani. Decise se una persona avrebbe raggiunto con successo l'aldilà, pesando la loro anima contro la sua piuma di verità, ed era la personificazione dell'ordine cosmico e una rappresentazione della stabilità dell'universo. I primi scritti in cui è menzionata risalgono all'antico regno d'Egitto più di 2.300 anni fa.

Mantenimento dell'Ordine del Cielo e della Terra

La cultura egiziana era centrata sull'ordine, ogni cosa aveva il suo posto nel mondo. Questo includeva religione, società e cambiamenti stagionali. Le dee Ma'at sono venute a rappresentare il concetto di equilibrio e ordine perché molti egiziani avevano bisogno di spiegare il mondo che li circondava. Era quella che manteneva in movimento le stelle, le stagioni che cambiano e il mantenimento dell'ordine di Cielo e Terra.

La forza opposta di questo era conosciuta in termini antichi come "isfet" o caos. Gli antichi egizi consideravano caotico il deserto oltre il Nilo; mentre l'area vicina al Nilo era considerata ordinata. Insieme, queste due forze hanno portato equilibrio nel mondo in cui vivevano ed era una parte importante della vita quotidiana egiziana.
Antico dipinto del dio egizio Ra e Maat con una piuma di struzzo nel suo copricapo
Antico dipinto del dio egizio Ra e Maat con una piuma di struzzo nel suo copricapo

Rappresentazioni di Ma'at

Ma'at è solitamente raffigurata nella forma di una donna seduta o in piedi con le ali spiegate attaccate ad entrambe le sue braccia. In altri casi viene vista tenendo uno scettro in una mano e un ankh (il simbolo della vita) nell'altra.

La sua statua era una piattaforma di pietra raffigurante una base stabile su cui era stato costruito l'ordine. Un simbolo comune associato a lei è una piuma di struzzo, che viene quasi sempre mostrata mentre indossa nei suoi capelli. Spesso, la piuma di Ma'at era una caratteristica distintiva del suo copricapo.

Meno frequentemente, le immagini della dea l'hanno mostrata senza una testa, sostituita invece dalla piuma. In altre immagini, la sola piuma comunicava la sua presenza. Questa piuma è arrivata a simboleggiare il suo essere, così come la rappresentazione dell'equilibrio e dell'ordine, è diventato un geroglifico per "verità".
Rilievo murale di Maat nella parte orientale del piano superiore di Edfu, in Egitto. La piuma di struzzo può essere vista in cima alla sua testa.
Rilievo murale di Maat nella parte orientale del piano superiore di Edfu, in Egitto. La piuma di struzzo può essere vista in cima alla sua testa.

Maat come un righello di giustizia

Ma'at era associato alla legge nell'antico Egitto. Dalla V dinastia (2510-2370 aC circa) in poi, il visir responsabile della giustizia fu chiamato il prete di Maat e in periodi successivi, i giudici indossarono le sue immagini.

Lo "Spirit of Maat" è stato incarnato dal giudice capo responsabile dei tribunali egiziani. Aveva un duplice ruolo, prestandosi sia come sacerdote che lavorando direttamente nei tribunali e nel sistema giudiziario. Il "Sacerdote di Ma'at" iniziò le udienze mentre indossava la piuma di Ma'at e tutti gli altri funzionari di corte indossavano piccole immagini dorate della dea come un segno della loro autorità giudiziaria, anche come simbolo del fatto che il loro giudizio sarebbe stato equilibrato e giusto.

I sacerdoti disegnavano la piuma di Ma'at sulla loro lingua con una tintura verde, così che le parole che pronunciavano erano verità. Il sacerdote avrebbe governato la punizione terrena secondo la natura della legge che era stata infranta.

Le punizioni includevano sanzioni pecuniarie, punizioni corporali e, in casi estremi, la pena capitale. Era considerato un crimine contro Ma'at se una persona era coinvolta in gelosia, disonestà, ingordigia, pigrizia, ingiustizia e ingratitudine.

Si riteneva che il colpevole egiziano avesse violato lo Spirito di Ma'at e avrebbe affrontato un ulteriore giudizio negli Inferi durante la cerimonia di giustificazione nella Sala delle Due Verità. Lo "Spirit of Ma'at", dettagliato nella letteratura della saggezza, conteneva una guida pratica con esempi e alcune regole applicate in casi di legge precedenti. Questi tipi di testi didattici sono stati descritti come "La letteratura di Ma'at".
Estratto dal "Libro dei morti", scritto su papiro e che mostra il "Pesare il cuore" usando la penna di Maat come misura per il contro-equilibrio. Creato da un artista sconosciuto C.1300 aC
Estratto dal "Libro dei morti", scritto su papiro e che mostra il "Pesare il cuore" usando la penna di Maat come misura per il contro-equilibrio. Creato da un artista sconosciuto C.1300 aC

Giudizio dei morti

Il Libro dei Morti è una raccolta di testi funerari e incantesimi dell'antico Egitto progettati per assistere il viaggio di una persona attraverso gli inferi, nell'aldilà. Senza questi incantesimi, si credeva che una persona non potesse procedere. Nel libro è un incantesimo chiamato "Quarantadue dichiarazioni di purezza" o "Confessioni negative". Questo incantesimo è composto da confessioni che il proprietario della tomba riteneva avesse commesso per tutta la sua vita. Si credeva che tutti i crimini commessi contro Ma'at dovessero essere trascritti in quanto potevano essere facilmente perdonati.

Nella Hall of Ma'at è stato eseguito il giudizio dei morti in cui Ma'at ha svolto un ruolo importante. La cerimonia, chiamata "Giudizio di Osiride", è stata intitolata a Osiride, il dio dei morti.

Quando i morti furono giudicati, fu la piuma di Ma'at che i loro cuori furono soppesati. Se una scala equilibrata è stata colpita, il defunto è stato ritenuto degno di incontrare Osiride in Paradiso. L'assenza di peso dei loro cuori indicava che le loro anime non erano gravate dal peccato e dal male. Se il cuore del defunto fosse più pesante della piuma di Ma'at, sarebbe divorato da Ammit, il mostro divoratore di anime raffigurato con la testa di un coccodrillo, i quarti anteriori di un leone e il posteriore di un ippopotamo . Altre divinità del tribunale che facevano parte del tribunale che sovrintendeva al peso del cuore erano anche raffigurate con una piuma ma le scale rappresentavano sempre Ma at.

Dea egiziana Maat
Dea egiziana Maat
Gli antichi egizi adoravano molti dei, uno era certamente Ma'at, anche se gli archeologi egiziani ora credono che lei fosse forse più un concetto o un ideale.

È ragionevole supporre che i suoi principi aiutassero il popolo egiziano a essere individui migliori e che potesse essere paragonata alla coscienza di una persona.

C'era un piccolo tempio dedicato a Maat da Hatshepsut, il quinto faraone della diciottesima dinastia d'Egitto, il primo faraone egiziano, nel complesso del tempio di Karnak a Luxor in Egitto. In gran parte in rovina, conserva ancora iscrizioni di alcuni dei visir di Ramesse III e XI. Un precedente tempio di Ma'at esisteva in questa zona, indicato da rilievi e stele appartenenti al regno di Amenhotep III. Il tempio è all'interno del Distretto di Montu, il più piccolo dei tre recinti di Ipet-Isut.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia