Corsica - Rinvenuti scheletri in vasi giganti in una necropoli

Corsica - Rinvenuti scheletri in vasi giganti in una necropoli



Gli archeologi francesi che scavano nel comune di Île-Rousse sull'isola mediterranea della Corsica hanno portato alla luce più di 40 tombe che sono state datate alla metà del primo millennio dopo Cristo. I resti scheletrici di questi individui erano sepolti in un'antica necropoli corsa situata proprio dietro la chiesa parrocchiale del paese. Gli scavi esplorativi che hanno portato alla scoperta della necropoli della Corsica sono stati fatti in previsione di un prossimo progetto di costruzione.

Il personale dell'Istituto Nazionale Francese di Ricerca Archeologica Preventiva (INRAP) è stato inviato nel piccolo villaggio per cercare prove di attività umana passata, in aree che saranno rese inaccessibili nel prossimo futuro.

Le precedenti scoperte archeologiche nella zona intorno a Île-Rousse sono state scarse, quindi le aspettative per questo nuovo progetto non erano alte. Ma la scoperta della necropoli della Corsica suggerisce che c'è molto di più da trovare a Île-Rousse di quanto si sia mai immaginato.

Corsica - Rinvenuti scheletri in vasi giganti in una necropoli


SEPOLTURE IN ANFORA

Dalla fine di febbraio, le ricerche effettuate su due settori sensibili di circa 600m² mostrano che le sepolture hanno una grande diversità nel loro modo di architettura. Le fosse sepolcrali sono scavate direttamente nella roccia. Alcune sepolture sono dotate di materiali in terracotta come le tegole romane con un bordo chiamato tegulae, e coperture di giunture chiamate imbrici, così come le anfore che sono la maggioranza nel sito. Questi ultimi sono infatti utilizzati come ricettacoli per il defunto. La sepoltura in questi grandi contenitori cilindrici è generalmente riservata ai bambini, anche se alcuni adulti ne beneficiano. In questo caso, due anfore sono annidate l'una nell'altra. Il più delle volte sono i frammenti della pancia che servono da coperchio. Queste anfore sono per lo più produzioni africane, che erano le importazioni predominanti in Corsica tra il IV e il VII secolo d.C., soprattutto per contenere vino, olio d'oliva e salamoia da Cartagine (Tunisia).


Nelle tombe scavate non sono stati trovati depositi di offerte che accompagnano i defunti. L'orientamento delle tombe è generalmente est-ovest con le teste dei defunti a ovest. Gli individui sono in uno stato di conservazione medio e richiedono particolare attenzione quando si rimuovono le ossa. La maggior parte delle sepolture ha subito un deterioramento superficiale legato al successivo sviluppo del sito, dalla fondazione della città all'estensione dei bastioni, la creazione di Place Paoli nel 1834 e la costruzione della Chiesa dell'Immacolata Concezione, inaugurata nel 1893, che ha dato luogo a grandi lavori di sterro per riempire il pendio roccioso. È stato possibile determinare la posizione dei corpi e l'età al momento della morte. Lo studio antropologico in laboratorio dovrebbe fornire nuove informazioni su questa popolazione.

Corsica - Rinvenuti scheletri in vasi giganti in una necropoli


Questa inaspettata scoperta di una quarantina di tombe rinnova l'antico passato di Ile Rousse, e più ampiamente della costa occidentale della Corsica. Gli esempi conosciuti di tali sepolture sull'isola sono spesso associati a edifici di culto, come i siti di Mariana o Sant'Amanza. Tuttavia, nessun edificio è stato ancora scoperto, ma la sua esistenza non può essere esclusa nelle immediate vicinanze dell'area di sepoltura interessata dallo scavo archeologico.



Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia