Rivelazioni sorprendenti sui leggendari Sciti

 

Rivelazioni sorprendenti sui leggendari Sciti

Una nuova ricerca sullo stile di vita degli Sciti, la cultura nomade che regnava suprema nelle steppe dell'Asia centrale nel primo millennio a.C., sta mettendo in discussione le narrazioni storiche a lungo sostenute su questi antichi popoli. Piuttosto che l'immagine tradizionale degli Sciti come guerrieri nomadi terribilmente feroci, questa ricerca di resti sepolcrali in più luoghi sta dipingendo un quadro di un popolo cooperativo con uno stile di vita agricolo molto più stabile di quanto creduto in precedenza.

Fibbia da cintura scita
Fibbia da cintura scita

Una nuova immagine degli Sciti

Due studi recenti hanno gettato nuova luce sulla storia e gli stili di vita degli Sciti, che durante il loro periodo d'oro, dal 700 a.C. al 200 a.C. circa, erano indiscutibilmente il popolo dominante della regione. La maggior parte della loro popolazione viveva nella steppa pontico-caspica di 384.000 miglia quadrate (994.000 chilometri quadrati), che copriva un'area che andava dal Mar Nero al Mar Caspio.

Resti di sepoltura dalla necropoli di Eleke Sazy nel Kazakistan orientale.
Resti di sepoltura dalla necropoli di Eleke Sazy nel Kazakistan orientale.

Le storie tramandate nel corso della storia ritraggono gli Sciti come guerrieri feroci che terrorizzavano e intimidivano i loro vicini mentre attraversavano il paesaggio a cavallo, brandendo armi superiori e lasciando una scia di distruzione nella loro scia. Ma le ultime ricerche suggeriscono che la verità era molto più complessa. Sembra che i rapporti tra gli Sciti e le altre culture della regione fossero molto più interattivi e cooperativi di quanto si credesse in precedenza. Inoltre, la reputazione degli Sciti come popolo strettamente nomade è solo parzialmente accurata, e nasconde una realtà più complicata che vide alcuni gruppi sciti adottare uno stile di vita agricolo stabile.

Gli scienziati stanno usando i resti della sepoltura per riscrivere la storia degli antichi Sciti.
Gli scienziati stanno usando i resti della sepoltura per riscrivere la storia degli antichi Sciti.

Nomadismo scita e pratiche agricole

In un articolo pubblicato sulla rivista PLOS One, un team di ricercatori guidato dall'antropologa Alicia Ventresca Miller ha eseguito un'analisi isotopica delle ossa e dei denti di 56 individui che sono stati dissotterrati in tre siti di sepoltura sciti in Ucraina centrale e orientale. Gli isotopi di sostanze come lo stronzio, l'azoto e l'ossigeno vengono assorbiti dall'uomo dalle piante e dagli animali che mangia, e tracce di questi isotopi si conservano ovunque si trovino depositi di calcio nel corpo. 


Studiando i rapporti isotopici e calcolando i tassi di decadimento, è possibile fare delle determinazioni sulla dieta di una persona, su dove viveva e persino sulla natura nomade o stanziale del suo stile di vita. Ciò che questo nuovo studio ha rivelato è che gli Sciti non erano così universalmente mobili come si credeva in precedenza. Mentre due dei 56 individui studiati mostravano rapporti isotopici coerenti con un'esistenza nomade, il resto aveva apparentemente vissuto come agricoltori che allevavano bestiame e che coltivavano e consumavano miglio. 


Piuttosto che terrorizzare i loro vicini, sembrerebbe che la maggior parte degli Sciti che risiedevano in quella che oggi è l'Ucraina vivesse accanto a loro pacificamente. "Il nostro studio dimostra livelli complessivamente bassi di mobilità umana nelle vicinanze dei luoghi urbani chiave dell'epoca scita, in contrasto con i precedenti stereotipi di popolazioni altamente nomadi", spiega Ventresca Miller su ScienceAlert. "Mentre la mobilità a lunga distanza aumentava durante l'epoca scita rispetto ai periodi precedenti, era limitata a una piccola percentuale di individui".


"L'epoca scita fu chiaramente un periodo di contraddizioni, con forti prove di complesse interazioni tra agropastorali e pastori che contribuirono all'aggregazione della popolazione nei luoghi urbani", osserva Miller in Michigan News . Questi risultati causeranno inevitabilmente una revisione del consenso accademico su come vivevano effettivamente i leggendari Sciti, così come un altro studio pubblicato su Science Daily condotto da scienziati associati al Max Planck Institute for the Science of Human History di Jena, Germania.

In questa mappa dell'Ucraina e dei suoi dintorni, sono stati segnati i resti scoperti e in analisi.
In questa mappa dell'Ucraina e dei suoi dintorni, sono stati segnati i resti scoperti e in analisi.

La complessità genetica degli Sciti complessi

In questo progetto di ricerca, discusso nella rivista Science Advances, un grande team di genetisti, archeologi e antropologi ha estratto materiale genetico da campioni recuperati di 111 individui che vivevano in Asia centrale nel primo millennio aC e alcuni secoli dopo. Sono stati in grado di identificare alcuni dei resti come appartenenti agli Sciti, sulla base delle pratiche di sepoltura che erano caratteristiche di questa cultura.


Un'intricata analisi del materiale genetico ha rivelato che i nomadi sciti erano entrati per la prima volta nelle steppe dell'Asia durante la transizione dall'età del bronzo all'età del ferro (circa 1.000 a.C. al 700 a.C.) da due località: dalla steppa kazaka e dai monti Urali, o rispettivamente da sud e da est e da nord e da est. Gli Sciti che erano venuti dalla regione kazaka si erano liberamente mescolati (da un punto di vista genetico) con la popolazione locale, che consisteva di pastori dell'età del bronzo che avevano vissuto nella regione per secoli.


Questa commistione genetica dimostra che questi Sciti avevano stabilito quelle che devono essere state relazioni amichevoli con molte delle altre culture che incontrarono. Le culture scitiche che dominavano la regione nella metà del primo secolo a.C. discendevano sia dagli originali migranti sciti che dalle società dell'età del bronzo che avevano occupato l'area pontico-caspica per un periodo molto più lungo. Gli Sciti si spensero nell'oscurità e scomparvero in gran parte dalle steppe dell'Asia nel secondo secolo a.C. In particolare, la stessa analisi genetica che ha trovato prove di una significativa mescolanza genetica al momento dell'arrivo degli Sciti ha anche scoperto la prova di una crescente mescolanza genetica al momento della loro scomparsa. 


Piuttosto che estinguersi attraverso la guerra, sembra che gli Sciti siano stati in gran parte assorbiti e assimilati dalle popolazioni circostanti. Mentre il loro potere politico svaniva, abbandonarono il nomadismo e si stabilirono in uno stile di vita agricolo, perdendo lentamente la loro identità distinta. Chiaramente, gli Sciti non erano solo conquistatori che mantenevano un'identità separata e imponevano la loro volontà ai loro vicini. Entrarono in relazioni reciprocamente vantaggiose con almeno alcune delle culture che incontrarono, e questi contatti influenzarono senza dubbio le società scitiche che rimasero nomadi e quelle che adottarono l'agricoltura come mezzo di sopravvivenza. 

Mappa che mostra le posizioni dei 39 siti archeologici dove sono stati recuperati i 117 individui nella ricerca pubblicata su ScienceAdvances e i cui dati genomici sono stati analizzati e hanno portato alla conclusione che gli Sciti devono aver avuto relazioni amichevoli con le culture che hanno incontrato.
Mappa che mostra le posizioni dei 39 siti archeologici dove sono stati recuperati i 117 individui nella ricerca pubblicata su ScienceAdvances e i cui dati genomici sono stati analizzati e hanno portato alla conclusione che gli Sciti devono aver avuto relazioni amichevoli con le culture che hanno incontrato.

Usare la scienza archeologica per correggere il registro storico

Le rappresentazioni storiche possono essere contaminate da percezioni distorte, sia nel passato che nel presente. Idee imprecise su culture e società possono essere guidate da ordini del giorno opposti (i rivali militari o politici non saranno gentili con i loro nemici), pregiudizi culturali (la sfortunata tendenza delle persone nel passato a etichettare i gruppi migranti come barbari), troppo affidamento su fonti inaffidabili (in questo caso, lo storico greco Erodoto, le cui idee sulle origini scite sembrano essere state basate su voci e leggende), o saltando a conclusioni basate su informazioni limitate (i ritrovamenti archeologici del passato relativi agli Sciti suggerivano che fossero più universalmente bellicosi e nomadi di quanto non fosse in realtà).


Man mano che la scienza dietro l'archeologia e l'analisi storica continua a progredire, sarà più facile per i ricercatori correggere tali errori, o vedere le scoperte reali in un contesto più sfumato.  Le esplorazioni genetiche e biologiche che si basano sulla tecnologia più aggiornata possono aggiungere dettagli scientificamente precisi a immagini parzialmente formate, riempiendo gli spazi vuoti e fornendo prove che sostengono alcune teorie meglio di altre. Sembra che le idee del passato su chi fossero gli Sciti e come vivessero possano aver assunto la natura di un cliché o di una caricatura. 


"È chiaro che se vogliamo scoprire veramente gli Sciti, dobbiamo accettare che la steppa eurasiatica era la patria di una miriade di culture dinamiche e strategie di sussistenza durante l'età del ferro", hanno scritto i ricercatori dietro lo studio isotopico, raggiungendo una conclusione rivista basata sulle loro scoperte illuminanti. La mancanza di un documento scritto dagli stessi Sciti limita ancora la capacità dell'archeologia di capire esattamente chi fossero. Ma questi nuovi studi sul DNA e sugli isotopi hanno contribuito a sollevare il velo sulla vita e gli stili di vita di un popolo la cui storia, il comportamento e l'identità erano probabilmente diversi e complessi, e per molti versi simili alle moderne società pluraliste.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia