Mowgli: la sua vera storia


Ricordiamo tutti Mowgli, no? Abbiamo avuto la sua menzione per la prima volta nell'anno 1894 (ovviamente non siamo nati allora) nel "The Jungle Book" di Rudyard Kipling. Mentre la storia unica di questo ragazzo attirò la nostra attenzione fin dall'inizio, la serie animata e il film fatto nel suo racconto ha fatto Mowgli profondamente radicato nel più affettuoso dei nostri ricordi. Dal 1894 a quest'anno, di tanto in tanto, sono stati lanciati un paio di film basati sull'avventura di Mowgli, l'ultimo è "Mowgli - Legend of the Jungle". Tutti conosciamo la storia di Mowgli (che sembra completamente una finzione); tuttavia, Mowgli non è completamente un personaggio immaginario - Rudyard Kipling si è ispirato al ragazzo della giungla della vita reale, Dina Sanichar.

La storia di Mowgli

Mentre diverse serie e film hanno apportato alcune variazioni nelle loro storie, la trama di base è la vita di un ragazzo Mowgli (Baker) dal tempo in cui visse con gli umani come un bambino al tempo in cui era allevato da animali selvatici. Si adatta al loro stile di vita e combatte con Shere Khan (Tiger) per salvare gli altri animali nella sua giungla.


Il vero Mowgli

La vera vita Mowgli fu trovata molto tempo fa nell'anno 1872. Un gruppo di cacciatori fu fermato nelle loro tracce rimanendo sbalordito da ciò che stavano vedendo. Un branco di lupi che correva attraverso la foresta e una figura umana li stava seguendo non solo sulle sue due gambe ma anche sulle sue due mani. La curiosità dei cacciatori raggiunse il picco e decisero di mettere le mani sul ragazzo. Quindi, hanno piantato un fuoco all'apertura della caverna in cui i lupi erano scomparsi. I lupi sono riapparsi a causa del fumo. I cacciatori uccisero i lupi e scoprirono che era un bambino selvaggio. Lo catturarono e lo portarono all'orfanotrofio dove era stato battezzato e gli diedero il nome, Sanichar.


Caratteristiche di Dina

A parte il corpo umano, non aveva tratti di un essere umano. Ovviamente, era incivile! Era molto disordinato, mangiava disgustoso delle cose. Era solito fare rumori animali, non gli piaceva indossare vestiti, affilare i denti rosicchiando le ossa, ed era insensibile al caldo e al freddo.

Rimanendo nella prigionia della vita della foresta, Dina iniziò a lottare nella sua nuova vita. Non ha mai provato a imparare a parlare il linguaggio umano e ha sempre preferito comunicare facendo rumori animali. C'erano insegnanti professionisti al lavoro, che cercavano di insegnargli a leggere e scrivere, ma senza risultato. Inizialmente, ha rifiutato di mangiare il cibo cotto e consumato solo la carne cruda. Non era in grado di trovare alcun attaccamento agli esseri umani. Tuttavia, sviluppò un attaccamento con un altro bambino selvaggio che era stato portato all'orfanotrofio. I due si sono presi cura gli uni degli altri e si sono aiutati a vicenda nel far fronte alle loro nuove vite. A Dina piaceva passare il tempo tra gli animali.


Sanichar ha trascorso due decenni tra gli umani e non ha mai potuto imparare a vestirsi in modo appropriato. Ha sempre trovato difficoltà a indossare i pantaloni. Aveva imparato a camminare eretto, ma rimaneva sempre più a suo agio nel muovere a quattro zampe. Dina ha sempre sentito il suo cibo prima di mangiarlo. Pertanto, non ha abbracciato gran parte delle qualità umane civilizzate se non tenendo traccia della sua tazza e del suo piatto. Ha anche adottato il fumo e è diventato un fumatore accanito. Nell'anno 1895, Dina morì di tubercolosi.

Dina non era sola
Lo scrittore britannico Rudyard Kipling, vissuto per molti anni in India, scrisse "Il libro della giungla", subito dopo la scoperta di Sanichar. Quindi, è una convinzione che Sanichar fosse l'ispirazione di Kipling.

C'erano, tuttavia, molti casi simili di bambini selvatici emersi in India. Tutti questi non potrebbero mai integrarsi completamente con la società. Essendo stati scoperti dagli umani, non vivevano nemmeno per molti anni. Per il tempo che trascorsero tra gli umani, esistevano infelicemente nella loro nuova vita e, quindi, non sarebbe sbagliato affermare di aver evitato perfino di provare a imparare le principali attività umane.

La storia di Dina Sanichar, "il vero Mowgli", ha rivelato che anche se siamo in grado di portare il ragazzo fuori dai boschi, non possiamo togliere il bosco al ragazzo.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia