Il mistero della Dalia Nera

Il mistero della Dalia Nera


Uno dei più famosi misteri irrisolti del crimine del ventesimo secolo, i resti mutilati della ventiduenne Elizabeth Short furono trovati affissi in un lotto libero nel complesso residenziale incompiuto di Leimert Park a Los Angeles il 15 gennaio 1947. Il passante che scoprì i suoi resti pensò all'inizio che si trattasse di un manichino scartato, perché il corpo era stato nettamente diviso in due all'altezza della vita. Sul suo viso c'era un taglio profondo chiamato "sorriso di Glasgow".


Elizabeth era venuta a Hollywood sperando di diventare un'attrice. Tuttavia, senza prospettive di lavoro e con pochi soldi, si è data alla prostituzione. I suoi ultimi giorni furono avvolti dal mistero. Sembrava che fosse costantemente in movimento. Fu vista per l'ultima volta in una tavola calda a San Diego, mentre se ne andava con un uomo non identificato. Alcuni sospettano che l'uomo fosse Robert Manley, un venditore di ferramenta che l'aveva frequentata in passato. È stato portato qui per essere interrogato, ma in seguito è stato scagionato da qualsiasi coinvolgimento nel crimine. Altri uomini che la conoscevano sono stati portati dentro; anche loro sono stati poi scagionati.


Durante l'investigazione, l'assassino ha deriso la polizia con delle lettere, inviando loro un pacchetto di effetti personali di Short tra cui il suo certificato di nascita, l'agenda degli indirizzi e la carta di sicurezza sociale, che erano stati imbevuti di benzina per eliminare le impronte digitali. Un altro oggetto era il suo "libro dei trucchi" che elencava i nomi dei suoi clienti. Una pagina mancava e si presume che il nome dell'assassino fosse elencato su questa pagina.


Sospetti

Robert Manley

Robert Manley era un venditore di ferramenta che aveva frequentato Elizabeth in passato. Alcuni credono che fosse l'uomo non identificato che fu visto per l'ultima volta con lei prima della sua scomparsa. Era noto per la sua instabilità mentale, il che lo rendeva anche sospetto. Fu considerato un sospetto fino a quando il suo alibi fu stabilito per il 14 e 15 gennaio.


Il dottor Walter Bayley

Il dottor Walter Bayley che conosceva la sorella maggiore di Elizabeth, Virginia. Si teorizza che il dottor Bayley sia affetto da un disturbo degenerativo del cervello i cui sintomi includono ideazione/comportamento omicida anche nei pacifisti. Quello che sappiamo di Elizabeth è che prima del suo omicidio era a corto di denaro e si spostava continuamente. Potrebbe aver contattato il dottor Bayley, un chirurgo specializzato in liposuzione, isterectomie e amputazioni. Sappiamo anche che Elizabeth non era timida nel chiedere soldi e spesso cercava di guadagnarne un po' attraverso una storia strappalacrime che suo marito era morto nella seconda guerra mondiale e lei aveva abortito. Anche se ha avuto un amante che è morto in guerra, non è mai rimasta incinta.

Walter aveva un figlio, chiamato Walter Jr. che morì in un incidente stradale. Si ipotizza che, essendo un medico, abbia capito la bugia di Elizabeth e abbia agito in preda alla rabbia. La polizia e gli psicologi concordano sul fatto che l'assassino deve aver dovuto sostenere la sua rabbia per un bel po' di tempo, il che significa che lei deve aver toccato qualcosa che lo ha veramente sconvolto. Per coincidenza, il compleanno di Walter Jr. è il 14 gennaio, il giorno prima del ritrovamento del corpo di Elizabeth. Si diceva che a Walter Jr. piacessero i clown, il che spiega il ghigno di Glasgow.


L'uccisore di torso di Kingsbury Run

Ci sono prove speculative che suggeriscono che Elizabeth potrebbe essere stata una vittima di un assassino di Cleveland del 1930 conosciuto come il Macellaio di Kingsbury Run, una figura indagata da Eliot Ness del Dipartimento di Polizia di Cleveland. Il Macellaio uccise almeno una dozzina di persone tra il 1934 e il 1938, facendo a pezzi i corpi e liberandosi delle loro teste, molte delle quali non furono mai trovate. Le vittime erano per lo più prostitute e vagabondi. Le vittime sembravano essere smembrate in modo simile a Elizabeth.

Nel dicembre 1938, il Torso Slayer avrebbe inviato una lettera, sostenendo di essersi trasferito in California e di aver ucciso lì una donna. Sosteneva di aver seppellito la testa a sud-ovest di Los Angeles. Il corpo di Elizabeth sarebbe stato trovato nella stessa zona, otto anni dopo. Nella lettera, l'assassino si riferiva a se stesso come "DC" o dottore in chiropratica.

Un'altra connessione con i casi è che sia Elizabeth che le vittime del Torso Slayer erano state accuratamente pulite dopo la morte. Infatti, setole di spazzola furono trovate incastrate nella sua pelle. Inoltre, si crede che un coltello da macellaio sia stato usato in entrambi i casi.

Ancora un'altra connessione era che sia Elizabeth che le vittime del Torso Slayer erano tenute prigioniere, torturate e legate prima di essere uccise. Gli elementi sessuali in entrambi i casi erano ritenuti simili.

Una differenza significativa tra i due casi era che Elizabeth non fu decapitata, mentre le altre vittime sì. Tuttavia, questo fatto da solo non significa che i casi non siano collegati. Alcuni suggeriscono che abbia semplicemente cambiato il suo modus operandi in quel momento.

Un sospettato principale negli omicidi del torso era Francis Sweeney, che presumibilmente se l'è cavata grazie a suo cugino di primo grado, il politico Martin Sweeney. Francis aveva frequentato la scuola di medicina e aveva fallito due esami al poligrafo. Quando fu affrontato, l'uomo non negò di essere coinvolto negli omicidi.

Spesso mandava cartoline di scherno a Eliot Ness dopo il suo ricovero in un istituto psichiatrico, il che accadeva esattamente nello stesso periodo in cui gli omicidi cessarono bruscamente. In una delle sue cartoline menzionava che stava viaggiando e si pensa che sia collegato a dozzine di omicidi in Mississippi, Kentucky e California. Una cartolina che lasciò diceva che era nella "soleggiata California" e "si sentiva male per aver operato le sue cavie, ma la scienza deve progredire!" in una macabra ode all'omicidio sadico.


Il dottor George Hodel

Steve Hodel, un detective della omicidi in pensione della città di Los Angeles, ha sostenuto nel suo libro del 2003 "Black Dahlia Avenger" che credeva ci fossero prove che l'assassino della Dalia Nera fosse suo padre, il dottor George Hodel, un medico di Los Angeles che era il principale sospettato dell'infame omicidio, anche se non fu nominato pubblicamente come tale all'epoca. Hodel crede che suo padre abbia effettivamente torturato, ucciso e sezionato Elizabeth nella storica Sowden House. Il luogo è stato indagato su Ghosthunters e Haunted Encounters, che credono che lo spirito di Elizabeth sia ancora nella casa.



Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia