Scoperte le più antiche pergamene buddiste

La testa di una statua di Buddha
La testa di una statua di Buddha
I più antichi rotoli buddisti mai scoperti furono fatti sulla corteccia di betulla e trascorsero due millenni piegati in vasi d'argilla, in una grotta, situata lungo il confine settentrionale dell'Afghanistan e del Pakistan, e ora stanno portando un gruppo di ricercatori "vicini, molto vicini" a le parole di Buddha.

Nel 1994, circa 200 rotoli furono scoperti in vasi di terracotta in una grotta dell'Afganistan e del Pakistan, nell'antico regno di Gandhara, lasciato indietro da una cultura che fiorì tra il 100 aC e il 200 d.C.

"Gandhara era un vivace crocevia di culture indiane, iraniane e dell'Asia centrale", scrive The British Library. "Al culmine della sua influenza, dal 100 aC al 200 dC, era forse il centro più importante del mondo del buddismo ed era quasi certamente la porta attraverso la quale il buddismo veniva trasmesso dall'India alla Cina e altrove, per diventare uno dei grandi religioni. "

Il team di scienziati è guidato dal dott. Mark Allon dell'Università di Sydney, che secondo un articolo su ABC News "sta digitalizzando alcuni dei manoscritti di 2.000 anni, che sono stati spiegati solo di recente". Attraverso queste squadre lavorano il pubblico avrà presto accesso online agli scritti per aiutarli a comprendere gli antichi insegnamenti.

Frammenti di corteccia di betulla scritti dall'antico Gandhara.
Frammenti di corteccia di betulla scritti dall'antico Gandhara.
Il dottor Allon è una delle 20 persone al mondo in grado di leggere l'antica lingua e ha detto ai giornalisti che i rotoli stanno portando i ricercatori "Via, via del ritorno ... Più vicino al Buddha".

I rotoli sono arrotolati in un modo che gli scienziati dicono "li differenzia da altri artefatti nella zona". Sono simili ai sigari ed eccezionalmente fragili. Così fragile, infatti, che se qualcuno avesse soffiato su di loro, si sarebbe sbriciolato in polvere, e il dott. Allon ha spiegato che prima di essere spiegati sono "esposti all'umidità per diversi giorni" prima che gli strati vengano lentamente messi a tacere.

I rotoli di corteccia di betulla eccezionalmente fragili studiati dal dott. Mark Allon
I rotoli di corteccia di betulla eccezionalmente fragili studiati dal dott. Mark Allon

Interpretazione di antiche comunicazioni buddiste

Nel 1994, la British Library ha acquisito le pergamene e nel 1996 il Early Buddhist Manuscripts Project è stato fondato presso l'Università di Washington, in particolare secondo il loro sito web "Promuovere lo studio, l'edizione e la pubblicazione di ventisette rotoli di corteccia di betulla unici, scritti nel copione Kharoṣṭhī e nella lingua Gāndhārī. "

Nei suoi anni più giovani, il dott. Allon ha imparato "il sanscrito, il tibetano, alcuni cinesi e pali, la lingua liturgica del canone buddhista theravada, praticato nel sud-est asiatico" e ha detto ai giornalisti che i rotoli "contengono preghiere, storie delle vite passate del Buddha, regole di addestramento monastico e discorsi filosofici ".

Nel rispondere alla domanda importante "chi ha fatto le pergamene", il dott. Allon crede che siano state "monache e monaci fedeli" a registrare la dottrina buddhista. E il motivo per cui la squadra afferma di essere "vicino, molto vicino" alle parole del Buddha ha una vera sostanza, perché secondo la British Library, "Ci sono prove che suggeriscono che questi testi possano appartenere alla scuola Dharmaguptaka, uno dei le diciotto o venti prime scuole buddiste hanno detto di aver avuto origine dai Mahīśāsakas. "

Frammento di scritti su corteccia di betulla dell'antica Gandhara.
Frammento di scritti su corteccia di betulla dell'antica Gandhara.

Un patrimonio rintracciabile, nobile e antico

L'Enciclopedia di religione e società del 1998 di William H. Swatos informa: "Il Mahīśāsaka è una delle prime scuole buddhiste che si pensa risalga alla leggendaria disputa nel secondo concilio buddista e si ritiene che la setta Dharmaguptaka si sia ramificata dal Mahīśāsaka setta all'inizio del I secolo aC ".

Secondo le tradizioni, il secondo Concilio ha prodotto "il primo scisma" nell'assemblea di Sthavira nikāya e dei Mahāsāṃghikas, sebbene sia ferocemente dibattuto su quale sia stata la causa di questa divisione.



Quindi, nel documento del Dr. K. Sri Dhammanada, che cosa credono i buddhisti, apprendiamo che il "secondo consiglio buddista" è avvenuto all'incirca "cento anni dopo il parinirvāṇa di Gautama Buddha", una parola che significa ("nirvana dopo la morte"). Questo concetto si verifica dopo la morte del corpo fisico di qualcuno che aveva raggiunto il nirvana durante la loro vita.

Con un patrimonio spirituale così tracciabile, nobile e antico, i rotoli sono infatti come afferma il dott. Allon - "vicino, molto vicino alle parole di Buddha".

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia