Il visitatore interstellare Oumuamua proveniva da un Plutone alieno

 

Una nuova teoria prende un colpo al bizzarro oggetto misterioso del 2017.
Una nuova teoria prende un colpo al bizzarro oggetto misterioso del 2017.

Nel 2017, un punto di strana luce ha attraversato il sistema solare. Tre anni dopo, un team di scienziati sostiene di aver capito cosa fosse.

Quella luce era il primo visitatore interstellare mai rilevato nello spazio solare. Gli scienziati hanno avanzato diverse teorie da quel breve sguardo: Forse era un pezzo di tecnologia aliena scartata. Forse era un coniglietto di polvere cosmica, fatto di idrogeno congelato incredibilmente fragile. Ora, un altro team di ricercatori sostiene di aver risolto il problema di 'Oumuamua: Era un iceberg di azoto, sostengono, staccatosi da un gelido Plutone alieno.

Gli scienziati cercano teorie esotiche per spiegare 'Oumuamua perché non assomigliava a nessuna cometa mai vista prima. Non solo veniva dallo spazio interstellare, ma lampeggiava come un faro. Nessun telescopio ha scattato un'immagine abbastanza decente per rivelare la sua forma, ma quel modello regolare di luce mutevole suggerisce che l'oggetto stava girando ed era largo e piatto come un frisbee o molto lungo e sottile come un sigaro.

Ancora più strano: ha accelerato mentre passava il sole, come se fosse un debole motore a razzo che pompa una sorta di propellente. Anche le comete lo fanno, ma il loro propellente - il vapore acqueo - è visibile ai telescopi. Qualunque cosa stesse spingendo 'Oumuamua non lo era.

Entrambe le precedenti teorie popolari per l'origine di 'Oumuamua erano progettate per spiegare entrambe le caratteristiche del lontano punto lampeggiante.

La teoria della tecnologia aliena, avanzata dall'astrofisico di Harvard Avi Loeb, suggerisce che l'oggetto fosse una vela luminosa - un disco largo, ultrasottile e ultraleggero prodotto da qualche civiltà aliena che ha accelerato a causa della pressione della radiazione solare. La teoria si adatta ai dati, ma altri scienziati hanno sostenuto che saltare ad una spiegazione aliena non è necessario. 'Oumuamua è strano, sì, ma soprattutto perché gli astronomi non l'hanno visto molto bene, hanno scritto i ricercatori nel 2019 sulla rivista Nature.

Oumuamua

La teoria del coniglietto di polvere cosmica propone che l'oggetto fosse più o meno una nuvola a forma di sigaro, gonfia di idrogeno solido e polvere interstellare. L'idrogeno in evaporazione accelererebbe un tale oggetto che passa vicino al sole proprio come il vapore acqueo che si stacca da una cometa convenzionale. Il problema con questa teoria è che non è chiaro se ci sia un posto nell'universo abbastanza freddo da formare un iceberg di idrogeno, o se un tale iceberg sopravviverebbe abbastanza a lungo da raggiungere il sistema solare.

L'idrogeno si congela a pochi gradi sopra lo zero assoluto - qualcosa che non è mai stato visto accadere da nessuna parte nello spazio - e anche la luce lontana delle stelle lontane e il debole bagliore del fondo cosmico a microonde cuocerebbero a morte un blocco di iceberg di idrogeno fluttuante se andasse alla deriva nell'universo per troppo tempo.

Ora, una nuova serie di ricerche sconta entrambe le teorie a favore di una nuova: l'ipotesi dell'iceberg di azoto.

In un paio di articoli pubblicati il 16 marzo nel Journal of Geophysical Research: Planets, due ricercatori dell'Arizona State University sostengono che un iceberg di azoto si adatta ai dati almeno quanto un iceberg di idrogeno: Un tale iceberg potrebbe essere diventato un ampio disco mentre la sua superficie evaporava lentamente durante i suoi viaggi attraverso la galassia, proprio come una saponetta si appiattisce nel corso di molte docce. E, come l'idrogeno, l'azoto che evapora non sarebbe visibile ai telescopi.

Ancora meglio: Gli astronomi hanno effettivamente visto il ghiaccio di azoto formarsi nello spazio. La superficie di Plutone è costellata di pezzi lucidi, che sono stati visti quando la sonda New Horizons della NASA ha volato vicino al pianeta nano nel 2015.

Nel corso del tempo, hanno scritto i ricercatori, le collisioni con altri oggetti distanti del sistema solare hanno probabilmente buttato fuori dalla superficie di Plutone circa trilioni di frammenti di ghiaccio di azoto larghi almeno 50 metri. Circa l'80% di questi frammenti sono stati probabilmente espulsi nello spazio interstellare. Se altri sistemi solari hanno i loro Plutoni, sostengono i ricercatori, è probabile che ci siano molti pezzi interstellari di azoto là fuori. E i calcoli suggeriscono che un disco di azoto solido di poco meno di un campo di calcio di diametro e circa 25 piedi (7,5 metri) di spessore potrebbe rotolare attraverso il sistema solare proprio come ha fatto 'Oumuamua.

"Abbiamo probabilmente risolto il mistero di ciò che è 'Oumuamua", ha detto Steven Desch, un astrofisico dell'Arizona State University e co-autore dei nuovi documenti, in una dichiarazione.

Garrett Levine, un ricercatore di Yale che non è stato coinvolto nella ricerca attuale, ma ha studiato le condizioni necessarie per produrre iceberg di idrogeno, ha detto che il nuovo lavoro è molto convincente ma non ancora definitivo. 

Tra le spiegazioni dell'idrogeno e dell'azoto, ha detto, nessuna è un chiaro vincitore. E gli astronomi non possono risolvere il mistero di 'Oumuamua basandosi solo sulla breve osservazione dell'oggetto interstellare mentre usciva dal sistema solare, che è stata condotta ai limiti assoluti della tecnologia dei telescopi, ha detto Levine.

Naturalmente, gli iceberg all'idrogeno esistono "al limite della fattibilità".

Oumuamua

Ma gli iceberg di azoto presentano i loro problemi. Mentre l'idrogeno è l'elemento più comune nell'universo, l'azoto è molto più raro e il processo descritto per fare gli iceberg di azoto produrrebbe solo una popolazione abbastanza piccola e diffusa di oggetti solitari di azoto che vagano nell'universo.

L'Osservatorio Vera C. Rubin in Cile, che entra in funzione nel 2022, potrebbe risolvere la questione, ha detto Levine. I telescopi attuali non possono identificare e studiare rapidamente oggetti simili a 'Oumuamua. Ma il futuro telescopio è progettato per scansionare vaste fasce di cielo alla ricerca di luci deboli e in movimento e osservarle da vicino. Dovrebbe individuare i visitatori interstellari molto più frequentemente e raccogliere molti più dati su di loro. 

I calcoli di Levine stimano che se gli iceberg di idrogeno fossero prodotti in una nube di polvere interstellare ultrafredda, una decina di oggetti simili a 'Oumuamua entrerebbero nel nostro sistema solare durante il primo decennio di osservazione di Vera Rubin che potrebbero essere visibili al nuovo telescopio. Ma se 'Oumuamua fosse un iceberg di azoto interstellare, ha detto Levinehe, il nuovo telescopio sarebbe fortunato persino a individuarne uno.  

Se ci sono molti 'Oumuamuas là fuori, ha detto Levine, questo è probabilmente un segno che l'ipotesi dell'idrogeno era corretta. Se non ci sono più 'Oumuamuas, tuttavia, questo suggerirebbe che l'iceberg di azoto potrebbe essere una spiegazione migliore, ha detto Levine.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia