Orfeo Angelucci lo scienziato che incontrò gli alieni

Orfeo Angelucci: uno scienziato che ebbe un incontro faccia a faccia con gli alieni


Orfeo Angelucci nato nel 1912 era uno scienziato dilettante entusiasta che sosteneva di essere in contatto con gli extraterrestri. Orfeo Angelucci è nato a Trenton, New Jersey, in una famiglia italo-americana della classe operaia.


Aveva una storia di malattie infantili.


Nonostante abbia dovuto lasciare precocemente la scuola a causa della cattiva salute e dei problemi finanziari della famiglia, ha continuato a studiare scienze nel suo tempo libero fino a quando un completo esaurimento fisico lo ha costretto ad abbandonare il lavoro.

Dopo quasi due anni in ospedale, alla fine tornò al lavoro e riprese i suoi esperimenti scientifici amatoriali.


Nel 1946, diversi palloncini sono stati inviati da lui come parte di un esperimento scientifico.

Quello che vide dopo fu un curioso oggetto volante circolare che si librava e manovrava con grazia intorno ai suoi palloncini.


I dischi volanti cominciarono a fare la loro comparsa negli anni successivi, cosa che incuriosì Orfeo Angelucci.

Secondo il suo libro Il segreto dei dischi (1955), Orfeo cominciò a incontrare i dischi volanti e i loro simpatici piloti dalle sembianze umane durante i suoi viaggi di ritorno a casa dall'aereo nel 1952.


Orfeo Angelucci era profondamente affascinato dalla scienza e fece parte di numerosi esperimenti.

Angelucci era particolarmente affascinato da come l'elettricità e i temporali influenzassero gli esseri umani e, sorprendentemente, inviò persino una lettera entusiasta all'allora presidente Franklin Roosevelt sulle sue scoperte.

Fu menzionato da lui nella lettera che la "paralisi di gamma" che vide nei polli era legata alle condizioni statiche atmosferiche e suggerì che questo potrebbe essere rilevante per il trattamento della polio.


Tuttavia, nessuno ha mai risposto alla sua lettera.


Durante un esperimento nel 1946, Angelucci ha cercato di lanciare campioni del fungo, Aspergillis clavatus, nell'atmosfera superiore in un pallone meteorologico fatto in casa.

Sperava di studiare come il fungo fosse cambiato dalle condizioni atmosferiche, ma il pallone si staccò dall'ormeggio e fu perso insieme ai suoi campioni di fungo.


È stato inoltre descritto da lui che ha visto quello che sembrava essere un disco volante librarsi sopra la testa.

Mentre il pallone saliva, il disco volante apparentemente lo seguì fino a quando entrambi furono persi di vista.

È interessante notare che nessuna traccia dei palloni o dei campioni di funghi fu mai trovata.


Dopo aver saputo che in California ci sono meno temporali, Orfeo si trasferì in California.

Tentò anche di scrivere una sceneggiatura su un viaggio sulla Luna, ma anche in questo caso non fu mostrato alcun interesse.


Alla fine ha iniziato a lavorare per la Lockheed Corporation facendo lavori di fabbricazione mentre continuava la sua ricerca scientifica nel suo tempo libero.

Oltre a pubblicare una tesi intitolata "The Nature of Infinite Energies" che descrive le sue teorie su "evoluzione atomica, sospensione e involuzione", scrisse anche diverse lettere a Linus Pauling delineando le sue teorie sulla biologia e sulla causalità nucleare.


Pauling rispose alle sue diverse lettere ringraziandolo educatamente ma aggiungendo che non aveva commenti da fare su queste teorie.


Quando la mania cominciò ad emergere tra la gente riguardo al "disco volante", egli rimase affascinato dai dischi volanti che venivano segnalati.

Il suo personale evento del disco volante avvenne il 23 maggio 1952 dopo aver lasciato lo stabilimento Lockheed la mattina presto (stava facendo il turno di notte).


Dichiarò di aver sentito "sensazioni pungenti" mentre stava guidando verso casa, come se i suoi vecchi problemi medici fossero tornati.

E fu allora che avvistò un "oggetto di forma ovale che brillava di rosso" nel cielo, che decise di seguire.


Fu testimone di due oggetti più piccoli che si staccarono e si avvicinarono alla sua auto su un sentiero deserto di un'autostrada.

Una voce chiara gli disse: "Non aver paura, Orfeo, siamo amici" e gli ordinò di scendere dall'auto.


I due oggetti più piccoli erano apparentemente destinati alla comunicazione.


Una volta che gli alieni gli comunicarono le loro amichevoli intenzioni, essi affermarono inoltre che lo avevano osservato fin dal suo esperimento con i palloncini del 1946.

La voce lo istruì ulteriormente: "Bevi dalla coppa di cristallo che troverai sul parafango della tua auto, Orfeo!"


Egli allungò la mano verso il calice che fu posto sul parafango della sua auto pieno di un liquido.

Angelucci riferì:

"Era la bevanda più deliziosa che avessi mai assaggiato. Mi scolai la coppa. Mentre bevevo, una sensazione di forza e di benessere mi travolse e tutti i miei sintomi spiacevoli svanirono".


E il calice scomparve dopo che ebbe finito di bere e lo rimise sul parafango.

I dischi gemelli si formarono allora in uno schermo luminoso che mostrava due esseri "stranamente familiari", un uomo e una donna.


 "C'era una nobiltà impressionante in loro. I loro occhi erano più grandi e molto più espressivi ed emanavano una radiosità apparente che mi riempiva di meraviglia".


Gli fu inoltre detto dagli alieni che "la strada si aprirà" e che loro tenevano d'occhio la Terra da secoli.

Gli dissero inoltre che era stato scelto per il primo contatto e che i "dischi volanti" erano le loro stesse navi che erano alimentate e controllate attingendo alle "forze magnetiche universali".


Hanno dichiarato che:

"La legge cosmica impedisce a un pianeta di interferire con l'evoluzione di qualsiasi altro pianeta e che la Terra ha bisogno di elaborare il proprio destino".


È stato anche informato dagli alieni che desiderano aiutare la razza umana ad andare avanti.

Forse non sorprendentemente, gli dissero anche che le sue numerose teorie non convenzionali sulla causalità nucleare e sulla biologia erano assolutamente corrette.

Dopo aver promesso di essere di nuovo in contatto, se ne andarono.


In un viaggio successivo, gli fu detto che Cristo era stato un'"entità infinita del sole" che era diventato "carne e sangue ed era entrato nell'inferno dell'ignoranza e del male" a causa della "compassione per la sofferenza del mondo".


Nello stesso viaggio, Angelucci subì un'esperienza di morte e resurrezione dopo la quale sentì le voci dirgli: "Amato amico della terra, noi ti battezziamo ora nella vera luce dei mondi eterni."

Apprese anche che i dischi volanti erano simboli della "prossima resurrezione dei morti viventi" dell'umanità.


Il messaggio era fortemente influenzato dall'epoca degli anni '50.

Gli alieni apparivano stranamente preoccupati per il comunismo che descrivevano come un simbolo dello stato decaduto della terra e qualcosa che l'umanità doveva superare.

Orfeo Angelucci lo scienziato che incontrò gli alieni

Gli alieni avvertirono specificamente che la razza umana stava vivendo in uno stato simile al Purgatorio e che un Grande Armageddon si stava avvicinando a meno che l'umanità non si riformasse.


In un libro successivo, Son of the Sun, Angelucci descrisse in modo più dettagliato i suoi incontri con gli alieni angelici e la natura mistica delle sue esperienze a bordo dei dischi volanti.


È interessante notare che dichiarò anche di aver vissuto per una settimana nel corpo del suo "fratello spaziale" Nettuno su un grande asteroide, mentre il suo corpo abituale andava a lavorare in uno stato di sogno di veglia.

Angelucci pubblicò diversi altri opuscoli che espandevano le sue idee di fratello spaziale e affermò anche di essere in contatto con altre persone che avevano incontrato i suoi stessi alieni.


Orfeo Angelucci rimase parte del movimento dei dischi volanti fino alla sua morte nel 1993, ma ormai era svanito nell'oscurità.

Ha ancora un seguito di culto e i suoi libri, completi di CD audio di lui che descrive le sue esperienze, sono disponibili su Amazon.


Fateci sapere le vostre opinioni nella sezione dei commenti qui sotto.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia