Chi era Agamennone: Re greco e uomo di potere

 

Chi era Agamennone: Re greco e uomo di potere


Agamennone è una figura importante nella mitologia greca. Era un re di Micene e il comandante supremo dei greci durante la guerra di Troia. Pertanto, gioca un ruolo significativo nell'Iliade di Omero. Infatti, Omero inizia la sua epopea con il rifiuto di Achille di partecipare ulteriormente alla guerra, che fu causato da un conflitto tra lui e Agamennone.


La storia di Agamennone non si limita agli eventi dell'Iliade. Appare anche in opere che trattano della sua vita e della sua morte dopo la guerra di Troia, come il dramma di Eschilo, Agamennone, in cui il re viene ucciso dopo il suo ritorno da Troia, e nell'Odissea di Omero, dove appare come una delle ombre negli inferi. Al di là della mitologia, esiste un'antica maschera funeraria chiamata "Maschera di Agamennone", che si presume sia appartenuta a questo mitico re.


Tieste e Atrèo, padre di Agamennone.
Tieste e Atrèo, padre di Agamennone.


Agamennone nacque nella casa di Atreo

Agamennone apparteneva alla casa di Atreo, che prendeva il nome da suo padre. Questa dinastia fa risalire i suoi antenati a Tantalo, un re della Lidia. Tantalo è famoso per aver ucciso suo figlio, Pelope, e averlo servito come stufato agli dei, solo per testare la loro onniscienza. Tutti gli dei, tranne Demetra, sapevano cosa veniva loro servito. Demetra, a causa della sua ansia per la scomparsa di Persefone, sua figlia, non ci fece caso, e finì per mangiare la spalla di Pelope.

Perciò, quando gli dei resuscitarono il ragazzo, era senza una spalla, ed Efesto gliene fece una d'avorio in sostituzione. Quanto a Tantalo, fu punito nel Tartaro per i suoi crimini.

Crise che tenta di riscattare sua figlia Criseide da Agamennone, che era un tipo di incidente che sembrava accadere ai potenti re greci tutto il tempo.
Crise che tenta di riscattare sua figlia Criseide da Agamennone, che era un tipo di incidente che sembrava accadere ai potenti re greci tutto il tempo.

Tantalo non fu l'unico malfattore della casa di Atreo. Infatti, le generazioni successive della dinastia continuarono a commettere crimini efferati. Pelope, per esempio, uccise Enomao, il suo futuro suocero, il re di Pisa (nel Peloponneso), per sposarne la figlia, Ippodamia.


Pelope ebbe una serie di figli, tra cui Atreo e Tieste, e questi due non erano migliori del loro padre e del loro nonno. Per esempio, si dice che abbiano ucciso un figlio illegittimo di Pelope, per compiacere la loro madre, Ippodamia.


Come risultato di questo omicidio, i tre furono esiliati e andarono a Micene, che era governata da Euristeo, il nipote di Atreo e Tieste. Quando Euristeo fu ucciso in battaglia, un oracolo dichiarò che il prossimo re doveva essere scelto tra i figli di Pelope.


Quindi, Tieste suggerì che il nuovo re dovrebbe essere quello che è in grado di produrre un vello d'oro. Atreo si rallegrò di questo, poiché possedeva questo oggetto inestimabile, e lo affidò a sua moglie perché lo custodisse. Non sapeva però che sua moglie, Aerope, aveva una relazione con Tieste e che lei gli aveva dato il vello d'oro. Di conseguenza, Tieste divenne re.

Atreo tramava la vendetta per l'adulterio tra Thyestes e Aerope raffigurato in questo dipinto di Nosadella. Uccise i figli di Thyestes e li cucinò, salvando le loro mani e teste. Non sorprende che Thyestes abbia ucciso Atreus, che era già il padre di Agamennone e Menelao.
Atreo tramava la vendetta per l'adulterio tra Tieste e Aerope raffigurato in questo dipinto di Nosadella. Uccise i figli di Tieste e li cucinò, salvando le loro mani e teste. Non sorprende che Tieste abbia ucciso Atrèo, che era già il padre di Agamennone e Menelao.

Atreo, padre di Agamennone, combatte il proprio fratello

Atreo, tuttavia, era irremovibile sul fatto che Zeus voleva che lui fosse re, e dichiarò che come prova, il dio avrebbe fatto sorgere il sole a ovest e tramontare a est. Infatti, questo accadde, Atreo divenne re e bandì suo fratello.


Non molto tempo dopo, Atreo venne a conoscenza dell'infedeltà di sua moglie, e pianificò di vendicarsi di suo fratello. Pertanto, Atreo fece credere a Tieste di essere perdonato e lo invitò a cena. Alla fine del pasto, però, Atreo portò fuori le teste e gli arti dei figli di Tieste, rivelando che il pasto era stato preparato con i loro corpi. Questo è stranamente simile a ciò che il loro nonno aveva fatto al loro padre.


In ogni caso, Tieste stesso non fu ferito, fuggì da suo fratello, e finì per generare un figlio, Aegisto, con la sua stessa figlia, Pelopia. Egisto alla fine uccise Atreo, e Tieste divenne il nuovo re di Micene.


I figli di Atreo, Agamennone e Menelao, fuggirono a Sparta e trovarono rifugio presso il loro re, Tyndareus. Il re aveva due figlie, Clitennestra ed Elena. La prima sposò Agamennone, mentre la seconda fu corteggiata da molti pretendenti, il che mise Tyndareus in una posizione difficile.


Odisseo, che era uno dei pretendenti, anche se era certo che non avrebbe avuto successo, propose una soluzione in cambio della mano di Penelope, una nipote del re. Il suggerimento di Odisseo, che divenne noto come il Giuramento di Tyndareus, era che i pretendenti giurassero solennemente che nessuno dei pretendenti si sarebbe vendicato contro il marito scelto da Elena. Invece, dovevano difendere il matrimonio da chiunque cercasse di litigare per esso.


Fu solo dopo il giuramento che Menelao fu scelto come marito di Elena. Il giuramento aveva lo scopo di impedire ai pretendenti di combattere l'uno contro l'altro. Tuttavia, quando Paride, un principe di Troia, rubò Elena, il giuramento fu invocato e i pretendenti entrarono nella guerra di Troia dalla parte di Menelao.

Il sacrificio di Polissena da parte di Neuptolemo davanti alla tomba di suo padre Achille.
Il sacrificio di Polissena da parte di Neuptolemo davanti alla tomba di suo padre Achille. 

Prepararsi alla battaglia di Troia

Quando i greci stavano per imbarcarsi nella loro spedizione contro Troia, tuttavia, si resero conto che era impossibile per le loro navi salpare, perché i venti erano stati fermati. Fu il profeta Calchas a rivelare ai greci cosa era andato storto per loro. Agamennone, per la sua arroganza, o per un voto alla dea che aveva trascurato, aveva offeso Artemide, e la dea aveva quindi fatto cessare i venti. Calchas disse anche ai Greci che per placare Artemide, Agamennone doveva sacrificare la sua figlia maggiore, Ifigenia. 


Inizialmente, Agamennone rifiutò di sacrificare sua figlia, ma alla fine cedette. La ragazza era pronta per essere sacrificata, ma fu salvata all'ultimo minuto, o da Artemide stessa, o da Achille, il cui aiuto fu procurato da Clitennestra.


Secondo una versione del mito, Ifigenia divenne una sacerdotessa di Artemide e servì la dea a Tauris. In un'altra, sposa Achille, e ha avuto un figlio con lui, Pirro. Il sacrificio di Ifigenia, e la sua successiva vita a Tauris, sono i soggetti di due tragedie di Euripide, Ifigenia in Aulis e Ifigenia a Tauris. La storia è citata nell'Agamennone, una tragedia di Eschilo, anche se solo come parte dello sfondo della storia principale.    


Una volta placata Artemide, i greci sono in grado di salpare per Troia, e la storia di Agamennone viene ripresa nell'Iliade. Omero non inizia la sua epopea all'inizio della guerra di Troia, ma piuttosto verso la sua fine. Uno dei primi personaggi introdotti da Omero è Agamennone stesso. È il conflitto tra lui, il comandante supremo delle forze greche, e Achille, il più grande guerriero del suo esercito, che dà origine ai successivi eventi dell'Iliade.

La resa di Briseide ad Agamennone da parte di Achille. (Museo Archeologico Nazionale di Napoli)
La resa di Briseide ad Agamennone da parte di Achille. (Museo Archeologico Nazionale di Napoli)


Le faide continuano con Agamennone al centro

Secondo Omero, Agamennone era incorso nell'ira di Apollo, poiché si era rifiutato di restituire Criseide, che aveva preso come premio di guerra. Il padre di Crise, Crise, aveva portato un ricco riscatto e aveva supplicato il re, ma Agamennone si era rifiutato di restituirgli la figlia.


Successe che Crise era un sacerdote di Apollo, e il dio venne in suo aiuto scatenando una piaga mortale sui greci. Quando i Greci finalmente appresero la causa della peste, ancora una volta attraverso Calchas, Agamennone, abbastanza a malincuore, restituì Crise al padre. Come compensazione, il re prese Briseis, il bottino di guerra di Achille, con la forza. L'eroe era furioso per questo e decise di ritirare se stesso e i suoi uomini dalla guerra.


Alla fine, la morte di Patroclo, il compagno più vicino ad Achille, per mano di Ettore, un principe di Troia, indusse il guerriero ad abbandonare la sua faida con Agamennone e a rientrare in guerra. Achille uccide Ettore, e l'Iliade si conclude con Priamo, il re di Troia, che reclama il corpo di suo figlio da Achille.


La fine di questa epopea, tuttavia, non è la fine della guerra di Troia, né la fine della storia di Agamennone. I Greci, come molti avrebbero già saputo, alla fine vinsero la guerra attraverso l'uso del Cavallo di Troia, uno stratagemma sviluppato da Odisseo. Per inciso, il Cavallo di Troia non è menzionato nell'Iliade, ma parte della storia è citata nell'Odissea. L'Eneide di Virgilio, tuttavia, è la principale fonte antica per la storia del cavallo di Troia, e la versione più familiare del racconto.

L'assassinio di Agamennone da parte di sua moglie Clitennestra e forse anche del suo amante Egisto.
L'assassinio di Agamennone da parte di sua moglie Clitennestra e forse anche del suo amante Egisto.


La morte di Agamennone e la scoperta della sua tomba

In ogni caso, i greci vincono la guerra e tornano a casa, compreso Agamennone, che torna a Micene, la sua casa. È qui che il re incontrerà la sua tragica fine. Mentre Agamennone era lontano, sua moglie, Clitennestra, fu sedotta da Egisto, il figlio di Tieste, e quindi cugino di Agamennone.


Il ritorno del re fu una cattiva notizia per gli amanti, ed essi complottarono per sbarazzarsi di Agamennone. Secondo Eschilo, la morte di Agamennone non solo avrebbe permesso a Clitennestra di rendere pubblica la sua relazione con Egisto, ma anche di vendicare il sacrificio di sua figlia, Ifigenia. Secondo alcuni racconti, fu Clitennestra ad uccidere Agamennone, mentre in altri, Egisto si unì a lei nell'omicidio del re. Nell'Odissea di Omero, Agamennone fa un'apparizione come ombra negli inferi, dove racconta a Odisseo la storia della sua morte e lo mette in guardia dai pericoli di fidarsi di una donna. 


Più di due millenni dopo la sua composizione, l'Iliade ha continuato a catturare l'immaginazione dei suoi lettori. Uno di questi fu Heinrich Schliemann, un archeologo dilettante tedesco che fece fortuna come uomo d'affari. Anche se il modo in cui portò avanti il suo lavoro archeologico è spesso criticato oggi, egli è noto soprattutto per lo scavo di Hisarlik, che ora si presume essere il sito di Troia.


Oltre a Troia, Schliemann scavò anche a Micene, il regno di Agamennone. Poiché Schliemann era convinto che l'Iliade di Omero fosse basata su eventi storici e che i suoi personaggi fossero reali, era determinato a trovare il luogo di riposo finale di Agamennone.


Tomba di Agamennone nell'antica Micene, scoperta da Heinrich Schliemann.
Tomba di Agamennone nell'antica Micene, scoperta da Heinrich Schliemann.


Nel 1876, Schliemann stava scavando a Micene, per conto della Società Archeologica Greca. I suoi scavi si basavano sugli scritti del geografo antico Pausania, dove era menzionata la posizione della tomba di Agamennone. Prima di Schliemann, si pensava che la tomba di Agamennone e dei suoi contemporanei si trovasse fuori dalle mura della cittadella della tarda età del bronzo. Schliemann, tuttavia, interpretò il testo in modo diverso, e suggerì che le tombe erano in realtà all'interno della cittadella. Nel 1874, ha scavato alcune trincee di prova all'interno della cittadella, che hanno prodotto materiali archeologici che indicano la presenza di tombe.



Due anni dopo aver scavato le trincee di prova, Schliemann fu in grado di effettuare gli scavi, e alla fine di agosto di quell'anno, aveva scoperto la prima tomba a pozzo. Successivamente, furono scoperte altre quattro tombe a pozzo, che furono raggruppate come "Grave Circle A". Senza esitazione, Schliemann dichiarò che le tombe risalivano al periodo omerico e che includevano la tomba di Agamennone. La tomba V fornì il manufatto più iconico di quello scavo, la cosiddetta "Maschera di Agamennone".

La maschera mortuaria d'oro conosciuta come la "Maschera di Agamennone", trovata nella Tomba V di Micene da Heinrich Schliemann nel 1876. (Museo Archeologico Nazionale di Atene)
La maschera mortuaria d'oro conosciuta come la "Maschera di Agamennone", trovata nella Tomba V di Micene da Heinrich Schliemann nel 1876. (Museo Archeologico Nazionale di Atene)


La Maschera di Agamennone è un artefatto senza prezzo

La Maschera di Agamennone è fatta di foglia d'oro ed è stata prodotta martellando il prezioso metallo su una forma di legno. La maschera è infatti una delle cinque che sono state scoperte nella tomba Circle A, ma è stata associata ad Agamennone semplicemente perché era la più bella delle cinque.


Si presume che Schliemann abbia fatto riferimento a questa maschera in un telegrafo, dicendo che "ho guardato il volto di Agamennone". Schliemann era noto per fare molte affermazioni fantastiche, anche se è stato sottolineato che non ha mai fatto il collegamento tra questa maschera e il mitico re miceneo.


Mentre Schliemann era convinto che la Maschera di Agamennone, insieme alle tombe a pozzo, risalissero al periodo omerico, gli studiosi moderni sono dell'opinione che in realtà siano precedenti alla guerra di Troia di almeno tre secoli. Tuttavia, la maschera può essere ammirata come un'opera d'arte e un esempio del livello di abilità artigianale raggiunto dagli orafi di quel periodo della storia greca. Nonostante l'opinione degli studiosi moderni che la maschera sia precedente al periodo omerico, conserva il suo nome e la sua associazione con Agamennone. Oggi, la Maschera di Agamennone è esposta nel Museo Archeologico Nazionale di Atene.    


Per concludere, Agamennone è una figura importante nella mitologia greca, in particolare per quanto riguarda la guerra di Troia. I miti che ruotano intorno alla sua famiglia, cioè la casa di Atreo, sono altrettanto interessanti, e forniscono spiegazioni ad alcuni degli eventi che si sono verificati prima della guerra di Troia. 


Questo tema della continuità può essere rilevato anche nelle storie su Agamennone dopo il suo ritorno da Troia. Agamennone affascina ancora le persone anche nell'età moderna, non solo come personaggio della letteratura classica, ma anche come persona che potrebbe essere realmente esistita, come evidente negli scavi di Schliemann a Micene, e nella cosiddetta "Maschera di Agamennone".  


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia