Incontro alieno dei Monoliti di Prospect

Incontro alieno dei Monoliti di Prospect


Ci sono innumerevoli presunti incontri alieni là fuori. La gente riferisce di strani incontri con entità enigmatiche da un po' di tempo, e per la maggior parte tendono a propendere verso i comuni "Alieni Grigi" più conosciuti nella cultura popolare, i più animaleschi "Rettiliani" e i biondi "Nordici" dall'aspetto umano, ma le creature descritte in tali incontri hanno davvero spaziato. Di tanto in tanto vengono menzionati alcuni rapporti molto lontani e completamente stravaganti, e uno di questi è certamente il racconto del tizio che fu rapito da monoliti alieni.


Era la sera del 26 gennaio 1977, ed era stata una notte piuttosto buona fino a quel momento per il diciannovenne Lee Parish. Era andato a casa della sua ragazza nella città di Prospect, Kentucky, e quando uscì all'una di notte era di buon umore. È salito in macchina e ha iniziato il suo breve viaggio di ritorno a casa attraverso terreni agricoli e campi a perdita d'occhio. Mentre fissava la strada, le linee di corsia che lampeggiavano ipnoticamente, notò davanti a sé un oggetto molto strano che sembrava librarsi sopra la strada, emanando un bagliore arancione giallastro. Più tardi avrebbe ricordato di aver avuto la sensazione che fosse "apparso dal nulla" perché il paesaggio circostante era totalmente piatto e non l'aveva visto avvicinarsi. Man mano che si avvicinava, poteva vedere che sembrava essere rettangolare, forse 10 metri per 40, ma non poteva distinguere molti dettagli perché era così accecantemente luminoso. Mentre si avvicinava ancora di più, la sua macchina cominciò a sperimentare vari malfunzionamenti elettrici, i suoi fari tremolavano e la radio diventava improvvisamente silenziosa. La sua visione sembrò annebbiarsi e poi l'oggetto si alzò in aria e sparò nella notte a grande velocità. Si sentiva come se stesse per perdere conoscenza, ma riuscì a tornare a casa, dove la sua notte sarebbe diventata ancora più strana.


Non appena entrò nella porta capì che qualcosa non andava. Anche se la casa della sua ragazza era a soli 7 minuti di macchina, era passata inspiegabilmente quasi un'ora. Poi, quando sua madre lo vide, volle sapere cosa fosse successo ai suoi occhi, il che lo spinse a guardarsi allo specchio per vedere che erano estremamente iniettati di sangue, e sentiva anche che erano molto doloranti. Quella notte dormì a malapena, ricordando quella strana imbarcazione rettangolare, il tempo mancante, e diventando sempre più convinto che fossero collegati agli occhi iniettati di sangue. Cominciò a sospettare che qualcosa di molto bizzarro fosse successo su quella strada, e che il suo ricordo di ciò che era successo non fosse tutta la storia. La mattina dopo, raccontò a sua madre quello che era successo, e lei fu molto comprensiva, contattando anche l'ipnotista locale Lawrence Allison, così come due ricercatori UFO di nome Don Elkins e Carla Rueckert. Decisero di provare a mettere Parish sotto ipnosi e vedere che tipo di ricordi potevano tirar fuori, che si sarebbero rivelati forse più strani di quanto nessuno di loro avesse previsto.


Parish sarebbe stato riportato ipnoticamente sulla strada quella sera, spiegando quello che stava succedendo nella sua testa e vedendo la bizzarra imbarcazione rettangolare davanti a sé, ma le cose avrebbero poi preso una brusca deviazione verso il veramente strano. Disse che mentre lo guardava l'oggetto era passato dall'arancione rossastro, al nero, e poi al bianco, così luminoso da fargli male agli occhi, e poi la sua macchina si era sentita come se si stesse librando sul marciapiede. Poi improvvisamente non era più nella sua auto, ma era seduto in un'enorme stanza circolare con pareti incandescenti. Le dimensioni della stanza erano così grandi che stimò che fosse anomalamente più grande dell'oggetto reale che aveva visto, e c'era uno strano movimento di fondo, come se fossero su una barca in mare. La stanza era completamente vuota, tranne tre macchine estremamente stravaganti o creature di qualche tipo. Una era alta circa 6 metri, tutta nera e appariva come un monolito o una pietra tombale, l'unica cosa che rompeva il suo esterno era un singolo braccio senza mani con una sola articolazione. Un'altra era molto più piccola, alta circa 6 piedi, e sembrava un puro cubo bianco luminoso con un altro cubo in cima come "testa" e due braccia ripiegate contro il suo corpo. La terza entità era la più piccola, ed era un quadrato rettangolare rosso con una testa cuneiforme e un solo braccio senza giunture. Parish aveva la netta sensazione che questi fossero esseri senzienti e che quello bianco fosse il loro capo, anche se non era sicuro del perché lo sapesse.

Incontro alieno dei Monoliti di Prospect


Mentre era seduto lì in un misto di meraviglia e paura, quello nero e quello piccolo rosso si avvicinarono a lui, con quello rosso che sembrava nervoso e spaventato da lui. Il gigante nero allungò la mano per toccare il braccio e la schiena di Parish, mandando una sensazione di freddo bruciante attraverso di lui, così come una sensazione di vibrazione che scosse il suo corpo. Anche il piccolo rosso si allungò per toccargli la testa, apparentemente molto diffidente e spaventato, come si potrebbe essere quando si allunga la mano per accarezzare un cane arrabbiato, e il suo tocco produsse una sensazione pungente e tagliente come un ago. Dopo questo, quello rosso fece un passo dietro a quello bianco, forse anche fondendosi con esso, Parish non poteva dirlo, e quello bianco cominciò a produrre un suono sgradevole che sembrava "un suono ritmico di raschiamento". Quando questo suono iniziò, quello nero si allontanò da Parish, dopodiché quello bianco gli fece un passo indietro e il monolito gigante svanì, apparentemente insieme agli altri, lasciando Parish, ora terrorizzato, seduto lì da solo. Ora si sentiva quasi scomodamente caldo, il freddo era sparito per essere sostituito dal calore, e le sue membra erano pesanti come se si stesse muovendo sott'acqua. Poi, in un istante, era di nuovo seduto nella sua auto e l'imbarcazione si stava alzando in aria per sfrecciare via, mentre la radio si riaccendeva. Paragonò la sua apparizione nel veicolo all'essere stato teletrasportato, un minuto prima era stato in quella stanza aliena e quello dopo in macchina.


Quando gli fu chiesto cosa pensava che gli alieni gli avessero fatto, il meglio che riuscì a tirar fuori fu che lo stavano esaminando in qualche modo. I ricercatori UFO erano un po' incerti su cosa pensare di questo racconto surreale, ma fu in qualche modo corroborato quando trovarono un contadino locale che affermò di aver visto una grande luce brillante librarsi sopra i campi proprio la stessa notte in cui Parish aveva avuto la sua esperienza. I ricercatori ritennero inoltre che Parish fosse un giovane semplice che sembrava sincero e non incline a inventare storie, e conclusero che l'avvistamento era degno di considerazione e di ulteriori studi. Rimane da chiedersi cosa sia successo a questo ragazzo e cosa esattamente abbia visto. Cosa erano queste entità e sono mai esistite veramente al di fuori della sua testa? È difficile da dire, ma è uno degli incontri alieni più strani di cui si abbia notizia.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia