3 sottomarini nucleari russi tra il ghiaccio artico

 

3 sottomarini nucleari russi tra il ghiaccio artico

Tre sottomarini della marina russa si sono fatti strada attraverso diversi metri di ghiaccio marino nell'Artico per emergere simultaneamente a poche centinaia di metri l'uno dall'altro - una delle prime volte che la difficile manovra navale è stata realizzata.


Un video rilasciato dal Ministero della Difesa russo mostra le torri di comando dei tre sottomarini che sfondano un continuo strato di ghiaccio galleggiante vicino all'arcipelago di Franz Josef Land, nell'Oceano Artico a nord del Mare di Barents.


I sottomarini stanno prendendo parte a Umka-2021 (che significa "orso polare" nella lingua siberiana Chukchi) - una spedizione nella regione che coinvolge 600 militari e personale civile, tra cui il personale della Società Geografica Russa, un'organizzazione non governativa fondata nel XIX secolo.


I tre sottomarini hanno sfondato il ghiaccio spesso 1,5 metri per emergere entro 300 m l'uno dall'altro allo stesso tempo, "per la prima volta nella storia della Marina", ha detto l'ammiraglio Nikolay Yevmenov al presidente russo Vladimir Putin in una chiamata video televisiva (in fondo all'articolo trovate il video seguito dalla traduzione). 


Le condizioni nella regione erano tra meno 25 e meno 30 gradi Celsius, con raffiche di vento fino a 110 km/h, ha riferito l'ammiraglio.

3 sottomarini nucleari russi tra il ghiaccio artico


Sommergibili di superficie

Far emergere un sottomarino attraverso il ghiaccio marino spesso non è un'impresa facile. Secondo un articolo del 2018 di Popular Mechanics sui sottomarini americani nell'Artico, irrompere attraverso il ghiaccio richiede un'attenta preparazione.


I sottomarini missilistici a propulsione nucleare di solito cercano di rimanere nascosti sotto il ghiaccio artico perché li rende effettivamente invisibili ai nemici. Ma quando devono venire in superficie, il comandante di un sottomarino cercherà prima di trovare delle chiazze di acqua aperta nelle vicinanze - come un "piombo" o una "polynya" - dove possono emergere senza incontrare alcun ghiaccio galleggiante.


Quando questo fallisce, è necessaria un'attenta manovra in modo che il sottomarino possa sfondare fino a 2,5 m di ghiaccio marino. 


Il primo compito è quello di sollevare lentamente il sottomarino fino a quando la sua torre superiore entra in contatto con il fondo dello strato di ghiaccio galleggiante. L'aria compressa viene poi usata per spingere l'acqua di mare fuori dai serbatoi di zavorra del sottomarino, creando una forza verso l'alto, fino a quando questa forza spacca il ghiaccio.


Far sì che tre sottomarini sfondino il ghiaccio allo stesso tempo è particolarmente difficile, perché le navi subacquee non possono comunicare tra loro.

3 sottomarini nucleari russi tra il ghiaccio artico


Spedizione artica

Anche se questa è la prima volta che i sottomarini russi sono emersi insieme attraverso il ghiaccio, potrebbe non essere la prima volta che è stato fatto.


Popular Mechanics ha riferito che due sottomarini statunitensi - la USS Connecticut e la USS Hartford - sono emersi attraverso il ghiaccio artico in vista del sottomarino britannico HMS Trenchant nel 2018.


L'esercito russo non ha nominato le tre navi che hanno preso parte all'ultima operazione, ma il sito di notizie Barents Observer le ha identificate come due sottomarini con missili balistici a propulsione nucleare Delta-IV - il pilastro della flotta sottomarina sovietica durante la guerra fredda - e un più recente sottomarino di classe Borei; il nome della classe deriva da Boreas, il dio greco del vento del nord.


Ogni sottomarino russo si pensa possa trasportare fino a 16 missili balistici, e ogni missile può portare fino a sei testate nucleari individuali.


La spedizione Umka-2021 vicino all'arcipelago russo di Franz Josef Land è iniziata il 20 marzo sotto il comando della marina russa.


"Per la prima volta, secondo un unico concetto e piano, un complesso di addestramento al combattimento, ricerca scientifica e misure pratiche di varie direzioni viene effettuato nelle regioni circumpolari", ha detto Yevmenov a Putin nella videochiamata.


Un risultato chiave è stato che le "caratteristiche tecniche" di vari sistemi d'arma, attrezzature militari e attrezzature speciali sono state confermate in condizioni di alta latitudine e basse temperature.


La Russia ha proposto che l'Artico potrebbe diventare una rotta importante per la navigazione commerciale, che potrebbe essere guidata attraverso il ghiaccio marino da navi "rompighiaccio" a propulsione nucleare.



Il presidente Russo Vladimir Putin ha ascoltato una relazione del comandante della marina Nikolay Yevmenov sui progressi della spedizione artica globale

Vladimir Putin: Nikolai Anatolyevich, buon pomeriggio!

N. Yevmenov: Buongiorno, compagno comandante in capo delle forze armate russe!

V.Putin: La spedizione artica, di cui lei sta per riferire, non ha paralleli né nella storia del periodo sovietico né in quella moderna della Federazione Russa. Si prega di riferire i risultati.

Compagno Comandante in Capo, dal 20 marzo 2021, una spedizione artica completa Umka-2021 è condotta sotto la guida dell'Alto Comando della Marina. Per la prima volta, un insieme di attività di formazione e di combattimento, di ricerca e di attività pratiche di vari orientamenti viene realizzato nelle regioni circumpolari secondo un piano e un programma unificato.

In tutto 43 eventi sono previsti dal piano. Il luogo della spedizione è l'arcipelago di Franz Josef Land, e in particolare - l'isola Alexandra Land e la zona di acqua coperta di ghiaccio adiacente ad essa.

Oggi, la temperatura media nella zona della spedizione è di meno 25 a meno 30 gradi, la copertura di ghiaccio è fino a 1,5 metri di spessore e il vento soffia fino a 32 metri al secondo.

Più di 600 personale militare e civile e circa 200 pezzi di armi, attrezzature militari e speciali sono stati coinvolti nella spedizione.

Ad oggi, 35 attività sono state realizzate come previsto e otto sono in corso come previsto.

Per la prima volta nella storia della Marina, è stato realizzato: emersione da sotto il ghiaccio di tre portamissili a propulsione nucleare con una breccia di 1,5 metri di ghiaccio secondo un piano unificato e piano al momento stabilito nella zona con un raggio di 300 metri; volo nella zona circumpolare con rifornimento in aria di una coppia di MiG-31 con passaggio del punto geografico del Polo Nord in direzione avanti e indietro; lancio di un siluro pratico di un sottomarino nucleare da sotto il ghiaccio con successivo atterraggio di un siluro pratico, il suo rilevamento con mezzi tecnici e il sollevamento in superficie.

Un esercizio tattico di una suddivisione della brigata di fucilieri motorizzati dell'Artico è stato condotto anche in condizioni meteorologiche difficili con separazione dalle basi principali in un terreno non familiare.

In base ai risultati delle esercitazioni, le armi, le attrezzature militari e speciali hanno confermato tutte le loro caratteristiche tecniche specificate in condizioni di alta latitudine e bassa temperatura. Tutte le attività si stanno svolgendo secondo i piani.

Compagno Comandante Supremo delle Forze Armate della Federazione Russa, la pratica di complesse spedizioni artiche da parte della Marina sarà continuata. E il criterio principale di questi esercizi sarà, soprattutto, l'esplorazione di nuove regioni ancora più inesplorate nelle future spedizioni.

Il rapporto era finito.

V. Putin: La serie di addestramenti ed esercizi scientifici e di combattimento e tutte queste attività hanno dimostrato la capacità e la prontezza della Marina russa di operare nelle dure latitudini del nord. Equipaggi di sottomarini, aerei da trasporto militare, aerei da combattimento e anche unità di fanteria meccanizzata artica hanno dimostrato le loro accresciute capacità nelle difficili condizioni artiche. Sono state confermate le elevate capacità di combattimento degli armamenti nazionali e la loro affidabilità nel funzionamento in condizioni estreme.

Chiedo al comandante in capo della marina di trasmettere i miei ringraziamenti a tutto il personale che ha partecipato alla spedizione e alle esercitazioni per il loro coraggio, abnegazione e professionalità.

Siete invitati a continuare le spedizioni artiche complesse, lo studio e l'esplorazione dell'Estremo Nord per il bene della sicurezza militare della Federazione Russa.

Grazie, Nikolay Anatolyevich.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia