Le mascherine sono una bomba pronta ad esplodere

 
Le maschere sono una bomba pronta ad esplodere

STORIA A COLPO D'OCCHIO

  • Si stima che 129 miliardi di maschere per il viso siano usate in tutto il mondo ogni mese, il che significa circa 3 milioni di maschere al minuto
  • Non solo le maschere non vengono riciclate, ma i loro materiali le rendono suscettibili a persistere e accumularsi nell'ambiente
  • Poiché le maschere possono essere fatte direttamente da fibre di plastica microscopiche con uno spessore da 1 mm a 10 mm, possono rilasciare particelle microscopiche nell'ambiente più prontamente - e più velocemente - di oggetti di plastica più grandi, come i sacchetti di plastica
  • I microbi della bocca, noti come commensali orali, entrano spesso nei polmoni, dove sono stati collegati al cancro ai polmoni in fase avanzata; indossare una maschera potrebbe potenzialmente accelerare questo processo
  • La "nuova normalità" del mascheramento diffuso sta colpendo non solo l'ambiente ma anche la salute mentale e fisica degli esseri umani

Il pianeta potrebbe trovarsi di fronte a una nuova crisi della plastica, simile a quella provocata dall'acqua in bottiglia, ma questa volta coinvolgendo le maschere per il viso scartate. Il "mascheramento di massa" continua ad essere raccomandato dalla maggior parte dei gruppi di salute pubblica durante la pandemia di COVID-19, nonostante la ricerca dimostri che le maschere non riducono significativamente l'incidenza dell'infezione.


Di conseguenza, si stima che 129 miliardi di maschere per il viso siano usate in tutto il mondo ogni mese, il che significa circa 3 milioni di maschere al minuto. La maggior parte di queste sono del tipo usa e getta, fatte di microfibre di plastica.


Di dimensioni variabili da cinque millimetri (mm) a lunghezze microscopiche, le microplastiche, che includono le microfibre, vengono ingerite da pesci, plancton e altre forme di vita marina, così come le creature di terra che le consumano (compresi gli esseri umani).


Più di 300 milioni di tonnellate di plastica sono prodotte globalmente ogni anno - e questo prima che indossare le maschere diventasse un'abitudine quotidiana. La maggior parte di essa finisce come rifiuto nell'ambiente, portando i ricercatori della University of Southern Denmark e della Princeton University ad avvertire che le maschere potrebbero diventare rapidamente "il prossimo problema della plastica".


Perché le maschere monouso possono essere ancora peggio delle bottiglie di plastica

La crisi dell'acqua in bottiglia è ormai ben nota come una delle principali fonti di inquinamento ambientale da plastica, ma è destinata ad essere superata da una nuova crisi delle maschere. Mentre circa il 25% delle bottiglie di plastica vengono riciclate, "non c'è una guida ufficiale sul riciclo delle maschere, il che rende più probabile il loro smaltimento come rifiuti solidi", hanno dichiarato i ricercatori. "Con l'aumento dei rapporti sullo smaltimento inappropriato delle maschere, è urgente riconoscere questa potenziale minaccia ambientale. "


Non solo le maschere non vengono riciclate, ma i loro materiali le rendono suscettibili di persistere e accumularsi nell'ambiente. La maggior parte delle maschere monouso contiene tre strati: uno strato esterno in poliestere, uno strato intermedio in polipropilene o polistirene e uno strato interno fatto di materiale assorbente come il cotone.


Il polipropilene è già una delle plastiche più problematiche, poiché è ampiamente prodotto e responsabile di un grande accumulo di rifiuti nell'ambiente, oltre ad essere un noto fattore scatenante dell'asma. Inoltre, i ricercatori hanno notato:

"Una volta nell'ambiente, la maschera è sottoposta alla radiazione solare e al calore, ma la degradazione del polipropilene è ritardata a causa della sua elevata idrofobicità, dell'alto peso molecolare, della mancanza di un gruppo funzionale attivo e della catena continua di unità metileniche ripetitive. Queste proprietà recalcitranti portano alla persistenza e all'accumulo nell'ambiente".


Hanno anche dichiarato che quando le maschere vengono esposte agli agenti atmosferici nell'ambiente, possono generare un gran numero di particelle di polipropilene di micro dimensioni in poche settimane, per poi scomporsi ulteriormente in nanoplastiche di dimensioni inferiori a 1 mm.


Poiché le maschere possono essere fatte direttamente da fibre di plastica di dimensioni microscopiche con uno spessore da 1 mm a 10 mm, possono rilasciare particelle microscopiche nell'ambiente più facilmente - e più velocemente - di articoli di plastica più grandi, come i sacchetti di plastica.


Inoltre, "Tali impatti possono essere peggiorati da una maschera di nuova generazione, le nanomaschere, che utilizzano direttamente fibre di plastica nanometriche (ad esempio, diametro <1 mm) e aggiungono una nuova fonte di inquinamento nanoplastico. " Un rapporto di OceansAsia ha inoltre stimato che 1,56 miliardi di maschere per il viso potrebbero essere entrate negli oceani del mondo nel 2020, sulla base di una stima della produzione globale di 52 miliardi di maschere prodotte quell'anno, e un tasso di perdita del 3%, che è conservativo.


Sulla base di questi dati, e un peso medio di 3 a 4 grammi per una maschera chirurgica monouso in polipropilene, le maschere aggiungerebbero 4.680 a 6.240 tonnellate metriche supplementari di inquinamento plastico all'ambiente marino, che, notano, "impiegheranno fino a 450 anni per decomporsi, trasformandosi lentamente in microplastica mentre impattano negativamente sulla fauna marina e gli ecosistemi. "


Le maschere che entrano negli ambienti marini comportano ulteriori rischi

Le particelle di plastica sono note per percorrere grandi distanze, ponendo immensi rischi praticamente in ogni parte del mondo. Pezzi di plastica piccoli e consumati dalle intemperie - che suggeriscono un lungo viaggio - sono stati trovati in cima alle montagne dei Pirenei nel sud della Francia10 e "nelle zone più settentrionali e più orientali della Groenlandia e dei mari di Barents. "


Definendo l'area della Groenlandia e dei mari di Barents un "vicolo cieco" per i detriti di plastica, i ricercatori hanno ipotizzato che il fondale marino sottostante sarebbe un punto di raccolta per l'accumulo di detriti di plastica. In una ricerca separata, è stato anche rivelato che l'inquinamento da plastica ha raggiunto l'Oceano meridionale che circonda l'Antartide - un'area ritenuta per lo più priva di contaminazione. Secondo lo studio in evidenza:

"Quando non vengono raccolte e gestite correttamente, le maschere possono essere trasportate dalla terraferma negli ambienti marini e d'acqua dolce dal deflusso superficiale, dai flussi fluviali, dalle correnti oceaniche, dal vento e dagli animali (tramite impigliamento o ingestione). La presenza di maschere di rifiuti è stata sempre più segnalata in diversi ambienti e i social media hanno condiviso di fauna selvatica impigliata in cinghie elastiche di maschere."


 Tali plastiche contengono anche contaminanti, come gli idrocarburi policiclici (IPA), che possono essere genotossici (cioè causare danni al DNA che potrebbero portare al cancro), insieme a coloranti, plastificanti e altri additivi legati a ulteriori effetti tossici, tra cui la tossicità riproduttiva, la carcinogenicità e la mutagenicità.


A parte la tossicità chimica, l'ingestione di microplastiche da maschere degradate e altri rifiuti di plastica è anche tossica a causa delle particelle stesse e del potenziale che potrebbero portare microrganismi patogeni.


Un'altra questione di cui si parla raramente è il fatto che quando si indossa una maschera, vengono rilasciate piccole microfibre che possono causare problemi di salute se inalate. Il rischio aumenta quando le maschere vengono riutilizzate. Questo pericolo è stato evidenziato in uno studio sulle prestazioni che sarà pubblicato nel numero di giugno 2021 del Journal of Hazardous Materials.


I ricercatori della Xi'an Jiaotong University hanno anche detto che gli scienziati, i produttori e i regolatori devono valutare l'inalazione dei detriti di microplastica e nanoplastica sparsi dalle maschere - sia monouso che di stoffa - notando:

"... [C]omplaints di irritazione della gola o disagio nel tratto respiratorio da parte dei bambini, gli anziani, o altri individui sensibili dopo aver indossato questi possono essere segni di allarme di quantità eccessive di detriti respirabili inalati da maschere e respiratori fatti da soli."


Nello studio in questione i ricercatori hanno anche invitato la comunità di ricerca ambientale a "muoversi rapidamente per comprendere e mitigare questi rischi", suggerendo di promuovere maschere di stoffa riutilizzabili al posto di quelle usa e getta e di istituire bidoni della spazzatura per le sole maschere per favorire un corretto smaltimento. Tuttavia, un'altra opzione sarebbe quella di allentare o eliminare gli obblighi relativi alle maschere, che potrebbero causare più danni che benefici.


L'uso delle maschere può comportare un rischio per il cancro ai polmoni in fase avanzata

Mentre è noto che il microbiota intestinale influenza il sistema immunitario e il rischio di malattie croniche, si è pensato a lungo che i polmoni fossero sterili. Ora si sa che i microbi della bocca, noti come commensali orali, entrano spesso nei polmoni. Non solo, ma i ricercatori della New York University (NYU) Grossman School of Medicine hanno rivelato che quando questi commensali orali sono "arricchiti" nei polmoni, ciò è associato al cancro.


In particolare, in uno studio su 83 adulti con cancro ai polmoni, quelli con cancro in stadio avanzato avevano più commensali orali nei loro polmoni rispetto a quelli con cancro in stadio iniziale. Quelli con un arricchimento di commensali orali nei loro polmoni avevano anche una minore sopravvivenza e un peggioramento della progressione del tumore.


Mentre lo studio non ha esaminato come l'uso della maschera potrebbe influenzare i commensali orali nei polmoni, hanno notato che "Il microbiota delle vie aeree inferiori, sia in salute che in malattia, è principalmente influenzato dall'aspirazione di secrezioni orali, e i prodotti microbici delle vie aeree inferiori sono in costante interazione con il sistema immunitario dell'ospite. "


Sembra altamente probabile che indossare una maschera acceleri l'accumulo di microbi orali nei polmoni, sollevando così la questione se l'uso della maschera possa essere collegato al cancro ai polmoni in fase avanzata. Il National Institutes of Health ha persino condotto uno studio che ha confermato che quando si indossa una maschera, la maggior parte del vapore acqueo che normalmente si esala rimane nella maschera, si condensa e viene nuovamente inalato.


Sono arrivati al punto di suggerire che indossare una maschera umida e inalare l'aria umida del proprio respiro era una buona cosa, perché avrebbe idratato le vie respiratorie. Ma data la scoperta che inalare i microbi dalla bocca può aumentare il rischio di cancro avanzato, questo difficilmente suona come un beneficio.


Per non parlare del fatto che l'umidità all'interno della maschera permetterà ai batteri patogeni di crescere e moltiplicarsi rapidamente e, poiché la maschera rende più difficile respirare, è probabile che tu respiri più pesantemente, rischiando così di inalare i microbi ancora più in profondità nei tuoi polmoni.


Le maschere stanno danneggiando bambini e adulti

La "nuova normalità" del mascheramento diffuso sta colpendo non solo l'ambiente ma anche la salute mentale e fisica degli esseri umani, compresi i bambini. Si presume in gran parte che le maschere siano "sicure" per i bambini da indossare per lunghi periodi, come durante la scuola, ma nessuna valutazione del rischio è stata effettuata.24 Inoltre, come evidenziato dal primo registro tedesco che registra l'esperienza che i bambini stanno avendo indossando le maschere.


Utilizzando i dati di 25.930 bambini, sono stati riportati 24 problemi di salute associati all'uso delle maschere che rientravano nelle categorie di problemi fisici, psicologici e comportamentali. Hanno registrato sintomi che:

"... includevano irritabilità (60%), mal di testa (53%), difficoltà di concentrazione (50%), meno felicità (49%), riluttanza ad andare a scuola/all'asilo (44%), malessere (42%), difficoltà di apprendimento (38%) e sonnolenza o affaticamento (37%)".


Hanno anche scoperto che il 29,7% ha riferito di sentirsi a corto di fiato, il 26,4% di avere le vertigini e il 17,9% di non volersi muovere o giocare. Altre centinaia di persone hanno sperimentato "respirazione accelerata, stretta al petto, debolezza e compromissione a breve termine della coscienza".


Si sa anche che le microplastiche esistono nella placenta umana, e gli studi sugli animali mostrano che le particelle di plastica inalate passano attraverso la placenta e arrivano al cuore e al cervello dei feti. I feti esposti alle microplastiche hanno anche guadagnato meno peso nell'ultima parte della gravidanza.


"Abbiamo trovato le nanoparticelle di plastica ovunque abbiamo cercato - nei tessuti materni, nella placenta e nei tessuti fetali. Le abbiamo trovate nel cuore, nel cervello, nei polmoni, nel fegato e nei reni del feto", ha detto al Guardian la ricercatrice Phoebe Stapleton della Rutgers University.


Jim Meehan, un oftalmologo e specialista in medicina preventiva che ha eseguito più di 10.000 interventi chirurgici ed è anche un ex redattore della rivista medica Ocular Immunology and Inflammation, ha anche condotto un'analisi scientifica basata sull'evidenza sulle maschere, che mostra che non solo le persone sane non dovrebbero indossare maschere, ma potrebbero essere danneggiate come risultato.


Meehan suggerisce che la nozione di indossare maschere sfida il buon senso comune e la ragione, considerando che la maggior parte della popolazione ha un rischio molto basso o quasi nullo di ammalarsi gravemente a causa del COVID-19.


Aggiungendo l'insulto al danno, il primo studio controllato randomizzato su più di 6.000 individui per valutare l'efficacia delle maschere chirurgiche contro l'infezione da SARS-CoV-2 ha scoperto che le maschere non hanno ridotto in modo statisticamente significativo l'incidenza dell'infezione.


Considerando la mancanza di prove per il loro uso, e i potenziali danni alla salute umana e all'ambiente, non c'è da meravigliarsi che gli appelli alla disobbedienza civile pacifica contro le maschere obbligatorie stiano crescendo. L'organizzazione no-profit statunitense Stand for Health Freedom ha un widget che potete usare per contattare i vostri rappresentanti governativi e fargli sapere che indossare una maschera deve essere una scelta personale.


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia