Avvistamento UFO: La sorveglianza del cielo fai-da-te arriva online

 

Avvistamento UFO: La sorveglianza del cielo fai-da-te arriva online


Se siete perplessi, disorientati e sconcertati dai rapporti sui fenomeni aerei non identificati (UAP) e sulle possibili visite di veicoli spaziali alieni, potete agire con l'attrezzatura fai-da-te per il monitoraggio del cielo.

Dato il basso costo e l'alta capacità della tecnologia di consumo di oggi, anche tu puoi essere pronto a documentare eventi fuori dall'ordinario.

Entra nel mondo di Sky Hub, una rete globale di sensori intelligenti progettati per catturare le firme digitali di eventi anomali. Questa rete crowd-sourced di tracker intelligenti con "edge processing" carica i dati di fenomeni insoliti su una nuvola di Sky Hub.

Le forze trainanti che danno forza all'iniziativa Sky Hub si concentrano sulla rapida crescita ed evoluzione del machine learning per ottimizzare l'analisi di grandi serie di dati e la crescente accessibilità dell'hardware pronto per l'intelligenza artificiale (IA). Questi progressi possono essere sfruttati per sondare il comportamento continuo e sconcertante degli UAP e degli oggetti volanti non identificati (UFO) che si dice attraversino i cieli. 


Tre video di interazioni militari a mezz'aria con gli UFO, sono stati declassificati e condivisi online dalla Marina degli Stati Uniti. 


Lavori in corso

La missione di Sky Hub è chiara: Collegare una rete di sensori di proprietà civile, utilizzare l'apprendimento automatico per catalogare gli eventi anomali e condividere questi dati con i ricercatori. Il gruppo stesso è composto da volontari dedicati.

Il sistema Sky Hub è un lavoro in corso, ha detto Christopher Cogswell, presidente del comitato consultivo scientifico di Sky Hub. Il gruppo incoraggia gli individui ad unirsi, ma i primi adottanti dovrebbero essere consapevoli che il software del sistema è attualmente in alfa, e le modifiche hardware sono ancora possibili. 

L'obiettivo finale è quello di costruire e ospitare un database digitale UFO in tutto il mondo, a cui chiunque può accedere sotto una licenza Creative Commons utilizzando il software open-source di Sky Hub.

"Sono stato a lungo interessato al perché certe tecnologie o concetti scientifici sono stati prontamente accettati dalla società ... mentre altri diventano punti critici", ha detto Cogswell a Space.com. Cercare gli UAP/UFO "non è solo un'opportunità per rendere questo qualcosa di interessante, ma anche utile", ha aggiunto. "Ci sono un sacco di rapporti di oggetti nel cielo che non sappiamo come classificare che penso siano interessanti e degni di studio".

L'unità Sky Hub consiste in una tecnologia di livello consumer, accoppiata con un microcomputer costruito per l'apprendimento automatico e l'intelligenza artificiale.
L'unità Sky Hub consiste in una tecnologia di livello consumer, accoppiata con un microcomputer costruito per l'apprendimento automatico e l'intelligenza artificiale.


Partecipazione del pubblico

Cogswell ha detto che Sky Hub ha attualmente 12 unità operative. La maggior parte sono negli Stati Uniti, ma ce ne sono alcune nel Regno Unito e una in Brasile. Per la maggior parte, le unità sono standard, utilizzando una telecamera con lente fisheye e altro hardware. Le specifiche suggerite, come un microcomputer costruito per l'apprendimento automatico e l'IA, sono pubblicate sul sito web di Sky Hub.

"Non vogliamo correre prima di poter camminare", ha detto Cogswell, ma nuove idee sono sempre benvenute. Il costo per assemblare un'unità Sky Hub per la distribuzione può variare da 600 a 1.000 dollari. "Stiamo costantemente cercando di trovare alternative più economiche. Vogliamo che Sky Hub sia accessibile alle persone", ha detto, "e avere il pubblico a far parte di questo progetto con noi è un obiettivo degno." 

Finora, l'attrezzatura di Sky Hub ha catturato le meteore, ha ripreso la Stazione Spaziale Internazionale e ha anche individuato stormi di uccelli, quello che sembra essere un drone e un parapendio. "Siamo aperti a coloro che in altri campi possono utilizzare Sky Hub dove le misurazioni e la caratterizzazione ottica possono essere utili", ha detto Cogswell.

Nell'immergersi nella situazione UFO/UAP, "stiamo guardando questo da una prospettiva seria ma scettica", ha detto Cogswell. "A mio parere, c'è qualcosa di interessante che sta accadendo qui e che vale la pena indagare. Non si può negare che ci sono persone che ancora fanno segnalazioni di UFO ogni anno. Se è tutto falso, nella mia mente, questo è quasi più interessante. Come ha fatto qualcosa di non vero a diventare un fenomeno sociale come questo?".

Una rete crowd-sourced di tracker intelligenti incanala i dati di fenomeni insoliti a una nuvola Sky Hub.


Ricerca su tutto il cielo

"Ci sono stati diversi progetti di questo tipo nel corso degli anni per tentare di registrare gli UFO", ha detto Robert Sheaffer, un noto scrittore sull'argomento e uno scettico UFO. Ci sono già numerose reti di telecamere meteorologiche installate oggi negli Stati Uniti e in altri paesi, ha detto a Space.com.

Per esempio, l'American Meteor Society mantiene un ampio registro di telecamere all-sky. Inoltre, molti gruppi di astronomia e osservatori privati utilizzano le proprie telecamere per registrare fenomeni meteorologici e meteore, ha sottolineato Sheaffer.

La conclusione di Sheaffer: "Le persone che installano le telecamere UFO apparentemente non si rendono conto che ci sono già ampie reti di telecamere automatizzate in tutto il mondo. Ma in qualche modo le telecamere degli astronomi non registrano gli UFO, solo le meteore. Quelli che installano 'telecamere UFO' si prendono in giro da soli se pensano di registrare oggetti che le telecamere degli astronomi non registrano".

I fenomeni aerei non identificati (UAP) vengono studiati da una task force del Pentagono appositamente creata. Qui è mostrato un tipo di UAP, il GIMBAL/"Tic Tac".
I fenomeni aerei non identificati (UAP) vengono studiati da una task force del Pentagono appositamente creata. Qui è mostrato un tipo di UAP, il GIMBAL/"Tic Tac".


Dimostratori di tecnologia?

Punto di fatto: nell'agosto dell'anno scorso, il Pentagono ha annunciato la formazione di una task force UAP per approfondire la natura e le origini degli UFO. La missione della task force è di rilevare, analizzare e catalogare gli UAP che potrebbero potenzialmente rappresentare una minaccia alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

Per quanto riguarda la situazione degli UAP, Scott Miller, presidente e professore di ingegneria aerospaziale alla Wichita State University in Kansas, offre un interessante punto di vista.

"Ho cercato di seguire le storie degli UAP. Ho il sospetto che molti avvistamenti siano ancora legati ad attività di aerei segreti, non necessariamente classificati, ha detto Miller. "È interessante, ho il forte sospetto che tutti i principali appaltatori della difesa, e molti nuovi, abbiano ampliato le loro capacità di prototipare rapidamente i veicoli".

Il punto di vista di Miller si concentra sugli appaltatori desiderosi di attirare i dollari del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (DoD) costruendo e facendo volare i propri dimostratori tecnologici. "Ci sono probabilmente molti veicoli non finanziati dal governo che hanno, sono o voleranno", ha detto.


Cose nuove e fantastiche

Ci sono alcuni avvistamenti di UAP che sono molto interessanti, e potenzialmente non legati a nuovi aerei segreti, ha detto Miller. "Tuttavia, tenete a mente che se avessimo visto un primo caccia stealth Have Blue negli anni '70, avremmo detto che non c'è modo che sia un aereo".

I famosi video UAP "Tic Tac" della Marina sono interessanti e sconcertanti, ha detto Miller, ma ci sono una serie di cose su cui è confuso. 

"In particolare, perché solo la Marina ha visto i Tic Tac? Credo che l'Air Force e i Marines volino nello stesso spazio aereo", ha detto. "Inoltre, credo che tutti gli avvistamenti della Marina siano stati fatti da modelli F-18 E/F Super Hornet. C'è qualcosa nei sistemi di questi aerei della serie E/F che facilita l'avvistamento di un UAP, per esempio, difetti di elaborazione del segnale radar, ecc.

Il mondo dell'aviazione, sospetta Miller, è a un punto di svolta. "Abbiamo il potenziale per progettare, costruire e far volare nuovi veicoli in mesi, non anni. I velivoli non saranno necessariamente pronti per la produzione, ma possono essere utilizzati come dimostratori tecnologici. Mi aspetto che le aziende e il DoD abbiano guardato un sacco di cose nuove e interessanti", ha detto.

Per ulteriori informazioni su Sky Hub ed il "come fare" per costruire la propria attrezzatura di rilevamento/tracciamento, vai su skyhub.org.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia