Nascosto in piena vista: Lo pterodattilo della Nuova Guinea

 

Le opere d'arte sulle ciotole di Tami in Nuova Guinea potrebbero essere state ispirate dagli avvistamenti di pterodattilo moderno?
Le opere d'arte sulle ciotole di Tami in Nuova Guinea potrebbero essere state ispirate dagli avvistamenti di pterodattilo moderno?

Nel corso della storia, ogni grande cultura ha storie di mostri rettiliani che minacciavano il loro sostentamento. Dall'Egitto all'India, e persino la nazione Sioux, i racconti di questi dinosauri volanti o lucertole alate hanno riempito l'immaginazione culturale delle società di tutti i tempi. Oggi esploriamo la possibile rappresentazione dello pterodattilo, un genere di pterosauro, nella moderna Nuova Guinea.

Rappresentazione di un drago del 1588.
Rappresentazione di un drago del 1588.

Racconti storici di draghi e mostri rettiliani

Si dice che gli egiziani fossero invasi ogni anno da serpenti volanti provenienti dall'Arabia che minacciavano il loro commercio di incenso, mentre Alessandro il Grande incontrò un grande drago sibilante quando invase l'India. Nel 1035, un terribile drago fu ucciso nelle paludi dell'Ungheria, il ricordo di questo evento vive attraverso la regalità della famiglia Báthory e il sigillo Báthory.

A Kradów, in Polonia, si diceva che un drago terrorizzasse gli abitanti, richiedendo ogni settimana un'offerta di bestiame per placare il suo appetito, per evitare che divorasse carne umana. La scomparsa del drago, secondo il folklore polacco, è dovuta a un povero apprendista calzolaio. Nascondendo abilmente dello zolfo incandescente nella pelle di un vitello, questo apprendista causò la morte ardente del drago. Oggi, grandi ossa che si dice appartengano a questo drago sono appese al soffitto della cattedrale di Wawel.

Al re dei Galli erano stati presentati i resti di un drago alato chiamato Brodeus mentre era in Stiria, nel 1543. Lo storico Gessner lo descrisse come avente "piedi come lucertole, e ali alla maniera di un pipistrello, con un morso incurabile". Nei cinque volumi di storia naturale di Conrad Gessner, Historiae Animalium, pubblicati nel 1500, descrive i draghi come "creature molto rare ma ancora viventi".

La nazione Sioux ha una ricca tradizione di tramandare storie di generazione in generazione. Alcune di queste descrivono grandi rettili volanti conosciuti come "thunderbirds". Le storie descrivono questi mostri volanti come così grandi che il loro battito d'ali creava il tuono mentre le ali stesse strappavano le nuvole, portando la pioggia (Bouck e Richardson III, 2007). I Dakota Sioux chiamavano questi uccelli tonanti wakinyan, e indicavano le scogliere crollate del fiume come luoghi in cui i wakinyan scendevano in picchiata su Unktehi, un mostruoso rettile acquatico (Pond, 1986).

Indipendentemente dalla cultura che descriveva questi mostri volanti unici, gli autori di questi racconti erano generalmente d'accordo che i draghi erano malvagi e distruttivi. Questa fu, forse, l'ispirazione per gli scrittori della Bibbia che li usavano come metafore e simboli del diavolo. Ebrei e gentili ai tempi della Bibbia avrebbero avuto un'intima familiarità con storie e miti di draghi, e la loro incorporazione in questi scritti aggiunge ulteriori prove della loro diffusa conoscenza.

Stemma della famiglia ungherese Báthory che raffigura un drago.
Stemma della famiglia ungherese Báthory che raffigura un drago.

Resoconti di mostri rettiliani nella Nuova Guinea di oggi

Oggi, ci sono ancora resoconti di mostri rettiliani che si dice infestino e molestino i villaggi in tutti i rimanenti angoli di foreste, montagne e oceani del mondo, in gran parte inesplorati. Uno di questi luoghi è l'arcipelago di Bismarck, dove i Papuani della Nuova Guinea raccontano di Ropen, Duwa o Orang-bati. Anche se ci sono piccole differenze nei racconti individuali di questi animali, l'aspetto generale e le abitudini rimangono coerenti. Tutti concordano sul fatto che questo raro e pericoloso mostro abita sulle montagne lungo qualche fessura, a volte riposando sui tronchi degli alberi, fino a quando non cala la notte, quando fanno la loro apparizione.

Anche se si verificano occasionali osservazioni alla luce del giorno, i papuani concordano sul fatto che l'animale è in gran parte notturno. La caratteristica più evidente dell'animale è la sua capacità bioluminescente. Quando viene osservato, si dice che la creatura voli dalle montagne alla barriera corallina dove si crede che si nutra di pesci, calamari e vongole giganti. In alcune occasioni, il mostro ha attaccato le vite umane, scavando anche le tombe delle persone recentemente sepolte. Questa è la ragione per cui la gente di queste regioni ora copre le tombe con roccia o cemento.

Quando vengono osservati durante il giorno, vengono descritte specifiche caratteristiche anatomiche che permettono all'investigatore di fare congetture sulla famiglia a cui appartengono questi animali. Come le storie di draghi del passato, il Ropen o Duah, ha due ali membranose come quelle dei pipistrelli. Il suo corpo è coperto di peli corti e tuttavia sono descritti come rettili, con una bocca piena di denti e una cresta cornea nella parte posteriore della testa. Una coda lunga e rigida si insinua dietro di loro, con la punta di una flangia a forma di diamante.

Anche se le persone che descrivono questi animali non sono scienziati, possono descrivere dettagli dell'animale che corrispondono all'evidenza paleontologica. Per esempio, i nativi affermano che la coda del Ropen è rigida, incapace di piegarsi se non dove si attacca al corpo. Questo concorda favorevolmente con i fossili che mostrano che le vertebre delle code dei Rhamphorhynchoid sono intrecciate (Whitcomb, 2009), rendendole rigide tranne che alla base, servendo così come un timone che potrebbe essere oscillato avanti e indietro in volo (Cranfield, 2001).

Vertebre della coda di Rhamphorhynchoid
Vertebre della coda di Rhamphorhynchoid

La bioluminescenza degli pterodattili descritta attraverso le epoche

Si dice che i pterodattili siano vivacemente bioluminescenti, riempiendo i villaggi che attraversano con la loro luce che può essere rossa, blu, verde o gialla. Questa affermazione è strettamente rispecchiata da antichi resoconti come quello dato dal prolifico scrittore del 17° secolo Athanasius Kircher:


"In una calda notte del 1619, mentre contemplavo la serenità del cielo, vidi davanti al Monte Pilatus un drago splendente di grandi dimensioni, proveniente dalla parte opposta del lago, una grotta che si chiama Flue che si muoveva rapidamente in modo agitato, visto volare attraverso; era di grandi dimensioni, con una lunga coda, un lungo collo, una testa di rettile, e feroci mascelle spalancate. Mentre volava era come il ferro battuto in una fucina quando viene premuto insieme che sparge scintille. All'inizio, da quello che ho visto, ho pensato che fosse una meteora. Ma dopo averlo diligentemente osservato da solo, ho capito che era davvero un drago dal movimento delle membra di tutto il corpo. "(Kircher, 1664)


L'effetto scintillante osservato da Athanasius Kircher è molto simile ai resoconti moderni (Whitcomb 2007; Whitcomb 2011) che occasionalmente descrivono un bordo luccicante al bagliore bioluminescente della creatura. Questo potrebbe essere legato ad un'altra caratteristica della creatura raramente descritta, ma supportata da ulteriori prove storiche. Nel suo libro Aelian on Animals 16. 41, Claudius Aelian scrisse che in India c'erano "serpenti con le ali, e che le loro visite non avvenivano di giorno ma di notte, e che emettevano urina che immediatamente produceva una ferita incancrenita su qualsiasi corpo su cui poteva cadere (Aelian, 1958)".

È infatti a questi serpenti alati (ofiure) che Aeliano attribuisce la causa del fatto che gli egiziani ritenevano sacro l'ibis. In Aelian on Animals 2. 38, egli scrive "l'ibis nero non permette ai serpenti alati (Ophies Pterotoi) dell'Arabia di attraversare l'Aigyptos, ma combatte per proteggere la terra che ama (Aelian, 1958)". Ancora una volta, questi antichi resoconti coincidono con prove moderne; la gente dell'isola di Umboi tra la Papua Nuova Guinea e la Nuova Britannia, sostiene che il Ropen secerne una sostanza che occasionalmente cade sulla gente, causando ustioni sulla pelle (Whitcomb, 2007).


Nascosto in piena vista: Pterodattilo sulle ciotole della festa di Siassi Tami

Se queste strane storie devono essere credute, non dovremmo aspettarci delle prove in qualche forma, in particolare quando le danze colorate, le pitture e le sculture in legno del popolo papuano rappresentano specie conosciute e prevalenti nell'arcipelago di Bismarck? Forse le prove sono state nascoste in piena vista, i nostri stessi pregiudizi impediscono ai nostri occhi di vedere ciò che sta davanti a loro. Un'indagine sugli artefatti del patrimonio di Bismarck rivela molte forme artistiche di abilità umana, e nascoste in questi artefatti ci sono rivelazioni che aspettano che un occhio consapevole le noti e le porti alla luce. Uno di questi manufatti che ha attirato l'attenzione di menti curiose sono le ciotole da festa Siassi Tami.

Le ciotole Tami della Nuova Guinea sono fatte da un unico grande pezzo di legno duro chiamato kwila. Spesso di forma ovale, sono abilmente intagliate con rilievi di animali e figure umane, ogni disegno è unico per i gruppi familiari e serve come marchio di parentela. Scavate a fuoco e laboriosamente intagliate con immagini stilizzate, sono riempite di calce e abilmente patinate strofinandole vigorosamente con cenere vulcanica.

La produzione di queste ciotole uniche è fortemente localizzata sulle isole di Tami, da cui vengono scambiate con altre nelle isole Siassi, una regione di 200 miglia che oggi arriva fino alle isole Caroline e Salomone. Queste ciotole hanno due usi; uno è cerimoniale, usato per la preparazione del cibo durante le feste e i rituali, e possono servire come dote che i giovani uomini pagano ai genitori della loro sposa. Un cimelio indigeno, queste ciotole vengono tramandate di generazione in generazione.

Uno studio attento di queste ciotole Tami può offrire uno sguardo sulla vita, l'ideologia e l'ambiente delle persone che le commerciano e le possiedono. Una particolare ciotola di interesse può essere trovata sul sito Oceanic Arts Australia. Mentre gli autori del sito non offrono alcuna interpretazione riguardo ai dettagli di questa ciotola Tami, a parte la sua rappresentazione del balum, uno spirito benevolo, ci sono due strane forme trovate su entrambi i lati che a prima vista sembrano semplicemente artistiche, ma ad un esame più attento sembrerebbero tutt'altro. Su questa ciotola si trovano due forme alate sostenute da due gambe potenti, e che possiedono teste a forma di incudine. All'inizio si potrebbe immaginare un uccello stilizzato di qualche tipo, o al massimo uno spirito sconosciuto. Tuttavia, se si sezionano attentamente i dettagli raffigurati (Figura 1), sorge un'altra possibilità.

Confronto tra lo pterodattilo stilizzato di una ciotola Tami e un modello anatomico. Resa artistica del motivo Siassi Bowl di Oceanic Arts Australia. ( Oceanic Arts Australia )
Confronto tra lo pterodattilo stilizzato di una ciotola Tami e un modello anatomico. Resa artistica del motivo Siassi Bowl di Oceanic Arts Australia. ( Oceanic Arts Australia )

La figura della ciotola di Tami dimostra chiaramente i piedi artigliati (1), e indica dove esiste l'articolazione del ginocchio (2) delle gambe. Notate che questo è relativamente vicino a come gli scienziati credono che le ginocchia riposassero leggermente sotto la membrana dell'ala. La figura dimostra anche una sporgenza triangolare (3) dove l'osso della coda di uno pterodattilo sarebbe esistito, oltre a rappresentare la membrana alare che passa dolcemente al suo attacco (4) con l'osso della coda.

Un'infarinatura decorativa (5) lungo l'ala esiste all'incirca dove la prima articolazione dopo il gomito si sarebbe collegata al bordo d'attacco dell'ala. La testa della creatura Siassi Tami Bowl raffigura anche quella che potrebbe essere una cresta cornea (6) che è leggermente più corta della bocca (7) come dimostrato in alcuni fossili di pterodattilo. Le costole stilizzate (8) dimostrano un corpo sottile, mentre una rappresentazione carnosa della membrana alare (9) esiste tra le strutture ossee dell'ala. Infine, un altro fiore (10) potrebbe rappresentare le dita delle ali.


Potrebbe davvero raffigurare uno pterodattilo?

Come si vede nella figura qui sopra, la forma misteriosa si confronta favorevolmente con l'anatomia di uno pterodattilo. La testa a forma di incudine potrebbe rappresentare la testa crestata di un animale così antico, mentre le ali dimostrano caratteristiche semplici, ma affascinantemente paragonabili a quelle di uno pterosauro. Bisogna ricordare, osservando queste forme, che gli artisti papuani che hanno scolpito queste ciotole non erano scienziati. Eppure, nonostante questo, le caratteristiche viste qui sono notevolmente accurate per un design inteso solo per il commercio. Fioriture stilizzate si trovano all'incirca negli stessi punti delle ali dove le giunture sarebbero esistite sulle ali degli pterodattili, notevolmente vicine se si considera che il Ropen è sempre stato osservato a distanza dai locali.

Dettaglio della ciotola di Siassi Tami che mostra quello che potrebbe essere uno pterosauro. (Amélie Godreuil)
Dettaglio della ciotola di Siassi Tami che mostra quello che potrebbe essere uno pterosauro. (Amélie Godreuil)


Se qualche esame ravvicinato della biologia del Ropen da parte di un cacciatore indigeno è avvenuto in passato, questo resoconto è andato certamente perduto. Tuttavia, si può sostenere che le somiglianze tra la forma e il suo possibile rappresentante sono inquietanti. Inoltre, le forme della ciotola di Tami dimostrano un inarcamento liscio delle "ali" inferiori nel passaggio alle "gambe" del disegno, molto simile a quello di uno pterosauro dove la membrana dell'ala si curva dolcemente fino ad unirsi all'osso della coda tra le due gambe posteriori.

Un ulteriore studio rivela altre due ciotole Siassi Tami con disegni simili a quello che potrebbe rappresentare uno pterosauro, anche se i dettagli sono più stilizzati e meno raffinati di quelli della ciotola Tami di Oceanic Arts Australia. Le seguenti immagini mostrano altri due potenziali disegni di pterosauri.

Ciotola da festa in legno dell'inizio del 20° secolo da Papua Nuova Guinea. (Per gentile concessione del Museo Bowers)
Ciotola da festa in legno dell'inizio del 20° secolo da Papua Nuova Guinea. (Per gentile concessione del Museo Bowers)

Ancora una volta, queste ciotole Tami rivelano creature le cui ali si collegano al corpo all'articolazione dell'osso della coda, una caratteristica non presente negli uccelli moderni. Inoltre, il motivo dell'immagine 3 si confronta in modo inquietante con una scultura in legno indigena (immagini 4 e 5) esposta a Port Moresby e fotografata da David Woetzel durante una spedizione in Papua Nuova Guinea. Questa scultura raffigura una bizzarra creatura con orecchie da lucertola, lingua biforcuta, lungo collo da serpente, un becco poco profondo, ali membranose da pipistrello, protuberanze dermiche che corrono lungo la schiena, piedi palmati e lunga coda.

Vista laterale della statua di Ropen.
Vista laterale della statua di Ropen.

Anche se non può essere provato che la statua Ropen di Port Moresby sia la stessa creatura esposta sulla ciotola da festa Siassi Tami della penisola di Huon, essi condividono caratteristiche anatomiche tra cui ali senza piume e una testa da rettile. La differenza principale è nella coda: il motivo della ciotola Siassi non ha la coda, mentre la statua di Port Moresby ha una lunga coda. Tuttavia, anche questo può essere spiegato dai resoconti dei nativi del Ropen: la maggior parte concorda sul fatto che la creatura ha una lunga coda, mentre alcuni resoconti affermano che non c'era affatto una coda.

Vista frontale della statua di Ropen.
Vista frontale della statua di Ropen.

Se queste storie sono da credere, suggerirebbero due specie presenti sulle isole dell'arcipelago Bismarck, e queste sembrano supportate da opere d'arte native. Potrebbe davvero essere possibile che le opere d'arte native trovate sulle ciotole di Tami forniscano prove dell'esistenza di pterosauri moderni? Mentre non può essere ancora provato, e c'è scetticismo nella comunità scientifica sulle teorie dei dinosauri moderni, offre una possibilità affascinante.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia