Cyber Polygon - Il WEF simula l'imminente Pandemia Cibernetica

Cyber Polygon - Il WEF simula l'imminente Pandemia Cibernetica

L'8 luglio 2020, il WEF, in collaborazione con il governo russo e le banche globali, ha condotto una simulazione di un cyberattacco su larga scala contro l'industria finanziaria. È stato simulato un evento reale che potrebbe aprire la strada all'"azzeramento" dell'economia globale. La simulazione, soprannominata Cyber Polygon, potrebbe essere stata qualcosa di più di una tipica pianificazione, e presenta somiglianze con l'Evento 201, un evento di simulazione pandemica organizzato dal WEF che ha preceduto la crisi COVID-19.


Nel 2020, la trasmissione online di Cyber Polygon è stata vista da 5 milioni di persone di 57 paesi. All'evento sono intervenuti i principali leader ed esperti mondiali, tra cui Mikhail Mishustin, presidente del governo della Federazione Russa, Klaus Schwab, fondatore e presidente del World Economic Forum, e alti dirigenti di Interpol, ICANN, Visa, IBM, Sber, MTS e altre organizzazioni.


Squadre di 120 organizzazioni di 29 paesi hanno partecipato alla formazione tecnica. Tra di loro c'erano rappresentanti di istituzioni finanziarie, agenzie governative e di polizia, organizzazioni di IT, educazione, medicina, telecomunicazioni, energia, metallurgia, industria chimica, produzione di razzi e altri settori. ( cyberpolygon.com )

Cyber Polygon - Il WEF simula l'imminente Pandemia Cibernetica


Mercoledì 2 febbraio 2021, il WEF, insieme alla russa Sberbank e alla sua filiale di sicurezza informatica BI.ZONE, ha annunciato che il 9 luglio 2021 sarà condotta una nuova simulazione di attacco informatico globale:

L'obiettivo principale di Cyber Polygon è quello di migliorare la sicurezza informatica a tutti i livelli. Tradizionalmente, avrà due tracce parallele: una conferenza online per il grande pubblico e sessioni pratiche per i professionisti della sicurezza.


La conferenza riunirà i relatori per discutere i rischi chiave associati alla digitalizzazione e condividere le migliori pratiche nello sviluppo di ecosistemi sicuri. I partecipanti alla formazione tecnica metteranno in pratica le loro abilità per contrastare un attacco mirato alla catena di approvvigionamento. 


Un messaggio chiave espresso dagli esperti del WEF e di altre piattaforme internazionali è che la sicurezza della catena di approvvigionamento è destinata a diventare un importante problema di cybersecurity nel 2021. La digitalizzazione in continua espansione aumenta l'interconnessione di persone, dispositivi, aziende e paesi. Così, la resilienza dell'intero sistema dipende dalla capacità di ogni anello della catena di resistere a diversi livelli di minacce.


Sul sito web dell'evento, recentemente aggiornato, una simulazione, intitolata "Cyber Polygon 2021", avverte minacciosamente che, date le tendenze di digitalizzazione in gran parte guidate dalla crisi del COVID-19:

"Un solo collegamento vulnerabile è sufficiente per far cadere l'intero sistema come un effetto domino", aggiungendo che "un approccio sicuro allo sviluppo digitale oggi determinerà il futuro dell'umanità per i decenni a venire".


Questo esercizio arriva mesi dopo che il WEF, una "organizzazione internazionale di partenariato pubblico-privato" che conta tra i suoi membri l'élite più ricca del mondo, ha annunciato ufficialmente la sua mossa verso un "Grande Reset" che comporta una transizione coordinata verso una "Quarta Rivoluzione Industriale" di un'economia globale in cui i lavoratori umani sono sempre più irrilevanti. Questa rivoluzione ha precedentemente posto una grande sfida ai membri del WEF e alle organizzazioni associate in termini di cosa accadrà alle masse di persone lasciate senza lavoro dalla crescente automazione e digitalizzazione dei posti di lavoro.


I nuovi sistemi economici basati sul digitale, in collaborazione o gestiti dalle banche centrali, sono una parte fondamentale del Grande Reset del WEF. Tali sistemi saranno parte della risposta al controllo delle masse di nuovi disoccupati. Questi monopoli digitali, non solo i servizi finanziari, permetteranno a coloro che li controllano di "disconnettere" una persona dal denaro e dall'accesso ai servizi se quella persona non rispetta certe leggi, regolamenti e ordinanze. Un primo esempio di questo, la Cina con il suo sistema di "rating sociale".


Il WEF promuove e crea attivamente tali sistemi e recentemente ha iniziato a chiamare il suo modello preferito "capitalismo degli azionisti". Anche se pubblicizzato come una forma più "inclusiva" di capitalismo, il "capitalismo degli azionisti" fonderebbe essenzialmente il settore pubblico e quello privato, creando un sistema molto più simile al fascismo di stile corporativo di Mussolini che a qualsiasi altra cosa:

La dottrina fascista di Benito Mussolini (da lui descritta nel suo libro "La dottrina del fascismo"), portò alla ribalta l'idea di uno stato corporativo (decifriamo la nozione di corporazione: corp oration significa un corpo morto http://terminator-slv.livejournal.com/170293.html) - stato come potere delle corporazioni (e questo è molto importante da capire - il fascismo è il potere delle corporazioni o corpi morti). Mussolini scrisse: "Il fascismo non è solo un sistema di governo, è anche e soprattutto un sistema di pensiero".

 

Tuttavia, per introdurre questo nuovo sistema radicalmente diverso, l'attuale sistema corrotto deve in qualche modo crollare completamente, e la sua sostituzione deve essere venduta con successo alle masse come qualcosa di meglio del suo predecessore. Quando le persone più potenti del mondo, come i membri del WEF, vogliono un cambiamento radicale, le crisi - siano esse guerre, pestilenze o crolli economici - sorgono convenientemente per "resettare" il sistema, spesso accompagnate da un massiccio spostamento di ricchezza verso l'alto, nelle mani di una "élite" già non povera.


Negli ultimi decenni, tali eventi sono stati spesso preceduti da simulazioni, condotte intensamente e rapidamente anche prima che l'evento stesso che dovevano "prevenire" si sia verificato. Esempi recenti includono le elezioni americane del 2020 e COVID-19. Uno di questi, l'Evento 201, è stato ospitato dal WEF nell'ottobre 2019 e ha simulato una nuova pandemia di coronavirus che si sta diffondendo in tutto il mondo e sta causando una grande interruzione dell'economia globale - poche settimane prima che si verificasse il primo evento COVID-19.  Cyber Polygon 2021 è solo l'ultima simulazione di questo tipo sponsorizzata dal World Economic Forum. L'attuale agenda del forum e la sua esperienza passata con le simulazioni "profetiche" richiedono un esame approfondito di questo evento.


Anche se Cyber Polygon 2021 è a pochi mesi di distanza, è stato preceduto da Cyber Polygon 2020, una simulazione simile sponsorizzata dal WEF che ha avuto luogo lo scorso luglio, dove i relatori hanno avvertito di un'imminente "pandemia" mortale di attacchi informatici che avrebbe preso di mira principalmente due settori dell'economia: assistenza sanitaria e finanza. "Cyber Polygon 2020" è stato ufficialmente descritto come "un'esperienza internazionale di apprendimento online per migliorare la resilienza informatica globale". Molte delle più grandi aziende tecnologiche del mondo e le autorità internazionali, da IBM a Interpol, hanno partecipato. C'erano anche molti partecipanti sorprendenti all'evento, alcuni dei quali erano tradizionalmente in contrasto con gli interessi imperiali occidentali.

Per esempio, la persona scelta per aprire l'evento Cyber Polygon 2020 era il primo ministro della Federazione Russa, Mikhail Mishustin, e il suo principale organizzatore era BI.ZONE, una filiale della Sberbank controllata dal governo russo. Questo suggerisce che il tema spesso usato di "hacker russo" sta per finire o sarà presto sostituito da un altro uomo nero più appropriato alla luce delle attuali realtà politiche.


Oltre a Mishustin, all'evento Cyber Polygon 2020 hanno partecipato il direttore esecutivo del WEF Klaus Schwab e l'ex primo ministro britannico Tony Blair. Questo evento dovrebbe essere ripetuto ogni anno ed è molto simile all'evento 201 del 2019. Piuttosto che prepararsi per una potenziale pandemia medica, Cyber Polygon 2020 si concentra sulla preparazione per una "cyberpandemia" che i media mainstream come il New Yorker sostengono "è già iniziata". Data la recente modellazione del WEF, i potenti proprietari di affari miliardari e i banchieri sembrano pronti a usare sia le pandemie fisiche che quelle digitali per riformare le nostre società per soddisfare le loro agende ed i loro interessi.

(Fonte ed autore fingaring)


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia