I cacciatori di alieni dovrebbero cercare artefatti sulla luna

I cacciatori di alieni dovrebbero cercare artefatti sulla luna


 Gli artefatti durano più a lungo dei segnali e possono essere più economici da inviare per le civiltà aliene.


La famosa equazione usata per la ricerca di civiltà aliene ha ora ispirato una nuova formula per la ricerca di manufatti alieni all'interno del nostro sistema solare.

La ricerca di questi manufatti alieni potrebbe iniziare dalla luna e da altri corpi cosmici vicini alla Terra, come risulta da un nuovo studio.

L'equazione di Drake viene utilizzata per stimare il numero di civiltà nella Via Lattea che si può rilevare attraverso i loro segnali di trasmissione - o, più semplicemente, le probabilità di trovare vita intelligente nella nostra galassia. Proposta per la prima volta dal radioastronomo Frank Drake nel 1961, l'equazione calcola il numero di civiltà comunicanti analizzando diverse variabili, come il tasso di formazione di stelle adatte allo sviluppo della vita intelligente e il numero di pianeti, per sistema stellare, con un ambiente adatto alla vita.

Attualmente, praticamente tutti gli esperimenti SETI (ricerca di intelligenza extraterrestre) scrutano il cielo alla ricerca di segnali radio o luminosi. Tuttavia, nel corso degli anni, alcuni ricercatori hanno suggerito che un altro modo, potenzialmente migliore, per trovare prove di vita aliena è quello di non cercare trasmissioni da lontano, ma invece di andare a caccia di quelli che sono essenzialmente messaggi in bottiglia - un approccio SETA (ricerca di artefatti extraterrestri).

Per esempio, nel 2004, i ricercatori hanno suggerito che trasmettere un segnale attraverso il cosmo è costoso e inefficiente. Invece, gli scienziati hanno calcolato che inscrivere messaggi su un pezzo di materia e lanciarlo a potenziali amici di penna extraterrestri richiederebbe circa un trilionesimo di energia.

Un'altra preoccupazione del SETI convenzionale è che le civiltà extraterrestri potrebbero essere già morte da tempo quando gli astronomi rileveranno effettivamente i loro segnali. Al contrario, gli artefatti extraterrestri potrebbero fornire un modo per noi di conoscere direttamente le civiltà aliene, soprattutto se questi artefatti sono dotati di intelligenza artificiale, autore dello studio James Benford, un fisico di Microwave Sciences a Lafayette, California, ha detto a Space.com.

Nel nuovo studio, Benford ha sviluppato una versione dell'equazione di Drake per i manufatti. La nuova formula si è concentrata specificamente su ciò che egli chiama "lurkers" - sonde extraterrestri nascoste e probabilmente robotiche. Anche se le civiltà che hanno schierato questi lurker potrebbero essere morte, i lurker stessi potrebbero essere ancora abbastanza attivi da comunicare con noi.

Una differenza chiave tra una strategia SETA e gli approcci SETI convenzionali "è come essa [SETA] coinvolge attivamente la ricerca di prove invece di osservazioni passive", ha detto Benford. "La comunità SETI nel suo complesso avrebbe bisogno di pensare in un modo nuovo".

Quando Benford ha confrontato la sua formula con l'equazione di Drake, ha suggerito che il potenziale tasso di successo del SETA era competitivo con il SETI convenzionale. Per esempio, se una civiltà aliena ha notato che gli artefatti erano probabilmente una strategia di contatto più conveniente rispetto alle trasmissioni, allora il SETA avrebbe avuto più successo del SETI convenzionale. Tuttavia, se una civiltà aliena fosse molto simile alla nostra in quanto capace di volare nello spazio solo a velocità interplanetarie, allora potrebbe costruire solo fari invece di sonde interstellari, e il SETI convenzionale avrebbe più successo del SETA.

Le civiltà extraterrestri che sono passate vicino al sole potrebbero essere state particolarmente interessate a lanciare sonde nel sistema solare, ha detto Benford. Ha notato che circa due stelle arrivano entro un anno luce dal sistema solare ogni milione di anni, e circa una stella arriva entro 10 anni luce ogni 5.000 anni. Il più recente incontro ravvicinato che il sistema solare ha avuto è stato con la stella di Scholz, che è arrivata a 0,82 anni luce dal sole circa 70.000 anni fa.

"Nella scala temporale di 10.000 anni delle civiltà agricole sulla Terra, circa due stelle si sono avvicinate entro 10 anni luce", ha detto Benford.

Benford ha suggerito di analizzare prima le immagini lunari alla ricerca di segni di sonde extraterrestri. Ha notato che il Lunar Reconnaissance Orbiter della NASA ha scattato circa 2 milioni di foto della luna dal 2009 "con risoluzione fino a circa un piede (0,3 metri)", ha detto Benford. "Si possono vedere le impronte di Neil Armstrong sulla luna in alcune foto, ma solo una manciata di queste immagini sono state ispezionate da occhi umani. Abbiamo bisogno di usare il software AI [intelligenza artificiale] per cercare strutture, per i segni di artificialità, che potrebbero beneficiare le scienze sulla Terra, come l'archeologia."

Benford ha anche suggerito di cercare artefatti alieni situati su altri corpi vicini alla Terra. Questi includono gli oggetti troiani della Terra (corpi situati in punti dello spazio dove la Terra e l'attrazione gravitazionale del sole si bilanciano) e gli oggetti co-orbitali della Terra (quelli che condividono la zona della Terra intorno al sole).

"La Cina sta progettando una missione, ZhengHe, verso uno di questi oggetti co-orbitali, 2016 HO 3, per il lancio nel 2024", ha detto Benford. "Arriverà a 10 volte la distanza della Terra dalla Luna".

Benford non suggerirebbe di cercare sulla Terra stessa. "Se un manufatto è stato qui per molto tempo, è stato soggetto alle intemperie, ai danni, al furto o al decadimento dovuto agli elementi", ha detto Benford. "Nel corso di centinaia o migliaia o milioni di anni, è probabile che non siano davvero scopribili, mentre in un posto come la luna - potrebbero essere ancora lì".

Tutto sommato, "possiamo ottenere una risposta sì-no a parte della domanda SETI cercando nelle vicinanze della Terra, e possiamo farlo con esperimenti, non solo aspettando segnali", ha detto Benford. "SETI chiede: 'Dove sono? Beh, forse sono proprio qui accanto".

Benford ha dettagliato le sue scoperte online il 18 marzo nella rivista Astrobiology. Egli discuterà anche la sua idea con Breakthrough Listen, una ricerca di 100 milioni di dollari e 10 anni per la vita intelligente nell'universo annunciata nel 2015 dal famoso scienziato Stephen Hawking e altri ricercatori.

Originariamente pubblicato su Space.com.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia