Axeman di New Orleans - Il mistero del Killer con Ascia

Axeman di New Orleans - Il mistero del Killer con Ascia


Per più di un anno, dal maggio 1918 all'ottobre 1919, la città di New Orleans, Louisiana, fu in preda al panico per un serial killer vagante soprannominato "Axeman". Il primo a soccombere alla lama affilata dell'Axeman fu un droghiere italiano di nome Joseph Maggio e sua moglie, Catherine, il 23 maggio 1918. Mentre dormivano nel loro appartamento sopra la drogheria Maggio, l'assassino tagliò le gole della coppia con un rasoio dritto prima di colpire le loro teste con un'ascia. Quando le forze dell'ordine cominciarono ad indagare trovarono i vestiti insanguinati dell'assassino, dato che ovviamente si era cambiato in un set di vestiti puliti prima di fuggire dalla scena. La polizia ha escluso la rapina come motivazione per gli attacchi, dato che il denaro e gli oggetti di valore lasciati in bella vista non sono stati rubati dall'intruso. Vicino alla casa della coppia, un messaggio scritto in gesso recitava: "La signora Joseph Maggio si siederà stanotte. Scrivi solo Mrs. Toney". Gli investigatori hanno immediatamente interrogato diverse persone, ma tutte sono state rilasciate per mancanza di prove.


Poco più di un mese dopo, un'altra coppia fu attaccata nelle prime ore del mattino del 27 giugno 1918. Louis Besumer, un droghiere, e la sua amante, Harriet Lowe, vivevano in un alloggio sul retro del negozio. Quando nessuno aprì il negozio la mattina, furono scoperti distesi in una pozza di sangue. Besumer era stato colpito con un'ascia sopra la tempia destra e Lowe era stato colpito sopra l'orecchio sinistro. Anche se gravemente feriti, entrambi erano ancora vivi. Ancora una volta le persone furono interrogate e un uomo arrestato, ma furono poi rilasciati. Anche se il crimine fece notizia sui giornali, più importante per alcuni fu lo "scandalo" dell'amante. Dopo l'attacco, un lato del viso della Lowe rimase parzialmente paralizzato e il 5 agosto fu operata nel tentativo di correggerlo. Due giorni dopo morì, ma prima di morire disse alle autorità che sospettava che fosse stato Louis Besumer ad aggredirla. Besumer fu quindi accusato di omicidio e scontò nove mesi di prigione prima di essere assolto il 1º maggio 1919, dopo dieci minuti di deliberazione della giuria


Axeman di New Orleans - Il mistero del Killer con Ascia


Il 5 agosto una terza aggressione simile fu fatta alla signora Edward Schneider che era incinta di 8 mesi. Mentre la 28enne giaceva a letto, si svegliò e vide una figura scura in piedi sopra di lei, e fu colpita ripetutamente in faccia. Poco dopo mezzanotte, è stata scoperta dal marito che stava tornando dal lavoro. Il suo scalpo era stato aperto e il suo viso era completamente coperto di sangue, ma è sopravvissuta all'attacco per dare alla luce una bambina sana due giorni dopo. Un uomo fu arrestato come sospetto, ma presto rilasciato per mancanza di prove. A questo punto, gli investigatori cominciarono a speculare pubblicamente che l'attacco fosse collegato ai precedenti incidenti che avevano coinvolto Besumer e Maggio.


Solo cinque giorni dopo, un altro droghiere, un uomo di nome Joseph Ramano, fu attaccato il 10 agosto. L'anziano droghiere viveva con le sue due nipoti che si svegliarono al suono di un tumulto nella stanza adiacente dove risiedeva lo zio. Le ragazze entrarono nella stanza di Ramoano per scoprire che aveva preso un grave colpo alla testa e videro che l'aggressore stava fuggendo. Il droghiere, anche se gravemente ferito è stato in grado di camminare fino all'ambulanza una volta arrivata, ma è morto due giorni dopo a causa del grave trauma cranico. Le ragazze sono state in grado di fornire una breve descrizione dell'assassino - un uomo dalla pelle scura e dalla corporatura robusta, che indossava un abito scuro e un cappello da donna.

Axeman di New Orleans - Il mistero del Killer con Ascia


Altri indizi del crimine erano simili ai precedenti, come il fatto che le scene venivano spesso saccheggiate ma non veniva mai rubato nulla, che l'assassino usava le accette e le lame del proprietario, che i pannelli di porte o finestre venivano scalpellati per entrare, e che la maggior parte delle vittime erano italiane.


L'ennesimo di una serie di omicidi e aggressioni da parte dell'Axeman creò una paura dilagante in città. La polizia fu inondata da rapporti di cittadini che affermavano di aver visto un Axeman in agguato nei quartieri, scalpelli d'ascia trovati nei cortili, e porte e finestre che sembravano essere state manomesse. La gente cominciò a portare fucili da caccia carichi e i membri delle famiglie facevano a turno per sorvegliare le loro famiglie durante la notte. Un rapporto affermava che l'Axeman era mascherato da donna, un altro che era stato visto saltare oltre una recinzione posteriore.


La gente aveva paura, determinata a proteggersi, e rasentava il panico. Ma, forse il calore generato da quel terrore fu in qualche modo trasferito all'Axeman, poiché gli omicidi e le aggressioni cessarono, così rapidamente come erano iniziati.


Nel corso dei mesi, la paura diminuì e i quartieri tornarono alla normalità fino al 10 marzo 1919, quando l'Axeman colpì di nuovo. Charles Cortimiglia era un immigrato e un droghiere che viveva con la moglie Rosie e la figlia di due anni Mary nella città di Gretna, appena oltre il fiume Mississippi da New Orleans. Quando nelle prime ore del mattino si sentirono delle urla provenire dalla residenza dei Cortimiglia, il droghiere vicino, Lorlando Jordano, si precipitò dall'altra parte della strada per indagare. Lì scoprì che i tre erano stati aggrediti.

Axeman di New Orleans - Il mistero del Killer con Ascia


Rosie si era svegliata e aveva trovato suo marito che lottava con un uomo grosso che brandiva un'ascia. Quando il marito cadde a terra, l'aggressore si rivoltò contro di lei, mentre lei teneva la figlia e implorava per le loro vite. Imperterrito, l'assassino ha abbattuto l'ascia su madre e figlia.


Quando i vicini arrivarono, Charles giaceva in una pozza di sangue sul pavimento mentre Rosie stava in piedi sulla porta con una grave ferita alla testa, stringendo la figlia deceduta. La coppia è stata portata di corsa all'ospedale dove entrambe sono state trattate per fratture al cranio. Charles è stato dimesso due giorni dopo, mentre sua moglie è rimasta sotto le cure dei medici.


Una volta acquisita piena coscienza, Rosie ha dichiarato che l'attacco è stato fatto dal vicino droghiere Lorlando Jordano e da suo figlio diciottenne, Frank. Sebbene Lorlando, un uomo di 69 anni, fosse in condizioni di salute troppo precarie per aver commesso i crimini e Frank Jordano fosse troppo grande per essere passato attraverso il pannello della porta posteriore, la coppia fu arrestata. Anche se Charles Cortimiglia negò le affermazioni della moglie, i Jordano furono accusati degli omicidi e in seguito furono giudicati colpevoli. Frank fu condannato all'impiccagione e suo padre all'ergastolo. Dopo il processo, Charles divorziò dalla moglie. Circa un anno dopo, Rosie Cortimiglia ha rovesciato la sua dichiarazione, affermando che aveva falsamente accusato i due per gelosia e dispetto. Con la sua affermazione che era l'unica prova contro i Jordanos, e furono rilasciati dal carcere poco dopo.


In seguito agli omicidi di Cortimiglia, New Orleans fu nuovamente riempita di terrore e ancora una volta iniziò ad armarsi. La polizia dichiarò che credeva che tutti i crimini fossero stati commessi dallo stesso uomo... "un maniaco assetato di sangue, pieno di passione per il massacro umano".


Poi una nuova svolta quando il giornale Times-Picayune ricevette una lettera di scherno il 14 marzo 1919, che prometteva un altro attacco:

Inferno, 13 marzo 1919

Stimato mortale:

Non mi hanno mai catturato e mai lo faranno. Non mi hanno mai visto, perché sono invisibile, come l'etere che circonda la vostra terra. Non sono un essere umano, ma uno spirito e un demone dell'inferno più caldo. Sono quello che voi orleani e la vostra sciocca polizia chiamate l'Axeman.

Quando lo riterrò opportuno, verrò a reclamare altre vittime. Solo io so chi saranno. Non lascerò alcun indizio tranne la mia ascia insanguinata, imbrattata di sangue e di cervelli di colui che ho mandato di sotto a tenermi compagnia.

Se volete potete dire alla polizia di stare attenta a non farmi arrabbiare. Certo, sono uno spirito ragionevole. Non mi offendo per il modo in cui hanno condotto le loro indagini in passato. Anzi, sono stati così completamente stupidi da divertire non solo me, ma anche Sua Maestà Satanica, Francesco Giuseppe, ecc. Ma dite loro di stare attenti. Che non cerchino di scoprire cosa sono, perché era meglio che non fossero mai nati piuttosto che incorrere nell'ira dell'Axeman. Non credo che ci sia bisogno di un tale avvertimento, perché sono sicuro che la polizia mi eviterà sempre, come ha fatto in passato. Sono saggi e sanno come tenersi lontani da ogni male.

Senza dubbio voi orleani mi considerate un orribile assassino, e lo sono, ma potrei essere molto peggio se volessi. Se volessi, potrei fare visita alla vostra città ogni notte. A volontà, potrei uccidere migliaia dei vostri migliori cittadini, perché sono in stretta relazione con l'Angelo della Morte.

Ora, per essere precisi, alle 12:15 (ora terrestre) del prossimo martedì sera [19 marzo 1919], passerò sopra New Orleans. Nella mia infinita misericordia, vi farò una piccola proposta. Eccola qui:

Sono molto appassionato di musica jazz, e giuro su tutti i diavoli delle regioni inferiori che sarà risparmiata ogni persona nella cui casa una jazz band sia in piena attività all'ora che ho appena menzionato. Se tutti hanno una jazz band in funzione, beh, allora, tanto meglio per voi. Una cosa è certa ed è che alcune delle vostre persone che non suonano il jazz il martedì sera (se ce ne sono) verranno scartate.

Bene, siccome ho freddo e desidero il calore del mio Tartaro natale, ed è ora di lasciare la vostra casa terrena, cesserò il mio discorso. Sperando che tu lo pubblichi, affinché ti vada bene, sono stato, sono e sarò il peggiore spirito che sia mai esistito sia nei fatti che nel regno della fantasia.

L'uomo con l'ascia


Secondo la dichiarazione dell'assassino che nessuno che ascoltava jazz il 19 marzo avrebbe ricevuto la scure, la musica scorreva dalle case in gran parte della città, le sale da ballo erano piene di gente, e bande professionali e amatoriali suonavano jazz alle feste in centinaia di case della città, e nessuno fu ucciso.


Per diverse settimane tutto fu tranquillo, ma la gente viveva ancora nella paura. Il 10 agosto 1919, un altro droghiere di nome Steve Boca fu attaccato nella sua camera da letto mentre dormiva. Boca si svegliò durante la notte per trovare una figura scura che incombeva sul suo letto. Soffrendo per un colpo d'ascia, sopravvisse e dopo aver ripreso conoscenza, corse a casa del suo vicino, Frank Genusa, dove perse conoscenza e crollò. Fu poi curato per le sue ferite, ma non fu in grado di ricordare i dettagli dell'attacco. Come altri che erano stati assaliti dall'Axeman, nulla fu preso dalla sua casa e un pannello sulla porta posteriore della casa era stato scalpellato via.

Axeman di New Orleans - Il mistero del Killer con Ascia


Il 2 settembre, un farmacista locale di nome William Carson sfuggì al letale Axeman quando sparò diversi colpi ad un intruso che si era introdotto nella sua casa. L'assassino ha lasciato una porta rotta e un'ascia.


Il 3 settembre 1919, una giovane ragazza di nome Sarah Laumann fu attaccata con un'ascia mentre dormiva nella sua casa chiusa e sigillata. Quando i vicini vennero a controllare la giovane donna, che viveva da sola, la scoprirono che giaceva incosciente sul suo letto, con una grave ferita alla testa e senza diversi denti. Anche se ha sofferto di una commozione cerebrale, si è ripresa. Un'ascia insanguinata è stata scoperta sul prato dell'edificio


Ancora una volta, New Orleans era in uno stato di isteria. Ma non si seppe più nulla dell'Axeman per quasi due mesi. L'ultimo attacco avvenne il 27 ottobre 1919, quando il droghiere Mike Pepitone fu ucciso. Quella notte sua moglie sentì un rumore e arrivò alla porta della camera da letto proprio mentre un grosso uomo con un'ascia stava fuggendo dalla scena. Pepitone era stato colpito alla testa ed era coperto del suo stesso sangue. Il suo omicidio ha lasciato la moglie e sei figli. La signora Pepitone, madre di sei figli, non è stata in grado di descrivere nessuna caratteristica dell'assassino. I soliti indizi erano stati lasciati.


Le autorità hanno continuato a lavorare sul caso, ma sarebbe stato inutile. L'omicidio di Pepitone fu l'ultimo noto del Killer con l'ascia. Non fu mai più visto o sentito a New Orleans.


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia