Mistero irrisolto dell'isola Envaitenet

Mistero irrisolto dell'isola Envaitenet


L'isola Envaitenet si trova sul lago Rodolfo, in Kenya. Il lago Rodolfo, chiamato anche lago Turkana, è il quarto lago più grande dell'Africa orientale. Questa piccola isola è piena di mistero. Envaitenet in aborigeno significa nessun ritorno. L'isola è lunga solo alcuni chilometri, anche se molte tribù e gente del posto vivono intorno ai luoghi vicini, ma nessuno vive in quell'isola, poiché è una credenza popolare che il posto sia maledetto.


Secondo la leggenda locale, quest'isola è abitata da mostri e le persone che sono andate sull'isola non possono più tornare al loro luogo d'origine. Per questo Envaitenet è anche chiamata l'isola maledetta.


La menzione di "isola maledetta" e delle persone scomparse dall'isola risale al 1630 circa. Gli isolani chiamati El Molo sono venuti spesso sulla terraferma per commerciare merci per molti anni; pescavano, cacciavano, commerciavano con i loro parenti sulla terraferma.

Il lago Rodolfo, chiamato anche lago Turkana


Gli abitanti della terraferma sentivano spesso strani suoni di urla sull'isola ogni mese . Le urla si trasformano poi in gemiti prolungati che di solito durano da pochi minuti a un'ora.


Con il passare del tempo, gli abitanti nativi pensarono che la loro isola fosse abitata da mostruosi cannibali che non corrispondevano a nessuno degli animali viventi che conoscevano. Un tale mostro apparve proprio di fronte a quella persona nel momento più inaspettato, e mandò gli indigeni in fuga.

Si dice che la creatura sia la mente dietro la scomparsa degli adolescenti che vivevano nel villaggio dell'isola. Questi sfortunati eventi non permisero agli El Molo di vivere in pace. Un giorno gli isolani smisero improvvisamente di venire sulla terraferma, per una ragione inspiegabile.


Allora alcuni uomini del villaggio sulla riva del fiume andarono sull'isola per vedere cosa stava succedendo. Quando arrivarono sull'isola, rimasero sbalorditi: videro un villaggio remoto con capanne piene di oggetti vari, e pesce che marciva vicino al fuoco spento.


Nessun segno umano lì. Allora lasciarono l'isola molto velocemente, e decisero di non tentare la fortuna. Alla fine, nessuno osò più andarci.

Una delle ultime spedizioni sull'isola Envaitenet
Una delle ultime spedizioni sull'isola Envaitenet


Nel 1935, l'esploratrice britannica Vivina Fusch andò nella zona per una spedizione geologica. Mandò 2 scienziati del suo gruppo, Martin Sheflin e Bill Dayson. All'inizio tutto è normale: ogni notte nell'orario concordato mettono una luce accesa che significa che tutto va bene. Tuttavia, nel giro di due settimane, i segnali cessano improvvisamente.


Da tempo senza notizie, alcuni membri della spedizione si recano sull'isola per controllare dove si trovano i loro amici, ma sono sorpresi nel constatare che Sheflin e Dayson sono misteriosamente scomparsi. Inoltre, non c'erano tracce che Sheflin e Dayson fossero mai stati sull'isola. Fu addirittura sorvolata l'isola con un aereo, ma non se ne trovò traccia.


Alla fine del XX secolo, dopo aver sentito parlare dell'isola maledetta, due spedizioni private vi si recarono (dai Paesi Bassi e dalla Germania), ma entrambe scomparvero, senza lasciare tracce.


Fino ad oggi il segreto dell'isola di Envaitenet rimane irrisolto.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia