Bambini Immigrati - Biden li manda nell'ex campo di internamento giapponese

 

Bambini Immigrati - Biden li manda nell'ex campo di internamento giapponese

LOS ANGELES, CA - Il Los Angeles County Fairgrounds, uno dei luoghi in cui i giapponesi americani furono tenuti durante la seconda guerra mondiale, servirà come rifugio di emergenza per i bambini non accompagnati che hanno attraversato il confine con gli Stati Uniti, ha annunciato la contea di Los Angeles.


Hilda Solis, presidente del Los Angeles County Board of Supervisors, ha detto che la decisione è stata presa dopo discussioni con la Casa Bianca di Biden.


L'amministrazione Biden ha contattato le comunità di tutta la nazione per trovare spazio per i bambini senza documenti che vengono detenuti nelle strutture della Border Patrol. Ha anche sollecitato, senza successo, che i dipendenti della NASA andassero al confine per fare volontariato nei campi sovraffollati. Le strutture fanno una vera e propria gara per ottenere questi bambini, il traffico di minori è un grosso giro di soldi negli Stati Uniti.


Conosciuto anche come il Pomona Fairplex, il mega impianto nella città di Pomona è il terzo nella California del Sud a servire in questa funzione.


Nel 1942, mesi dopo l'attacco a Pearl Harbor, il presidente Franklin Roosevelt autorizzò la detenzione dei giapponesi americani, temendo che fossero fedeli all'imperatore del Giappone.


La località di Pomona fu scelta come uno dei campi. Una targa del California Historic Landmark vicino a Fairplex, a circa 1099 West McKinley Avenue, Pomona, commemora l'evento.


Aperto nel maggio 1942, il campo di detenzione aveva 309 baracche, 8 mense e 36 docce e latrine. Raggiunse un picco di popolazione di più di 5.000 persone prima di essere chiuso nel corso dell'anno. La maggior parte degli internati fu trasferita in un altro campo nel Wyoming.


Oggi, il luogo serve come parcheggio del Fairplex. Negli ultimi mesi, ha ospitato uno dei mega siti di vaccinazione Covid-19 della contea di Los Angeles.


"La contea di Los Angeles ha la responsabilità e l'opportunità di occuparsi dei minori non accompagnati che arrivano negli Stati Uniti", ha detto giovedì Solis.


"Questa non è una crisi di confine - ma, invece, è la crisi di tutti".


Long Beach e San Diego si sono entrambe impegnate a convertire i loro centri congressi in rifugi temporanei per i bambini migranti.


Se ti stai fermando all'idea che questa gestione dei minori sia il modo corretto ti consigliamo questo articolo: Il traffico di bambini in America


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia